Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Laminatoio a caldo e “giornalismo” a freddo.
Le sorprese della censura talvolta sono anche divertenti. ..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Trieste Verde. A cosa diciamo no!
Dicemmo no alla progettata Centrale a Carbone nel Vallone di Muggia, battaglia vinta..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 5

I Disastri in Ferriera. Polveroni a tutto andare.

» Inviato da valmaura il 30 September, 2021 alle 1:40 pm

Riprendono gli abbattimenti dissennati degli edifici in Ferriera, come nei casi precedenti si sollevano dense nubi di polveri che poi pensa il vento a disperdere nei quartieri.
Lo abbiamo scritto e riscritto: quegli edifici sono impregnati di tutti gli inquinanti cancerogeni prodotti in questi decenni dallo stabilimento, per il terreno dove cascano rovinosamente è ancora molto peggio. Non c'è centimetro in superficie, e per metri in profondità, che non sia imbevuto degli inquinanti più letali. Non lo diciamo noi, lo scrive il rapporto del Ministero dell'Ambiente, e dunque sollevare polveri è farle inalare a chi vi lavora e soprattutto a chi ci vive attorno è un vero e proprio danno alla salute.
Inutile qui parlare di quelle barzellette di Arpa e assessorato regionale “per la difesa dell'Ambiente”, che “prescrivono e vigilano” come la cieca di Sorrento.
Riproduciamo un articolo che aiuta a capire in che mani siamo.
“A Trieste discutono, e decidono, di Muggia.
Mentre la Ferriera torna a fare la Ferriera.
Solito convegno di Confindustria elettorale.
Sfilata dei “big” politici, oltre alle scontate banalità per vellicare la compiacenza di chi ha i soldi, sentite su Muggia e la nuova Acciaieria cosa dicono.
Francesco Russo, PD: “Sul laminatoio è interessante ma vediamo il progetto e riflettiamo sul tipo di sviluppo industriale”, dunque Bussani è “uomo avvertito e mezzo fregato”.
Richetti, 5Stelle: “sul laminatoio attende i progetti e chiede il coinvolgimento della cittadinanza”.
A babbo morto, si intende.
Dipiazza, centrodestra: “Sbagliato l'approccio, meglio presentarsi con un progetto”. Bussate e vi sarà aperto, ma con l'abito giusto, però.
Mentre a Muggia sono in confusione totale: da Polidori che sostiene che non c'è alcun progetto, si insomma hanno scherzato, a Bussani che oramai in preda al marasma più completo dichiara: “Ritengo di aver già spiegato come il nostro impegno sia stato, dall'inizio, quello di vedere coinvolto il Comune di Muggia a un tavolo da cui rischiava di essere assente.”
Ora colti da un senso di umana pietà rivolgiamo ai due candidati sindaci, alla terza è inutile che i camaleonti cambiano colore a loro convenienza, una domanda.
Cominciamo dal fedelissimo di Fedriga e Salvini: caro Polidori è normale che una intera Regione di fronte a quattro chiacchiere di industriali al bar ed in assenza di carte e progetti seri si riunisca in tutta fretta il 14 maggio e deliberi a scatola chiusa di sostenere entusiasticamente, al Poker si direbbe “al buio”, un progetto che non esiste? E per giunta stenda in fretta e furia un Protocollo d'Intesa per favorire l'inesistente?
Al confuso Bussani, a cui risparmiamo di ricordare gli entusiastici sostegni del PD regionale e nazionale, al pari del pentastellato eccellenza ministro Patuanelli, al sempre assente progetto, chiediamo quale bisogno ed urgenza ci fossero di coinvolgere il Comune di Muggia nel firmare il famigerato Protocollo quando l'amministrazione di Muggia possedeva, e possiede, l'Arma Letale?
Ovvero se il Comune non vota la variante del Piano regolatore dell'area Noghere, la nuova Acciaieria-Laminatoio resta un'idea sulla carta, sempre che, a sentir loro, l'abbiano scritta.
Dunque la vostra presenza conta assai assai meno della vostra assenza.
Ma questo passa il convento di questa marcia politica, da cui emerge però chiarissima la constatazione che i cittadini in queste terre non contano un beato nulla.
Ma consolatevi anche la stampa non scherza, sentite cosa combinano al piccolo giornale nell'inserto marchettone sull'industria del NordEst?
“Ferriera. C'è un investimento dedicato di 20 milioni, che si somma al raddoppio dell'area a freddo e alla riqualificazione della centrale elettrica dell'impianto”. Occhio che si parla di Arvedi, ed i venti milioni però sono nostri: è una tranche dei 75 che lo Stato (Patuanelli il Santo, e Giorgetti il Leghista) regala ad Arvedi, oltre ad una altra ventina di milioni scontati sull'affitto demaniale.
Ma il fine conoscitore del piccolo giornale scrive di “area a freddo”. Peccato che due righe più sotto prosegua con: “Arvedi potrebbe produrre idrogeno per alimentare i forni di riscaldo dei laminati. che sostituirà parzialmente la necessità di gas naturale”.
Dunque la stessa area non è più fredda ma calda, a meno che i “forni” non siano dei congelatori sotto mentite spoglie.
E sull'idrogeno green imparino che in realtà i “forni” lo utilizzeranno per un 10% assieme al restante 90% che carburerà a Gas Metano, dunque eruttando tonnellate di metri cubi di Co2, Anidride Carbonica, altro che “decarbonizzazione”.
Poi c'è l'infausta conferma che, sempre con gli aiuti statali, la Ferriera tornerà a fare la Ferriera con l'apertura delle “nuove linee di zincatura e verniciatura che Arvedi installerà a Trieste, servendosi di macchinari da poco ordinati alla Danieli di Udine”.
Contenti i Triestini?
Lista civica Muggia e Trieste Verde/Lista civica TRIESTE”



Bufala “verde”.

» Inviato da valmaura il 30 September, 2021 alle 1:39 pm

Mai visti in 20 anni a Trieste e Muggia, ma presenti di nome sulla scheda elettorale, oggi battono il record per la sciocchezza più grossa: “ Sul verde urbano, vanno tutelati gli alberi: in questi cinque anni ne sono stati abbattuti oltre 200.” Sostiene l'ectoplasma candidata sindaca.
Mentre loro dormivano, li informiamo che quasi “200” ne hanno segati in un mese solo nel Parco ex OPP, e che quella, i “200” è stata la media mensile, altro che in “5 anni”.
Tornatevene a casa a bagnare i gerani che è meglio.
Poi tocca Conte a porsi due domande: “Ma l'area a caldo della Ferriera chi l'ha chiusa?”
Risposta facile facile: Arvedi, e con lauto guadagno sui soldi nostri!
“I 400 milioni per il porto chi li ha previsti?”
Lui, ovvero il Governo da lui presieduto.
Oggi tocca ai cani, ad essere strumentalizzati dalla propaganda del centrodestra, con l'ennesimo taglio inaugurale, ma virtuale, delle aree di “sgambamento”. E visto che l'assessora Lodi ha tempo da buttare in spottoni elettorali, vada a farsi una visita al Cantiere del Canale Ponterosso, immobile da mesi, od a quello del Tram di Opicina, che sarebbe meglio.
Oppure la verde di nome e leghista di fatto assessora Polli passi sulla (Super)strada zona Servola-Valmaura e respiri a pieni polmoni il tanfo di merda che esce giornalmente dal “nuovo” Depuratore fognario cittadino, inondando i quartieri limitrofi e gareggiando con la Siot, impegnata nella regata Barcolana, per il primato sui miasmi offerti a Trieste, intesa come provincia.
Poi se sopravvive ne riparliamo.
Trieste Verde/Lista civica TRIESTE.



Annuncite da campagna elettorale.

» Inviato da valmaura il 29 September, 2021 alle 2:02 pm

Impietoso confronto tra BAT e Acciaieria Noghere.
Il nuovo stabilimento della multinazionale del tabacco si insedierà a Trieste, nell'area Grandi Motori ceduta alla FreeEste e produrrà a partire dalla metà del prossimo anno sigarette elettroniche.
Opererà su 20mila metri quadrati, assumerà 600 nuovi dipendenti diretti e coinvolgerà 2100 lavoratori nell'indotto a Trieste, con un investimento di 500 milioni per 12 linee di produzione.
Un confronto con il progettato Laminatoio-Acciaieria? Impietoso per quest'ultimo, che dovrebbe impiegare 400 dipendenti ma per un'area occupata di 485mila metri quadrati.
In effetti c'è più di qualcosa che non torna nell'investimento Danieli-Metinvest.
Poi accelera l'annuncite elettorale: dalle sparate di Russo e la conseguente polemica col duo Dipiazza-Roberti, sullo sconto per la TARI, e non per nulla l'altro giorno citavamo le televendite alla Aiazzone, al Tram per la Settima Circoscrizione di Adesso Trieste, ma la recordwoman è l'assessora Lodi.
Per cinque anni esatti il Comune ha fatto marcire giardini ed aree verdi, segato alberi a tutto andare, come per altro la precedente giunta Cosolini, ma ora la patriota assessora ai Lavori Pubblici ed al Verde, salta da un giardino in rovina all'altro (Piazza Carlo Alberto, Guardiella passando per Vicolo dell'Edera) ad inaugurare i “cantieri” a quattro giorni esatti dal voto.
O credono che i Triestini si siano bevuti il cervello, oppure è il trionfo della spudoratezza e del ridicolo, sempre che i Triestini non si siano bevuti pure gli ultimi neuroni.
Ma se credete a questi signori fate bene a non votare Lista civica Trieste, che rappresenta sulla scheda il lavoro svolto dal Circolo Miani e Trieste Verde. Anzi fate benissimo!
Ma che non vi passi poi per la testa di telefonarci ancora per l'ennesimo albero tagliato, potremmo rispondervi male.



Noi non promettiamo!

» Inviato da valmaura il 29 September, 2021 alle 2:00 pm

Per noi parla il nostro passato.
Non promettiamo di fare arrivare i treni in orario, che non ci compete, ma ci batteremo affinchè i lavori pubblici siano necessari, utili e soprattutto rapidi.
Noi non promettiamo di farvi vincere al SuperEnalotto, ma ci batteremo per porre fine al precariato, allo sfruttamento e per far ritornare in capo al Comune i lavori esternalizzati.
Noi non promettiamo l'attico in centro con vista mare, ma ci batteremo per la soluzione dell'emergenza casa, e il diritto a vivere in civili e non alienanti abitazioni.
Noi non promettiamo la clinica svizzera, ma ci batteremo per una sanità pubblica, ospedaliera e territoriale, efficace, rapida ed umana.
Noi non promettiamo la villa a Cortina, ma ci batteremo contro il degrado imperante dei nostri quartieri, non solo urbanistico ma anche sociale ed umano.
Noi non promettiamo il Billionaire, ma ci batteremo per l'adeguamento al minimo di 780 euro come stabilito dalla Corte Costituzionale per le pensioni minime e per i redditi sociali.
Noi non promettiamo le pinete Dolomitiche, ma ci batteremo per l'incremento del verde, il potenziamento e la cura dei giardini, la fine della mattanza degli alberi e nuove piantumazioni come la legge, qui violata, impone.
Noi non vi promettiamo nuove acciaierie “green ma non troppo”, ma ci batteremo per lo sviluppo del territorio compatibile, ad alto livello tecnologico e nullo impatto ambientale.
Noi non vi promettiamo di mandare il Porto in orbita, ma ci batteremo per una Città-Porto che rispetti ed esalti qualità della vita, del lavoro e della salute della nostra comunità.
Noi non promettiamo che Trieste diventi come il Parco Naturale di Sesto, ma ci batteremo contro le inutili cementificazioni e per la ristrutturazione del vasto patrimonio immobiliare sfitto ed abbandonato.
Noi non promettiamo il ritorno alla Preistoria, ma ci batteremo per la fine di “Antenna Selvaggia”, per la moratoria sul 5G e per un piano regolatore comunale che concentri ripetitori ed antenne in aree non “sensibili” per la nostra salute.
Noi non promettiamo il Paradiso terrestre, ma ci batteremo per il benessere, la tutela e le cure gratuite dei nostri animali.
Insomma noi non promettiamo il “Sol dell'avvenire”, ma ci batteremo perchè il presente per i Triestini diventi sostenibile ora.
Ecco perchè Trieste Verde/Lista civica TRIESTE ed il Circolo Miani sono distinti e distanti da questa politica e diversi moralmente dai suoi attuali e passati protagonisti.
Maurizio Fogar.



Nulla sanno ma vogliono insegnarlo agli altri. Strabiliante questa politica locale.

» Inviato da valmaura il 27 September, 2021 alle 1:26 pm

Non sanno di cosa parlano ma pretendono di spiegarlo agli elettori.
Una povertà mentale assoluta, una impreparazione totale accompagnata da grassa ignoranza: questa la realtà della quasi totalità degli interventi pubblici dei candidati di ogni colore, che qui l'arcobaleno sembra monocromatico.
Ma se hanno il minimo sentore di doversi confrontare pubblicamente con Maurizio Fogar se la danno a gambe levate perchè sanno benissimo di non poter ciurlare nel manico. E questo accade a Trieste da anni e da mesi a Muggia.
Poi ci sono le persone sprovvedute e poco informate quanto dalla memoria labile che si fanno facilmente circuire da formulette come “sviluppo green” e “no lam” che non significano una beata mazza, anzi servono ad occultare interessi di segno opposto.
Prendiamo Muggia-Aquilinia. La storia è semplice quanto incontestabile.
Da fine febbraio a dare notizia della nuova Acciaieria sotto casa e del rischio Dragaggi è stato unicamente il Circolo Miani. Ed è stato il suo portavoce Maurizio Fogar ha raccogliere, e studiare, la documentazione. Ad incontrarsi con l'Autorità Portuale, a denunciare in Procura i vertici degli enti pubblici che hanno sottoscritto il famigerato protocollo regionale, reso pubblico in anteprima dal Circolo Miani. E dove erano allora tutti i politici muggesani e triestini?
E' stato Maurizio Fogar il relatore e l'oratore in sei manifestazioni pubbliche convocate, ed organizzate dal Circolo Miani, con la stampa di un ventimila di volantini, che ha informato i cittadini di Muggia, a partire da Noghere ed Aquilinia, degli accadimenti.
E' Maurizio Fogar l'unica persona, a Muggia, a Trieste ed in Regione, e tra i pochi in Italia, e non per nulla è stato chiamato dalla UE a coordinare un seminario in Puglia sull'Ilva, ad avere le conoscenze e le competenze per affrontare nel merito la questione nuova mega Acciaieria, ma anche il raddoppio della vecchia Ferriera che rischia di riproporre la vecchia, e la vicenda Dragaggi.
Porta una notevole esperienza amministrativa in campo istituzionale avendo collaborato per due anni con la Presidenza del Consiglio dei Ministri, dunque sarebbe il candidato ideale per gestire come Sindaco la trattativa vera che partirà da fine ottobre.
Ed in questa situazione c'è invece chi corre dietro alle sigle da Bagaglino, da avanspettacolo, che garantiscono solo una cosa: una passeggiata, una fin troppo facile vittoria dei fautori della nuova Acciaieria, altro che laminatoio-lam.
Insomma sarebbe come uno che soffrendo di male di denti si rivolga al calzolaio sotto casa e non ad un medico dentista.
Poi come sempre sono le persone, gli elettori a decidere con il voto. Possono negare i fatti, far finta di non ricordare, tradire la volontà unanime di centinaia di Muggesani che hanno votato in piazza la nascita della Lista civica Muggia, sciupare l'occasione disperdendo il voto di fermare questa emergenza prima, che dopo, come la vicenda Ferriera dimostra, è impossibile.
Possono mettere a repentaglio il valore delle loro case, quello della salute e della qualità della vita delle loro famiglie, ma una cosa non potranno fare: correre a piangere poi al Circolo Miani e da Maurizio Fogar, che allora se qualcuno li manderà a quel paese senza prenderli a calci nel deretano saranno ancora fortunati.
Teodor.




« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4 • Pagina 5 • Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Pagina 260Pagina 261Pagina 262Pagina 263Pagina 264Pagina 265Pagina 266Pagina 267Pagina 268Pagina 269Pagina 270Pagina 271Pagina 272Pagina 273Pagina 274Pagina 275Pagina 276Pagina 277Pagina 278Pagina 279Pagina 280Pagina 281Pagina 282Pagina 283Pagina 284Pagina 285Pagina 286Pagina 287Pagina 288Pagina 289Pagina 290Pagina 291Pagina 292Pagina 293Pagina 294Pagina 295Pagina 296Pagina 297Pagina 298Pagina 299Pagina 300Pagina 301Pagina 302Pagina 303Pagina 304Pagina 305Pagina 306Pagina 307Pagina 308Pagina 309Pagina 310Pagina 311Pagina 312Pagina 313Pagina 314Pagina 315Pagina 316Pagina 317Pagina 318Pagina 319Pagina 320Pagina 321Pagina 322Pagina 323Pagina 324Pagina 325Pagina 326Pagina 327Pagina 328Pagina 329Pagina 330Pagina 331Pagina 332Pagina 333Pagina 334Pagina 335Pagina 336Pagina 337Pagina 338Pagina 339Pagina 340Pagina 341Pagina 342Pagina 343Pagina 344Pagina 345Pagina 346Pagina 347Pagina 348Pagina 349Pagina 350Pagina 351Pagina 352Pagina 353Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 18 October, 2021 - 4:41 pm - Visitatori Totali Nr.