Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Gli onesti prenditori di Confindustria.
Come mai tace il garrulo presidente? Li caccia? ¡°Ero in cassa integrazione ma l¡¯azienda mi ha chiesto di lavorare. Pagato dall¡¯Inps¡±. I sindacati: ¡°Cos¨¬ centinaia di datori di lavoro hanno frodato lo Stato¡± (per almeno 2,7 miliardi..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Perché?
In quella landa desolata del piazzale di Valmaura, rovente per il sole ed il cemento, il Comune ha fatto abbattere ieri tre alberi (ne rimangono solo due ma temiamo ancora per poco) assolutamente sani ed integri, e siamo..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 26

Coronavirus a Trieste e Friuli Venezia Giulia.

» Inviato da valmaura il 29 March, 2020 alle 3:02 pm

Trieste conferma di non avere un Sindaco.

L'esistenza in vita, politica si intende, di Roberto Dipiazza arriva da una sua intervista a tutta pagina sul piccolo giornale. Orbene in tre colonne di dichiarazioni infila altrettanti svarioni.

Partiamo dal primo, che oggi gli costa una penosa retromarcia sulla stampa, dove dichiara che Trieste Trasporti ha ancora “due mesi di autonomia per gli stipendi”. Giusto per aggiungere allarmismo ad una situazione non proprio tranquilla. Peccato appunto che oggi, dopo le vigorose smentite dell'Azienda Trasporti, sia costretto a rinculare.

Sempre sulle tracce della paura si preoccupa per i dipendenti delle imprese medio piccole che rimarrebbero senza stipendio, ed invoca un “piano Marshall”, posto che sappia cosa sia.

Ignora il “primo cittadino” che il Governo ha già provveduto da due settimane, ma evidentemente non legge giornali e non vede telegiornali nel suo “buen retiro”, estendendo la cassa integrazione e tutti gli ammortizzatori sociali anche alle ditte con un solo dipendente. Piano "Conte".

Per altro si preoccupa per lo “Tsunami” che si abbatterà, a sentir lui mentre noi ci tocchiamo dove non batte il sole, sul “piccolo commercio”, ed immaginiamo noi la ristorazione al dettaglio.

O per meglio dire quel che ne resta, almeno del piccolo commercio, dopo le devastanti scelte del duo Illy-Dipiazza con la zonta di “ciuffolo” Paoletti della CCIA, di piazzare in centro città, caso unico, degli ipermercati e spalancare le porte alla grande distribuzione, che già hanno desertificato quartieri e centro città. Tra l'altro sia “il Giulia” che le “Torri” se la passano da sempre maluccio assai, con decine di fori commerciali chiusi e sfitti.

Invece di fare il pianto greco visto che porta la responsabilità, si fa per dire, di essere per la terza volta sindaco di Trieste perchè non interviene sul suo sparring partner alla Camera di Commercio per far mettere da subito a disposizione la decina di milioni immobilizzata per quella ciofeca di Parco del Mare che mai si farà, per utilizzarla subito a favore non dei dipendenti ma dei proprietari di esercizi pubblici (commercio e ristorazione) per coprire le spese vive e correnti di (mancata) gestione?

Lo abbiamo scritto da un mese, nel silenzio unanime della politica, ed oggi sul piccolo giornale veniamo usati come un Tampax, usa e getta, da parte di altri che ben si guardano dal citare la fonte, ovvero noi.

Ecco forse è meglio che il sindaco che “non dorme la notte” si prenda mezzo flacone di Valeriana e ci risparmi i piagnistei un tanto al chilo. A lui, se ancora dopo venti anni non lo ha compreso, competono guida e proposte per Trieste. E magari una dovuta riflessione sulla responsabilità del Comune per i focolai più virulenti e letali scoppiati proprio nelle case di riposo comunali ed esportati dal personale esternalizzato, e parenti in visita, in assenza di una adeguata informazione e soprattutto prevenzione.

Quanto ora scritto sul mancato sindaco vale pure per i suoi competitor passati, presenti e futuri, di ogni colore, mai silenzio ed inazione furono più assordanti.

Alla Regione fedrighian-riccardiana sulla gestione dell'emergenza CoronaVirus non va molto meglio.

Al ritardo nel pianificare ed attuare il potenziamento dei presidi ospedalieri e territoriali, alla figuraccia sulle “mascherine”, inviamo ora un pressante invito: togliere subito la chiusura domenicale imposta alla distribuzione alimentare. Ha prodotto solo file epocali ed inutili quanto temibili assembramenti negli altri giorni.

Cioè l'esatto contrario di quanto spensieratamente si proponeva.

Nel filmato un suggerimento concreto di come fare il mestiere di Sindaco, non chiuso in casa ma in giro sul territorio che gli è affidato e magari sui luoghi dove si combatte la malattia.


https://www.youtube.com/watch?v=TCW3EUSxc7A





“Mai dire gatto se non ce l'hai nel sacco”: Trapattoni.

» Inviato da valmaura il 27 March, 2020 alle 1:12 pm

Robe da CoronaVirus.

Regione FVG. “Entro questa settimana distribuiremo casa per casa due mascherine per ogni abitante”. Infatti, a settimana finita ora balbettano che forse tra “una decina di giorni”, ma devono capire ancora come e dove inizierà la “distribuzione”, le prime famiglie riceveranno si due mascherine ma non a persona ma per nucleo.
E poi bisognerà attendere la loro disponibilità, delle mascherine. Addio Cor
e!
ASUITS giuliana. Si spera che nella prima settimana di aprile siano pronti i primi, sottolineato primi, posti letto per la terapia intensiva e sub-intesiva, nel dodicesimo piano della Torre di Cattinara, smantellato con altri quattro più di un anno fa per i lavori del mai cominciato Cantiere di rifacimento dell'ospedale.
Fateci capire più di venti giorni, a leggere gli annunci sulla stampa, per ripristinare dei locali già esistenti. Si fa sommessamente notare che in Cina ma anche in altre città e paesi ci hanno messo un terzo di tempo abbondante in meno per costruire da zero interi ospedali. Rapidi e invisibili ...
Comune di Trieste. Importante contributo alla battaglia contro l'epidemia. Da oggi la Giunta comunale ha dato un segno di esistenza in vita: ha invitato i gestori degli stalli blu a liberalizzarne l'utilizzo senza chiedere il pagamento della gabella. Azzo!
Sempre Comune più Agegas. Da due giorni, con Bora a 120, in viale Romolo Gessi, ma immaginiamo non solo, i mezzi della ditta a cui è affidata la pulizia stradale, da polveri e foglie, continuano imperterriti a fare su e giù, però a spazzoloni rotanti sollevati perchè ovviamente non c'è traccia di foglie o polveri. CervelloVirus.
Chi l'ha vista? La politica si intende.




Domanda ad un sindaco che non c'è.

» Inviato da valmaura il 26 March, 2020 alle 1:35 pm

Si è forse accorto che buona parte dei cosiddetti “Servizi essenziali” in realtà a Trieste sono chiusi?
Oggi ad esempio non c'è ufficio postale aperto da San Dorligo a via Bramante, e domani inizia il pagamento pensioni. In via Bramante l'unico aperto nella zona ad est di piazza Verdi fino ad Aquilinia, stamane con il clima “mite” e temperato c'era una fila che arrivava quasi all'altezza di via San Michele.
Della serie: se non ci pensa il C
ovid-19 basta l'ordinaria Broncopolmonite.
Idem dicasi per le filiali ed agenzie bancarie a partire da Unicredit, con lo scandalo che parecchi Bancomat erano fuori servizio per “motivi tecnici”. E poi dicono che le persone non devono muoversi in città.
E capiamo che al piccolo giornale non si guarda in bocca a “caval donato”, ovvero all'inserzionista pubblicitario specie se ricco, ma passare la fiaba che Trieste sia una delle prime venti città italiane per consumo pro capite di acqua potabile bè è un tantino grossa.
Bisognerebbe leggersi gli eleganti bilanci annuali della ex municipalizzata per scoprire che le tubature non proprio nuove del servizio idrico hanno da anni una dispersione per strada di oltre il 40% del portato. Ma non c'è fretta di intervenire tanto non un decilitro va sprecato, che i triestini se lo vedono comunque addebitare in bolletta sotto la voce “dispersione di rete” nel dispacciamento.
Ed ora continui pure il suo tranquillo giardinaggio.



CoronaVirus. Per capire.

» Inviato da valmaura il 25 March, 2020 alle 2:25 pm

Sanità. Numeri impietosi. Che la responsabilità torni allo Stato.

Negli anni Ottanta si potevano accogliere 530 mila pazienti, 365 mila nel 1992 e solo 191 mila nel 2017. Il tracollo del Ssn: meno ospedali, posti letto dimezzati in trent’anni.
L’emergenza sanitaria innescata dal coronavirus si è tradotta in una corsa disperata ad aumentare i posti letto negli ospedali. Da quattro settimane è partito il piano per aumentare la capacità delle terapie intensive che oggi sono arrivate a 8.370 posti, il 64% in più rispetto all’inizio dell’emergenza.
Per dare l’idea della pressione sul sistema sanitario, negli ultimi giorni 59 pazienti sono stati trasferiti dalla Lombardia in altre Regioni del CentroSud per evitare il collasso. E questo grazie alla riconversione lampo di 71 ospedali in strutture dedicate solo ad affrontare i malati di Covid-19.
Questa corsa mostra i limiti del sistema sanitario nazionale dopo anni di definanziamento (minori risorse rispetto agli stanziamenti assicurati e all’aumento dei prezzi sanitari, che di fatto si traducono in tagli reali). Nell’ultimo decennio, secondo le stime della Fondazione Gimbe, al Ssn sono stati sottratti 37 miliardi (25 solo nel 2012-15), mentre è aumentata la spesa verso la sanità privata, che però si rivolge a prestazioni più remunerative e mostra tutti i suoi limiti in caso di emergenza sanitaria.
A RIMETTERCI DI PIÙ sono stati i posti letto ospedalieri.
Secondo il “Rapporto Sanità 2018 - 40 anni del Servizio Sanitario Nazionale” del Centro Studi Nebo, si è passati dai 530.000 posti letto del 1981 (di cui 68mila dedicati all’area psichiatrica e manicomiale) ai 365.000 del 1992, dai 245.000 del 2010 fino ai 191mila del 2017, ultimo dato disponibile.
In rapporto al numero di abitanti, siamo passati da 5,8 posti letto ogni mille abitanti del 1998, ai 4,3 nel 2007 ai 3,6 nel 2017. Stando ai dati del ministero della Salute, rielaborati da Anaao Giovani (il sindacato dei medici), nel 2010 l’assistenza ospedaliera si è avvalsa di 1.165 istituti di cura, di cui il 54% pubblici e il 46% privati, oggi il numero è sceso a mille unità, ma a diminuire sono state di più le strutture pubbliche (che ora sono il 51,8% del totale) rispetto alle delle cliniche private accreditate (48,2%). Queste ultime dislocate soprattutto in Lazio (124), Lombardia (72) e Sicilia e Campania (58).
Sono state le grandi riforme di contenimento della spesa sanitaria del 2012 (governo Monti), del 2015 (governo Renzi) a portare alla chiusura dei presidi ospedalieri più piccoli, spesso riconvertendoli in strutture alternative: negli ultimi 10 anni si sono creati 2.000 presidi in più per l’assistenza territoriale residenziale e 700 per l’assistenza semiresidenziale, mentre i posti letto diminuivano. Un tentativo malriuscito di efficientare il sistema e consentire assistenza fuori dagli ospedali, anche a causa del gigantesco definanziamento (la spesa sanitaria è inferiore a tutti i grandi Paesi Ue).
NEL 2010 il Servizio sanitario nazionale (Ssn) disponeva di 244.310 posti letto per degenza ordinaria (acuti e post-acuti), di cui il 71,8% (175.417 posti letto) erano in carico al pubblico e il 28,2% (68.893) al privato, 21.761 posti per day hospital (quasi totalmente pubblici) e 8.230 posti per day surgery (l’80% pubblici).
Nel 2017, invece, i posti letto sono scesi a 3,6 ogni mille abitanti. In tutto erano 211.593 per degenza ordinaria di cui il 69,5% (147.035) in carico al Ssn, mentre il 30,5% (64.558) al privato (di questi, il 23,3% nelle strutture accreditate), 13.050 posti per day hospital, quasi tutti pubblici (89,4%) e di 8.515 posti per day surgery in grande prevalenza pubblici (78,2%).
La Regione con il maggior numero di posti letto era la Lombardia con 8.384, seguita da Lazio (7.168) e Campania con 5.347.
È in un momento di emergenza che vale la pena ricordare cosa è stato sottratto al servizio sanitario, considerato tra i migliori a livello mondiale.
Facciamo l’esempio della Regione al centro dell’emergenza CoronaVirus.
Lombardia. A incassare i soldi pubblici sono gli imprenditori privati.
Nella Regione di Roberto Formigoni e poi dei presidenti leghisti, è avvenuta la forma più completa di passaggio dalla sanità pubblica al sistema misto in cui pubblico e privato sono equiparati.
Il budget annuo per la sanità è di 19,5 miliardi di euro. A pagare è sempre la Regione, con soldi pubblici, ma a incassare sono sempre di più, di anno in anno, gli imprenditori privati della sanità, tra cui due colossi: il San Raffaele (gruppo San Donato della famiglia Rotelli) e Humanitas (gruppo Rocca).
Sono via via diminuite le risorse per gli ospedali pubblici, sono stati chiusi o “riconvertiti” tanti piccoli ospedali, sono più che dimezzati i posti letto.
In Lombardia il sorpasso è già avvenuto: la sanità privata incassa più di quella pubblica.
Gli ultimi dati del 2017, ancora non lo rilevano, ma già dicono che il privato incamera in proporzione più risorse del pubblico.
Su 1,441 milioni di ricoveri, 947 mila (il 65%) sono negli ospedali pubblici, 495 (il 35%) nelle strutture private. Ma il privato incassa 2,153 miliardi di euro sui 5,4 totali (il 40%), contro i 3,271 del pubblico. Dunque il 35% dei ricoveri incassa il 40% delle risorse impegnate dalla Regione.




Trieste. Il Comune “ama” il verde. Il CoronaVirus invece no.

» Inviato da valmaura il 24 March, 2020 alle 2:05 pm

A giorni alterni, l'ultima volta una decade orsono, l'amministrazione comunale per bocca dell'assessore responsabile, Lodi, sente il bisogno di ripetere ossessivamente quanto il Comune di Trieste “abbia a cuore” gli alberi ed il verde pubblico. Ovviamente, e come sempre, stampa e televisioni riportano acriticamente supine queste dichiarazioni d'amore.

Addirittura il rifacimento del giardino di piazza Carlo Alberto, lasciato colpevolmente abbandonato al degrado più sfacciato da lungo tempo, viene inserito nel “piano triennale delle opere” da qui al 2022. Campa cavallo !

Ci sarebbero poi le condizioni preagoniche di tanti altri giardini, in buona parte ancora inquinati e parzialmente chiusi da quattro anni, non mesi o settimane, a partire da quello enorme di Ponziana.

Ma poi tutto questo “afflato” verso gli alberi è contraddetto da campagne di abbattimenti di centinaia e centinaia di esemplari che hanno caratterizzato due amministrazioni in particolare: quelle di Dipiazza e Cosolini. Centro o periferia che fosse la mattanza non si è mai interrotta: ultimo esempio il taglio di due palme in viale Romolo Gessi l'altro giorno.

Ecco, che il coro unanime dei maggiori esperti scientifici del pianeta Terra certifichi che la deforestazione, il massacro del verde e la cementificazione siano una, e forse la più importante, causa dell'emergenza Clima, delle catastrofi naturali che si succedono a ritmo sempre più incalzante, e dell'humus dove con una frequenza sempre più preoccupante si scatenano pandemie gravissime che dal mondo animale, saltato ogni equilibrio naturale, si trasmettono all'uomo, pare non interessi per nulla questa nostra politica e non la spinga ad invertire la rotta prima che sia troppo tardi. Anche se tardi oramai lo è davvero.

Un po' come questa politica italiana che grida un giorno sì e l'altro pure che “la nostra Sanità è allo stremo”, priva di strutture, personale e mezzi di fronte all'emergenza CoronaVirus, senza guardarsi mai allo specchio e sputarsi in faccia.

Chi ha smantellato da anni ed anni la sanità ospedaliera e territoriale, quella pubblica si intende perchè quella privata è stata favorita, e finanziata con i soldi pubblici?

Mia Zia Maria o questi stessi politici che ora gridano “Aita, Aita” cercando pure di farsi passare per vittime?

Quando, e confidiamo il prima possibile, ripartiremo la “normalità” non dovrà tornare ad essere quella ante febbraio 2020. O sarà stato tutto inutile, come le migliaia di persone decedute non per un destino “cinico e baro” ma per la colpa di chi ha creato un sistema dove i mercati finanziari valgono più delle vite umane.





« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25 • Pagina 26 • Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 12 August, 2020 - 12:07 pm - Visitatori Totali Nr.