Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Braccia rubate all'agricoltura. A Polidò facce sognà!
Dopo le multe agli scostumati ed ai pennichellari barcolani, le ronde notturne, e le pulizie umane, ora le sanzioni ad un venditore ambulante, dotato di regolare licenza, perché prostituiva la sua merce davanti, pensate un po’, agli ingressi..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

48: Morto che parla.
Veramente qui i morti sarebbero tre, ma sintetizziamo! Sul Fatto Quotidiano online compare, absit iniuria verbis, un articolo (?) dall'oltretomba della politica velinara dedicato alla Ferriera di Trieste, dei cui reali problemi non si fa cenno alcuno.E..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 1

Arvedi e Trieste.

» Inviato da valmaura il 22 August, 2019 alle 1:16 pm

Rinfreschiamo la nostra memoria e soprattutto quella dei politici di ogni colore.
Per prendersi praticamente in omaggio la Ferriera il Cavalier Arvedi ha incassato, oltre che tutte le agevolazioni previste dall'inserimento dell'area Ferriera nel Decreto governativo (Renzi) Crisi Complesse, ed oltre all'apertura di un fido praticamente sulla parola di 100 milioni dalla BEI (Banca Europea Investimenti), più di una Cinquantina di milioni tra Regione e Stato. Un bel comperare, non c'è che dire.
Nei due accordi programmatici governativi (vi ricordate le foto con il cavaliere sorridente, e ne aveva ben donde, tra Renzi e Serracchiani, oltre a ministri e sottosegretari vari?) il primo senza il suo nome ma con un dito che lo indicava, il secondo ad personam, si imponeva una serie di obblighi per la nuova proprietà. Qui ci va di ricordare la spesa quantificata in dieci milioni di euro per la rimozione ed il conferimento in discarica per rifiuti “speciali”, alias tossici, delle centinaia di migliaia di tonnellate con le quali era stata interrata, abusivamente si intende, una parte del Vallone di Muggia in zona Scalo Legnami, formando quella che i lavoratori hanno battezzato “Punta Loppa” (scarto di lavorazione dell'Altoforno) e gli esterni “la collina della vergogna”, per un'area pari ad OTTO campi di calcio. Va precisato che il misfatto era avvenuto sotto le precedenti proprietà dello stabilimento e sotto gli occhi chiusi, che una talpa è un falco a confronto, di Capitaneria, Regione, Comune, Arpa e magistratura varia. Infatti l'azione legale ed il sequestro dell'area venne promossa dalle procure di Perugia e Grosseto che proprio non hanno la vista sul Golfo di Trieste, ed a eseguire il provvedimento, arresti compresi, furono i carabinieri del NOE di Udine.
Ma chi acquista, come chi eredita, si prende tutto: oneri ed onori.
Ora da tempo si parla di un interesse straniero (cinese?) ad acquistare anche la parte privata dell'area dove sorge la Ferriera, centenaria di nome e di fatto, visto che il 60% e passa è di proprietà demaniale (pubblica). Il vero mediatore in questa operazione che coinvolge il rilancio-raddoppio del Porto di Trieste è Zeno D'Agostino, il suo Presidente. Dunque i vari Fedriga-Scoccimarro e Dipiazza non c'entrano una mazza e non hanno merito o capacità alcuna nell'operazione.
Bene, se Arvedi intende vendere parte (Area a calco) o tutta (Laminatoio e Centrale) la Ferriera è affar suo.
AFFARE NOSTRO è invece che per il tempo (2-4 annetti) che ci vorrà prima che la eventuale compravendita vada in porto lo stabilimento smetta di inquinare, di danneggiare salute e qualità della vita di triestini e muggesani nel disinteresse di chi li governa, si fa per dire.
AFFARE NOSTRISSIMO è che i costi di bonifiche e smantellamenti della ferraglia NON siano a carico del denaro pubblico, sia esso dell'Autorità Portuale, dello Stato o di chi altro. Ma ad esclusivo onere del privato che compra e di quello che vende.
Se lo imprima bene nella testa il “mediatore” portuale.



FERRIERA. “E ho detto tutto!”

» Inviato da valmaura il 21 August, 2019 alle 2:33 pm

Peppino a Totò, i fratelli Capone.

Fermo restando che a breve pubblicheremo una scheda su quello che a nostro avviso non va nel ciclo produttivo e soprattutto sugli impianti dello stabilimento, fatto che da solo dovrebbe imporre un immediato intervento risolutore da parte di chi ha la responsabilità di controllo e rispetto delle norme a tutela della salute.
Oggi riprendiamo due frasi apparse sulla stampa e pronunciate dagli indefessi minatori, lavoratori “sottotraccia”, sempre sulla Ferriera. Rilette con attenzione lasciano a bocca aperta, non la loro che usano evidentemente per dare aria ai denti, ma la nostra per lo stupore infinito.
“Massimiliano Fedriga e l’assessore Fabio Scoccimarro neppure si spingono a tracciare il profilo di un percorso di riconversione su cui il responsabile dell’Ambiente chiarisce di non avere ancora certezze ma solo fondate speranze.”
E questi sarebbero il “Commissario straordinario per il sito inquinato della Ferriera” (Fedriga) e l’assessore regionale all’ambiente l’altro. Forse Toio Fior ha le idee più chiare.
Della serie “Chi vive sperando muore cagando”: Sergente Lorusso (Diego Abatantuomo), dal film “Mediterraneo”.
“Scoccimarro precisa che «se dovesse concretizzarsi la riconversione saranno necessari interventi di bonifica. Tali azioni dovranno essere eseguite dai privati oppure il sito dovrà essere acquisito da un ente pubblico, nello specifico l’Autorità (portuale), che potrebbe utilizzare fondi pubblici (cioè soldi dei cittadini, ovvero nostri) per la bonifica.
Ovviamente in questo caso la proprietà della Ferriera vorrà avere un riscontro economico dalla cessione. Chi fa impresa non fa beneficienza».”
Per altro beneficienza con i soldi nostri già copiosamente ricevuti.
No, la beneficienza la devono fare i triestini, mazziati e contenti. Incredibile!




Amministrare una città, una regione. O si è capaci o no!

» Inviato da valmaura il 20 August, 2019 alle 2:45 pm

L'amministrare Trieste o il Friuli Venezia Giulia non dovrebbe derivare da scelte politico-ideologiche ma da funzionalità, competenza e capacità.

Ci spieghiamo meglio: governare la comunità significa risolvere problemi e bisogni delle persone che ci vivono, garantire per quanto possibile un futuro sereno ed una qualità della vita accettabile. Conoscere storia, tradizioni e costumi della terra che si amministra e tutelarne il territorio da tramandare quanto più possibile intatto a chi verrà dopo di noi.

Far funzionare la sanità, l'istruzione, l'assistenza sociale, risanare i quartieri periferici, garantire un futuro di lavoro e prosperità, tutelare l'ambiente ed il verde pubblico, dare una casa e servizi dignitosi ai residenti non dovrebbero essere scelte di “parte” ma patrimonio comune di tutti coloro che si candidino ai vertici di Comune e Regione. Ed i cittadini elettori, dovrebbero essere chiamati quanto più frequentemente possibile a partecipare a queste scelte.

Il discrimine per chi guida il Comune o la Regione non dovrebbe mai, o quasi, essere il colore politico di appartenenza ma la competenza, la capacità ed il risultato conseguito.

Attaccare o difendere per partito preso significa non avere a cuore il nostro benessere.

Purtroppo capita spesso, ed a Trieste e nel Friuli Venezia Giulia forse più frequentemente che in altri luoghi, che chi ha la responsabilità delle pubbliche amministrazioni, maggioranza e opposizione ma anche dirigenti e burocrati, non sia per niente all'altezza del compito.

Arroccarsi a difesa per simpatia o vicinanza politica di questo o quel colore di un governo di incapaci significa non avere una adeguata ed obbiettiva serenità di giudizio a discapito di tutti noi che in ogni campo ne sopportiamo le conseguenze.

Per questo il Circolo Miani incalza, critica e propone dal 31 agosto 1981 chi ha scelto di avere la responsabilità del governo a Trieste e nel Friuli Venezia Giulia nel tentativo di dare voce e rappresentare i bisogni e le speranze di chi ci vive, senza mai guardare in faccia nessuno.

Giudicate voi se la nostra è una scelta irresponsabile o di “parte”.

Post Scriptum. E’ di stamane la “notizia” che da una “indagine” de Il Sole 24ore sulla Qualità del tempo libero, Trieste è quarta in Italia.

Roberto Dipiazza: “Checché se ne dica, a Trieste la qualità della vita è altissima.”

Il quarto di Triestini che sopravvive in povertà assoluta o relativa (dati ISTAT) “checché se ne dica” non se ne sono accorti, ma forse sono invisibili e testardamente ostinati a non godersi la vita.

Godiamoci una bella foto, per tutti.

https://www.facebook.com/circolomiani/photos/a.1497907753813521/2529151424022477/?type=3&theater




Al confronto Dipiazza è Dante Alighieri.

» Inviato da valmaura il 19 August, 2019 alle 11:58 am

Si parliamo proprio di Luisa Polli, leghista di intemerata fede con sprezzo del ridicolo, scomparsa dalle scene amministrative, è pur sempre assessore comunale all'ambiente, urbanistica e territorio, e scusate se è poco. A proposito come va con la rogna Giardini Inquinati? Oramai è passata la quarta estate e sono sempre inibiti, e per non parlare della Ferriera ed altre amenità.

Un tempo faceva coppia fissa con la collega di Giunta Elisa Lodi, lavori pubblici, nel senso che parlava sempre la Polli e la Lodi silente si limitava ad annuire con il capo.

Non proprio ferratissima nelle materie di sua competenza (dall'infortunio sulle vasche del nuovo Depuratore fognario, alla “ringhiera di viale Miramare” con “furbata” annessa, alla mancata variazione del piano regolatore a Fiera venduta, per non infierire poi su giardini e Ferriera) un tempo era molto presenzialista. Ora pare si accontenti dei social forum ma, come il lupo, perde il pelo e non il vizio.

Comunque l'ultimo clamoroso infortunio le ha ridato almeno un po' di visibilità sulla stampa, della serie “parlino bene, parlino male: l'importante è che ne parlino”.

Difficile che in altro paese (anche il civile Burkina Faso, per rimanere ad un tema a lei caro, fa testo) qualcuno potesse anche solo ipotizzare che una con queste caratteristiche finisse a ricoprire una carica di governo, seppur locale. Della serie “se ce l'ho fatta io, può farcela chiunque!”.

Oggi per tornare all'ossessione leghista dei “neger” pubblica un post su Facebook dove scambia la foto di un Festival di musica Rap a Londra per la tolda della Open Arms in rada a Lampedusa e piazza a commento, dove ortografia e sintassi sono un optional, frasi come “Fatte voi i commenti vi sembrano persone che fuggono dalla guerra oppure persone palestrati che fuggono dal proprio paese perché detenuti pericolosi che avevano grosse cifre a disposizione per essere portati dai trafficanti in Italia”. Testuale, tutto merito suo.

Le suggeriamo allora altre immagini di circostanza su “invasori neger” da utilizzare in futuro, alcuni sono palestrati altri no, ma di sicuro hanno conti in banca a 9 zeri. Va precisato però che non si occupano più della tratta delle bianche e così magari dovrà accontentarsi della ricostruzione storica, un po' romanzata va detto, del film “L'ultimo Mandingo”. Buona visione.

Per la galleria fotografica Facebook Circolo Miani.




Ferriera. La fava e la rava.

» Inviato da valmaura il 15 August, 2019 alle 2:02 pm

Ma è giusto così per chi si ostina a comperare, sempre di meno comunque, il piccolo giornale, a guardare Telecamberquattro o la Rai deganizzata.

Oggi, tra le altre cose, il foglio locale era scritto con i piedi: parliamo di sintassi, ortografia, e zeppo fradicio di errori di battitura, neanche fosse un bollettino parrocchiale. A parte l'imperdibile scoop di una pagina sugli amori giovanili di un pensionato locale. Cosa non si fa per vendere qualche copia in più ai parenti stretti.

Vi ricordate il baldo assessore regionale all'ambiente (le iniziali minuscole di rigore) che dichiarava con piglio littorio che la Ferriera aveva i giorni contati, che o la copertura dei “parchi minerali”, che tecnicamente non vuol dire una mazza, o morte? Non era neppure un anno orsono.

Ora invece lavora “sottotraccia”, fa accordi con Arvedi ed ha come cameriere Zeno D'Agostino.

Da manicomio!

E questa “informazione” pubblica simili vaccate senza nemmeno ricordare, domandare, insomma fare il minimo sindacale di quel giornalismo che la nostra amica, e sottolineiamo NOSTRA AMICA, Nadia Toffa ha dimostrato di saper fare nella sua purtroppo breve vita.

In un ultimo messaggio ha scritto in chiusa “sono una brava persona”. Peccato che qui, nel giornalismo di “persone” ce ne siano assai poche e di “brave” ancor meno.

Tra le altre cose, tra una omissione ed uno svarione, nel piccolo giornale hanno messo una foto tratta dal QUARTO servizio delle Iene sulla Ferriera con questa didascalia: Un fotogramma del primo servizio televisivo che la “Iena” Nadia Toffa aveva dedicato alla Ferriera.” Si, buonanotte.

Ma poi leggere il baldo assessore che spiega come per sanzionare la Ferriera per le fumate ed informare la comunità sull'accaduto si debba aspettare da un mese a due per permettere all'Arpa di indagare ... quando chiunque legga queste nostre pagine su Facebook aveva la più dettagliata informazione in tempo reale, ovviamente negata ai sempre meno lettori del piccolo giornale od ai guardoni delle televisioni locali e pubbliche che ci censuravano, ha del grottesco.

Si prepensioni Stelio Vatta, il direttore, e si sciolga l'Arpa, almeno risaneremo il bilancio pubblico se non la nostra salute.

A proposito, se vi serve un cameriere, anche se non di bellissima presenza, sapete chi chiamare: il centralino dell'Autorità Portuale e chiedere di tal Zeno D'Agostino.

Ed ora un due perle sempre dalla stampa locale (è sempre Scocc che parla) Per stessa ammissione di un’amministrazione regionale intenzionata a chiudere l’area a caldo, Siderurgica Triestina rispetta i limiti prescritti dall’Aia”, il che dà la misura di quanto capiscono.

Tra l'altro “Siderurgica Triestina” da oltre sei mesi non si occupa più dell'Area a caldo ma solo della Logistica portuale, che Altoforno, Cokeria e Laminatoio sono stati ceduti ad Acciaierie Arvedi. Qualcuno di buon cuore lo spieghi a Scocc ed ai giornalisti domaci.

E poi cos'è sta storia che cedendo l'area a caldo all'Autorità Portuale sarebbe il pubblico, cioè noi, a pagare le spese di smantellamento dei ruderi ferrosi e soprattutto la costosa bonifica?

Arvedi, da buon cattolico non può che ringraziare ogni giorno che spunta il sole di avere simili interlocutori a Trieste ed in Regione, opposizioni comprese.

Sia chiaro abbiamo già dato! Sia in denaro ma soprattutto in salute e qualità della vita.

Non ci provino ancora queste talpe. Quando si amministra, si fa per dire, si lavora alla luce del sole!

E poi ci sono gli “imprenditori” triestini, che partiti a razzo sulla costruzione della Piattaforma logistica dello Scalo Legnami (doveva essere finita ed operativa entro luglio di quest'anno) ora annunciano che se tutto fila liscio si apre con un anno di ritardo perchè “è spuntato dell'amianto da sotto terra”. Ma va?

Ora noi lo sapevamo benissimo e lo scrivevamo su queste pagine un tre annetti orsono, che quando smantellavano le navi in disarmo in quell'ansa del Vallone di Muggia l'amianto che trovavano cospicuamente a bordo veniva interrato abusivamente dietro lo Scalo Legnami. Lo sapevano pure la Capitaneria di Porto e la Prefettura. Tanto che anni fa ci fu una riunione urgente con i rappresentanti consolari americani che volevano particolari garanzie prima di far ormeggiare un cacciatorpediniere della Sesta Flotta proprio sul pontile del vecchio Scalo Legnami.

Tutti smemorati di Collegno qui?





« Previous • Pagina 1 • Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 23 August, 2019 - 3:22 am - Visitatori Totali Nr.