Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Il “Lacan” triestino: Roberto Dipiazza.
C’è da sperare che stasera l’Alma Trieste riesca a vincere per portarsi sul 2 a 2 e giocarsi a Cremona la “bella”.Ovvero che il fine psicoterapeuta, con la sua puerile giustificazione da asilo, di..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Noblesse oblige. Vero Dipiazza?
L' Alma Trieste costretta a scusarsi pubblicamente, anche a nome dello sport cittadino, per il gestaccio del podestà Dipiazza nei confronti di un giocatore di colore del Cremona al Palasport di basket, ieri. E non..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 56

Ferriera. Il bluff della Regione.

» Inviato da valmaura il 31 January, 2018 alle 2:47 pm

Per due giorni la Regione parla della sua ultima “diffida” emessa verso la proprietà della Ferriera.
Tutto conferma l’asse perfetto che si è realizzato tra Serracchiani e Dipiazza.
Ovvero tutto fumo per pigliare tempo e tirare a campare.
L’unica cosa utile emersa dalle note stampa della Regione è che il Comune di Trieste è inadempiente da “solo” quattro annetti, dunque due a guida Cosolini e quasi due con Dipiazza, sul termine ultimo, il 2014, per approvare il piano cittadino contro l’inquinamento acustico. Complimenti dunque a Laureni e Polli, ma anche alla Regione stessa (assessore Vito) che non è intervenuta a surroga dell’inadempienza comunale.
Per il resto la “diffida” altro non fa che rinviare al 31 dicembre 2018, a “babbo morto”: cioè ad elezioni politiche e regionali avvenute, il limite temporale per la proprietà. A cui si chiede però, non dormiranno la notte, di presentare entro “dieci giorni” il “cronoprogramma”, parola che non significa nulla ma piace molto a Cosolini e Dipiazza, dei lavori da eseguire.
Romano Pezzetta (Servola Respira) e Maurizio Fogar (Circolo Miani) avevano, il 14 dicembre nella penultima riunione con i vertici regionali, indicato la criticità dell’inquinamento acustico tra le prime cinque emergenze su impianti e ciclo produttivo della Ferriera, chiedendo di fermare il “filtro” messo da Arvedi alla Cokeria che non ha fatto il miracolo tanto osannato da stampa e TiVù, ma anzi ottenuto l’effetto contrario.
Tra le altre cose avevano segnalato che il camino dell’impianto era fuori norma perché la sua altezza arrivava a malapena al primo piano delle case circostanti.
Bastava fermare quell’impianto praticamente inutile per eliminare gran parte dell’inquinamento acustico, piano o non piano comunale. Nemmeno questo la Regione ha voluto fare.
In questi giorni poi, non segnalata dalle previsioni meteorologiche Osmer, che non a caso dipende dall’Arpa, a Trieste è nevicato. Ma solo a Servola e Valmaura. Una coltre di fiocchi neri ha ingentilito territorio, balconi e macchine. Proveniva dalla Cokeria.




Smemoranda.

» Inviato da valmaura il 30 January, 2018 alle 1:03 pm

Servizio di pubblica assistenza per chi non è in grado di vergognarsi da solo.
Inizia la campagna dei cacciatori di balle.
Prosegue la carrellata dei candidati alle politiche in Regione ed a Trieste.
Fabio Omero, per Liberi e Uguali.
Nel 2011/12 da assessore comunale allo Sviluppo Economico della Giunta Cosolini partecipò in diverse occasioni ai tavoli ministeriali sulla Ferriera e più volte dichiarò alla stampa che la produzione dell’acciaio (dismessa nel 2004 per altro: della acciaieria rimase solo il capannone che i nuovi proprietari della Severstal smontarono e si portano in Russia i macchinari) era strategica per Trieste. Più o meno le stesse cose ripetute dal suo compagno di partito Claudio Bonicciolli quando dirigeva il Porto.
Fu il protagonista, assieme a Laureni, della “Giunta itinerante” nella Settima Circoscrizione, l’unica alla quale il Sindaco Cosolini non si presentò.
Qui sotto il resoconto addomesticato fornito dal Comune in Rete Civica.
"Trieste, 25/11/2011
LA “GIUNTA ITINERANTE” HA INCONTRATO IERI SERA (GIOVEDÌ 24) - ALLA SCUOLA “CAPRIN” DI SALITA DI ZUGNANO - I CONSIGLIERI E I CITTADINI DELLA VII CIRCOSCRIZIONE (SERVOLA - CHIARBOLA - VALMAURA - BORGO SAN SERGIO)
La successiva fase, come di consueto aperta al pubblico, è stata invece totalmente “monopolizzata” dal tema “Ferriera”, con l’intervento di alcune decine di residenti nell’area di Servola, aderenti alle iniziative del “Circolo Miani” di Maurizio Fogar e ai locali Comitati anti-inquinamento che hanno dato vita a un vivace dibattito, anche esponendo uno striscione e consegnando simbolicamente agli Assessori un pacchetto con residui minerali asseritamente derivanti dai processi industriali e “precipitati” su strade e balconi.
Agli intervenuti ha replicato l’Assessore Laureni che ha ribadito come i citati già superati 35 “sforamenti” dei valori limite consentano di porre la questione su un piano legale che dovrebbe condurre finalmente verso concreti provvedimenti.”
La verità. Le “decine di residenti” e non solo “di Servola” erano in realtà 120 persone (la sala strapiena) che si alzarono e se ne andarono quando Laureni offese e provocò i presenti.
Tutti meno quattro: i “politici” di nosmog con il Barbieri al seguito. La stessa sera sulla pagina Bastaferriera il Tasso definì l’episodio “una immonda gazzarra scatenata dai soliti noti”, ovvero noi. Nel tentativo di difendere, e di accreditarsi, la Giunta Cosolini. Lo stesso atteggiamento assunto nell’estate 2015 quando sul piccolo giornale, pro Cosolini, si “dissociarono” pubblicamente dagli applausi durati 48 minuti da parte di una sessantina di persone invitate dal Circolo Miani, gli “immondi”, che impedirono allo stesso Cosolini e Barbieri, ma guarda, di aprire bocca alla libreria Lovat. Ma lo sparring partner di nosmog, quel freelance che risponde al nome di Tieri non se ne accorse e scrisse un film visto solo da lui. Per questo fu subito arruolato nei 5Stelle per presiedere il convegno sul e nel nulla al cinema Ariston.
Poetico poi quel “asseritamente” riservato ai sacchetti con polveri di carbone e ferro. Infatti è notorio che nel territorio della Settima Circoscrizione, ma anche a Muggia, Campi Elisi e San Vito, le massaie grattugino ferro e carbone per condire la pasta.
Che tristezza, vero Omero?




La giornata della memoria, tradita.

» Inviato da valmaura il 27 January, 2018 alle 1:55 pm

Oggi 27 gennaio cade la commemorazione della “Giornata della memoria”, sorta per ricordare l’orrore della Shoah, del genocidio di oltre sei milioni di ebrei, dell’olocausto in cui perirono anche altri 9 milioni di internati nei campi di concentramento nazisti. Eliminazione che potè avvenire solo grazie alla piena e volonterosa collaborazione dei regimi fascisti fantoccio sparsi per l’Europa, a partire da quello italiano.
Detto questo oggi grida vendetta al cielo constatare come la memoria e gli ideali per cui milioni di persone morirono venga tradita quotidianamente in molte di quelle che si definiscono “democrazie” europee.
In Italia oramai il 27 gennaio è divenuto in molti casi un ingessato rituale, a partire dalla politica e dall’informazione. Tanto poi nel calendario arriva il 28 è tutto continua come prima.
Quello per cui lottarono, si opposero e morirono tante persone trova il suo più alto sfregio nell’odierno comportamento, ad esempio, della politica italiana. Dalla sua abissale distanza ed ignoranza del territorio e delle, spesso drammatiche, problematiche reali della gente che vi vive.
Dalla forma stessa dei partiti e movimenti, strutturati per escludere ogni forma di vera partecipazione. Dalla codificazione pentastellata di un “capo politico”, in tedesco Führer, alla farsa, unanime, della scelta dei candidati alle vicine elezioni politiche su di una ignobile legge elettorale.
Altro pesantissimo vulnus è costituito da stampa e televisioni asservite, salvo lodevoli quanto rare eccezioni, al regime politico ed affaristico, o nel migliore dei casi perfettamente integrate nel “sistema”, come il passare disinvolto di molti dal ruolo di giornalisti a quello di aspiranti parlamentari dimostra.
A Trieste da anni si assiste al peggio del peggio, con stampa e tivù usate come mazze per colpire il dissenso, metaforicamente ricordanti quella ferrata conservata alla Risiera per dare il colpo di grazia agli internati prima di gettarli nel forno crematorio.
Sono questi tradimenti che spianano la strada a rabbia e disperazione, che fanno si che oramai una fetta maggioritaria dei cittadini diserti le urne.
E' questa “memoria” tradita 365 giorni all’anno che favorisce il riaffacciarsi di un sistema mai morto ma solo trasfigurato nelle forme.
Nelle foto (Facebook Circolo Miani). Il processo per i crimini della Risiera, lo storico Galliano Fogar che si battè perché avesse luogo, la mazza ferrata.




Ferriera. La nostra risposta.

» Inviato da valmaura il 26 January, 2018 alle 1:12 pm

Serenamente, pacatamente, dignitosamente. Crozza in Veltroni.
Per comprendere e ribellarsi.
E capire una volta per tutte da che parte stanno TeleCambrequattro e piccolo giornale.
Una volta c’era la servitù della gleba, oggi l’asservimento ai politici, tutti.
https://www.facebook.com/teleantennapolitica/videos/1322045414565957/




Smemoranda.

» Inviato da valmaura il 25 January, 2018 alle 3:18 pm

Servizio di pubblica assistenza per chi non è in grado di vergognarsi da solo.
Inizia la campagna dei cacciatori di balle.
Apriamo la carrellata dei candidati alle politiche in Regione ed a Trieste
“Effetto” Illy, Riccardo, al Senato per il PD.

Vedi assolutamente foto su pagina (aperta a tutti) Facebook Circolo Miani

 

Smemoranda.2
Servizio di pubblica assistenza per chi non è in grado di vergognarsi da solo.
Inizia la campagna dei cacciatori di balle.
Prosegue la carrellata dei candidati alle politiche in Regione ed a Trieste
Tondo, obtondo, bistondo.
L’uomo buono per ogni candidatura. Ma un usato non proprio sicuro.
La vicenda, tragica, della Ferriera è un ottimo metro per misurare la credibilità dei politici, e non solo, a prescindere dal loro colore .
Tondo sparò un mucchio di promesse, mai mantenuta una che sia una, sulla chiusura della Ferriera.
A partire dal 2001, sua prima Presidenza della Regione, ove istituì ben 21 “Tavoli” regionali, mancava solo quello della Briscola, affidati al fido Dressi, per chiudere lo stabilimento.
Di nuovo Presidente della Regione, dopo il quinquennio Illyano che di “Tavoli” ne aveva apparecchiati uno solo affidato al buongustaio Cosolini, si presentò a Servola ad una settimana esatta dal voto regionale, davanti al Cimitero rionale, luogo quanto mai appropriato, ed accompagnato dalla carovana dei suoi ascari del centrodestra, parlò pomposamente dinanzi ad 8 (otto) persone, i suoi “amici” di nosmog.
A cento metri circa 120 persone bloccando il cuore di Servola erano in strada per contestarlo ed ascoltare Maurizio Fogar, ma di questo il piccolo giornale e TeleCamberquattro non diedero ovviamente notizia.
Disse solennemente, come il piccolo giornale titolò a tutta pagina: “se eletto Governatore FVG una settimana dopo tornerò a Servola ( a dimostrazione che le decine e decine di migliaia di residenti di Valmaura, Monte San Pantaleone, San Sabba, Aquilinia e Muggia da un lato, e Chiarbola-Ponziana, Campi Elisi e San Vito dall’altro non contavano) a chiedere agli abitanti come chiudere la Ferriera”.
Francamente grottesco l’impegno che infatti non mantenne mai nei cinque anni della sua presidenza: lo videro in India e Brasile ma non nei quartieri. Tanto che la pensionata siora Maria fu trovata mummificata fuori dalla porta di casa stringendo nelle mani una catena con lucchetto nella vana speranza di consegnarli al carnico Tondo.
Appena eletto dichiarò, giugno 2008, in piazza Unità che “chiudere la Ferriera era una, anzi la priorità della sua amministrazione”. Infatti nel suo quinquennio si rifiutò perfino di riconvocare la Conferenza dei Servizi regionale per avviare una revisione della pessima AIA (generica ed inutile la definì allora il Sostituto Procuratore Frezza) rilasciata alla proprietà della Ferriera tra Natale e Capodanno 2007 dalla Giunta Illy-Cosolini. Parimenti il suo compagno di partito ed “amicone” Roberto Dipiazza, allora sempre Sindaco, si rifiutò pubblicamente di chiederla, la revisione che oggi tanto anela.
Chiudiamo con una sua altra sparata datata 29 marzo 2008 “Non è possibile che a Servola dove vivono oltre 50.000 abitanti le condizioni sono invivibili io lavorerò per fare in modo che questo cambi”. Parola di Renzo Tondo.
Sotto, nei due filmati le sue sparate. Nel primo l’assedio del palazzo della Regione in piazza Unità, dal quale tentò inutilmente la fuga: le quattro uscite erano circondate dai cittadini che per ore accerchiarono la Presidenza su invito del Circolo Miani.
https://www.youtube.com/watch?v=dTOPbffBLUM
https://www.youtube.com/watch?v=xL8hAVb84Fo





« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55 • Pagina 56 • Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 16 June, 2019 - 12:42 pm - Visitatori Totali Nr.