Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Lazzaro è ri-risorto !
Oggi compare dopo anni di silenzi il “consulente del Comune e del podestà Dipiazza” tale prof. Barbieri, ricercatore universitario, dalle pluriconsulenze (Regione, Arpa, di cui è uno dei cinque direttori scientifici, e Comune, prima con Cosolini e poi..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

La legge non è uguale per tutti. Proprio no !
Ed i politici sono i meno uguali di tutti, assieme ad (im)prenditori, finanzieri e "colletti bianchi". 1920 ore dietro alle sbarre per un panino. Febbraio 2011, un 70enne entra in un supermercato e infila un panino e..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 6

Io vi accuso !

» Inviato da valmaura il 9 September, 2019 alle 1:09 pm

Abbattuta una meravigliosa, sana, rigogliosa conifera, potrebbe essere un cedro del Libano, di quasi trenta metri di altezza che dava respiro, gioia e benessere da oltre sessanta anni in via Navali-viale Campi Elisi.

Era un piacere ed una bellezza vedere quest'albero cresciuto assieme a noi, ospitava i nidi di diversi uccelli ed è stato tagliato con la apparente motivazione che pur distando dalla parete, praticamente nascosta alla pubblica vista, di un condominio diversi metri, avrebbe ostacolato le impalcature per il rifacimento delle facciate.

Una sciocchezza non corrispondente al vero perchè su quelle facciate negli ultimi cinquanta anni sono state montate tranquillamente tutte le impalcature e fatto ogni sorta di lavoro di rifacimento.

E se proprio occorreva bastava potarne i rami interessati alla zona lavori.

NO, stamane una ditta di cui non si conosce il nome ha provveduto a tagliarlo, su mandato, a loro dire, dell'amministratore condominiale. Eppure il nostro regolamento comunale sul verde pubblico impedisce l'abbattimento di alberi, anche se collocati in proprietà privata, senza un preventivo e MOTIVATO permesso, dopo perizia sul posto, del Servizio Verde pubblico del Comune.

Ed ora vi descrivo minuto per minuto quanto questo servizio funzioni.

Quando mi sono accorto di quanto iniziava a succedere, alle ore 9 di stamane, ho tempestato di telefonate il centralino del Comune, che tralaltro non dispone neppure della ricaduta automatica delle chiamate senza risposta: ovvero devi richiamare il centralino iniziando ogni volta la trafila di nuovo. Neanche ai tempi di Meucci! Ma è il “Comune del fare”.

Ho chiesto di parlare con tutti i funzionari del verde pubblico e tra le 9 e le 9.30 non uno ha risposto a cinque diversi interni. Ho cercato allora la segreteria del comando dei vigili urbani, dove sono stato reindirizzato al pronto intervento del Corpo. Ho provato e riprovato per quattro volte di seguito sempre dopo essermi ascoltato tutta la tiritera del dischetto automatico, ed a ogni volta che premevo il tasto 3 (interventi diversi dal traffico) o quello 4 (per parlare con i distretti territoriali) la linea cadeva oppure ritornava al menù principale, e repete. Mi sono recato allora di persona all'ufficio della polizia municipale di via Locchi per aprire la segnalazione, credo oramai ad albero morto.

Si fa fuori una pianta che è patrimonio di tutti e che rende più bella e godibile la vita, anche praticamente proteggendo le abitazioni dalla calura tropicale, per cosa?

Per soldi, per incapacità, per pigrizia ed inettitudine. Questa è la realtà, nella quale francamente ho ben poco interesse a continuare a vivere.

Nel mio condominio hanno tranciato tutto un filare di glicine che proteggeva la casa dal rumore e dal traffico, intensi ed inquinanti, di viale Campi Elisi per ragioni di apparente sicurezza: dei motocicli di proprietà di alcuni, pochi, condomini parcheggiati abusivamente, come una ordinanza dei Vigili del Fuoco ha stabilito, sotto il portico condominiale. Il tutto ovviamente con il placet, e ci mancherebbe, e le ragioni sono facilmente intuibili, del nostro amministratore .

Hanno chiesto pure di installare la videosorveglianza del portico, ma pagata con i quattrini dei due terzi dei condomini che non parcheggiano lì, e l'hanno piazzata, incompleta, lasciando cioè i buchi a vista e basta, dopo l'intervento dei Vigili del Fuoco.

Tutto per soldi, per pigrizia, per egoismo tipici da sepolcri imbiancati. Un po' come i nobili alla corte del Re Sole: facevano un bagno una volta all'anno ma si sprofumazzavano per nascondere il sudiciume e la rogna.

Si, Greta o non Greta, dobbiamo fare qualcosa che impedisca il ripetersi di questo sconcio, ma sul serio e non limitandoci a sfogarci a babbo morto sui social. Riflettete gente, riflettete.




NO, la Provincia di Trieste proprio NO !

» Inviato da valmaura il 6 September, 2019 alle 11:23 am

Se c' era un ente inutile, ma del tutto inutile, nel comune sentire dei triestini, e da decenni, questo era proprio la Provincia di Trieste. Territorialmente inesistente, e che assorbiva i nove decimi del suo bilancio per mantenersi in vita (stipendi, indennità, affitti sedi e trasferimenti fondi obbligati).

Capiamo che la Giunta Fedriga sia animata dalla furia iconoclasta nei confronti delle scelte della precedente amministrazione regionale, ma la furia talvolta acceca e fa commettere sonore cazzate.

Ecco quella di ripristinare la Provincia di Trieste e le conseguenti elezioni per gli organi istituzionali (Presidente, Giunta e Consiglio provinciale) è proprio una colossale impopolare sciocchezza.

Se ne astenga per favore, nostro e suo.




Solo per i forti di cuore !

» Inviato da valmaura il 4 September, 2019 alle 12:30 pm

Giardino di Piazza Carlo Alberto, della serie “Comune Sfiorito”.


Bisogna avere coraggio da vendere per avventurarsi in quell'oasi di verde che una volta era il riposante giardino di Piazza Carlo Alberto, a mezzadria tra quello di Piazzale Rosmini, inquinato, e l'area verde di Viale Romolo Gessi.

Ora più simile ad una giungla, per passarvi è indispensabile munirsi di un macete ed aver frequentato i corsi di sopravvivenza estrema, anche se qui manca il classico Ponte Tibetano.

Alcune immagini recentissime parlano, e si commentano, da sole.

Si, siamo proprio un Comune da premio per il verde pubblico. Magari in autunno lo degneranno di qualche intervento, peccato che i giardini sono utilizzati da bambini e persone soprattutto d'estate, o ci sbagliamo?

Per la imperdibile carrellata fotografica si rimanda alla pagina Facebook Circolo Miani (aperta a tutti).




Una NON NOTIZIA.

» Inviato da valmaura il 3 September, 2019 alle 3:58 pm

Ferriera quattro pagine sul piccolo giornale e sulle televisioni per una non notizia.
Andremo per sintesi perchè a chi ci legge (qualche decina di migliaia di persone a settimana) la cosa è stranota.
Da due anni è in corso una trattativa per l'acquisizione dell'area della Ferriera e proprietà per il 40% delle Acciaierie Arvedi, che ne occupa il rimanente 60% in concessione demaniale trentennale.
L'eventuale acquisto, qualora la trattativa tra offerta e domanda vada a buon fine, si inserisce negli investimenti dei privati interessati a partecipare allo sviluppo-raddoppio delle attività portuali e logistiche.
In questa operazione, che appare un segreto di pulcinella perchè è nota a tutti meno che a quelli che dichiarano di fare giornalismo e politica in Trieste, l'unico ruolo attivo terzo è stato ed è quello esercitato dal Presidente dell'Autorità Portuale Zeno D'Agostino. Gli altri soggetti che ne parlano, scrivono e si addebitano presunti meriti sono tuttalpiù degni di figurare come comparse nel film SpaceBalls di Mel Brooks.
Come abbiamo scritto da anni fino alla noia il superamento della Ferriera avverrà grazie all'applicazione dell'Allegato VIII del Trattato di pace del 1947 che, nell'inerzia settantennale dei fancazzisti della politica nostrana, con i loro valletti di stampa e tivù pubbliche e private locali al seguito, l'attuale Presidente del Porto ha avuto il merito di rilanciare grazie, va detto, alla collaborazione dell'allora Ministro Graziano Delrio.
Desta meraviglia dunque che il “Talpone” Fabio Scoccimarro quello che ama richiamare pubblicamente il lavoro “sottotraccia” da lui svolto fino a qui, e su una cosa ha perfettamente ragione: nessuno si è accorto che sia l'Assessore regionale all'Ambiente, in sintonia con il Presidente della Regione Fedriga che da par suo incontra “privatamente” in albergo il cavalier Arvedi, ovviamente perchè presidente di Regione altrimenti non ci sarebbe motivo né interesse alcuno, accampi meriti che proprio non ha.
Ma desta altresì meraviglia il prendere atto che su sì gravi affermazioni e silenzi degli “amministratori” le forze politiche in Regione, a partire dalle inesistenti opposizioni non abbiano nulla da ridire su questo metodo di lavorare “sottotraccia” e sottobanco di politici che per legge dovrebbero operare in piena trasparenza.
Non può di conseguenza che trovare piena conferma la scelta fatta dal Circolo Miani e Servola Respira dall'aprile dello scorso anno di aprire un confronto con la Direzione della Ferriera per ridurre, ed alcuni risultati si sono visti, al minimo le emissioni di inquinanti, rumore e di polveri, problema tuttora aperto, dello stabilimento a tutela della salute e della qualità della vita dei triestini, e muggesani, e dei lavoratori.
Alle chiacchiere ventennali della politica e di questa “informazione” a traino, noi preferiamo la concretezza dei fatti, soprattutto quando c'è di mezzo la nostra vita.
Un ultimo consiglio. Visto che da anni i sindaci Dipiazza e Cosolini hanno cincischiato con gli ineludibili lavori di rifacimento della Galleria di Montebello perchè non si avvalgono della collaborazione del nostro “Talpone” che forse almeno in questo potrà essere di qualche utilità.
Poi, a scavo finito, gli dedicheremo quel “monumento” a cui lui tanto agogna.



E questi parlano, parlano, parlano.

» Inviato da valmaura il 31 August, 2019 alle 2:48 pm

Tumori a Trieste, siamo tra le tre città dove si muore di più.

Venti decessi ogni 1000 persone per tumori, Trieste tra le tre città d'Italia dove si muore di più (rapporto 2012-2016).
Ad affermarlo è l'indice della Salute 2019 elaborato dal Sole 24 Ore.
E poi il ricostituito duo Polli-Lodi auspica di ottenere il riconoscimento di “Comune fiorito” che “prende in esame il cosiddetto ambiente sostenibile e la pulizia e l’ordine della città, e assegna un marchio che attesta e certifica quanto un’amministrazione comunale si è impegnata attivamente nel miglioramento del quadro di vita quotidiano.”
E che, prosegue il duo: “Trieste vuole puntare a ottenere quel certificato di qualità a cui ambisce, forte anche di un costante e attento impegno sul fronte del verde pubblico, con la cura, la manutenzione e la valorizzazione di parchi, giardini, boschi urbani, aiuole e spazi verdi”. Si, ciao core!
Commenti?

Sulla pagina Facebook Circolo Miani le significative foto. Buona visione!





« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5 • Pagina 6 • Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 21 October, 2019 - 10:56 pm - Visitatori Totali Nr.