Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Laminatoio a caldo e “giornalismo” a freddo.
Le sorprese della censura talvolta sono anche divertenti. ..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Trieste Verde. A cosa diciamo no!
Dicemmo no alla progettata Centrale a Carbone nel Vallone di Muggia, battaglia vinta..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 55

Noi c'eravamo.

» Inviato da valmaura il 24 April, 2021 alle 2:34 pm

Stamane davanti alla sede Inps di Trieste, ma eravamo come Trieste Verde per protestare contro l'Inps, ed in particolare contro i vertici della sede triestina, per i ritardi, le omissioni le disfunzionalità che hanno creato situazioni di vera e propria emergenza economica per tante, troppe, persone: da coloro che aspettano da mesi l'indennità di Cassa Integrazione, o che si vedono decurtare senza spiegazione alcuna il già magro importo del reddito, e cosa peggiore, della pensione di cittadinanza. Ed il tutto in palese violazione ed inottemperanza di leggi, norme dello Stato e di sentenze della magistratura fino al massimo livello della Corte Costituzionale.
E se anche in tempi “normali” la sede Inps di Trieste non dava risposte e non “brillava” per funzionalità, pensate ora, si insomma da un annetto buono, cosa può accadere in tempi di emergenza Covid-19.
Ma va detto che il ruolo sociale dell'istituto è stato totalmente abbandonato dalla politica e dal sindacato, unica parziale eccezione l'USB, e pertanto riteniamo utile proporvi una recente riflessione di Maurizio Fogar che illumina il contesto di quanto accade.
Il grande “Buco Nero” della sinistra, in particolare triestina.
Usando un linguaggio terminologico marxiano, che ho motivo di credere questi ignorino, oggi le “classi” sociali tradizionalmente intese si sono modificate. Scomparsa da tempo la divisione tra borghesia e proletariato, rimasta invece quella che identifica un ristrettissimo numero di persone con il “grande capitale”, oggi soprattutto finanziario, la società, e dunque anche quella triestina e regionale, si divide sostanzialmente in due schieramenti indistinti: i “garantiti” ed i “non garantiti”.
Intesi come soggetti tutelati o non tutelati all'interno del nostro sistema sociale.
Ma non solo i partiti della sinistra tradizionale e di nuovo conio, ma anche sindacalismo e mondo cooperativo, da tempo hanno smesso di dare voce e tutelare i “non garantiti”.
Ed oramai il passaggio, anzi il precipitare, dalla categoria superiore a quella che sempre marxianamente parlando si definiva Unter Lumpen (letteralmente sotto gli, coperti di stracci) è repentino, aggravato ed accelerato non solo da una globalizzazione finanziaria e dei profitti ma dall'esplodere dell'emergenza Covid che sul piano economico ha falcidiato chi prima tra mille difficoltà riusciva a tenersi a galla. E senza una adeguata preparazione politica di chi gestisce la politica e soprattutto una idonea rete sociale capace di dare aiuto e sostegno che non sia sporadico e caritatevole.
La stessa riforma del reddito/pensione di cittadinanza nata da una sacrosanta necessità di adeguare il welfare italiano a quello europeo è stata resa monca dalla risicatezza, al limite della elemosina, degli importi e da un regolamento attuativo particolarmente burocratico quanto penalizzante nei limiti di utilizzo e che non tiene assolutamente in conto di quanto stabilito da una sentenza della Corte Costituzionale del giugno 2020 che fissa in un minimo di 780 euro pro capite il limite di sopravvivenza mensile che lo Stato deve erogare. E ciò vale pure per i risibili importi dei fruitori delle pensioni minime e sociali che percepiscono in media 250/300 euro mensili di meno.
L'incapacità, il disinteresse della politica, particolarmente di quella che storicamente si vantava di rappresentare le classi più deboli, cioè la sinistra, ha fatto il resto.
In una situazione viepiù tragica che oramai attraversa trasversalmente tutte le fasce d'età, e che aumenta di numeri in modo vertiginoso, questa sordità politica produce due risultati: uno sul piano sociale e l'altro su quello più propriamente politico.
Nel sociale bisogna prendere atto che si è aperta in migliaia di persone, anzi spalancata, la rassegnazione e la disperazione più cupa, senza alcuna speranza di un riscatto umano e dunque sociale. Anche per l'assoluta inadeguatezza dei servizi sociosanitari pubblici.
Nel politico questa situazione si riflette in larga maggioranza nel non voto, inteso come espressione totale di sfiducia nei confronti di questo sistema, o nel seguire le sirene di chi opera a suon di slogan, di parole forti, violente capaci però di interpretare gli stati d'animo di chi nella disperazione-emarginazione vive da tempo, scatenando strumentali ma reali guerre tra poveri e conseguendo insperati risultati elettorali: ossia la destra nelle sue varie declinazioni.
Dunque oggi la “sinistra” non è più capace, vuoi perchè cieca e sorda rispetto alla realtà territoriale, umana e sociale, vuoi perchè concentrata a difendere l'orticello dei “garantiti”, di interpretare questo sempre più vasto fenomeno e garantire una sicurezza sociale che per anni era stata uno dei punti forti del vecchio PCI. E non a caso questo si conferma nei risultati elettorali che la premiamo nei centri urbani e la penalizzano ai limiti della scomparsa nelle periferie, dove oggi vivono pochi “proletari” ma sempre più “unterlumpen”.
Ecco anche questa bruttissima campagna elettorale per le comunali a Trieste suona a perfetta conferma di questo stato di cose, che a qualche “intellettuale” piaccia o meno.
Maurizio Fogar per Trieste Verde.



Caro Zeno, parli di quello che sa, e basta!

» Inviato da valmaura il 23 April, 2021 alle 1:12 pm

Nuovo passo falso del Presidente dell'Autorità Portuale, Zeno D'Agostino.
Stavolta dichiara sulla questione della nuova futuribile assai, per ora, acciaieria alla Noghere: “Non sarà una nuova Ferriera e d'altronde oggi a Servola non si lamenta più nessuno: è stato lo sviluppo del porto che ha creato le condizioni per permettere di far andare via da lì la Ferriera, al di là delle volontà politiche, e ... bisognerà capire come collegare il terminal all'alta viabilità senza rompere le scatole agli abitanti di Aquilinia”.
Ora nell'unica cosa giusta, per altro illustrata dal Circolo Miani in un Forum organizzato alla Stazione Marittima nel 2004, dunque una dozzina di anni e passa prima che da Verona D'Agostino scoprisse Trieste, quella cioè che “è stato lo sviluppo del porto che ha creato le condizioni per permettere di far andare via da lì la Ferriera, al di là delle volontà politiche”.
E non per nulla in quegli anni sulle nostre pagine noi titolavamo “Il Porto chiude la Ferriera”.
Peccato che la incornici tra due periodi da cioccolatai, e questo sabato alle 11 al Circolo Miani ne illustreremo le ragioni, e se vuole assistere così da risparmiarsi nuove figure barbine....
Il fatto che circoscriva il danno alla qualità della vita ed alla salute provocato dalla Ferriera alla “sola” Servola dimostra che non ha capito e non conosce niente della triste ventennale vicenda: l'area più densamente colpita, ma la stessa Arpa nell'unico serio studio-analisi da lei prodotto in questo periodo (2007-2008) rilevava che tutta la provincia di Trieste ne risentiva pesantemente, andava da Muggia-Aquilinia-San Sabba-Monte San Pantaleone-Valmaura-Servola-Chiarbola-Ponziana-Campi Elisi-San Vito a stare stretti, dunque quasi la metà della popolazione residente nel territorio provinciale, senza contare Capodistria come rilevato ufficialmente dagli enti di controllo sanitari ed ambientali sloveni.
E poi nell'elegante “rompere le scatole” ai residenti di Aquilinia, spiace vedere quanta poca considerazione egli abbia nei confronti della nostra comunità, alla quale si appresta analogamente a “rompere le scatole” con le pesanti doppie infrastrutture in zona Scalo Legnami-Ferriera (ex area a caldo). Oltre ad aver regalato a Trieste da mesi l'inquinamento prodotto 24oresu24 dalle quattro navi da crociera parcheggiate a motori accesi in Porto.
Dunque parli di quello che sa e non si avventuri fantozzianamente in terreni colpevolmente sconosciuti altrimenti dopo i passi falsi sul Parco del Mare Morto e sullo scatolone Centro Congressi incompiuto la sua immagine di “Garibaldi” domacio ne esce ben scossa.
Allarme Ferriera e stop ai miasmi di Siot e Depuratore Fognario.
Il prossimo Sabato, 24 aprile, alle ore 11 sempre nella sede (g.c.) del Circolo Miani in via Valmaura 77 a Trieste, e sempre nel rispetto delle misure antiCovid all'aperto, incontro pubblico per illustrare e discutere in questo nono appuntamento le proposte di Trieste Verde su Ferriera, Siot e Depuratore Fognario, quello “nuovo” costatoci la bellezza di 55 milioni, cittadino.
L'impegno di anni da parte del Circolo Miani ed oggi di Trieste Verde sulla questione Ferriera che in tanti pensano essere erroneamente chiusa (leggetevi il pezzo sotto) e le manifestazioni contro i miasmi di “benzina marcia” emessi dalla Siot che, a seconda dei venti, investono pesantemente Muggia, Aquilinia e San Dorligo o tutta la fascia costiera di Trieste.
Inaccettabile poi l'odore di guano in uscita costante dal “nuovo” Depuratore Fognario dove scaricano i liquami di 200.000 concittadini e che investe in pieno i quartieri limitrofi, da Chiarbola, a Servola-Valmaura.
Rigoroso, e per chi ci conosce sa che non scherziamo, sarà l'impegno di Trieste Verde nel nuovo Comune su tali questioni ed è per questo che chiediamo il sostegno ed il voto dei Triestini.



Ferriera ed altro: Cremona come Trieste in quanto a controlli.

» Inviato da valmaura il 22 April, 2021 alle 1:46 pm

IL CASO CREMONA
di Gianni Barbacetto
“C’è un tabù, in Lombardia, di cui non si deve parlare”, dice il dottor Paolo Ricci. È il cortocircuito tra inquinamento e patologie a Cremona, 80 chilometri da Milano. Una situazione epidemiologica allarmante: alto numero di malattie respiratorie, tumori al polmone, leucemie, nascite pre-termine. In un territorio dove sono concentrati un inceneritore, una discarica, due fabbriche di mangimi e soprattutto le acciaierie Arvedi, il secondo polo siderurgico italiano dopo l’Ilva di Taranto. Dell’Ilva si è molto parlato, discusso, polemizzato. Arvedi resta invece invisibile ai media. Intoccabile. Per anni il dottor Ricci – direttore dell’Osservatorio epidemiologico della Ats di Mantova e Cremona – ha cercato di completare uno studio epidemiologico sulla situazione cremonese. “Le istituzioni non mi hanno dato retta e, dopo anni di insistenze, non mi è rimasto altro che andare in pensione anticipata”.
Qualche dato lo ha comunque raccolto. Ed è preoccupante. Nell’area di Cremona ci sono ben dieci insediamenti pericolosi, soggetti all’obbligo di Aia (Autorizzazione integrata ambientale). Uno di questi, la raffineria Tamoil, ha chiuso le attività, ma fino al 2013 ha emesso 140 tonnellate all’anno di polveri sottili e circa 30 mila tonnellate di composti organici volatili. Degli altri nove insediamenti, l’acciaieria Arvedi è quella che inquina di più: emette 5,633 milioni di metri cubi di fumi all’ora, a cui si aggiungono i 442 mila di Arvedi Area Nord, dove vengono trattati i metalli, e i 425 mila di Arvedi Tubi Acciaio, che produce tubi. Altri 467 mila provengono dai due produttori di mangimi: il Consorzio Agrario (367 mila) e Ferraroni (100 mila). L’inceneritore locale – da cui era partita l’analisi di Ricci – aggiunge emissioni per 90 mila metri cubi all’ora. In più, la grande discarica di Crotta d’Adda raccoglie oltre 1 milione di metri cubi di rifiuti classificati come inerti, provenienti dalla Arvedi, che si aggiungono alle 300 tonnellate all’anno conferite all’interno dello stabilimento e ai 2 mila metri cubi di scorie nere destinate a essere trattate. Completa il quadro inquinante il traffico dell’autostrada Cremona-Brescia, che libera 1 tonnellata all’anno di polveri e di composti organici volatili.
Lo studio preliminare realizzato dal dottor Ricci e dai suoi collaboratori dell’osservatorio epidemiologico dell’azienda sanitaria locale ha rilevato più di una anomalia nella situazione sanitaria degli abitanti nel Comune di Cremona. Le ospedalizzazioni per patologie respiratorie sono risultate il 14 per cento in più rispetto a quelle della provincia di Cremona. L’incidenza di tumore al polmone il 7 per cento in più. La mortalità per tumore al polmone addirittura il 17 per cento in più. L’incidenza delle leucemie il 23 per cento in più. Le nascite pre-termine (possibili segnali di forte inquinamento ambientale) il 26 per cento in più. “Le malattie polmonari”, spiega il dottor Ricci, “sono compatibili con l’esposizione a polveri sottili, le leucemie con l’esposizione a benzene, le nascite premature con una esposizione a contaminanti ambientali”.
Per avere certezze sulla relazione tra insediamenti inquinanti e salute a Cremona dovrebbe essere completato lo studio epidemiologico avviato dal dottor Ricci e che oggi molte associazioni hanno chiesto a gran voce, anche con una lettera inviata al direttore generale della Ats Valpadana Salvatore Mannino, all’assessore al Welfare della Regione Lombardia Letizia Moratti e al ministro della Salute Roberto Speranza.
“Avevamo bisogno della collaborazione di un centro di ricerca, per incrociare e sviluppare i nostri dati”, racconta Ricci. “I burocrati ce lo hanno negato”. Il medico ha esperienza: in passato ha coordinato, per l’Associazione italiana dei registri tumori (Airtum), il progetto “Sentieri” dell’Istituto superiore di sanità, che ha monitorato 44 siti inquinati italiani detti “d’interesse nazionale”. Ma a Cremona non è riuscito a smuovere la situazione, a bucare il muro di gomma. “Io venivo dalla Ats (Azienda territoriale sanitaria) di Mantova. Quando questa fu unificata con la Ats di Cremona, fui considerato un po’ un marziano, perché al momento di rilasciare le autorizzazioni per le attività produttive cominciammo a considerare anche i rischi per la salute; e provammo a estendere anche a Cremona l’Osservatorio epidemiologico già sperimentato a Mantova”. Missione (quasi) impossibile. “Tutto il personale cremonese dell’omologo servizio fu destinato ad altri compiti, allora cercammo di lavorare almeno con i dati che ci arrivavano da quattro registri: mortalità, tumori, malformazioni congenite, patologie croniche. Per fotografare la situazione complessiva e analizzare l’andamento delle malattie in una popolazione, studiandone le cause e valutandone percorsi diagnostico-terapeutici, al fine di adeguare sia l’assistenza, sia la prevenzione. Questo, del resto, dovrebbe essere il lavoro di ogni Ats”. Poi sono però andati via via in pensione i pochi medici che facevano questo lavoro, senza la possibilità di passare il testimone ad altri. Infine è arrivata anche la pandemia da Covid-19. “Oggi il ritardo nell’aggiornamento dei registri di patologia è diventato incolmabile. L’Osservatorio è stato di fatto smantellato, a causa di una gestione meramente burocratica delle risorse umane”.
Tacciono la pubblica amministrazione e la politica. Protestano le associazioni ambientaliste. Fa sentire la sua voce Marco Degli Angeli, consigliere regionale Cinquestelle: “I dati sanitari e ambientali della nostra provincia sono da brivido. Il Covid ha evidenziato ancor di più la fragilità dei nostri cittadini. E quello che fa più rumore è il silenzio e l’inerzia delle istituzioni. Il Comune di Cremona non ha mai fatto sentire veramente la sua voce per pretendere il completamento dello studio epidemiologico e Regione Lombardia è rimasta come al solito alla finestra non fornendo ad Ats il supporto dovuto. È mancata completamente la volontà politica di capire che cosa succede a Cremona. Da anni chiediamo risposte, ma purtroppo nulla sembra scalfire il silenzio ovattato della nostra provincia”.



Voti e soldi, soldi e voti.

» Inviato da valmaura il 22 April, 2021 alle 1:44 pm

Quanto costa una campagna elettorale per il Comune di Trieste?
Mesi orsono al primo apparire in grande stile di manifesti e megaposter affissi per i muri della città, Maurizio Fogar a nome di Trieste Verde aveva rivolto un pubblico invito a tutte le forze politiche, per doveroso rispetto alla crisi economica che colpisce così fortemente la nostra comunità, a non buttare quattrini in propaganda elettorale che oggi più che mai appare uno schiaffo in faccia ai cittadini, tantissimi, in grave difficoltà.
Ed aveva annunciato che la Lista civica Trieste Verde non spenderà un euro in questo tipo di sgradevole quanto inopportuna pubblicità.
A distanza di mesi non resta che concludere che il sensato invito è caduto nel vuoto: non c'è spazio delle affissioni pubbliche che non sia occupato da una sfilza di manifesti, normali e giganti, di propaganda elettorale di questo o quel partito, di questa o quella lista.
Cosa invero assai triste anche perchè alcuni di questi esponenti di partito che fanno capolino dalle gigantografie stavano in piazza a solidarizzare con commercianti ed esercenti, ristoratori e baristi, attori e teatranti, che denunciavano di essere oramai vicini al fallimento ed alla indigenza.
Pertanto stavolta cambiamo invito. Chiediamo a questi candidati ed alle forze politiche di dire in chiaro quanto costa la loro intensa propaganda elettorale e quanto intendono spendere per la loro campagna elettorale. E soprattutto chi paga? Ovvero chi salda i conti di questa faraonica propaganda? Ed oramai sono quattro mesi che va avanti e proseguirà fino ad ottobre perlomeno.
E siccome non si può tirare il sasso e nascondere la mano, in nome della trasparenza che chiediamo agli altri è doveroso che anche noi, di Trieste Verde, mettiamo sul pubblico tavolo il nostro preventivo di spesa.
Con una sostanziale differenza, non spenderemo un centesimo in propaganda in manifesti ed inserzioni a pagamento su stampa e televisioni.
Faremo un vademecum, un manualetto informativo che distribuiremo invece con i nostri volontari e candidati caseggiato per caseggiato, se possibile, per suggerire ai nostri concittadini come rispondere nei fatti alle emergenze ed alle problematiche che soffrono: dalla tutela della salute alla qualità della vita, dalla salvaguardia del verde e dell'ambiente nella città dove vivono a come affrontare l'emergenza povertà, da come invertire il degrado dei nostri quartieri e garantirsi un futuro migliore. Insomma tutte cose così. Giudicate voi quanto siano più utili di slogan generici e fasulli che tappezzano i muri di Trieste.
Metteremo inoltre a disposizione un numero Verde, ovvero un normale numero di cellulare al quale i Triestini sono invitati a fare domande, segnalare situazioni ed offrire idee e suggerimenti: 334.2169438.
E questa sarà la nostra unica spesa, che preventivi alla mano, ma stiamo trattando come ad un Suk levantino per abbassarne il costo, si aggirerà attorno all'importo di 3.500 euro, Iva compresa.
Rimane un unico, “piccolissimo”, problema: come metterli assieme.
Scartando rapine e grassazioni, o concussioni pubbliche e private, l'unica strada che ci rimane è quella dell'autofinanziamento ricorrendo all'aiuto, anche minimo, di tutti voi.
Insomma alla raccolta di oboli, alla mendicità nuda e cruda, anche perchè non avendo “santi in Paradiso” o partiti e finanziamenti pubblici alle spalle, questo solo, ed a testa alta, ci sentiamo di fare.
Ce la faremo? Dipende molto anche con poco da voi.
Per cominciare vi segnaliamo delle coordinate bancarie che potete utilizzare fin da subito per un bonifico, anche online:
IT45 W01030 02205 000061231568 presso Monte Paschi Siena, intestato al Circolo Miani e scrivendo solo Trieste Verde come causale. E ve ne daremo pubblico quanto tempestivo rendiconto.
Più in là, tenteremo con la irraggiungibile Assistenza di attivare un servizio Donazioni sulle pagine Facebook, un mistero che finora non siamo stati capaci di risolvere.
Ma noi siamo fatti, in questo, così.



Allarme Ferriera e stop ai miasmi di Siot e Depuratore Fognario.

» Inviato da valmaura il 21 April, 2021 alle 1:32 pm

Il prossimo Sabato, 24 aprile, alle ore 11 sempre nella sede (g.c.) del Circolo Miani in via Valmaura 77 a Trieste, e sempre nel rispetto delle misure antiCovid all'aperto, incontro pubblico per illustrare e discutere in questo nono appuntamento le proposte di Trieste Verde su Ferriera, Siot e Depuratore Fognario, quello “nuovo” costatoci la bellezza di 55 milioni, cittadino.
L'impegno di anni da parte del Circolo Miani ed oggi di Trieste Verde sulla questione Ferriera che in tanti pensano essere erroneamente chiusa (leggetevi il pezzo sotto) e le manifestazioni contro i miasmi di “benzina marcia” emessi dalla Siot che, a seconda dei venti, investono pesantemente Muggia, Aquilinia e San Dorligo o tutta la fascia costiera di Trieste.
Inaccettabile poi l'odore di guano in uscita costante dal “nuovo” Depuratore Fognario dove scaricano i liquami di 200.000 concittadini e che investe in pieno i quartieri limitrofi, da Chiarbola, a Servola-Valmaura.
Rigoroso, e per chi ci conosce sa che non scherziamo, sarà l'impegno di Trieste Verde nel nuovo Comune su tali questioni ed è per questo che chiediamo il sostegno ed il voto dei Triestini.
Allarme Ferriera.
La questione non è chiusa, tutt'altro.
Dopo aver collaborato, come Circolo Miani e Servola Respira, in un serrato ma dobbiamo riconoscere proficuo confronto con la proprietà Arvedi e la direzione dello stabilimento al fine, raggiunto eccome, di ridurre le emissioni, gli “spolveramenti” e l'inquinamento acustico negli ultimi due anni di produzione, proprio per questo oggi sentiamo il dovere di avvertire i Triestini, Muggesani compresi, che la questione non è conclusa, tutt'altro.
Lasciamo perdere, anzi stendiamo un velo non di pietoso ma di indignato silenzio sull'operato dei vertici regionali all'Ambiente, sul sindaco-Ufficiale Sanitario mai pervenuto in questa vece, e sulle forze politiche impreparate quanto arroganti e senza distinzione alcuna, e soprattutto sull'Arpa FVG ed anche sull'ASS, le cui credibilità stanno sotto zero al pari delle loro incapacità.
Ma ora il “regalo” che Trieste, intesa come provincia perchè quello che esce dall'area Ferriera per effetto dei venti e delle correnti marine tocca tutti, si trova in eredità è una vera e propria bomba tossica a tempo.
Lo abbiamo scritto e riscritto forti della conoscenza e lettura anche dei paurosi dati evidenziati dalle analisi e dai carotaggi effettuati sul terreno dai tecnici del Ministero dell'Ambiente, per fortuna nostra, e non dell'Arpa, e nell'area marina del Vallone di Muggia.
Non c'è centimetro della zona oggi in smantellamento e di quelle contigue che in superficie e per metri in profondità, falde acquifere comprese, non sia impestato da livelli di inquinanti cancerogeni, nessuno escluso, che sforano di 2/3mila, si avete letto bene, volte i livelli di legge consentiti, già generosi di per se. Idem dicasi per le opere in muratura e metalliche impregnate da anni, quelle che nonostante le solenni promesse, che non valgono nemmeno la carta su cui sono scritte, degli organi regionali di “vigilanza”, sono state abbattute senza tanti complimenti, e lo saranno ancora, sollevando, oltre a fragori e tremori, nuvoloni di polveri inquinate.
Dragare, come è stato annunciato con giuliva levità dai nuovi proprietari nel disinteresse totale dell'Autorità Portuale, il fondale marino antistante l'area, che è formato per decine di metri in profondità da uno strato di fanghi tossici scaricati in mare all'insaputa degli organi di controllo per anni dalle proprietà precedenti (hanno modificato abusivamente la linea di costa per un'area pari ad 8 (OTTO) campi di calcio ma nessuno, Capitaneria e Porto in testa, se ne è “accorto”, utilizzando “solo” 356.000 tonnellate di rifiuti “speciali”, come provato dalle indagini dei NOE dei Carabinieri di Udine per conto delle Procure di Perugia e Grosseto che notoriamente aprendo le finestre hanno la vista sullo Scalo Legnami e sul Vallone), è una follia.
Smuovere anche solo un metro di quei fanghi vuol dire impestare per effetto delle correnti flora e soprattutto fauna marina da Capodistria a Duino se non oltre, e contaminare la catena alimentare.
Su questa vera e propria emergenza abbiamo avuto lunghi incontri al Circolo Miani con i vertici (Petrucco) della società che ha rilevato l'area a caldo della Ferriera e che gestiva, fino al recente ingresso degli Amburghesi, la Piattaforma Logistica allo Scalo Legnami, e con Zeno D'Agostino.
La sensazione che ne abbiamo ricavato è stata quella di parlare, oltre che offrire loro la documentazione del Ministero dell'Ambiente totalmente ignorata, al vento.
Ed abbiamo pure preso atto della segretezza ed assoluta mancanza di trasparenza che circondano quella che negli anni a venire sarà la più importante operazione finanziaria su Trieste.
“Ci affidiamo all'Arpa” hanno affermato, che suona più o meno come il vecchio detto di chiedere all'oste se il suo vino è buono.
Ma attenzione perchè iniziare i lavori per la nuova grande piattaforma ferroviaria, costruire la rampa di accesso alla (Super)strada, porre le basi del Molo Ottavo senza aver prima disinnescato la bomba che sta sotto i loro, e purtroppo nostri, piedi, ci farà rimpiangere amaramente la Ferriera.
E ciò oggi non è assolutamente possibile, visti i lutti, le malattie, la distruzione della qualità della vita che questa nel ventennio precedente ha causato a chi lavorava dentro e viveva fuori.
Vi è chiaro dunque perchè diventa fondamentale l'impegno, l'esperienza e la capacità di Trieste Verde in Comune.




« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54 • Pagina 55 • Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Pagina 260Pagina 261Pagina 262Pagina 263Pagina 264Pagina 265Pagina 266Pagina 267Pagina 268Pagina 269Pagina 270Pagina 271Pagina 272Pagina 273Pagina 274Pagina 275Pagina 276Pagina 277Pagina 278Pagina 279Pagina 280Pagina 281Pagina 282Pagina 283Pagina 284Pagina 285Pagina 286Pagina 287Pagina 288Pagina 289Pagina 290Pagina 291Pagina 292Pagina 293Pagina 294Pagina 295Pagina 296Pagina 297Pagina 298Pagina 299Pagina 300Pagina 301Pagina 302Pagina 303Pagina 304Pagina 305Pagina 306Pagina 307Pagina 308Pagina 309Pagina 310Pagina 311Pagina 312Pagina 313Pagina 314Pagina 315Pagina 316Pagina 317Pagina 318Pagina 319Pagina 320Pagina 321Pagina 322Pagina 323Pagina 324Pagina 325Pagina 326Pagina 327Pagina 328Pagina 329Pagina 330Pagina 331Pagina 332Pagina 333Pagina 334Pagina 335Pagina 336Pagina 337Pagina 338Pagina 339Pagina 340Pagina 341Pagina 342Pagina 343Pagina 344Pagina 345Pagina 346Pagina 347Pagina 348Pagina 349Pagina 350Pagina 351Pagina 352Pagina 353Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 18 October, 2021 - 3:07 pm - Visitatori Totali Nr.