Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Il neocomunismo. Attenti l'America, non la Cina, è vicina.
Il Bolscevismo ha nuovo volto e nuovi protagonisti. E' il Partito Democratico, che fu di Kennedy, Clinton ed Obama, il nuovo rappresentante dei Soviet. Alexandria Ocasio-Cortez è tra le personalità politiche “che combattono ricchezze e privilegi facendo cadere uno dei tradizionali..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Caos di cittadinanza.
Questo reddito o pensione di cittadinanza viaggia nel caos più completo.Premesso che lo riteniamo una misura giusta ma fortemente condizionata dagli innumerevoli “paletti” attuativi, sempre che non vengano cambiati nella discussione parlamentare.Partiamo da quello che al momento è cosa..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 8

La Voce del Padrone!

» Inviato da valmaura il 14 December, 2018 alle 12:04 pm

In attesa del voto di oggi in Regione sul ripristino del sostegno al reddito regionale MIA con le modifiche da noi suggerite ieri perché, è bene dirlo, l’emendamento presentato da Riccardi e maggioranza non ripristina NULLA! E se ne accorgeranno a breve le migliaia di famiglie di Trieste e Friuli, al di là del panegirico cantato da piccolo giornale, TeleCamberquattro e Rai regionale, servizio pubblico per i “potenti” ma pagato dai “miserabili”. In attesa del rito sacrificale regionale, oggi parliamo della “Voce del padrone”, ovvero di stampa e televisioni. Liquidiamo subito il piccolo giornale che coerente con la censura e la disinformazione, a proposito il direttore attuale ci lascia e non ne sentiremo affatto la mancanza come non ne abbiamo sentito la presenza, una meteora nel grande buco nero della crisi crescente del foglio locale, non ha ritenuto di pubblicare mezza riga che è mezza sulla manifestazione di ieri (il Primorski Dnevnik invece ci ha fatto una pagina, detto a suo onore). Credo che il proseguire di questo atteggiamento, da parte di chi gode comunque di contributi e soprattutto agevolazioni pubbliche, rischi di divenire un problema di ordine pubblico, e forse Questore e Prefetto dovrebbero iniziare ad interessarsene. Quando si usa il monopolio informativo per colpire come una clava quelli che non sono graditi ai padroni di riferimento si fa uso di una violenza che prima o poi rischia di creare, per legittima difesa, pericolose degenerazioni. Attendiamo ora l’ennesimo editoriale di presentazione del direttore entrante, il giornale oramai è come il film “Grand’ Hotel”, chi esce e chi entra dalle sue porte girevoli, condito di frasi a base di “cane da guardia dei cittadini”, ove i chihuahua di Paris Hilton sono molto ma molto più mordaci e pericolosi, di “ascoltare il territorio”, con le capacità di un sordomuto, di “dare voce ai non garantiti”, dopo aver loro strappato la lingua, si intende, e belinate consimili. Da camera dei pari, anzi meglio da dama di corte, gli improperi irripetibili che la gentildonna presente in piazza Oberdan per TeleCamberquattro ha rivolto all’indirizzo di Maurizio Fogar che stava parlando ai presenti. Gli occasionali suoi ascoltatori, increduli, hanno sul momento pensato di essere in una bettola dell’angiporto di Shanghai piuttosto che sotto ai portici del Consiglio regionale. Sulla Rai regionale, servizio pubblico, va steso un sudario di silenzio, tipo quello che solitamente avvolge i cadaveri in avanzato stato putrescente. Allora, questi, piccolo giornale e le due televisioni ti censurano da sempre, o peggio ancora danno spazio a chi ti discredita e diffama, e poi hanno la faccia come le natiche di adontarsi, poverini, di fare gli offesi. Ti inchiappettano con la sabbia ogni giorno che il calendario manda in terra e poi protestano perché ti muovi e denunci lo stupro. Bizzarri vero? Forse i rispettivi padroni farebbero meglio a scegliersi persone perlomeno più furbe. Che parlare di giornalismo qui è come bestemmiare in Chiesa. Dio ci perdoni, a noi, non a loro. Qui sotto, fior da fiore, un esempio di come il piccolo giornale ha impegnato le sue pagine di cronaca oggi. “Dalle passerelle glamour ai set del cinema. I 50 anni d’attività del parrucchiere dei vip”, “Bettini (in Illy) ambasciatrice della Rosa di Gorizia nella “vetrina” di Milano”, “Gemellaggio fra Esof e l’Expo2020 di Dubai”, “Scintille bis tra Tondo e Ziberna dopo lo “scippo” dei due ex civici”. Cinquemila Triestini fanno la fame e sono sotto stacco di luce e gas e sotto sfratto? Echiessenefrega! Fatti informare! Metti il tuo “Mi Piace” a questa Pagina: Facebook Circolo Miani. Riceverai puntualmente notizia dei nuovi articoli. https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521/2352454508358837/?type=3&theater


NON si può più perdere tempo! Giovedì 13 dicembre alle ore 11 in piazza Oberdan davanti alla Regione.

» Inviato da valmaura il 12 December, 2018 alle 8:07 am

NON si può più perdere tempo! Giovedì 13 dicembre alle ore 11 in piazza Oberdan davanti alla Regione. E poi tutti insieme all’INPS di Trieste. La Regione FVG che dopo i ritardi di mesi nelle erogazioni non riesce a fare altro che sospendere il sostegno al reddito regionale (MIA). E ci sono migliaia di persone, donne, bambini, uomini, ridotte in queste condizioni (14.000 famiglie a Trieste e in Regione solo per la MIA). L’INPS che respinge tutte le domande per il modesto REI dei reduci MIA Come migliaia di pensionati con la “minima” e la sociale non riescono più a vivere! Non si può più perdere tempo, troviamoci domani giovedì 13 dicembre alle ore 11 in piazza Oberdan davanti al Consiglio Regionale per ottenere che la Regione ripristini immediatamente un nuovo sostegno al reddito, insomma una MIA bis, fino all’entrata in vigore dell’eventuale reddito/pensione di cittadinanza statale, con la precedente forma di erogazione diretta bypassando il carrozzone INPS e le inefficienze comunali. Qui chiacchiere ed auguri servono poco: la dignità non la porta Babbo Natale. Come l’informazione non la portano il piccolo giornale e le televisioni locali. Trieste e Regione: diamoci una mano! https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521/2350902111847410/?type=3&theater


Vergognosamente incredibile! E siamo molto ma molto gentili.

» Inviato da valmaura il 11 December, 2018 alle 8:05 am

Che nessuna forza politica (partiti, movimenti, forze sociali ed intellettuali, non parliamo poi dei giornalisti che qui non esistono da tempo), ma quel che è peggio anche la gente normale, salvo poche troppo poche persone, dimostrino un minimo di interesse, di umanità e solidarietà verso le migliaia di concittadini di Trieste e del Friuli Venezia Giulia ridotti da mesi e mesi alla miseria più nera, alla disperazione più cupa. Solo per il sostegno al reddito regionale, sospeso, i numeri parlano chiaro: 14.000 famiglie, grossomodo cinquantamila persone tra Trieste ed il resto della Regione. Magari sono i nostri vicini di casa, i compagni di asilo e di banco dei nostri figli e nipoti, la mamma seduta accanto a noi sulla panchina di un giardino, l’anziano che di nascosto butta l’occhio dentro i bottini dell’immondizia sotto casa. Francamente non riusciamo a darci pace sul perché tra i nostri articoli quelli dedicati all’emergenza povertà sono tra i meno letti sulle nostre pagine sui Social. Ci sembra inaccettabile questa indifferenza, questo silenzio. E ci viene da pensare che forse se fossero immigrati godrebbero di maggiore considerazione. Se per le forze politiche, prive oramai di idealità, di militanza e aggrovigliate solo sui loro problemi interni e sui posti da spartire, la nostra aspettativa è pari allo zero, siamo spiacevolmente, e molto, sorpresi per i silenzi e le mancate risposte della nostra comunità. Tanto da chiederci se ha oramai senso chiamarla così. Giovedì 13 dicembre verificheremo quante persone verranno alle 11 in piazza Oberdan davanti al Consiglio Regionale in seduta. E non tanto quante di quelle migliaia di persone che molto spesso provano un forte disagio, e francamente come dar loro torto, a mettere in piazza, in pubblico la loro condizione. No la giornata sarà utile per capire se tutti gli altri, insomma quelli che riescono ancora a tirare avanti, siano in grado di un gesto minimo di solidale umanità. “Se questo è un uomo” titolava Primo Levi il suo libro su Auschwitz. Ritratto sulla povertà di Thomas Benjamin Kennington (1885) https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521/2350027788601509/?type=3&theater


Sbagliato! Gli equilibristi della censura.

» Inviato da valmaura il 9 December, 2018 alle 1:17 pm

Due rapide questioni. La prima. In un sistema come quello italiano nulla di più sbagliato e foriero di messaggi gravi quello accaduto a Roma ieri. Ovvero che il segretario di un partito ad una manifestazione di partito indossi la divisa sportiva della Polizia di Stato con appunto stampata a caratteri cubitali la scritta “Polizia”. Sbagliato per la stessa Polizia, che è di Stato e non di partito, e per un Ministro degli Interni che in quella sede parlava da capo Partito. Non era mai successo prima ed i simboli hanno peso importante nelle società odierne. Analogamente sbagliato che sul palco ci siano i “sindaci” leghisti, a partire dalla monfalconese Cisint, con la fascia tricolore. I sindaci, per legge, rappresentano tutti i cittadini dei loro Comuni e non solo gli elettori leghisti. Loro potevano benissimo esserci, la fascia, simbolo della municipalità, no. E questi non sono solo formalismi da cerimoniale. Purtroppo no. Gli equilibristi della disinformazione. Ieri si è anche svolta, ma a Torino, la manifestazione dei NO TAV. I partecipanti hanno più che doppiato (50.000 la valutazione della Polizia contro i meno venti della precedente Si Tav) quella recente dei favorevoli alla Tav. Sui giornali e telegiornali, salvo lodevoli eccezioni, si è assistito ad un equilibrismo da funamboli per non riconoscere lo straordinario successo dei contrari alla Tav. Nei titoli, e spesso negli articoli e resoconti, non si quantificava mai il numero (pompato in precedenza prima a 25 poi a 30 ed infine a 40.000 per i Si Tav e per una settimana di fila) limitandosi a scrivere o annunciare “le migliaia” di persone. Una penosa ed ennesima disinformazione quasi come al piccolo giornale.


Natale. L’albero dei poveri.

» Inviato da valmaura il 8 December, 2018 alle 12:50 pm

di Gianni Rodari Filastrocca di Natale, la neve è bianca come il sale, la neve è fredda, la notte è nera ma per i bambini è primavera: soltanto per loro, ai piedi del letto è fiorito un alberetto. Che strani fiori, che frutti buoni Oggi sull’albero dei doni: bambole d’oro, treni di latta, orsi del pelo come d’ovatta, e in cima, proprio sul ramo più alto, un cavallo che spicca il salto. Quasi lo tocco… Ma no, ho sognato, ed ecco, adesso, mi sono destato: nella mia casa, accanto al mio letto non è fiorito l’alberetto. Ci sono soltanto i fiori del gelo Sui vetri che mi nascondono il cielo. L’albero dei poveri sui vetri è fiorito: io lo cancello con un dito. Giovedì 13 dicembre alle ore 11, in piazza Oberdan davanti alla Regione. Non si può più perdere tempo, troviamoci giovedì 13 dicembre alle ore 11 in piazza Oberdan davanti al Consiglio Regionale per ottenere che la Regione ripristini immediatamente un nuovo sostegno al reddito, insomma una MIA bis, fino all’entrata in vigore dell’eventuale reddito di cittadinanza statale, con la precedente forma di erogazione diretta bypassando il carrozzone INPS e le inefficienze comunali. Interessa ovviamente tutti i cittadini, “equi e solidali”, e non solo le migliaia di famiglie che da sei mesi non percepiscono più alcun sostegno al reddito. Sempre che si possegga ancora un briciolo di Dignità e Solidarietà.



« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7 • Pagina 8 • Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 19 February, 2019 - 2:43 am - Visitatori Totali Nr.