Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Parco del Mare? Ma BASTA!
Sono 14, quattordici, anni che il presidente a vita della Camera di Commercio ed altre cose, ci frantuma i santissimi con questa telenovela di un Parco, quello del Mare, che ha già cambiato cinque destinazioni, insomma un progetto..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Per esempio.
Giorni orsono alcune migliaia di persone sono sfilate in corteo per Trieste sul tema “Aprite i porti e siamo tutti umani”. Lodevolissima iniziativa. In questi mesi, ma potremmo dire anni, nessuna forza politica è mai..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 51

Ferriera. Chi fa cosa: lo scaricabarile. Serracchiani e Dipiazza pari sono.

» Inviato da valmaura il 20 January, 2018 alle 2:37 pm

Oggi il piccolo giornale senza volerlo ha chiarito perfettamente ai triestini, e muggesani, il balletto dello scaricabarile sulla pelle dei cittadini, e dei lavoratori.
Cominciamo dal fumo emesso da Dipiazza.
Il Sindaco trasmette alla Regione un pacco di documenti ricevuti dalla Procura dove si dimostra il “rischio Benzene (idrocarburo cancerogeno)” emesso dalla Ferriera. E chiede alla Regione di intervenire.
Attenzione. Ora facciamo due domandine semplici quanto ovvie.
Perché la Procura accertato questo dato, che viola un tre articoli di legge, non interviene direttamente sequestrando gli impianti che causano il rischio e mette sotto accusa i vertici della Ferriera? Sarebbe il suo mestiere.
Perché il Sindaco in qualità di Ufficiale Sanitario del Comune non interviene direttamente come la legge consente ed impone, con un fermo impianti a tutela della salute?
Dunque a riassumere la Procura passa la palla al Comune ed il Sindaco la tira in Regione, mentre Arvedi ovviamente ringrazia.
Passiamo alla Regione. Qui sotto rendiamo noto quanto inviato due giorni orsono alla Presidente Serracchiani e all’Assessore Vito, quella che si scaglia come una tigre contro l’Aia concessa dal Governo alla Centrale elettrica di Monfalcone (abita da quelle parti) in nome della scelta di “decarbonizzazione” assunta dalla Regione, ma che invece regala l’Aia alla Ferriera che notoriamente funziona con l’acqua di rose. Evidentemente Trieste non fa parte della Regione e la “decarbonizzazione” regionale si ferma all’Isonzo.
Appare del tutto evidente che la Regione preferisce non confrontarsi ed affrontare i problemi concreti posti da Servola Respira e Circolo Miani. Adotta la tecnica dell’annacquamento delle chiacchiere servendosi di sigle di partito sempre disponibili, non a risolvere i problemi che non conoscono, ma ad apparire.
Prego si accomodino, noi cediamo molto volentieri il passo.
Tanto a breve saranno i triestini a giudicare.
Leggete con attenzione, grazie.

Ferriera-Regione. Così non va.
Alla luce della mancata risposta da parte della Regione alle richieste di Circolo Miani e Servola Respira di una tempestiva modifica della nota inviata alla stampa che non riportava quanto avvenuto nelle quasi tre ore di confronto dell’ultima riunione di mercoledì scorso.
Nella perdurante confusione della Regione sul ruolo che il Miani e Servola Respira, seppure invitati dall’assessore all’Ambiente Sara Vito, hanno in questa iniziativa.
E soprattutto sulla dilatazione dei tempi e le mancate o generiche risposte alle prime puntuali criticità degli impianti e del ciclo produttivo della Ferriera.
Per quanto sopra il Circolo Miani e Servola Respira hanno deciso di sospendere la loro disponibilità a proseguire nell’iniziativa.
Sospensione che diverrà scelta definitiva se entro la fine di gennaio la Regione non chiarirà le sue posizioni in merito.
Pesa su questa scelta anche l’atteggiamento del consulente della Regione che ha dimostrato fin dall’inizio di conoscere poco delle problematiche sollevate ma che ha costantemente tenuto un atteggiamento non collaborativo, si direbbe a difesa a prescindere della proprietà.
Non è consuetudine del Circolo Miani e di Servola Respira, che dal 2007 non ricevono neanche un centesimo di contributo (Circolo Miani) pubblico, appoggiare alcuna forza politica, né ad un anno, né ad un mese dalle elezioni, come invece platealmente fatto dalla terna (Nosmog, Fareambiente e Comitato 5 dicembre) di sigle “ambientaliste” a favore del centrodestra e di Dipiazza in occasione del recente voto per il Comune.
Ritenevamo e riteniamo di avere la più profonda conoscenza delle problematiche tecniche che causano il persistente ed inaccettabile inquinamento che da venti anni esce dalla Ferriera. Non vorremmo essere costretti a prendere atto che dopo il Comune anche la Regione non intende affrontare una emergenza che tanto nocumento crea alla salute di cittadini, tutti: da Muggia a Roiano, e lavoratori.




La Ferriera non vale la vita di una sola persona.

» Inviato da valmaura il 19 January, 2018 alle 3:14 pm

Seguendo questa semplice constatazione il Circolo Miani e Servola Respira, lasciamo perdere altre sigle che sono spuntate dopo, molto dopo, dal 1998 hanno sollevato questa emergenza e hanno combattuto per risolverla, grazie alla partecipazione di migliaia di persone e nonostante la censura pressoché totale della stampa locale, al meglio delle loro possibilità.
Il problema, lo abbiamo sostenuto fin dall’inizio grazie alla collaborazione dei medici del Burlo e del Centro Tumori, non riguarda un solo rione ma investe direttamente tutta l’area compresa tra Capodistria-Muggia fino a San Vito-Campi Elisi, e indirettamente tutta la città con punte che arrivano a Monfalcone e Grado (studio Arpa 2008).
Trieste, non Servola, ha il primato nazionale per mortalità da tumori e per patologie “normali” all’apparato respiratorio.
Chi lavora in Ferriera corre un rischio tremendo, come dimostrato dalla perizia ASS resa nota dalla Procura nel novembre 2013 (84 lavoratori morti per tre soli tipi di tumore a causa delle mansioni svolte in fabbrica).
Il sindacato non ha speso parola su questo come per due decenni è sempre stato schierato a difesa della proprietà accettando il ricatto occupazionale.
La politica ha sempre svolto un ruolo fiancheggiatrice degli interessi delle proprietà della Ferriera e ha denunciato impietosamente la sua totale ignoranza ed incapacità a proporre una riconversione dell’area nella tutela dei posti di lavoro.
Da Illy a Dipiazza, passando per Cosolini in Comune, e da Tondo a Serracchiani, passando per Illy-Cosolini in Regione.
Perché ricordiamo in estrema sintesi questo?
Per spiegare il senso dell’iniziativa avviata con la Regione nel luglio dello scorso anno, assieme a Servola Respira, dopo aver preso atto che il Sindaco Dipiazza, per la terza volta, non voleva assumere alcun provvedimento serio ed efficace a tutela della salute in qualità di Ufficiale Sanitario del Comune.
L’attuale proprietà della Ferriera, Acciaierie Arvedi, controllata dalla FinArvedi, non naviga in buone acque, come dimostrano i suoi bilanci (pubblici, ma che pare nessuno abbia letto) e risulta “fortemente indebitata” come scritto nella relazione della Commissione Industria del Senato (Presidente Massimo Mucchetti).
La produzione dell’area a caldo (Carbone coke e ghisa) lavora in perdita da anni (un milione di euro al mese di media). Il decantato laminatoio, vecchio, è stato acquistato di seconda mano da un fallimento negli USA ed opera ben al di sotto della sua capacità produttiva.
Gli impianti sono obsoleti e refrattari ad alcun serio intervento manutentivo che comunque richiederebbe costi enormi (da una ventina di milioni in su).
Ecco perché, individuando con certezza e precisione tutte le criticità oggi esistenti nel ciclo produttivo della Ferriera, Servola Respira e Circolo Miani hanno scelto di accettare l’invito a collaborare con la Regione, loro rivolto dall’Assessore all’Ambiente Sara Vito.
Ecco perché ci sono state le tre riunioni operative con i vertici dell’assessorato e dell’Arpa.
Non è una cessione di fiducia o una delega in bianco. Anzi, come dimostrano le nostre richieste di immediato chiarimento inviate ieri alla presidente della Regione ed all’assessore competente.
Altrimenti prenderemo atto pubblicamente che Comune e Regione pari sono.
Se la Regione prenderà i dovuti provvedimenti per costringere la proprietà ai necessari lavori, alcuni meno altri molto ma molto onerosi, avremo di fatto risolto un problema che distrugge la nostra salute e la nostra qualità della vita da venti e passa anni. Perché sarà la stessa proprietà a valutare la convenienza ed il costo economico nel tenere aperto lo stabilimento. A fronte di una facile ricollocazione nella costruenda piattaforma logistica portuale dell’area della Ferriera e dei lavoratori.
Perché una vita umana vale molto più della Ferriera.




Ferriera e Regione. Disarmante.

» Inviato da valmaura il 17 January, 2018 alle 4:31 pm

Dopo tre ore di riunione del gruppo di lavoro congiunto tra Direzione Regionale Ambiente, Arpa e Servola Respira con Circolo Miani, il quadro che ne è uscito è DISARMANTE.

Al di là della buona volontà espressa dai vertici regionali, a giorni la proprietà della Ferriera riceverà una seconda stringente diffida dalla Regione, e dalla condivisione della necessità di un pronto abbattimento dell’inquinamento acustico, sul resto si è vissuto un continuo imbarazzo visti i limiti palesati dal consulente tecnico Boscolo su funzionamento e conduzione degli impianti.

Pezzetta e Fogar hanno proposto immediati interventi e provvedimenti sul piano di colata, sulla torre di spegnimento del Coke, oggi le principali fonti delle emissioni inquinanti, e sull’altoforno. Hanno inoltre chiesto il fermo del captatore di polveri e fumi, il famoso brevetto “mondiale” di Arvedi, sulla Cokeria che non mitiga affatto l’inquinamento ed anzi aumenta quello acustico.

Hanno anche indicato le modalità per lo stivaggio nei sili dei due altoforni dei cumuli di carbone coke, unico parco minerale oggi all’aperto fonte di inquinamento.

Non c’è stato invece nessun confronto reale su di un nuovo e più efficace piano per la salvaguardia della qualità dell’aria (da una nuova e potenziata installazione di centraline di rilevamento che copra tutto il perimetro dello stabilimento e dalla uniformata dotazione di strumentazioni in grado di captare le polveri sottili PM2.5 e 10, Benzopirene e Benzene, Diossine).

Anche se il principale interesse di Circolo Miani e Servola Respira è rimuovere le cause che determinano l’inquinamento più che i suoi effetti.

Le richieste sono precise e tecnicamente motivate, come si usa dire, al di là di ogni ragionevole dubbio. Spetta ora a Regione ed Arpa a rispondere con atti concreti e, soprattutto, rapidi.




Ferriera. Questo mercoledì prima verifica.

» Inviato da valmaura il 15 January, 2018 alle 2:03 pm

Non siamo superstiziosi, fino a prova contraria, e pertanto non ci spaventa la data di mercoledì 17 gennaio, dopodomani. Giorno in cui avremo, come Circolo Miani e Servola Respira, la prima verifica sulla serietà delle intenzioni della Regione nel voler risolvere, magari con venti anni di ritardo, la tragica vicenda della Ferriera.

In questa data l’Arpa ed i tecnici della Direzione Ambiente regionale saranno tenuti a dare risposte precise sulle prime cinque criticità degli impianti e del ciclo produttivo dello stabilimento indicate nella precedente riunione da Romano Pezzetta e Maurizio Fogar. E pertanto assumere le conseguenti misure concrete da prescrivere alla proprietà, assieme ai tempi d’attuazione, brevissimi.

Si affronterà poi il nuovo piano di monitoraggio delle emissioni su tutto il perimetro della Ferriera e l’implementazione delle strumentazioni, e la loro omogenea distribuzione, in tutte le centraline di rilevamento.

Se questo primo passo avrà esito positivo chiederemo l’immediata convocazione di una conferenza stampa congiunta con la Regione per illustrare all’opinione pubblica i risultati del Gruppo di lavoro e proseguiremo con gli ulteriori interventi sugli impianti.

In caso contrario convocheremo una assemblea pubblica, invitando ovviamente anche stampa e tivù, in cui illustreremo le ragioni del nostro ritiro dal gruppo congiunto.

Il sostegno del vostro “Mi Piace” a questa pagina, e perché no anche a quella di NO FERRIERA Si Trieste, sarebbe significativamente opportuno.

Nella foto (Facebook Circolo Miani): il buon funzionamento dei filtri alla macchina colare. Uno spruzzo di arancio nel plumbeo cielo.




Ferriera scomparsa e Povertà. Ma bravo il piccolo giornale!

» Inviato da valmaura il 12 January, 2018 alle 2:51 pm

Oggi sul piccolissimo due servizi (Ferriera scomparsa e povertà) aiutano a capire che informazione si spaccia per Trieste.

Cominciamo dal primo che occupa una paginona intera con foto “intellettuale” di Alessandro Giadrossi con pipa d’ordinanza. Si parla di “librerie” domestiche e vi compare l’agiografia dell’avvocato. C’è un solo neo. Nel suo palmares manca una medaglia, e non da poco, visto che nel 1999 il quotidiano che allora si ricordava di essere un giornale della città dedicò al caso un editoriale di Maurizio Fogar dal titolo “Una brutta storia”.

Ne riproduciamo una sintesi tratta dal saggio Ferriera e Procura.

“Il primo episodio investe l’Ufficio del Giudice di Pace al quale, nel 1998, si rivolgono 25 famiglie di Valmaura e Servola, patrocinate da un legale del Circolo Miani, per chiedere un risarcimento equitativo di due milioni di lire cadauna a ristoro dei danni provocati nelle case dalla costante fuoriuscita di polveri e ruggini dalla Ferriera. Le ragioni del ricorso al Giudice di Pace stanno nelle motivazioni della richiesta, che sono proprio alla base della legge costitutiva di questo ufficio giudiziario, e dal fatto che le cause presso il Giudice di Pace non hanno costo alcuno, il che per i redditi decisamente bassi delle famiglie ricorrenti non è cosa da poco.

Ma la vicenda fin da subito si colora di strani connotati. A partire da una prima telefonata ricevuta dal legale delle famiglie che viene informato da un Giudice di Pace, che chiede di restare anonimo, che le 25 cause invece di essere ripartite tra i vari componenti l’Ufficio, che, è bene ricordarlo, lavorano a gettone, ovvero a sentenza (i giudici sono solitamente scelti tra funzionari della Pubblica Amministrazione in pensione o tra avvocati), e dunque per regolamento non possono vedersi affidare più di cinque cause contemporaneamente, sono state tutte trattenute dal Coordinatore dell’Ufficio, un cancelliere della Corte d’Appello in pensione.

Chi informa l’avvocato è dunque viepiù credibile perché mosso da un concreto interesse materiale, l’aver perso la possibilità di ricevere un compenso per parte di queste cause. Ma l’accentramento in un unico Giudice di 25 pratiche processuali, in violazione appunto del regolamento, aveva solo una possibile motivazione: la riunificazione per connessione (stessa tipologia di reato e stesso autore) in un unico procedimento. Ma come vedremo così non sarà, e saranno emesse 25 sentenze, per altrettanti gettoni di rimborso al giudice, assolutamente in fotocopia, salvo i dati anagrafici dei ricorrenti.

Durante il “processo” che si svolge nella stanza del giudice alla presenza dei legali delle parti (la Lucchini proprietaria della Ferriera e le 25 famiglie ricorrenti) e dopo due brevi udienze il Giudice proclama la sentenza dichiarandosi, e scrivendolo per 25 volte, “incompetente” come Ufficio a giudicare. Insomma esattamente il contrario di quanto ordinato dalla legge istitutiva l’ufficio del Giudice di Pace. Ma non pago di aver sostanzialmente lavorato sotto dettatura del legale della Lucchini, accoglie in chiusura pure la richiesta dello stesso, che andava ben oltre al compito di difendere il suo cliente nel processo, di riconvertire cioè le 25 cause in ordinarie, ovvero come si fossero celebrate davanti ad un Tribunale civile, con tutti i costi annessi da gravare sulle 25 famiglie. Insomma una fredda ritorsione per intimidire e colpire, come esempi per il futuro, i magri bilanci dei ricorrenti.

Il nome del legale della Lucchini? L’avvocato Alessandro Giadrossi, allora dirigente oggi Presidente del WWF triestino.”

Il secondo caso riguarda la vergognosa vicenda, non troviamo altre parole se non scurrili per epitetarla, degli scandalosi ritardi con cui, oramai da oltre un anno, il Comune, pur avendo in cassa i soldi stanziati dalla Regione, paga, o per meglio dire NON paga gli assegni mensili del sostegno al reddito a 4000 famiglie triestine.

A questo punto appare acclarata l’incapacità dell’assessore competente, che rappresenta il Comune, e che non trova di meglio che giocare allo scaricabarile su Regione e Inps, mentre il problema, che si trascina da oltre un anno, sta tutto nella sua inconsistenza politica.

Porta poi la gravissima responsabilità di aver tolto alle sedi territoriali dei servizi sociali l’iter burocratico e di averlo accentrato nel “camerone” di via Mazzini (due piani sotto il suo ufficio) calpestando ogni diritto alla privacy ed al rispetto della dignità dei cittadini. Oltre ad aver costretto i richiedenti ad estenuanti file di ore.

Spiace che il piccolo giornale se ne accorga con tanto ritardo e non sia capace di individuare i responsabili e, spiace anche, che in uno degli “articoli” a corredo si definisca la povertà “un sottobosco” cittadino come fosse qualcosa di malavitoso o di cui vergognarsi nella “città imperiale” di dipiazzana memoria.

Forse al giornale, chiamiamolo ancora così, dovrebbero chiedersi quale Trieste conoscono e descrivono da anni.





« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50 • Pagina 51 • Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 20 April, 2019 - 4:41 pm - Visitatori Totali Nr.