Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Trieste. Elezioni semestrali !
Si voti ogni sei mesi in città! Visto che questo pare essere l’unico modo per spingere l’amministrazione comunale a..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Dalla città al Carso. Continua la mattanza degli alberi.
Ieri una lettrice ci ha inviato queste foto scattate durante una passeggiata sul “monte..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 41

Cari amici vi scrivo.

» Inviato da valmaura il 19 March, 2020 alle 2:41 pm

Chi mi conosce personalmente sa quanto ami la vita all’aria aperta, le passeggiate, le camminate nei boschi, e non c’è sacrificio e rimpianto che più pesino nel dovervi rinunciare, e non mi riferisco solo a questi tempi emergenziali. Ma non è tollerabile oltre, che nel luogo dove porto a passeggiare, per due sole volte e per non più di quindici minuti ad uscita, i miei due cani (irrazionalmente preoccupato nel mio subconscio più per loro che per me) vi incontri ora più di prima persone, e non solo giovani, che corrono, corricchiano, ansimando perché neppure allora rinunciano a parlare con quel cavolo di piastrella in mano che alcuni chiamano smart-iphone, che fanno ginnastica, si sfiorano, usano sudati panchine e sedie, e via scendendo nella scala dell’orrido.
Non ci può essere scusante psicologica-antropologica che tenga per giustificare questa forma di egoismo edonistico che impedisce a questi “umani” di rinunciare per due-tre settimane a questa abitudine.
Non farlo è un INSULTO a quelli che hanno scelto di accogliere inviti e decreti che impongono per il bene di tutti di starsene il più possibile a casa. Qui non stiamo giocando, né decidendo solo della propria sorte personale da scommettere in una insensata roulette russa. Se fosse così, ovvero se esponessero solo loro, risponderei alfine con un vibrante “echissenefrega”. Ma corrono il rischio di far pagare a terzi il loro irresponsabile comportamento.
Ed allora ben vengano, subito e senza esitazioni o ripensamenti, i divieti draconiani alle uscite “sportive” o da tintarella, con bici o senza. Lo faccia il Governo, o la Regione, visto che il Sior Tentenna che abbiamo – ma esiste? - per sindaco e la pavidità di una politica locale in cerca di non scontentare e perdere voti non hanno il coraggio di assumersi alcuna responsabilità.
E lo scriverlo mi costa fatica e dolore, per la mia indole anticonformista e libertaria.
Primum vivere deinde philosophari dicevano i Romani che la sapevano lunga, molto più lunga di noi. E che i mone li gettavano giù dalla Rupe Tarpea.
Maurizio Fogar.



Coronavirus, lo studio: Smog e polveri sottili ne hanno accelerato la diffusione.

» Inviato da valmaura il 18 March, 2020 alle 1:58 pm

L¡¯effetto ¨¨ pi¨´ evidente in quelle province dove ci sono stati i primi focolai", afferma Leonardo Setti dell¡¯Universit¨¤ di Bologna. Come conferma Gianluigi de Gennaro, dell¡¯Universit¨¤ di Bari: "Le polveri stanno veicolando il virus. Fanno da carrier. Pi¨´ ce ne sono, pi¨´ si creano autostrade per i contagi".
Anche l¡¯inquinamento atmosferico che affligge in particolar modo la Pianura Padana potrebbe avere dato un contributo alla diffusione di Sars Cov2.
Una solida letteratura scientifica descrive il ruolo del particolato atmosferico quale efficace carrier, ovvero vettore di trasporto e diffusione per molti contaminanti chimici e biologici, inclusi i virus.
Il particolato atmosferico, oltre ad essere un carrier, costituisce un substrato che pu¨° permettere al virus di rimanere nell¡¯aria in condizioni vitali per un certo tempo, nell¡¯ordine di ore o giorni.
Il gruppo di scienziati coinvolti nella ricerca ha esaminato i dati pubblicati sui siti delle Agenzie regionali per la protezione ambientale relativi a tutte le centraline di rilevamento attive sul territorio nazionale, registrando il numero di episodi di superamento dei limiti di legge (50 microg/m3 di concentrazione media giornaliera) nelle province italiane.
Parallelamente, sono stati analizzati i casi di contagio da Covid 19 riportati sul sito della Protezione Civile.
Si ¨¨ evidenziata una relazione tra i superamenti dei limiti di legge delle concentrazioni di PM10 registrati nel periodo 10-29 febbraio e il numero di casi infetti aggiornati al 3 marzo (considerando un ritardo temporale intermedio relativo al periodo 10-29 febbraio di 14 giorni approssimativamente pari al tempo di incubazione del virus fino alla identificazione della infezione contratta).
In Pianura padana si sono osservate le curve di espansione dell¡¯infezione che hanno mostrato accelerazioni anomale, in evidente coincidenza, a distanza di 2 settimane, con le pi¨´ elevate concentrazioni di particolato atmosferico, che hanno esercitato un¡¯azione di boost, cio¨¨ di impulso alla diffusione virulenta dell¡¯epidemia.
¡°Le alte concentrazioni di polveri registrate nel mese di febbraio in Pianura padana hanno prodotto un boost, un¡¯accelerazione alla diffusione del Covid-19. L¡¯effetto ¨¨ pi¨´ evidente in quelle province dove ci sono stati i primi focolai¡±, afferma Leonardo Setti dell¡¯Universit¨¤ di Bologna. Come conferma Gianluigi de Gennaro, dell¡¯Universit¨¤ di Bari: ¡°Le polveri stanno veicolando il virus. Fanno da carrier. Pi¨´ ce ne sono, pi¨´ si creano autostrade per i contagi. Ridurre al minimo le emissioni e sperare in una meteorologia favorevole¡±.
Alessandro Miani, presidente della Societ¨¤ Italiana di Medicina Ambientale (Sima), aggiunge: ¡°L¡¯impatto dell¡¯uomo sull¡¯ambiente sta producendo ricadute sanitarie a tutti i livelli. Questa dura prova che stiamo affrontando a livello globale deve essere di monito per una futura rinascita in chiave realmente sostenibile, per il bene dell¡¯umanit¨¤ e del pianeta.
In attesa del consolidarsi di evidenze a favore dell¡¯ipotesi presentata, in ogni caso la concentrazione di polveri sottili potrebbe essere considerata un possibile indicatore o ¡®marker¡¯ indiretto della virulenza dell¡¯epidemia da Covid 19¡å.
Grazia Perrone, docente di Metodi di analisi chimiche della Statale di Milano, conclude: ¡°Il position paper ¨¨ frutto di un studio no-profit che vede insieme ricercatori ed esperti provenienti da diversi gruppi di ricerca italiani ed ¨¨ indirizzato in particolar modo ai decisori¡±.




Valmaura e Settima Circoscrizione: “qui si vive bene”.

» Inviato da valmaura il 16 March, 2020 alle 1:18 pm

Soprattutto il “Verde” e le “scuole”, unici nei la “mancanza di esercizi commerciali ad Altura” e le chiusure a Servola ma presto “aprirà un tabacchino”. Insomma dal fumo della Ferriera a quello delle sigarette.
Per il resto il presidente della VII Circoscrizione vede “rosa”, insomma sul modello Dipiazza studia per il consiglio comunale.
Ora non sappiamo quale film abbia visto il Bernobich, in un territorio circoscrizionale dove vive un quinto dei triestini e che si estende da Chiarbola ad Aquilinia, e che risulta essere il massimo concentrato delle emergenze sociali, a partire dalla povertà e dal vergognoso degrado del territorio (vedi i “Puffi” di via Grego a Borgo San Sergio ed il “Serpentone” di Valmaura), e sanitarie della città. E non da oggi ma da decenni. Una grave responsabilità di tutta la classe politica: maggioranze ed opposizioni.
Ma diamo la parola alla “strega”: ovvero alla consigliera circoscrizionale Aurora Marconi eletta per la lista civica NO FERRIERA Si Trieste, che si ostina a credere nella realtà e non nei sogni.
“Qui si vive bene, dichiara il presidente della VII circoscrizione Stefano Bernobich in un articolo di oggi 14 marzo sul piccolo giornale. Per chi non lo sapesse la VII circoscrizione comprende Chiarbola, Servola, Valmaura, Altura, San Sabba, Monte San Pantaleone, Borgo San Sergio, notoriamente l'area a più alto degrado sociale e urbanistico di Trieste.
Economicamente al collasso a Servola, dove molto prima del Coronavirus esercizi commerciali sono stati chiusi uno dopo l'altro e quei pochi ancora esistenti erano in grave sofferenza.
Servola è situata su un colle ed ha un elevato tasso di mortalità e di popolazione anziana, e malata o disabile. Le strade sono in uno stato deplorevole. Le due banche hanno chiuso da tempo, non esiste uno sportello bancomat.
Il verde della VII circoscrizione? La pineta di Servola chiusa da 3 anni perché dichiarata inquinata così come i giardini delle scuole Ezio De Marchi e della vicina parrocchia nonché di via Marco Praga e via Svevo.
Quali altre aree verdi vede il Bernobich? Certo non mancano in tutta la circoscrizione giardini ed orti privati presumibilmente tutti inquinati. Consideriamo infatti che su questa vasta area abbiamo non solo la Ferriera, ma anche l'Inceneritore, la Siot il depuratore fognario che ultimamente emana miasmi insopportabili più di quello vecchio.
Oltre a promettere di chiudere la Ferriera in “100 giorni” quattro anni orsono, che cosa hanno fatto Comune e Regione a trazione leghista per migliorare la qualità della vita dei residenti in questi rioni? Pensiamo al degrado più volte denunciato dal Circolo Miani delle case Ater (serpentone di Valmaura, case dei Puffi...). Invece di mettere gli occhiali rosa, Stefano Bernobich non farebbe meglio ad attivarsi presso i suoi referenti assessori e consiglieri comunali leghisti per porre rimedio a tutto ciò invece di nascondere la polvere sotto il tappeto?
Se l'unico neo è Altura, tutto il resto è un cancro in fase terminale.”

Per le foto Facebook Circolo Miani.




Trieste. Una città senza Sindaco.

» Inviato da valmaura il 15 March, 2020 alle 2:03 pm

La domanda sorge spontanea e dirompente in particolare in questi giorni di piena emergenza.

Ma Trieste ha un sindaco?

Pare proprio di no, nonostante esso sia per leggi (del Regno e della Repubblica) l'Ufficiale Sanitario del Comune ai cui “ordini” devono operare tutte le strutture sanitarie, sociali e di controllo dell'ordine pubblico a tutela della salute dei cittadini.

Di lui, ovvero di Dipiazza, si ha notizia solo per interviste streaming dal salotto di casa sua per chi guarda, sempre meno, TeleCamberquattro e probabilmente la Rai partitocratica regionale.

A nostro sommesso avviso il sindaco dovrebbe invece starsene in questi giorni 20 ore su 24 sulla plancia di comando, ovvero nel suo ufficio in Municipio, come per altro fanno le migliaia di dipendenti comunali. Ed i sindaci di mezza Italia in queste ore.

Affrontare le situazioni: clamorosa quella del focolaio del Virus nelle case di riposo comunali, con i dipendenti, esternalizzati, che lavorano in più realtà; incontrarsi con i responsabili della sanità regionale, dare indirizzi operativi alla polizia municipale, consultarsi con prefetto ed altri sindaci della provincia e così via.

Chiedere a gran voce all'altro vertice della trimurti triestina, che siede da tempo immemorabile alla Camera di Commercio, di sospendere quella ciofeca itinerante del progettato Parco del Mare e di destinare subito gli oltre dieci milioni di euro accantonati ad interventi di sostegno concreti ed immediati nei confronti del piccolo commercio, di bar e ristoranti, che seppur chiusi vedono correre inalterate le spese per l'ordinaria (mancata) gestione dei loro locali, e così pregiudicare la loro esistenza futura.

Intervenire quotidianamente sulla Regione per gestire le emergenze straordinarie di una struttura sanitaria (ospedaliera e territoriale) da anni in emergenza ordinaria per taglio di letti, personale e risorse finanziarie. Cose per altro che lo hanno visto semplice silente spettatore come i suoi predecessori in passato.

Nulla di tutto questo è successo o sta avvenendo.

Memorabili le sue parole alla stampa del 1 marzo scorso.

Coronavirus a Trieste, Dipiazza: “Riapriamo le scuole e torniamo alla normalità”.

“Non dobbiamo cadere nel trabocchetto della scorsa settimana. Stiamo attraversando un momento buio perchè diamo un'immagine sbagliata del Paese. Abbiamo uno dei migliori sistemi sanitari al mondo ed eventuali altri contagi saranno trattati adeguatamente”.

Dall'altra si assiste ad un presidente della Regione che strepita contro la chiusura dei confini decisa da Austria e Slovenia, dopo che per mesi lui ha fatto di questo slogan le sue fortune elettorali, a partire dal “muro” di 242 chilometri.

Ultima cosa già che ci siamo, se esiste un vertice della sanità triestina cosa aspetta a licenziare in tronco, e non ci sia sindacato che tenga o politico che strilli, quella fisioterapista in forza alla riabilitazione dell'ospedale Maggiore che l'altro giorno in palestra rivolta ai colleghi e di fronte ai pazienti in gran parte anziani ha dichiarato che "meno male che quelli che sono morti erano tutti vecchi, così L'INPS avrà meno pensioni da erogare...".




Crollo Piscina Terapeutica. Grottesco!

» Inviato da valmaura il 13 March, 2020 alle 1:37 pm

A leggere la perizia del professionista incaricato dal Giudice per le Indagini Preliminari la cosa starebbe così.

La Piscina costruita nel 2000 è stata pagata dalla Fondazione CRT, un ente privato si fa per dire, che nei consigli di amministrazione vede i due terzi e passa dei suoi componenti indicati da Comune Trieste, defunta Provincia, Regione FVG, Università TS, Camera di Commercio TS e via andando, viene “regalata” al Comune di Trieste.

L'area è demaniale e dunque l'Autorità Portuale ne dà concessione allo stesso Comune.

Il progetto, su incarico della Fondazione, è firmato dall'ing. Benussi, che sempre su mandato della stessa Fondazione ne è pure direttore dei lavori.

Lo stesso Benussi, e qui la vicenda è per lo meno curiosa, riceve nel 2016 mandato dal “proprietario”, ovvero dal Comune di Trieste, che evidentemente ne ravvisa la necessità - un sesto senso? - di effettuare una perizia sulla staticità della Piscina (che lui ha progettato e costruito).

Il “perito”, progettista e costruttore, scrive che “entro un anno”, ovvero entro il 2017, vanno sostituiti i bulloni metallici di sostegno (sintetizziamo così) vittime di corrosione.

L'anno passa senza che sia fatto nulla ed idem dicasi per il 2018, a fine luglio 2019 i lavori stanno per iniziare ma il tetto li precede e crolla il giorno 29.

Ora il perito del Tribunale scrive che tra il progetto di Benussi ed i lavori, diretti da Benussi, c'è una discrepanza, che sarebbe la causa per lui determinante del crollo. Ovvero nel progetto di Benussi la “trave portante” è di undici (11) volte più grande di quella poi messa in opera nei lavori diretti dal medesimo Benussi (tecnicamente si chiamano: valori d'inerzia).

La ciliegina sulla torta poi è la dichiarazione finale del perito del Giudice ove scrive che “non è stato possibile acquisire tutta la documentazione riguardante la costruzione” della Piscina Terapeutica. Desaparecida tra Fondazione CRT e Comune?

Immaginiamo che ora si aprirà una lotta tra periti degli indagati, dell'accusa e del Tribunale ma, si ma, nel frattempo la Procura non potrebbe far togliere il sequestro all'immobile e chi di dovere non potrebbe rapidamente quanto spartanamente riparare e riaprire la Piscina?

Magari senza fronzoli di piramidi, mezzelune, o elissi metalliche ma con un semplice e lineare tetto, anche in legno va bene?

O nella mitteleuropea ed “asburgica” Trieste oltre a non trovare carte e documenti, neanche questo sono capaci di fare?





« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40 • Pagina 41 • Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 24 October, 2020 - 10:35 pm - Visitatori Totali Nr.