Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Laminatoio a caldo e “giornalismo” a freddo.
Le sorprese della censura talvolta sono anche divertenti. ..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Trieste Verde. A cosa diciamo no!
Dicemmo no alla progettata Centrale a Carbone nel Vallone di Muggia, battaglia vinta..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 7

Rassegna stampa elettorale dell'organo del PD ed affini.

» Inviato da valmaura il 24 September, 2021 alle 3:36 pm

Il piccolo giornale di Trieste dà il peggio di se.
 
Oggi dopo il comizione itinerante del duo Letta-Russo sentite cosa hanno detto visitando i Puffi di via Grego, forse il peggiore complesso di edilizia popolare a Trieste, assieme al Serpentone di Valmaura: “Russo. Ho avuto il piacere di accompagnare Enrico di persona a vedere il lavoro fatto in questi mesi. Abbiamo centrato la nostra campagna sui rioni, la parte della città più dimenticata dalla politica e che noi vogliamo rilanciare, noi facciamo succedere cose là dove gli altri non vengono.”
Ora per la verità centrodestra e centrosinistra hanno finora sgovernato la città negli ultimi 30 anni, 15 anni cadauno. Ergo hanno “dimenticato e non sono venuti” nelle periferie per tre decenni, dove il degrado, la povertà, l'emarginazione, di cui non si sono accorti per tre decenni di fila, è tutto merito loro. E statene certi che le loro “venute” e le passeggiate di Adesso Trieste a loro latere, termineranno esattamente il 5 ottobre, casomai li rivedremo tra cinque anni a ripetere le solite prese per i fondelli alla prossima campagna elettorale.
Facce di palta, poi il resto del doppio paginone d'apertura della cronaca è riempito dal Fratoianni, uscito indenne grazie alla prescrizione non rifiutata dal processone sui disastri provocati dall'Ilva a Taranto, in visita di sostegno al partner di Russo, Laterza.
Ma tranquilli arriva pure il futurista Bandelli, con il pesce guida De Gioia, che scopre improvvisamente che a Trieste esiste dal 2000 un vecchio inceneritore a Monte San Pantaleone, lasciato in preda alle diossine ed alle pantegane, esattamente ad un pugno di metri da un impianto sportivo frequentato da centinaia di bambini (questo lo aggiungiamo noi perchè lui non se ne è accorto).
Ci portammo a visitarlo una quindicina di anni or sono il Prefetto Giacchetti che vi rimase sconvolto, per noi che come Circolo Miani il territorio lo “battiamo” da decenni è l'assoluta normalità, il simbolo perenne della incapacità di questa politica e ne abbiamo scritto decine di volte in questi anni, ma noi non facciamo notizia per questa stampa asservita ai partiti.
Poi arriva fuori tempo massimo l'assessora Lodi che ti apre il cantiere ad una settimana dal voto, per il recupero del giardino di Vicolo dell'Edera, lasciato marcire per 20 anni buoni, e dopo aver fatto per cinque anni abbattere migliaia di alberi (per non perdere il ritmo, tre anche nel giardino), si vanta di “aver provveduto negli ultimi cinque anni alla piantumazione di cento alberi”.
Ma nessuno a Trieste se ne è accorto, salvo noi del Circolo Miani e di Trieste Verde, ma oggi di pseudo ambientalisti c'è un fiorire ma solo sulla scheda elettorale.
Ma vergognatevi!
Trieste Verde.



Nel deserto c'è vita!

» Inviato da valmaura il 23 September, 2021 alle 3:13 pm

E si, nel deserto che circonda questa campagna elettorale surreale dei partiti muggesani, c'è vita e partecipazione negli incontri della Lista civica Muggia, e ne abbiamo avuto felice conferma anche ieri pomeriggio nel quinto appuntamento sul territorio.
Appare sempre più chiaro che queste elezioni di “normale” non avranno nulla e che i soliti programmini elettorali che per altro assai pochi leggono oggi diventano grotteschi di fronte all'emergenza a cui i cittadini di Muggia saranno chiamati a rispondere.
Duplice emergenza, la nuova mega Acciaieria e la questione Dragaggi nel Vallone. Una situazione che ve fermata prima che si metta in moto altrimenti dopo le proteste serviranno a nulla e la vita di Muggia sarà condizionata per i prossimi decenni.
A tutti quelli che non sono andati a votare “perchè tanto non serve a niente e la politica è tutta uguale” oggi diciamo che hanno l'occasione, anzi la necessità di tornare al seggio per esprimere un voto che conta, pesante e decisivo, contro una classe politica che ha svenduto il futuro della nostra comunità e per tutelare i propri interessi, la propria salute e la qualità della vita.
Mai come il 3-4 ottobre gli elettori avranno in mano un voto che deciderà della loro e nostra vita.
Pensino per un attimo a quello che vogliono lasciare ai loro figli e nipoti per non offrire loro la tragedia di una seconda Ferriera.
Solo per questo è nata la Lista civica Muggia, oggi una legittima difesa per tutti i concittadini.
Distinti e Distanti da questa politica, e se ce lo permettete, anche profondamente diversi moralmente.
Maurizio Fogar, candidato Sindaco Lista civica Muggia.
Ci si vede in piazzetta Borgo San Cristoforo domani venerdì 24 settembre alle ore 18.



Un piccolo insopportabile. Una Procura indifendibile.

» Inviato da valmaura il 23 September, 2021 alle 10:59 am

Questo non è un giornale quotidiano, e l'Eco della Serva della politica, anzi di quattro o cinque forze politiche: Russo ed il PD, il cespuglio della “sinistra intellettuale” Adesso Trieste, Richetti ed il residuo pentastellato, con il futurista Bandelli a chiudere il cerchio.
A Muggia poi è il foglio di Bussani, PD, e basta.
Insistono a non capire che questo è il sistema migliore per desertificare il già misero parco lettori che con fastidio saltano a piè pari questi inutili pastoni. Di informazione neanche a parlarne e lo stesso vale per la Rai regionale.
Poi inaccettabile la difesa della casta che una Assostampa ed un Ordine dei giornalisti che solo l'Italia in tutte le democrazie ha ancora come retaggio del regime fascista, fanno contro i cortei di tante persone, sulle cui ragioni si può dissentire, che sfilano sotto le loro redazioni in modo civile e pacifico ed “osano” criticare il loro modo di fare “informazione”.
Forse farebbero meglio a cambiare nome, ne suggeriamo due: Pravda e Agenzia Stefani del Minculpop.
Lo abbiamo scritto mesi e mesi or sono che queste elezioni sono truccate e falsate, perchè si priva l'opinione pubblica di un minimo di informazione decente e non servile.
Questo è, e da tempo, semplicemente un regime in guanti bianchi, che le mani è meglio che non le mostrino.
E due parole lasciatecele spendere sull'arresto all'americana di un cittadino, a noi importa poco che sia candidato sopra o sotto, che a tutti è sembrato eccessivo, e che nelle modalità ha drammaticamente portato alla memoria un altro video, quello della polizia americana dove ha perso la vita un afroamericano.
Francamente, anche se la cosa poteva essere preparata ad arte dai protagonisti per ritagliarsi uno spazio propagandistico, chi ha gestito l'operazione di polizia dovrebbe essere mandato a dirigere il traffico.
E la Procura meglio farebbe ad occuparsi di casi più seri, che esprimono una violenza istituzionale senza precedenti: tipo quella di una Asugi che mura un Auditorium a Valmaura sottraendolo all'uso pubblico per cui era stato costruito e pagato, oppure quello della delibera della Giunta comunale che non esita baldanzosamente a violare due leggi dello Stato, sotto gli occhi di un Commissario del Governo inane nella sua funzione di controllo (invece di piantare un albero per ogni neonato registrato all'anagrafe comunale, 1200 nel 2019, delibera di piantarne solo due, uno per genere), oppure contro chi viola apertamente il diritto alla Privacy sottraendo centinaia di numeri telefonici per usarli a fini elettoralistici. Od ancora: contro amministratori pubblici che sottoscrivono un Protocollo d'Intesa a favore della nuova Acciaieria alle Noghere impegnandosi a mantenere segrete a tutti i cittadini le informazioni.
Ecco difficile riporre ancora fiducia in una magistratura che palesemente adotta due pesi e due misure, e lo scriviamo, per chi conosce la storia del Circolo Miani, con profonda tristezza.
Teodor.



I cittadini di Muggia non meritano certi candidati.

» Inviato da valmaura il 23 September, 2021 alle 10:56 am

Rispondo con i fatti, tutti verificabili dalle fonti, negati da una signora che più che un caso politico è un caso da psicanalisi, si chiama dissociazione della personalità, ma per questo sulla piazza ci son fior di specialisti e non intendo pertanto occuparmene oltre, sarà materia per i miei legali.
Il 22 aprile si tiene in Comune l'audizione del Presidente Autorità Portuale e Coselag, Zeno D'Agostino, su due argomenti: l'area ex Teseco Raffineria Aquila e l'area Noghere interessata dal nuovo Progetto Danieli-Metinvest per la costruzione della nuova Acciaieria. Come si evince dalla visione del filmato integrale dell'audizione https://www.youtube.com/watch?v=4WK5n1H4VTU l'unica assente tra le opposizioni è la signora smemorata, e gran parte degli interventi riguardano proprio la progettata acciaieria.
Il giorno seguente, 23 aprile, sul Piccolo compaiono resoconto e commenti dei politici all'audizione a firma di Luigi Putignano: “All'indomani dell'audizione nelle commissioni comunali congiunte del Presidente D'Agostino sul possibile insediamento siderurgico alle Noghere e dell'area ex Aquilia …” seguono i commenti dei politici: Emanuele Romano “Le premesse per la partecipazione del territorio sono buone.”, l'assente ma presente sulla stampa, Roberta Tarlao di Meio Muia: “apprezzo le rassicurazioni su eventuali rischi ambientali”. Che però oggi, pur non essendo stata presente neppure in "spirito", sostiene che “In occasione dell'audizione di Zeno D'Agostino, in qualità di presidente del Coselag, non si è parlato di laminatoio”, e rivedetevi il video per favore.
Il 13 maggio la Giunta comunale di Muggia vota la delibera n.78 dove decide la sottoscrizione del Comune al Protocollo d'intesa regionale che da il via libera al progetto Danieli-Metinvest e per di più ritenendo che l'atto non comporti alcun danno al patrimonio del Comune non ritiene di chiedere il parere della ragioneria comunale (come se il declassamento del valore di 260.000 metri quadrati da commerciale-verde ricreativo ad industriale non comportasse una ingente perdita del valore dei terreni).
Ma neppure su quest'atto Tarlao e Romano hanno nulla da obbiettare. D'altronde ha risposto loro già lo stesso Bussani a Telequattro definendoli allora d'accordo con il progetto del Laminatoio.
Ma se erano tanto contrari perchè hanno atteso per mesi in silenzio che fossero il Circolo Miani e Maurizio Fogar a sollevare la questione ed informare i cittadini di Muggia e Trieste, organizzando pure diverse iniziative sul territorio, prima di scoprirsi a giugno “anti”?
Un cittadino di Muggia potrebbe a ragione chiedersi allora cosa ci stavano a fare in Consiglio comunale.
Aveva proprio ragione Dante: “non ti curar di lor ma guarda e passa”.
Maurizio Fogar, candidato sindaco Lista civica Muggia.



Muggia. Non si vive di solo Laminatoio, casomai vi si muore.

» Inviato da valmaura il 21 September, 2021 alle 1:58 pm

Alcuni cittadini di Muggia pensano due cose: che io sia di gran lunga il più competente e, passatemi un termine oggi assai in voga, il migliore per risolvere la questione della nuova Acciaieria.
Ma che dovrei occuparmi anche di illustrare il nostro programma sulle altre questioni che competono a chi ha la responsabilità di amministrare il Comune.
Non posso che concordare anche se molti stanno sottovalutando la pericolosità dell'impatto della questione Dragaggi sulla nostra vita quotidiana: i tre previsti nell'ampia porzione del Vallone di Muggia corrono il rischio di incidere profondamente nella nostra qualità della vita e nelle nostre consolidate abitudini. Il rischio per la balneazione sulle nostre coste, ma esteso per effetto delle correnti marine, da Capodistria a Sistiana per la dispersione dei fanghi tossici di cui sono composti i fondali di quei 1200 ettari classificati come altamente inquinati dalle analisi del Ministero dell'Ambiente è assai concreto. Idem dicasi per le attività lavorative connesse alla pesca e soprattutto alle coltivazioni di mitili.
Ma anche perchè se non si ferma l'Acciaieria e controllano i dragaggi parlare oggi di vocazione turistica, di crocevia di sentieri, di piste ciclabili, di implementare il verde, di sviluppo del lungomare e di aree attrezzate per i Camper, di “biodiversità” per altro lasciata marcire in zona Noghere per l'assenza di interventi di manutenzione ed ordinaria pulizia, appare del tutto surreale. Lo capisce anche un bambino che polo siderurgico e rischio dragaggi azzerano tutte queste possibilità.
Nonostante ciò, e come abbiamo scritto nei nostri punti programmatici, vincere le elezioni come Lista civica Muggia è la premessa per poter archiviare l'emergenza che è piombata su Muggia, e non solo, per l'insipienza, l'ignoranza e l'incapacità dell'intera classe politica uscente, e dedicarci ad amministrare la comunità sulle direttrici che indichiamo nel nostro programma.
Ecco perchè queste elezioni non saranno “normali” elezioni alle quali partecipano oramai sempre meno elettori, ma un vero e proprio Referendum sul futuro e sulla crescita della nostra comunità.
Detto questo noi, come Lista civica Muggia, abbiamo alcune priorità per cambiare radicalmente il modo di gestire il Comune, a partire da un nuovo modo di amministrare al servizio delle persone che sono i nostri datori di lavoro ed a cui siamo chiamati a rispondere non solo una volta ogni cinque anni.
Se eletto Sindaco, vi garantisco fin d'ora che sarò in Comune ogni giorno, sabati e domeniche compresi, da mane a sera, e riserverò una giornata intera alla settimana a ricevere i cittadini senza formalità alcuna, e se impossibilitati a muoversi andrò io a trovarli a casa, oltre a mantenere l'impegno che almeno una volta ogni tre mesi, ed ogniqualvolta ci si trovi ad affrontare e decidere su questioni che riguardano la vostra quotidianità sul territorio dove vivete, sarà la Giunta comunale ad incontrare i residenti nei borghi e nelle frazioni per discutere assieme le scelte da prendere.
Se tutto questo fosse avvenuto in passato oggi non saremmo alle prese con l'emergenza Acciaieria né sulla discussa questione della raccolta differenziata-porta a porta dei rifiuti.
E questo mi permette di parlarvi di due altri punti a cui personalmente tengo molto: la fine dei lavori precari e degli appalti a ditte e cooperative, che sono la causa prima del lavoro sottopagato e dell'incertezza sul futuro di tante donne e giovani, con l'impegno a riprendere come Comune la gestione diretta di tutti quei servizi oggi “esternalizzati”, che brutta parola, con propri nuovi dipendenti, ridando certezza, dignità e futuro a chi ci lavora.
L'altro è doppio: la lotta alla povertà, alla solitudine ed all'emarginazione che pure a Muggia molte persone, troppe invero, patiscono con interventi di sostegno ed integrazione dei loro attuali redditi (pensioni sociali, minime, sussidi e redditi pubblici) al livello fissato dalla fondamentale sentenza della Corte Costituzionale del 20 giugno 2020, ovvero all'importo netto minimo di 780 euro mensili. Questo da un lato e dall'altro la rinascita di un servizio sanitario territoriale capace di garantire una efficace ed efficiente sanità pubblica sul territorio di Muggia, oggi ridotta ai minimi termini, seguendo le persone anche in caso di ricovero ed accompagnandole nel percorso post ospedaliero sul territorio. E' un dovere per ogni Sindaco che gli deriva dalle leggi dello Stato, a partire pensate dal 1934, in qualità di Ufficiale Sanitario del Comune, cosa di cui i miei predecessori non hanno evidente memoria. E pure, se lo permettete da convivente con due cani, adozioni del “cuore” ed i gatti lasciatimi in eredità da mio padre Galliano, l'impegno a garantire una assistenza veterinaria e terapeutica gratuita alle persone che non dispongono delle risorse finanziare per curare i loro amici animali, ma solo di nome.
Risolvere poi l'annosa questione di metter in sicurezza tutta la linea di costa da Ospo fino al vecchio confine di Stato, recuperando finalmente quello scandalo a cielo aperto dell'ex bagno della Polizia, stabilizzando i costoni, implementando i boschi urbani, e rendendo sicura e praticabile anche e soprattutto per i pedoni ed i ciclisti l'intera viabilità. A partire della vergogna irrisolta da troppo tempo della passerella sul Rio Ospo. Avere poi un parco naturalistico ai laghetti delle Noghere e lasciarlo nelle indecorose condizioni in cui versa da troppo tempo è un problema a cui metter mano da subito.
So benissimo quanto ai Muggesani il Carnevale faccia “sangue” e sia entrato nella radicata tradizione di una città che in certi periodi “vive” per quello e pertanto va affiancato al fine di implementarlo sia per rispettare la sua graffiante tradizione popolare che per renderlo più attrattivo e conosciuto anche fuori i limiti della nostra provincia.
Ma tutte queste attività devono innanzitutto premiare la qualità della vita di chi risiede a Muggia e tutelare chi, ad esempio, vi lavora nel commercio e nell'artigianato, e che oggi risente non poco delle agevolazioni concesse e connesse alla grande distribuzione.
Ecco perchè ho rilanciato pure la proposta di collocare il mercato ortofrutticolo provinciale, che da circa 20 anni è alla ricerca altalenante di una nuova più ampia sede, nell'area commerciale delle Noghere, salvata dalla progettata Acciaieria, per offrire un ulteriore momento di richiamo a tutto vantaggio del piccolo commercio locale e dell'acquisto al dettaglio, attirando clienti dai limitrofi rioni triestini e dalla vicina Slovenia.
Si insomma di idee ne abbiamo tante ma ora, come dicono gli allenatori, una partita alla volta: scongiuriamo il pericolo imminente che ipotecherebbe la nostra vita per gli anni a venire, e poi rimbocchiamoci le maniche mai nei fatti, che a parole son bravi tutti, specialmente questi politicanti.
Maurizio Fogar candidato Sindaco Lista civica Muggia.




« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6 • Pagina 7 • Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Pagina 260Pagina 261Pagina 262Pagina 263Pagina 264Pagina 265Pagina 266Pagina 267Pagina 268Pagina 269Pagina 270Pagina 271Pagina 272Pagina 273Pagina 274Pagina 275Pagina 276Pagina 277Pagina 278Pagina 279Pagina 280Pagina 281Pagina 282Pagina 283Pagina 284Pagina 285Pagina 286Pagina 287Pagina 288Pagina 289Pagina 290Pagina 291Pagina 292Pagina 293Pagina 294Pagina 295Pagina 296Pagina 297Pagina 298Pagina 299Pagina 300Pagina 301Pagina 302Pagina 303Pagina 304Pagina 305Pagina 306Pagina 307Pagina 308Pagina 309Pagina 310Pagina 311Pagina 312Pagina 313Pagina 314Pagina 315Pagina 316Pagina 317Pagina 318Pagina 319Pagina 320Pagina 321Pagina 322Pagina 323Pagina 324Pagina 325Pagina 326Pagina 327Pagina 328Pagina 329Pagina 330Pagina 331Pagina 332Pagina 333Pagina 334Pagina 335Pagina 336Pagina 337Pagina 338Pagina 339Pagina 340Pagina 341Pagina 342Pagina 343Pagina 344Pagina 345Pagina 346Pagina 347Pagina 348Pagina 349Pagina 350Pagina 351Pagina 352Pagina 353Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 18 October, 2021 - 4:49 pm - Visitatori Totali Nr.