Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Gli onesti prenditori di Confindustria.
Come mai tace il garrulo presidente? Li caccia? ¡°Ero in cassa integrazione ma l¡¯azienda mi ha chiesto di lavorare. Pagato dall¡¯Inps¡±. I sindacati: ¡°Cos¨¬ centinaia di datori di lavoro hanno frodato lo Stato¡± (per almeno 2,7 miliardi..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

I Patrioti.
Il conto economico del Covid-19.Oggi i “giornaloni”, voce unica e perenne dell'opposizione a Conte, attaccano i titoli d'apertura a caratteri cubitali con la “stima preliminare” dell'Istat che annuncia che in Italia nei mesi di aprile, maggio e giugno..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 6

Comune di Trieste. La casa dei Fantasmi.

» Inviato da valmaura il 12 July, 2020 alle 12:34 pm

Dopo dieci anni che fine ha fatto “La casa delle associazioni”?

Questa che vedete nelle foto: la casa dei "fantasmi".
Da Cosolini a Dipiazza una delle tante bufale della politica comunale.

Ex scuola De Amicis in via Combi. Prima occorrevano 50.000 euro per lavori di messa in sicurezza dell’impianto elettrico, poi sono raddoppiati per il restauro degli infissi, ed ora?
La scusa? Il Comune non aveva i soldi.
Fatti due conti bastava un quarto di quanto speso per mostra (andata praticamente deserta) e statua del Vate, od un quinto di quanto si spenderà per gli effimeri addobbi natalizi, oppure un sesto di quanto andrà sprecato per spostare di 100 metri la statua di “Sissi” in piazza Libertà.
E nel cuore di San Vito questo è il quadro odierno.
Le amministrazioni del “fare”: niente!
A proposito del degrado dei quartieri, e ne parliamo Lunedi 13 luglio, insomma domani, alle ore 19 nell'incontro pubblico al Circolo Miani in via Valmaura 77.
Poi certo dipende da quante persone verranno.
Perchè dipende solo da noi, e lo sanno anche "lorsignori".




Trieste. Si al Porto, ma che sia “Green”.

» Inviato da valmaura il 11 July, 2020 alle 2:38 pm

Dopo lo shock della decadenza e la sbornia del reintegro ricordiamo al Presidente dell’Autorità Portuale che attendiamo sempre una risposta alla richiesta di incontro inoltratagli un tre mesi orsono. Se poi Zeno D’Agostino vuole riceverci per farci gli auguri di Natale francamente non ci interessa.
Volevamo parlargli di un improcrastinabile progetto per rendere, ora nella fase di prospettato potenziamento delle attività portuali e di avviamento delle infrastrutture logistiche soprattutto ferroviarie, il Porto di Trieste compatibile, anzi oseremmo dire un modello, con le indicazioni che si stanno consolidando a livello europeo ed internazionale.
Ora è risaputo e comprovato che l’inquinamento prodotto dalle navi, siano esse da crociera o commerciali, all’attracco in banchina è di gran lunga superiore di quello emesso da tutto il traffico veicolare in città, e di conseguenza fonte di gravi patologie nel medio e lungo termine sui residenti. Lo dimostrano indiscutibilmente le indagini sanitarie realizzate nelle città-porto tedesche (a partire da Amburgo), del Nord Europa e negli Stati Uniti.
Ciò è dovuto alla necessità per tutte le tipologie di navi ormeggiate di tenere in funzione l’apparato motore, spesso talvolta vetusto e non dotato di sistemi adeguati di filtraggio ai fumaioli, per alimentare i servizi di bordo.
Ora la comunità internazionale, UE compresa, ha ritenuto indispensabile invertire la rotta, è proprio il caso di dirlo, obbligando in futuro le navi di qualunque tipologia ad allacciarsi, una volta in porto, alle centraline elettriche predisposte in banchina per surrogare al fabbisogno di forza motore. E per incentivare tale orientamento sono stati predisposti appositi finanziamenti.
Il Porto di Trieste, e proprio ora in questa fase di rinnovato rilancio, deve dunque con convinzione intraprendere questa strada, anche per le criticità che ripetutamente si verificano in particolare al Porto Petroli, o quando un grattacielo sul mare attracca sulle Rive in centro città.
C’è poi la questione del traffico su rotaia, in particolare delle nuove grandi infrastrutture ferroviarie previste a breve sul retroporto, a diretto contatto con popolosi quartieri cittadini.
E’ noto che il traffico ferroviario produce un alto volume di polveri sottili (PM10 e PM2.5), micidiali per la salute umana e causa di decine di migliaia di decessi in Italia (50.000 nel 2016 con un danno economico stimato in 20 milioni di euro) ed Europa (300.000 morti), particolarmente poi nel caso di manovre tipiche delle piattaforme logistiche. Oltre ad un rilevante inquinamento acustico (già ora gli ordini di manovra e l’esecuzione delle stesse, provenienti dal traffico ferroviario del Porto Nuovo, si odono distintamente in tutta San Vito soprattutto di notte).
Vanno dunque intraprese tutte quelle azioni preventive, a partire dal barrieramento acustico, per non offrire in un futuro prossimo a Trieste un inquinamento peggiore dei precedenti.
Dunque si convinto al Porto ma che sia “green”.
E parleremo anche di questo Lunedì 13 luglio alle ore 19 al Circolo Miani, in via Valmaura 77 (praticamente di fronte al Brico) all’incontro pubblico ed aperto dove ci troviamo per fare il punto delle iniziative, anche legali, e per organizzare la manifestazione per salvare la Pineta di Cattinara.
E per prendere importanti, molto serie, decisioni.



5G, Antenne, alberi e verde pubblico, degrado dei quartieri.

» Inviato da valmaura il 10 July, 2020 alle 2:57 pm

Dipende solo da noi.

Ora da tempo, e nel silenzio di tutti gli altri: associazioni più o meno ambientaliste, forze e partiti politici nessuno escluso, noi, inteso come Circolo Miani facciamo la nostra parte per difendere la nostra salute, la nostra qualità della vita e l’ambiente dove viviamo.
Perché lo facciamo?
Semplice, perché per forza o amore siamo costretti a vivere a Trieste, sopportiamo come tutti una violenta quanto rapidissima trasformazione del clima in questa città, cosa di cui i ragazzini di Friday eccetera sembrano accorgersi purtroppo solo quando Greta lancia mobilitazioni internazionali, e ne abbiamo vissute e provate troppe sulla nostra pelle in questi ultimi venti anni, a partire dalla questione Ferriera e oggi Siot.
Ora tutelare il verde esistente in provincia, non abbattere ma impiantare alberi è la prima concreta cosa che ogni amministratore che tiene alla sua e nostra salute dovrebbe fare: ma a Trieste e dintorni questo non avviene da diverso, troppo tempo. Così come giardini ed aree verdi sono mal sopportati e lasciati in un degrado desolante. Per non parlare dell'abbandono pluridecennale in cui versano i quartieri dove vive la stragrande maggioranza dei triestini e lo stato comatoso della sanità ospedaliera e territoriale, oltre alla tragedia dell'emergenza povertà che fa di un quarto delle famiglie un mondo di “invisibili”.
Sulla vicenda 5G poi dovrebbe essere il buonsenso ad ispirare l’azione di chi porta responsabilità di governo, in linguaggio istituzionale di chiama “esercizio del principio della massima precauzione” a cui persino la Comunità Europea ha invitato gli stati membri ad ispirarsi sulla questione.
Il buonsenso che ci dice che oggi, in assenza di un verdetto scientificamente certo, credibile ed indipendente sulle eventuali ripercussioni che un così forte implemento delle onde radio e dei campi elettromagnetici determinerebbe sulle persone e sull’ambiente, ed in presenza di leggi e normative ampiamente datate e superate, sia meglio e saggio attendere di conoscere e verificare se, in parole semplici, questa nuova tecnologia sia compatibilmente utile ma soprattutto innocua, ed allora senza esitazioni anche noi la useremo.
Questo principio basilare ci porta dunque a chiedere, come abbiamo fatto con uno studio legale, che anche il Comune di Trieste, dopo i recentissimi precedenti di Bolzano ed Udine tra i quasi 600 in Italia ed i migliaia in Europa, deliberi una moratoria per il 5G, insomma una sospensiva, per l’installo di ripetitori o antenne, posto che l’Arpa FVG ci informa che nella prima fase di sperimentazione la nuova tecnologia si appoggerà sugli impianti già esistenti del 3/4G, nel territorio comunale.
E visto che negli ultimi tempi si è assistito ad un fiorire primaverile di nuovi ripetitori in provincia, imporre al Comune l’adozione di un piano regolatore sul territorio dove sia permesso ed opportuno ospitare questi impianti, lontano da scuole ed ospedali, da zone densamente abitate, ecc.
Non ci pare di chiedere la Luna o di essere preconcettamente ostili al “progresso”, ma semplicemente riteniamo che è meglio essere prudenti prima che piangere poi.
Vero è che questa politica risponde esclusivamente a due logiche: quella delle lobbyes economiche: soldi ed affari, che noi non “teniamo”, o quella dei numeri che per loro significano voti.
Dunque spetta solo a noi decidere come finirà questa lotta, ed è anche per questo che invitiamo sempre i lettori a mettere i loro “mi piace” alle nostre pagine e non solo ai singoli articoli e non certamente per orgasmo da “like”, ed è soprattutto per questo che il numero delle persone che parteciperanno all’incontro sarà importante.
Pertanto Lunedì 13 luglio alle ore 19 al Circolo Miani, in via Valmaura 77 (praticamente di fronte al Brico) ci troviamo per fare il punto delle iniziative, anche legali, e per organizzare la manifestazione per salvare la Pineta di Cattinara. E per prendere importanti, molto serie, decisioni.
Più siamo e meglio stiamo.




Comune Trieste. E la chiamano “manutenzione verde”.

» Inviato da valmaura il 9 July, 2020 alle 12:45 pm

Stamane in piazzale Giarizzole, Monte San Pantaleone, è in corso l'abbattimento di 11 alberi, quasi tutte Acacie, con epicentro il “Giardino Ondina Peteani”. Il committente dovrebbe essere il Comune di Trieste, il condizionale è d'obbligo perchè sugli avvisi appiccicati sui divieti di sosta provvisori piazzati in strada non c'è stampato alcun nome.
Si va dunque per deduzione, ovvero solo il Comune può emettere avvisi di divi
eto di sosta, ergo ….
Delle rigogliose ultradecennali (dai 50 ai 60 anni d'età) alberature l'aspetto precedente al massacro e la visione dei ceppi postumi denotano la loro totale salubrità, senza curvatura alcuna nello sviluppo.
Di queste, per onor di verità, una era spezzata e rinsecchita, accanto al alcuni reimpianti di nuove alberature, collocate all'incirca un anno fa, in stato agonizzante, praticamente senza foglie e quelle poche presenti accartocciate per evidente mancanza di irrorazione (chiamasi acqua).
A parte la considerazione che noi tutti, o quasi, saremo defunti quando questi “nuovi alberi”, posto che riescano a sopravvivere e ne purtroppo dubitiamo assai, raggiungeranno dimensioni e benefici effetti di quelli abbattuti.
Due ultime notazioni a margine.
Il parco giochi per i bimbi risulta sempre inaccessibile: delittuoso.
E uno dei “lavoranti” non ha gradito che noi scattassimo delle foto: lo abbiamo calmato con l'avviso che altrimenti avremmo chiamato le forze dell'ordine.
Quando si dice la professionalità.
Capite ora perchè è importante essere in tanti all'incontro pubblico di Lunedì 13 luglio, alle ore 19, al Circolo Miani in via Valmaura 77 a Trieste. Sempre che si voglia fermare questa mattanza, tra le altre cose, altrimenti piangere ed imprecare sui Social serve picca o nulla.

Per le foto si rimanda a Facebook Circolo Miani.




Riflessioni triestine.

» Inviato da valmaura il 8 July, 2020 alle 2:53 pm

Nuove ricorrenze e convivenza civile.

A sentire i commenti di politici ed istituzioni, che di storia capiscono come noi l’Aramaico, saranno le nuove ricorrenze a sancire la svolta epocale della convivenza in queste terre.
Forse non se ne sono accorti ma i rapporti tra italiani di madrelingua appunto italiana e quelli di madrelingua slovena, compresi i cittadini residenti anche nella vicina Repubblica sono molto ma molto più avanzati e normali di quanto
loro possano anche lontanamente supporre, anzi diremmo nonostante l’azione di una politica che brilla, oltre che per le strumentalizzazioni, per assoluta ignoranza.
Così come guardiamo con crescente preoccupazione la spocchia, che pensavamo finita vista la realtà di Trieste, di una “posa” culturale elitaria che si ritiene interprete di un malinteso spirito della città, che esiste solo nella loro presunzione e negli ambienti salottieri che frequentano, o dove ambiscono entrare.
Se non hanno ancora capito che i problemi che attanagliano i triestini sono molto più semplicemente brutali delle passerelle intellettuali autocelebranti così come i “premi” letterari o “giornalistici” che si auto assegnano, allora sono perfettamente inutili.





« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5 • Pagina 6 • Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 8 August, 2020 - 8:10 pm - Visitatori Totali Nr.