Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Laminatoio a caldo e “giornalismo” a freddo.
Le sorprese della censura talvolta sono anche divertenti. ..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Trieste Verde. A cosa diciamo no!
Dicemmo no alla progettata Centrale a Carbone nel Vallone di Muggia, battaglia vinta..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 84

Muggia: cosa non si fa per il Laminatoio, incredibile!

» Inviato da valmaura il 20 July, 2021 alle 11:54 am

Domanda: vale di più un terreno edificabile od uno agricolo?
Oppure uno ad uso commerciale o industriale?
La risposta, anche per un profano, è semplicissima quanto facile: un metro quadro di un terreno commerciale, per non parlare poi di uno ad edificabilità residenziale, vale mille volte di più di uno non edificabile oppure destinato ad uso industriale-logistico-portuale.
Eppure quello che appare pacifico e scontato per tutti non lo è per i componenti della Giunta comunale, sindaco in testa, di Muggia che nella delibera di approvazione e sottoscrizione del Protocollo pro Laminatoio a Caldo, votata all'unanimità il 13 maggio scorso, scrivono “dando atto che il parere in merito alla regolarità contabile non viene espresso in quanto atto che non comporta riflessi diretti o indiretti sulla situazione economico-finanziaria o sul patrimonio dell’ente”.
L'atto in questione, il Protocollo, prevede la necessità che il Comune di Muggia adotti una variante al Piano Regolatore urbanistico trasformando la destinazione d'uso attuale di zona commerciale (226mila metriquadri) e verde sportiva (76mila metriquadri) delle Noghere, più o meno la metà di quei 480mila metriquadri necessari per la nuova acciaieria, in zona industriale, declassandone fortemente il valore. Ma per gli amministratori muggesani, tutti e non solo gli assessori, perchè nessuno ha avuto da ridire alcunchè, è “atto che non comporta riflessi diretti o indiretti sulla situazione economico-finanziaria o sul patrimonio dell’ente”.
Ma vi sembra normale?
Inizia la carrellata delle “opposizioni” (destracentro e terzopolo) sul Laminatoio a Caldo. Nulla prima, cioè dopo le notizie iniziali di febbraio, sostanziale plauso unanime alla firma del Protocollo da parte del Comune di Muggia, soddisfazione dolo l'anomala illustrazione di un progetto che non c'è nella specifica seduta audizione di Zeno D'Agostino, e per quanto riguarda i terzopolisti (Romano, Tarlao e cespuglietti vari) alcune “perplessità” espresse sulla stampa un due settimane fa.
Ma abbiamo pensato di regalarvi la foto dell'ufficio stampa del Comune che le riprende dal piccolo giornale. Ingranditela e divertitevi, che questi sarebbero i novelli “Garibaldi” a cui delegare la battaglia contro Laminatoio e Dragaggi. Complimenti vivissimi.



Acciaieria Noghere. Servizio a scoppio ritardato.

» Inviato da valmaura il 18 July, 2021 alle 3:48 pm

Ci pareva strano il silenzio del piccolo giornale sulla manifestazione “oceanica” (32 persone, relatori compresi) delle forze che governano in Comune a Muggia, con in più l'appoggio della CGIL provinciale e comunale.
Ed infatti a scoppio ritardato è uscito oggi il “servizietto”, che però stavolta non descrive neppure per sbaglio il numero dei presenti, sul piccolo giornale che dà plastico esempio di cosa significhi il giornalismo di servizio partitico appunto.
Ora non stupiscono più le sparate dell'attuale vicesindaco e sfortunato per Muggia candidato sindaco piddino: semplicemente confermano che ad oggi ancora non conosce il Protocollo d'Intesa che la Giunta comunale ha sottoscritto. Se provasse a leggerlo, magari facendosi aiutare da qualche pietoso amico, scoprirebbe che non solo Muggia ha firmato la clausola che impone la segretezza sulle informazioni relative al progetto (la abbiamo più volte pubblicata integralmente e dunque non ci ripetiamo) ma ha sottoscritto un IMPEGNO a favorire nel tempo più breve possibile la realizzazione, anche attraverso la variazione del Piano regolatore comunale (come espressamente scritto), del progetto che ancora non c'è. Una bischerata simile non ha precedenti a memoria d'uomo. E su questo attendiamo un pronunciamento della magistratura alla quale Maurizio Fogar per conto del Circolo Miani ha inviato una denuncia-esposto alla Procura.
E veniamo alle opposizioni in Comune ed al governo in Regione, che ha sponsorizzato il Protocollo ed il progetto fantasma, una combriccola di medium insomma.
Il destra-centro non ha mai aperto bocca, e nè può permetterselo vista la scelta dei loro partiti in Regione, tutti, nessuno escluso.
I 5Stelle idem, vista la sponsorizzazione al Laminatoio del loro leader maximo, il triestino ministro Patuanelli.
Quel che resta del terzo Polo, non ha mai aperto bocca né in consiglio comunale, né prima né dopo la seduta dedicata all'audizione D'Agostino, né sulla stampa od in piazza salvo esprimere alcune mai precisate “perplessità”, insomma ancora peggio della posizione assunta dalla CGIL.
Che poi i due eletti del terzo polo al bar o con quattro ansiosi amici disvelino la loro contrarietà personale, non fa testo ma presa per i fondelli.
Comprendiamo che le centinaia e centinaia di persone in piazza che hanno accolto l'invito del Comitato Noghere-Muggia, e del Circolo Miani, e che hanno votato il 27 giugno ai Giardini Europa la costituzione della Lista civica Muggia, abbiano sconvolto i piani di una inane campagna elettorale ed i calcoli di partiti e partitini. Possiamo anche capire che in questa politica-politicante essi cerchino di “salvarsi il posto” in Comune che quasi sicuramente perderebbero ad ottobre, però c'è un limite anche al pudore e soprattutto al ridicolo. E nei prossimi giorni ricostruiremo nel dettaglio cosa hanno “fatto”, non detto ad orecchio amico quanto sprovveduto, sulla vicenda Laminatoio da febbraio in qua. E già siamo in grado di anticiparvene l'esito: nulla!
Perchè pretendere che i Muggesani, ma anche i Triestini e gli abitanti di San Dorligo-Dolina, siano “bechi, bastonai ma anche contenti” ci sembra francamente un po' troppo.



Muggia, i numeri parlano chiaro.

» Inviato da valmaura il 17 July, 2021 alle 3:41 pm

Dietrologie e retropensieri spazzati via dalla realtà dei fatti.
Ieri al secondo incontro pubblico del Comitato Noghere-Muggia, in collaborazione con il Circolo Miani, per aggiornare sullo sviluppo della situazione Laminatoio-dragaggi, oggi pubblicato sulla stampa con la clamorosa ammissione da parte dei vertici del Gruppo Danieli che, nonostante tutta la disponibilità ottenuta dalla politica, nessuna forza esclusa tra coloro che siedono in Consiglio Regionale e nel Consiglio Comunale di Muggia, il fantomatico progetto della nuova Acciaieria-Laminatoio a Caldo è stato rinviato a data da destinarsi da chi dovrebbe presentarlo ed attuarlo, ovvero dall'ucraina Metinvest.
Così ad ulteriore conferma che lo spontaneo servilismo di questa politica che ha firmato e votato a scatola chiusa sul nulla, e che continua a difenderlo: il progetto che non c'è, contro la volontà dei cittadini è stato gesto quanto mai improvvido e dannoso.
Si è poi passati ad illustrare una prima bozza del programma di governo della Lista Civica Muggia, ed a raccogliere le disponibilità dei cittadini a candidarsi per i venti posti del Consiglio comunale e per la carica di Sindaco. E qui sotto pubblichiamo alcuni spunti del programma che verrà integrato con gli ulteriori suggerimenti dei cittadini.
Ma prima vanno riportati i fatti, senza i quali a meno di non voler negare l'evidenza, si rischia di non essere d'aiuto nella fondamentale battaglia di fermare l'annunciato stabilimento siderurgico.
Ieri erano presenti oltre 120 persone, una quarantina in più di quelle che hanno partecipato alla prima riunione del Comitato due venerdì or sono. Il confronto con i presenti alla manifestazione del giorno prima promossa, come scrive il volantino da loro distribuito in città, da tutte le forze politiche che compongono l'attuale maggioranza che governa il Comune ed in più assieme al sindacato provinciale e comunale della CGIL, è impietoso, per loro si intende, che le persone ai Giardini Europa erano 32, ovvero un quarto di quelle accorse all'invito del Comitato Noghere-Muggia.
Se i numeri, che comunque sono fatti pesanti come pietre, dovessero essere questi anche alle prossime elezioni non ci sarà storia, che il risultato è già scritto.
Pertanto oggi la priorità è quella di continuare a lavorare intensamente e con forte impegno personale nell'informare la comunità, che è cosa faticosa e per cui ci vuole pazienza e consapevolezza calcolando che questa politica e questa "informazione" hanno narcotizzato per anni i cittadini anche di Muggia e Trieste, e se ne trova conferma pure oggi dove la stampa non riporta mezza riga su ieri.
E si può essere francamente ottimisti perchè l'impegno è sacrosanto, anche a tutela di chi oggi se ne "impippa" salvo lamentarsi un domani, quanto obbligato se si vogliono difendere salute, qualità della vita, i beni e le case acquistate con tanti sacrifici ed il futuro di Muggia.
Passiamo alla prima bozza di programma, ovviamente omettendo i punti principali del No al Laminatoio e dei Dragaggi sulle cui motivazioni tanto abbiamo dettagliatamente già scritto, e sull'obbiettivo pratico di eleggere come Lista Civica il Sindaco ed i 12 consiglieri determinati a votare no alla variante del Piano Regolatore comunale chiudendo così definitivamente quanto rapidamente la questione.
-Impegno della nuova amministrazione ad incontrare i residenti sul territorio, nei borghi e nelle frazioni, attraverso pubbliche riunioni in cui informare periodicamente (indicativamente almeno ogni tre mesi) i cittadini sulle attività di Giunta e Consiglio comunale, ascoltare segnalazioni e suggerimenti sulle questioni volte a migliorare la qualità della vita degli abitanti.
-Gestione del territorio: ad oggi rimangono inevase molte problematiche, dal Rio Ospo al Lazzaretto, con al centro due problemi che si trascinano da troppo tempo: l'ex bagno della Polizia e la presenza del grande complesso oggi in carico al Ministero della Difesa, la nuova amministrazione dovrà esercitare un ruolo molto più incisivo per avviare a soluzione queste situazioni, e mettere in sicurezza la viabilità pedonale e ciclabile tra Rio Ospo e tutto il lungomare fino al vecchio confine di Stato.
-Cementificazione del territorio, va posto un freno ad uno sviluppo ulteriore ponendo maggiore attenzione alle riqualificazioni ed alla valorizzazione dell'esistente.
-Gestione del verde pubblico e controllo di quello privato: ultimamente si è assistito a numerosi abbattimenti di alberi d'alto fusto ed a potature sconsiderate, il processo va da subito invertito anche per fare nel nostro piccolo qualcosa di concreto per combattere l'emergenza climatica, e per ogni neonato registrato all'anagrafe comunale va applicata la legge statuale che impone la piantumazione di un nuovo albero entro sei mesi.
-Questione del commercio e dei pubblici esercizi, se è vero che si vuole intercettare una parte del flusso turistico e di passaggio cittadino, vanno estese anche agli operatori della città tutte le agevolazioni oggi riconosciute agli ipermercati.
-La rivendicazione di un ruolo più attivo nella gestione dello sviluppo delle attività portuali, viste le ricadute negative come i miasmi in uscita dalla Siot ed i prossimi interventi sulla linea di costa comunale (terminale logistico portuale ex raffineria, molo nuovo Laminatoio ed annunciata nuova cessione a privati di una vasta area di costa in località Stramare) dove il Comune non può rimanere solo spettatore passivo.
-Lotta alla povertà, aggravata dalla crisi Covid. Adeguare i sussidi pubblici alle persone incapienti all'importo minimo di 780 euro mensili come stabilito nella sentenza della Corte Costituzionale del 20 giugno 2020, come minimo vitale che attualmente ricevono i beneficiari di pensioni di invalidità, pensioni sociali e minime, beneficiari del reddito di cittadinanza ed altri sussidi analoghi. Potenziare i Servizi sociali del Comune in mondo da poter prendere effettivamente in carico le persone in difficoltà, accompagnandole costantemente in tutte le situazioni e nei confronti della pubblica amministrazione.
-Impegnarsi nei confronti della Regione e soprattutto dell'Azienda Sanitaria per potenziare i servizi sanitari sul territorio, invertendo il processo di spoliazione di personale e competenze che sta riducendo le capacità di intervento ed efficacia dei Distretti sanitari territoriali, a tutto vantaggio del privato. Il Sindaco è dal 1934 e leggi seguenti, l'Ufficiale Sanitario del Comune, a cui spetta vigilare sulla salute dei concittadini, che per altro concorrono con le loro tasse a pagare questa sanità, e pertanto deve riassumere un ruolo da protagonista nelle risposte sanitarie ai bisogni della comunità.
-Grazie alla cessazione dei tetti di spesa e del blocco delle assunzioni, il Comune deve riprendersi in carico diretto, ovvero con propri dipendenti, la gestione di tutti quei servizi, oggi “esternalizzati” a cooperative e ditte private, che non hanno portato a grandi risparmi per la pubblica amministrazione e in molti casi offerto una resa qualitativa minore, ponendo così fine al diffuso regime di precariato e di lavoro sottopagato, che coinvolge così tante persone, in particolare giovani, senza dare loro alcuna garanzia per il loro futuro.
Si aspettano ulteriori suggerimenti ed idee, purchè praticabili e concrete.



Elezioni col trucco.

» Inviato da valmaura il 16 July, 2021 alle 1:39 pm

Stanno semplicemente truffando i cittadini possibili elettori.
Questi organi di “informazione” scritta e televisiva (pubblica e privata) stanno esercitando un filtro sulle notizie mirando nemmeno tanto velatamente a falsare le prossime elezioni.
In sostanza stanno negando ai cittadini tutte quelle informazioni e notizie che permetterebbero il formarsi di un giudizio obbiettivo, e soprattutto di un convincimento personale sulle proposte e soluzioni che le forze “concorrenti” propongono, quando, assai raramente, lo fanno.
Questo “giornalismo” sta volutamente cancellando e facendo sparire (vedi il totale silenzio sull'incontro di oggi pomeriggio alle 18, ai Giardini Europa di via Roma a Muggia) le notizie che risultino “scomode” a questa politica ed ai non nobili interessi che rappresenta. Riducendo la partita a tre protagonisti, si fa per dire, che di antagonista hanno poco o nulla: Dipiazza, Russo, Richetti (destra-sinistra e il residuale pentastellato), con i due cespugli, uno di “sinistra” e l'altro di “destra” (Adesso e Futura), e magari riesumando fantasmi scomparsi da un ventennio, a Trieste come a Muggia, che si definiscono “verdi” senza aver mai mosso dita sul territorio e su vicende come Ferriera, Siot, dragaggi, Laminatoio, ecc, ma utili per disturbare e disorientare.
Queste elezioni rischiano di essere come le precedenti una solita triste partita tra bari, dove non a caso nessuno propone soluzioni concrete e fattibili per un presente che non è più sostenibile per molti concittadini, e questi fanno il controcanto in farsetto con i soliti discorsi generici e fumosi che sono perfettamente sovrapponibili.
E non per niente più della metà dei Triestini, intesi come provincia, ha smesso da venti anni di recarsi ai seggi, ma a lorsignori non importa anzi è meglio, così la torta si spartisce tra i soliti pochi noti.
Occhio!
Trieste Verde.



Due notizie: una cattiva ed una buona.

» Inviato da valmaura il 16 July, 2021 alle 1:37 pm

Via al raddoppio della centrale Nucleare di Krsko, a poco più di 100 chilometri da Trieste. Lo ha votato a maggioranza il parlamento di Lubiana in una seduta contestatissima.
Dunque a nulla sono servite le analisi sull'alta sismicità della zona e le richieste austriache di chiuderla, nel totale vergognoso silenzio della Regione FVG e del Governo italiano.
Una decisione che si aggiunge a quella del grande cantiere infrastrutturale che lambirà il Parco naturale della Val Rosandra.
Non si direbbe proprio che la svolta “green” tanto strombazzata trovi qui conferma nei fatti.
Ed ora la buona notizia.
La Commissione Europea per combattere l'effetto Gas Serra, e ridurre da subito le emissioni di Anidride Carbonica Co2 nell'atmosfera, tra le altre misure ha deliberato di dare via ad una grande campagna di “riforestazione” nei paesi europei, “dovranno essere piantati tre miliardi di alberi” per raggiungere la “neutralità climatica” entro il 2035.
Sorge una domanda: Trieste che spicca invece per la deforestazione del suo territorio, con diverse centinaia di alberi abbattuti all'anno, e il Comune di Muggia dove si plaude ad un nuovo mega Laminatoio a Caldo alle Noghere, con copiose emissioni di Co2, fanno parte dell'Europa?
Trieste Verde.




« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83 • Pagina 84 • Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Pagina 260Pagina 261Pagina 262Pagina 263Pagina 264Pagina 265Pagina 266Pagina 267Pagina 268Pagina 269Pagina 270Pagina 271Pagina 272Pagina 273Pagina 274Pagina 275Pagina 276Pagina 277Pagina 278Pagina 279Pagina 280Pagina 281Pagina 282Pagina 283Pagina 284Pagina 285Pagina 286Pagina 287Pagina 288Pagina 289Pagina 290Pagina 291Pagina 292Pagina 293Pagina 294Pagina 295Pagina 296Pagina 297Pagina 298Pagina 299Pagina 300Pagina 301Pagina 302Pagina 303Pagina 304Pagina 305Pagina 306Pagina 307Pagina 308Pagina 309Pagina 310Pagina 311Pagina 312Pagina 313Pagina 314Pagina 315Pagina 316Pagina 317Pagina 318Pagina 319Pagina 320Pagina 321Pagina 322Pagina 323Pagina 324Pagina 325Pagina 326Pagina 327Pagina 328Pagina 329Pagina 330Pagina 331Pagina 332Pagina 333Pagina 334Pagina 335Pagina 336Pagina 337Pagina 338Pagina 339Pagina 340Pagina 341Pagina 342Pagina 343Pagina 344Pagina 345Pagina 346Pagina 347Pagina 348Pagina 349Pagina 350Pagina 351Pagina 352Pagina 353Pagina 354Pagina 355Pagina 356Pagina 357Pagina 358Pagina 359Pagina 360Pagina 361Pagina 362Pagina 363Pagina 364Pagina 365Pagina 366Pagina 367Pagina 368Pagina 369Pagina 370Pagina 371Pagina 372Pagina 373Pagina 374Pagina 375Pagina 376Pagina 377Pagina 378Pagina 379Pagina 380Pagina 381Pagina 382Pagina 383Pagina 384Pagina 385Pagina 386Pagina 387Pagina 388Pagina 389Pagina 390Pagina 391Pagina 392Pagina 393Pagina 394Pagina 395Pagina 396Pagina 397Pagina 398Pagina 399Pagina 400Pagina 401Pagina 402Pagina 403Pagina 404Pagina 405Pagina 406Pagina 407Pagina 408Pagina 409Pagina 410Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 8 August, 2022 - 9:11 pm - Visitatori Totali Nr.