Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Orpo che Arpa !
Trieste. I podisti vogliono tornare a correre “Murati dentro casa ci si indebolisce”.Anche in terapia intensiva ci si indebolisce e murati in un loculo ancora di più.Ferriera. Scoccimarro ribadisce “l'ottimo lavoro dell'Arpa”.Orpo che Arpa! Da scompisciare.Parco..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Corsi e ricorsi della storia.
“All’orizzonte si staglia la grande idea di una Europa delle Nazioni in cui la Germania nazionalsocialista occuperà un posto di primo piano” (28 aprile 1924) Joseph Goebbels. Il precoce.Tolgo la bandiera europea fino a che l’Europa non sarà..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 78

Ferriera. “Moderata soddisfazione” e de chè?

» Inviato da valmaura il 30 June, 2018 alle 12:27 pm

Dopo l’assolutamente inutile incontro con il presidente FVG Fedriga e l’assessore ambientale Scoccimarro che si è concluso con un mare di chiacchiere e banalità (dalla “riconversione portuale” alla eventuale discussione del governativo Accordo di Programma, sempre che il cavalier Arvedi acconsenta) si ripropone come obbiettivo rivoluzionario una carellata di incontri tra “la città ed i politici”. Fantastico: si torna indietro al Punto Zero, a venti anni fa, ad un confronto tra “la città” e la politica, ovvero con i responsabili, tutti: 5Stelle compresi, della situazione attuale della Ferriera, e non solo. Cominciamo dalla prospettiva della riconversione dell’area nella logistica portuale. Non solo un’idea ma un progetto preciso, con un percorso finanziabile in toto dai fondi Europei, presentato dal Circolo Miani, assieme al Forum Ferriera in un Convegno alla Stazione Marittima nel 2004, ripresentato poi al Tavolo regionale per “la dismissione e riconversione della Ferriera”, quello presieduto dall’assessore regionale Cosolini (Giunta Illy) da Fogar e Pezzetta che ne facevano parte, e mai preso in considerazione negli anni a seguire neppure dai 5Stelle. Ignorato pure un convegno sul tema organizzato sempre dal Circolo Miani con relatori gli architetti milanesi che si occupano di questi progetti per conto della Comunità Europea. A conferma che la stampa è totalmente asservita al sistema dei partiti. Chiudere perchè poi? Visto che tutti i dati presentati fin qui dall’ARPA di fiducia della Sara Vito prima e di Scoccimarro ora danno risultati più che lusinghieri sul rispetto dei limiti di legge sulle emissioni della Ferriera. Forse andrebbe più utilmente pensata la chiusura di Arpa e consulenze. Non si può ovviamente chiedere la chiusura dell’area a caldo e contemporaneamente incentrare la propria azione nel pretendere la “copertura dei parchi minerali” (Dipiazza and company), del tutto inutile ai fini della tutela della salute salvo che per quello del Coke, inquinante, con lavori di durata quadriennale perlomeno. Un controsenso assurdo visto che i parchi minerali esistono solo ed esclusivamente finchè vi è una produzione di Ghisa e appunto Coke, ovvero solo se “l’area a caldo” continua a produrre. Dunque l’azione di questa Regione, come di questo Sindaco Dipiazza, è solo “chiacchiere e distintivo” un po’ come l’impegno assunto nel 2008 dal Presidente della Commissione Ambiente della Camera, onorevole Angelo Alessandri, incidentalmente Presidente nazionale della Lega Nord, in un incontro al Circolo Miani, accompagnato dall’assessora di Tondo, Seganti, e dal deputato leghista Massimiliano Fedriga. La Commissione parlamentare da lui guidata aveva votato (anche allora i “Pianeti erano allineati”: Governo, Regione e Comune in mano saldamente al centrodestra) una risoluzione parlamentare che impegnava Governo e Regione, ognuno per la sua parte, a redigere entro il 23 novembre 2008 il piano di dismissione e riconversione della Ferriera di Servola per il 2009, come fissato nel protocollo d’intesa siglato tra la Lucchini ed il Governo nel 2001. Ecco tutte chiacchiere con gli stessi medesimi protagonisti. “Moderata soddisfazione”, si forse giustificata dal “moderato apparire”. Se ci spiegano dove la vedono questa soddisfazione …. In quanto ad Arvedi diremmo piena soddisfazione. Per questo Circolo Miani e Servola Respira hanno scelto, dopo il totale fallimento della politica e l’inerzia di tutti gli organi di controllo (i parcheggi abusivi in Costiera hanno la precedenza: alla Jonny Stecchino di Benigni dove per Palermo la piaga più grave era “il Traffico”), di aprire un confronto direttamente con la proprietà della Ferriera. Un confronto che ha prodotto già alcuni risultati nel segno di una reale e concreta riduzione del danno per cittadini e lavoratori. Fatti e non chiacchiere che lasciamo volentieri ad altri. https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521.1073741826.1497907667146863/2210886845848938/?type=3&theater


Fedriga e Scoccimarro in campagna elettorale.

» Inviato da valmaura il 28 June, 2018 alle 12:17 pm

“Chiudere l’area a caldo e magari tutta la Ferriera.” Ora diteci perché, come e quando! Sono venti anni giusti che i politici, iniziò l’allora Presidente regionale Antonione che per la verità e senza ironia ne propose il trasloco, ce lo raccontano. Una settimana fa è stata la (ri)volta del senatore 5Stelle Patuanelli, che di Di Maio dopo la passeggiata di tre ore per Trieste da anni si son perse le tracce. Noi, Circolo Miani e Servola Respira, che abbiamo il faticoso merito di aver sollevato il problema nel 1998 e di averlo sostenuto fino ad oggi, mentre quasi tutti quelli venuti dopo, almeno dieci anni dopo, o se ne fregavano bellamente, o stavano dall’altra parte, o ci insultavano e dileggiavano (il Circolo Miani si occupa di cultura, dunque di ambiente e salute non capisce una mazza), a questo punto chiediamo ai “preparati” ed ai “nuovi” di spiegarci in parole povere come intendano farlo (chiudere area a caldo e Ferriera). In quali tempi, con che misure concrete, con quali strumenti operativi (tipo questa Arpa?). Ecco giusto per imparare (non bisogna mai smettere di farlo) e per non farsi prendere per i fondelli per l’ennesima volta. L’incontro con Ponzio Pilato Fedriga si può riassumere così: palla in tribuna (Governo), abdicazione al ruolo di intervento e controllo della Regione, tante chiacchiere e Arvedi Dominus. Felicissimi di esser stati esclusi: le commedie preferiamo vederle a Teatro. Che salute, lavoro, qualità della vita ed ambiente sono cose troppo serie ed acculturate per essere lasciate in mano ad una congrega di sprovveduti. A promemoria ripubblichiamo qunto scritto dieci giorni orsono. Ferriera. La farsa continua. Già il giorno scelto porta male, pur non essendo cabalistici: il 19 giugno. (poi spostato al 27). Giusto giusto il secondo anniversario della terza rielezione a sindaco di Dipiazza: quello di “quel cancro lo chiudo domani” (2001), “se sfora ancora una volta, la chiudo” (2006) e “chiudo l’area a caldo in 100 giorni” (2016). Ma prendiamo atto che il nuovo Presidente Fedriga ha scelto di proseguire sulla strada tracciata da Illy, sindaco “Nel 2000 l’aria di Servola sarà pulita” e presidente Regione, da Tondo uno e due, presidente Regione quello del “se eletto una settimana dopo verrò a Servola (a cui attribuisce da vero conoscitore 50.000 residenti) e chiederò agli abitanti come chiudere la Ferriera” (2008). La siora Maria morta nell’attesa glielo ha lasciato scritto in testamento. E “chiudere la Ferriera è la priorità della mia Amministrazione” (sempre 2008). Da Dipiazza, sindaco uno e trino, da Cosolini e Serracchiani. Dunque Massimiliano Fedriga è in buonissima compagnia, ovviamente secondo i punti di vista si intende, e certo si comprende il perché delle gimcane del suo assessore Scoccimarro nelle prime assai infelici uscite pubbliche sempre sulla Ferriera. Poi gli è scoppiata in mano la bomba dei dragaggi nel porto di Monfalcone, dove, non aveva neanche finito di omaggiare la monfalconese predecessora Sara Vito, ed esaltare, “blindare” addirittura, i vertici tecnici del suo assessorato e dell’Arpa, che la magistratura goriziana gliene indaga uno, ed i bene informati vociferano che si tratta solo del primo della lista. Il neoassessore all’ambiente regionale era partito come un gallo ruspante a TeleCamberquattro, alla Rai regionale lottizzata, e sulla sua pagina Facebook: “chiudere in tempi brevi la Ferriera e mettere i lavoratori in cassa integrazione”. Ora che la legge non glielo consenta per lui era solo un inutile dettaglio, ma tant’è dopo i proclami di Dipiazza e Tondo evidentemente non voleva essere da meno. Poi silenzio, dopo la riunione con i vertici tecnici del suo assessorato ed Arpa, al posto del “ruspante” compare un gallo cappone. Talmente abbacchiato e dimesso che si fa sfanculare perfino da Cosolini, che è tutto dire, sempre dagli schermi di TeleCamberquattro, con il vicedirettore che prima cerca di rianimarlo, la pagnotta è sacra, e poi infastidito lo invita a rispondere. Ora il 19 giugno il Fedriga, indisponibile per un mese e mezzo, anche solo a dare un riscontro agli inviti di Circolo Miani e Servola Respira, ma ognuno risponde della sua educazione, organizza un incontro con le sigle che in questi anni hanno dimostrato di non conoscere e capire niente del ciclo produttivo della Ferriera e delle criticità degli impianti, ma di saper bene appoggiarsi agli amici di partito, in campagna elettorale e non: a fianco di Tondo prima, di Cosolini e Dipiazza poi e propagandisti elettorali dei 5Stelle in ultimo. Può giovare qui di sfuggita ricordare che il tavolo tecnico regionale messo su dalla Serracchiani l’altr’anno con la partecipazione di Circolo Miani e Servola Respira è stato fatto saltare alla terza riunione quando cioè Arpa, consulenti e tecnici dell’Assessorato Ambiente, presenti sempre ai massimi livelli, si rifiutarono di dare risposte alle segnalazioni precise sulle criticità degli impianti avanzate proprio da Romano Pezzetta e Maurizio Fogar. Appare del tutto evidente che confermando in blocco la struttura tecnica regionale, consulenti ed Arpa compresi; escludendo le uniche realtà che conoscono problemi e soluzioni della Ferriera, la linea Fedriga/Scoccimarro è chiarissima: lasciare le cose come stanno magari (e)ruttando parole di fuoco. E noi sopra gliene abbiamo ricordate alcune utili allo loro bisogna. Per quanto ci riguarda Circolo Miani e Servola Respira che hanno sollevato ed affrontato il problema dal 1998, continueranno nel loro impegno e nel percorso di confronto con la proprietà per arrivare a misure ed interventi concreti a tutela della salute di cittadini e lavoratori. Esattamente l’opposto delle chiacchiere dei politici di vecchio e nuovo conio e delle campagne propagandistiche promosse dal MinCulPop dell’informazione locale. Saranno, come sempre, i cittadini a valutare i risultati. Se volete aiutarci con un vostro "Mi Piace" alle nostre Pagine Facebook, meglio. Nella foto. Valmaura: asilo nido, Ferriera e Superstrada. https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521.1073741826.1497907667146863/2209600325977590/?type=3&theater


Trieste. Nessun dorma!

» Inviato da valmaura il 27 June, 2018 alle 10:11 am

Magari. Neppure con una pinta di caffè. 31 maggio. Scadono i cinque mesi entro i quali i due avvocati assunti dal Comune e retribuiti con 51.000 euro dovevano presentare gli atti, il parere e l’indirizzo legale al Sindaco per agire sulla Ferriera nei confronti della Regione e oltre. Siamo al 26 giugno e tutto tace. 26 giugno. Sono passati praticamente sei mesi, metà dell’incarico annuale, del riconfermato chimico Barbieri a Consulente del Sindaco sulla Ferriera. Costo per i contribuenti 34.000 euro. Nel periodo trascorso non ha mai presentato un report sul lavoro svolto. 26 giugno. 180 giorni: e sono sei i mesi di ritardo sul versamento dell’assegno mensile antipovertà regionale. Coinvolge disgraziatamente 1200 famiglie di Trieste ed altre migliaia in Friuli Venezia Giulia. Tutti tacciono e “sollecitano”. Tre estati. Ci avviamo a trascorrere la terza estate in cui ai bambini viene proibito frequentare i giardini risultati inquinati dal marzo 2016, a cominciare da quello di Piazzale Rosmini. I quattrini per le bonifiche erano disponibili dall’aprile dello stesso 2016. 3.000 euro è l’indennità dell’assessore Polli e dei suoi colleghi in Giunta a Trieste. Sui 1.200 euro è l’indennità percepita mensilmente dai consiglieri comunali di Trieste. 8.000 euro più benefit percepiscono i consiglieri regionali. In gran parte spesi, evidentemente, per acquistare vagonate di Valium visto che nessuno apre bocca. https://www.youtube.com/watch?v=iukkg-rRDMY


Rioni abbandonati. Come NON si fa informazione.

» Inviato da valmaura il 25 June, 2018 alle 1:20 pm

Sporadicamente la stampa locale (TiVù comprese) si accorge del degrado in cui versano intere zone della nostra città e ci imbastisce una o due paginate al ritmo di un servizio all’anno, mediamente estivo: utile per riempire le pagine o i telegiornali nel periodo di magra, affidandone la realizzazione a collaboratori esterni.
Oggi ritocca al piccolo giornale che descrive in una “inchiesta” le condizioni penose in cui versano mediamente i complessi di edilizia popolare gestiti dall’Ater (da Rozzolo Melara a Valmaura, da San Sabba a Borgo San Sergio, da Roiano a San Giovanni).
Il canovaccio è sempre lo stesso: due foto, o quattro immagini, due interviste alle persone che ci abitano, una sintesi prodotta dalla stessa Ater.
Se questa è un’inchiesta allora è come domandarsi se il foglio locale sia un giornale.
Facile fotografare un cesso buttato tra il “verde”, meno facile invece indagare e sviscerare le responsabilità che non possono essere liquidate attribuendole solo alla maleducazione ed alla inciviltà di singole persone.
“L’abisso chiama l’abisso” scriveva Primo Levi che, probabilmente, gran parte dei “giornalisti” domaci ignora chi sia.
No, le vere responsabilità, insomma le cause non gli effetti da queste determinate.
Ed allora bisogna informare i cittadini lettori di come viene gestita la politica dell’edilizia pubblica o popolare. Di chi sia responsabile politicamente parlando della nomina dei vertici delle aziende che gestiscono questo importante segmento della pubblica amministrazione, del riparto dei fondi pubblici e delle risorse. Bisogna chiedersi il perché da decenni i vertici dello IACP prima ed Ater ora siano feudi dei partiti su nomina di Regione e prima anche di Comune e Provincia dove piazzare i fedelissimi, i parenti anche.
Bisogna indagare giornalisticamente parlando su come funzionano i servizi, la manutenzione e su come vengono assegnati e controllati gli appalti pubblici. Il recente caso dei caseggiati “nuovi” di via Negri è esemplare.
Bisogna allargare il tiro su come vengono garantiti i servizi socioassistenziali e sanitari alle persone più “deboli” (anziani e giovani per primi) che risiedono in queste aree. Quale sia la qualità della vita che offre il rione in cui questi complessi sono inseriti (la risposta è facile: praticamente nulla e non da oggi).
Insomma fare una inchiesta vuol dire portare a galla responsabilità, colpe e meriti che pur ci sono soprattutto nel mondo del volontariato.
Incalzare sistematicamente gli enti pubblici, i partiti (che per altro quello che “sanno” del degrado dei quartieri è solo quello che leggono sui giornali in servizi come l’odierno), per costringerli a risolvere queste ed altre emergenze, additando all’opinione pubblica nomi e cognomi dei responsabili e chiedendone cacciata e rimozione.
O le inchieste si fanno così o perlomeno non menzionate questo nome invano e tornate a fare quello che vi riesce meglio: il megafono della politica.

https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521.1073741826.1497907667146863/2206470932957196/?type=3&theater




Prima gli Italiani? O no?

» Inviato da valmaura il 24 June, 2018 alle 2:44 pm

Facciamo finta che sia vero. Allora la nuova amministrazione regionale in sella da quasi due mesi e che di questo slogan ha fatto la propria bandiera, nella realtà lo ha platealmente smentito.
Facciamo un esempio concreto, tanto per restare ai fatti.
La Giunta regionale ha trovato il tempo per intervenire sui migranti, dal taglio dei finanziamenti in poi, ma non ha fatto mezzo atto per risolvere il vergognoso e disumano ritardo con cui da sei mesi migliaia di famiglie attendono il versamento del Sostegno regionale al reddito MIA.
Eppure i denari ci sono, il ritardo è colpa della Regione che nonostante fosse cosciente delle difficoltà tecniche ha ritenuto di delegare comunque l’erogazione all’INPS. La responsabilità è pure del Comune di Trieste, e degli altri enti locali, che consci di questa situazione nulla hanno fatto per sbloccarla in sei mesi!
Allora qui ci sono migliaia e migliaia, solo a Trieste 1200 nuclei familiari, di persone, bambini compresi, ridotte alla disperazione ed alla esasperazione. Fedriga se ci sei, chiedi scusa e batti un colpo risolutore che la gente non si sfama a chiacchiere. A meno che lo slogan giusto non sia “Prima gli Italiani, ma solo quelli ricchi”.
In quanto ai Cinque Stelle, altro che “reddito di cittadinanza”, qui stanno facendo una figura inguardabile nel loro silenzio a dimostrazione che non hanno la più pallida conoscenza dei problemi veri della nostra comunità. Sul PD e Forza Italia una prece è più che sufficiente, quando avranno finito di sputtanarsi reciprocamente nemmeno il voto dei parenti rimarrà loro.
Riproponiamo la nostra proposta inviata da mesi a Comune e Regione e che non ha ricevuto nemmeno l’educazione di un riscontro.
Decreto antipovertà Regione FVG
“La Giunta regionale delibera che, sulla base ed a parziale modifica di quanto decretato in precedenza, il semestre di proroga del Sostegno al reddito regionale (MIA) per il periodo compreso tra gennaio e giugno 2018, venga erogato con le modalità in vigore fino al dicembre 2017, in una unica soluzione entro e non oltre il 30 giugno del corrente mese.
Per gli importi fa fede quanto fissato nella delibera di proroga, ovvero gli stessi percepiti nel bimestre settembre-ottobre 2017 dai beneficiari.
La giunta regionale nel dare efficacia con procedura d’urgenza alla presente delibera la trasmette ai comuni di competenza per l’immediata esecutività ed all’INPS per opportuna conoscenza.
Salvaguardando così i termini della legge statuale istitutiva del REI e permettendo ai cittadini aventi diritto di effettuarne richiesta a partire dal 1 luglio.”
Nella foto: due migranti fermati da Roberti in divisa da Vicesindaco.

https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521.1073741826.1497907667146863/2205569769713979/?type=3&theater





« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77 • Pagina 78 • Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 6 April, 2020 - 2:52 pm - Visitatori Totali Nr.