Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Laminatoio a caldo e “giornalismo” a freddo.
Le sorprese della censura talvolta sono anche divertenti. ..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Trieste Verde. A cosa diciamo no!
Dicemmo no alla progettata Centrale a Carbone nel Vallone di Muggia, battaglia vinta..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 78

Come desertificare i seggi. Risate a “denti stretti”.

» Inviato da valmaura il 10 October, 2021 alle 12:20 pm

Sentite qua cosa scrivono i due “spin doctor” (?: dottori della spina dorsale?) dei candidati Russo e Dipiazza in lizza per il ballottaggio tra pochi intimi di domenica prossima.
Ambedue, Matteo Russo, fratello “minore” di nome e di fatto, nella foto gli arriva alla spalla, del Francesco, e Vittorio Squeglia della Marra non in Serbelloni Mazzanti Vien dal Mare, per Roberto, hanno una cosa in comune: sono diversamente alti e diversamente dotati di capelli.
La seconda cosa che li unisce è l'uso della lingua inglese, e tra parentesi troverete le qualifiche professionali in uso a Londra o negli States, tutte rigorosamente in lingua italiana, lì.
Partiamo da quanto pescato sulla stampa oggi pro Francesco Russo.
“Head of digital brand protection (Responsabile della protezione del marchio digitale) all'interno di Fincantieri, durante una conferenza stampa assieme al fratello Matteo, che gli fa da "campaign manager” (responsabile della campagna). Dichiara il “minore”: “ Martedì mattina farà (Russo) il giro delle osterie di San Giacomo, e risulta che ha il tasso di reach ed engagement (raggiungere il coinvolgimento) più alto”.
Ne siamo convinti, che il “tasso” sale dopo il giro delle osterie.
Passiamo al lato Dipiazza.
Lo Squeglia, semplifichiamo, dice che “La comunicazione di questa campagna, che sto curando con la collaborazione degli esperti di tutti i partiti della coalizione, è l'evoluzione di quella del 2016, mai interrotta. Dal primo giorno di insediamento il sindaco ha fatto comunicazione di campagna permanente. Dietro c'è lo studio approfondito di flusso e analisi dei dati che provengono dalla websfera”, qualunque cosa significhi.
Ma una cosa risulta chiara: ogni atto di Dipiazza dal 2016 al 2021 era teso ad una “campagna (elettorale) permanente”. Interessante confessione che ci aiuta a capire molte cose.
Poi il Russo chiude con la solita balla elettorale: “si schiera con il comitato per la salvaguardia della pineta di Cattinara. «Se eletto farò quanto possibile per preservare ed aumentare quel patrimonio ambientale - queste le parole di Russo - intervenendo per verificare le possibili alternative rispetto all'attuale progetto e alla destinazione finale del Burlo». La mobilitazione del comitato per salvare la pineta di Cattinara è iniziata più di un anno fa con una raccolta firme. In quell'area è prevista la costruzione di un nuovo parcheggio sotterraneo.”
Veramente qui le balle sono più d'una. La battaglia per salvare la Pineta e mantenere l'ospedale Burlo in via dell'Istria non l'ha iniziata un sedicente comitato, ma il Circolo Miani con Trieste Verde che ha sollevato la notizia e organizzato una affollata manifestazione (300 e più persone, e non residenti a Cattinara) il 27 giugno del 2020 in piazza Unità davanti al Municipio.
Il progetto di distruzione della Pineta e di ampliamento dell'ospedale con trasferimento del Burlo è stato ideato dal suo PD e sostenuto dai 5Stelle, con il voto unanime della destra. Dunque che fa? Autocritica e ripensamento, ambedue tardivi quanto purtroppo inutili?
Se questo è il sistema per recuperare voti alla disperata, allora non ci siamo proprio.
Teodor.



Muggia non è “l'asilo Mariuccia”.

» Inviato da valmaura il 10 October, 2021 alle 12:18 pm

Parte male la politica muggesana, forse qualcuno dovrebbe ricordare a lorsignori che la campagna elettorale è finita da una settimana e polemiche pretestuose per inserirsi negli scampoli di quella triestina non giovano al bene della nostra comunità.
Per cui risparmiate ai muggesani inutili bisticci su pagine social e consimili. Le pagine su Facebook vanno e vengono, i problemi della gente purtroppo no.
Mi attendo, da consigliere comunale della Lista civica Muggia, di ascoltare il programma della nuova amministrazione e di valutare la competenza dei nuovi assessori indicati dal Sindaco e poi deciderò come esprimermi.
In un Comune si è chiamati ad amministrare problemi concreti al solo fine di migliorare la qualità della vita dei cittadini e di tutelarne il benessere di cui la salute è componente primaria, con particolare attenzione verso le fasce più deboli e meno garantite della popolazione che non hanno lobbies politiche od economiche a rappresentarle.
Il Comune di Muggia ha purtroppo sottoscritto quel Protocollo d'Intesa che spalanca le porte al progetto della nuova Acciaieria, nonostante i distinguo e le supercazzole sentite in campagna elettorale, la sostanza è questa. Il Comune, come recita lo Statuto, che dando prova ripetuta di grave analfabetismo istituzionale una galleggiante politica di lungo corso ha negato, vede nel Sindaco (articolo 27 dello Statuto del Comune: …il Sindaco è responsabile dell'amministrazione dell'Ente. Ha la rappresentanza generale del Comune.”) il suo rappresentante che ha infatti firmato tale documento impegnando così la cittadinanza.
Attendo dunque di ascoltare, senza alcuna prevenzione ideologica ma richiamandomi al rispetto sostanziale e formale della Costituzione, quello che dichiarerà il neo Sindaco, ed agirò dunque di conseguenza rispettando appieno il Regolamento del Consiglio comunale e lo Statuto del Comune di Muggia, ed anzi coglierò l'occasione per chiederne l'integrale applicazione nelle parti che riguardano l'effettiva funzionalità del Consiglio e che garantiscono la partecipazione dei cittadini alle scelte del Comune. Il Municipio è infatti per legge la “casa” dei cittadini che tra l'altro ne sono anche i proprietari fisici.
Maurizio Fogar.



A qualcuno interessa ancora?

» Inviato da valmaura il 9 October, 2021 alle 11:09 am

Viva, viva la Siot partner della Barcolana.
 
Al convegno Barcolana Sea Summit, il solito festival dell'ipocrisia parolaia, “Il presidente e ad dell'oleodotto Siot Alessio Lilli si è chiesto «quando passeremo da 40 a 20 milioni di tonnellate di greggio trasportato, quali saranno le alternative del porto per continuare a generare valore? Siamo chiamati ovunque a un salto quantico per ridisegnare il paradigma energetico, ma continuo a vedere scarsa immaginazione.”
Ma va? A parte la poesia del “quantico” e del “paradigma”, così parlano i veri signori perbacco, sforzi la sua immaginazione, anzi il suo naso che qui la realtà supera di gran lunga l'immaginazione, per i miasmi di “benzina marcia” con cui “quanticamente” e massivamente la sua azienda impesta a giorni e venti alterni Muggia, Aquilinia, Dolina, Trieste, e le fumate nere allo zolfo con cui le petroliere inquinano il nostro Golfo.
Lo sponsor ideale dunque per la Barcolana.
Ma nessuno, dai due duellanti al ballottaggio, ai verdi tarocchi, ai adessi, futuri e passati triestini, ha mai aperto bocca su ciò, e fanno bene! Tanto i cocai continuano a votarli comunque.
Poi della serie “chi li ha visti mai” il sottotitolo da scompisciarsi:“Porto e Capitaneria in prima linea per ridurre le emissioni inquinanti”.
Ma per Trieste basta e avanza.
Teodor.



Leggiamo i dati. Trieste.

» Inviato da valmaura il 9 October, 2021 alle 11:08 am

Gli attuali risultati elettorali sono pressochè identici per quanto riguarda il voto conseguito dal centro sinistra-sinistra a quelli ottenuti nelle elezioni del 2011, ovvero dieci anni fa. Anzi sono inferiori e di molto rispetto ai voti effettivi allora ottenuti, ed anche alla percentuale complessiva realizzata allora dalle liste che componevano quello che Bersani definisce oggi il “campo progressista”. In particolare a sinistra-sinistra c'è stato solo un parziale riposizionamento dei voti allora ricevuti dalle tre liste che a questa nel 2011 si richiamavano e che oggi si ripresentano sotto il nome di Adesso Trieste. In più oggi c'è l'aggravante del drastico calo dei consensi che allora erano andati ai 5Stelle e che avevano espresso due consiglieri comunali.
Nel centrodestra si è sgonfiata la bolla Bandelli, tenuta in vita artificialmente da stampa e televisioni per interessi editoriali, nel vano tentativo di indebolire Dipiazza.
Cosa uscirà da questo ballottaggio dunque saranno i sempre meno elettori a deciderlo, anche se gli oltre 16 punti di distacco del primo turno che Dipiazza ha inflitto a Russo, sono ardui da recuperare.
Ed infatti cinque anni fa il sindaco uscente, dunque con una rendita di posizione, Cosolini non riuscì nell'impresa di recuperare i 12 punti che lo separavano dal sempre Dipiazza.
Ed abbiamo la sensazione che molti elettori delle forze minori, a partire dai bastonati pentastellati, non voteranno Russo, anzi non voteranno proprio. In quanto alle “periferie” che hanno disertato le urne al primo turno nulla fa pensare che al secondo si spintonino per entrare ai seggi.
Non bastano una o due comparsate per convincere chi le abita, dopo abbandoni ultradecennali.
Il caffè San Marco farà tendenza, ma desertifica le urne, con buona pace di Rumiz, e come dimostrano i consensi personali ottenuti dalle frange della destra estrema tra i pochi elettori delle zone più povere della città.
Punto.



Muggia. Un suicidio annunciato.

» Inviato da valmaura il 8 October, 2021 alle 2:35 pm

Partiamo dalla sinistra, o da quel che ne rimane. Posto il fatto che la crisi risale ai tempi dell'amministrazione Nesladek, di cui la Tarlao era assessore, la scelta di defenestrare la Marzi a pochi mesi dalle elezioni, che qualunque sano di mente avrebbe interpretato, come poi è accaduto, come un giudizio negativo sull'operato della sua sindacatura, in cui parte rilevante però aveva avuto il vicesindaco PD Bussani poi candidato a Sindaco, cosa incomprensibile ai più, era il preludio di una sconfitta annunciata.
Io non so se la Marzi abbia bene o male meritato nei suoi oltre cinque anni da sindaco, sapevo solo quello che pubblicava la stampa in cui ho motivata poca fiducia. Le ho parlato in un'unica occasione al telefono per capire le ragioni della sua firma, in rappresentanza del Comune di Muggia, al famigerato Protocollo d'Intesa regionale che spalancava le porte al progetto della nuova Acciaieria a Noghere-Aquilinia. E ne ho tratto l'impressione di una sua inaudita arroganza accompagnata da una completa disinformazione.
Se poi la CGIL, che a Muggia vanta 1300 e passa iscritti, ai suoi incontri in piazza con i candidati sindaci non riesce a portarne alcuno, allora tutto torna.
A suggellare il tutto, ovvero a mettere la pietra tombale sulle residue possibilità della sinistra muggesana, ci ha pensato poi il Nesladek, colui che aveva negato al Comune di Trieste la collocazione del mercato Ortofrutticolo alle Noghere perchè avrebbe comportato, parole sue, un aumento del traffico ed un lavoro supplementare per i vigili urbani, con una dichiarazione a favore della nuova Acciaieria che, per inciso, oltre a tutto il resto provocherà un costante afflusso di Tir a tutto scapito degli esausti agenti della polizia locale.
Arriviamo al fantasmagorico “Terzo Polo”, che di civico nulla aveva, assommando una pletora di partitini, inesistenti come i Verdi, e ripescando una politica spazzata via ai tempi di Mani Pulite.
I dati sono talmente impietosi, e ve li riproponiamo sotto, che solo grazie ad alcuni sprovveduti fuoriusciti dal Comitato Noghere, la Tarlao è riuscita a raggiungere l'obbiettivo che si era prefissa: ovvero conservare il posto in Consiglio comunale. Il suo partner, che cinque anni fa con i 5Stelle aveva conseguito un significativo risultato personale e di Lista, stavolta ha raccolto 5, cinque, soli voti.
E veniamo alle responsabilità di chi, credendosi fini strateghi politici ed abboccando in pieno al piano, legittimo sia chiaro, della Tarlao, una persona espressione da quindici e passa anni di questo sistema politico, di conservazione del seggio portano enormi responsabilità sul presente e sul futuro della comunità muggesana. E qui non mi riferisco ad uno dei candidati minori ma che ha la pesante responsabilità di aver coinvolto il movimento civico sorto impetuoso e partecipato come non mai a Muggia nella polemica politichese aprendo ed approfondendo fratture allora inesistenti sulla stampa.
Alla luce dello spoglio elettorale, questi Richelieu delle Noghere hanno raggiunto lo splendido risultato, di salvare si il posto alla Tarlao, ma di sprecare la possibilità di eleggere almeno tre consiglieri comunali. Dico almeno perchè è stata proprio la loro azione a sperperare il patrimonio di distanza e diversità contenuto nella scelta votata da centinaia di muggesani in piazza di dare vita ad una Lista civica contrapposta al sistema dei partiti, unica che poteva motivare la quasi meta dei concittadini a ritornare alle urne. E dunque li hanno di fatto incoraggiati a non tornare a votare producendo alla fine i risultati di queste elezioni. Dunque i tre consiglieri potenziali che i numeri assegnati da queste votazioni davano, potevano essere in realtà molti di più.
Una sola considerazione sulla vittoria di Polidori: in queste condizioni chiunque, anche se paracadutato da Marte, avrebbe vinto facile queste elezioni.
Maurizio Fogar.
Ed ora i dati.
Muggia. Un caso clinico.
Non ci sono parole per commentare la totale dissociazione dalla realtà.
“Sempre più elettori che condividono la mia idea”: Tarlao.
Ma di quali elettori sta parlando?
Vediamo i numeri: in queste elezioni la sua Lista Meio Muia ha ricevuto 157 voti, mentre nelle precedenti elezioni del 2016, a sostanziale parità di elettori, i voti erano stati 392. Ergo ne ha persi 235.
I suoi alleati di allora, Romano dei 5Stelle, nel 2016 avevano raccolto 660 voti. Oggi gli “altri”della sua coalizione, escluso la lista locale Noghere che le ha salvato il seggio, ne assommano 159, ovvero ben 501 in meno. Ed il povero Romano, consigliere uscente ed uscito dai pentastellati oggi raggranella 5 (cinque) voti di preferenza.
Stesso impietoso confronto se si guardano i voti a Sindaco di oggi e quelli sommati di ieri di Romano e Tarlao.
Fossimo in lei non avremmo tanti motivi per ridere.
Lista civica Muggia.”




« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77 • Pagina 78 • Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Pagina 260Pagina 261Pagina 262Pagina 263Pagina 264Pagina 265Pagina 266Pagina 267Pagina 268Pagina 269Pagina 270Pagina 271Pagina 272Pagina 273Pagina 274Pagina 275Pagina 276Pagina 277Pagina 278Pagina 279Pagina 280Pagina 281Pagina 282Pagina 283Pagina 284Pagina 285Pagina 286Pagina 287Pagina 288Pagina 289Pagina 290Pagina 291Pagina 292Pagina 293Pagina 294Pagina 295Pagina 296Pagina 297Pagina 298Pagina 299Pagina 300Pagina 301Pagina 302Pagina 303Pagina 304Pagina 305Pagina 306Pagina 307Pagina 308Pagina 309Pagina 310Pagina 311Pagina 312Pagina 313Pagina 314Pagina 315Pagina 316Pagina 317Pagina 318Pagina 319Pagina 320Pagina 321Pagina 322Pagina 323Pagina 324Pagina 325Pagina 326Pagina 327Pagina 328Pagina 329Pagina 330Pagina 331Pagina 332Pagina 333Pagina 334Pagina 335Pagina 336Pagina 337Pagina 338Pagina 339Pagina 340Pagina 341Pagina 342Pagina 343Pagina 344Pagina 345Pagina 346Pagina 347Pagina 348Pagina 349Pagina 350Pagina 351Pagina 352Pagina 353Pagina 354Pagina 355Pagina 356Pagina 357Pagina 358Pagina 359Pagina 360Pagina 361Pagina 362Pagina 363Pagina 364Pagina 365Pagina 366Pagina 367Pagina 368Pagina 369Pagina 370Pagina 371Pagina 372Pagina 373Pagina 374Pagina 375Pagina 376Pagina 377Pagina 378Pagina 379Pagina 380Pagina 381Pagina 382Pagina 383Pagina 384Pagina 385Pagina 386Pagina 387Pagina 388Pagina 389Pagina 390Pagina 391Pagina 392Pagina 393Pagina 394Pagina 395Pagina 396Pagina 397Pagina 398Pagina 399Pagina 400Pagina 401Pagina 402Pagina 403Pagina 404Pagina 405Pagina 406Pagina 407Pagina 408Pagina 409Pagina 410Pagina 411Pagina 412Pagina 413Pagina 414Pagina 415Pagina 416Pagina 417Pagina 418Pagina 419Pagina 420Pagina 421Pagina 422Pagina 423Pagina 424Pagina 425Pagina 426Pagina 427Pagina 428Pagina 429Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 26 February, 2024 - 3:00 am - Visitatori Totali Nr.