Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Parco del Mare? Ma BASTA!
Sono 14, quattordici, anni che il presidente a vita della Camera di Commercio ed altre cose, ci frantuma i santissimi con questa telenovela di un Parco, quello del Mare, che ha già cambiato cinque destinazioni, insomma un progetto..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Buona Pasqua dal capo delle brigate proletarie verdi.
Ovvero dal Rosario al Mitra. Ora capiamo che espellere i “600.000 clandestini” come promesso dal “capitano” leghista in campagna elettorale era una bufala, ma si sa gli elettori sono di bocca larga: se hanno creduto..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 85

Chi inquina paga, meno che in Ferriera.

» Inviato da valmaura il 1 December, 2016 alle 10:26 am

Vi ricordate la strombazzata legge europea prima, ed italiana poi, che si sintetizzava con la frase ad effetto “chi inquina paga!”

Bene a Trieste ha praticamente messo in ginocchio e gettato nel panico decine di piccole imprese ed artigiani nella Zona industriale per i costi da sostenere per carotaggi, ispezioni  ed eventuali bonifiche delle aree dove erano insediati, e magari da poco e senza aver sversato nulla sui terreni, di cui però risultavano titolari e dunque responsabili, anche se l’inquinamento presente era colpa di chi ci stava prima.

In Ferriera invece no. Chi l’ha acquistata, si fa per dire, non viene tenuto responsabile del super inquinamento presente nei terreni e nella acque di falda, e perché no, nel fondale marino prospiciente.

Per questi ultimi ci pensa lo Stato con i soldi di noi cittadini. In buona sostanza gli inquinati che devono concorrere a pagare la bonifica di chi inquina. E la legge di cui sopra?

Ragazzi siamo in Italia, e per di più nel Friuli Venezia Giulia, e per disgrazia a Trieste.

E sapete chi è stato l’ultimo proprietario della Ferriera prima di Arvedi?

Le dodici principali banche italiane. Si avete letto bene: Unicredit, Intesa e via discorrendo che hanno trasformato i propri crediti inesigibili verso la Lucchini in capitale sociale, esautorando il precedente Consiglio di Amministrazione e sostituendolo con uno di sua nomina e fiducia negli ultimi due anni di vita della Lucchini.

Dunque non paga Arvedi, non pagano le banche, ma paga chi non ha inquinato e ne ha subito ogni giorno il danno. Ovvero NOI!. Contenti?

Ah, e il “chi inquina paga?”, buona la barzelletta sentiamo la prossima.

Eccola qui, fresca fresca dalle colonne del Piccolo di oggi, a firma del preferito di Arvedi, Silvio Maranzana, che scrive testuale “Sul fronte del risanamento ambientale questi interventi si assommano a quelli privati del Gruppo Arvedi che nel piano complessivo per tutta l’area prevedeva un intervento di ben172 milioni di euro.”

Che cavolo hai bevuto? Ce lo spieghi?

Inserisce infatti  tutte le PROMESSE di investimento industriale (110 milioni per il laminatoio, ad esempio) in “risanamento ambientale”.

Attenzione che nel nuovo regolamento di polizia locale l’adescamento è severamente multato.

Sotto (su Facebook): Ferriera a “volo d’uccello”, morto subito dopo.

 




Caserma Trieste.

» Inviato da valmaura il 30 November, 2016 alle 5:29 pm

Oggi nuova puntata della destra di governo dei nuovi “colonnelli”.

Ricevo una telefonata dal presidente della commissione capigruppo (il minuscolo è di rigore), nonché colui che sulla carta presiede il consiglio comunale (idem) che mi chiede la disponibilità di incontrare i capigruppo (idem, idem) e mi domanda conferma del tema dell’incontro, già espostogli la sera di lunedì 28 scorso insieme ad altri 24 cittadini venuti in consiglio comunale.

Mi spiega pure quando si riunisce la commissione capigruppo e mi saluta con la promessa di richiamarmi per confermare giorno ed ora (mi anticipa che sarà probabilmente mercoledì prossimo alle 12).

Mi richiama pocanzi, per dirmi che, colpo di scena, i capigruppo all’unanimità, ovvero con il voto di Movimento 5 Stelle, PD e dintorni, hanno deciso che no.

Ovvero di modificare la prassi finora seguita, almeno dagli anni Sessanta, dai tempi di Marcello Spaccini Sindaco, giù il cappello, e che d’ora in poi per incontrare i capigruppo (idem) bisognerà presentare formale richiesta scritta all’ufficio protocollo del Comune, dettagliando le ragioni, e poi con i tempi della burocrazia attendere che la richiesta sia vagliata dalla capigruppo (e daje!) e la conseguente risposta. Se poi tutto va bene si sarà introdotti al cospetto del “consiglio dei dieci”.

Potenza di Maurizio Fogar.

Gli rispondo gentilmente che non ci pensiamo nemmeno di fare la domandina scritta e di attenderne trepidanti l’esito.

Che venticinque persone rappresentavano in carne ed ossa molto più di una istanza burocratica e che prendiamo atto che questa decisione, con il suicidio politico di chi sta all’opposizione e straparla di cittadini e di politici dipendenti da questi, altro non ha fatto che formalizzare il suo essere casta di potere senza sprezzo neppure del ridicolo.

I cittadini, e noi li aiuteremo, se ne ricorderanno quando a breve saranno i politici  TUTTI a venire da loro per chiedere il voto, a partire dal 2018.

Roberto Dipiazza che bruttissima cosa.

 




Roberto Dipiazza. Che brutta cosa.

» Inviato da valmaura il 29 November, 2016 alle 12:44 pm

Ieri sera, in Consiglio comunale, è successo un fatto che non si ricordava da decine di anni.

Alle 19.30, in un’aula deserta per oltre la metà dei suoi componenti (18 su 41 i consiglieri presenti, e mancava pure il Sindaco) 25 cittadini, tutto il pubblico presente in una serata gelida per la Bora e venuti senza indennità alcuna, al contrario di consiglieri ed assessori, alla richiesta di un breve incontro con i capigruppo nella pausa tra il question time (domande d’attualità) e l’inizio della seduta tradizionale, si sono visti per la prima volta nei lavori consiliari respingere la richiesta.

E cosa più surreale la mezzora riservata al question time si è risolta in cinque minuti esatti (una sola domanda presentata).

Non era mai accaduto, nemmeno in momenti “caldi”, che i capigruppo rifiutassero di incontrare i cittadini presenti che lo richiedevano (in questo caso sull’emergenza degrado delle periferie a seguito pure delle due mozioni votate all’unanimità dalla Settima Circoscrizione su iniziativa della consigliera della lista NO FERRIERA, e proprio sulla questione Ferriera dopo le promesse non mantenute da questa amministrazione).

Non era mai accaduto che il Presidente del Consiglio comunale di fatto abdicasse al suo ruolo, e la netta sensazione che qualunque osservatore dopo solo cinque minuti ricava è che a presiedere e indirizzare i lavori sia il Segretario generale del Comune, come si è visto pure nel question time, ed allora che Santi Terranova si candidi e si faccia eleggere.

Orbene i responsabili di questa rottura portano i nomi di Piero Camber per Forza Italia, di Paolo Polidori per la Lega Nord, di Salvatore Porro per Fratelli d’Italia, e di Vincenzo Rescigno per la Lista Dipiazza.

A subire il rifiuto dei cittadini che in larga maggioranza avevano dato il voto, al turno di ballottaggio, proprio all’attuale Sindaco e che ieri se ne sono amaramente pentiti, e che rappresentavano problematiche che interessano le realtà di Campi Elisi-San Vito, Chiarbola-Ponziana, Servola, Valmaura-San Sabba.

Sembra proprio che questa maggioranza rifiuti, come nessuna altra il confronto e la partecipazione dei cittadini, sembra proprio che l’idea che la ispiri sia quella di trasformare Trieste in una caserma. No, il nuovo regolamento della polizia municipale votato da questa Giunta, non è uno scherzo da prendere sottogamba, rappresenta benissimo un’idea illiberale e scioccamente autoritaria che anima questa maggioranza, come ieri sera si è visto. La volontà di interferire anche nelle scelte individuali limitando pericolosamente i diritti delle persone.

A quando la dotazione, oltre che dei revolver, anche di forbicione e metro ai vigili urbani per misurare taglio e pettinatura dei capelli dei cittadini?

Qui si ritorna indietro a prima degli anni sessanta e di questo dobbiamo anche ringraziare il sindaco precedente con la sua pessima ed arrogante amministrazione.




Ferriera. Prendere, e perdere, tempo.

» Inviato da valmaura il 23 November, 2016 alle 3:07 pm

Se tutto quello che ha partorito in tre mesi, poco meno o più, nel suo primo “report” il consulente del Comune, il chimico Barbieri, è quello che ieri i triestini hanno letto sulla stampa allora c’è da chiedersi perché lo hanno assunto.

A riepilogare un rapporto della polizia municipale sulle chiamate ricevute sulla questione Ferriera negli ultimi anni da migliaia di cittadini, bastava la bravissima segretaria del Comando del corpo che lo ha poi redatto.

Ad elogiare l’operato, “ottimo”, dell’Arpa, con la quale per inciso il Barbieri, giustamente, ha anche un rapporto di consulenza lavorativa, non occorreva ricorrere a lui, in evidente eventuale conflitto di interessi. Né tantomeno per prendere atto che i miglioramenti, come dice Arvedi, ci sono stati ma non ancora nella misura completamente soddisfacente, come sostiene anche Arvedi quando invita ad aspettare l’ultimazione dei lavori. Insomma il rancio non è ottimo ma passabile.

Continuare poi a circoscrivere gli episodi a Servola, anzi a cinque strade, e non prendere in dovuto conto tutta l’area che da Muggia, passando per Aquilinia, San Sabba, Monte San Pantaleone, Valmaura, Chiarbola, Ponziana va a Campi Elisi-San Vito, giusto per tenersi stretti, è una visione che non aiuta a capire, e dunque a risolvere.

Ecco se tutto questo serve a prendere tempo (Giulio Andreotti diceva “meglio tirare a campare che tirare le cuoia” ed i risultati l’Italia li ha visti) allora la linea Dipiazza e dei suoi sostenitori è nel giusto. Anche se ragionevolmente crediamo che inevitabilmente comunque prima o dopo “il banco salti”, ma nella loro mente forse è sufficiente tirare avanti fino alle regionali della primavera 2018.

Ma se questa è la strada per chiudere, magari non nei cento giorni tra poco doppiati, la produzione siderurgica della Ferriera allora stiamo freschi, e sofferenti come prima.

Se le parole bastassero a “chiudere” lo stabilimento, Dipiazza ed altri con lui, lo avrebbero già sepolto dal 2001. Ma non è così. Ci vogliono conoscenze che questi non hanno e coraggio nell’assumersi responsabilità, idem, vista la pluridecennale assenza delle altre istituzioni di controllo.

Tutto qua. Altrimenti nel Poker questo si chiama “Bluff”, talvolta funziona finchè uno non decide di venire a vedere le carte altrui, ed allora son dolori …

La puntata odierna, alla quale per altro nessuno ci ha invitato a partecipare (non male per una lista civica denominata NO FERRIERA che in Comune ha raccolto quasi l’1.5% ed oltre il 3 nelle Circoscrizioni), e lo stesso vale per il Circolo Miani, che dal 1998 in piena solitudine o quasi ha sollevato all’attenzione dell’opinione pubblica cittadina, nazionale ed europea il “problema” Ferriera, e non solo, non ci racconta nulla di nuovo, e peccato che la stampa non abbia memoria.

Il report sanitario non fa che ribadire, per altro con modalità più limitate, quanto denunciato da una ricerca dei medici del Pronto Soccorso dell’ospedale pediatrico Burlo, fatta su TUTTI i bambini che in un anno passavano per quel servizio. Correva l’anno 1999 e lo studio fu presentato in quasi tutti i quartieri cittadini ed a Muggia in collaborazione con i medici del Burlo e del Centro Tumori in assemblee pubbliche dal Circolo Miani (a Servola la tenemmo al circolo culturale Sloveno).

Ma senza andare così indietro basterebbe ricordare le dodici, si 12, lettere a firma Franco Rotelli che l’ASS triestina, di cui al tempo era direttore come Dipiazza era Sindaco, inviò al Comune che l’aveva interpellata per ribadire che con quei dati, che l’ARPA aveva trasmesso anche al Comune, si verificava una sicura insorgenza di neoplasie e leucemie! E gli, a Dipiazza, ricordava che era la dodicesima volta che rispondeva per iscritto la stessa cosa.

Allora Dipiazza nulla fece, come Tondo in Regione e poi Illy.

Può sembrare comunque una banalità ricordare che lo studio odierno, che conferma la carente conoscenza del problema da parte dei nostri amministratori e sodali essendo circoscritto alla sola Servola (perché a Valmaura o Muggia stanno meglio?), è stato commissionato da Laureni-Cosolini, dunque dalla passata Giunta.

Da questa stiamo almeno ed ancora aspettando la stragiurata centralina da acquistare, altrimenti il ruolo del consulente si riduce, come accaduto finora, a quello di commentatore dei dati altrui. O per la precisione di quelli forniti dalla detestata ARPA.

La nostra posizione? L’ha spiegata benissimo Romano Pezzetta ma temiamo che i presenti non l’abbiamo compresa.




La politica che non ci piace.

» Inviato da valmaura il 19 November, 2016 alle 2:00 pm

Apriamo con la vicenda delle case Ater di Coloncovez che riguarda un centinaio di famiglie.

La politica ha mostrato tutti i suoi limiti e difetti nel far gestire un ente così delicato, l’Ater, ad esponenti della partitocrazia (l’attuale direttore ed unico amministratore è un autorevole rappresentante regionale del PD). Ovvio dunque che la politica, tutta, a Trieste si sia mossa tardi, molto tardi (non risulta che alcun suo rappresentante sia intervenuto sul “luogo del delitto” per oltre un mese), e con grande imbarazzo e le solite frasi di circostanza.

Anche la stampa che ha sollevato meritoriamente lo scandalo non si è mai spinta alla ricerca dei responsabili, appunto per non disturbare i “manovratori” della politica.

Insomma i residenti hanno dovuto cavarsela da soli, e spesso irrisi dalla stessa Ater nella ricerca di minimizzare la propria evidente responsabilità, almeno per quanto riguarda i mancati controlli. Mancanza resa più grave dalle preoccupanti notizie che l’azienda pubblica aveva sullo stato comatoso delle imprese a cui erano affidati i lavori.

Passiamo a quanto pubblicato con grande evidenza su stampa e TiVù di tutto il pianeta.

Il 2016 si avvia ad essere l’anno più caldo di sempre, con un aumento della temperatura del Pianeta Terra di oltre un grado, con tutte le conseguenze del caso: dall’innalzamento del livello dei mari, allo scioglimento dei ghiacci e ghiacciai, alla tropicalizzazione del clima.

Cosa di cui a Trieste da quasi un decennio abbiamo potuto verificare sulla nostra pelle (estati torride ed afose, aumento esponenziale dell’umidità, piogge violentissime, inverni miti e piovosi).

Una delle principali cause è individuata concordemente nell’aumento delle emissioni industriali, soprattutto quelle a base di carbone.

Orbene se ne parla a livello planetario. Si fanno convegni di ogni tipo, si firmano “accordi” tra gli Stati, da Kioto a Parigi, e tutto resta invariato. La Regione FVG sbandiera la sua scelta di “decarbonizzazione” ma solo quando si parla della centrale di Monfalcone. A Trieste invece sulla Ferriera, il cui ciclo produttivo si basa tutto sul carbone, silenzio con AIA concessa.

E sulla Ferriera, lo abbiamo detto, scritto e riscritto, che si misura il fallimento di una classe politica, tutta e nessuno escluso, in questi ultimi anni.

La Settima Circoscrizione, da Aquilinia a Chiarbola compresa, ha votato ultimamente due mozioni all’unanimità presentate dalla consigliera Aurora Marconi, eletta con “NO FERRIERA SI TRIESTE”, in cui si motivatamente chiede la copertura delle vasche di decantazione, oggi a cielo aperto, dei liquami prodotti da oltre duecentomila triestini, nell’ambito dei lavori di rifacimento del nuovo depuratore fognario (fuorilegge europea da oltre tredici anni), e che oggi ammorbano mezza Trieste.

La seconda in cui si sollecita un pronto intervento su quello sconcio del vecchio inceneritore di Monte San Pantaleone, chiuso nel 1999 per diossina, e la cui area è lasciata marcire contaminata e contaminante a due passi, ad esempio, del Jolly pattinaggio, frequentato da centinaia di ragazzini. Intervenendo subito con la messa in sicurezza dell’area e la bonifica di edifici e terreni.

Orbene una persona normale, visto che le mozioni approvate hanno un destinatario: il Comune e la sua amministrazione, si aspetta che i gruppi consiliari, si insomma gli eletti in Circoscrizione che per giunta l’hanno votata, coinvolgano subito i propri colleghi che siedono in consiglio comunale ed in Giunta, ognuno per la propria parte politica, sollecitando un rapido intervento in favore di quanto da loro votato in Settima Circoscrizione seppure su iniziativa altrui, ovvero di NO FERRIERA.

A dimostrazione che i partiti e i movimenti politici hanno ancora un senso e per evitare l’ennesima figura da cioccolatai agli occhi di una schifata opinione pubblica da parte della politica.

Ebbene tutto ciò non ci risulta che sia ancora avvenuto ed allora tanto vale sciogliere le Circoscrizioni e demandare la riparazione di marciapiedi e il taglio delle erbacce a quelli che una volta erano gli uffici periferici dei tecnici comunali e dell’allora IACP.

Anche perché le due mozioni, come la terza sempre presentata dalla consigliera della lista civica NO FERRIERA ed inerente l’emergenza territorio, ovvero tutte le aree, verdi e non, altamente inquinate e dunque dannose per la salute di tutti, a cominciare dai bambini e, perché no, dai nostri amati animali domestici, riguardano emergenze cittadine e non solo rionali.





« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84 • Pagina 85 • Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 24 April, 2019 - 9:56 pm - Visitatori Totali Nr.