Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Laminatoio a caldo e “giornalismo” a freddo.
Le sorprese della censura talvolta sono anche divertenti. ..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Trieste Verde. A cosa diciamo no!
Dicemmo no alla progettata Centrale a Carbone nel Vallone di Muggia, battaglia vinta..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

Registrati • Password Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 90

Riceviamo, condividiamo e pubblichiamo.

» Inviato da valmaura il 2 September, 2021 alle 11:22 am

Da parte nostra non disperderemo oltre un minuto del nostro tempo a prendere in considerazione calunnie e menzogne che lasciano il tempo che trovano e che i propalatori evidentemente hanno da buttare. Noi il tempo preferiamo impiegarlo per risolvere i problemi veri della nostra comunitΰ: a Muggia come a Trieste.
Muggia. La realtΰ.
Dopo due partecipatissime assemblee pubbliche tenute a Noghere ed a Aquilinia, sempre con Maurizio Fogar come oratore, promosse dal Circolo Miani e dal Comitato Noghere, fondato su invito proprio di Fogar (leggersi le firme in calce ai volantini distribuiti), nella terza manifestazione con circa 400 partecipanti di domenica 27 giugno ai Giardini Europa a Muggia, i cittadini votarono, si proprio cosμ: votarono all'unanimitΰ per alzata di mano, la nascita e costituzione di una Lista civica denominata Muggia.
Nei due venerdμ seguenti, sempre in incontri pubblici e sempre ai Giardini Europa oltre 250 presenti discussero ed approvarono il programma, il logo della Lista civica e individuarono una prima rosa di candidati.
A quel punto alcuni politici locali che, voti del 2016 alla mano, difficilmente stavolta sarebbero rientrati in consiglio comunale, contattarono alcune persone che facevano parte del Comitato Noghere e proposero loro di appoggiare un nascente Terzo Polo: i nomi? Roberta Tarlao ed Emanuele Romano, che ora per regole e Statuto dei Cinque Stelle non fa piω parte del Movimento stesso e dunque non lo rappresenta piω e non puς parlare a suo nome dopo la decisione assunta dai vertici del 5Stelle di non concedere l'uso del loro simbolo e di non partecipare alle elezioni di Muggia. E su questo sarΰ assai utile conoscere le motivazioni reali che hanno spinto i vertici nazionali pentastellati a giungere a questa decisione, che le supposizioni di un oramai ex non convincono per nulla, ed anzi pensiamo siano invece di altra natura (vedi l'anomala per i 5Stelle alleanza partitica in cui si erano imbarcati a livello locale). Ma su questo attendiamo sia fatta chiarezza.
Dunque un quattro/cinque persone, di cui due appartenenti ad una forza politica (Podemo), fuoriuscirono dal Comitato e contravvenendo le decisioni assunte dai cittadini di Muggia nelle cinque assemblee pubbliche e sempre all'unanimitΰ, aderirono a questo Terzo Polo, oggi orfano della sua componente piω importante.
Se esiste un tentativo di rottura, una volta ai tempi del PCI, si sarebbe detto "frazionismo", questo θ esclusiva responsabilitΰ di queste persone che hanno agito in totale spregio della volontΰ espressa e votata dai cittadini di Muggia.
Se esiste una responsabilitΰ nel disperdere voti e favorire dunque la realizzazione del Laminatoio a Caldo e sul rischio Dragaggi di cui questi "oppositori dell'ultima ora" non parlano mai, questa θ tutta di coloro che hanno violato e tradito la volontΰ espressa piω volte dai Muggesani di costituire la Lista civica Muggia che nel pieno rispetto delle decisioni ha presentato Programma e candidati per le prossime elezioni senza accordicchi di alcun tipo con questa politica che ha imposto a Muggia con l'accordo ed il silenzio di tutti i presenti in consiglio comunale (vedersi rassegna stampa e verbali del Comune) l'emergenza che stiamo vivendo.
Questa la nuda e cruda realtΰ dei fatti, che θ nella memoria di tutti, meno ovviamente di chi accecato dalla fazione e dal rancore dedica ogni suo sforzo a combattere noi invece di fare gli interessi della nostra comunitΰ.
Lista civica Muggia.



Spulciando tra le liste a Muggia e Trieste.

» Inviato da valmaura il 1 September, 2021 alle 11:32 am

Cominciamo con Muggia. Colpisce il fatto che assai poche liste siano riuscite a trovare i 20 candidati per coprire i posti del Consiglio comunale, la maggioranza di esse veleggia sopra il minimo strettamente necessario per presentare le candidature. Alcune hanno poi piω candidati provenienti da Trieste e calati a Muggia per poter presentare la lista. Altre hanno interi nuclei familiari infilati anche se espressione di sigle concorrenti pur di potersi presentare.
E pensare che la Lista civica Muggia ha raccolto quasi 40 accettazioni di candidatura all'interno delle quali poi sono stati di comune accordo individuati i venti nomi. Ma questo i Muggesani ben lo sanno.
Passando a Trieste la storia θ quasi analoga con sigle di partito ignote ai Triestini e di cui da 20 anni buoni non si aveva cenno di esistenza in vita, come i cosiddetti Verdi, fatti resuscitare anche a Muggia apparentati con esponenti della vecchia politica travolta da Tangentopoli e alcuni ex 5Stelle, che strana ed anomala compagnia, che hanno faticato a riempire le liste, come buona parte dei simboli concorrenti a queste elezioni.
Di coerenza tra Muggia e Trieste poi neanche a parlarne: sempre i fantasmi verdi si alleano con quel che rimane di Rifondazione a Trieste contro Russo mentre a Muggia quel che rimane di Rifondazione con il copioso innesto di candidati triestini corre con il PD a sostegno del candidato Sindaco Bussani. E si che Muggia e Trieste distano pochi chilometri di distanza e francamente Russo appare meglio di Bussani.
A Muggia la questione si presenta semplice: da una parte la Lista civica Muggia, espressione della volontΰ di centinaia e centinaia di cittadini nelle assemblee contro la nuova Acciaieria e la questione Dragaggi nel Vallone, e sorta su iniziativa del Comitato Noghere-Aquilinia-Muggia e con la collaborazione del Circolo Miani, e dall'altra tutta la partitocrazia di vecchio e nuovo conio che ha spinto cinque anni fa quasi la metΰ dei Muggesani a disertare le urne.
A Trieste le liste che si autodefiniscono “civiche” si sprecano ma stranamente stanno tutte in coalizioni guidate saldamente dai partiti, a destra come a sinistra. Ed anche qui Trieste Verde emerge come l'unica anomalia, anche per i silenzi di tutti gli altri, nessuno escluso, sull'emergenza Laminatoio a Caldo e sui Dragaggi.
La conferma piω clamorosa si θ vista nel TG di Telequattro di due giorni fa, dove nei due servizi “politici” in sequenza si vedeva il Piddino Russo presentare i nuovi acquisti ripescati nelle “sardine” in politichese stretto, e Maurizio Fogar, candidato Sindaco per la Lista civica Muggia che invece illustrava i problemi veri della comunitΰ a partire dall'emergenza dell'annunciata Acciaieria e dei Dragaggi, che investono sia Muggia che Trieste, oltre naturalmente Dolina.
Saranno noiose queste elezioni e d'altronde, nonostante le spese pazze, la campagna elettorale non lo θ stata di meno.
Teodor.



Dipiazza. Una fretta sospetta ed una lentezza esasperante.

» Inviato da valmaura il 1 September, 2021 alle 11:30 am

Francamente fatichiamo a capire, se non come una impuntatura: una “guerra” personale come l'ha definita il Podestΰ, questa urgenza di demolire la sala teatrale Tripcovich.
Forse prima il Comune dovrebbe chiarire ed illustrare cosa intende fare del grande piazzale di largo Santos, perchθ se il tutto serve solo a spendere ulteriori 600mila euro nostri per spostare di neanche 100 metri la Statua di Sissi, per altro lasciata nel piω completo abbandono, allora non ci siamo.
Esasperante lentezza invece da piω di due anni il Comune dimostra sul recupero della Piscina Terapeutica che a nostro avviso sta bene lμ dove stava prima del crollo della sola copertura della vasca in un edificio perfettamente integro in ogni sua altra parte.
E come abbiamo giΰ scritto sulla incredibile lentezza dell'incidente probatorio della magistratura che si trascina da un biennio e che spalanca le porte ad una prescrizione futura per gli indagati, il Comune non ha fatto due cose: sollecitare i giudici ad accelerare i tempi vista la valenza sociale e sanitaria della struttura che interessa la nostra comunitΰ. Chiedere il dissequestro delle parti, cioθ di tutto il resto salvo la zona vasca, dell'edificio per avviare intanto le ordinarie manutenzioni, a partire dalle tubature, che andavano fatte in ogni caso, e preparare un preventivo per una nuova copertura semplice e senza fronzoli per la vasca, in modo da far partire i lavori un minuto dopo l'agognato dissequestro.
Il Comune invece non ha fatto nulla di tutto questo continuando da un anno e mezzo ad impelagarsi in suggestivi progetti di una nuova piscina in Porto Vecchio che di terapeutico ben poco avrebbe, infatti era definita come una “Playa Beach”, ma anche qui con alterne fortune, con le ditte che comparivano per poi scomparire un minuto dopo. E lasciamo perdere la barzelletta di costruire la nuova Piscina nell'area del mercato Ortofrutticolo, che, visti i tempi degli annunciati trasferimenti, se ne riparlerebbe, forse, tra 20 anni.
Trieste Verde.



L'intervista.

» Inviato da valmaura il 31 August, 2021 alle 1:31 pm

Maurizio Fogar
Candidato Sindaco Lista civica Muggia.
Intervista TG di Telequattro.



In questi giorni riesplode la polemica sulla “Giornata del Ricordo” e su Foibe ed Esodo.

» Inviato da valmaura il 31 August, 2021 alle 1:29 pm

Spiace notare che su questo anche gli storici ed i ricercatori locali si siano espressi in un vecchio politichese di stampo democristiano ben lontano dal ruolo che fu proprio della Deputazione regionale dell'Istituto di Storia del Movimento di Liberazione di cui lo storico Galliano Fogar, assieme ad Ercole Miani, fu uno dei fondatori: Segretario, Presidente e Direttore della rivista Qualestoria.
Cosa ne pensasse θ ben sintetizzato in questa sua intervista.
«Foibe, memoria dimezzata».
Si avvicina la data del 25 aprile, giornata della celebrazione della Liberazione alla Risiera di San Sabba, spesso equiparata alla Foiba di Basovizza.
Pubblichiamo una intervista a Galliano Fogar a cura di Matteo Moder pubblicata sul "Manifesto" il 10 febbraio 2006.
Lo storico Galliano Fogar: «Ciampi dimentica la violenza fascista. L'esodo e le foibe furono due tragedie, ma non sono paragonabili alla Risiera di San Sabba»
Su questo abbiamo posto alcune domande a Galliano Fogar, storico dell'Istituto per la storia del Movimento di liberazione nel Friuli Venezia Giulia.
Che pensa del discorso di Ciampi?
Il messaggio di Ciampi per la giornata del Ricordo dell'esodo istriano, fiumano e dalmata, senza alcun cenno al fascismo e alle sue colpe per quanto θ poi avvenuto nella Venezia Giulia, puς anche indirettamente suffragare l'idea, tutta post-fascista, che su questi confini si sono fronteggiati due totalitarismi, quello nazista e quello comunista jugoslavo di stampo stalinista. Non θ stato cosμ. E il fascismo dov'θ? Io rispetto ciς che dice Ciampi per il fatto che gli italiani dell'Istria, di Fiume e di Zara dovettero abbandonare le terre perse, ma anche lui dimentica di ricordare che tutto ciς, anche se θ certamente da condannare sul piano umano e morale, ebbe il suo terreno di coltura nella violenza fascista e nell'invasione e disgregazione della Jugoslavia da parte italiana e tedesca. Senza questo non si puς discutere, non esiste una storia a metΰ.
Fini alla cerimonia con Ciampi ha dichiarato: "Basta buchi neri, basta omissioni, basta pagine strappate..."
Altro che buchi neri. Nelle terre di confine, in quella che fu la Venezia Giulia il ventennio fascista imperversς, ancor prima dell'invasione della Jugoslavia, con una violenta opera di snazionalizzazione verso tutto ciς che non era «italiano» e perciς «fascista». Io non mi rassegno al fatto che la storia venga «dimezzata», che l'ignoranza e la disinformazione su quanto realmente θ avvenuto qui, in quella che fu la Venezia Giulia, la faccia da padrone e che perfino gli eredi dell'ex Pci si appiattiscano sulle tesi antistoriche di An, che fa nascere la storia dal 1945, dall'occupazione di Trieste da parte delle truppe di Tito.
Invece di una memoria condivisa siamo ad una storia dimezzata?
Sμ, c'θ la volontΰ di una storia dimezzata. Era quello che avrei voluto dire il 6 febbraio di due anni fa a Fassino e Violante quando vennero a Trieste per aderire alla proposta di Roberto Menia (An) di istituire il 10 febbraio la giornata del ricordo dell'esodo e per attribuire al Pci di allora colpe ed errori di valutazione. Come puς Fassino dire che il Pci sbaglio "perchι l'aggressione fascista alla Jugoslavia non poteva giustificare in nessun modo la perdita di territori nι l'esodo degli Italiani"?
Ma θ stata quella la causa scatenante, l'Italia fascista θ stata responsabile e corresponsabile con la Germania di Hitler delle devastazioni e delle stragi che hanno insanguinato l'Europa. A partire da queste terre con stragi perpetrate dai militari italiani, rappresaglie delle camice nere contro le popolazioni in Slovenia, i campi di concentramento come quello famigerato di Arbe: decine e decine di migliaia furono le vittime civili, non solo i partigiani. Che dovrebbero dire ebrei, polacchi, russi, i milioni che sono stati sterminati?
C'θ il tentativo di omologare la Resistenza alla tragica stagione delle Fobie?
Dal processo della Risiera del 1976 non si contano piω i tentativi di equiparare la Resistenza alle Foibe, il comunismo jugoslavo al nazifascismo. Poi si θ passati al revisionismo storico, al voler equiparare carnefici e vittime, a chiedere la pacificazione nazionale servendosi dell'ignoranza della storia per cercare di cancellare i valori della resistenza antifascista. Con una martellante campagna di stampa sulla «vergogna della tragedia dimenticata» e sui processi da fare per le foibe, dimenticando che giΰ sotto il Governo militare alleato erano stati celebrati a Trieste processi contro 72 infoibatori o presunti tali con condanne fino all'ergastolo. E' deplorevole che parte della grande stampa , la Rai, i politici democratici conoscano assai poco le vicende internazionali - e non locali - di una regione, la Venezia Giulia, che con la guerra fu coinvolta in pieno nel conflitto dell'area danubiana-balcanica. Non θ un caso che il 10 febbraio preso dalla destra come simbolo della tragedia (ma foibe ed esodo sono due cose distinte) θ la data della sigla del Trattato di Pace di Parigi. Ma questi signori non spiegano che l'Italia era sul banco degli imputati e che la gran parte dell'Istria e Fiume furono perdute non certo per colpa dei partigiani ma per le precise colpe del fascismo e della sua violenta opera snazionalizzatrice prima e per l'invasione della Jugoslavia poi.




« Precedente • Pagina 1 • Pagina 2 • Pagina 3 • Pagina 4 • Pagina 5 • Pagina 6 • Pagina 7 • Pagina 8 • Pagina 9 • Pagina 10 • Pagina 11 • Pagina 12 • Pagina 13 • Pagina 14 • Pagina 15 • Pagina 16 • Pagina 17 • Pagina 18 • Pagina 19 • Pagina 20 • Pagina 21 • Pagina 22 • Pagina 23 • Pagina 24 • Pagina 25 • Pagina 26 • Pagina 27 • Pagina 28 • Pagina 29 • Pagina 30 • Pagina 31 • Pagina 32 • Pagina 33 • Pagina 34 • Pagina 35 • Pagina 36 • Pagina 37 • Pagina 38 • Pagina 39 • Pagina 40 • Pagina 41 • Pagina 42 • Pagina 43 • Pagina 44 • Pagina 45 • Pagina 46 • Pagina 47 • Pagina 48 • Pagina 49 • Pagina 50 • Pagina 51 • Pagina 52 • Pagina 53 • Pagina 54 • Pagina 55 • Pagina 56 • Pagina 57 • Pagina 58 • Pagina 59 • Pagina 60 • Pagina 61 • Pagina 62 • Pagina 63 • Pagina 64 • Pagina 65 • Pagina 66 • Pagina 67 • Pagina 68 • Pagina 69 • Pagina 70 • Pagina 71 • Pagina 72 • Pagina 73 • Pagina 74 • Pagina 75 • Pagina 76 • Pagina 77 • Pagina 78 • Pagina 79 • Pagina 80 • Pagina 81 • Pagina 82 • Pagina 83 • Pagina 84 • Pagina 85 • Pagina 86 • Pagina 87 • Pagina 88 • Pagina 89 • Pagina 90 • Pagina 91 • Pagina 92 • Pagina 93 • Pagina 94 • Pagina 95 • Pagina 96 • Pagina 97 • Pagina 98 • Pagina 99 • Pagina 100 • Pagina 101 • Pagina 102 • Pagina 103 • Pagina 104 • Pagina 105 • Pagina 106 • Pagina 107 • Pagina 108 • Pagina 109 • Pagina 110 • Pagina 111 • Pagina 112 • Pagina 113 • Pagina 114 • Pagina 115 • Pagina 116 • Pagina 117 • Pagina 118 • Pagina 119 • Pagina 120 • Pagina 121 • Pagina 122 • Pagina 123 • Pagina 124 • Pagina 125 • Pagina 126 • Pagina 127 • Pagina 128 • Pagina 129 • Pagina 130 • Pagina 131 • Pagina 132 • Pagina 133 • Pagina 134 • Pagina 135 • Pagina 136 • Pagina 137 • Pagina 138 • Pagina 139 • Pagina 140 • Pagina 141 • Pagina 142 • Pagina 143 • Pagina 144 • Pagina 145 • Pagina 146 • Pagina 147 • Pagina 148 • Pagina 149 • Pagina 150 • Pagina 151 • Pagina 152 • Pagina 153 • Pagina 154 • Pagina 155 • Pagina 156 • Pagina 157 • Pagina 158 • Pagina 159 • Pagina 160 • Pagina 161 • Pagina 162 • Pagina 163 • Pagina 164 • Pagina 165 • Pagina 166 • Pagina 167 • Pagina 168 • Pagina 169 • Pagina 170 • Pagina 171 • Pagina 172 • Pagina 173 • Pagina 174 • Pagina 175 • Pagina 176 • Pagina 177 • Pagina 178 • Pagina 179 • Pagina 180 • Pagina 181 • Pagina 182 • Pagina 183 • Pagina 184 • Pagina 185 • Pagina 186 • Pagina 187 • Pagina 188 • Pagina 189 • Pagina 190 • Pagina 191 • Pagina 192 • Pagina 193 • Pagina 194 • Pagina 195 • Pagina 196 • Pagina 197 • Pagina 198 • Pagina 199 • Pagina 200 • Pagina 201 • Pagina 202 • Pagina 203 • Pagina 204 • Pagina 205 • Pagina 206 • Pagina 207 • Pagina 208 • Pagina 209 • Pagina 210 • Pagina 211 • Pagina 212 • Pagina 213 • Pagina 214 • Pagina 215 • Pagina 216 • Pagina 217 • Pagina 218 • Pagina 219 • Pagina 220 • Pagina 221 • Pagina 222 • Pagina 223 • Pagina 224 • Pagina 225 • Pagina 226 • Pagina 227 • Pagina 228 • Pagina 229 • Pagina 230 • Pagina 231 • Pagina 232 • Pagina 233 • Pagina 234 • Pagina 235 • Pagina 236 • Pagina 237 • Pagina 238 • Pagina 239 • Pagina 240 • Pagina 241 • Pagina 242 • Pagina 243 • Pagina 244 • Pagina 245 • Pagina 246 • Pagina 247 • Pagina 248 • Pagina 249 • Pagina 250 • Pagina 251 • Pagina 252 • Pagina 253 • Pagina 254 • Pagina 255 • Pagina 256 • Pagina 257 • Pagina 258 • Pagina 259 • Pagina 260 • Pagina 261 • Pagina 262 • Pagina 263 • Pagina 264 • Pagina 265 • Pagina 266 • Pagina 267 • Pagina 268 • Pagina 269 • Pagina 270 • Pagina 271 • Pagina 272 • Pagina 273 • Pagina 274 • Pagina 275 • Pagina 276 • Pagina 277 • Pagina 278 • Pagina 279 • Pagina 280 • Pagina 281 • Pagina 282 • Pagina 283 • Pagina 284 • Pagina 285 • Pagina 286 • Pagina 287 • Pagina 288 • Pagina 289 • Pagina 290 • Pagina 291 • Pagina 292 • Pagina 293 • Pagina 294 • Pagina 295 • Pagina 296 • Pagina 297 • Pagina 298 • Pagina 299 • Pagina 300 • Pagina 301 • Pagina 302 • Pagina 303 • Pagina 304 • Pagina 305 • Pagina 306 • Pagina 307 • Pagina 308 • Pagina 309 • Pagina 310 • Pagina 311 • Pagina 312 • Pagina 313 • Pagina 314 • Pagina 315 • Pagina 316 • Pagina 317 • Pagina 318 • Pagina 319 • Pagina 320 • Pagina 321 • Pagina 322 • Pagina 323 • Pagina 324 • Pagina 325 • Pagina 326 • Pagina 327 • Pagina 328 • Pagina 329 • Pagina 330 • Pagina 331 • Pagina 332 • Pagina 333 • Pagina 334 • Pagina 335 • Pagina 336 • Pagina 337 • Pagina 338 • Pagina 339 • Pagina 340 • Pagina 341 • Pagina 342 • Pagina 343 • Pagina 344 • Pagina 345 • Pagina 346 • Pagina 347 • Pagina 348 • Pagina 349 • Pagina 350 • Pagina 351 • Pagina 352 • Pagina 353 • Pagina 354 • Pagina 355 • Pagina 356 • Pagina 357 • Pagina 358 • Pagina 359 • Pagina 360 • Pagina 361 • Pagina 362 • Pagina 363 • Pagina 364 • Pagina 365 • Pagina 366 • Pagina 367 • Pagina 368 • Pagina 369 • Pagina 370 • Pagina 371 • Pagina 372 • Pagina 373 • Pagina 374 • Pagina 375 • Pagina 376 • Pagina 377 • Pagina 378 • Pagina 379 • Pagina 380 • Pagina 381 • Pagina 382 • Pagina 383 • Pagina 384 • Pagina 385 • Pagina 386 • Pagina 387 • Pagina 388 • Pagina 389 • Pagina 390 • Pagina 391 • Pagina 392 • Pagina 393 • Pagina 394 • Pagina 395 • Pagina 396 • Pagina 397 • Pagina 398 • Pagina 399 • Pagina 400 • Pagina 401 • Pagina 402 • Pagina 403 • Pagina 404 • Pagina 405 • Pagina 406 • Pagina 407 • Pagina 408 • Pagina 409 • Pagina 410 • Pagina 411 • Pagina 412 • Pagina 413 • Pagina 414 • Pagina 415 • Pagina 416 • Pagina 417 • Pagina 418 • Pagina 419 • Pagina 420 • Pagina 421 • Pagina 422 • Pagina 423 • Pagina 424 • Pagina 425 • Pagina 426 • Pagina 427 • Pagina 428 • Pagina 429 • Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 26 February, 2024 - 2:48 am - Visitatori Totali Nr.