Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

I cialtroni del “giornalismo”.
Stanotte, i vecchi sono insonni, ho visto sulla Rai nazionale un dibattito a..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Gli strascichi di questo maledetto 2020.
Si è spento ieri, per un aggravamento post operatorio, Giuseppe Turani, uno dei..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 3

2021. Basta balle sulla Ferriera!

» Inviato da valmaura il 8 January, 2021 alle 2:30 pm

In questi giorni ennesimo rigurgito del teatrino sui “meriti” per aver chiuso l’area a caldo della Ferriera, una invereconda lite tra comari della politica sul modello del bue che dà del cornuto all’asino. Ma, contando su complicità e collusione della disinformazione locale, utile per raggranellare alla disperata qualche voto alle prossime amministrative.
La storia invece racconta tutto altro e dimostra una volta di più quanto il cavalier Arvedi, nonostante l’età e la botta ricevuta dalla prematura scomparsa di Francesco Rosato, abbia saputo tutelare i suoi interessi e fare il suo mestiere: di “padrone delle Ferriere” appunto.
Egli ha saputo approfittare dell’alibi offertogli da una politica maldestra, ignorante, incapace quanto arrogante, per sfruttare l’occasione, utilizzando sua eccellenza ministro come lo strumento più idoneo per la realizzazione dei suoi obbiettivi.
Giunto ad una svolta, ovvero a dover investire una settantina di milioni suoi per metter mano seriamente alla ristrutturazione degli impianti per mantenere una produzione, Ghisa, non dimentichiamolo in perdita economica per lui a Trieste, e verificata la possibilità di acquistarla a minor costo sul libero mercato, ha preferito incassare sull’unghia 75 milioni, di cui 55 milioni (30 per Trieste e 25 per Cremona) direttamente dal Mise di Patuanelli (lo “strumento”), incassa poi 20 milioni per l’area dove sorgono Cokeria ed Altoforni con annessi dalla Proprietà della Piattaforma Logistica.
Poi risparmia per i prossimi 25 anni i venticinque milioni dovuti all’Autorità Portuale per il canone d’affitto dell’area demaniale, grazie ad un trasferimento di proprietà dei terreni (diventano suoi quelli dove opera il Laminatoio e la Banchina portuale annessa). E soprattutto risparmia ogni onere per le bonifiche del sito, valutate nel 2007 dal Ministero dell’Ambiente in 60 milioni.
A questo si aggiunge il guadagno ottenuto con la vendita, o il riciclo di tutte le migliaia di tonnellate di ferro degli impianti smantellati ed il recupero dei mezzi e delle strutture ancora funzionanti, in particolare i filtri seminuovi di Cokeria e soprattutto Agglomerato, oltre alla riapertura della centrale a metano per la produzione e vendita dell’energia elettrica.
Non male, nevvero?
Questa in sintesi la vera storia della “chiusura”. Dove l’unico “merito” di questa politica di ogni colore è stato quello di fornire agratis ad Arvedi l’occasione, il movente e gli strumenti per realizzare il suo, più che legittimo va detto, interesse.



Il 2020 chiude dando il peggio di sé.

» Inviato da valmaura il 8 January, 2021 alle 2:18 pm

Slovenia. La centrale di Krsko torna a pieno regime.
Non sono ancora diminuite le forti scosse di assestamento del violento terremoto che sta colpendo la Croazia ed i “tecnici” hanno riaperto la Centrale Nucleare con le stesse rassicurazioni date dai progettisti giapponesi della Centrale di Fukushima che giuravano sulla sicurezza di quell'impianto, sorto in un territorio ad elevata sismicità. Poi come è finita l’hanno visto tutti.
Mentre il Governo Austriaco ne chiede la chiusura, la Regione FVG fa orecchie da mercante.
Trieste. Sereno ed attuale dibattito in Consiglio comunale sullo stanziamento di 80mila euro a favore dell’Irci e per il trasferimento al Magazzino 26 di materiale oggi conservato al Magazzino 18 e presso il Museo della civiltà istriana di via Torino.
Sono echeggiate urla a base di «Tito boia» dagli scranni del centrodestra e sono volati anche slogan come «comunisti!» e «viva l'Istria!». Di grande attualità e soprattutto utilità per i problemi che la nostra comunità sta vivendo. Complimenti vivissimi.
Appalti comunali. Ne azzeccassero uno che è uno. Dopo la tragicommedia di quelli per il Tram di Opicina, per la Piscina Terapeutica, e l’ex Caserma di Roiano, ancora rinviata la gara da oltre 100 milioni di euro per l’illuminazione pubblica: è la quarta proroga dal 2019.
Mandarli a casa il prossimo anno con Trieste Verde no?



Ecco perché va chiusa la Centrale Nucleare di Krsko.

» Inviato da valmaura il 7 January, 2021 alle 12:12 pm

Risale a 30 e passa anni orsono il nostro dettagliato servizio inchiesta curato dal nostro compianto Ruggero Calligaris, tra le altre cose il geologo ricercatore e valorizzatore della “Kleine Berlin” di via Fabio Severo, sulle criticità e pericolosità di una centrale nucleare alle porte di Trieste (poco più di 100 chilometri di distanza).
Situazione aggravata dalla storica sismicità di tutta l’area Sloveno-Balcanica.
Da allora, inutilmente bisogna dirlo, che i “verdi” qui lo sono solo a parole, salvo rarissime eccezioni storiche che si contano sulle dita di una mano, la politica ha proposto più volte che la Regione FVG e l’Italia entrassero in società con la Slovenia per il raddoppio della Centrale stessa. Il protagonista principale fu l’allora presidente della Regione, oggi deputato "triestino" della Destra, Renzo Tondo che su questo tornò alla carica più volte.
Purtroppo la cronaca, ed i fatti di questi anni, hanno puntualmente confermato i nostri timori, fino all’ennesimo grave evento sismico di questi giorni.
Ma non preoccupatevi: ora politici vecchi e nuovi con gli “ambientalisti a comando” ed una stampa a servizio permanente ed effettivo torneranno alla ribalta per raggranellare voti nelle prossime elezioni.
Ovviamente del nostro costante impegno non parleranno mai, anche perché è la prova della loro inane ipocrisia.
Teodor per Trieste Verde.



Sepolta dalla malainformazione e dalla malapolitica.

» Inviato da valmaura il 7 January, 2021 alle 12:11 pm

Promemoria per lo smemorato Paolo Rumiz, 21 maggio 2010.
In un articolo sulle tombe del cimitero di Cattinara sul Piccolo di ieri l’inviato di Repubblica, cresciuto giornalisticamente parlando al quotidiano triestino, Paolo Rumiz si chiede “dove sia finita la capacità di indignarsi dei triestini (per le lapidi del piccolo cimitero di Cattinara inclinate dai lavori per la costruenda galleria della Superstrada) …. contro gli affari di Pochi che violentano gli interessi di Tanti”.
La capacità di indignarsi e di reagire del popolo che abita questa nostra terra è stata, tanto per restare in tema catacombale, sepolta da anni di pessima informazione e di una politica impresentabile, attente, queste si, solo agli affari di Pochi, anzi Pochissimi, alla faccia degli interessi vitali della nostra comunità.
E quando c’è ancora una minoranza che resiste allora lo sport prevalente e assolutamente “bypartisan”, attuato cioè con tutto l’accanimento possibile ed usando di ogni mezzo di cui dispongono e cioè praticamente tutti, a partire dal controllo dei quattro organi d’informazione locali e della borsa del denaro pubblico, dai principali apparenti avversari schieramenti politici è quello dell’isolare prima e dell’eliminare poi ogni voce dissonante, fuori dal coro.
E tutte le strade, lecite e non, sono praticabili da chi teme questa “diversità”, come diceva Enrico Berlinguer, che testimonia quotidianamente il malaffare dei potenti, e qui a Trieste più modestamente il sottopotere incrostato dei capataz locali.
Quando l’allora Sindaco Illy si recò in Regione per chiedere al Presidente Antonione di togliere ogni sovvenzionamento pubblico al Circolo Miani, che piaccia o no è da quasi trenta anni la più significativa realtà socioculturale del Capoluogo regionale e sicuramente quella che riscuote la più alta partecipazione di gente alle sue iniziative, nessuno aprì bocca per protestare o indignarsi.
Così quando un anno fa l’attuale Presidente della Regione Renzo Tondo disse pubblicamente, con straordinariamente franca arroganza, che la Regione non avrebbe ripristinato il contributo al Circolo Miani, che pure per legge gli spettava, perché “Non aveva amici in Regione”, ovviamente tra quelli che contano in maggioranza od opposizione, anche allora silenzio tombale. Ad indignarsi anzi il solo Igor Kocijančič, pur essendo la nostra associazione non certamente assimilabile al suo partito.
Sulla stampa locale silenzio completo per gratitudine futura verso Tondo e per corposi interessi aziendali passati, sette milioni di euro in azioni del gruppo editoriale versati dal duo Paniccia-Camber attraverso la Fondazione CRT.
Ciò nonostante siamo ancora qui, un pò acciaccati ma ben decisi a restare vivi, sempre indignati, non rassegnati e confortati dalla tanta gente che martedì 18 maggio ha partecipato in piazza Unità alla nostra manifestazione, e nonostante quanto scritto dal Piccolo, perché gli “indignati” bisogna saperseli meritare.
“I registi che operano nell’ombra continuano a spostare pedine…”. Così si apre, come fatto assolutamente normale l’articolone che occupa tutta la prima pagina di cronaca locale del Piccolo di oggi, dedicato alla politica triestina. Come si parlasse di gossip, dei baci furtivi in discoteca tra amanti VIP. Questo è il concetto di politica che trasuda dalla carrellata di dichiarazioni dei vari boss locali, con la new entry del nuovo vescovo, sulle prossime candidature alle amministrative del prossimo anno (2011).
E la gente, la decantata “società civile” che ci “azzecca”? Cosa hanno da spartire con questi pettegolezzi politici da basso impero o da anticamera da lupanare i problemi veri, i drammi umani, le difficoltà che angosciano e preoccupano ogni giorno il vivere della gente normale?
Che significato assume agli occhi dei comuni mortali questa politica triestina, riportata acriticamente ed amplificata ogni giorno che Dio manda in terra dalla stampa locale?
Altro esempio, sempre nell’edizione odierna del Piccolo.
L’elenco di chiacchiere sterminate, “Balle spaziali” era il titolo di un film di Mel Brooks, un riciclo da lista della spesa mai realizzata, presentate al “Circolo della Repubblica”, Ugo La Malfa e Giovanni Spadolini per loro fortuna sono scomparsi da tempo, da un Sindaco (Dipiazza) che dopo dieci anni non è riuscito neppure a coprire le vasche a cielo aperto del depuratore fognario in centro città, ha preso in giro la gente sull’inceneritore “mai la terza linea verrà utilizzata se non per il fermo manutenzione delle altre due (2001)” ed oggi ne annuncia l’apertura a pieno regime di una quarta. Oppure che “se eletto risolverò in un mese quello sconcio del cadente magazzino vini (sempre 2001)”. E per brevità ci fermiamo qui noi, ma un giornalismo serio avrebbe invece dovuto confrontare queste chiacchiere da Bar Sport con la realtà presente e le promesse passate, non mantenute. Ferriera e Piattaforma logistica in primis.
Chiudiamo con quella barzelletta colossale della prima e speriamo di cuore l’ultima riunione del “Tavolo Ambientale” sulla Ferriera. Un tavolo, l’ennesimo, crediamo il 32° in oltre dieci anni, dove a parlare di tutela ambientale, parolina futile quanto inutile dove in realtà si nasconde ed occulta il dramma della mancata tutela della salute di decine di migliaia di triestini e muggesani, lavoratori per primi, che ha trasformato questa nostra provincia nella capitale italiana per mortalità da tumore, si chiamano a commensali gli autori ed i complici di questo disastro.
Che se era per loro, proprietà Ferriera, assindustria e sindacati confederali, e colleganza politica istituzionale, la vicenda non sarebbe mai nata né uscita nell’opinione pubblica (la sollevarono in perfetta solitudine nel 1998 Circolo Miani e Servola Respira).
Ebbene come l’assassino che torna sul luogo del delitto, sono questi, i protagonisti dello scempio, od i complici silenziosi in questi oltre dieci anni di devastazione, a formare il tavolo ambientale. Ciliegina sulla torta: a presiederlo quel Vittorio Zollia che da direttore regionale all’Ambiente i Carabinieri dovettero coattamente prelevare alla sua abitazione per portarlo in un’aula di Tribunale a testimoniare nel primo processo contro la Lucchini (apertosi su denuncia di una aderente del Circolo Miani) che oggi è stato promosso dal centrosinistra ad Assessore provinciale all’Ambiente, ovviamente per meriti pregressi. Tanto valeva far presiedere questa caricatura di tavolo direttamente all’AD della Lucchini, ora che è tornato a piede libero.



Lo scadente ed immutabile teatrino della politica triestina.

» Inviato da valmaura il 4 January, 2021 alle 12:19 pm

Ogni giorno che passa leggiamo sul piccolo giornale e vediamo sulle due televisioni locali, di cui una sarebbe di “servizio pubblico” pagato dai cittadini col canone, tutti al servizio pedissequo di questa politica, una cronaca desolante della campagna elettorale per le comunali.
A mezzadria tra le liti, quasi sempre finte, tra comari e gli schieramenti immutabili: cambiano i nomi, salvo quello immarcescibile di DiPì, ma la sostanza è invariata da decenni, e le solite parole “svode come canoce”: dall'emergenza climatica, da risolvere con convegni di “esperti”, dalla “riscoperta delle periferie” (???), dalla “città della scienza”, dalla “capitale della cultura”, elitaria quanto mai e via discorrendo.
Poi la solita valanga di promesse, dove la fantasia non ha limiti né pudore: Ovovia, Parco del Mare, Copacabana a Barcola e Playa Beach in Porto Vecchio, Tunnel largo Mioni-via D'Alviano, con ripescaggio quindicinale di Trasferimenti Mercati Ittico ed Ortofrutticolo, rifacimento Galleria di Montebello, ex caserma Polstrada Roiano, Musei di qua e là, senza dimenticare ex Fiera, Palazzo Carciotti e avanti così.
A cui si aggiungono la repentina apertura di cantieri elettorali, tra manutenzioni stradali e giardini abbandonati quanto inquinati.
Ma siamo certi che ne abbiamo dimenticati diversi.
Ecco, forti di una presenza ultraventennale sul nostro territorio, riteniamo invece che le emergenze e le problematiche che devono trovare immediata risposta e soluzione sono ben altre, più concrete e terra terra. E abbiamo la presunzione di ritenere che sono quelle che interessano da vicino la vita dei nostri concittadini, che da tempo hanno scelto in maggioranza di non votare.
Chi ci legge, anche da poco, le conosce benissimo e dunque qui non le ripetiamo.
Ma la prima urgenza per il 2021 è rivoltare come una calza il funzionamento della macchina comunale, a partire dalla riassunzione diretta di tutte quelle attività oggi affidate in appalto a ditte e cooperative esterne, anche per garantire una qualità del servizio e condizioni di lavoro dignitose e sicure a chi oggi vive di precariato dequalificato e sottopagato.
Poi ci sono temi importantissimi su cui da tempo le politiche comunali hanno abdicato alle proprie responsabilità, ne citiamo solo tre: la gestione della sanità territoriale ed ospedaliera, la lotta senza quartiere alla povertà di tanti, francamente troppi concittadini, dedicando ai servizi sociali riformati una corsia preferenziale e tutti i fondi necessari, e la riassunzione di un ruolo, oggi pilatescamente delegato all'Autorità Portuale, sui benefici che una estesa applicazione delle condizioni assegnate dal Trattato di Pace può portare alla città di Trieste ed al suo territorio.
Per fare ciò, per dare priorità ad una comunità equa, solidale, attenta ai bisogni reali dei nostri concittadini, per realizzare nuove concrete opportunità di lavoro, e tutelare qualità della vita e salute dei triestini, consci di essere distinti e soprattutto diversi da questo ciarpame che da tempo ha distrutto il valore della politica e dell'informazione, anche per questo nasce Trieste Verde.
Per ridare dignità a Trieste, ma soprattutto alle persone che la abitano.
Teodor.




« PrecedentePagina 1Pagina 2 • Pagina 3 • Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Pagina 260Pagina 261Pagina 262Pagina 263Pagina 264Pagina 265Pagina 266Pagina 267Pagina 268Pagina 269Pagina 270Pagina 271Pagina 272Pagina 273Pagina 274Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 16 January, 2021 - 1:13 am - Visitatori Totali Nr.