Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Trieste. Elezioni semestrali !
Si voti ogni sei mesi in città! Visto che questo pare essere l’unico modo per spingere l’amministrazione comunale a..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Dalla città al Carso. Continua la mattanza degli alberi.
Ieri una lettrice ci ha inviato queste foto scattate durante una passeggiata sul “monte..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 6

Trieste: destra, sinistra, centro, 5Stelle, ecc.

» Inviato da valmaura il 27 September, 2020 alle 1:00 pm

In tanti articoli su argomenti diversi, ultimi quelli sullo sfascio della sanità triestina, nessuno dei lettori (molti), e questo è già qualcosa, ha sollevato obiezioni nel merito, sul contenuto dei servizi.
Alcuni (pochi ma purtroppo indicativi di un andazzo molto diffuso in città e non solo) hanno pensato solo nei commenti ad addebitarne colpe e responsabilità, in questo caso, alla “sinistra”, omettendo di ricordarsi che in realtà la “destra” in questi due decenni ha governato Comune e Regione molto più tempo della “sinistra”. Che poi considerare tale ad esempio Riccardo Illy è come dare del maoista ad Aldo Moro.
Ma il punto non è questo: la “purezza” ideologica di destra e sinistra odierne, su cui molto ci sarebbe da argomentare trattenendo le risa, no il punto è un altro, e molto più grave e foriero di disastri per la nostra comunità.
Partiamo da un semplice e banale esempio, uno di quelli che piacciono tanto al bravo Bersani.
Se io sto male la domanda essenziale che mi pongo è: chi mi cura è bravo oppure quale sia la sua collocazione politica. Ovvio che i sensati si preoccupano solo della competenza del medico, della validità delle strutture in cui opera, e non della sua fede religiosa, politica o le sue preferenze sessuali.
Ebbene no, qui e non da oggi, la partigianeria partitica acceca strati non trascurabili di persone qualunque sia il loro credo politico.
E' questo atteggiamento, irrazionale quanto si vuole, negazionista della realtà a prescindere almeno fino a quando nelle pesti non finiscono personalmente, che oltre a danneggiare loro, e fin qui potremmo impipparcene, frega anche tutti noi.
A seguire il loro ragionamento se la colpa fosse solo di una parte parte politica, ora vanno di moda i Cinque Stelle ed il PD, perchè nei decenni che i loro beniamini partitici hanno governato Regione e Comune non hanno posto rimedio ed invece le cose hanno continuato a peggiorare, se mai fosse possibile?
Ritenere, come noi scriviamo, drammatica per gli effetti prodotti a Trieste, la gestione dell'Azienda Sanitaria da parte degli attuali vertici nominati dalla Giunta Fedriga (Riccardi) e confermati giorno dopo giorno, anche sulla stampa locale oggi, dalla incapacità di riattivare terapie, esami, visite specialistiche per tutte le patologie pre Covid-19, fatto che si rifletterà pesantemente sull'accorciamento dell'aspettativa di vita di migliaia di triestini, o sulla perfetta inutilità dei vertici dei distretti territoriali che pone pesanti interrogativi sull'esistenza stessa di queste strutture, vanno bel al di là dell'appartenenza politica.
Chiaro è che non basta evidenziare ciò se non si vuole ingannare i lettori, bisogna anche indicare con nomi e cognomi i responsabili di questa situazione che è sotto gli occhi di tutti e sulla pelle di molti.
Se poi i cittadini, tanti o pochi, se ne infischiano e ritengono che la bandiera politica abbia la preminenza sul battito cardiaco, allora si che a Trieste siamo messi male, proprio molto male.



Centro Congressi in Porto Vecchio.

» Inviato da valmaura il 26 September, 2020 alle 1:54 pm

Altro che Otelma una tripla benedizione alla Chiesa degli Schiavoni ci vuole.
Verrebbe da ridere soprattutto quando si leggono termini come “business plan”, che a Londra o New York li chiamano “piani aziendali”, sparati a destra e manca: il tutto per significare che non ci sono soldi per ultimare i lavori nel “nuovo” ed appena inaugurato da tutte le “Autorità” possibili Centro Congressi di Porto Vecchio.
Insomma nel “fisso” mancano due milioncini di euro. Non male per un “pool”, in inglese “gruppo”, di imprenditori, progettisti e realizzatori che ai 15 milioni già spesi ora ne richiedono altri 2 per ultimare, arredare ed attrezzare lo scatolone vuoto.
Ovviamente il Comune di Trieste, che già ne ha messo quasi il 40% di quei 15 milioni ora ne dovrebbe cacciare altri 800.000, euro più euro meno. Oltre a perseverare ad eliminare i concorrenti, insomma il libero mercato, delle sale congressuali della Stazione Marittima che ha pure il pregio di non presentarsi come un capannone industriale allo stato (semi)grezzo.
Fantastico: questa è l'imprenditoria italiana che aborre, si sdegna al solo sentir nominare la parola “assistenza”, loro, i paladini del libero mercato, ma assistito e soccorso dal denaro pubblico.
Oltretutto una domanda secca rivolgiamo al Comune. Ha provveduto a tutelarsi per l'investimento e soprattutto garantirsi la concessione di almeno un terzo delle giornate congressuali per ospitarvi, GRATUITAMENTE perchè mica pagheremo due volte, iniziative proprie o di altre realtà senza fini di lucro operanti a Trieste?
Altrimenti a che prò investire lì e non in altre più socialmente utili iniziative i quasi 6 milioni finora spesi?
Capiamo che le prospettive a breve e medio termine del Centro Congressi, se e quando sarà finito, e ovviamente reinaugurato, non sono delle più promettenti: insomma latitano committenze e prenotazioni, e pertanto ci rendiamo conto che qui la pur meritoria opera da noi evocata in precedenza del “divino” Otelma non sia più bastevole, pertanto sollecitiamo per chi si è imbarcato in questa iniziativa, privato e pubblico che sia, una urgente tripla benedizione alla Chiesa degli Schiavoni in Ponterosso.
Perchè se non bastasse pure questa allora non resta che un amen ed una prece alla memoria.



Ma come fanno i Triestini ….

» Inviato da valmaura il 25 September, 2020 alle 12:57 pm

A sopportare simili servizi sanitari: ospedali con i letti in corridoio ed in soggiorno e pronto soccorsi perennemente al collasso, prestazioni e visite specialistiche assolutamente normali rinviate di semestri con precedenza alla sanità privata, Distretti territoriali inesistenti che non riescono nemmeno a far riaprire gli ambulatori per i prelievi. E' ovvio che l'assommarsi dell'emergenza Covid-19, per chi ci crede e anche muore, a questo stato di cose ha prodotto i ben noti disastri.
Questi da anni hanno sistematicamente smantellato la sanità pubblica giuliana, tagliato i posti letto, ridotto il personale, tolto risorse al territorio e ciò nonostante, grazie soprattutto a “scienza e coscienza” di medici e personale, Trieste può contare ancora su alcune eccellenze sanitarie, a partire da quella Cardiologia fondata da Fulvio Camerini.
Ma chi sono i “questi”?
Formalmente i vertici “tecnici” delle Aziende Sanitarie, che hanno cambiato nome ad ogni riforma peggiorativa, sostanzialmente i politici regionali e locali, e di tutti i colori sia bene inteso.
Ad ogni cambio di maggioranza infatti la Regione applica quello che in inglese si chiama spoil system, ovvero piazzare nei posti dirigenziali persone di fiducia, si definiscono spudoratamente di “area”, della maggioranza partitica che in quel momento governa.
E siccome le “riforme” hanno prodotto questi risultati che tutti noi proviamo sulla nostra pelle quando abbiamo bisogno di una qualsiasi prestazione sanitaria, l'unica novità è consistita nel cambiare nome (ora Asugi, prima Ass triestina, e così via fino ad arrivare indietro nel tempo a Ospedali Riuniti), ma il core business dei "riformatori" era attratto soprattutto dal rendere granitico il controllo politico, anche tenendo conto che quasi il 60% del bilancio regionale è riservato alle spese sanitarie: insomma “piatto ricco mi ci ficco”.
L'ultimo vertice, quello dell'Asugi, è il prodotto perfetto, in negativo, di questo sistema.
Ci sono poi tre questioni che gridano vendetta.
Il cantiere infinito dell'Ospedale di Cattinara, nato superato e sfondando ogni preventivo di spesa dopo ventidue anni di progetti e lavori anche con note di scandalosa incapacità: essendo Torri gli ascensori sono fondamentali e cosa ti combinano? Quando li ordinano si accorgono che non possono montarli, che le colonne sono più piccole delle cabine, e via rifacendo e spendendo, tanto paghiamo noi, mica loro.
Per restare in media, venti anni data anche il progetto di rifacimento dell'ospedale, quello del cantiere bloccato da 18 mesi, dopo aver però sventrato senza ragione cinque piani di una delle due Torri che poi di corsa hanno dovuto rattoppare con una barcata di milioni per il Covid-19.
Seconda questione il trasferimento del Burlo Garofalo, un ospedale pediatrico che negli anni Sessanta e Settanta era un'eccellenza che tutto il Mondo ci invidiava ed usava, da allora ha subito un costante e progressivo declassamento e non solo strutturale. L'opportunità di mantenerlo nella sua sede naturale in città potenziandolo ed allargandolo si presentò in occasione della chiusura del prospiciente ex ospedale infettivi della Maddalena. Ed invece no, con una spesa doppia se ne decise il trasferimento a Cattinara. Ma forse proprio per questo.
Terza ed ultima questione. La sanità pubblica è pagata con i soldi dei Triestini, il Sindaco per legge, e dal 1934, è pure l'Ufficiale Sanitario del Comune ma negli ultimi decenni tutti i sindaci ed i politici locali hanno accuratamente evitato di assumersi responsabilità e rivendicare il ruolo sostanziale di tutela della salute dei triestini, intesi come provincia, assistendo a queste disgraziate vicende come semplici spettatori. Tanto se stanno male mica fanno fila e trafila.
Ecco, ma come fanno i Triestini a sopportare ed accettare passivamente da anni ed anni questa situazione che li riguarda, eccome, quando hanno necessità e bisogno di assistenza e cure sanitarie?
Si certo, inondavano in passato di lettere sdegnate giornali e televisioni, quando questi esistevano e non erano le voci dei padroni politici ed affaristici, ora si sfogano sui “Social”. Mugugnano al bar, ma tranquilli torneranno a votare, come sempre, anche se molti, più della metà, hanno sepolto la tessera elettorale, i soliti partiti.
Ecco come fanno.



Trieste: che tutto cambi purchè tutto resti immutato.

» Inviato da valmaura il 24 September, 2020 alle 1:36 pm

Abbiamo storpiato “Il Gattopardo”, ma fa trasalire il continuo fiorire di liste e listerelle dai nomi di poca fantasia all’approssimarsi delle elezioni comunali.
Che il particolarismo sia frutto della monaggine è risaputo, ed è inutile approfondire l’argomento nella patria di Nereo Rocco. Pertanto ribadisco quanto scritto un due giorni orsono: Dipiazza può dormire sonni tranquilli, con questo clima vince facile.
Quelli che questi sapientoni, dall’esperienza corta e dalla vista talpina non colgono è che Trieste ha avuto una delle più basse affluenze al voto domenica scorsa ed alla fine ha chiuso poco sopra il 43%.
Siamo pronti a scommettere che attorno a questa percentuale si aggirerà la partecipazione al voto anche alle elezioni comunali del maggio prossimo, e visti i precedenti siamo pure generosi.
Ma questa è un’altra storia, quella dei cittadini che si lamentano sempre e non fanno niente: vero è che hanno la scusante che l’offerta politica a Trieste, e diciamolo pure anche in Regione, fa ridere o piangere.
Ma i primi a perderci sono loro, ma forse ne godono.
Teodor.



Referendum.

» Inviato da valmaura il 23 September, 2020 alle 3:30 pm

Sette italiani su dieci hanno votato si, ma due sono i dati a mio avviso importanti.
La partecipazione al voto, ovvero l’affluenza, che ha raggiunto il 54% un dato altissimo in questi tempi e non necessario (l’esito sarebbe stato valido anche se a votare fosse andato lo 0,5 degli elettori perché questo tipo di Referendum “confermativo” non prevede alcun quorum).
La disfatta di buona parte della politica che dopo aver votato per il taglio dei parlamentari alla Camera e al Senato ha di fatto sostenuto e propagandato il No. Ma soprattutto la batosta di quasi tutto il mondo della “grande” informazione (giornaloni tutti salvo il Fatto Quotidiano, e televisioni), oltre a quella pletora di maitre a penser dell’intellettualismo, della Confindustria, e di MasterChef che hanno perso l’ennesima occasione per tacere.
Sentire i loro commenti oggi fa ridere di gusto e dimostra viepiù l’ignoranza di chi ha purtroppo responsabilità istituzionali.
In Regione apre le danze il Fedriga che da giureconsulto da Settimana Enigmistica sostiene “Mi auguro che ora non vogliano andare avanti con una legge elettorale con il proporzionale puro, perché questo toglie il diritto di scelta ai cittadini”. Che è l’esatto contrario della realtà: ovvero è proprio il sistema proporzionale che garantisce il diritto di rappresentanza anche alle minoranze ed alle formazioni politiche “minori”, permettendo ai cittadini elettori di scegliersi con il voto di preferenza gli eletti.
Sarebbe sparare sulla Croce Rossa commentare le poche idee ma ben confuse della senatrice PD Rojc e pertanto passiamo oltre.
Secondo Michelangelo Agrusti, oramai opinionista su tutto, sostenitore del No, «il dato del Fvg mostra un riverbero della società civile: un segno di resilienza democratica non banale”. Apperò i potenti che salgono in montagna, la resistenza dei “parrucconi”.
Ci si mette pure un esponente della forza che a ragione può ascriversi il merito di questa riforma: Paolo Menis . “A contare non è la carta d'identità, ma solo la capacità di fare le cose, come ha dimostrato Stefano Patuanelli che ha risolto la vicenda Ferriera dopo 20 anni di tentativi a vuoto”. Dopo aver asciugato le lacrime per il riso spiace rilevare che fino in fondo Menis non abbia compreso una mazza sulla Ferriera: è stata la proprietà a decidere la chiusura dell’area a caldo e non ci risulta che il cavalier Arvedi lavori al Mise.
Poi arriva il Polidori “Il contesto è poi mutato, ma alla fine dei conti mi pare che la vicenda non porterà a nulla. Anzi, temo che consentirà da un lato alle segreterie di controllare gli eletti.” Avete capito bene?
Sono tre legislature che le varie leggi porcata, cassate dalla Corte Costituzionale, riservano alle segreterie dei partiti la NOMINA dei parlamentari, a propria immagine e somiglianza togliendo agli elettori la libertà di scelta, e proprio oggi che la nuova legge elettorale, che dovrà essere varata entro settanta giorni, ridarà ai cittadini il potere della rappresentanza parlamentare il tapino se ne esce con questa castronata.
Ma darsi all’ippica o all’apicoltura no?
Teodor.




« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5 • Pagina 6 • Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 24 October, 2020 - 11:10 pm - Visitatori Totali Nr.