Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Il senso di DiPi per le statue.
Il Vate con vista sui cassonetti delle scovazze.Alice al Depuratore fognario cittadino.E quella di Ressel prossima ventura all'Inceneritore di via Errera?..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Buon Anno Vecchio da Ater e Acegas.
Niente di nuovo porta il 2020 agli inquilini dei casermoni Ater, almeno i 1500 circa che abitano nel “Serpentone” di via Valmaura. Da un mese circa, grazie al contributo complice del Servizio Rimozioni (mancate) Acegas-Aps..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 1

Servola e Gretta. Salvare gli uffici postali per salvare i rioni.

» Inviato da valmaura il 19 January, 2020 alle 12:28 pm

Lunedì 20 gennaio, cioè domani, alle ore 11 manifestazione davanti alla direzione provinciale delle Poste, nell'orrida, dopo il rifacimento, piazza Vittorio Veneto.

Lo ha deciso una assemblea di cittadini tenutasi a Servola su iniziativa del Sindacato Pensionati della CGIL e del locale Circolo Arci.

Come Circolo Miani, che dal 2000 è impegnato contro il degrado dei nostri quartieri e che ha patrocinato la nascita di Comitati in tutta la città e Muggia, non possiamo che fare nostro l'invito ai nostri concittadini ad essere presenti.

Anche perchè proprio nella Settima Circoscrizione con la consigliera di NO Ferriera SI Trieste ci siamo sempre distinti per gli interventi tesi al Rinascimento delle periferie.

Aurora Marconi è stata l'eletta che in questi tre anni e mezzo ha presentato le mozioni e le interrogazioni, rimaste molto spesso inevase dall'amministrazione comunale, più significative ed importanti per la soluzione dei problemi non solo della vasta porzione di territorio che va da Aquilinia, Altura, Borgo San Sergio, San Sabba, Monte San Pantaleone, Valmaura, Servola e gran parte di Chiarbola, ma anche dell'intera città.

A dimostrazione, la sua, che anche in queste sostanzialmente inutili Circoscrizioni, ridotte dal centralismo politico ad un simulacro che ha visto svuotarsi negli anni la funzione originaria, volendo qualcosa si può comunque fare.

Anche in una Circoscrizione, la Settima, che poi ci ha messo del suo: ridotta a 19 componenti e che in questi ultimi tempi ha visto ben 12 eletti dimettersi o cambiare casacca, mutuando il peggior trasformismo di questa politica e mancando all'impegno sottoscritto con gli elettori.




Parco del Mare. Il “Trio Lescano” colpisce ancora!

» Inviato da valmaura il 18 January, 2020 alle 1:25 pm

Ad onta somma del ridicolo e a due anni esatti dall’annuncio in pompa assai minimale dell’avvio del “cantiere” entro pochi mesi, ricompaiono i “Tre dell’Ave Maria” (ci scuserà Porro) a riannunciare sempre la stessa cosa.
Ovvero che sta farsa itinerante ventennale del Parco del Mare sempre lì in Sacchetta spunterà.
Rimane solo irrisolto, oltre alla mancanza di fondi aggravatasi dopo il ritiro della Fondazione CRT, il problemi
no del vincolo urbanistico posto dal Ministero per i Beni Culturali a tutela della storica Lanterna. Vincolo tra l’altro di cui i tre pellegrini ignoravano l’esistenza, a dimostrazione che come amministratori del nostro territorio sono competenti come Sissi e Biribissi.
E certamente gli epiteti meno che cortesi da poco rivolti pubblicamente dal podestà al Ministero per altra faccenda non incoraggiano loro a ben sperare.
Ora se il presidente a vita per meriti enogastronomici della Camera di Commercio ed altre sigle ha soldi da buttare che tiene inspiegabilmente fermi da anni in cassa, li utilizzi magari per rivitalizzare le attività commerciali nei quartieri, contribuendo finalmente a fare qualcosa di utile a favore della città.




Taglio alberi e cementificazioni.

» Inviato da valmaura il 17 January, 2020 alle 1:07 pm

Ma cosa ci stanno a fare i politici in Consiglio comunale se non una voce che è una si leva contro il crescente degrado dei polmoni verdi di Trieste?
Ma si vanno almeno a guardare le carte?
Passeggiano per i giardini di Trieste, a partire da quello di piazza Carlo Alberto, in completo abbandono e preda di costanti incurie?
Vero è che la follia umana e la corsa verso l'autodistruzione della nostra Terra non ha limiti, ma creperanno anche loro come tutti gli altri, o forse pensano che una immunità politica li salverà?
Non sappiamo se questa dissennata azione abbia una regia politica od economica, o peggio ancora faccia parte di un disegno internazionale per favorire gli interessi di chi controlla il mercato internazionale del nuovo 5G.
O sia piuttosto frutto dell'ignoranza e dell'assodata incapacità di chi ha chiesto voti e soldi per (dis)amministrare la nostra città.
Non pretendiamo che facciano come Céline Fremault, ministro dell’Ambiente della regione di Bruxelles che ha bloccato l'installo del 5G nella capitale Belga, prima di avere una approfondita indagine degli effetti sulla salute e sull'ambiente che questa nuova tecnologia provoca.
O come in Italia stanno facendo diversi Sindaci, ma almeno si diano una mossa!
Comunque pubblichiamo un video che pone alcune riflessioni, le immagini sono per forti di cuore e stomaco: gli altri si prendano un po' di Valeriana e tanto Maalox prima di visionarlo.
https://www.youtube.com/watch?v=17pohG0Z0Q0&t=11s


Alberi da abbattere a San Giusto.

» Inviato da valmaura il 16 January, 2020 alle 2:30 pm

Ci siamo andati a leggere le schede “peritali” corredate di una foto che giustificherebbero la decisione di abbattere i 18 alberi.
Interessanti nevvero.
Cominciamo: tutte le piante sono dichiarate VIVE.
Dodici hanno una età stimata di 72 anni, tre di 62, e tre di 42 anni.
Quattordici sono Cedri: 3 dell'Atlante e 11 dell'Himalaya.
Quattro sono Cipressi: 2 dell'Arizona e 2 Comuni.
In sette schede non c'è l'analisi dello stato della pianta (Indice Salute) che motiva la decisione di abbatterla. Mentre nelle altre undici compare la sola parola “deperito”.
Non credo abbisognino di molti commenti. Ci si permetta solo una considerazione: non ci sarà agronomo o botanico al mondo, che non abbia comperato la laurea in qualche università ciofeca, che non sosterrà che il primo obbligo nei confronti di un albero giudicato sbrigativamente “deperito”, e senza specifica di presenza di eventuali malattie come in questi casi, è quello di intervenire non con l'abbattimento ma con una opportuna cura o manutenzione di sostegno.
Come benissimo illustrato dal dott. Andrea Maroè, per diversi anni direttore del Verde Pubblico al Comune di Udine, a Superquark con Piero Angela ed in decine di conferenze nelle Università europee ed americane, uno dei massimi esperti planetari nella cura e manutenzione degli alberi.
Una sola battuta. Pensate un po' se lo stesso metro di giudizio fosse parimenti riservato alle persone giudicate dai medici “deperite”. Per una anemia si finisce a prendere il piombo di un plotone di esecuzione. Ottima cura !
Detto questo lasciamo la parola, anzi lo scritto, ad un commento inviatoci da un nostro lettore che ringraziamo per la sua collaborazione.
"Io abito in zona e ogni giorno passeggio col cane in quel di S, Giusto: purtroppo negli ultimi 3-4 anni è salito esponenzialmente il numero di alberi abbattuti per "ragioni di sicurezza", salvo poi constatare dai ceppi che gli alberi erano sani ed erano stati tagliati senza motivo. Spesso ho discusso con i "tecnici" che sul luogo facevano le loro perizie, per constare che venivano dal Piemonte o ancora da più lontano (evidentemente gli appalti oggi funzionano così, oppure a Trieste non abbiamo nessuno in grado di valutare se un albero sia sano o meno, che vi devo dire).
Qualche anno fa mandammo una e-mail al responsabile del verde pubblico (se non ricordo male tale Panepinto) riguardo all'abbattimento di una serie di acacie 20 metri sopra la Tor Cucherna.
Anche in quel caso la risposta fu che erano a rischio caduta e che sarebbero state sostituite da nuove piante; superfluo dire che di nuove piante non se ne sono viste e ora la zona è invasa dai rovi delle radici delle acacie stesse fra cui spuntano sacchi di immondizia.
Quindi neanche la decenza di mantenere il luogo in ordine e pulito.
Solo quest'anno 3 alberi sono stati abbattuti nel giardino/parco giochi di fronte all'asilo sotto via Capitolina; alberi “vecchi”, frondosi e “pericolosi” solo nei loro sogni più cupi.
Il massacro purtroppo si perpetra ad ogni primavera, con le selvagge potature a fare da compagnia. Poi altri abbattimenti sotto via di Caboro, appena sopra la scuola ebraica, proprio sotto la postazione per gli agenti dell'ordine pubblico che la tengono sotto controllo ogni giorno, e altri ancora nel Parco della Rimembranza, sopra al monumento ai caduti nelle foibe.
Inutile ripeterlo: non un SINGOLO albero nuovo piantato.”
Nella foto una delle schede “peritali” prive dell'Indice salute.

https://www.facebook.com/circolomiani/photos/a.1497907753813521/2673837352887216/?type=3&theater




Abbattiamo questi politici e non gli alberi!

» Inviato da valmaura il 15 January, 2020 alle 12:20 pm

Di oggi la notizia che 18 alberi centenari, monumentali, verranno abbattuti dal Comune di Trieste a San Giusto, e non perchè “malati” ma in quanto “a rischio caduta” secondo quanto pubblica la stampa, ma sostanzialmente per permettere il “restyling” dell'intera area del parco della Rimembranza. Attenzione gli alberi verranno abbattuti subito mentre i lavori non hanno data di inizio perchè il progetto di fatto non è ancora esecutivo e non si sa in che anno partirà.

Ora abbattere alberi perchè “a rischio caduta” non vuol dire tecnicamente nulla. Tutti gli alberi sono a “rischio caduta” e se questi hanno retto benissimo ai venti di decine di anni i tecnici, periti del Comune DEVONO illustrare dettagliatamente all'opinione pubblica perchè di colpo ora scoprono questo rischio.

Oltretutto ci sono leggi chiarissime (europee, italiane, regionali e financo il Regolamento del Verde Pubblico del Comune di Trieste) che IMPONGONO in caso di lavori la tutela assoluta degli alberi d'alto fusto presenti nella zona interessata dai lavori. Ma pretenderne il rispetto a Trieste pare impossibile: vedi il caso della dozzina di sani platani segati in piazza Libertà. Tantomeno attendersi interventi delle autorità (?) di controllo preposte per legge.

Non sappiamo se riusciremo ad evitare questa nuova strage di alberi, e se ne piantumeranno di nuovi: forse tra trenta-quaranta anni ne vedremo i benefici guardandoli dal lato radici.

Parlano anche di ingenti potature dei rimasti, e conoscendone il metodo praticato da anni a Trieste ci sale un groppo in gola.

Questo deve essere un ben triste promemoria per tutti i cittadini.

Tra 15 mesi si vota per il rinnovo del Consiglio comunale e del Sindaco e questa ennesima violenza deve imporci di non dare un voto che sia uno a queste forze politiche che oggi prendono queste sciagurate scelte, ed a quelle che stanno silenti e disattente all'opposizione.

Fanno ridere amaro i convegni promossi da club elitari sul Porto vecchio “green” o i giovani di Friday che si fanno fotografare sorridenti accanto ai politici responsabili di questo scempio. Quanto alle sigle ambientaliste da salotto “buono” della politica sono del tutto autoreferenziali ed a Trieste non rappresentano neppure i parenti stretti.

Ma stampa e televisioni locali continuano a tempestarci di infauste notizie, per altro tragicamente vere, sul disastroso cambiamento del clima a Trieste con l'innaturale innalzamento esponenziale delle temperature dell'aria e del mare: il 2019 l'anno più torrido di sempre. Ecco abbattere alberi e cementificare (il “restyling”) le poche aree verdi presenti in città ci sembrano proprio le risposte adeguate per crepare prima.

Ho due parenti “ricordati” dalle lapidi nel Parco e penso preferiscano la pace dei frondosi alberi ai restyling edificatori.





« Previous • Pagina 1 • Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 20 January, 2020 - 8:14 am - Visitatori Totali Nr.