Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Laminatoio a caldo e “giornalismo” a freddo.
Le sorprese della censura talvolta sono anche divertenti. ..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Trieste Verde. A cosa diciamo no!
Dicemmo no alla progettata Centrale a Carbone nel Vallone di Muggia, battaglia vinta..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 80

Ferriera, proprio ieri ….

» Inviato da valmaura il 29 July, 2021 alle 3:24 pm

Proprio nell'articolo di ieri scrivevamo della pericolosità per la salute delle polveri che giacciono sul suolo della Ferriera, magari fossero solo imbrattanti.
Più e più volte abbiamo segnalato da mesi i dissennati metodi adottati per abbattere impianti ed edifici, e le foto da noi pubblicate descrivevano benissimo i rischi.
Non si contano le volte che Scoccimarro, assessore regionale per la difesa dell'ambiente (SignoreIddio!), ha dichiarato sempre e solo le patetiche frasi su “vigilanza, prescrizioni, Arpa” e frattaglie consimili.
Più che un “vigilante” sembra un becchino visto che arriva sempre a babbo morto.
Oggi ha “ricevuto dall'azienda rassicurazioni sull'installazione di telecamere per il controllo di fenomeni come quello di ieri, al fine di individuare i correttivi idonei”.
Che in sostanza significa che semplicemente i “fenomeni” continueranno a verificarsi ma loro li filmeranno per rivederseli con bibita e popcorn.
E non pago il necroforo regionale infierisce pure con un “sopralluogo effettuato questa mattina nell'ex sito siderurgico assieme alla dirigenza di Icop triestino”.
Se sono i Petrucco può stare sereno, quando vennero al Circolo Miani ed esponemmo la situazione di rischio fecero semplicemente spallucce sorridendo, sfogliando controvoglia le analisi del Ministero dell'Ambiente che mettemmo loro in mano.
In quanto alla ricerca dei “correttivi idonei” gliene indichiamo noi uno a gratis, efficace e risolutivo: fare una accurata pulizia di strade e piazzali aspirando i cumuli di polveri giacenti e fare finalmente uno straccio di manutenzione dei suoli. Non occorrono “telecamere” ma olio di gomito ed un minimo di responsabilità. Cose che qui latitano.
Amen.
Trieste Verde.



Cari Triestini, cari Muggesani ed abitanti di Dolina.

» Inviato da valmaura il 28 July, 2021 alle 12:18 pm

Mentre questa politica inconcludente bisticcia attorno al nulla, tanto è priva di proposte e soluzioni concrete, da sembrare tutta uguale, Trieste e Muggia sono alla vigilia di scelte importanti per il loro futuro.
Esse hanno tre nomi: nuova Acciaieria con Laminatoio a Caldo ad Aquilinia, tre dragaggi nel Vallone di Muggia su ampie porzioni dei fondali del nostro Golfo, i lavori di riconversione nell'area Ferriera.
Questioni che determineranno un impatto decisivo sulla nostra vita e sul nostro futuro.
Il perchè è presto detto: questi grandi ed invasivi interventi possono causare un fortissimo impatto ambientale sul nostro territorio.
Lo evidenziamo da tempo e non perchè abbiamo la vocazione dei “gufi” ma semplicemente perchè la nostra vita è una sola e ci teniamo alla salute nostra e dei nostri cari.
Per fare un esempio concreto: dragare dei fondali che negli anni per i dissennati scarichi industriali a mare (dall'ex Aquila alla Ferriera) sono formati da metri e metri di fanghi altamente tossici stratificati in profondità significa diffondere, da Capodistria a Sistiana, una mole di inquinanti capace di mettere a repentaglio la balneazione e stroncare ogni attività lavorativa basata sulla pesca e la miticoltura. E se a “controllarli” saranno le stesse “autorità di vigilanza” (Arpa, Regione, Comune) che per decenni non si sono accorte degli scarichi tossici a mare, degli interramenti abusivi (per un'area pari ad otto campi di calcio allo Scalo Legnami) con gli scarti di lavorazione, e della vistosa modifica della linea di costa, allora capirete bene che il rischio è molto concreto.
La riconversione dell'area Ferriera investe un terreno che come certificato dalle analisi eseguite dai tecnici del Ministero dell'Ambiente è pregno per ogni centimetro in superficie e per metri in profondità degli inquinanti più cancerogeni che esistano al mondo e che superano di due/tremila volte i limiti di legge consentiti. Sollevare polveri, come dissennatamente avvenuto durante i lavori di abbattimento di una parte degli impianti, significa spargere questi inquinanti su mezza Trieste e Muggia per effetto dei venti. Dunque chi si culla nella certezza che la questione Ferriera sia superata si sbaglia e di grosso.
La nuova Acciaieria che andrebbe ad occupare per intero la più vasta area libera della nostra provincia con un inspiegabile sciupio del territorio (1200 metriquadri a lavoratore su di un totale di 480 ettari), per quel poco, anzi pochissimo che è dato di sapere, ma sufficiente per tutta la classe politica di ogni colore e sigla a prostrarsi osannando, avrà un impatto ambientale di grande rilievo.
Copiose emissioni di Anidride Carbonica, Co2, nell'aria per i forni di riscaldamento a Gas Metano, depositi di rifiuti “speciali” all'aperto, un inquinamento acustico rilevante per chi abita alle Noghere, ad Aquilinia e Santa Barbara, oltre a provocare una immediata e drastica svalutazione di case ed immobili, frutto dei sacrifici di una vita.
E segnerà per sempre le prospettive di sviluppo del Comune di Muggia.
Su queste pagine abbiamo appena pubblicato, in mancanza inspiegabile di dati progettuali per Trieste e Muggia, la fotografia del Laminatoio a Caldo gemello in funzione da anni a San Giorgio di Nogaro, estratta dai documenti ufficiali (scheda tecnica AIA) della Regione, realizzato sempre dall'ucraina Metinvest e dalla Danieli. Il quadro che ne esce è più che preoccupante.
Ed allora vogliamo caratterizzare questa insulsa campagna elettorale mettendoci al cuore il ragionamento su questi tre macroproblemi che rischiano di condizionare la vita del nostro territorio nell'immediato futuro?
Noi come Circolo Miani e Trieste Verde lo facciamo da anni e la ragione è molto semplice, da normali cittadini viviamo qui nel bene e nel male, e vorremmo che fosse nel bene: per noi e per la nostra comunità.
Poi fate voi.
Immagine tratta da servizi giornalistici dal titolo: “Viabilità al collasso a San Giorgio, il Prefetto convoca un tavolo per la crisi. Un problema che è vissuto e lamentato da tempo dalla popolazione di San Giorgio di Nogaro, quello del traffico congestionato lungo la strada statale 14, presa letteralmente d'assalto dai mezzi pesanti "(nella foto, camion che trasportano branne d'acciaio)



Smemoranda Triestina.

» Inviato da valmaura il 27 July, 2021 alle 11:44 am

Continua la carrellata di uscite sulla stampa compiacente dei fantasmi della politica triestina in versione strettamente elettorale.
C'è solo l'imbarazzo della scelta deprimente quando non ridicola. Si va dall'ex assessore ai Lavori Pubblici della Giunta Dipiazza, Bandelli, che sfruttando l'afasia mnemonica dei “giornalisti” domaci se ne esce a giorni alterni attaccando, ma si è svegliato dal torpore solo in campagna elettorale, gli uffici comunali da lui diretti per anni, ma allora non se ne accorgeva, di incapacità sui cantieri comunali fermi e su gare ed appalti.
Tutto giusto, anche se gradiremmo non scopiazzasse i nostri articoli, ma lui è proprio l'ultimo a poter criticare i suoi ex uffici.
Poi “si scopron le tombe e si levano i morti”, ovvero ricompare ma solo per piazzare il simboletto sulla scheda elettorale, il partito dei verdi (qui la minuscola è di rigore), da un letargo catacombale lungo almeno 15 anni a Trieste come a Muggia, e parlano su tutto, soprattutto di beghe ed alleanze partitocratiche per la verità, riscoprendo a babbo morto la Centrale Nucleare di Krsko in Slovenia.
Quando il Circolo Miani da 30 anni esatti ne denunciava la pericolosità ed il rischio che questa comportava per Trieste perchè costruita su di una zona ad alta sismicità, a partire dalle inchieste giornalistiche realizzate per il nostro mensile, allora il più diffuso nelle edicole cittadine, curate dal mai troppo compianto Ruggero Calligaris, geologo tra i più preparati, silenzio e silenzi.
Ci pagassero almeno i diritti d'autore, questa banda di presenzialisti elettorali.
Hanno pure cercato di appropriarsi del nostro nome, per altro registrato con atto notarile, Trieste Verde, per confondere le migliaia e migliaia di persone che ci seguono da anni. Ed hanno replicato la scena assieme ad un magma indistinto di siglette partitiche pure a Muggia nel tentativo di scippare il nome del Comitato Noghere nel bluff di accreditarsi nella battaglia contro l'annunciato Laminatoio a Caldo delle Noghere per le prossime elezioni.
Si consolino la gente è meno scema di quel che credono, e se ne accorgeranno, e forse lo capirà pure questo giornalismo d'accatto che li pompa per tenerli in vita.
Teodor per Trieste Verde.



Anita e Giuseppe (Garibaldi) a Muggia.

» Inviato da valmaura il 27 July, 2021 alle 11:42 am

Le malelingue che come sempre non conoscono né si informano sui fatti sostengono che le povere stelle di cui sopra sono vittime di una campagna di “diffamazione”. Orchestrata, ma pensa un po', da loro stessi però, a leggere quanto dichiaravano nei verbali pubblicati sul sito ufficiale (Rete Civica) del Comune di Muggia e riportato dal piccolo giornale, che non rilegge nemmeno quanto scritto due mesi prima. Cosa non si fa per aiutare gli “amici”.
Ora dopo la seduta del Consiglio comunale dedicata interamente all'audizione dell'Oracolo di Delfi, qui materializzatosi sotto le sembianze di Zeno D'Agostino, venuto a vaticinare su di un “progetto fantasma” di un Laminatoio a Caldo alle Noghere che, a detta del Gruppo proponente (Danieli-Metinvest), ancora non esiste (ma questo per gli “eroi dei due Mondi” sbarcati alle Noghere è dettaglio insignificante e trascurabile come i tre dragaggi previsti nel Vallone di Muggia), il 23 aprile così commentavano.
“Le premesse per una partecipazione del territorio sono buone”: Emanuele Romano, qualunque cosa intenda.
“Apprezza le rassicurazioni su eventuali rischi ambientali”: Roberta Tarlao, che ignora del tutto che nel famigerato Protocollo sottoscritto dal Comune di Muggia di impatto ambientale non si scrive neppure per sbaglio.
Tralasciamo qui di riportare le dichiarazioni di tutte le altre forze politiche presenti in Consiglio che sono dello stesso tenore: a sostegno della nuova Acciaieria a scatola chiusa.
Ergo i due si sono diffamati da soli quando un due mesi dopo di colpo scoprono di essere “anti” dando vita ad un nuovo zoppicante “polo” per la bisogna.
Ma qui è utile ricordare i risultati elettorali conseguiti, (i voti di Lista sono quelli che per legge determinano gli eletti in una norma della legge regionale 5 dicembre 2013, n. 19.) alle passate elezioni comunali: 5Stelle (Romano) voti 660, Obbiettivo Muggia (Vlahov, oggi ritiratasi) voti 655, Meio Muia (Tarlao) voti 392. Dunque temiamo di non sbagliare dicendo che per i 5Stelle, che allora ottenevano il 33% dei consensi a livello nazionale, oggi più che dimezzati nei sondaggi, considerando per altro che sempre il voto amministrativo era fortemente penalizzante per i Grillini rispetto ai dati delle “politiche”, oggi rientrare in consiglio anche prima che scoppiasse la bomba Laminatoio sarebbe stato un terno al lotto. Tanto più dicasi per le due altre liste citate sopra.
Questa la pura nuda e cruda realtà.
Poi c'è un altro dato che sgomenta a leggere la delibera del 13 maggio scorso della Giunta comunale di Muggia votata all'unanimità da sindaco ed assessori, delibera che si spera i venti consiglieri comunali ricevano e magari leggano. Anche se finora nessuno dei venti, compresi i nostri “eroi dei due Mondi”, hanno avuto nulla da ridire.
E' la delibera in cui si impegna il Comune a sottoscrivere il Protocollo per il laminatoio fantasma.
In un punto essa recita: “dando atto che il parere in merito alla regolarità contabile non viene espresso in quanto atto che non comporta riflessi diretti o indiretti sulla situazione economico-finanziaria o sul patrimonio dell’ente”.
Ma cosa hanno letto? Nel protocollo è espressamente prevista la necessità per il Comune di fare una variante al Piano Regolatore e la ragione è presto detta: va trasformata la destinazione d'uso attuale di zona commerciale (226mila metriquadri) e verde sportiva (76mila metriquadri) delle Noghere, più o meno la metà di quei 480mila metriquadri necessari per la nuova acciaieria, in zona industriale, declassandone fortemente il valore.
Ma qualcuno dei venti consiglieri si è mai posto la semplice domanda se vale di più a metro quadro un terreno ad uso commerciale di quello destinato ad insediamenti industriali?
E questo preoccupa non poco visto che anche un profano sa benissimo che il valore a metro quadro di terreni destinati ad edilizia residenziale ed attività commerciali è molto ma molto più alto.
Altro che “atto che non comporta riflessi diretti o indiretti sulla situazione economico-finanziaria o sul patrimonio dell’ente”.
Chi si offre dunque volontario per fare parte della nuova “Armata Brancaleone” della politica muggesana?
Teodor



I numeri del Laminatoio a Caldo Metinvest di San Giorgio di Nogaro.

» Inviato da valmaura il 26 July, 2021 alle 2:02 pm

Siamo andati a leggerci, grazie alla ricerca fatta da alcuni cittadini, neanche questo sono buoni a fare questi politicanti che impiegano invece il loro tempo a giocare a soldatini elettorali, i dati dell'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) rilasciata dalla Regione FVG nel 2006 e prorogata fino al 12 dicembre 2022.
Perchè? Semplice, l'ucraina Metinvest è quella che dovrebbe scrivere e presentare il progetto, assieme alla friulana Danieli che lo realizzerebbe, dell'annunciata Acciaieria alle Noghere.
Ragioniamo dunque su di una realtà esistente ed operante da anni, ipotizzando che il Laminatoio a Caldo Noghere non sarà poi molto diverso.
Balza subito agli occhi la differenza dell'area occupata: a San Giorgio “una superficie complessiva di 141.369 mq” contro i 480.000 mq di Muggia, che risulta dunque oltre tre volte più ampia.
E già questo dovrebbe fare riflettere, e non poco.
Strano poi che nella parte descrittiva della zona si scriva che alla voce “case di civile abitazione”: “Presenza di edifici residenziali sul versante Sud-Ovest dello stabilimento (circa 90 metri di distanza dal confine dello stabilimento) in Comune di Carlino”.
Ricordatevelo bene, e molto, perchè quando nel documento Regionale si affronta la voce “Rumore-Inquinamento acustico” si classifica l'area come esclusiva “Zona Industriale” e si applica il massimale di 70 decibel diurni e notturni come limite di legge (la Metinvest ne annuncia invece 60 ma qui la stessa Regione la ridetermina a 70, che comunque è il limite massimo consentito, giudicando la previsione della proprietà non realistica). Peccato che la classificazione “Industriale D1”, ovvero che nel raggio di mille metri dal perimetro dello stabilimento non esistano attività commerciali e case di civile abitazione, non corrisponda a quanto riportato sopra nella scheda descrittiva dell'area: vi ricordate? Condomini e case di civile abitazione a 90 metri di distanza.
Dunque il parametro di legge nelle 24ore per il rumore emesso sarebbe quello di “Zona mista” come stabilisce la legge, e dunque il limite scenderebbe a 50 decibel.
Tiremm innanz.
Prosegue l'AIA regionale: “dei 141.369 mq della quale 45.858 mq risultano coperti e 1.638 mq occupati dagli impianti tecnologici, il restante è scoperto e le aree esterne sono utilizzate come piazzole deposito rifiuti, e per deposito delle materie prime (bramme), scarti di produzione e circolazione mezzi di trasporto e movimentazione”. Insomma un bel guardare ed odorare.
Soprattutto per i fanghi delle vasche di filtraggio della valanga d'acqua del circuito di raffreddamento delle lamine d'acciaio, definiti “fanghi palabili” accatastati a cumulo all'aperto, così i residenti ci potranno andare con paletta e secchiello a farci i castelli di mota. Ovviamente facendo slalom tra cataste di fusti metallici con gli oli industriali ed i solventi di contorno.
E passiamo ai forni di riscaldamento e preriscaldamento come descritto dalla Regione per il Laminatoio di San Giorgio di Nogaro: “Il ciclo produttivo comprende una serie di impianti termici di processo alimentati a GAS METANO a rete, necessari per il riscaldo delle materie prime e semilavorati:
- forno a spinta da 100 ton/ora mod. TENOVA avente potenzialità complessiva pari a 67.450 Kw;
- forno di riscaldo mod. HOTWORK avente potenzialità complessiva di 7.200 kW;
-forno di trattamento termico (TT1) dei prodotti laminati con potenzialità pari a 6.652 kW;
-forno di trattamento termico (TT2) da 17 ton/ora mod. PRISMA dei prodotti laminati con potenzialità pari a 9.108 kW.
Impianti di servizio
-impianto di riduzione e misura di gas metano collegato a rete SNAM con portata di 11.000 Stm3/ora con pressione di esercizio di 8-12 bar;
-linea di distribuzione di gas metano
Depositi di servizio
- deposito di ossigeno;
- deposito gas combustibili in bombole sciolte;
- deposito di oli industriali;
- 1 contenitore-distributore di gasolio, avente capacità massima di 9.000 lt
-piazzola attrezzata per il deposito di scaglie di laminazione, legno, fanghi palabili da impianto di trattamento acque di processo, refrattari di scarto e alcune tipologie di rifiuti pericolosi confezionati.
- gabbia di laminazione del tipo IV alto reversibile di fabbricazione Danieli & C Officine Meccaniche spa (installata nel 2003) : un treno di laminazione è costituito da una serie di gabbie di laminazione, ciascuna delle quali contiene all’interno un telaio, i cilindri di laminazione ed i relativi azionamenti per la regolazione della distanza tra i cilindri per impartire la deformazione al materiale;
-discagliatrice: durante il riscaldamento dei forni si formano sulla superficie del materiale delle scaglie che devono essere rimosse per evitare che lascino impronte sul materiale durante la laminazione. La rimozione di dette scaglie avviene spruzzando acqua ad alta pressione (200 bar) sulla superficie del materiale. Dalla fase di discagliatura derivano dei reflui contenenti le scaglie di laminazione.
Nel dettaglio le temperature di lavorazione:
- forno di riscaldamento mod. HOTWORK Combustione Tecnology Ltd avente potenzialità complessiva di 7.200 kW: capacità di riscaldo a lotti per 126 tonnellate con temperatura di funzionamento compresa tra i 1.1250 e 1.270 °C;
-forno di trattamento termico TT1 dei prodotti laminati con potenzialità pari a 6.652 kW: con capacità di riscaldo 17,4 ton/h mod. Kvaerner Metals Davy. Il riscaldo delle lamiere parte da una temperatura di 20°C fino a una temperatura di trattamento tra i 915 e i 1.500 °C. L’impianto di aspirazione fumi è costituito da tre caminelle a tiraggio naturale posizionate equidistanti lungo la lunghezza del forno.
-forno di trattamento termico TT2 da 17 ton/ora mod. PRISMA dei prodotti laminati con potenzialità pari a 9.108 kW (a regime dal 2008): con temperatura di infornamento di circa 20 °C fino ad una temperatura massima inferiore ai 900 °C. L’impianto di aspirazione fumi è costituito da due impianti tra loro separati: impianto aspirazione fumi dal forno e impianto aspirazione fumi dai bruciatori.
Il forno di preriscaldo rimarrà acceso 16 ore al giorno.
- Impianto di trattamento acque industriali: l’impianto di laminazione a caldo utilizza acqua industriale per il raffreddamento delle apparecchiature e del prodotto laminato. L’acqua è fornita da un pozzo artesiano ubicato nell’area dello stabilimento. Il consumo di acqua è di circa 20 mc/h.
Nel 2011 sono stati registrati i seguenti consumi:
energia elettrica: 30.094,30 Mwh
energia termica: 321.650,75 Mwh
Ulteriori impianti:
Granigliatrice automatica
Camera di verniciatura
Forno di essiccazione
In azienda sono presenti i seguenti depositi di servizio:
- Deposito di gas combustibili in bombole sciolte (azoto, ossigeno, argon, acetilene e GPL) utilizzate in attività manutentiva e/o in caso di emergenza;
- Deposito di oli industriali con capacità massima di 5 m3 suddivisi in fusti da 200 lt cadauno;
- N° 1 contenitore-distributore di gasolio, avente capacità massima di 9.000 lt, matricola 39381 completo di gruppo erogatore P/56 e dispositivi di sicurezza omologati, per il rifornimento di macchine operatrici, utilizzate per la movimentazione delle bramme e dei prodotti finiti;
-Piazzola attrezzata per il deposito della scaglia di laminazione, legno, fanghi palabili da impianto di trattamento acque di processo, refrattari di scarto e alcune tipologie di rifiuti pericolosi confezionati”.
Ecco una immagine della realtà che potrebbe, in dimensioni molto più ampie, trasferirsi a Muggia.
Da notare nella tabella in foto tratta dall'AIA, per le emissioni dei forni a Gas Metano, che producono Co2, Anidride Carbonica, nessun filtro e captatore è descritto.
Che ne dicono i nostri baldi politicanti? Banda di incapaci e cadreghinisti.




« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79 • Pagina 80 • Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Pagina 260Pagina 261Pagina 262Pagina 263Pagina 264Pagina 265Pagina 266Pagina 267Pagina 268Pagina 269Pagina 270Pagina 271Pagina 272Pagina 273Pagina 274Pagina 275Pagina 276Pagina 277Pagina 278Pagina 279Pagina 280Pagina 281Pagina 282Pagina 283Pagina 284Pagina 285Pagina 286Pagina 287Pagina 288Pagina 289Pagina 290Pagina 291Pagina 292Pagina 293Pagina 294Pagina 295Pagina 296Pagina 297Pagina 298Pagina 299Pagina 300Pagina 301Pagina 302Pagina 303Pagina 304Pagina 305Pagina 306Pagina 307Pagina 308Pagina 309Pagina 310Pagina 311Pagina 312Pagina 313Pagina 314Pagina 315Pagina 316Pagina 317Pagina 318Pagina 319Pagina 320Pagina 321Pagina 322Pagina 323Pagina 324Pagina 325Pagina 326Pagina 327Pagina 328Pagina 329Pagina 330Pagina 331Pagina 332Pagina 333Pagina 334Pagina 335Pagina 336Pagina 337Pagina 338Pagina 339Pagina 340Pagina 341Pagina 342Pagina 343Pagina 344Pagina 345Pagina 346Pagina 347Pagina 348Pagina 349Pagina 350Pagina 351Pagina 352Pagina 353Pagina 354Pagina 355Pagina 356Pagina 357Pagina 358Pagina 359Pagina 360Pagina 361Pagina 362Pagina 363Pagina 364Pagina 365Pagina 366Pagina 367Pagina 368Pagina 369Pagina 370Pagina 371Pagina 372Pagina 373Pagina 374Pagina 375Pagina 376Pagina 377Pagina 378Pagina 379Pagina 380Pagina 381Pagina 382Pagina 383Pagina 384Pagina 385Pagina 386Pagina 387Pagina 388Pagina 389Pagina 390Pagina 391Pagina 392Pagina 393Pagina 394Pagina 395Pagina 396Pagina 397Pagina 398Pagina 399Pagina 400Pagina 401Pagina 402Pagina 403Pagina 404Pagina 405Pagina 406Pagina 407Pagina 408Pagina 409Pagina 410Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 8 August, 2022 - 9:51 am - Visitatori Totali Nr.