Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Braccia rubate all'agricoltura. A Polidò facce sognà!
Dopo le multe agli scostumati ed ai pennichellari barcolani, le ronde notturne, e le pulizie umane, ora le sanzioni ad un venditore ambulante, dotato di regolare licenza, perché prostituiva la sua merce davanti, pensate un po’, agli ingressi..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

48: Morto che parla.
Veramente qui i morti sarebbero tre, ma sintetizziamo! Sul Fatto Quotidiano online compare, absit iniuria verbis, un articolo (?) dall'oltretomba della politica velinara dedicato alla Ferriera di Trieste, dei cui reali problemi non si fa cenno alcuno.E..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 40

Ieri a Trieste. Ha ragioni da vendere Massimo Cacciari.

» Inviato da valmaura il 30 August, 2018 alle 12:56 pm

Da tempo lo sta ripetendo. Senza le indispensabili riforme sociali che sollevino le condizioni di vita di quel 10% di italiani che sono sotto la soglia di povertà assoluta e degli altri milioni di concittadini che non riescono a sopravvivere dignitosamente e senza alcuna prospettiva di un futuro migliore. Con situazioni emergenziali che si trascinano da anni (casa, assistenza sanitaria, servizi sociali e degrado del territorio). Senza tutto questo l’atteggiamento del Paese nei confronti dei diversi (migranti) non cambierà anzi peggiorerà in una guerra tra poveri a tutto vantaggio di chi in politica porta avanti parole e slogans di immediato impatto. Servono a poco, e si riducono ad un mero atto di testimonianza praticato sempre dai soliti noti, le manifestazioni di questi giorni, di cui quella in piazza Unità di ieri né è un esempio. La stessa composizione sociale e l’estrazione politica dei partecipanti ne è conferma. E neppure l’appoggio di una stampa, per altro fortemente screditata a Trieste, contribuisce a cambiare la situazione, anzi. A Trieste ed in Regione ci sono 250.000 concittadini che “vivono” in povertà assoluta e relativa (sono i dati recentemente pubblicati su di una popolazione di 1.200.000 persone). Quattordicimila nuclei familiari stanno vivendo drammaticamente sulla propria pelle il ritardo di mesi e mesi sui versamenti dei contributi regionali antipovertà, su cui la nuova amministrazione Fedriga in quasi quattro mesi non ha mosso dito, né ha indicato prospettive future per altro in buona compagnia con le amministrazioni locali, in particolare il Comune di Trieste. Orbene su questo tema non c’è stata manifestazione alcuna promossa da partiti e movimenti, dalle forze sociali e dal mondo dell’associazionismo. Difficile dunque che questo sbandierato “ascolto con umiltà” del territorio, così come la manifestazione di ieri, incidano minimamente nell’opinione pubblica triestina, non quella minoritaria rappresentata dal piccolo giornale e dalle televisioni regionali. Pare impossibile ma dopo tutto quello che è successo in FVG da cinque anni a questa parte questi non se ne accorgano e non lo capiscano. Di buone intenzioni è lastricato l’inferno.


Ferriera. Scoccimarro: Cicio no xe per barca!

» Inviato da valmaura il 27 August, 2018 alle 10:29 am

Il trust di cervelli, universitari e regionali che tanto la NASA ci invidia, dell’Assessorato all’Ambiente ha partorito la novità. In verità ci hanno messo 17 anni e quindici giorni, non proprio dei fulmini in terra. L’oggetto della fuoriuscita neuronica stavolta è l’ultimo episodio di spolveramento prodotto dalla Ferriera due settimane orsono. Ultimo di una serie che inizia nel 1998: dunque visto che l’Arpa esiste dal 2002 o giù di lì e che prima le stesse persone si occupavano della stessa cosa sotto la sigla dell’ASS, e che l’università fornisce consulenze da una quindicina di anni, non si può che plaudere alla tempestività del loro intervento. Peccato che queste cose le scrivevamo (Circolo Miani e Servola Respira: gli altri non esistono ora figurarsi venti anni fa) appunto dal 1998 e le abbiamo ripetute fino alla noia (l’ultimo articolo è del 12 agosto che riportiamo sotto). La domanda che sorge è: perché in quasi venti anni questi cervelloni non se ne sono accorti e di conseguenza non sono intervenuti? Poi sono pregati, quando ci copiano o rileggono i verbali del tavolo tecnico con la Regione, da loro affossato il 17 gennaio di quest’anno, con le nostre dichiarazioni, di farlo con meno sciatteria. Oltre a scrivere che i parchi minerali non c’entrano una mazza (ierinotte e stamane la Bora soffiava ad oltre cento chilometri e dai vessati parchi non si sollevava nulla), indicavamo nella rete di nastri trasportatori, la prima fonte, assieme a strade e piazzali della Ferriera, la causa prima per la mancata pulizia, dello spolveramento. Ecco prendano diligente nota “N A S T R I T R A S P O R T A T O R I”: va meglio così? In quanto all’infelice Fabio Scoccimarro messo a dirigere un assessorato di cui nulla sa (fatelo contento spostatelo allo Sport) non si può che rilevare come la coerenza non sia proprio il suo forte. “Dal chiudere subito l’area a caldo e mettere i lavoratori in cassa integrazione”: sparato a reti televisive unificate senza che nessun giornalista (scusate la parolaccia) gli chiedesse semplicemente “Perché, come e soprattutto quando” alle ultime di oggi. L’alternativa per Arvedi sarebbe, a suo dire, o chiudere l’area a caldo o coprire i parchi minerali. Ergo se Arvedi scegliesse la seconda ipotesi, perfettamente inutile al fine della riduzione dell’inquinamento, avrebbe quattro anni di tempo per la costruzione dei depositi e poi potrebbe tranquillamente proseguire l’attuale produzione sine die. Ecco prima ve ne andate è meglio sarà per tutti noi. Quando “Cicio no xe per barca” non c’è e basta! Di seguito il promemoria pubblicato il 12 agosto, su questa Pagina. “Ferriera, Arpa e "donna" delle pulizie! Foto e filmato risalgono a ieri, attorno alle 18. E dimostrano due cose. Come la nube di polvere sollevata dai vortici di vento non proprio irresistibili ed ampiamente annunciati, provenga non dai cumuli minerali e tantomeno da quelli carboniferi, lo conferma il colore. Secondo. Che questa sia causata, come da noi scritto fino alla noia e detto all'Arpa fino alla sazia, dalla mancata pulizia di nastri trasportatori, strade e piazzali della Ferriera. Qui più che coprire i parchi bisognerebbe scoprire gli occhi, vero Arpa? Aiutateci ad aiutarvi, mettendo il "Mi Piace" alla PAGINA Circolo Miani.” Foto. Guarda come ridono .. https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521/2279111202359835/?type=3&theater


Come ci rubano la libertà: Facebook

» Inviato da valmaura il 26 August, 2018 alle 10:51 am

Riga per Riga. Alla ricerca della "volgarità". Dunque Facebook rifiuta la promozione dell'articolo “Dipiazza. Totalmente inadeguato a fare il Sindaco.” La motivazione? Per Facebook contiene "volgarità". Rileggiamolo riga per riga, periodo per periodo onde capire come dietro a queste fantomatiche "regole" facebookiane si nasconda un arbitrio censorio, condito da ottusità mentale ed analfabetismo di ritorno. A parte il fatto che, a noi almeno, fa girare i cabasisi (francesismo siculo di Andrea Camilleri e del Commissario Montalbano in Zingaretti) che le risposte dell'assistenza social (sic!) in Italia siano scritte in inglese come la prima riga che campeggia sulle nostre pagine "Write a post." (Aprite la posta in Barese?). Partiamo dal titolo. “Dipiazza. Totalmente inadeguato a fare il Sindaco.” Qui l'unico dubbio che ci assale è sulla parola "Dipiazza": che sia volgare? Noi propendiamo per il no, mentre che sia tante altre cose è pacifico. "“Noi, Vittorio Emanuele Terzo, Re d’Italia”, iniziava così il Regio Decreto del 27 luglio 1934 che istituiva la carica di Ufficiale Sanitario del Comune in capo al Podestà (Sindaco) ed ai cui ordini poneva tutte le istituzioni pubbliche e sanitarie nel campo della tutela della salute nell’ambito del Comune. Disposizioni confermate dalle leggi 833/1978 e 112/1998 “Il sindaco è il responsabile della condizione di salute della sua città”. Francamente qui di "volgare" non riscontriamo nulla. Di vergognoso parecchio, a partire dal fatto che l'Italia abbia avuto un Re come Vittorio Emanuele Terzo, meglio noto come "sciaboletta" in omaggio alla sua diversamente alta statura, protagonista della vile fuga dell'otto settembre '43 e prima di aver promulgato le leggi razziali del 1938. Proseguiamo. "L’Ufficiale Sanitario, nonché Sindaco Dipiazza oggi sulla stampa. “E’ bene che i triestini ricordino che a suo tempo l’ex assessore della Giunta Cosolini aveva deciso di avviare le analisi sui terreni di alcune zone verdi cittadine, e da quel momento sono iniziate le disgrazie. Siamo andati a cercarci le rogne, mi chiedo se quella decisione sia stata opportuna.” L’indagine eseguita dall’Arpa rivelò che sette aree verdi prese in esame avevano contenuti di idrocarburi e policiclici aromatici (altamente cancerogeni) di gran lunga superiori ai limiti di legge (i peggiori proprio il Giardino Pubblico e quello di Piazzale Rosmini). “Arpa e Ass mi vietano di mandare il personale a sfalciare l’erba perché la polvere sollevata è nociva alla salute (dovranno dotarsi di apposite tute e maschere respiratorie)”. “Comunque l’operazione di sfalcio dell’erba sarà decisa nei prossimi mesi dall’assessora Polli” Avete letto bene?" Anche qui di "volgare" non vediamo niente. Di ripugnante politicamente tutto. Anche solo l'idea che un Sindaco possa pensare certe corbellerie, figurarsi dichiararle ufficialmente alla stampa. E non ritenga di dimettersi, non solo per aver istigato a violare leggi e responsabilità di sua competenza, ma per assenza totale di spirito civico. "“Siamo andati a cercarci le rogne, mi chiedo se quella decisione sia stata opportuna.” No, era invece “opportuno” ignorare il rischio di sicure gravi ricadute future sulla salute soprattutto dei bambini, oltre che di genitori e nonni che li accompagnano. Un po’ come se il Ministro della Salute sconsigliasse i cittadini ammalati ad andare dai medici “perché poi chissà che rogne trovano loro ed è meglio morire ignoranti ma tranquilli”. E la frase dopo, quella sul divieto di ASS e Arpa di mandare i giardinieri tra l’erba senza adeguata protezione non fa comprendere nulla ad un Sindaco che se fosse per lui avrebbe permesso che i bambini continuassero a gattonare, a correre tra quella stessa erba. La chicca finale è poi in quel “nei prossimi mesi” l’assessore competente deciderà sulle modalità del taglio dell’erba. “Mesi”, avete capito?" Qui l'unica parola anomala è il "gattonare" dei bambini, ma ben lontana ed aliena da ogni "volgarità". A meno che nei controllori Facebook non alberghi anomalo retropensiero pedofilo. Ma più roba da neurodeliri che da Accademici della Crusca. Per il resto è lingua italiana risciacquata nell'Arno, Dipiazza permettendo. Finiamo. "Ma perché stupirsi, se in tre estati non sono riusciti a far bonificare le aree verdi nonostante sia dalla primavera 2016 che hanno in cassa i cospicui soldi regionali per la bisogna. Ecco Dipiazza, e qui non è questione di destra sinistra o che altro, non è assolutamente più in grado di esercitare la mansione di Sindaco. Pertanto un "Mi Piace" a questa Pagina e non solo al Post è quello che ci vuole!" E qui ci assale forte un dubbio. Che la verità dei fatti sia per Facebook "volgare"? Oppure che un esterno giudichi talmente incredibile che esista un sindaco che dica certe belinate da ritenere l'intero articolo "volgare ed ingiurioso". Insomma un Fantasy da angiporto? Ah si! Rimane la foto di piazzale Rosmini. Che abbiano male interpretato la mano nera sbarrata come un divieto a masturbarsi invece che a entrare? Sempre in onore allo spirito voyeuristico pedopornografico dei controllori? Vogliamo sperare che la targa in primo piano che intitola il giardino ai giornalisti morti come inviati di guerra non sia "volgare" e tantomeno giostre ed altalene. Ed allora qui di "volgare", cinico e reazionario è solo Facebook, che per altro pubblica tonnellate di spazzatura quotidiana, e concorre a taroccare, dietro lauto e cospicuo pagamento, elezioni a destra e manca (dalle Presidenziali americane al referendum sulla Brexit). Nell'articolo non c'era nemmeno mezza parola che potesse incorrere nelle esclusioni del programma robotizzato dei lobotomizzati di Facebook. Dunque siamo di fronte ad una violenta e brutale scelta di censurare a difesa degli interessi di una parte politica, non ci interessa quale. Si chiama fascismo, stalinismo, alla Bokassa. Punto. Non sconcerta il silenzio, per altro solito e perdurante, del "giornalismo", questa sì parola volgare assai, nostrano che da quasi venti anni si ispira ad Idi Amin Dada, ma per favore che sinistri più o meno radicali, piddini ortodossi e dissidenti, pentastellati vari non ci vengano in futuro a parlare di democrazia e libertà.


Il fascismo di Facebook.

» Inviato da valmaura il 25 August, 2018 alle 10:42 am

L’articolo “Dipiazza. Totalmente inadeguato a fare il Sindaco.” https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521/2276766679260954/?type=3&theater NON viene messo in promozione da Facebook perché “contiene volgarità”. Basta leggerlo per capire che l’unica volgarità eventualmente presente può essere la parola “Dipiazza”. Questi sono dei nazifascisti mascherati dietro i rubli di Putin. Tutto il resto sono balle per grulli e webeti. Sta ai nostri lettori aiutarci a battere questa palude mafiosa di un “social” schierato sempre e solo a favore dei potenti, del denaro e delle lobbie politico-affaristiche. Condividendo l’articolo in questione ed aiutandoci ad allargare la platea dei nostri lettori mettendo, e facendo mettere, il “Mi Piace” alla Pagina Facebook Circolo Miani.


Dipiazza. Totalmente inadeguato a fare il Sindaco.

» Inviato da valmaura il 24 August, 2018 alle 12:28 pm

“Noi, Vittorio Emanuele Terzo, Re d’Italia”, iniziava così il Regio Decreto del 27 luglio 1934 che istituiva la carica di Ufficiale Sanitario del Comune in capo al Podestà (Sindaco) ed ai cui ordini poneva tutte le istituzioni pubbliche e sanitarie nel campo della tutela della salute nell’ambito del Comune. Disposizioni confermate dalle leggi 833/1978 e 112/1998 “Il sindaco è il responsabile della condizione di salute della sua città”. L’Ufficiale Sanitario, nonché Sindaco Dipiazza oggi sulla stampa. “E’ bene che i triestini ricordino che a suo tempo l’ex assessore della Giunta Cosolini aveva deciso di avviare le analisi sui terreni di alcune zone verdi cittadine, e da quel momento sono iniziate le disgrazie. Siamo andati a cercarci le rogne, mi chiedo se quella decisione sia stata opportuna.” L’indagine eseguita dall’Arpa rivelò che sette aree verdi prese in esame avevano contenuti di idrocarburi e policiclici aromatici (altamente cancerogeni) di gran lunga superiori ai limiti di legge (i peggiori proprio il Giardino Pubblico e quello di Piazzale Rosmini). “Arpa e Ass mi vietano di mandare il personale a sfalciare l’erba perché la polvere sollevata è nociva alla salute (dovranno dotarsi di apposite tute e maschere respiratorie)”. “Comunque l’operazione di sfalcio dell’erba sarà decisa nei prossimi mesi dall’assessora Polli” Avete letto bene? “Siamo andati a cercarci le rogne, mi chiedo se quella decisione sia stata opportuna.” No, era invece “opportuno” ignorare il rischio di sicure gravi ricadute future sulla salute soprattutto dei bambini, oltre che di genitori e nonni che li accompagnano. Un po’ come se il Ministro della Salute sconsigliasse i cittadini ammalati ad andare dai medici “perché poi chissà che rogne trovano loro ed è meglio morire ignoranti ma tranquilli”. E la frase dopo, quella sul divieto di ASS e Arpa di mandare i giardinieri tra l’erba senza adeguata protezione non fa comprendere nulla ad un Sindaco che se fosse per lui avrebbe permesso che i bambini continuassero a gattonare, a correre tra quella stessa erba. La chicca finale è poi in quel “nei prossimi mesi” l’assessore competente deciderà sulle modalità del taglio dell’erba. “Mesi”, avete capito? Ma perché stupirsi, se in tre estati non sono riusciti a far bonificare le aree verdi nonostante sia dalla primavera 2016 che hanno in cassa i cospicui soldi regionali per la bisogna. Ecco Dipiazza, e qui non è questione di destra sinistra o che altro, non è assolutamente più in grado di esercitare la mansione di Sindaco. https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521/2276766679260954/?type=3&theater



« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39 • Pagina 40 • Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 23 August, 2019 - 2:43 am - Visitatori Totali Nr.