Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Laminatoio a caldo e “giornalismo” a freddo.
Le sorprese della censura talvolta sono anche divertenti. ..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Trieste Verde. A cosa diciamo no!
Dicemmo no alla progettata Centrale a Carbone nel Vallone di Muggia, battaglia vinta..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 70

Riformiamo il Comune!

» Inviato da valmaura il 30 March, 2021 alle 1:57 pm

Trieste Verde. Proposte concrete non chiacchiere.
La costituzione di un grande dipartimento che, coordinato dal Vicesindaco, accorpi vecchie e nuove deleghe assessorili, sotto il nome: Qualità della Vita.
In esso andranno a confluire Ambiente con l'inglobamento della Direzione Verde Pubblico e privato, Territorio e Decentramento con l'aggiunta della Partecipazione, Servizi Sociali con la costituzione di quelli Sanitari, servizio Zoofilo incluso, a significare la ripresa di attenzione e gestione della sanità pubblica (territoriale ed ospedaliera), Cultura (istituzioni e territorio).
Questo nuovo Dipartimento, il cui indirizzo sarà affidato al Vicesindaco a significare la centralità e l'importanza che la nuova Amministrazione porrà a queste tematiche, avrà anche il compito di approvare la Riforma delle Circoscrizioni, e di concerto con l'Assessore al personale varare il piano di riassunzione in capo al Comune di tutte quelle mansioni da anni “esternalizzate” in gran parte dei servizi comunali. Che in questi anni non hanno portato alcun vero risparmio alle casse comunali, spesso offerto una qualità inferiore, e sono state continua fonte di precariato, insicurezza, e sfruttamento per le centinaia e centinaia di persone, spesso giovani, impiegate.
Analogamente andrà riformato il Servizio oggi svolto da Esatto e la tassazione sulle immondizie che andrà rimodulata per fasce di reddito ed impiegando gli utili che il Comune ricava, o forse sarebbe meglio usare il dovrebbe incassare, sulla vendita della differenziata.
Analogamente i servizi asportazione rifiuti, pulizia strade, cimiteriali così come le questioni Inceneritore e Depuratore dovranno rientrare in capo al Comune, che, nel caso particolare degli ultimi due, ne ha pagato la costruzione.
Andrà poi affrontata, con la società di gestione, di cui il Comune è azionista, la questione dell'Acqua, bene pubblico, perchè è irricevibile che i Triestini, con i cui soldi sono stati costruiti gli impianti, vadano a pagare una delle tariffe più alte in Regione ed in Italia.
Circoscrizioni, o si riformano radicalmente o meglio sopprimerle.
Così come sono infatti sono enti perfettamente inutili e che per di più costano alle casse comunali: gettoni di presenza dai 30 ai 100 euro a seduta per i componenti.
Una ventina di anni orsono avevamo dedicato come Circolo Miani una intera giornata di seminari e dibattiti sulle Sette Circoscrizioni del Comune di Trieste (cinque cittadine e due sul Carso).
Ne era uscito un quadro, dopo aver pure approfondito tutti i regolamenti comunali, devastante. E non a caso i cittadini hanno smesso da lungo tempo di frequentarle perchè hanno capito benissimo che non servono praticamente a nulla (più efficace eventualmente segnalare un problema rionale alla stampa).
Gli stessi innaturali accorpamenti fatti a suo tempo dalla Giunta Illy tra quartieri distanti e che nulla avevano in comune erano stati grotteschi: cosa abbia ad esempio in comune il rione di San Giovanni con Chiadino-Rozzol è un mistero. Oltre al numero elefantiaco dei residenti così concentrati: la Settima ha più abitanti di Gorizia e le altre 4 oscillano tra i trentamila ed i cinquantamila residenti.
Questi enti hanno la sola possibilità di esprimere pareri consultivi e non vincolanti, dei quali tutte le amministrazioni comunali hanno fatto come si fa con la schiuma sulla birra.
In sintesi Trieste Verde propone: dimezzare i componenti delle stesse, ridisegnare i territori riportandoli ai quartieri con unicità di tradizioni e frequentazioni, insomma alle dimensioni storiche di espressione amministrativa dei rioni, individuare in questi ambiti alcuni tra le centinaia di immobili sfitti di proprietà comunale con aree verdi annesse e trasformarli in centri civici e sociali, che oltre alla sede della Circoscrizione ospitino pure i servizi sociali e sanitari, il centro civico, e luoghi di aggregazione e ritrovo per i residenti, divenendo in simil modo il cuore pulsante del rione.
Delegare alle Circoscrizioni il potere deliberante e gestionale su tutte le materie che coinvolgono il territorio di loro competenza, con il trasferimento dei fondi e del personale necessario, oggi in capo agli assessorati comunali. Incentivare la partecipazione dei residenti alle scelte magari con consultazioni referendarie locali e conservando ed ampliando il loro diritto di parola alle riunioni dei Consigli.
Tutte cose che al Comune non costerebbero un centesimo in più di quanto attualmente spende: insomma una riforma a costo zero.
Questa in stretta sintesi la proposta di Trieste Verde, a cui va aggiunta la necessità di portare le iniziative culturali sul territorio dove la gente vive e non concentrarle nei soliti santuari tradizionali frequentati dallo stesso bel mondo minoritario ed elitario.
L'alternativa a tutto questo? Banale quanto semplice: chiudere questi enti inutili ma costosi.



Che lo paghiamo a fare?

» Inviato da valmaura il 27 March, 2021 alle 1:55 pm

Lo “scatolone” in Porto Vecchio, si il “nuovo” Centro Congressi la cui vita si preannuncia in ripida salita, ad oggi incompiuto ma costato già oltre 13 milioni di euro, di cui il 42% messo finora dal Comune, cioè da noi Triestini, oltre al costo delle opere infrastrutturali per farlo funzionare, sempre pagate dal Comune, ha “chiesto” secondo Dipiazza “I 9 mila metri quadrati del Centro congressi sarebbero stati ottimali (per ospitare le vaccinazioni) ma i costi erano proibitivi». Si parla, secondo indiscrezioni confermate dal sindaco, di 3 mila euro al giorno.”
Ora noi da tempo abbiamo scritto e Trieste Verde ha inserito la proposta nel Progetto Porti di Trieste, che in presenza pure del progettato Centro Congressi al Silos, distante poche centinaia di metri, lo “scatolone” attualmente privo di arredi, andrebbe ceduto/venduto a Costa Crociere, come richiesto dall'armatore, per installarvi la nuova Stazione marittima ed il centro servizi del futuro Terminal per Navi Bianche in Porto Vecchio.
Abbiamo anche rivolto al Comune una domanda precisa: quali siano il tornaconto, i vantaggi per la città di quel cospicuo investimento pubblico a favore di una società privata. Ovvero se l'amministrazione comunale si fosse tutelata in caso di fallimento o perdite dell'impresa, e soprattutto se avesse preteso che in cambio dei soldi e dei lavori fatti almeno un terzo delle giornate annuali fosse riservato ad ospitare gratuitamente iniziative culturali, sociali, musicali ed artistiche delle realtà senza fini di lucro operanti a Trieste o promosse da enti pubblici.
Di solito in tutto il mondo si fa così, perchè se proprio il Comune sentiva l'impellente bisogno di dover donare qualche milioncino, i Frati di Montuzza non avrebbero detto di no.
Ed ora si scopre, e per bocca del Podestà per giunta, di “costi proibitivi” per una iniziativa che di utilità pubblica e sanitaria più di così non può essere: tremila euro di affitto al giorno.
Ma siamo matti o solo a Trieste questo può accadere?
Che ne dice la Corte dei Conti del FVG?
Trieste Verde.



Promemoria sugli alberi.

» Inviato da valmaura il 26 March, 2021 alle 11:38 am

Lo insegnavano a scuola ma sembra che i nostri politici non l'abbiano imparato.
Fotosintesi clorofilliana.
La fotosintesi clorofilliana è un processo biochimico molto importante, vitale per la sopravvivenza e la salute della pianta stessa. È proprio attraverso la fotosintesi, infatti, che le piante si procurano il nutrimento necessario per poter crescere.
Base e motore dell’intero processo è la clorofilla, un pigmento di colore verde che si trova sullo strato superficiale della foglia. La clorofilla cattura l'energia del sole trasformandola in energia chimica. A sua volta, questa energia prodotta attraverso il processo di fotosintesi serve per trasformare l'anidride carbonica assorbita dall'aria in zuccheri e carboidrati, ovvero il nutrimento fondamentale per l’alimentazione delle piante stesse.
Durante il fenomeno di fotosintesi clorofilliana viene prodotto e libero dell’ossigeno, come scarto di tutto il processo, che - a sua volta - è un elemento essenziale per la vita sulla Terra di piante, animali e, naturalmente, anche per l’uomo.
Sprechi finanziari e scempio ambientale.
Lo spiegano anche su Wikipedia. I tre quarti degli alberi, giudicati malati o a rischio caduta, possono essere curati con successo e messi in sicurezza con una spesa di due terzi inferiore a quella del loro abbattimento ed eventuale sostituzione.
Senza contare che le nuove piantumazioni, bisognose di regolare attenzione e manutenzione, ci metteranno dai due ai tre decenni buoni per offrire al territorio i benefici di un albero adulto.
Potature.
Esse servono a fortificare l'alberatura, o la siepe, non a ridurre le piante a dei moncherini con danni gravi, spesso irreparabili, all'estensione radicale, con conseguenze talvolta fatali per la pianta stessa.
Esse devono essere fatte nei periodi stagionali dell'anno dove non sia iniziata la “gemmatura”.
Emergenza climatica.
Non servono convegni o dotti dibattiti, nel nostro piccolo serve invece impegnarsi per aumentare la presenza di aree verdi e soprattutto di alberi. Esattamente tutto il contrario di quanto avviene ora, e da anni, a Trieste.
Questo è quello che ispira l'azione di Trieste Verde, lasciamo agli altri dibattere di crisi planetarie.



Sono preoccupato ma non sorpreso. Maurizio Fogar

» Inviato da valmaura il 25 March, 2021 alle 11:39 am

Innanzitutto questo Sabato 27 marzo alle ore 11, presso la sede (g.c.) del Circolo Miani, a Trieste in via Valmaura 77, presenteremo le proposte fattive e concrete di Trieste Verde per riformare, tempo un anno, la macchina del Comune (dalla riforma radicale delle Circoscrizioni, oggi enti inutili e costosi, alla riassunzione diretta di tutte quelle mansioni negli anni esternalizzate a ditte e cooperative facendo così cessare il precariato e la dequalificazione di centinaia e centinaia di persone, soprattutto giovani, sottopagate, dal nuovo accorpamento delle deleghe assessorili, dal radicale cambiamento dei settori Verde pubblico, Servizi sociali e Cultura).
Ma ora mi sia consentito spendere due parole sul pressapochismo, sulla superficialità, sull'ignoranza in senso letterale del termine, sulle passiate elettorali per i rioni con slogan abusati da 30 anni, sulla assoluta mancanza di proposte concrete e fattibili, in tempi e modi certi, sulle incapacità ed inesperienze malnascoste dietro paroloni vuoti e dotti quanto futili forum.
Se questo è l'andazzo, e lo è, di questa campagna elettorale, dove alla sicumera del nulla dipiazziano, si contrappongono due opposizioni, quella sterile pentastellata e quella parolaia ed elitaria di una sinistra vecchia e nuova allora il quadro è tristemente delineato.
Mentre i problemi, le emergenze reali dei concittadini e della comunità rimangono letteralmente ignorati, allora ancora maggior giustezza accompagna la scelta di Trieste Verde di candidarsi a gestire il Comune, a risolvere questa situazione, a garantire un'amministrazione della nostra comunità rispettosa dei bisogni e degli interessi dei Triestini.
Ma la forza di riuscirvi dipende, oltre che dal nostro impegno che non mancherà come non è mancato in tutti questi anni il Circolo Miani, dal vostro aiuto, dalla vostra partecipazione, dal vostro protagonismo a far si che un'onda verde sollevi e pulisca Trieste.
Trieste Verde.



Il Manifesto contro la povertà. Le proposte di Trieste Verde.

» Inviato da valmaura il 25 March, 2021 alle 11:34 am

780 euro netti al mese, è quanto ha fissato con sentenza la Corte Costituzionale l'altro anno, la soglia minima di sopravvivenza che lo Stato deve erogare agli aventi diritto.
Questo è quello che Trieste Verde innanzitutto propone attui il Comune di Trieste nei confronti delle singole persone incapienti residenti, senza alcun vincolo di spesa e prelievo, come avviene tutt'oggi per le pensioni, dove le sociali e le minime devono essere innalzate a questo livello base.
Ciò deve avvenire in collaborazione con la Regione e con l'Inps, che conosce perfettamente la situazione e non ha bisogno di richiedere ulteriori trafile burocratiche, che per altro violerebbero ben quattro leggi dello Stato (i Decreti Bassanini). E deve divenire operativo nel più breve tempo possibile, con richiesta formale a Banche e Poste di aprire una corsia preferenziale per il pagamento “sociale” ai loro sportelli.
Resta inteso che tale importo, che è quello indicato dall'Istat per la mera “sopravvivenza” e sfidiamo chiunque a scialarci, va aggiornato annualmente al rialzo, e per i nuclei familiari non monocellulari va parametrato ai componenti della famiglia a carico.
La riforma totale dei Servizi sociali comunali, oggi accentrati e ridotti al ruolo di passacarte e burocrazia della povertà.
Gli Assistenti Sociali, oggi carenti di numero e diretti con criteri operativi che ne annullano la professionalità, devono poter tornare sul territorio affinchè la parola “presa in carico” degli assistiti non resti lettera morta. Va ricreata la rete collaborativa con il personale dei Distretti sanitari (per altro da tempo in sofferenza e da riformare come proposto da Trieste Verde) per assistere tempestivamente le persone in difficoltà, dove queste “vivono”.
E' evidente che quando una persona, giunta all'estremo delle sue possibilità, decide di rivolgersi ai Servizi sociali, compie una scelta difficile e combattuta: non è affatto facile mettere in piazza la propria povertà e disperazione.
Ma da quel momento il ruolo di un Servizio sociale degno di questo nome sta nel sostenere, e non solo economicamente, la persona, rispettarne la dignità (non con le umilianti file in pubblico a cui abbiamo assistito nel camerone stipato di gente di via Mazzini), e sostituirsi a lui per tutte le pratiche di cui abbisogni. Insomma privilegiare il rapporto umano e non limitarsi a passare e compilare moduli.
Per fare ciò bisogna assumere nuovo personale idoneo, non da oggi carente, aprire nuovi centri di aiuto ed ascolto sul territorio, non limitarsi ad un numero telefonico, quando non è perennemente occupato, attivo solo da lunedì a venerdì tra le ore 9 e le 11.
La carenza dei vertici del Servizio sociale comunale è apparsa chiara fin dall'inizio, la loro incapacità a confrontarsi con l'analogo Servizio regionale è stata totale, per non parlare poi nell'interfacciarsi con l'Inps (locale e nazionale), che in particolare a Trieste non brilla per capacità.
Ma quale Sindaco è, conoscendo la drammatica situazione in cui sono costretti a “tirare avanti” decine di migliaia di concittadini, quello che non senta il bisogno di dedicare tutto il suo sforzo, le energie, anche economiche di cui l'amministrazione dispone, a risolvere questa priorità sopra ogni altra.
Per le statue, le ovovie ed i grandi eventi, ci sarà un domani tempo e modo, altrimenti basta citare un titolo famoso di Primo Levi: “Se questo è un uomo”.




« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69 • Pagina 70 • Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Pagina 260Pagina 261Pagina 262Pagina 263Pagina 264Pagina 265Pagina 266Pagina 267Pagina 268Pagina 269Pagina 270Pagina 271Pagina 272Pagina 273Pagina 274Pagina 275Pagina 276Pagina 277Pagina 278Pagina 279Pagina 280Pagina 281Pagina 282Pagina 283Pagina 284Pagina 285Pagina 286Pagina 287Pagina 288Pagina 289Pagina 290Pagina 291Pagina 292Pagina 293Pagina 294Pagina 295Pagina 296Pagina 297Pagina 298Pagina 299Pagina 300Pagina 301Pagina 302Pagina 303Pagina 304Pagina 305Pagina 306Pagina 307Pagina 308Pagina 309Pagina 310Pagina 311Pagina 312Pagina 313Pagina 314Pagina 315Pagina 316Pagina 317Pagina 318Pagina 319Pagina 320Pagina 321Pagina 322Pagina 323Pagina 324Pagina 325Pagina 326Pagina 327Pagina 328Pagina 329Pagina 330Pagina 331Pagina 332Pagina 333Pagina 334Pagina 335Pagina 336Pagina 337Pagina 338Pagina 339Pagina 340Pagina 341Pagina 342Pagina 343Pagina 344Pagina 345Pagina 346Pagina 347Pagina 348Pagina 349Pagina 350Pagina 351Pagina 352Pagina 353Pagina 354Pagina 355Pagina 356Pagina 357Pagina 358Pagina 359Pagina 360Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 30 November, 2021 - 7:47 pm - Visitatori Totali Nr.