Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Il senso di DiPi per le statue.
Il Vate con vista sui cassonetti delle scovazze.Alice al Depuratore fognario cittadino.E quella di Ressel prossima ventura all'Inceneritore di via Errera?..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Società politica e Società civile. Dedicato a Trieste.
Se incontri uno convinto di sapere tutto e sicuro di sapere fare tutto, non ti puoi sbagliare: è un imbecille. (politica e dintorni)Si chiama pregiudizio di conferma, ovvero ciò a cui si vuole ardentemente credere e non importa..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 64

Ferriera. La farsa continua.

» Inviato da valmaura il 18 June, 2018 alle 11:44 am

Già il giorno scelto porta male, pur non essendo cabalistici: il 19 giugno.
Giusto giusto il secondo anniversario della terza rielezione a sindaco di Dipiazza: quello di “quel cancro lo chiudo domani” (2001), “se sfora ancora una volta, la chiudo” (2006) e “chiudo l’area a caldo in 100 giorni” (2016).
Ma prendiamo atto che il nuovo Presidente Fedriga ha scelto di proseguire sulla strada tracciata da Illy, sindaco “Nel 2000 l’aria di Servola sarà pulita” e presidente Regione, da Tondo uno e due, presidente Regione quello del “se eletto una settimana dopo verrò a Servola (a cui attribuisce da vero conoscitore 50.000 residenti) e chiederò agli abitanti come chiudere la Ferriera” (2008). La siora Maria morta nell’attesa glielo ha lasciato scritto in testamento. E “chiudere la Ferriera è la priorità della mia Amministrazione” (sempre 2008). Da Dipiazza, sindaco uno e trino, da Cosolini e Serracchiani.
Dunque Massimiliano Fedriga è in buonissima compagnia, ovviamente secondo i punti di vista si intende, e certo si comprende il perché delle gimcane del suo assessore Scoccimarro nelle prime assai infelici uscite pubbliche sempre sulla Ferriera. Poi gli è scoppiata in mano la bomba dei dragaggi nel porto di Monfalcone, dove, non aveva neanche finito di omaggiare la monfalconese predecessora Sara Vito, ed esaltare, “blindare” addirittura, i vertici tecnici del suo assessorato e dell’Arpa, che la magistratura goriziana gliene indaga uno, ed i bene informati vociferano che si tratta solo del primo della lista.
Il neoassessore all’ambiente regionale era partito come un gallo ruspante a TeleCamberquattro, alla Rai regionale lottizzata, e sulla sua pagina Facebook: “chiudere in tempi brevi la Ferriera e mettere i lavoratori in cassa integrazione”. Ora che la legge non glielo consenta per lui era solo un inutile dettaglio, ma tant’è dopo i proclami di Dipiazza e Tondo evidentemente non voleva essere da meno. Poi silenzio, dopo la riunione con i vertici tecnici del suo assessorato ed Arpa, al posto del “ruspante” compare un gallo cappone.
Talmente abbacchiato e dimesso che si fa sfanculare perfino da Cosolini, che è tutto dire, sempre dagli schermi di TeleCamberquattro, con il vicedirettore che prima cerca di rianimarlo, la pagnotta è sacra, e poi infastidito lo invita a rispondere.
Ora il 19 giugno il Fedriga, indisponibile per un mese e mezzo, anche solo a dare un riscontro agli inviti di Circolo Miani e Servola Respira, ma ognuno risponde della sua educazione, organizza un incontro con le sigle che in questi anni hanno dimostrato di non conoscere e capire niente del ciclo produttivo della Ferriera e delle criticità degli impianti, ma di saper bene appoggiarsi agli amici di partito, in campagna elettorale e non: a fianco di Tondo prima, di Cosolini e Dipiazza poi e propagandisti elettorali dei 5Stelle in ultimo.
Può giovare qui di sfuggita ricordare che il tavolo tecnico regionale messo su dalla Serracchiani l’altr’anno con la partecipazione di Circolo Miani e Servola Respira è stato fatto saltare alla terza riunione quando cioè Arpa, consulenti e tecnici dell’Assessorato Ambiente, presenti sempre ai massimi livelli, si rifiutarono di dare risposte alle segnalazioni precise sulle criticità degli impianti avanzate proprio da Romano Pezzetta e Maurizio Fogar.
Appare del tutto evidente che confermando in blocco la struttura tecnica regionale, consulenti ed Arpa compresi; escludendo le uniche realtà che conoscono problemi e soluzioni della Ferriera, la linea Fedriga/Scoccimarro è chiarissima: lasciare le cose come stanno magari (e)ruttando parole di fuoco. E noi sopra gliene abbiamo ricordate alcune utili allo loro bisogna.
Per quanto ci riguarda Circolo Miani e Servola Respira che hanno sollevato ed affrontato il problema dal 1998, continueranno nel loro impegno e nel percorso di confronto con la proprietà per arrivare a misure ed interventi concreti a tutela della salute di cittadini e lavoratori. Esattamente l’opposto delle chiacchiere dei politici di vecchio e nuovo conio e delle campagne propagandistiche promosse dal MinCulPop dell’informazione locale.
Saranno, come sempre, i cittadini a valutare i risultati.
Se volete aiutarci con un vostro "Mi Piace" alle nostre Pagine, meglio.

Nella foto una rappresentativa panoramica di gruppo.

https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521.1073741826.1497907667146863/2198877593716530/?type=3&theater




«I have a dream»

» Inviato da valmaura il 17 June, 2018 alle 12:02 pm

Decreto antipovertà Regione FVG

“La Giunta regionale delibera che, sulla base ed a parziale modifica di quanto decretato in precedenza, il semestre di proroga del Sostegno al reddito regionale (MIA) per il periodo compreso tra gennaio e giugno 2018, venga erogato con le modalità in vigore fino al dicembre 2017, in una unica soluzione entro e non oltre il 30 giugno del corrente mese.
Per gli importi fa fede quanto fissato nella delibera di proroga, ovvero gli stessi percepiti nel bimestre settembre-ottobre 2017 dai beneficiari.
La giunta regionale nel dare efficacia con procedura d’urgenza alla presente delibera la trasmette ai comuni di competenza per l’immediata esecutività ed all’INPS per opportuna conoscenza.
Salvaguardando così i termini della legge statuale istitutiva del REI e permettendo ai cittadini aventi diritto di effettuarne richiesta a partire dal 1 luglio.”
Se la Giunta regionale Fedriga trova tempo e necessità di ridurre di un milione le spese per l’accoglienza dei migranti, facciamo fatica a capire perché non ne trovi per aiutare i cittadini residenti.

https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521.1073741826.1497907667146863/2197908540480102/?type=3&theater




Poveri e mazziati.

» Inviato da valmaura il 15 June, 2018 alle 12:19 pm

Senza parole si rimane, a leggere le parole pronunciate dai politici (Camber il minore per distinguerlo dal pregiudicato maggiore, Carlo Grilli l’evanescente assessore ai servizi sociali (?) del Comune, e perfino Massimiliano Fedriga) nel silenzio di tutti gli altri, a partire dal PD impegnato a scannarsi in lotte fratricide su quello che gli è rimasto.
Questi politici hanno la responsabilità piena di quanto è successo. Lo sapevano da mesi e non hanno fatto nulla per evitarlo, eppure bastava così poco, una delibera regionale che ripristinasse anche per i sei mesi di proroga il sistema erogativo del MIA (l’assegno regionale di sostegno al reddito) in vigore fino al dicembre 2017.
Non hanno voluto farlo e le chiacchiere di circostanza ora sono un insulto alla povera gente.
Si sono limitati, come un Toio Fior qualsiasi, a deprecare i ritardi, a giocare a scaricabarile su Regione (il Comune) e sull’INPS (la Regione).
Se i triestini devono votare personaggi consimili, che una volta eletti ad assumere responsabilità e rappresentanza della comunità dimostrano la loro totale inutile incapacità, allora è meglio abolire le elezioni e soprattutto le laute indennità dei politici, e nominare per concorso un ragioniere a sindaco di Trieste.
Si, ripubblicare la copertina di Cuore ci sembra dovuto.

https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521.1073741826.1497907667146863/2196079343996355/?type=3&theater




Cara Regione, ambiente e salute sono cose serie!

» Inviato da valmaura il 14 June, 2018 alle 1:16 pm

Il neoassessore all’ambiente regionale non fa neanche in tempo a finire l’elogio e la conferma “blindata” dei vertici del suo assessorato che la magistratura goriziana gliene indaga uno.
Ora, per amor del cielo magari verrà prosciolto, il funzionario regionale di cui saremmo ansiosi di conoscere il nome e magari il cognome ed i provvedimenti cautelativi che i vertici regionali intendono prendere nei suoi confronti, a parte la fiducia accordatagli impetuosamente dal nuovo assessore, forse maggior cautela e soprattutto conoscenza sarebbero opportune da chi è comandato a dirigere un assessorato così delicato.
Dopo il passo falso sulla questione Ferriera la nuova amministrazione regionale si vede esplodere il caso dell’indagine dei Carabinieri dei NOE e della magistratura goriziana sul porto di Monfalcone da domani incorporato nell’Autorità portuale di Trieste.
Le accuse mosse, dopo accurate indagini, non sono da poco e la domanda che sale spontanea è: ma l’Arpa dove stava nel frattempo?
Da segnalare che, a parte sintassi, ortografia e testo da far rimpiangere i compitini delle elementari, il “giornalista” del piccolo giornale, gìà a suo tempo inviato ad elogiare il master chef aziendale della mensa delle acciaierie Severstal, proprietaria allora della scassata Ferriera, tra i boschi di betulle della ex Unione Sovietica, nell’articolo del piccolo giornale sembra quasi incolpare gli inquirenti di ostacolare la crescita di Portorosega.
Insomma i lettori del piccolo giornale in salsa isontina vedono primeggiare notizia e commenti sul porto ora di Trieste in quel di Monfalcone, mentre ai lettori triestini nulla è svelato.
Sarà che Monfalcone è la patria della precedente assessora ambientale della Giunta Serracchiani, quella omaggiata dal successore della Giunta Fedriga, ma una domanda sorge obbligata, a costo di ripeterci: se i Carabinieri del NOE indagavano da mesi alla luce del sole sulle banchine del Porto di Monfalcone, i valorosi e virtuosi tecnici regionali, a parte che sull’avviso di garanzia, e soprattutto dell’ARPA, fiduciata e blindata in blocco, dove cavolo stavano?




Nave Aquarius e Trieste.

» Inviato da valmaura il 13 June, 2018 alle 12:57 pm

Seicentoventi migranti sull’ Aquarius attendono di essere accolti e tutta la stampa ne parla e le televisioni aprono su questo i loro TG.
Milleduecento nuclei familiari a Trieste, e chissà quanti altri in Friuli Venezia Giulia, attendono da sei mesi, ripetiamo SEI MESI, di ricevere l’assegno regionale di sostegno al reddito che permette loro di SOPRAVVIVERE, e ovviamente nessuno ne parla.
Disperazione e povertà fanno notizia a discrezione e poi qualcuno si stupisce se la gente non vota o vota in un determinato modo.

Denuncia-Esposto.
Spettabile Procura presso il Tribunale di Trieste.

Nell’ambito dell’applicazione della Legge regionale istitutiva del MIA e del Regolamento applicativo la Regione individuava chiaramente nei Comuni gli strumenti attuativi (raccolta domande, documentazione inerente ed erogazione), ed in particolare nelle direzioni dei loro Servizi Sociali (per Trieste prima assessore Laura Famulari e poi, dal giugno 2016 assessore Carlo Grilli e direttrice De Candido). Individuava pure modalità e tempi di erogazione del MIA per la durata biennale, con pausa di due mesi tra una annualità e l’altra.
Tale erogazione procedette abbastanza regolare per i primi dodici mesi mentre per il secondo anno si verificarono inspiegabili ritardi di tre-cinque mesi nell’erogazione (frequentemente presso gli sportelli bancari Unicredit) degli importi. Oltre alla scelta dell’assessore Grilli di concentrare migliaia di persone per rinnovare le domande nello stanzone di via Mazzini con nessun rispetto al diritto alla privacy e a defatiganti attese di ore.
Già allora Comune e Regione si giustificarono attribuendo agli ulteriori controlli INPS (quali? Visto che il principale documento richiesto era la dichiarazione-indicatore reddito ISEE rilasciato proprio dall’INPS ed annualmente rinnovato) i ritardi.
Nel settembre 2017 la Regione con apposita delibera prorogò di ulteriori sei mesi la durata complessiva del MIA per uniformarla, così dissero, alla analoga durata di equivalenti provvedimenti statali.
Negli articoli pubblicati sulla stampa l’allora assessore regionale competente, Telesca, affermò che i fruitori del MIA per il bimestre in corso (settembre-ottobre 2017), essendo verificati ed in regola, non avrebbero dovuto fare domanda alcuna, salvo presentazione del nuovo ISEE (quello precedente scadeva al 15 gennaio 2018).
La Regione, comunicò ai Comuni che questa volta ad erogare i contributi bimestrali o mensili sarebbe stato l’INPS stesso attraverso l’adozione di un sistema informatico basato su apposita Creditcard inviata ai beneficiari.
Già a dicembre l’assessore Grilli audito nell’apposita commissione consiliare dichiarò di essere informato sull’impreparazione dell’INPS ad assolvere tale compito.
Nei primi mesi del 2018 la stessa Regione ed il Comune intervenuti presso l’INPS ebbero conferma che il sistema informatico-operativo dell’Istituto (basato su sei bimestri) non avrebbe consentito la regolare erogazione del semestre di proroga del MIA (gennaio-giugno 2018).
Il ritardo, ad oggi nessuno dei primi 1200 nuclei familiari di Trieste soggetti alla proroga del MIA ha ricevuto nemmeno la Card, fattosi drammatico diede il via a numerosissime proteste e reclami degli utenti al Comune ed alla Regione, ed a un’apposita discussione-audizione in Consiglio comunale a Trieste, dove per bocca del rappresentante INPS trovarono conferma tutte le difficoltà dell’Istituto ad attuare la delega regionale.
Il Circolo Miani avanzò formalmente alla direzione comunale dei Servizi sociali ed alla direzione del Servizio regionale la proposta, normativamente praticabile, che la Regione si sostituisse all’INPS nel saldare gli arretrati ripristinando il precedente sistema di liquidazione in vigore fino al dicembre 2017 e poi regolasse la pratica burocratica con l’INPS.
La legge è regionale, la stessa si è trovata un considerevole (40 milioni) avanzo di bilancio, la prassi era stata usata fino al dicembre scorso.
Anche questa proposta è rimasta inascoltata da Regione e Comune, consapevoli del gravissimo ritardo (sei mesi) e degli ulteriori problemi che questo solleverà con l’INPS al momento della richiesta dei beneficiari MIA di poter accedere al REI, il sostegno al reddito nazionale.
In tutto questo si chiede a questa Procura se il comportamento di Regione e Comune di Trieste, nelle figure dei responsabili dei servizi, in parte già individuati in questo scritto, non ravvisi gli estremi di reato perlomeno nell’omissione di atti d’ufficio commessa nel non dare corso a quanto stabilito dalle leggi e norme regionali.
Il tutto aggravato dall’aver provocato un clima di generale esasperazione e disperazione in migliaia di persone già così duramente provate.
Allegati:
1) Legge Regionale istituzione misure di sostegno al reddito (MIA)
2) Regolamento Regionale applicazione LR
3) Delibera regionale proroga estensiva MIA a trenta mesi

https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/pcb.2194376154166674/2194376007500022/?type=3&theater

https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/pcb.2194376154166674/2194371107500512/?type=3&theater





« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63 • Pagina 64 • Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 15 December, 2019 - 8:20 am - Visitatori Totali Nr.