Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Laminatoio a caldo e “giornalismo” a freddo.
Le sorprese della censura talvolta sono anche divertenti. ..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Trieste Verde. A cosa diciamo no!
Dicemmo no alla progettata Centrale a Carbone nel Vallone di Muggia, battaglia vinta..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 72

In questi giorni riesplode la polemica sulla “Giornata del Ricordo” e su Foibe ed Esodo.

» Inviato da valmaura il 31 August, 2021 alle 1:29 pm

Spiace notare che su questo anche gli storici ed i ricercatori locali si siano espressi in un vecchio politichese di stampo democristiano ben lontano dal ruolo che fu proprio della Deputazione regionale dell'Istituto di Storia del Movimento di Liberazione di cui lo storico Galliano Fogar, assieme ad Ercole Miani, fu uno dei fondatori: Segretario, Presidente e Direttore della rivista Qualestoria.
Cosa ne pensasse è ben sintetizzato in questa sua intervista.
«Foibe, memoria dimezzata».
Si avvicina la data del 25 aprile, giornata della celebrazione della Liberazione alla Risiera di San Sabba, spesso equiparata alla Foiba di Basovizza.
Pubblichiamo una intervista a Galliano Fogar a cura di Matteo Moder pubblicata sul "Manifesto" il 10 febbraio 2006.
Lo storico Galliano Fogar: «Ciampi dimentica la violenza fascista. L'esodo e le foibe furono due tragedie, ma non sono paragonabili alla Risiera di San Sabba»
Su questo abbiamo posto alcune domande a Galliano Fogar, storico dell'Istituto per la storia del Movimento di liberazione nel Friuli Venezia Giulia.
Che pensa del discorso di Ciampi?
Il messaggio di Ciampi per la giornata del Ricordo dell'esodo istriano, fiumano e dalmata, senza alcun cenno al fascismo e alle sue colpe per quanto è poi avvenuto nella Venezia Giulia, può anche indirettamente suffragare l'idea, tutta post-fascista, che su questi confini si sono fronteggiati due totalitarismi, quello nazista e quello comunista jugoslavo di stampo stalinista. Non è stato così. E il fascismo dov'è? Io rispetto ciò che dice Ciampi per il fatto che gli italiani dell'Istria, di Fiume e di Zara dovettero abbandonare le terre perse, ma anche lui dimentica di ricordare che tutto ciò, anche se è certamente da condannare sul piano umano e morale, ebbe il suo terreno di coltura nella violenza fascista e nell'invasione e disgregazione della Jugoslavia da parte italiana e tedesca. Senza questo non si può discutere, non esiste una storia a metà.
Fini alla cerimonia con Ciampi ha dichiarato: "Basta buchi neri, basta omissioni, basta pagine strappate..."
Altro che buchi neri. Nelle terre di confine, in quella che fu la Venezia Giulia il ventennio fascista imperversò, ancor prima dell'invasione della Jugoslavia, con una violenta opera di snazionalizzazione verso tutto ciò che non era «italiano» e perciò «fascista». Io non mi rassegno al fatto che la storia venga «dimezzata», che l'ignoranza e la disinformazione su quanto realmente è avvenuto qui, in quella che fu la Venezia Giulia, la faccia da padrone e che perfino gli eredi dell'ex Pci si appiattiscano sulle tesi antistoriche di An, che fa nascere la storia dal 1945, dall'occupazione di Trieste da parte delle truppe di Tito.
Invece di una memoria condivisa siamo ad una storia dimezzata?
Sì, c'è la volontà di una storia dimezzata. Era quello che avrei voluto dire il 6 febbraio di due anni fa a Fassino e Violante quando vennero a Trieste per aderire alla proposta di Roberto Menia (An) di istituire il 10 febbraio la giornata del ricordo dell'esodo e per attribuire al Pci di allora colpe ed errori di valutazione. Come può Fassino dire che il Pci sbaglio "perché l'aggressione fascista alla Jugoslavia non poteva giustificare in nessun modo la perdita di territori né l'esodo degli Italiani"?
Ma è stata quella la causa scatenante, l'Italia fascista è stata responsabile e corresponsabile con la Germania di Hitler delle devastazioni e delle stragi che hanno insanguinato l'Europa. A partire da queste terre con stragi perpetrate dai militari italiani, rappresaglie delle camice nere contro le popolazioni in Slovenia, i campi di concentramento come quello famigerato di Arbe: decine e decine di migliaia furono le vittime civili, non solo i partigiani. Che dovrebbero dire ebrei, polacchi, russi, i milioni che sono stati sterminati?
C'è il tentativo di omologare la Resistenza alla tragica stagione delle Fobie?
Dal processo della Risiera del 1976 non si contano più i tentativi di equiparare la Resistenza alle Foibe, il comunismo jugoslavo al nazifascismo. Poi si è passati al revisionismo storico, al voler equiparare carnefici e vittime, a chiedere la pacificazione nazionale servendosi dell'ignoranza della storia per cercare di cancellare i valori della resistenza antifascista. Con una martellante campagna di stampa sulla «vergogna della tragedia dimenticata» e sui processi da fare per le foibe, dimenticando che già sotto il Governo militare alleato erano stati celebrati a Trieste processi contro 72 infoibatori o presunti tali con condanne fino all'ergastolo. E' deplorevole che parte della grande stampa , la Rai, i politici democratici conoscano assai poco le vicende internazionali - e non locali - di una regione, la Venezia Giulia, che con la guerra fu coinvolta in pieno nel conflitto dell'area danubiana-balcanica. Non è un caso che il 10 febbraio preso dalla destra come simbolo della tragedia (ma foibe ed esodo sono due cose distinte) è la data della sigla del Trattato di Pace di Parigi. Ma questi signori non spiegano che l'Italia era sul banco degli imputati e che la gran parte dell'Istria e Fiume furono perdute non certo per colpa dei partigiani ma per le precise colpe del fascismo e della sua violenta opera snazionalizzatrice prima e per l'invasione della Jugoslavia poi.



Trieste: la cultura dei parrucconi.

» Inviato da valmaura il 31 August, 2021 alle 1:25 pm

Quando scriviamo, in tutti i campi, che esistono due Trieste, due città separate e non comunicanti: nel benessere, nella qualità della vita, nella salute, il discorso appare ancora più evidente nel campo culturale, di cui la città si vanta e bea ma che in realtà è un hobby di pochi per pochi.
Tra gli ispiratori ed amici della nascita del Circolo Miani nel 1981 figurava il prof. Carlo Tullio Altan, forse il più noto antropologo italiano, docente prima all'Università Sapienza di Roma e poi a quella di Trieste, e padre del vignettista satirico Francesco.
In uno dei suoi saggi, da noi recensito, Altan evidenziava che nella nostra società esistono da sempre due culture: una con la “C” maiuscola, accademica, baronale, elitaria, e un'altra, anzi tante altre, con la “c” minuscola che rappresentavano il comune sentire, gli interessi attuali, i bisogni perfino della stragrande maggioranza della popolazione, insomma la vita reale.
Per lui, e per noi, la prima si riconduceva ai santuari tradizionali dei teatri, dei concerti, delle tavole rotonde tra i soliti noti nei caffè intellettuali, dei premi autoreferenziali, e che la funzione degli “intellettuali” nella nostra società avrebbe fatto inorridire Gramsci, Salvemini e Calamandrei.
Comprensibile capire perchè fino dalla sua nascita, nell'agosto 1981, il Circolo Miani rompendo tutte le consuetudini, e questa fu la chiave del suo inarrivabile successo, si offrì come strumento di crescita assieme culturale e sociale.
E fin dall'inizio proponemmo e praticammo una “cultura” che fosse partecipata, vissuta dalle persone e dal territorio dove queste vivevano, senza distinguere il diritto all'informazione ed al piacere culturale da quelli legati alle emergenze economiche e sociali. E pur avendo ospitato oltre 120 tra i maggiori testimoni della società italiana ed europea le nostre non erano “conferenze”, dove i relatori stavano sul palco e tenevano lezione, ma dibattiti a tu per tu con le persone che intervenivano su di un piano di totale parità.
Così come fin da subito iniziammo una campagna, proseguita per 40 anni, di recupero ed apertura degli immobili e delle aree di proprietà pubblica (Regione, allora Provincia e Comune, principalmente) per renderli accessibili e funzionali ai bisogni di incontro, socialità dei cittadini di tutte le età nei quartieri dove essi vivevano.
E come ben sapete Trieste è piena zeppa, scandalosamente piena, di ville, parchi, immobili, scuole, lasciati marcire in spregio anche delle volontà testamentarie dei donatori, nel degrado e nell'abbandono più totale. Se esistesse una attenzione da parte della magistratura soprattutto contabile, gli amministratori pubblici avrebbero dovuto da tempo essere chiamati a rispondere in solido di questo immenso danno erariale, oltre che sociale.
Ci fu perfino chiesto da due amministrazioni regionali dello scorso secolo e di segno opposto, a riconoscimento del nostro impegno, di riscrivere la legge regionale sugli interventi in merito ai finanziamenti, sempre a pioggia e clientela, dei contributi regionali per legarli all'offerta di sedi e servizi a costo zero per tutte quelle associazioni e comitati spontanei di cittadini, senza fini di lucro, che operavano sul territorio del Friuli Venezia Giulia. Il tutto poi, com'era prevedibile, rimase lettera morta perchè andava ad intaccare la borsa della spesa di questa politica.
Dunque ora Trieste Verde e la Lista civica Muggia insistono nel proporre che le nuove amministrazioni comunali divengano un attore protagonista di questa linea, valorizzando altresì le istituzioni culturali e museali presenti tutte nel centro città, e di cui la gran parte dei Triestini, intesi come provincia, o ignora del tutto la loro esistenza o comunque non ne ha mai messo piede, per aprile e metterle in rete con questa cultura del e sul territorio i cui contenuti vanno indicati dalle persone che vi vivono, così come gli strumenti idonei per realizzarli.
Altrimenti bisogna prendere atto che le esperienze nei primi anni Settanta dei Teatri Tenda di Dario Fo e Franca Rame, di Proietti e Gassman, dei concerti “borgatari” dei grandi cantautori, e perfino le estati romane dell'effimero di Nicolini, a questa politica, a questi intellettuali un tanto al chilo a questa sinistra da operetta non hanno insegnato proprio nulla.
O la “cultura” questo è, o semplicemente non è, per quanti fronzoli, belletti e marchette indossi.
Infatti come risposta hanno “murato vivo” l'unica struttura praticabile nella zona est di Trieste: l'Auditorium da 300 posti a Valmaura.
Maurizio Fogar per Trieste Verde e Lista civica Muggia.



Sanità Triestina. I sondaggi del “divino” Otelma.

» Inviato da valmaura il 30 August, 2021 alle 11:03 am

Oggi sulla stampa locale si pubblica il risultato commissionato dalla Regione sul “gradimento” del sistema sanitario regionale, e come un buon oste che si rispetti il responso è che il suo vino è ottimo!
Poi leggendo tra le righe risulta tutto il contrario, ma partiamo dal titolo.
“Sanità locale promossa da 8 cittadini su 10. Intervistato da Swg un campione di 800 residenti in regione”
E leggiamo tra le righe: “Tornando all'ambito generale, metà dei cittadini attribuisce una valutazione chiaramente positiva alla sanità del Fvg”. Dunque non più "8 su 10" promuovono.
Ma poi: “Numeri che scendono, rispettivamente, al 41% e al 40% a Pordenone e Trieste per quanto riguarda il gradimento dell'Azienda stessa e al 45% e al 44%, invece, per l'intero sistema sanitario. Per quanto riguarda, invece, le problematiche del sistema sanitario regionale, queste sono rappresentante essenzialmente, almeno per il 73% degli intervistati e con un dato identico all'analogo sondaggio effettuato a febbraio, dalle liste d'attesa eccessivamente lunghe, mentre per il 47% - in calo dell'11% - dai tempi d'attesa in pronto soccorso.
Poi il commento soddisfatto dell'oste, ovvero l'assessore regionale alla Sanità Riccardi, il committente del sondaggio.
Ora contrariamente al titolo ed alla presentazione del risultato, dalla lettura dei dati emerge invece esattamente l'opposto: ovvero che a Trieste ben il 60% non è “soddisfatto” della propria Azienda Sanitaria, ed a Pordenone gli insoddisfatti sono il 59%, con giudizi analogamente negativi sull'intero sistema sanitario regionale.
Poi ben 3 persone su quattro, “almeno il 73%”, anche se facciamo fatica a comprendere quel “almeno”, protesta contro le liste d'attesa nella Sanità pubblica e quasi la metà per la lunghezza dei tempi al “Pronto Soccorso”.
Ora tutto quello che ne esce smentisce nettamente il titolo e conferma invece appieno del perchè Trieste Verde e la Lista civica Muggia abbiano messo nel dieci punti prioritari dei loro programmi la necessità e l'urgenza che i Sindaci, per legge dal 1934 Ufficiali Sanitari dei Comuni i cui cittadini pagano con le loro tasse questo servizio sanitario, riprendano un ruolo attivo e determinante nella gestione della Sanità pubblica, oltre ad arrestare un degrado progressivo di quella territoriale, i Distretti Sanitari, che almeno a Trieste sono stati spogliati di gran parte dei servizi di base e specialistici.
La prossima volta che Riccardi interpelli il mago Otelma, forse gli andrà meglio e costerà, a noi, di meno.



Cari concittadini di Muggia e Trieste. Acciaieria e Dragaggi. Cosa ci aspetta.

» Inviato da valmaura il 29 August, 2021 alle 5:12 pm

Come ho da sempre sostenuto quello accaduto finora, soprattutto le chiacchiere e gli annunci della politica, è stato solo l'antipasto, o se preferite la premesse all'evolversi della situazione.
Il punto di svolta si è palesato con le improvvide certezze del leghista Giorgetti, ad omaggiare la Danieli a casa sua e poi a Trieste, ove il Ministro per lo Sviluppo Economico ha dato per cosa fatta la questione Laminatoio a ciclo completo a Muggia, anche se, debole in geografia, lo ha definito “il fiore all'occhiello di Trieste”. Dicendo però anche una cosa vera: ovvero le ricadute dell'inquinamento prodotto dalla nuova Acciaieria di Noghere-Aquilinia investiranno parimenti pure Trieste e San Dorligo, oltre Muggia.
Sono queste dichiarazioni, e soprattutto il non detto che annunciavano, che mi hanno convinto ad accettare l'offerta da tanti muggesani avanzatami in questi mesi, di optare per la candidatura a Sindaco di Muggia, rinunciando a quella di Trieste. Lo esigevano le nuove dichiarate condizioni che davano il via al passaggio alla vera e propria fase critica sulla questione.
Perchè la partita decisiva inizierà a fine settembre, prima metà di ottobre, esattamente in concomitanza con l'esito delle elezioni amministrative di Muggia e Trieste del 3-4 ottobre, con le notizie sulle decisioni della multinazionale ucraina Metinvest a cui è associato il Gruppo friulano Danieli.
E stavolta non basterà ripetere come un disco rotto “non lam”, una battuta da Bagaglino e da avanspettacolo, ma si entrerà nel merito del confronto tecnico ed amministrativo, dove non si può bluffare sulla propria ignoranza che lorsignori ti ingurgitano in un amen e senza bisogno neppure del ruttino di circostanza.
E se la Lista civica Muggia non avrà ottenuto la maggioranza degli eletti in Consiglio comunale, che tecnicamente passa per la mia elezione a Sindaco, la legge elettorale questa è, e dunque non avrà i numeri per impedire la variante al Piano regolatore urbanistico per l'area delle Noghere, il finale è già scritto.
Personalmente mi sono studiato per molte ore e giorni il funzionamento del Laminatoio gemello operante da alcuni anni a San Giorgio di Nogaro, mi sono riletto il centinaio di pagine di schede tecniche e prescrittive dell'AIA regionale, ed il quadro che ne esce, per altro già sufficientemente abbozzato dalla pubblicazione curata dalla Danieli per lo stabilimento alle Noghere, edita ad aprile, ma pare sia l'unico che a Muggia ed in tutta Trieste l'abbia letta, è devastante per l'impatto ambientale, in particolare per le emissioni dei forni, non solo quelli di riscaldamento che carburano a Gas Metano, altro che “decarbonizzazione”, ma soprattutto quelli dei reparti di zincatura, smerigliatura e soprattutto verniciatura, già operanti a San Giorgio e previsti per Aquilinia.
Un mix di ossidi di Azoto e di Zolfo che al contatto con l'umidità si trasformano in Acido Solforico, e che si andranno a sommare alle tonnellate di metri cubi di Co2, Anidride Carbonica, in uscita dai forni alimentati a Gas Metano.
In più si aggiunge, oltre all'inquinamento acustico (altro che i 55 decibel di massima annunciati dalla proprietà, che a San Giorgio, stessa solfa, la Regione li ha elevati d'ufficio a 70 DB sulla media delle 24ore), il grave problema dei depositi a cielo aperto, a San Giorgio come in futuro alle Noghere, degli scarti di lavorazione e delle montagnole dei fanghi “palabili” per migliaia e migliaia di tonnellate, oltre al consumo massivo di energia elettrica ed acqua.
Senza considerare l'intensissimo continuo traffico di Tir che ha costretto il Prefetto di Udine ad emettere una ordinanza straordinaria per limitarne l'accesso, che intasavano la statale per San Giorgio.
Dunque la difesa della comunità di Muggia, e quindi di Trieste e San Dorligo, è subordinata a due condizioni preliminari: la maggioranza in Consiglio degli eletti della Lista civica Muggia, che dei camaleonti è meglio non fidarsi, ed il possesso delle capacità tecnica ed amministrativa necessarie per affrontare un confronto che su questo campo avverrà, e che non si improvvisa recitando il rosario del “no lam”.
Personalmente ho alle spalle una pluriventennale esperienza maturata sulla vicenda Ferriera, e non solo, tanto che lo stesso Arvedi si è rivolto al Circolo Miani per pianificare la riduzione del danno (inquinamento acustico, spolveramenti, funzionamento degli impianti per la riduzione delle emissioni) nei due ultimi anni di produzione dello stabilimento siderurgico. Ed i risultati si sono visti, eccome, alla faccia dell'Arpa, della Regione, del Comune e dei comitatini asserviti ai partiti.
Stessa e parallela vicenda possiamo prevedere sulla questione dragaggi, tre, nel Vallone di Muggia, ma su questo abbiamo già diffusamente scritto e parlato, e lo rifarò negli incontri informativi sul territorio che a breve inizieranno a Muggia.
Poi come sempre l'ultima parola, giusta o sbagliata che sia, spetta sempre e solo ai cittadini elettori come si usa in democrazia, solo che stavolta questa non sarà una elezione “normale” ma un referendum su salute, qualità della vita, tutela dei propri legittimi interessi e futuro di Muggia, ma anche di Dolina e Trieste.
Auguri di scegliere per il meglio.
Maurizio Fogar.



Alberi, giardini, antenne e ripetitori scompaiono in queste elezioni. Perchè?

» Inviato da valmaura il 28 August, 2021 alle 10:27 am

Già perchè nessuno parla di una delle principali emergenze del nostro territorio, dove si cementa tutto il cementabile e si vive una progressiva tropicalizzazione di clima e temperature.
Sembra che gli unici ad accorgersene, e da anni non da oggi, siano il Circolo Miani e Trieste Verde.
Mai vista, come negli ultimi dieci anni, una strage immotivata di alberi d'alto fusto in tutto il nostro territorio: dal centro alle periferie e sul Carso.
Mai visto un degrado ed un abbandono totale di giardini, molti ancora sempre inquinati a cinque anni di distanza, ed aree verdi spesso ridotte ad immondezzaio.
Mai visto un fiorire così intenso di antenne e ripetitori di telefonia mobile in ogni dove: di fronte a strutture sociali, sanitarie, scolastiche e nel cuore delle zone più densamente abitate, in attesa frenetica di un 5G, la nuova tecnologia su cui perfino la Comunità Europea ha invitato ad esercitare la massima precauzione in attesa di approfondimenti scientifici sulle ripercussioni per la salute umana e l'ambiente.
Eppure nessuno in questa sgangherata e sempiterna campagna elettorale affronta e si confronta su questo. Continuano a ripetere come dischi rotti di “sviluppo green e futuro sostenibile” e con le mani segano gli alberi, e firmano nuove licenze costruttive in una città che tra immobili pubblici e privati conta circa 16.000 unità abitative sfitte e vuote.
Chi conosce l'impegno non occasionale né elettorale del Circolo Miani e di Trieste Verde su questo, conoscerà anche le proposte operative che abbiamo fatto per fermare questa emergenza che investe pesantemente la qualità della vita, la salute, insomma il benessere della nostra comunità e dove il Comune esercita un ruolo fondamentale.
Vi chiediamo il voto? Certo, perchè non esiste altro modo per cambiare subito questo stato di cose.
Ricordatevelo quando tra poco verrà l'occasione, che altrimenti lamentarsi poi serve a nulla.




« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71 • Pagina 72 • Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Pagina 260Pagina 261Pagina 262Pagina 263Pagina 264Pagina 265Pagina 266Pagina 267Pagina 268Pagina 269Pagina 270Pagina 271Pagina 272Pagina 273Pagina 274Pagina 275Pagina 276Pagina 277Pagina 278Pagina 279Pagina 280Pagina 281Pagina 282Pagina 283Pagina 284Pagina 285Pagina 286Pagina 287Pagina 288Pagina 289Pagina 290Pagina 291Pagina 292Pagina 293Pagina 294Pagina 295Pagina 296Pagina 297Pagina 298Pagina 299Pagina 300Pagina 301Pagina 302Pagina 303Pagina 304Pagina 305Pagina 306Pagina 307Pagina 308Pagina 309Pagina 310Pagina 311Pagina 312Pagina 313Pagina 314Pagina 315Pagina 316Pagina 317Pagina 318Pagina 319Pagina 320Pagina 321Pagina 322Pagina 323Pagina 324Pagina 325Pagina 326Pagina 327Pagina 328Pagina 329Pagina 330Pagina 331Pagina 332Pagina 333Pagina 334Pagina 335Pagina 336Pagina 337Pagina 338Pagina 339Pagina 340Pagina 341Pagina 342Pagina 343Pagina 344Pagina 345Pagina 346Pagina 347Pagina 348Pagina 349Pagina 350Pagina 351Pagina 352Pagina 353Pagina 354Pagina 355Pagina 356Pagina 357Pagina 358Pagina 359Pagina 360Pagina 361Pagina 362Pagina 363Pagina 364Pagina 365Pagina 366Pagina 367Pagina 368Pagina 369Pagina 370Pagina 371Pagina 372Pagina 373Pagina 374Pagina 375Pagina 376Pagina 377Pagina 378Pagina 379Pagina 380Pagina 381Pagina 382Pagina 383Pagina 384Pagina 385Pagina 386Pagina 387Pagina 388Pagina 389Pagina 390Pagina 391Pagina 392Pagina 393Pagina 394Pagina 395Pagina 396Pagina 397Pagina 398Pagina 399Pagina 400Pagina 401Pagina 402Pagina 403Pagina 404Pagina 405Pagina 406Pagina 407Pagina 408Pagina 409Pagina 410Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 8 August, 2022 - 9:28 am - Visitatori Totali Nr.