Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Laminatoio a caldo e “giornalismo” a freddo.
Le sorprese della censura talvolta sono anche divertenti. ..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Trieste Verde. A cosa diciamo no!
Dicemmo no alla progettata Centrale a Carbone nel Vallone di Muggia, battaglia vinta..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 36

Le parole tra noi leggere.

» Inviato da valmaura il 12 July, 2021 alle 10:51 am

Sulla stampa, addirittura il National Geographic, si ricorda ed elogia il rimboschimento forestale delle petraie del nostro Carso operato sotto il governo imperiale asburgico. Ma facciano presto a scattare foto perchè da qualche annetto è in corso un sistematico taglio di alberi, Pini Neri in particolare, la cui rada presenza disturberebbe in futuro la presenza di greggi di pecore al pascolo, dicono loro.
Ma leggete titoli e commenti.
“Carso Triestino.
Il National Geographic ha riesumato l'enorme progetto forestale presentato poi all'Esposizione di Parigi del 1900. Duecento anni fa il piano di rimboschimento del "deserto di pietre" voluto dagli Asburgo. L'imponente piano di rimboschimento del Carso “da pietra a bosco”, per porre rimedio alla desertificazione conseguenza dell'operato dell'uomo, che aveva sfruttato il territorio in modo sconsiderato per il legname a partire dall'VIII secolo. Il progetto prevedeva la piantumazione di pino nero e altre conifere su brughiere carsiche e terreni sassosi per favorire la crescita di latifoglie autoctone”.
Ecco, hanno fatto proprio bene ad usare il verbo all'imperfetto, visto l'andazzo in corso che inverte i fattori: “da bosco a pietra”.
Poi "al summit di Venezia del G20 il “piano green” del Gruppo Generali: Stop ai gas serra, economia a emissioni zero".
E' per questo che a Trieste nella casa madre delle Assicurazioni Generali vogliono impiantare una nuova Acciaieria-Laminatoio a Caldo coi i forni che emettono proprio il “gas serra”.
Quando si dice la coerenza.
Trieste Verde



Pena.

» Inviato da valmaura il 11 July, 2021 alle 10:50 am

Dopo diversi solleciti e segnalazioni ho accettato, mio malgrado, di sorbirmi la lunghissima puntata, ben oltre un'ora, che vedeva come ospite il vicesindaco, non gli dò l'onore del nome, di Muggia, futuro, si fa per dire, candidato sindaco.
Ho provato solo una gran pena ma non per le sue menzogne, i suoi insulti e le smemoratezze, di cui chiederò conto in separata sede legale, come all'emittente che le ha ospitate senza batter ciglio, ma nei confronti degli abitanti di Muggia che lo hanno avuto, è un puro eufemismo, come loro amministratore per i cinque passati anni.
Il livello di preparazione, competenza e “onore” come scrive la nostra Costituzione, ha toccato livelli abissali in questa politica, ed il caso in oggetto ne è solo la triste conferma, ma oramai dilaga in ogni dove e senza distinzione di colore o parte.
Passiamo oltre sempre però restando in quel di Muggia, dove il massimo di distinguo espresso dalle attuali forze politiche nei confronti dell'annunciato mega Laminatoio a CALDO delle Noghere, sono le “perplessità” espresse da un “terzo polo” dai contorni indistinti e che si presenta con un assieme di sigle vecchie e nuove in gran parte inconsistenti.
Certo questo quadro rende sempre più indispensabile e necessaria la vittoria della nascente Lista civica “Muggia” alle prossime elezioni, sempre che si voglia avere la certezza di bloccare quello sconsiderato e pernicioso disegno, avere sicurezza sui dragaggi che interesseranno il Vallone e dare risposte concrete alle tante emergenze piccole e grandi che angustiano la vita dei Muggesani.
E l'unica arma che i cittadini hanno, una legittima difesa della loro vita e del loro futuro, e questo per la corale sudditanza ed inconsistenza che tutte, e sottolineo tutte, le forze politiche presenti in Consiglio comunale e quelle che spuntando dal nulla sperano di entrarci, hanno dimostrato su questa fondamentale vicenda.
Ecco perchè la partecipazione dei Muggesani, ma anche dei Triestini e di chi vive a San Dorligo-Dolina, all'incontro pubblico di Venerdì 16 luglio, alle ore 18, ai Giardini Europa di via Roma nel centro di Muggia, è fondamentale, perchè il problema (nuova Acciaieria e Dragaggi) investe pesantemente tutto il nostro territorio provinciale, già martoriato dai miasmi pestilenziali in uscita dalla Siot.
Altro non c'è da aggiungere per chi ha un briciolo di dignità e senso di responsabilità.
Maurizio Fogar.



E i Triestini?

» Inviato da valmaura il 10 July, 2021 alle 2:50 pm

In un mese 800 persone sono scese in piazza a Muggia, che fatto un confronto sarebbero circa 20.000 per Trieste in rapporto alla popolazione, e i Triestini che fanno?
Oltre all'allarme da noi lanciato per i lavori della riconversione della Ferriera che rischiano di mettere in circolo una quantità di polveri inquinanti altamente cancerogene (dati Ministero Ambiente), ora nel nostro Golfo sono annunciati ben tre dragaggi che andranno ad operare su fondali di fanghi altamente tossici, ed il bello o la beffa, fate voi, è che sono pagati con i soldi dello Stato, cioè nostri.
Il rischio, per l'effetto delle correnti, di contaminare il nostro mare da Capodistria a Sistiana è altissimo, con conseguente danno per la balneazione e per chi vive della pesca e della miticoltura, oltre naturalmente per chi li mangia.
Venerdì 16 luglio alle ore 18, ai Giardini Europa di via Roma in centro a Muggia si terrà su questo e per ribadire il NO all'annunciato mega Laminatoio a CALDO delle Noghere, che i muggesani familiarmente chiamano Nuova Ferriera, una Assemblea-incontro pubblico promosso dal Comitato Noghere-Muggia in collaborazione con il Circolo Miani. E Trieste? E San Dorligo-Dolina?
Leggetevi il retro del volantino che da martedì verrà diffuso in tutta Muggia, a partire da Aquilinia, e pensateci: se sia più importante per la nostra vita questo o le balle di partiti e partitini di questa inguardabile campagna elettorale.
Vallone di Muggia. Tre i dragaggi previsti.
Il primo nell'area marina che va dallo Scalo Legnami ai pontili Siot, i cui fondali sono formati per decine di metri stratificati dai fanghi altamente tossici scaricati in mare dalla Ferriera di Servola, a partire dalla Loppa, dal catrame e dagli scarti di lavorazione. Con cui è stata modificata in due punti la linea di costa per una superficie pari ad otto campi di calcio, senza che nessun organo di controllo se ne “accorgesse”. In questo caso è stato il Ministero dell'Ambiente già nel 2007 a fare carotaggi ed analisi che hanno certificato la presenza nell'area di inquinanti cancerogeni che sforavano di due/tremila volte i limiti di legge.
Il secondo nell'area marina che va dal Canale Industriale, o Navigabile e si estende fino alla fine della linea di costa della ex Raffineria Aquila. Quale sia la tipologia dell'inquinamento di questo fondale è facilmente intuibile facendo riferimento all'analogo inquinamento (sversamento di idrocarburi) presente sui terreni della ex Raffineria.
Il terzo dragaggio, una appendice di quello che coinvolge la ex Raffineria con cui confina si renderebbe necessario per la costruzione del molo portuale previsto e disegnato nella rappresentazione della annunciata nuova Acciaieria (Laminatoio a Caldo) delle Noghere, a cui dovrebbero attraccare due navi di medio tonnellaggio. Anche qui i fondali, oltre a contenere le vestigia ed i resti archeologicamente significativi dei preesistenti insediamenti di epoca romana (ville patrizie e porto) che punteggiavano tutta la linea di costa di Stramare, come rilevato dalle pubblicazioni storiche in merito, è facile ipotizzare che siano formati dalla stessa fanghiglia tossica, per altro rilevata fino alla foce del Rio Ospo, e che ne ha impedito ogni minimo dragaggio a favore dei diportisti del Club nautico, antistante l'area della ex Raffineria con cui confina.
Se questi vasti interventi di dragaggio fossero compiuti con le normali tecniche si rischierebbe seriamente di inquinare per effetto delle correnti marine tutto il Golfo di Trieste, da Capodistria a Sistiana, mettendo a rischio la balneazione ed a repentaglio le attività ed il lavoro di chi duramente trae da vivere con la pesca e la miticoltura.
Trieste Verde.



Cantieri e medici. Borgo San Sergio e Canale Ponterosso.

» Inviato da valmaura il 10 July, 2021 alle 2:47 pm

Mentre questi straparlano in una campagna elettorale tra le peggiori a memoria d'uomo, anche oggi la cronaca riporta notizie che basterebbero ad affossare le ambizioni e le pretese di tutti questi candidati a se stessi: il cantiere di Canale Ponterosso che nel frattempo è divenuto una cloaca a cielo aperto dunque turisticamente affascinante, è al palo e non si vede cenno di vita da oltre un mese, ed a Borgo San Sergio manca il medico di base.
Dirlo alle centinaia di persone che hanno firmato una petizione di protesta serve a poco, ma l'unica realtà che da anni si batte contro la malasanità, denuncia la smantellamento della medicina territoriale, a partire dai Distretti, si chiama Circolo Miani e Trieste Verde.
Ma ricordarlo serve appunto a poco e dunque non ci attendiamo “ritorni”, se lo facciamo è semplicemente perchè noi viviamo nelle stesse situazioni e vorremmo aspirare a qualcosina di meglio, specie quando si tratta di salvaguardare la nostra salute.
Ma non preoccupatevi oggi nel Circo Zavata della politica politicante sono comparse altre due sigle, ignote a tutti ma uscite dalla clandestinità grazie all'aiutino della stampa sempre disponibile a correre in soccorso degli amici del sistema.
Contenti? Non c'è un medico ma altri due simboletti sulla scheda elettorale.
Teodor per Trieste verde.



Il Comune deve riappropriarsi della sanità. Il Burlo dei bei tempi andati.

» Inviato da valmaura il 9 July, 2021 alle 2:19 pm

Ecco un plastico esempio del perchè da tempo come Circolo Miani e Trieste Verde sosteniamo che il Comune di Trieste, e quello di Muggia, anche in virtù delle leggi, a partire dal 1934, che assegnano ai sindaci la nomina di Ufficiali Sanitari dei loro territori, devono avere importante voce in capitolo nella gestione della sanità a tutela della salute dei loro concittadini.
Anche perchè, ci scuserà la Regione, i soldi per pagare la nostra sanità vengono dalle tasse dei Triestini.
La testimonianza pubblicata oggi sulla stampa, che segnala purtroppo come l'eccellenza europea del nostro ospedale pediatrico sia memoria dei tempi che furono, e che rende ancora più inspiegabile, anche dopo i recenti ingenti investimenti fatti nel complesso di via dell'Istria, la scelta di trasferirlo a Cattinara, è emblematica. La pubblichiamo di seguito.
“Burlo Garofolo Il Pronto soccorso del giorno dopo .
Mio figlio di 9 anni, facendo allenamento di calcio, è caduto male e si fratturato l'avambraccio sinistro. Nulla di tanto grave per fortuna, guaribile in 4 settimane di gesso, ma va segnalato che arrivati al Pronto soccorso del Burlo, c'era come da prassi Covid un unico ingresso esterno. E dentro personale che riceveva un caso alla volta.
In meno di 5 minuti si è generata una fila che, senza controllo di priorità alcuna, era obbligata ad attendere di farsi vedere uno alla volta. Stavamo per entrare quando arrivò un'ambulanza che ha avuto la precedenza e quindi, attendere ancora. Quando finalmente toccò a noi la dottoressa, dopo averlo visitato, ci diede un antidolorifico e rispedì a casa con l'appuntamento per i raggi il giorno dopo. Il giorno dopo!
Perché al Burlo non si possono fare i raggi dopo le 14. E i gessi dopo le 15.30. La follia.
Follia a nostre spese ovviamente perché in caso di vera necessità c'è il personale reperibile. Quindi invece di avere personale in turno normale pagato normale, paghiamo la reperibilità al personale che interviene a chiamata. Ma quel che conta qua è che un nosocomio, famoso in tutta Italia, e non solo per la cura dei bambini, non ha un servizio di radiologia attivo almeno 16/24ore come un qualsiasi altro istituto.
Sono forse i minorenni, in quanto tali, esseri di serie B per cui non si può garantire un servizio pubblico degno del nome che porta? Eppure è un fiore all'occhiello che viene spesso citato come unicità storicamente riconosciuta.
In buona sostanza ci è toccato, come tutti gli altri che erano in fila e necessitavano di quel servizio, ritornare il mattino seguente, a digiuno perché non si sapeva se dovevano magari subire un intervento traumatico che richiedesse di farlo sotto anestesia. Perché non si fanno raggi al pomeriggio.
Non si mette in dubbio qui la professionalità del personale, ma anzi ci si fa portavoce anche di loro sul fatto che questa è una vergognosa carenza derivante dai soliti tagli, a cui cercano di riparare, per quel che possono, proprio gli stessi sanitari, come la dottoressa che ci ha accolto e seguito con grande professionalità e disponibilità.
Ovviamente parlando con altri genitori, tutti assecondano il fatto che è inaccettabile oltre che vergognoso”.
I commenti sono inutili.
Trieste Verde.




« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35 • Pagina 36 • Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Pagina 260Pagina 261Pagina 262Pagina 263Pagina 264Pagina 265Pagina 266Pagina 267Pagina 268Pagina 269Pagina 270Pagina 271Pagina 272Pagina 273Pagina 274Pagina 275Pagina 276Pagina 277Pagina 278Pagina 279Pagina 280Pagina 281Pagina 282Pagina 283Pagina 284Pagina 285Pagina 286Pagina 287Pagina 288Pagina 289Pagina 290Pagina 291Pagina 292Pagina 293Pagina 294Pagina 295Pagina 296Pagina 297Pagina 298Pagina 299Pagina 300Pagina 301Pagina 302Pagina 303Pagina 304Pagina 305Pagina 306Pagina 307Pagina 308Pagina 309Pagina 310Pagina 311Pagina 312Pagina 313Pagina 314Pagina 315Pagina 316Pagina 317Pagina 318Pagina 319Pagina 320Pagina 321Pagina 322Pagina 323Pagina 324Pagina 325Pagina 326Pagina 327Pagina 328Pagina 329Pagina 330Pagina 331Pagina 332Pagina 333Pagina 334Pagina 335Pagina 336Pagina 337Pagina 338Pagina 339Pagina 340Pagina 341Pagina 342Pagina 343Pagina 344Pagina 345Pagina 346Pagina 347Pagina 348Pagina 349Pagina 350Pagina 351Pagina 352Pagina 353Pagina 354Pagina 355Pagina 356Pagina 357Pagina 358Pagina 359Pagina 360Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 30 November, 2021 - 8:18 pm - Visitatori Totali Nr.