Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Come a Trieste.
La stessa cosa accaduta alla fine degli anni Novanta durante gli sbancamenti per la costruzione dell'ipermercato Torri d'Europa a..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Gli strascichi di questo maledetto 2020.
Si è spento ieri, per un aggravamento post operatorio, Giuseppe Turani, uno dei..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 8

Abolire le Regioni, e la gestione sanitaria in capo ai Comuni.

» Inviato da valmaura il 5 December, 2020 alle 1:55 pm

Lo abbiamo scritto e riscritto e ben prima che questa ultima emergenza Covid lo confermasse: la gestione regionale del sistema sanitario non funzionava da tempo. Come da tempo sollecitavamo i sindaci, al plurale, ad alzare la voce, a riprendersi nella sostanza, sfruttando due fattori determinanti: l’essere per legge gli Ufficiali Sanitari del Comune, ed il fatto che fossero le tasse dei triestini, intesi come provincia, a pagare il servizio sanitario, voce in capitolo ed indirizzo della tutela della salute della nostra comunità.
Ben prima di questa pandemia avevamo sottolineato le criticità degli ospedali, per non parlare del Pronto Lento Soccorso, la mancanza di posti letto anche in Medicina d’urgenza ed Osservazione temporanea, la carenza di personale e di attrezzature tecniche, il declino dei Distretti Sanitari e la desertificazione della medicina sul territorio (ed i risultati sono emersi in tutta la loro drammatica evidenza ora), i tempi d’attesa biblici per esami, visite e prestazioni specialistiche anche di routine (oculista, ecografie, ecc), a tutta incentivazione e vantaggio della sanità privata. Ed ultimo, ma non certo per importanza, il declino dell’ospedale pediatrico Burlo, il cui illogico trasferimento a Cattinara ne è la conferma.
Ora che l’opinione pubblica nazionale sta prendendo atto del sostanziale fallimento dell’ ente Regione, fonte di inutili doppioni centralistici e di evitabili sprechi, oltre che di crescenti scandali e corrutele, va iniziato da subito il trasferimento di una delle più corpose e costose competenze che l’attuale legge riserva in toto alle Regioni, la gestione della sanità pubblica, al rapporto diretto Stato (Ministero della Sanità)-Comuni. Lasciando invariato ed anzi incentivando il Centro unico per acquisti e forniture in modo da contenere i costi ed evitare spreco o spesso peggio di pubblico denaro, in capo allo Stato.
Tutto il resto sono pannicelli caldi, pillole indigeste anzi suppostone sgradevoli, che questa politica con una stampa servile, interessata e codina, dove parecchi “editori” fanno cospicui affari nella sanità privata, cercano di far passare sulla pelle, letteralmente, dei cittadini.
Certo con i sindaci che Trieste si è scelta negli ultimi decenni non si va molto lontano ed è per questo ed anche su questo che Trieste Verde potrà risultare decisiva nel prossimo Consiglio Comunale, sempre che i cittadini la sostengano e gli elettori la votino.
Teodor.



Riccardi, stia zitto almeno!

» Inviato da valmaura il 3 December, 2020 alle 12:14 pm

Il bilancio attuale della Regione FVG nell’emergenza sanitaria Covid-19 è semplicemente disastroso.
Siamo la terra dove, in controtendenza con l’andamento nazionale, il contagio è fuori controllo, i numeri sono impietosi, deceduti compresi.
Ma cosa più grave da tempo è saltato il sistema di tracciamento, la stampa ha riportato numerose testimonianze di persone positive in isolamento domestico rimaste senza risposta da Asugi, ed ora l’assessore regionale alla sanità si giustifica per il costante aumento del numero dei positivi adducendo la scusante che essi comprendono anche quelli, e finalmente, rilevati nelle strutture private, come se il test fatto privatamente non incidesse sui totali. Roba da matti!
Poi il disastro inaccettabile del contagio galoppante nelle RSA e nelle residenze per anziani, pubbliche e private, dove è altissima non solo la percentuale di positivi tra gli ospiti ed il personale ma soprattutto quella dei deceduti. Come nemmeno durante la prima ondata primaverile.
Errare è umano ma perseverare è diabolico: se lo fai sulla pellaccia tua è un conto ma quando gli “errori” li pagano le fasce più fragili della nostra comunità ciò appare intollerabile.
Segua il nostro consiglio, oltre a tenere su la mascherina tenga la bocca ben chiusa, serve a proteggere la Regione da sproloqui che alla fine risultano pure un’offesa alla realtà.



Perchè Trieste Verde?

» Inviato da valmaura il 2 December, 2020 alle 2:17 pm

Ce lo siamo chiesti in tanti e per quasi un anno, e lo spiegheremo il 20 dicembre, ovviamente solo ai lettori delle nostre pagine che stampa e televisioni ben si guarderanno dal parlarne, anche se annunciano un giorno si e l'altro pure che financo Sissi e Biribissi presenteranno il partito TiraMolla alle prossime elezioni comunali. E provate solo a domandarvene le ragioni e troverete conferma di quanto questo “sistema” ci teme, e dunque ci censura come nessun altro.
Ma a noi va bene così, e per due ottime ragioni. Chi vuole veramente cambiare deve essere e non solo apparire diverso e distante da questa politicaccia dove le differenze alla fine si riducono al nome, e le polemiche salottiere finiscono a tarallucci e vino.
La seconda è elementare: non si può essere distinti e rivendicare una reale diversità accettando di partecipare allo scassato teatrino della peggiore politica che questi spacciatori di notizie fasulle forniscono quotidianamente nel tentativo costante di ingannare l'opinione pubblica. Dove la “politica” è ridotta al TotòSindaci, alle alleanze, occulte o non, tra partiti-tini o a dibattiti tra i soliti quattro pensatori un tanto al chilo. Se noi accettassimo di prendervi parte, partecipando a trasmissioni televisive, inondando di comunicati stampa, sotto il duce le hanno battezzato “veline”, per farci della becera propaganda e piantare la bandierina della propria esistenza in vita, virtuale, giustamente i cittadini non capirebbero e ci accomunerebbero nel pessimo giudizio che oggi tutti i partiti e movimenti vantano. E che spiega il semplicissimo motivo del perchè almeno a Trieste la maggioranza degli elettori non va a votare.
Quando e se sarà il momento utilizzeremo le scarse, per non dire nulle nostre possibilità economiche, frutto di esclusivo autofinanziamento, per stampare e diffondere un numero unico di un giornale cercando di informare su carta quello che i lettori delle nostre pagine conoscono via internet. Se avremo i quattrini ed i volontari sufficienti cercheremo di farlo arrivare a tutti i nuclei familiari di Trieste e Muggia.
Niente manifesti, niente pieghevoli o volgarmente detti santini, niente pubblicità a pagamento su stampa e televisioni, che poi sarebbe come pagare il boia, niente gigantografie mobili o murali.
E non solo per mancanza di denaro, che se anche fossimo ricchissimi troveremmo immorale, con la povertà e la crisi che c'è in giro, sperperare anche solo un euro in propaganda elettorale. Per cui avviso ai naviganti: quando riceverete il nostro giornale tenetevelo stretto quale promemoria fino al momento di entrare in cabina elettorale, sempre, ovvio, che lo vogliate.
Quale sia la nostra volontà, il nostro programma, le nostre soluzioni, non abbiamo bisogno di ripeterle: chi ci legge, e siete in tantissimi, oltre quarantamila, oramai le conosce a memoria.
Si tratta magari di darci un aiuto, farle girare, allargare la loro diffusione, anche con il semplice passaparola ed il copia-incolla, e con la fantasia che ognuno di noi possiede. Oltre naturalmente ad aumentare il numero complessivo dei “Mi Piace” alla nostra Pagina su Facebook, non solo ai singoli articoli di cui va incrementata la “condivisione”, che per le astruse regole del Social, che ultimamente sta incidentalmente restringendo la nostra diffusione, ma noi ai “complotti” non vogliamo credere, permette di aumentare il numero delle “persone raggiunte” dalle nostre informazioni.
Buon “lavoro” a voi, che di buone intenzioni è lastricato l'Inferno, così almeno dicono.
Teodor.



Da Centro Congressi a Centro Vaccini a Terminal Crociere.

» Inviato da valmaura il 2 December, 2020 alle 2:13 pm

Porto Vecchio, piano piano stanno trovando conferme i dubbi da noi avanzati sulla sfida, o se volete azzardo visto che l’esperienza emergenziale sanitaria muterà anche in futuro usi e costumi sociali, della scelta di costruire un nuovo Centro Congressi.
Ora, di fronte all’incompiutezza del manufatto, che noi simpaticamente appelliamo “scatolone”, e della carenza di fondi per ultimarlo (mancano all’appello circa tre ulteriori milioni di euro), e soprattutto del contributo finanziario del Comune di Trieste all’impresa, pari al 42% dei costi (finora circa 13 milioni), e stiamo parlando di soldi nostri, dei triestini, senza contare i futuri tre milioni. Ora dicevamo si dovrebbe fare l’indispensabile chiarezza non solo sul futuro dello “scatolone”, ma sui ritorni che la comunità Triestina ricava da questo cospicuo investimento, oltre alla temporanea breve vetrina di Esof.
Ora il podestà propone una cosa giusta, quanto ovvia, usarlo per la campagna vaccinale futura, ed in effetti la posizione centrale si presta molto anche per i parcheggi disponibili. Ma dopo?
Dopo, quali vantaggi e ristori arrivano ai Triestini per aver investito tutti quei soldi che, a ragionarci poi, avrebbero fatto un gran comodo oggi a poterli avere disponibili per destinarli al sostegno della nostra comunità, concretamente e non con proclami da Masaniello in piazza Unità?
Ovvero il Comune si è garantito contro un’eventuale fallimento dell’operazione?
Ancora: il Comune ha pattuito che per un congruo numero di giornate all’anno la struttura sia messa GRATUITAMENTE a disposizione di associazioni, comitati, cittadini per iniziative da loro promosse senza fini di lucro alcuno, ovviamente? A parziale e proporzionale ristoro del capitale pubblico investito, ed in una città notoriamente priva di luoghi di aggregazione ed incontro gratuiti.
Ed ancora: l’uso temporaneo della struttura per un centro vaccinale dovrebbe avvenire a costo zero, e cioè rientrando in quel ristoro per l’investimento pubblico, tolti i costi per l’adattamento, ASUGI e Regione-Comune non devono sborsare un euro per il suo utilizzo.
Terzo ed ultimo suggerimento, se, come è nell’ordine delle cose e delle possibilità, l’operazione congressuale non dovesse decollare, e sapendo che c’è una delle più importanti compagnie armatoriali disponibile eventualmente a rilevarlo-acquistarlo così com’è per trasformarlo nel Terminal Crociere di Trieste, male non sarebbe valutare attentamente questa opzione.
Solo i paracarri non cambiano idea, e sono fatti in pietra non con il nostro denaro, e comunque un Terminal garantirebbe un indotto ed una ricaduta economica per il territorio molto superiore, e certa, di quella congressuale, penalizzata fortemente per altro dai pochi collegamenti aerei e ferroviari della Regione.
Ma guarda un po’ cosa ti va a pensare quest’incolta Trieste Verde!
Teodor.



Abolire le Regioni.

» Inviato da valmaura il 1 December, 2020 alle 11:53 am

Oggi il federalismo passa tra i Comuni e lo Stato.
Le Regioni, sia quelle ordinarie che quelle a Statuto speciale, hanno fallito e mancato al loro compito. Sono in sostanza divenute organi di assoluto centralismo, e francamente a questo punto meglio averne uno, di centralismi burocratici, che venti.
Tutta l'emergenza sanitaria ne è la riprova più evidente e segna proprio il fallimento complessivo dell'autonomia regionale su uno dei punti più importanti per i cittadini.
E lasciamo stare poi le gozzoviglie, le crapule, gli sperperi, i favoritismi e le clientele, le “spese pazze”, le ricchissime indennità di cui godono consiglieri ed assessori regionali, che le cronache come inchieste e sentenze della magistratura, penale ed amministrativa, stanno a dimostrarlo in abbondanza.
Molto spesso poi i costi altissimi per mantenere in piedi questa burocrazia regionale rendono gli enti il più delle volte autoreferenziali, ovvero parte importante del loro bilancio se ne va per mantenerli in vita. Se poi le Regioni si riducono a semplici passasoldi tra Stato e Comuni, non servono a nulla se non ad aggravare il tutto con burocrazie peggiori di quelle statali ed improntate a clientelismi e familismi di ogni sorta.
Passata questa drammatica vicenda credo l'Italia dovrà porsi seriamente questo problema, modificando il rapporto federalista a favore dei Comuni ed eliminando questi carrozzoni intermedi fonti perenni di sprechi e lentezze burocratiche, e che alla prova dei fatti hanno di nuovo complessivamente fallito.
Teodor.




« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7 • Pagina 8 • Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Pagina 260Pagina 261Pagina 262Pagina 263Pagina 264Pagina 265Pagina 266Pagina 267Pagina 268Pagina 269Pagina 270Pagina 271Pagina 272Pagina 273Pagina 274Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 16 January, 2021 - 10:55 pm - Visitatori Totali Nr.