Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Il neocomunismo. Attenti l'America, non la Cina, è vicina.
Il Bolscevismo ha nuovo volto e nuovi protagonisti. E' il Partito Democratico, che fu di Kennedy, Clinton ed Obama, il nuovo rappresentante dei Soviet. Alexandria Ocasio-Cortez è tra le personalità politiche “che combattono ricchezze e privilegi facendo cadere uno dei tradizionali..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Caos di cittadinanza.
Questo reddito o pensione di cittadinanza viaggia nel caos più completo.Premesso che lo riteniamo una misura giusta ma fortemente condizionata dagli innumerevoli “paletti” attuativi, sempre che non vengano cambiati nella discussione parlamentare.Partiamo da quello che al momento è cosa..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 26

FERRIERA. Fedriga e Scoccimarro ritirata con fanfara.

» Inviato da valmaura il 20 July, 2018 alle 8:09 am

O come ci ha detto un residente “Il duo Scoccimarro e Fedriga porta sfiga”. Ed a proposito, tutte le volte che parliamo con le persone che si lamentano (è un gentile eufemismo) delle parole a vuoto di Presidente Regione e assessore, non troviamo uno che sia uno che ammette di averli votati. Non un buon segno, per loro si intende. Vi ricordate i “giuramenti” non di Pontida ma di San Giusto del Leghista e del fratellone italico in campagna elettorale e poi su stampa e TiVù appecoronate appena insediati? La più moderata era del tipo “l’area a caldo si chiude subito e si mettono i lavoratoti in cassa integrazione”. Ora siamo al Leghista che dice testuale “Credo che la proprietà voglia dimostrare di essere impresa di prospettiva, come ha già dimostrato nella sua storia.(che Fedriga immaginiamo conosce a menadito come i bilanci societari). E la prospettiva oggi è favorire situazioni industriali compatibili col territorio. Penso si troverà una soluzione condivisa”. Insomma quando vuole il Cavalier Arvedi, con il suo comodo. E Scoccimarro lo batte a TeleCamberquattro, “almeno quattro anni”: il proseguimento dell’area a caldo, insomma quando lui e Fedriga molto probabilmente non governeranno più la Regione, e quando dovrebbero essere ultimate le inutili coperture dei parchi minerali, che esistono solo per far funzionare Altoforno, Cokeria ed Agglomerato. Pare non se ne siano ancora accorti. Insomma questi non capiscono, e non vogliono conoscere, una beata mazza sulla Ferriera. Sparano parole al vento prendendo per i fondelli i cittadini elettori e non, ed i lavoratori. E non è una nostra opinione, è la trista realtà: basta rileggersi le loro dichiarazioni alla stampa. E nel frattempo in questa giostra di vuote parole non hanno nemmeno la capacità di intervenire sulle attuali criticità di impianti e ciclo produttivo, né di fare rispettare le delibere/diffide emesse dalla stessa Regione. Ma hanno l’ARPA ed il consulente Boscolo, direte voi. Appunto, non hanno nessuno, scriviamo noi. PS. Sempre “moderatamente soddisfatti” gli amici del Giaguaro, ovvero le quattro sigle “ambientaliste” di Dipiazza e soci? Posto che PD e 5Stelle pari sono su questo al centrodestra. https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521.1073741826.1497907667146863/2233993960204893/?type=3&theater


Carlo il Temerario o Carlo Martello?

» Inviato da valmaura il 19 July, 2018 alle 9:57 am

Qualche lettore più che ai Re ha accostato Carlo Grilli alla figura manzoniana di Don Abbondio. Ma leggete qua, sul piccolo giornale: “Azione decisa dell’assessore verso la Regione”. Accompagnato dalla fida De Candido bussa alla porta dell’assessore regionale Riccardi, suo compagno politico e si lamenta “di non starci più al gioco al massacro”, insomma le critiche non le regge, ed allora cambi mestiere che fare l’assessore non è proprio cosa per lui. Ritorni alla antica professione, dove detto senza ironia, era eccellente. La colpa, sentite un pò, è delle persone che politici come lui hanno portato all’esasperazione ed alla fame nera (migliaia di famiglie: 4300 domande solo a Trieste). E si lamentano ancora. In sette mesi non hanno saputo e voluto fare l’unica cosa che la responsabilità di amministratori dettava loro, ed ai loro “dirigenti”(?), una delibera di tre righe tre dove la Regione ripristinava per il pagamento del MIA (il sostegno regionale antipovertà) il sistema di erogazione in vigore fino al 31 dicembre 2017. La colpa è della “burocrazia”, della strega cattiva e di Maga Magò. Dategli un kleenex e poi a casa, a casa subito e di corsa. Parole e testo del nostro Paolo Villaggio https://www.youtube.com/watch?v=LvGlTIoPojU


Ferriera. Incompetenti allo sbaraglio.

» Inviato da valmaura il 18 July, 2018 alle 9:56 am

Dalla riunione romana al MISE Arvedi ne esce bene e la Regione, non parliamo poi del Comune, con le ossa rotte. Questo è inevitabile quando si parla ed opera senza conoscere, e siamo assai buoni nello scrivere questo. Un consiglio al “profano” Scoccimarro: di mobilio la Regione ne ha già tanto e pertanto apparecchiare l’ennesimo, il 28esimo per l’esattezza, “Tavolo” serve solo a perdere, prendere tempo, e diciamo subito che il Circolo Miani e Servola Respira in queste condizioni non intendono parteciparvi. Le due cose al centro della riunione romana: la copertura dei parchi, e l’inquinamento di falda, hanno semplicemente confermato quanto da noi sostenuto per anni , scritto più volte su queste ed altre pagine e leggibile nei verbali delle riunione con i vertici regionali. Quando i tecnici del Ministero sulla copertura dei Parchi minerali, la cui sola esistenza certifica il proseguimento della produzione dell’Area a caldo, dicono che “gli esperti ritengono tuttavia poter risolvere solo in piccola parte la questione della dispersione di polveri.” Dunque l’eventuale imbrattamento e non l’inquinamento. E dunque confermano tutto quanto da noi rilevato e scritto, dove l’unico parco attualmente inquinante è quello del Coke, che per altro non dovrebbe esistere o quasi se l’Arpa avesse fatto rispettare la diffida regionale del giugno 2017 “la limitazione della produzione di coke a quelle strettamente funzionali alla produzione di ghisa.” Ovvero al funzionamento dell’Altoforno. Che ci dicono Arpa e tecnici Regione tanto precocemente omaggiati da Scoccimarro, “blindati” perfino? Per l’inquinamento del terreno e delle falde tutto era già scritto nei verbali delle Conferenze dei Servizi del Ministero dell’Ambiente di quindici anni fa, ergo Arvedi ha ragione da vendere quando sostiene di non esserne responsabile (è arrivato a Trieste nel 2014). La domanda che il “profano” Scoccimarro dovrebbe porsi, e magari anche la Procura, è molto semplice. Visto che Arpa e tecnici regionali erano informati dal Ministero dell’Ambiente per sette anni di fila, fino al 2010, perché hanno ignorato il gravissimo inquinamento che si riversava pure nel Vallone di Muggia e dunque entrava nella catena alimentare, e non hanno fatto nulla? Forse meno elogi e più domande, serie, il neoassessore dovrebbe porsele, e con lui il neopresidente Fedriga, altrimenti prendono in giro cittadini e lavoratori. In quanto al “rispetto delle prescrizioni contenute nell’Accordo di Programma”, Arvedi ha tutte le ragioni di rivendicarlo. Lo ha garantito finora proprio l’Arpa FVG ! Ve ne siete accorti Fedriga e Scoccimarro? https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521.1073741826.1497907667146863/2231759610428328/?type=3&theater


Veci ma no mone.

» Inviato da valmaura il 17 July, 2018 alle 12:33 pm

Alcuni commentatori sul periodico “stupro” di Piazza Unità, Rive e dintorni ci hanno epitetato come vecchi rincoglioniti con il caldo invito ad ucciderci. Ci hanno accusato di essere contro i “giovani” e il futuro di Trieste, più altre amenità varie. Potremmo sbrigativamente rispondere loro con la frase di Nereo Rocco, sempre che sappiano chi era. “Mai visti tanti mone concentrai in così poco spazio come a Trieste.” Ma siccome molti di questi commentano senza leggere (ed erano quattro righette in toto) o forse non conoscono il significato delle parole, ma soprattutto scrivono per leggersi senza pensare e capire. E sono pure ciechi e non sanno far di conto (solo per montare e smontare l’odierno catafalco con il fondale di plastica nera modello sacchi per le scovazze, la piazza sarà inagibile per una ventina di giorni). Allora pubblichiamo alcune fotine fresche di giornata. E a proposito non siamo vecchi per nulla, abbiamo solo qualche neurone celebrale che ancora funziona. Tutto qua. Le prime foto sono un “saluto da Trieste” mandatoci da amici di Varese venuti domenica a visitare per la prima ed ultima volta la città (tranquilli sono dei barbagianni appena laureati in ingegneria a Milano). Molto bella ed appropriata quella del Tir carico di cessi biologici da piazzare davanti al Palazzo del Lloyd oggi Presidenza della Regione. Roberti e Fedriga ci metteranno subito delle telecamere. La pavimentazione, rifatta solo qualche anno fa, soffre già molto ed allora i camion hanno pensato di lasciarci la gomma delle ruote per “zebrarla” modello Juventus in omaggio a Ronaldo. Passando per la strettoia di Capo di Piazza, occupata per due terzi dal raddoppio dei tavoli dei bar, la cui traversata ricorda il tempestoso Capo Horn, ci affacciamo sulla fu Galleria Tergesteo dove quattro delle sei porte sono inagibili per tavoli e sedie di bar e pizzeria. Nella foto, a locali vuoti, si vede la stretta gimcana obbligatoria per i pochi che vogliono impestarsi gli abiti con aromi culinari. Usciamo in Piazza Verdi dove non ci viene fatto mancare un palco di tubi innocenti in proporzione. Forse in omaggio alla “piccola” Scala come il Verdi viene chiamato. Stavolta le Rive non sono occupate dalle abituali tendopoli che fanno sparire ogni vista del mare e del panorama per settimane intere ma ne abbiamo copiosa scorta da cui scegliere fior da fiore. Fatti quattro conti, senza appunto contare i danni alla pavimentazione ed alle panche in pietra, e la “felicità” dei turisti, ma tranquilli sono i vecchi degli ospizi in gita premortuaria, questo festival di tubi innocenti, camion, furgoni e muletti, questo deposito di tonnellate di ferraglia, a proposito i clienti del Caffè degli Specchi e dei Duchi ringraziano della prima fila con vista sul ciarpame, ma sono solo i disertori dell’obitorio, tiene occupata piazza e dintorni per circa un centinaio di giorni all’anno, ovviamente allestimento compreso. A questo vanno aggiunte le tendopoli in piazza e sulle Rive del prestigioso Suk di Trieste che ha surclassato quello di Tangeri (per questo come scrive un “illuminato” commentatore ci sono tanti negher in giro). Se la “movida” ed il futuro è questo allora teneteveli strettì mentre fate la fila ai cessi in piazza. PS i veneziani che son mone quasi come noi per il concerto dei Pink Floyd hanno fatto il palco galleggiante in Laguna e non in piazza San Marco. Se avessero avuto la fortuna di avere a quattro passi il Molo Quarto chissà cosa avrebbero pagato. Per la galleria fotografica (20 pose) si rimanda necessariamente alla pagina Facebook Circolo Miani. POST SCRIPTUM 2. Il nostro primo articolo dell’altro ieri. “Controcorrente. Basta stupri in piazza Unità! Ai Triestini ed ai turisti la piazza e zone limitrofe. Concerti e spettacoli portateli al Molo Quarto, lì vicino in Porto Vecchio. Ne guadagnate in sicurezza, vivibilità e viabilità.”


La povertà? Per i politici un problema di “ordine pubblico”.

» Inviato da valmaura il 16 July, 2018 alle 1:07 pm

Merita riportare integralmente quanto pubblicato oggi dal piccolo giornale, e senza mezza riga di commento alla nota regionale: questo sì che è il “quarto potere”, il “cane da guardia” dei più deboli come blaterano nei loro editoriali. “Giunta. Due milioni per la sicurezza. Li ha stanziati la giunta regionale, per supportare i Comuni nell’acquisto e nella manutenzione di telecamere (1,5 milioni), oltre che per iniziative di contrasto di prevenzione e contrasto di comportamenti che creano allarme sociale (500mila euro). Dunque l’emergenza sociale della povertà (per fare un numero assai approssimativo per difetto solo a Trieste ci sono migliaia di persone che attendono da sette mesi di ricevere il sussidio regionale di sostegno al reddito, MIA) è un aspetto di puro ordine pubblico, e per quello si spendono sull’unghia 2 milioni di euro, di cui un quarto “per iniziative di contrasto di prevenzione e contrasto di comportamenti che creano allarme sociale (la sintassi è loro)”. Che dite, l’emergenza povertà crea “allarme sociale”? Va risolta? No, va filmata! https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521.1073741826.1497907667146863/2229711423966480/?type=3&theater



« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25 • Pagina 26 • Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 19 February, 2019 - 2:50 am - Visitatori Totali Nr.