Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Laminatoio a caldo e “giornalismo” a freddo.
Le sorprese della censura talvolta sono anche divertenti. ..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Trieste Verde. A cosa diciamo no!
Dicemmo no alla progettata Centrale a Carbone nel Vallone di Muggia, battaglia vinta..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 4

Adriaport. No, caro Polidori, non ci siamo.

» Inviato da valmaura il 14 November, 2021 alle 11:29 am

Lasciamo perdere il “Muggia porto dell'Ungheria”, al posto storico di Fiume, che la Storia è cosa complessa assai, idem nella profezia, magari si avverasse, delle “enormi ricadute sul nostro territorio”, ma sono i ringraziamenti ad essere irricevibili: “dall'allora ministro Matteo Salvini al presidente Viktor Orban, al presidente Zeno D'Agostino, si sono prodigati per rendere possibile questa grande opera.”
Come ha dimostrato in campagna elettorale l'attuale sindaco è un po' debole nei “fondamentali”, come gli strafalcioni sull'inquinamento industriale a Telequattro hanno penosamente per lui messo in evidenza.
Ed allora parliamo di cose serie e vere.
L'ungherese Orban, che come dimostrano i contenziosi con l'Unione Europea, considera la democrazia ed i diritti civili un fastidio, affiancato dai suoi compari politici, ambedue allergici alle regole di una società democratica: il premier Polacco e quello Sloveno, tentò inutilmente di mettere il veto sugli aiuti comunitari all'Italia: i 209 miliardi che contro ogni previsione autolesionista di Salvini, Meloni, Renzi e italici “giornaloni” l'allora Presidente del Consiglio Giuseppe Conte riuscì ad ottenere. E che solo grazie al suo operato oggi i vari Fedriga, Zaia, Fontana non sono ridotti a pietire l'elemosina con il piattino in mano fuori dalle chiese.
E fu allora la Merkel che alzando il dito mignolo, che per certi figuri è bastevole, li rimandò a cuccia minacciando il taglio dei fondi europei a Ungheria, Polonia e Slovenia.
Dunque i ringraziamenti che qui ci azzeccano sono solo quelli a Conte ed a Zeno D'Agostino, che però deve avere un pelo sullo stomaco alto mezzo metro per concedere 45 milioni di quei 209 miliardi da cui derivano i 400 e passa milioni per il Porto di Trieste, a favore del “privato” Ungherese per mettergli, a spese nostre, in sicurezza la linea di costa e fare i perigliosi dragaggi davanti all'area ex Raffineria Aquila (dal Canale industriale a quasi il Rio Ospo). Che se era per Orban e il camerata Salvini i 45 milioni li tirava fuori Polidori.
C'è invece una cosa che andava, ma non è stato fatto, approfondita nel Cantico dei Cantici dell'incontro tra il Sindaco di Muggia e l'Amministratore Delegato di Adria Port: la viabilità. Ovvero quante merci usciranno per ferrovia e quante su TIR, e soprattutto dove transiteranno questi ultimi perchè ipotesi percorribili non impattanti (Supersifaperdirestrada) ce ne sono. E spero non ci si venga a raccontare che l'azienda statale ungherese non abbia ancora uno straccio di progetto in merito.
Detto questo e prese le opportune precauzioni sui rischi ambientali, immensi e devastanti, per i dragaggi e per la viabilità dei mezzi pesanti, nulla osta, a parte la perdita di dignità di uno Stato che paga gli affari dei privati esteri ma cerca di fottere i poveri nostrani privandoli di ogni sussidio pubblico, auspichiamo che le previsioni occupazionali per il nostro territorio si avverino almeno in misura minore ma sempre gradita.
Ultimo suggerimento al Sindaco: magari informarsi sulle metodologie di assegnazione dei 5000 metri quadri, bonificati, dell'area Noghere messi in vendita dal Coselag (ex Ezit) di cui il Comune è socio, per attività industriali nell'ambito comunale, al confine con il Comune di San Dorligo, sarebbe cosa utile ed opportuna.
Meglio prevenire che curare, nevvero?
Maurizio Fogar, consigliere comunale Lista civica Muggia.



“Tanto non servi a niente e i fa quel che i vol””

» Inviato da valmaura il 11 November, 2021 alle 12:27 pm

Il non voto da record dei Triestini.
 
A Trieste alle ultime comunali di ottobre i votanti “validi” sono stati il 42% mentre a Muggia la metà esatta degli aventi titolo.
I partiti si sono stracciati le vesti, con la finta lacrimuccia di circostanza, per mezza giornata che poi il giorno dopo tutto come prima, casomai lacrimeranno da coccodrilli fra cinque anni.
Questa la prima iniziativa presentata in Comune dal consigliere comunale della Lista civica Muggia, Maurizio Fogar.
Interpellanza
Con risposta in aula e scritta.
In queste elezioni amministrative nella provincia di Trieste c'è stato un ulteriore crollo della partecipazione al voto dei cittadini, superiore a quella registrata nell'affluenza ai seggi perchè ai dati ufficiali dei “votanti” vanno sottratte le percentuali di coloro che nell'urna hanno deposto scheda bianca o nulla (più del 3% a Trieste e più del 2% a Muggia).
Tale fatto che denota una profonda e crescente sfiducia nei confronti della politica comunque articolata, ma di questo lascio ai politologi dibattere, si riflette, e questo è il dato più preoccupante, sulla legittimità sostanziale e sulla credibilità, che la forma non è in discussione, delle istituzioni, che la politica, nel sempre più diffuso comune sentire dei cittadini occupa e lottizza in tutte le sue espressioni non solo elettive tale da rendere il voto una finzione inutile.
Ritengo dunque vada immediatamente intrapreso un percorso di ricostruzione di questo rapporto di fiducia così crescentemente messo in discussione tra l'istituzione Comune ed i cittadini.
Per questo ci soccorre il nostro Regolamento sul funzionamento del Consiglio Comunale di Muggia, ove nell'articolo 4 ai commi 5 e 6, si scrive che: “Ai gruppi consiliari sono assegnati, laddove possibile e su indicazione del presidente del consiglio (Sindaco) idonei locali” e di seguito “Ai gruppi consiliari sono concesse gratuitamente una volta all'anno le sale di proprietà comunale (esclusa la “sala del Consiglio”) per iniziative afferenti ai loro compiti istituzionali.”
Qui non si tratta di offrire alle sigle partitiche o civiche una cassa di risonanza o una presenza organizzata sul territorio, che per altro già hanno da tempo con le loro sedi, ma di ricondurre l'iniziativa proprio allo spirito descritto nel Regolamento: ovvero alle attività ed iniziative dei gruppi consiliari a tutto vantaggio dell'istituzione Comune.
Ho appreso che gli assessori hanno una loro sala, come è giusto che sia, per incontri di lavoro e con cittadini o soggetti interessanti le loro deleghe.
Nello specifico dunque mi permetto di suggerire delle soluzioni pratiche e non onerose per ottemperare a quanto scritto nei commi 5 e 6.
Individuare nell'ambito degli immobili di proprietà del Comune, dunque non necessariamente in piazza Marconi, degli spazi idonei, con orari da concordare con gli uffici, dove recuperare delle stanze con un minimo di arredo funzionale per realizzare quanto sopra descritto e soprattutto per incontrare i cittadini sul territorio, non sotto il simbolo di un partito ma sotto quello del Comune che tutti noi abbiamo l'obbligo di rappresentare.
Superare nella sostanza, con tacito ed unanime accordo, il limite di “una volta all'anno” per l'utilizzo delle “sale di proprietà comunale”, a partire dalla sala Millo, compatibilmente al calendario sull'occupazione della stessa.
Certo di interpretare, al di fuori di ogni logica di parte, il comune sentire di noi tutti (Sindaco, Assessori e Consiglieri), mi consento solo di far notare che i tempi di attuazione non sono una variabile indifferente, soprattutto agli occhi dell'opinione pubblica.
Maurizio Fogar, Consigliere Lista civica Muggia.



In orario di lavoro! ASUGI.

» Inviato da valmaura il 9 November, 2021 alle 12:51 pm

La cronaca minuto per minuto (un'ora buttata).
Dopo aver parlato con la Direttrice del Terzo Distretto Sanitario, competente territorialmente anche per Muggia e San Dorligo, su suo suggerimento chiamo il centralino Asugi per farmi passare la responsabile del Servizio Prevenzione, che ingloba anche il dipartimento veterinario.
Primo tentativo, all'interno della responsabile Maggiore nessuno risponde e poiché il “centralino” non ha la ricaduta, o il ritorno delle chiamate senza risposta, una funzione che esiste da una cinquantina buona di anni nei centralini moderni, bisogna rifare tutto il giro: ovvero richiamare il centralino (dopo dischetto e scelta tasto 2).
Secondo tentativo, chiedo allora al centralinista di passarmi un interno del DIP a cui risponda la funzione veterinaria: stessa storia di prima.
Terzo tentativo, richiamando ex novo il centralino con la solita trafila e l'adrenalina in salita, chiedo stavolta della segreteria del massimo vertice: il Poggiana. Anche qui stessa solfa: in orario d'ufficio, tra le 10,30 e le 11,30, nessun cenno di vita.
Quarto tentativo, di nuovo attraverso il centralino che stavolta mi mette in attesa e prova lui, su mia richiesta, a chiamare gli interni, tre, della segreteria del DIP, ma sconsolato alla fine desiste “pare che lavoriamo solo noi” e per pietà mi passa lo straordinario Ufficio Relazioni con il Pubblico, per gli amici URP.
Quinto tentativo, ad una voce umana spiego minuto per minuto l'accaduto, lo devo ripetere tre volte perchè evidentemente due non gli sono sufficienti, ed alla fine si fa ridare, anche qui per la terza volta, il mio nome ed il mio recapito telefonico, promettendo che cercherà lui di contattare i non rispondenti per poi farmi richiamare. Gli ho augurato buona fortuna.
Non oso pensare di cosa abbia parlato stamane in Conferenza Stampa ASUGI il Poggiana sulla “riorganizzazione” dei servizi ospedalieri e territoriali per fare fronte alla quarta ondata Covid ed al terzo richiamo vaccinale.
A Muggia, ad esempio, avendo chiuso l'unico centro vaccinale aperto presso una palestra comunale, la vaccinazione viene svolta per un giorno alla settimana per 24 utenti prenotati tra fragilissimi anziani ed invalidi, sempre alla settimana, presso il poliambulatorio di Piazza della Repubblica, e stanno provvedendo, con estrema fatica vista la ristrettezza di personale, a coprire con la terza dose gli ospiti delle case di riposo, figurarsi dunque i tempi per gli altri, tanto più se da abbinare al vaccino anti influenzale.
Maurizio Fogar



Meteo rompiuova. Anche la Bora non gradisce. Ovovia in Porto vecchio.

» Inviato da valmaura il 8 November, 2021 alle 10:04 am

A vedere le previsioni meteo, tra lo scorso giovedì e fino al prossimo, la Bora avrebbe rotto le uova nel paniere della progettata funivia. Ovvero sarebbero state più, molte di più, le giornate di fermo causa vento che quelle di operatività.
Ad uno sano di mente basterebbe questa dimostrazione, non di parte politica, ma meteorologica a farlo dissuadere da questa trovata.
Se il Tram di Opicina funzionasse invece questa situazione non avrebbe fatto un baffo, appunto “se”.
Dunque riproponiamo quanto da noi scritto mesi or sono, e scopiazzato poi da altri senza citare la fonte: a Trieste specialmente in politica si usa così, farsi belli con il lavoro altrui, anche se la frase originale è decisamente più prosaica.
In due parole proponevamo di spostare il capolinea del Tram di Opicina di alcune centinaia di metri, da quell'aborto di piazza Oberdan, in Porto Vecchio alla Centrale Idrodinamica, accanto ai musei, dietro il futuribile Terminal Crociere all'Adriaterminal, da cui far ripartire pure il Trenino portuale con tappa prima a Barcola ed in futuro estendibile alla Stazioncina di Miramare. E come ultimo tassello realizzare dal terminal la nuova linea di collegamento via mare con Venezia, andata e ritorno, magari con tappe a Sistiana e Grignano. Come proposto da Zeno D'Agostino e da noi ridefinito. Un modo non invasivo per collegare un turismo culturale, paesaggistico e artigianale-culinario mettendo in rete il Carso con il mare.
Poca roba, ma concreta e poco dispendiosa, ma capace di creare nuovi posti di lavoro.
In ultima analisi chiudiamo con un “Grazie Bora”.



Ovovia, parlano gli “esperti”.

» Inviato da valmaura il 8 November, 2021 alle 10:03 am

Nella polemica politica oggi si inserisce pure un dipendente comunale, il Giulio Bernetti dirigente ai Lavori Pubblici.
A parte la singolarità della sua iniziativa, e se si vuole candidare una campagna elettorale è appena passata e dunque aprirne una personale a cinque anni di distanza ci sembra eccessivo.
Ma che i dirigenti dei Lavori Pubblici comunali che portano sul groppone pesanti responsabilità sui ritardi di anni per i lavori di ripristino del Tram di Opicina (due anni buttati perchè gli uffici non si “erano accorti” che il vincitore della prima gara d'appalto per i suoi “incidenti” giudiziari non poteva nemmeno concorrere), e per finire con l'incredibile vicenda del cantiere, fermo, di Canale Ponterosso, diano lezione a terzi è cosa che fa sorridere non poco.
Poi spunta una sottosegretaria leghista eletta in FVG, tale Gavia, che smentisce non gli oppositori al funambolico progetto dell'Ovovia, ma proprio chi vuole soccorrere: ovvero il Podestà, sconfessando quanto da lui dichiarato alla stampa, cioè che i soldi si possono sempre utilizzare per altro (citava il caso dell'Illyano “Tubone” sottomarino i cui fondi governativi lui utilizzò per rifare la viabilità delle Rive), affermando invece che i 48 milioni sono “vincolati” all'Ovovia.
Bene, se dovesse essere così che Trieste rinunci a sprecare quei quattrini, che sono sempre soldi di noi cittadini italiani, ed il fatto che li paghiamo con le tasse e non con le imposte comunali non ci sembra una buona ragione per buttarli nel cesso.
Interessante quanta gente giri che non sapendo nulla vuole pure spiegarlo agli altri.




« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3 • Pagina 4 • Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Pagina 260Pagina 261Pagina 262Pagina 263Pagina 264Pagina 265Pagina 266Pagina 267Pagina 268Pagina 269Pagina 270Pagina 271Pagina 272Pagina 273Pagina 274Pagina 275Pagina 276Pagina 277Pagina 278Pagina 279Pagina 280Pagina 281Pagina 282Pagina 283Pagina 284Pagina 285Pagina 286Pagina 287Pagina 288Pagina 289Pagina 290Pagina 291Pagina 292Pagina 293Pagina 294Pagina 295Pagina 296Pagina 297Pagina 298Pagina 299Pagina 300Pagina 301Pagina 302Pagina 303Pagina 304Pagina 305Pagina 306Pagina 307Pagina 308Pagina 309Pagina 310Pagina 311Pagina 312Pagina 313Pagina 314Pagina 315Pagina 316Pagina 317Pagina 318Pagina 319Pagina 320Pagina 321Pagina 322Pagina 323Pagina 324Pagina 325Pagina 326Pagina 327Pagina 328Pagina 329Pagina 330Pagina 331Pagina 332Pagina 333Pagina 334Pagina 335Pagina 336Pagina 337Pagina 338Pagina 339Pagina 340Pagina 341Pagina 342Pagina 343Pagina 344Pagina 345Pagina 346Pagina 347Pagina 348Pagina 349Pagina 350Pagina 351Pagina 352Pagina 353Pagina 354Pagina 355Pagina 356Pagina 357Pagina 358Pagina 359Pagina 360Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 30 November, 2021 - 7:56 pm - Visitatori Totali Nr.