Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Laminatoio a caldo e “giornalismo” a freddo.
Le sorprese della censura talvolta sono anche divertenti. ..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Trieste Verde. A cosa diciamo no!
Dicemmo no alla progettata Centrale a Carbone nel Vallone di Muggia, battaglia vinta..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 96

E domenica 27 giugno a Muggia centro.

» Inviato da valmaura il 14 June, 2021 alle 3:14 pm

Aquilinia dice NO al nuovo Laminatoio a Caldo.
 
Assemblea di stamane ad Aquilinia, stimavano un buon risultato, vista la domenica calda e balneare, la partecipazione di un centinaio di persone, ne sono venute 220, contate una ad una, da noi e dalla Polizia, osiamo ritenere la più partecipata presenza che chiunque oggi possa ottenere.
Un buonissimo risultato in vista del terzo appuntamento informativo, fissato con voto finale all'unanimità, e si da noi si usa decidere e votare assieme, per domenica 27 giugno, sempre con inizio alle ore 11, ai Giardini Europa in via Roma, a Muggia centro.
La terza e determinante Assemblea punta a informare, sensibilizzare e coinvolgere la popolazione residente nel cuore di Muggia e nei borghi limitrofi sull'annunciata costruzione di una acciaieria “Green ma non troppo” alle Noghere e sui dragaggi sui fondali del Vallone di Muggia che sono formati da metri stratificati di fanghi tossici, con tutti i rischi che ne conseguono.
A commento della denuncia depositata in Questura il 3 giugno, Maurizio Fogar ha definito un tradimento della Costituzione, oltre che un assoluto disprezzo dei diritti della comunità che così male rappresentano, la sottoscrizione del Protocollo d'intesa da parte di quattro enti pubblici, due elettivi (Regione e Comune di Muggia) e due di nomina (Consorzio ex Ezit ed Autorità Portuale), in particolare per l'ottavo capitolato "Obblighi di riservatezza", in cui si scrive e sottoscrive che: “Le parti si impegnano a mantenere la riservatezza in merito alla documentazione e agli “atri” (immaginiamo: altri) contenuti derivanti dall'attuazione del presente Protocollo d'Intesa, adottando le cautele e le misure di sicurezza necessarie al fine di mantenere riservate le informazioni”.
E cosa per lo meno originale in un documento di tale fatta nel Settimo Capitolato si scrive e sottoscrive al comma i) che tra gli obblighi delle parti sottoscriventi c'è quello di: “Agire in buona fede”. Che più di un accordo tra enti pubblici e giuridici trasmette l'impressione di un contratto tra briganti nella Taverna Frà Diavolo, con un elevato tasso alcolemico.
Per darvi un'idea del clima di stamane, il Comitato Noghere, che assieme al Circolo Miani organizza l'iniziativa, è passato da 8 a 56 componenti, con le persone in fila per aderire al gruppo promotore, e ad offrirsi per le attività di pubblicizzazione e distribuzione dei 4000 nuovi volantini informativi per l'Assemblea di Muggia.
Si, decisamente un buon clima ed un'aria del tutto diversa da quella stagnante ed asfittica che si respira nell'attuale politica.
E soprattutto si vuole riaffermare il principio che sarà il Comitato ad essere il principale interlocutore della comunità nei confronti dei proponenti questo ed altri progetti consimili, come appunto titolavamo giorni addietro: “Mai fare i conti senza l'oste”.



Trieste, perchè si abbattono alberi?

» Inviato da valmaura il 12 June, 2021 alle 11:08 am

Giovanni Falcone sosteneva che per arrivare a capo degli affari “sporchi” bisognava inseguire la pista del denaro, o come diceva lui “seguire i piccioli”.
A Trieste cambia il contesto, ovvero la presenza di una criminalità organizzata di tipo mafioso, ma la questione non cambia.
Che senso ha, ad esempio, continuare la cementificazione di un territorio così piccolo e fortemente caratterizzato morfologicamente tra Carso e Mare, costruendo nuove abitazioni quando in città ci sono tra edilizia pubblica, convenzionata e privata oltre 15.000 tra appartamenti, case ed immobili sfitti e spesso abbandonati, ed a fronte di una costante perdita di abitanti nella media tra 1.500 e le 2000 unità all'anno?
Una amministrazione pubblica attenta, non importa il colore, punterebbe subito sulle agevolazioni governative dei superbonus nell'edilizia per avviare una immediata campagna di risanamento e ristrutturazione edilizia, incentivando i privati a fare lo stesso per rimettere in circolo questa miniera di spazi inutilizzata e che da sola basterebbe ad ospitare una popolazione doppia a quella attuale del Comune di Muggia.
Idem dicasi per il verde pubblico e privato.
A che serve avere uno dei migliori Regolamenti del Verde, che sottopone a controllo ed autorizzazione anche gli interventi dei privati, se questo rimane disatteso e lettera morta?
Che senso ha sollecitare riconoscimenti di “Città Fiorita” se poi giardini pubblici ed aree verdi sono da anni abbandonati al più totale degrado?
Che senso ha fare dibattiti sull'emergenza clima che anche i ciechi hanno capito che da almeno due decenni investe pesantemente anche Trieste, intesa come provincia, se poi non pratico il rimboschimento del territorio ed anzi massacro centinaia e centinaia di alberi all'anno, e violo per di più due leggi dello Stato che impongono ai comuni sopra i 15.000 residenti di piantare un albero entro sei mesi dalla registrazione all'anagrafe dei nuovi nati?
La questione si riduce in tutti questi campi, come raggiunge l'apice nell'appaltare all'esterno a ditte e cooperative private gran parte dei servizi prima svolti direttamente dai dipendenti comunali, con conseguente sfruttamento e precariato dei lavoratori, alla politica di “far girare i soldi” ovvero trasferire il denaro pubblico ai privati anche per lavori od iniziative francamente inutili e non necessari.
Gli abbattimenti a raffica degli alberi, spesso ma non sempre, motivati da “perizie” le cui schede contengono invece sempre una o tre parole: “deperito” oppure “a rischio caduta”, perizie affidate agli “esperti” forniti dalle ditte esterne incaricate dei tagli, ne sono la plastica conferma.
Oltre al fatto che abbattere un albero di alto fusto, estrarne la ceppaia ed eventualmente, assai eventualmente, piantarne uno giovane costa quattro o cinque volte di più che metterlo in sicurezza o curarlo, tutte cose che riescono quando applicate a risolvere la situazione in nove casi su dieci. Eppoi dovere riabbattere le nuove piantumazioni in considerevole percentuale perchè non manutenute e curate rinsecchiscono nella spazio di una stagione. Oltre alla considerazione che una nuova pianta prima di raggiungere i benefici effetti sull'ambiente prodotti da un albero adulto ci mette perlomeno 20/30 anni.
Dunque perchè? Sempre e solo per soldi?
Ed ancora che senso ha favorire l'installo di impianti industriali mastodontici che si basano nel ciclo produttivo sulle emissioni di Co2, Anidride Carbonica, che è la prima responsabile dell'innalzamento delle temperature del Pianeta, in terra e mare, e poi pavoneggiarsi nell'impegno parolaio sulla “decarbonizzazione” e sull'emergenza clima?
Per invertire la rotta esiste in democrazia un solo modo, entrare in Comune e gestirlo in maniera completamente diversa, ma per farlo occorre il consenso elettorale dei cittadini, oltre alla loro disponibilità a candidarsi, ad impegnarsi sul territorio non solo ogni cinque anni.
D'altronde non esistono altre scelte, soprattutto quando è in gioco la nostra vita e la nostra salute.
Pensateci, ma seriamente ed in fretta, che il tempo che ci rimane non è molto.
Trieste Verde.



Una buona notizia.

» Inviato da valmaura il 12 June, 2021 alle 11:07 am

Annaspa nelle secche finanziarie quella ciofeca del Parco del Mare, benedetto da tutti i politici e dalle lobbies economiche parassitarie.
Un Parco virtuale itinerante che da 17 anni rispunta come un torrente carsico nei punti più svariati del nostro territorio (dal Terrapieno di Barcola, chiuso per inquinamento, all'area ex Magazzino Vini, con virata su Porto Vecchio, al Mercato ortofrutticolo ed ora alla Lanterna), forse piazzarlo in un caravan con quattro vasche di pesci rossi sarebbe la soluzione più indolore.
Fin dall'inizio (2005) il Circolo Miani giudicò l'idea strampalata, economicamente non sostenibile, e soprattutto la negazione di un nuovo modo di affacciarsi alla conoscenza del mondo che sta sotto il mare e che non passa attraverso la detenzione forzata di essere viventi.
Per catturare i pesci ad esempio, viste le pochissime specie che si riproducono in cattività, i metodi sono quelli di ucciderne cento per prenderne cinque spruzzando i banchi sotto acqua con un gas paralizzante che ne fa strage.
Dunque che la riqualificazione dell'area attorno alla Lanterna debba passare per una struttura superata, ambientalmente negativa, e non sostenibile economicamente è idea strampalata che solo a questi boiardi della politica locale poteva venire in mente. E siccome ragionano, da perfetti incapaci, come dei paracarri in pietra si aggrappano a questa soluzione senza minimamente esaminare alternative diverse che pure ci sono anche a Trieste da anni, vedi l'oasi marina di Miramare curata dal WWF nazionale, un modello preso ad esempio da tutta Italia.
Bene così che lo slittamento annuale dei tempi permetterà a Trieste Verde di far mutare posizione al Comune di Trieste, con i suoi eletti in Consiglio Comunale, sempre che ovviamente i cittadini elettori lo consentano.



Incontro pubblico di Trieste Verde. Con passeggiata sotto l'Auditorium negato.

» Inviato da valmaura il 11 June, 2021 alle 11:11 am

Sabato 12 giugno alle ore 11, nella sede (g.c.) del Circolo Miani, a Trieste in via Valmaura 77, verranno illustrate da Trieste Verde e Circolo Miani le due denunce presentate alla Procura della Repubblica, per la prima in ordine di tempo, quella nei confronti di Asugi per l'Auditorium negato di Valmaura è stato già aperto un fascicolo di indagine, dal Circolo Miani nei confronti rispettivamente dei vertici Asugi per aver alienato l'Auditorium pubblico di via Valmaura, murandone gli ingressi, e quella posteriore temporalmente nei confronti dei quattro enti pubblici firmatari e sottoscrittori del Protocollo d'Intesa sul Progetto della nuova Acciaieria alle Noghere: Regione Friuli Venezia Giulia, Comune di Muggia, Consorzio Zona Industriale (ex Ezit) e Autorità Portuale, nelle figure dei loro rappresentanti e dei componenti di Giunte o Consigli di Amministrazione che abbiano votato la delibera di sottoscrizione.
In attesa della partecipazione all'Assemblea promossa da Comitato Noghere e Circolo Miani, per il giorno successivo, domenica 13 giugno, con inizio alle ore 11, nella piazza di Aquilinia per sentire le opinioni dei residenti dei Comuni di Muggia, San Dorligo e Trieste coinvolti dal progetto della nuova Acciaieria “green ma non troppo” alle Noghere e dalla questione dei dragaggi annunciati più volte ed almeno in tre punti diversi del vallone di Muggia.



Ferriera, una sviolinata di 15 minuti a favore di Arvedi.

» Inviato da valmaura il 11 June, 2021 alle 11:09 am

In un video di 15 minuti di intervista a Caldonazzo, il nipote di Arvedi, l'ex per fortuna di Trieste direttore del Piccolo decanta i meriti per la scelta “green” della nuova Ferriera, che allo stato attuale di nuovo ha picca e nulla.
Non finiti gli abbattimenti nell'ex area a caldo, più della metà resta da ultimare e quelli fatti sono stati disastrosi per i nuvoloni di polveri inquinate e per vibrazioni e fragori, per ora operano il Laminatoio, costruito nel 1949 negli USA ed usato lì fino al fallimento dell'industria che lo adoperava, e che per quanto sappiamo funziona con forni di riscaldamento, dunque è una produzione “a caldo” contrariamente alla solfa del “a freddo”. La banchina portuale dello stabilimento sempre gestita dal Gruppo Arvedi attraverso Siderurgica Triestina, controllata Acciaierie Arvedi ora nominata Logistica, e la Centrale di Cogenerazione che una volta funzionava con i gas di risulta, non i fumi come erroneamente detto nell'intervista, di Altoforno e Cokeria, misti a Gas Metano, che nell'intervista mai viene menzionato ma ingentilito con il termine di Gas “Naturale”. E che ora finiti i lavori di adeguamento funzionerà invece solo a Gas Metano, pardon “Naturale”.
Si continua a riportare la versione farlocca che “la chiusura dell'area a caldo decisa dalle istituzioni locali, e relativa eliminazione della ghisa, ha costretto a ripensare il modello produttivo”.
Quando invece la verità è altra e semplice, che se era per le “istituzioni locali” che fino all'ultimo hanno certificato e rimarcato pubblicamente, come Caldonazzo nell'intervista, e giustamente per lui, ripete almeno quattro volte, che tutte le emissioni della Ferriera rientravano ampiamente nei limiti previsti dalla legge (!), lo stabilimento rimaneva così com'era per altri decenni.
La verità era ed è che il Cavalier Arvedi aveva deciso da bell'inizio di arrivare ad una chiusura della produzione di Carbon Coke e Ghisa nel modo e nel tempo più vantaggiosi per lui, o forse si dimentica quanto pubblicato a partire dal 2014, data di arrivo di Arvedi a Trieste, quando lo stesso Cavaliere dichiarava alla stampa “Se la Cokeria è un problema la chiudiamo” e via di questo passo.
In quanto alla produzione della Ghisa, e di conseguenza del Coke, è utile riprendere quanto scritto nella Perizia della Procura in data 25 settembre 2013, cioè pochi mesi prima dal subentro di Arvedi, dal professor Boscolo, consulente della Procura, che riporta le dichiarazioni rese dall'allora Direttore della Ferriera, Giuseppe Bonacina, di proprietà della fallenda Lucchini Italia, Gruppo Severstal (Russo): “di come il mandato conferitogli nell'assegnargli la Direzione dello stabilimento nel 2012 fosse quello di chiudere l'attività produttiva che a tutt'oggi (settembre 2013) risulta in perdita (TRE MILIONI DI EURO al MESE)”.
Perdita che rimase anche nel successivo periodo di gestione di Siderurgica Triestina che nei bilanci metteva in preventivo una perdita di UN MILIONE al mese, importo ridotto grazie alla contabilizzazione dei bilanci: e lo si capisce bene che ad acquistare la ghisa era la stessa proprietà Acciaierie Arvedi.
Dunque il cavalier Arvedi dopo tutti i vantaggi ottenuti per ricevere di fatto in regalo la Ferriera dal curatore fallimentare della Lucchini, fresco di recente condanna in primo grado ad otto anni e sei mesi inflittagli dal Tribunale di Taranto per le sue responsabilità di quando era direttore dell'Ilva per la morte di una decina di lavoratori, ma ciononostante sempre Commissario del Governo Monti-Passera, immaginiamo la gioia dei giudici del Tribunale fallimentare di Brescia costretti a trattare con lui.
Dunque Arvedi in arrivo oltre ad incassare 58 milioni, di cui 22 crediti dello Stato passatigli gentilmente, più i benefici economici dell'esser stata la Ferriera inserita nel Decreto “Crisi Complesse” dal Governo, che poneva il vincolo del proseguimento della produzione in essere per almeno cinque anni (dunque 2014 più cinque fà 2019: i numeri tornano perfettamente), più il fido di 100 milioni concessogli dalla Banca Europea di Investimenti, oggi andandosene ne incassa altri 78 di milioni più la rinuncia a pagare il canone demaniale (Un milione200mila allo Stato) di affitto annuo dell'area oggi occupata dal Laminatoio, ed ulteriori investimenti previsti dal Governo.
Non male per una scelta, una decisione assunta solo da lui, cavalier Arvedi, e non “decisa dalle istituzioni locali”, che anzi sono stati l'alibi politico dal cavaliere cremonese usato con sagacia e tempismo perfetto.
Se questo è stato il passato sulla Ferriera che ci riserva il futuro per la nuova Acciaieria “sempre green ma non troppo” alle Noghere?
Poi se volete starvene a casa e non partecipare, cosa che raccomandiamo invece vivamente ai politici di ogni colore, all'Assemblea di Domenica 13 giugno, alle ore 11, nella Piazza di Aquilinia (dinanzi Farmacia) fate un po' voi.
Circolo Miani e Trieste Verde.




« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95 • Pagina 96 • Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Pagina 260Pagina 261Pagina 262Pagina 263Pagina 264Pagina 265Pagina 266Pagina 267Pagina 268Pagina 269Pagina 270Pagina 271Pagina 272Pagina 273Pagina 274Pagina 275Pagina 276Pagina 277Pagina 278Pagina 279Pagina 280Pagina 281Pagina 282Pagina 283Pagina 284Pagina 285Pagina 286Pagina 287Pagina 288Pagina 289Pagina 290Pagina 291Pagina 292Pagina 293Pagina 294Pagina 295Pagina 296Pagina 297Pagina 298Pagina 299Pagina 300Pagina 301Pagina 302Pagina 303Pagina 304Pagina 305Pagina 306Pagina 307Pagina 308Pagina 309Pagina 310Pagina 311Pagina 312Pagina 313Pagina 314Pagina 315Pagina 316Pagina 317Pagina 318Pagina 319Pagina 320Pagina 321Pagina 322Pagina 323Pagina 324Pagina 325Pagina 326Pagina 327Pagina 328Pagina 329Pagina 330Pagina 331Pagina 332Pagina 333Pagina 334Pagina 335Pagina 336Pagina 337Pagina 338Pagina 339Pagina 340Pagina 341Pagina 342Pagina 343Pagina 344Pagina 345Pagina 346Pagina 347Pagina 348Pagina 349Pagina 350Pagina 351Pagina 352Pagina 353Pagina 354Pagina 355Pagina 356Pagina 357Pagina 358Pagina 359Pagina 360Pagina 361Pagina 362Pagina 363Pagina 364Pagina 365Pagina 366Pagina 367Pagina 368Pagina 369Pagina 370Pagina 371Pagina 372Pagina 373Pagina 374Pagina 375Pagina 376Pagina 377Pagina 378Pagina 379Pagina 380Pagina 381Pagina 382Pagina 383Pagina 384Pagina 385Pagina 386Pagina 387Pagina 388Pagina 389Pagina 390Pagina 391Pagina 392Pagina 393Pagina 394Pagina 395Pagina 396Pagina 397Pagina 398Pagina 399Pagina 400Pagina 401Pagina 402Pagina 403Pagina 404Pagina 405Pagina 406Pagina 407Pagina 408Pagina 409Pagina 410Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 8 August, 2022 - 8:54 am - Visitatori Totali Nr.