Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Laminatoio a caldo e “giornalismo” a freddo.
Le sorprese della censura talvolta sono anche divertenti. ..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Trieste Verde. A cosa diciamo no!
Dicemmo no alla progettata Centrale a Carbone nel Vallone di Muggia, battaglia vinta..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 53

Rilancio l'appello.

» Inviato da valmaura il 18 November, 2021 alle 12:22 pm

A distanza di tempo nessuno ha provveduto a cancellare le scritte “Il vaccino uccide” che tappezzano i muri di Valmaura attorno alla Risiera, scritte comparse in occasione della manifestazione promossa dai No GreenPass-No Vax e guidata da Stefano Puzzer che ne fu relatore nel piazzale a fianco del Monumento nazionale.
Oggi sui quotidiani online grande evidenza alle notizie delle ultime indagini di Procure e Polizia Postale: “No Vax e No Green pass, 29 perquisizioni tra Genova e Firenze: “Addestrati per diventare guerrieri”. Nel mirino centri vaccinali, politici e infettivologi. L’operazione è stata coordinata dalla Procura della repubblica e ancora dalla Direzione centrale della polizia di prevenzione, e, stando alle ricostruzioni degli investigatori, si tratta di persone riconducibili al movimento “V_V”: sono accusate, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata a compiere danneggiamenti ed altri reati.”
Sulla pagina di Telegram del Movimento V_V c'è una sterminata carrellata di foto di scritte analoghe a quelle apparse a Trieste, e si dedica una foto-notizia all'iniziativa da me lanciata un mese fa per ricoprire e cancellare quelle scritte.
La cosa non mi turba, mi preoccupa invece l'inerzia del Comune di Trieste che attraverso il sindaco lancia proclami ed invoca misure draconiane ma non riesce nemmeno a coprire queste scritte blasfeme scientificamente.
Rilancio dunque l'appello affinchè il Comune o chi per lui provveda a far sparire queste scritte murali che certo non contribuiscono all'immagine della città tra i numerosi visitatori della Risiera, dove furono assassinate 5000 persone, unico Campo di concentramento e sterminio in Italia, dotato di un forno crematorio.
Maurizio Fogar, Circolo Miani.
Nella foto uno dei deliranti messaggi ospitati sul canale Telegram.



Comune di Trieste. Ovovia e Tram di Opicina. Ma che tecnici abbiamo ai Lavori Pubblici?

» Inviato da valmaura il 17 November, 2021 alle 1:56 pm

Per non parlare poi della Piscina terapeutica e del Canale Ponterosso.
La domanda sorge spontanea, e vale pure per i ritardi di due anni e mezzo con cui si è mosso il Comune per la manutenzione del tetto della vasca della Piscina terapeutica, poi crollato (luglio 2019), nonostante quanto stabilito nella perizia, commissionata dal Comune, incredibile, sulla necessità dei lavori da eseguire entro un anno (il 2017).
Tram di Opicina. Due anni di ritardo sui lavori, è costato l'omesso controllo su casellario giudiziario e carichi pendenti del titolare della ditta che si era aggiudicato il primo appalto, incompatibile per legge a lavorare con le pubbliche amministrazioni.
Cantiere Canale Ponterosso: nessuna ispezione sui fondali che non sono la Fossa della Marianne, per accertarsi se erano sabbiosi o rocciosi. Buona la seconda e “pancogole” inutilizzabili.
Nessun accertamento se l'acqua entrava solo dal mare o pure da altre vie. Anche qui buona la seconda e quindi barrieramenti e pompe inutili allo scopo.
Ora l'Ovovia: nella presentazione del progetto si scordano di una sentenza (Cassazione più Corte d'Appello) che assegna alla Comunella di Opicina la proprietà dei terreni dove dovrebbe sorgere la stazione d'arrivo dell'Ovovia e l'ampio parcheggio. Con altrettanto ampia deforestazione del bosco presente: sono i progetti di mobilità “green”.
C'è qualcuno che in Comune ha il coraggio e la dignità di assumersi la responsabilità?
E questi sarebbero i “competenti” uffici tecnici del Comune che danno lezioni sulla stampa? Vero Bernetti?
Molto probabilmente tanti di voi in altra normale realtà amministrativa, pubblica e privata, oggi parlerebbero da ex.
Quousque tandem?



Interrogazione al Sindaco del Comune di Muggia.

» Inviato da valmaura il 16 November, 2021 alle 12:15 pm

Con risposta in Aula e scritta.
oggetto: Anagrafe digitale
Si interroga questa Amministrazione per sapere come mai il nostro Comune sia alla data del 15 novembre uno dei due soli enti locali della Regione Friuli Venezia Giulia ed uno dei 56 a livello nazionale che non abbia ancora provveduto a rendere operativo il sistema di “Anagrafe digitale” che permette al cittadino, con un totale risparmio in termini di tempo e soprattutto di costi fino ad un massimale di 16 euro, di scaricare i principali certificati anagrafici di uso comune.
Si fanno presenti inoltre due cose.
Che tutti gli altri cinque comuni della provincia di Trieste, di cui uno interessato alle recenti elezioni amministrative (Trieste) hanno da tempo reso operativo il sistema a vantaggio dei loro cittadini: Trieste dal 6/7/2021; Duino Aurisina dal 8/9/2021; Sgonico dal 3/8/2021; Monrupino dal 23/9/2021; San Dorligo dal 6/8/2021 mentre gli uffici (Carbone) del Comune di Muggia auspicano che tale servizio possa essere attivato appena per la seconda metà di dicembre.
Che il Governo ha reso disponibile per i comuni sopra i diecimila residenti l'importo di 3400 euro come contributo per l'immediata attuazione del servizio, che ci si augura il Comune di Muggia abbia richiesto, e che avrebbe permesso l'assunzione a tempo determinato di un eventuale operatore informatico per lo scopo.
Trieste, 16 novembre 2021.
Maurizio Fogar, consigliere Lista civica Muggia.



Una sola domanda: Ovovia e Canale Ponterosso. CHI PAGA ? E chi pagherebbe?

» Inviato da valmaura il 16 November, 2021 alle 12:13 pm

Oggi sulla stampa: lavori Canale di Ponterosso.
“Progetto non realizzabile: tutto da rifare il cantiere dei ponti verde e bianco
La conferma del sindaco Dipiazza a un anno di distanza dai primi provvedimenti propedeutici (?) all’opera: «Svuotare il canale è impossibile, interverremo da sopra»
E sempre dalla stampa la cronistoria di un anno di inutili quanto dispendiosi lavori, con note di comicità.
“TRIESTE. Tutto da rifare. Il cantiere per la ristrutturazione del ponte verde e del ponte bianco ricomincia da capo. Ad annunciarlo il sindaco Roberto Dipiazza, a un anno dall’avvio dei primi provvedimenti per la viabilità della zona, con lo stop ai mezzi pesanti che anche nei prossimi mesi non potranno transitare su Riva 3 Novembre.
Ricomincia quindi l’iter, a partire dal progetto,
Ma torniamo indietro nel tempo per riepilogare la lunga storia del cantiere. È il 4 novembre 2020 quando il traffico lungo Riva 3 Novembre non è più consentito ai mezzi con peso superiore alle 7 tonnellate e mezzo, nel tratto tra via Rossini e via Bellini, a causa del deterioramento del ponte verde e di quello bianco. Il 9 gennaio 2021 arrivano le 250 transenne, che nei giorni successivi ingabbiano il canale di Ponterosso, un provvedimento propedeutico all’abbassamento dell’acqua, per evitare che qualcuno, malauguratamente, si faccia male cadendo all’interno. Lunedì 8 febbraio, giorno indicato per l’avvio delle opere, le previsioni meteo non sono favorevoli e tutto resta fermo. Qualche giorno dopo ecco spuntare la gru, che dovrà fissare le palancole, lo sbarramento tra il canale e il mare. Il 13 febbraio la città si sveglia sferzata da un forte vento di bora e due container, sedi operative del cantiere, finiscono in acqua, recuperati a fine mattinata dopo una lunga operazione dei Vigili del fuoco. È il 16 febbraio quando la gru pronta a fissare le assi tra il canale e il mare si blocca nuovamente, ci sono rocce nel fondale e le palancole non possono affondare adeguatamente nel terreno. Si cerca quindi una soluzione alternativa. Il 22 marzo arrivano le nuove assi per arginare l’acqua e questa volta la posa va a buon fine e tutto viene sigillato. Il 3 maggio vengono montate e azionate anche le pompe, che avranno il compito di svuotare gradualmente il canale. Ma fin da subito emerge come l’operazione non sia delle più semplici, l’acqua viene fatta fuoriuscire dal canale, ma il livello non si abbassa come dovrebbe. E in estate tutto si ferma, nessun macchinario sopra i ponti viene messo in azione e non arriva la tanto attesa zattera, da ancorare sotto i ponti per consentire il lavoro degli operai. Da allora nessuna novità importante, fino all’annuncio del sindaco sulla ripartenza da zero.”
Questa la cronaca. Ora alcune considerazioni.
La prima e più ovvia: chi paga? Per i lavori fatti e tentati, per le centinaia di transenne, per i macchinari e le pompe, e per quel cumulo doppio di “pancogole” oramai ferraglia arrugginita?
In un paese normale ne sarebbero chiamati a rispondere in solido con i loro beni personali e con il licenziamento in tronco per “giustissima causa” in sequenza: i tecnici ed i dirigenti del Servizio Lavori Pubblici del Comune, vero sempre sorridente ing.Bernetti? Per finire con la cacciata dell'assessore competente, si fa per dire, Lodi e le dimissioni del Sindaco.
Basta rileggere le righe sopra per capirne i motivi: questi non hanno nemmeno fatto un'analisi, un'indagine prospettica e propedeutica al cantiere ed ai lavori.
Passiamo ora all'Ovovia. Se fosse stata già in opera, è un eufemismo, negli ultimi quindici giorni sarebbe rimasta ferma per Bora almeno dieci. Ed anche qui la fatidica domanda: CHI PAGA ?



Adriaport. No, caro Polidori, non ci siamo.

» Inviato da valmaura il 14 November, 2021 alle 11:29 am

Lasciamo perdere il “Muggia porto dell'Ungheria”, al posto storico di Fiume, che la Storia è cosa complessa assai, idem nella profezia, magari si avverasse, delle “enormi ricadute sul nostro territorio”, ma sono i ringraziamenti ad essere irricevibili: “dall'allora ministro Matteo Salvini al presidente Viktor Orban, al presidente Zeno D'Agostino, si sono prodigati per rendere possibile questa grande opera.”
Come ha dimostrato in campagna elettorale l'attuale sindaco è un po' debole nei “fondamentali”, come gli strafalcioni sull'inquinamento industriale a Telequattro hanno penosamente per lui messo in evidenza.
Ed allora parliamo di cose serie e vere.
L'ungherese Orban, che come dimostrano i contenziosi con l'Unione Europea, considera la democrazia ed i diritti civili un fastidio, affiancato dai suoi compari politici, ambedue allergici alle regole di una società democratica: il premier Polacco e quello Sloveno, tentò inutilmente di mettere il veto sugli aiuti comunitari all'Italia: i 209 miliardi che contro ogni previsione autolesionista di Salvini, Meloni, Renzi e italici “giornaloni” l'allora Presidente del Consiglio Giuseppe Conte riuscì ad ottenere. E che solo grazie al suo operato oggi i vari Fedriga, Zaia, Fontana non sono ridotti a pietire l'elemosina con il piattino in mano fuori dalle chiese.
E fu allora la Merkel che alzando il dito mignolo, che per certi figuri è bastevole, li rimandò a cuccia minacciando il taglio dei fondi europei a Ungheria, Polonia e Slovenia.
Dunque i ringraziamenti che qui ci azzeccano sono solo quelli a Conte ed a Zeno D'Agostino, che però deve avere un pelo sullo stomaco alto mezzo metro per concedere 45 milioni di quei 209 miliardi da cui derivano i 400 e passa milioni per il Porto di Trieste, a favore del “privato” Ungherese per mettergli, a spese nostre, in sicurezza la linea di costa e fare i perigliosi dragaggi davanti all'area ex Raffineria Aquila (dal Canale industriale a quasi il Rio Ospo). Che se era per Orban e il camerata Salvini i 45 milioni li tirava fuori Polidori.
C'è invece una cosa che andava, ma non è stato fatto, approfondita nel Cantico dei Cantici dell'incontro tra il Sindaco di Muggia e l'Amministratore Delegato di Adria Port: la viabilità. Ovvero quante merci usciranno per ferrovia e quante su TIR, e soprattutto dove transiteranno questi ultimi perchè ipotesi percorribili non impattanti (Supersifaperdirestrada) ce ne sono. E spero non ci si venga a raccontare che l'azienda statale ungherese non abbia ancora uno straccio di progetto in merito.
Detto questo e prese le opportune precauzioni sui rischi ambientali, immensi e devastanti, per i dragaggi e per la viabilità dei mezzi pesanti, nulla osta, a parte la perdita di dignità di uno Stato che paga gli affari dei privati esteri ma cerca di fottere i poveri nostrani privandoli di ogni sussidio pubblico, auspichiamo che le previsioni occupazionali per il nostro territorio si avverino almeno in misura minore ma sempre gradita.
Ultimo suggerimento al Sindaco: magari informarsi sulle metodologie di assegnazione dei 5000 metri quadri, bonificati, dell'area Noghere messi in vendita dal Coselag (ex Ezit) di cui il Comune è socio, per attività industriali nell'ambito comunale, al confine con il Comune di San Dorligo, sarebbe cosa utile ed opportuna.
Meglio prevenire che curare, nevvero?
Maurizio Fogar, consigliere comunale Lista civica Muggia.




« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52 • Pagina 53 • Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Pagina 260Pagina 261Pagina 262Pagina 263Pagina 264Pagina 265Pagina 266Pagina 267Pagina 268Pagina 269Pagina 270Pagina 271Pagina 272Pagina 273Pagina 274Pagina 275Pagina 276Pagina 277Pagina 278Pagina 279Pagina 280Pagina 281Pagina 282Pagina 283Pagina 284Pagina 285Pagina 286Pagina 287Pagina 288Pagina 289Pagina 290Pagina 291Pagina 292Pagina 293Pagina 294Pagina 295Pagina 296Pagina 297Pagina 298Pagina 299Pagina 300Pagina 301Pagina 302Pagina 303Pagina 304Pagina 305Pagina 306Pagina 307Pagina 308Pagina 309Pagina 310Pagina 311Pagina 312Pagina 313Pagina 314Pagina 315Pagina 316Pagina 317Pagina 318Pagina 319Pagina 320Pagina 321Pagina 322Pagina 323Pagina 324Pagina 325Pagina 326Pagina 327Pagina 328Pagina 329Pagina 330Pagina 331Pagina 332Pagina 333Pagina 334Pagina 335Pagina 336Pagina 337Pagina 338Pagina 339Pagina 340Pagina 341Pagina 342Pagina 343Pagina 344Pagina 345Pagina 346Pagina 347Pagina 348Pagina 349Pagina 350Pagina 351Pagina 352Pagina 353Pagina 354Pagina 355Pagina 356Pagina 357Pagina 358Pagina 359Pagina 360Pagina 361Pagina 362Pagina 363Pagina 364Pagina 365Pagina 366Pagina 367Pagina 368Pagina 369Pagina 370Pagina 371Pagina 372Pagina 373Pagina 374Pagina 375Pagina 376Pagina 377Pagina 378Pagina 379Pagina 380Pagina 381Pagina 382Pagina 383Pagina 384Pagina 385Pagina 386Pagina 387Pagina 388Pagina 389Pagina 390Pagina 391Pagina 392Pagina 393Pagina 394Pagina 395Pagina 396Pagina 397Pagina 398Pagina 399Pagina 400Pagina 401Pagina 402Pagina 403Pagina 404Pagina 405Pagina 406Pagina 407Pagina 408Pagina 409Pagina 410Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 8 August, 2022 - 9:14 pm - Visitatori Totali Nr.