Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Lazzaro è ri-risorto !
Oggi compare dopo anni di silenzi il “consulente del Comune e del podestà Dipiazza” tale prof. Barbieri, ricercatore universitario, dalle pluriconsulenze (Regione, Arpa, di cui è uno dei cinque direttori scientifici, e Comune, prima con Cosolini e poi..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

48: Morto che parla.
Veramente qui i morti sarebbero tre, ma sintetizziamo! Sul Fatto Quotidiano online compare, absit iniuria verbis, un articolo (?) dall'oltretomba della politica velinara dedicato alla Ferriera di Trieste, dei cui reali problemi non si fa cenno alcuno.E..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 30

Sostegno al reddito. Un incontro chiarificatore.

» Inviato da valmaura il 19 December, 2018 alle 3:28 pm

Ancora una volta abbiamo avuto, se qualcuno portava dei dubbi, la riprova che quanto riportato dalla stampa non corrispondeva per niente a quanto votato in Regione nella recente legge finanziaria a proposito del sostegno al reddito regionale. Ieri la realtà è emersa chiara - aspettiamo di ricevere copia dell’emendamento approvato venerdì scorso - nell’incontro che abbiamo avuto con l’assessore regionale alla Salute e politiche sociali, Riccardo Riccardi. La Regione ha approvato una NUOVA misura, la precedente MIA era scaduta in ottobre, che entrerà in vigore col gennaio 2019 e che si baserà sull’ISEE appunto 2019, che però manterrà nella sostanza applicativa i parametri della precedente MIA (scaglioni per reddito nel calcolo degli importi). La principale novità, che da tempo richiedevamo, era l’esclusione dell’INPS dalle pratiche di erogazione dopo i clamorosi ritardi semestrali provocati dall’Ente nella liquidazione dei precedenti bimestri, ed ora si ritornerà al sistema in vigore fino al dicembre 2017. La Regione liquiderà MENSILMENTE i contributi attraverso il Comune e tramite le banche. L’unica criticità che presenta il nuovo provvedimento, che rimarrà in vigore, ovviamente per quelli che lo percepiranno, fino alla prima erogazione da parte dello Stato del nuovo reddito/pensione di cittadinanza, è rappresentata dal Comune di Trieste nel suo servizio sociale. Perché se è vero che la nuova misura scatterà di fatto dopo il 15 gennaio prossimo, ovvero con l’entrata in vigore del nuovo ISEE, se è assodato che materialmente i primi ISEE 2019 saranno nelle mani dei cittadini alla fine del mese (dieci i giorni del rilascio dopo la sua richiesta tramite Caf e Patronati), se rimane l’attuale sistema di presentazione delle domande (Regione per nuova misura e nuovamente Rei all’INPS) il Comune di Trieste non ci metterà meno di quaranta giorni/due mesi nell’espletare le formalità. E siccome la nuova misura scatterà il mese successivo alla presentazione della domanda tramite Comune, i più fortunati percepiranno il primo rateo ad aprile, o più probabilmente a maggio 2019. E questo francamente appare insopportabile da parte di chi già da sei mesi 2018 è privato di ogni sostegno pubblico. Anche la Regione ieri si è resa perfettamente consapevole che l’INPS nazionale sta respingendo, come il Circolo Miani aveva annunciato su queste pagine, tutte le richieste REI dei “reduci MIA” perché contrariamente a quanto fissato dalla legge 89/2016 e dalle successive norme applicative, l’Istituto, nonostante il parere opposto del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, si rifiuta di scorporare dall’ISRE i redditi maturati con il sostegno al reddito regionale, cosa che invece fa per il gemello ISEE. Il limite per aver diritto al REI statale (una miseria pari a meno della metà di quanto ricevuto in precedenza come MIA) infatti è di un reddito di 3000 euro annui. Siamo al grottesco se questo non rappresentasse nei fatti un dramma per decine di migliaia di famiglie, e sorprende come nessuna magistratura contabile, inquirente, od amministrativa non abbia ancora pensato, a tutela della legge, di intervenire sul comportamento dell’INPS. Abbiamo richiesto un incontro urgente con l’assessore comunale ai servizi sociali, che qui non nominiamo avendone ripetutamente chiesto le dimissioni per il “fallimento”, sono pubbliche parole sue, del sistema dell’assistenza sociale a Trieste, per evitare l’ennesimo tormento e lungaggini per molte persone già tanto provate, nell’espletamento della mole del nuovo impegno assegnatogli dalla Regione. https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521/2356037728000515/?type=3&theater


Nessuno tocchi il porto.

» Inviato da valmaura il 18 December, 2018 alle 9:08 am

A Trieste questa politica ogni cosa che tocca la trasforma in merda (ci scuserete il francesismo ma quando ce vò, ce vò). Ora il pregiudicato Giulio Camber, di cui il nostro servile giornalismo ricorda sempre il suo passato seggio al Senato e mai la sua condanna definitiva con sentenza della Corte di Cassazione, sull’emittente di famiglia, intesa come politica e non come qualche malalingua potrebbe pensare riferendosi ai film di Francis Ford Coppola, rompe appunto il suo amletico silenzio. Silenzio che può essere a volte interpretato come acuta meditazione o più spesso e semplicemente come un vuoto pneumatico. E appunto su TeleCamberquattro attacca il Presidente dell’Autorità Portuale, Zeno D’Agostino, paventando il pericolo cinese sul Porto. Insomma invece dei Cosacchi ad abbeverare i cavalli in piazza San Pietro, arrivano i “Gialli” a pescare guati e spari nel nostro mare. E ipotizza che qui si lavorerà alla cinese. Insomma la “Cina è vicina” tanto da invaderci con i loro miniportuali, ministipendi, e superorari. Abbiamo capito che la famiglia ha il problema di piazzare Marina Monassi da qualche parte, meglio appunto ai vertici portuali, ma mandare a catafascio l’unico serio progetto di rilancio internazionale del nostro Porto, che rappresenta il futuro di Trieste e, tra le altre cose, l’indolore soluzione della questione Ferriera, pur di cacciare l’unico che nei fatti è riuscito a farlo, ci sembra insopportabile. Ricordare che Zeno D’agostino abbia sempre dichiarato che chiunque sbarchi nel Porto di Trieste (Cinese o Lappone che sia) dovrà utilizzare esclusivamente mano d’opera locale nel rispetto dei contratti sindacali in vigore, serve a nulla quando chi spaccia il suo mestiere per quello del giornalista non confuta in diretta le cose non vere dette “dall’intervistato”. Ma l’uscita diretta dell’ex senatore pregiudicato è il segnale d’avvio della campagna di sabotaggio del Porto con il fine ultimo di cacciare l’attuale Presidente. Insomma il “muoia Sansone con tutti i triestini” pur di occupare l’ennesima poltrona e ricacciare indietro, forse per sempre, il Porto e la sua Città. Fatti informare! Metti il tuo “Mi Piace” a questa Pagina: Facebook Circolo Miani Riceverai puntualmente notizia dei nuovi articoli. Nella foto: il giovane Zeno D’Agostino col pennello in mano ed accanto a lui un Sommariva magro e senza barba. https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521/2355076094763345/?type=3&theater


Ferriera-Regione e monsignor De Lapalisse.

» Inviato da valmaura il 16 December, 2018 alle 1:07 pm

Riesumiamo. Scoccimarro/Fedriga: “gli episodi di spolveramento sono determinati dalla mancata copertura dei parchi minerali”. Falso, tecnicamente parlando, ed abbiamo inutilmente invitato il duo regionale ad un confronto diretto: con loro, i loro consulenti universitari e la lodatissima ARPA. Invito rimasto senza risposta. Ma non siamo tra “gli ambientalisti” preferiti da politica e stampa/TV, ed i risultati si vedono. E noi ne siamo francamente felici: di essere distinti e distanti da certi ambienti. Oggi: “Regione e Arpa riscontrano la mancanza di quanto richiesto in merito al trattamento dell’acqua piovana, che andando a colpire il tetto dei capannoni trascina le polveri al suolo e va quindi raccolta e canalizzata correttamente per non essere fonte di inquinamento.” Sbadati, dalla memoria atrofizzata, ed in palese contraddizione con loro stessi. Primo. La linea di costa andava messa in sicurezza (accordi di programma) proprio da Stato e Regione, che ovviamente non hanno finora (quattro anni) fatto NULLA! Secondo. Se chiedono i capannoni per coprire i parchi ed eliminare gli spolveramenti, posto che hanno certificato, loro, che gli altri impianti dello stabilimento non emettono nulla, da dove arriverebbe questa polvere? Dalle finestre di Massimiliano Fedriga in viale Romolo Gessi, quando scuote i tappeti? “Dopo le prescrizioni ferragostane anti spolveramento con cui è stata integrata l'Aia, Autorizzazione integrata ambientale («Interveniamo dopo due anni di lassismo», la sintesi dell’assessore), e l’accordo con l’Università per introdurre nuove misure contro odori e impatto acustico”. Questa è bella: “lassismo” (due anni di). Posto che né Fabio Scoccimarro, né la Sara Vito ed i loro predecessori si inerpicavano sugli impianti per fare i controlli, il “lassismo” a cui si riferisce l’infelice Assessore investe i tecnici (consulenti universitari e soprattutto ARPA). Gli stessi che Scoccimarro ha coperto di lodi sperticate, “blindato” e confermati in blocco. Lo dimostra il fatto che le uniche sensibili riduzioni di inquinamento acustico ed olfattivo si sono ottenute in questi ultimi mesi solo grazie alla collaborazione avviata tra la Direzione Ferriera e Servola Respira con Circolo Miani. Il “lassismo” dei tecnici e consulenti regionali non aveva ridotto alcunché per anni (vero è che Scoccimarro e Fedriga stanno li da otto mesi, Dipiazza invece da 13 anni, Cosolini/Serracchiani da cinque e Tondo da 8 anni). Insomma un “lassismo” perenne roba da Guttalax. https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521/2353735058230782/?type=3&theater


La Voce del Padrone!

» Inviato da valmaura il 14 December, 2018 alle 12:04 pm

In attesa del voto di oggi in Regione sul ripristino del sostegno al reddito regionale MIA con le modifiche da noi suggerite ieri perché, è bene dirlo, l’emendamento presentato da Riccardi e maggioranza non ripristina NULLA! E se ne accorgeranno a breve le migliaia di famiglie di Trieste e Friuli, al di là del panegirico cantato da piccolo giornale, TeleCamberquattro e Rai regionale, servizio pubblico per i “potenti” ma pagato dai “miserabili”. In attesa del rito sacrificale regionale, oggi parliamo della “Voce del padrone”, ovvero di stampa e televisioni. Liquidiamo subito il piccolo giornale che coerente con la censura e la disinformazione, a proposito il direttore attuale ci lascia e non ne sentiremo affatto la mancanza come non ne abbiamo sentito la presenza, una meteora nel grande buco nero della crisi crescente del foglio locale, non ha ritenuto di pubblicare mezza riga che è mezza sulla manifestazione di ieri (il Primorski Dnevnik invece ci ha fatto una pagina, detto a suo onore). Credo che il proseguire di questo atteggiamento, da parte di chi gode comunque di contributi e soprattutto agevolazioni pubbliche, rischi di divenire un problema di ordine pubblico, e forse Questore e Prefetto dovrebbero iniziare ad interessarsene. Quando si usa il monopolio informativo per colpire come una clava quelli che non sono graditi ai padroni di riferimento si fa uso di una violenza che prima o poi rischia di creare, per legittima difesa, pericolose degenerazioni. Attendiamo ora l’ennesimo editoriale di presentazione del direttore entrante, il giornale oramai è come il film “Grand’ Hotel”, chi esce e chi entra dalle sue porte girevoli, condito di frasi a base di “cane da guardia dei cittadini”, ove i chihuahua di Paris Hilton sono molto ma molto più mordaci e pericolosi, di “ascoltare il territorio”, con le capacità di un sordomuto, di “dare voce ai non garantiti”, dopo aver loro strappato la lingua, si intende, e belinate consimili. Da camera dei pari, anzi meglio da dama di corte, gli improperi irripetibili che la gentildonna presente in piazza Oberdan per TeleCamberquattro ha rivolto all’indirizzo di Maurizio Fogar che stava parlando ai presenti. Gli occasionali suoi ascoltatori, increduli, hanno sul momento pensato di essere in una bettola dell’angiporto di Shanghai piuttosto che sotto ai portici del Consiglio regionale. Sulla Rai regionale, servizio pubblico, va steso un sudario di silenzio, tipo quello che solitamente avvolge i cadaveri in avanzato stato putrescente. Allora, questi, piccolo giornale e le due televisioni ti censurano da sempre, o peggio ancora danno spazio a chi ti discredita e diffama, e poi hanno la faccia come le natiche di adontarsi, poverini, di fare gli offesi. Ti inchiappettano con la sabbia ogni giorno che il calendario manda in terra e poi protestano perché ti muovi e denunci lo stupro. Bizzarri vero? Forse i rispettivi padroni farebbero meglio a scegliersi persone perlomeno più furbe. Che parlare di giornalismo qui è come bestemmiare in Chiesa. Dio ci perdoni, a noi, non a loro. Qui sotto, fior da fiore, un esempio di come il piccolo giornale ha impegnato le sue pagine di cronaca oggi. “Dalle passerelle glamour ai set del cinema. I 50 anni d’attività del parrucchiere dei vip”, “Bettini (in Illy) ambasciatrice della Rosa di Gorizia nella “vetrina” di Milano”, “Gemellaggio fra Esof e l’Expo2020 di Dubai”, “Scintille bis tra Tondo e Ziberna dopo lo “scippo” dei due ex civici”. Cinquemila Triestini fanno la fame e sono sotto stacco di luce e gas e sotto sfratto? Echiessenefrega! Fatti informare! Metti il tuo “Mi Piace” a questa Pagina: Facebook Circolo Miani. Riceverai puntualmente notizia dei nuovi articoli. https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521/2352454508358837/?type=3&theater


NON si può più perdere tempo! Giovedì 13 dicembre alle ore 11 in piazza Oberdan davanti alla Regione.

» Inviato da valmaura il 12 December, 2018 alle 8:07 am

NON si può più perdere tempo! Giovedì 13 dicembre alle ore 11 in piazza Oberdan davanti alla Regione. E poi tutti insieme all’INPS di Trieste. La Regione FVG che dopo i ritardi di mesi nelle erogazioni non riesce a fare altro che sospendere il sostegno al reddito regionale (MIA). E ci sono migliaia di persone, donne, bambini, uomini, ridotte in queste condizioni (14.000 famiglie a Trieste e in Regione solo per la MIA). L’INPS che respinge tutte le domande per il modesto REI dei reduci MIA Come migliaia di pensionati con la “minima” e la sociale non riescono più a vivere! Non si può più perdere tempo, troviamoci domani giovedì 13 dicembre alle ore 11 in piazza Oberdan davanti al Consiglio Regionale per ottenere che la Regione ripristini immediatamente un nuovo sostegno al reddito, insomma una MIA bis, fino all’entrata in vigore dell’eventuale reddito/pensione di cittadinanza statale, con la precedente forma di erogazione diretta bypassando il carrozzone INPS e le inefficienze comunali. Qui chiacchiere ed auguri servono poco: la dignità non la porta Babbo Natale. Come l’informazione non la portano il piccolo giornale e le televisioni locali. Trieste e Regione: diamoci una mano! https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521/2350902111847410/?type=3&theater



« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29 • Pagina 30 • Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 15 September, 2019 - 10:27 pm - Visitatori Totali Nr.