Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Laminatoio a caldo e “giornalismo” a freddo.
Le sorprese della censura talvolta sono anche divertenti. ..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Trieste Verde. A cosa diciamo no!
Dicemmo no alla progettata Centrale a Carbone nel Vallone di Muggia, battaglia vinta..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 56

Utile a sapersi. No GreenPass equivale a NoVax.

» Inviato da valmaura il 30 October, 2021 alle 1:59 pm

Almeno per la maggioranza, ampia, dei commenti alle nostre righe di ieri con la foto “Il vaccino uccide”.
In quelle quattro righe noi non entravamo nel merito della questione GreenPass, sostenevamo la vergogna per la città di vedere i muri attorno alla Risiera, dove sono state uccise 5000 persone, non a salve ma per vero, coperti da quella scritta blasfema scientificamente e pessimo biglietto da visita per i tanti ospiti del monumento nazionale.
Oggi purtroppo i numeri, non le chiacchiere, dimostrano che Trieste nell'ultima settimana è stabilmente al primo posto nella poco invidiabile statistica nazionale della diffusione del Covid, e che aumentano esponenzialmente i posti letto occupati in ospedale e terapia intensiva. Con questo ritmo tra una settimana o poco più la città passerà in un sol balzo dal colore bianco al giallo e temiamo a quello arancione, con tutte le conseguenze ben note ai Triestini.
Le cause sono altrettanto ben note a tutti: la promiscuità di tante persone senza alcuna protezione individuale, e supponiamo che le preghiere alla Madonna serviranno a poco che come recitava il protagonista dei film di Sergio Leone: “Dio non è con gli imbecilli”.
Ma torniamo a quanto scritto ieri. Avendo promosso dal 1968 in poi centinaia di manifestazioni e cortei, anche con numeri di partecipanti più ragguardevoli di quelli odierni, e senza manifestanti, tanti, in trasferta, abbiamo sempre ritenuto che chi si assume la responsabilità di organizzare simili eventi ha pure la responsabilità politica e morale del loro svolgimento. Di quella giuridica e penale non abbiamo parlato, né ci interessa e questo lo ribadiamo per i commenti di diversi giureconsulti un tanto al chilo, ma assolutamente incapaci di comprendere la lingua italiana.
Siamo stupiti dunque anche se non sorpresi perchè confermano una realtà palese da tempo, ovvero che dietro il No al Green Pass si nasconde, e neanche tanto, il No Vax, che quasi nessun commentatore abbia ritenuto di condannare il contenuto osceno scientificamente di quelle scritte. Essi hanno invece scelto argomenti da supercazzola per arrampicarsi sugli specchi a difesa del leader, ci scuseranno se non ricordiamo più di quale sigla che ne ha cambiate diverse in una settimana, ma noi siamo dei “pensionati rinco” come ci ha definiti qualcuno e dunque assolti, che avrebbe dovuto essere il primo da “vaccinato” ad offendersi e correre ai ripari, visto che portava la responsabilità di aver promosso la manifestazione conclusasi a Valmaura.
Se noi fossimo stati il Puzzer che ripete con linguaggio da bigliettini Baci Perugina, ed a noi piace perchè amiamo il cioccolato ed in fattispecie i Baci, di essere vaccinato e di volere il bene della città a cui mai arrecherebbe danno, avremmo fatto la cosa più ovvia quanto elementare, che potevano capirla pure i suoi controproducenti difensori: avremmo annunciato che immediatamente, accompagnati dai sostenitori, armati di secchi di calcina e pennelesse, saremmo andati a coprire quelle scritte ingiuriose, che tra l'altro lo epitetavano come un “suicida” o peggio perchè appunto vaccinatosi.
Ma tutto ciò al momento non è avvenuto, e leggiamo pure di qualche pigmeo microcefalo che si domanda quale nesso ci sia tra le scritte a Valmaura e la manifestazione: a Valmaura!



Muggia, lo stato dell'arte.

» Inviato da valmaura il 30 October, 2021 alle 1:58 pm

Al Sindaco e per conoscenza al Segretario generale.
 
Ad oggi, dopo una seduta lampo del Consiglio comunale, dovuta per legge, dove i consiglieri hanno fatto quasi esclusivamente da tappezzeria, gli stessi oggi stanno nel Limbo.
Mi spiego meglio. Dalla lettura attenta dello Statuto comunale e del Regolamento del Consiglio comunale tutti gli atti (interrogazioni, interpellanze, deliberazioni, mozioni e risoluzioni), salvo i casi di urgenza, devono prima passare al vaglio delle Commissioni comunali per poi essere calendarizzati per la discussione in aula.
Ad oggi non è giunta alcuna fissazione della data di convocazione del Consiglio, che francamente mi aspettavo di veder annunciata alla fine della prima riunione, che deve provvedere alla istituzione delle quattro commissioni permanenti, di cui una è la Trasparenza, ed alla seguente elezione dei presidenti delle stesse in separata sede. Nè altro atto che ne favorisca la formazione.
Mancando, o ritardando questo adempimento, di fatto i consiglieri non sono messi nella pienezza di esercizio della loro funzione, al contrario di Sindaco e Giunta che dal 27 ottobre hanno istituzionale operatività.
I consiglieri comunali stanno cioè nel Limbo, riconosciuti nella funzione ma impossibilitati ad esercitarla nell'istituzione Comune.
La sollecito dunque, signor Sindaco, a provvedere quanto prima all'adempimento di convocare il Consiglio comunale per dare corso alla formazione delle commissioni e per spronarle ad eleggere quanto prima i loro presidenti al fine di garantirne la loro operatività.
E mi riservo di intervenire nel corso dello stesso per attirare l'attenzione di noi tutti su alcuni articoli del Regolamento che permettono, se attuati, di iniziare a dare un primo di cenno di risposta in merito al netto distacco, che a Muggia ha coinvolto la metà degli elettori, tra cittadini ed istituzioni.
Cordialmente.
Maurizio Fogar, consigliere comunale Lista civica Muggia.



Domani, mercoledì 27 ottobre alle ore 18.30, primo Consiglio Comunale a Muggia.

» Inviato da valmaura il 26 October, 2021 alle 1:18 pm

Si, prima seduta in presenza del nuovo Consiglio comunale di Muggia, ma il pubblico, per le norme anti Covid, dovrà accontentarsi di seguirlo via internet in diretta su
Ora dobbiamo perfettamente dare ragione invece a Dipiazza nella sua scelta di far svolgere la prima seduta del Consiglio comunale di Trieste da remoto.
Una decisione motivata sì dalle attuali normative sanitarie ma soprattutto presa per non regalare una speciosa tribuna al neoeletto consigliere comunale del partito novax-nogreenpass, che per altro ha già annunciato la sua prevedibile sceneggiata.
Dipiazza lo fa per scansare, come il suo solito, responsabilità ed evitare problemi di sorta che lo costringano ad assumere posizioni certe, ma in questo caso, al di là della sua pavidità, ha ragioni da vendere, e stupisce di come le opposizioni, a partire da Russo, non le comprendano, specialmente in questo frangente.
Tanto più dopo che la capogruppo PD, Famulari, ha sollecitato lo sgombero di piazza Unità, che già questa sempiterna amministrazione comunale pensa di vietare ad ogni manifestazione sociale e politica. Una vera e propria follia mentre a tutte le iniziative commerciali spesso scadenti ed invasive non pone limiti.
Francamente parte male la politica comunale e giustifica appieno il fatto che il 60% degli elettori abbia disertato i seggi, ma per queste forze politiche, dopo quattro esternazioni di circostanza, il problema è già accantonato.
Insomma dopo sei e passa mesi di sciocchezze e superficialità un tanto al chilo di promesse elettorali si ritorna al solito chiacchiericcio inconcludente della politica nostrana e le periferie degradate?
Se ne riparla alle prossime elezioni tra cinque anni.



Muggia. Auguri di buon lavoro al duo Pantaleo-Polidori.

» Inviato da valmaura il 25 October, 2021 alle 11:28 am

E ne hanno proprio bisogno viste le foto dell'area Noghere.
Un sommesso suggerimento, anzi due, al neo assessore Pantaleo, al verde e cittadinanza attiva.
Quando esplicita il suo curriculum sia un tanticchia preciso, che non guasta mai la modestia, lei fu Vicepresidente dello Iacp, quale nomina politica, ai tempi della Presidenza di Rocco Lobianco che si dimise per protesta alla riforma Ater voluta da Tondo in Regione, e dunque per un dieci mesi lei ebbe, da Vicepresidente, la rappresentanza, tecnicamente si definisce “facente funzioni”, dell'Istituto.
Secondo suggerimento il concetto di “cittadinanza attiva” come da voi espresso: ovvero affidare ai privati la manutenzione di aiuole, non ha nulla a che vedere con il vero e fin qui unico significato del termine. Esso sta ad indicare invece la partecipazione “attiva” dei cittadini alla vita pubblica ed istituzionale, e ci consenta, la questione dei privati che curano aiuole è l'ultimo degli esempi da citare.
In quanto alla manutenzione del verde, condividendo per altro appieno il suo giudizio odierno sulle orride capitozzature che hanno trasformato tanti alberi, a Muggia come a Trieste, che però ora le ha proibite, in dei poveri moncherini mettendone a repentaglio la sopravvivenza, ed abbattendone tanti altri, le offriamo un promemoria di attualità.
Ecco forse l'invito di “cittadinanza attiva” in questo caso andrebbe trasformato in “Comune attivo”.
Buon lavoro.
Maurizio Fogar, Lista civica Muggia.
Ps: le esaurienti altre foto sono pubblicate sulla pagina Facebook Circolo Miani.



Siete stati a casa? Avete votato Dipiazza, Russo and company?

» Inviato da valmaura il 22 October, 2021 alle 2:03 pm

La pubblicità è l'animaccia (nera) del commercio.
 
Ed allora meritate di attendere fino a metà marzo del prossimo anno per un semplice elettrocardiogramma oppure fino al 22 luglio 2022 per una ecografia.
E parliamo di sanità pubblica, ma di cortei su questo che salvo noi tutti gli altri hanno ignorato nessuno parla: non è “dittatura” è semplicemente sfascio sanitario.
Ma per la nostra comunità va bene così, se lo merita appieno.
A proposito anche il privato non scherza, stamane dopo la paginata di pubblicità del supermercato Bosco, Maxi, di via Orlandini siamo andati a buttare l'occhio perchè invogliati dalle offerte.
I prezzi sono tutti più cari, e non di poco degli altri normali supermercati, per non parlare del Famila e della Lidl, e poi la “borsa in omaggio” per qualunque acquisto è un miraggio.
Ne prendiamo atto e lo segnaliamo ai pochi che se lo meritano.
E questo uno dei tanti, vani, nostri articoli.
“Trieste. Una sanità in profonda crisi.
Se non apparisse irrispettoso per deceduti e familiari e per i tanti sacrifici di cui è causa, sarebbe paradossalmente da ringraziare questa pandemia che ha messo impietosamente a nudo lo stato comatoso in cui versano, soprattutto a Trieste, i servizi ospedalieri e sanitari sul territorio.
E se ancora stanno in piedi e nonostante tutto esprimono pure delle eccellenze lo si deve all’abnegazione, unita alla indiscussa formazione professionale ed umana (un ricordo per tutti: Fulvio Camerini), di molti suoi operatori che fino ad oggi né lo Stato prima e soprattutto la Regione poi hanno saputo adeguatamente valorizzare.
Questo è frutto di una “razionalizzazione” che contro ogni logica, buonsenso e rispetto dell’articolo della Costituzione che garantisce la tutela della salute dei cittadini come un bene primario, ha portato in questi ultimi 30 e passa anni ad un progressivo smantellamento e chiusura di strutture ospedaliere, ad un taglio emorragico di posti letto, ad una drastica riduzione del personale con l’alibi di un servizio sanitario distrettuale che non è mai riuscito a decollare. La frasetta: della “presa in carico” dei pazienti da parte dei Distretti sembra scritta sull’acqua in molta parte dei casi e dei risultati. E sconta l’impreparazione e l’inadeguatezza dei servizi sociali comunali.
Anzi rispetto alla cronica carenza di personale, medico e paramedico nella sanità territoriale, c’è da domandarsi a cosa servono quattro direttori per quattro distretti a Trieste se, come nel caso descritto ieri, non hanno nemmeno l’autonomia decisionale per riaprire un ambulatorio per i prelievi di loro competenza, o di ottenere nuovo personale quando necessita.
Ma chi governa la sanità triestina? Chi ha deciso il folle e costosissimo trasferimento dell’Ospedale pediatrico Burlo Garofalo, per altro depauperato da anni di quella “eccellenza” che lo faceva un modello in Europa? Come ce lo ripeteva affranto Isidoro Marass, già Direttore Sanitario del Burlo e poi Consulente Europeo per la Pediatria, socio fondatore del Circolo Miani. Insomma chi ha prodotto questa situazione?
La risposta è una sola: questa politica, indipendentemente dal suo colore, per le scelte della Regione, il vero “dominus” da decenni, e la pavidità del Comune di Trieste.
Lo spuntare sempre più del sostituto fornito dalla sanità privata, convenzionata, un legittimo e crescente business, altro non è che il frutto o se volete il risultato di queste scelte politiche. Talvolta vien da pensare perfino l’obbiettivo. Fino ad arrivare ad episodi grotteschi dove il paziente triestino in attesa di una necessaria Risonanza Magnetica, calendarizzata dal CUP sette mesi dopo a Cattinara, si sente suggerire dai medici ospedalieri l’invito a rivolgersi ad una nota clinica radiologica del vicino Veneto, convenzionata e dove non pagherà nemmeno il ticket se esente, che gli fissa l’appuntamento per il giorno dopo. E la risposta te la manda a casa via espresso postale in settimana.
Non parliamo poi delle liste e dei tempi d’attesa per prestazioni o visite specialistiche nel servizio pubblico, che bisogna munirsi dell’agenda dell’anno venturo. Però c’è il privato convenzionato, e se non basta il privato privato.
Ora si parla di cambiare rotta, di ritornare sui propri passi, di far dimenticare Pronti Soccorsi come quello che ha accompagnato per anni l’ospedale di Cattinara, con un medico e due infermieri per cinque ambulatori, ed una attesa media di 10/12 ore; una “osservazione temporanea” di dieci posti per una utenza di 240.000 residenti e i letti accatastati nei corridoi.
Quello che il nuovo direttore dell’ASUGI definì sulla stampa nella sua prima uscita pubblica con queste esatte parole: “Il Pronto Soccorso sta bene così com’è”. Per la cronaca si chiama Poggiana, e questo fu il suo biglietto da visita per i Triestini. Suggerito dal sindaco di Gorizia (Forza Italia) e nominato dalla Regione del Leghista Fedriga su proposta dell’assessore Riccardi (Forza Italia). Ma, giusto per equilibrare, non è che prima andasse sempre meglio, anzi.
Ma ripartire con chi? Con questa stessa classe politica responsabile dello sfascio? Con i dirigenti che rispondono a stringenti logiche di corrente di cui sono molto spesso il prodotto?
Ma ora aspettiamoci una ulteriore crisi assai preoccupante che rischia di incidere non poco sull’aspettativa di vita futura a Trieste ed in Regione. Ovvero la caduta, l’interruzione, o nei migliore dei casi la rarefazione delle terapie, dei controlli, delle visite per quelle decine di migliaia di cittadini che soffrono di patologie croniche e spesso gravi. Perché il Covid-19, grazie anche all’incapacità dei vertici sanitari ha trasformato ospedali e strutture sanitarie in luoghi non di sicurezza e cura ma in focolai d’infezione da cui in questi mesi le persone, anche se ammalate, preferivano tenersi a debita distanza.
Ed ora passata l’emergenza la sanità pubblica è nel completo caos non riuscendo a recuperare i fili sospesi ed i ritardi pregressi, oltre che la necessaria fiducia dei pazienti.
Un dramma nel dramma, e non è che l’inizio”.




« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55 • Pagina 56 • Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Pagina 260Pagina 261Pagina 262Pagina 263Pagina 264Pagina 265Pagina 266Pagina 267Pagina 268Pagina 269Pagina 270Pagina 271Pagina 272Pagina 273Pagina 274Pagina 275Pagina 276Pagina 277Pagina 278Pagina 279Pagina 280Pagina 281Pagina 282Pagina 283Pagina 284Pagina 285Pagina 286Pagina 287Pagina 288Pagina 289Pagina 290Pagina 291Pagina 292Pagina 293Pagina 294Pagina 295Pagina 296Pagina 297Pagina 298Pagina 299Pagina 300Pagina 301Pagina 302Pagina 303Pagina 304Pagina 305Pagina 306Pagina 307Pagina 308Pagina 309Pagina 310Pagina 311Pagina 312Pagina 313Pagina 314Pagina 315Pagina 316Pagina 317Pagina 318Pagina 319Pagina 320Pagina 321Pagina 322Pagina 323Pagina 324Pagina 325Pagina 326Pagina 327Pagina 328Pagina 329Pagina 330Pagina 331Pagina 332Pagina 333Pagina 334Pagina 335Pagina 336Pagina 337Pagina 338Pagina 339Pagina 340Pagina 341Pagina 342Pagina 343Pagina 344Pagina 345Pagina 346Pagina 347Pagina 348Pagina 349Pagina 350Pagina 351Pagina 352Pagina 353Pagina 354Pagina 355Pagina 356Pagina 357Pagina 358Pagina 359Pagina 360Pagina 361Pagina 362Pagina 363Pagina 364Pagina 365Pagina 366Pagina 367Pagina 368Pagina 369Pagina 370Pagina 371Pagina 372Pagina 373Pagina 374Pagina 375Pagina 376Pagina 377Pagina 378Pagina 379Pagina 380Pagina 381Pagina 382Pagina 383Pagina 384Pagina 385Pagina 386Pagina 387Pagina 388Pagina 389Pagina 390Pagina 391Pagina 392Pagina 393Pagina 394Pagina 395Pagina 396Pagina 397Pagina 398Pagina 399Pagina 400Pagina 401Pagina 402Pagina 403Pagina 404Pagina 405Pagina 406Pagina 407Pagina 408Pagina 409Pagina 410Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 8 August, 2022 - 8:27 am - Visitatori Totali Nr.