Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Parco del Mare? Ma BASTA!
Sono 14, quattordici, anni che il presidente a vita della Camera di Commercio ed altre cose, ci frantuma i santissimi con questa telenovela di un Parco, quello del Mare, che ha già cambiato cinque destinazioni, insomma un progetto..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Per esempio.
Giorni orsono alcune migliaia di persone sono sfilate in corteo per Trieste sul tema “Aprite i porti e siamo tutti umani”. Lodevolissima iniziativa. In questi mesi, ma potremmo dire anni, nessuna forza politica è mai..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 24

Dalle leggi razziali alla delazione. Nel DNA di Trieste

» Inviato da valmaura il 20 September, 2018 alle 10:23 am

Francamente qui siamo al grottesco ma anche all’inquietante, soprattutto nello zelo delatore e spontaneo dei triestini, che disvela una certa natura presente in città. Non molto diversa da quella che spinse una percentuale alta di concittadini a inondare di denuncie anonime e non il comando delle SS di piazza Oberdan negli anni 1943/45 tali da spingere il comandante, “il Boia di Lublino” Odilo Lotario Globocnik, triestino di nascita, a scrivere una pressante richiesta ad Adolf Eichmann al Comando centrale delle SS a Berlino, per urgente invio di personale ispettivo per dare corso a tutte le denuncie. Nella seconda guerra mondiale la tanto rimpianta Austria fornì al Partito Nazista un numero di iscritti superiore alla stessa Germania, in proporzione alla popolazione, e di dirigenti e criminali di guerra. A Trieste nacque e visse la sua gioventù Odilo Lotario Globocnik, triestino “domacio”, figlio di un impiegato austriaco e di una slovena. Uno dei più feroci criminali di guerra del Terzo Reich. “Globus” fu mandato ad aprire i campi di sterminio di Belzec, Sobibor e Treblinka, dove furono liquidati centinaia e centinaia di migliaia di ebrei polacchi, e non solo, prima di venir rispedito nella natale Trieste a comandare il corpo delle SS e della Gestapo e ad aprire il campo di concentramento e sterminio della Risiera di San Sabba (circa 5000 tra antifascisti, ebrei, sloveni massacrati e bruciati nel forno crematorio). Ovviamente per far funzionare la loro rete poliziesca gli occupanti nazisti avevano bisogno della piena e fattiva collaborazione dei fascisti triestini. Che ottennero oltre ogni misura ed aspettativa. Così come ottennero subito la pronta collaborazione degli industriali locali, di cui un esponente fu nominato Podestà, fantoccio, dagli occupatori tedeschi. La seconda parte del processo per i crimini commessi in Risiera, quella riguardante proprio il diffuso collaborazionismo locale, fu più volte annunciata ma mai aperta. Sarebbe il caso che qualche serio storico se ne domandasse le ragioni. Dagli archivi delle SS alla Tiergartenstrasse di Berlino sequestrati dalle truppe americane emergerà che Trieste fu la città, nell’Europa occupata dai nazisti, con il più alto tasso di collaborazionismo spontaneo con i tedeschi. Analogamente, durante i 40 giorni dell’occupazione Yugoslava di Trieste, una settimana dopo la liberazione, il Comandante della piazza, un generale croato, fece affiggere sui muri della città un manifesto dove si comunicava che da quel giorno il Tribunale del Popolo, istituito per processare i collaborazionisti nazisti e fascisti, non avrebbe più preso in esame le denuncie anonime. Perché anche allora tantissime erano state le delazioni spontanee, anonime e non. La ragione di questo comportamento evidentemente insito nel DNA dei triestini? Non certo una adesione a due ideologie per altro contrapposte, ma semplicemente la volontà di regolare vecchi rancori personali, invidie, bramosie di ricchezza (le delazioni erano premiate con denaro e beni, mobili ed immobili magari dei denunciati). Per questo il Gauleiter della Carinzia da cui dipendeva Trieste, Friedrich Rainer, quando veniva in città, faceva suonare l’Inno a San Giusto, anche alle prime teatrali. E perché? Semplice voleva far forza sulle nostalgie austriacanti di parte dei Triestini per far dimenticare la parentesi italiana e far meglio accettare la nuova identità tedesca. Un vostro "Mi Piace" alla PAGINA Facebook Circolo Miani e non solo all'articolo, sarebbe gradito ed utile. Nella foto l'ufficio di "Globus": il comando delle SS in piazza Oberdan. https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521/2294250764179212/?type=3&theater


Noi siamo diversi.

» Inviato da valmaura il 18 September, 2018 alle 11:48 am

E lo siamo orgogliosamente quanto naturalmente. Diversi perché facciamo, o meglio cerchiamo di fare, informazione, in un quadro di piattume e bugie. Diversi perché prima di scrivere ci informiamo e ricerchiamo quelle cose che eventualmente conosciamo poco. Diversi perché colti in una società di incolti (il titolo di studio c’entra poco). Diversi perché preparati e competenti in una comunità dove comandano incompetenti ed arroganti. Diversi perché distanti e distinti da una politica e da una classe dirigente più attenta agli affari di pochi che agli interessi di Trieste. Diversi perché non abbiamo altra parte politica che gli affanni ed il benessere nostro e della nostra comunità. Diversi perché portiamo il nome di Ercole Miani.


Trieste è senza Sindaco.

» Inviato da valmaura il 17 September, 2018 alle 12:31 pm

Lo avevamo scritto il 24 agosto “Dipiazza un sindaco totalmente inadeguato”, rileggetevelo su questa pagina, pertanto quest’ultimo episodio, quello del manifesto della mostra sulle leggi razziali fasciste con tutto quello che rappresenta, è solo l’ultimo episodio di una catena ininterrotta di “infortuni”. E le premesse c’erano tutte, bastava ascoltare il discorso del Sindaco alla Risiera: “Risiera. Il discorso del Sindaco scritto da Licio Gelli?” nostro articolo del 26 aprile. Certo è che questa Amministrazione di centrodestra ha fatto finire Trieste su stampa e TiVù nazionali e foreste per vicende e comportamenti non certo commendevoli per l’immagine della città. Dalla sala comunale di piazza Unità negata per le unioni civili, al sequestro di coperte ed abiti a chi dormiva per strada, al sequestro degli strumenti musicali ai suonatori ambulanti, allo stacco dello striscione “Verità per Giulio Regeni” dal frontale del Municipio, alle inutili quanto ridicole “ronde” capitanate dal vicesindaco nel salotto buono della città (le periferie? E chissenefrega!), fino al recente caso sulle leggi razziali. Passando per il baciamano a Forza Nuova e Casa Pound. Questo per quanto riguarda l’immagine, che poi solo immagine tanto non è. Per il resto questa amministrazione in due anni e mezzo, quasi metà mandato, ha fallito su quasi tutto. Dallo spostamento dei mercati ortofrutticolo ed ittico, alla “Caserma di Roiano”, alla bonifica dei giardini inquinati, alla vendita dell’area ex Fiera, alla redazione del Piano comunale contro l’inquinamento acustico, per non parlare poi della grottesca vicenda Ferriera e di quella drammatica dell’emergenza povertà. Ora francamente pensavamo che con la precedente amministrazione Cosolini avessimo toccato il fondo. Ci sbagliavamo: Dipiazza ed i suoi assessori sono riusciti nell’impresa di fare peggio. Nonostante avessero la sorte benevola di non avere praticamente opposizioni né in Consiglio comunale (inconsistenti ed impreparati i Cinque Stelle, inesistenti il Pd e soci) e tantomeno ora in Regione. A poco serve lo sfogo odierno di Paolo Rumiz, che potremmo condividere al 90% se non lo avesse scritto proprio lui e proprio sul piccolo giornale. Il ruolo in questi anni della cosiddetta informazione spacciata anche da TeleCamberquattro e dalla Rai regionale, è stato devastante; quasi peggio della politica con la quale fanno un tutt’uno. Chiudiamo con uno scritto di Piero Calamandrei del 1946 che ben riassume l’azione portata avanti dal Circolo Miani in questi anni. “Senza l’accompagnamento dei diritti sociali le tradizionali libertà politiche possono diventare in realtà strumento di oppressione di una minoranza (i privilegiati economici: li definisce) a danno della maggioranza: sicché si può dire in conclusione che i diritti sociali costituiscono la premessa indispensabile per assicurare a tutti i cittadini il godimento effettivo delle libertà politiche.” https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521/2292292264375062/?type=3&theater


A Trieste dunque non c’è democrazia.

» Inviato da valmaura il 16 September, 2018 alle 12:52 pm

Mattarella: "Libertà di stampa fondamento della democrazia.” Dichiara ieri il Presidente della Repubblica a reti unificate. Ergo a Trieste, e magari non solo, non c’è democrazia perché stampa e televisioni locali, Rai regionale in testa: altro che “servizio pubblico”, pubblicano solo quanto aggrada ai loro padroni di riferimento, siano essi economici o politici. No tranquilli, stavolta non parleremo dei 18 (diciotto) anni di sistematiche censure e diffamazioni a cui è sottoposto il Circolo Miani, e senza che nessuna forza politica, Cinque Stelle compresi, o intellettuale abbia avuto da che ridire. Parleremo invece della censura sostanziale a cui è stato sottoposto il corteo organizzato ieri da una parte del Movimento indipendentista triestino. Nella sua organizzazione ma soprattutto nel racconto della manifestazione che ha visto la partecipazione di alcune centinaia di triestini (quattrocento circa). Si può concordare o meno con l’idea che ha spinto in piazza questi concittadini; si può detestare o meno le persone degli organizzatori; ma fare il mestiere del giornalista obbliga ad informare l’opinione pubblica. Altro non c’è da dire. Se non prendere atto che la trimurti della disinformazione attenta ai desiderata di centrodestra e sinistra, con uno spazio garantito ai 5Stelle, tipo riserva indiana, desertifica la democrazia in questa nostra comunità. E rende pertanto assai poco credibili le moralistiche paternali di cui si fa paladina, proprio per la scarsa credibilità che riscuote nell’opinione pubblica triestina. Si, Presidente Mattarella, ha ragione: dove non c’è libertà d’informazione non ci può essere vera democrazia. Ed è forse anche per questo che dal 2001 alle elezioni amministrative vota meno della metà dei triestini. https://www.facebook.com/roberto.urbanaz/videos/10213162764160085/UzpfSTE0MDAyMjEyMDAyODQyNjU6MTkxMDM0MzkxOTI3MTk4OA/?multi_permalinks=1910343919271988¬if_id=1537079170087206¬if_t=group_activity


Leggi razziali. Qualcosa ci sfugge.

» Inviato da valmaura il 15 September, 2018 alle 2:15 pm

“Quel manifesto è esagerato e duro ma lascio lo stesso che venga usato. Ammorbidire i toni”. Non perde occasione il Sindaco Dipiazza per gettare ombre sull’immagine di Trieste. Si lo sappiamo che molto è dovuto alla sua scarsissima conoscenza della storia, anche recente, restando in materia odierna, ma ciò non lo esime dalla responsabilità e dai danni che provoca. Memorabile fu la sua uscita nella campagna elettorale del 2006 ad un dibattito pubblico tra i candidati sindaci al Savoia. Per difendere la sua scelta a favore del Rigassificatore a Trieste, cadendo il quarantennale della costruzione del porto petroli e vedendo in sala l’allora direttore della Siot, se ne sbottò con “Ecco in quarantanni nessun incidente è stato causato a Trieste dalla presenza dei pontili e depositi della Siot”. Fu Maurizio Fogar, tra i presenti che si guardavano basiti, a richiamarlo all’ordine ricordandogli il terribile attentato di Settembre Nero dell’agosto 1972 che distrusse quasi un terzo dei serbatoi della Siot tra Aquilinia e San Dorligo. “Esagerato e duro” ed aggiungiamo noi infame e vergognosa, è stata la scelta del Regime fascista di varare le leggi razziali che Mussolini annunciò proprio da Trieste, in piazza Unità nel 1938 e che il Re Vittorio Emanuele Terzo senza batter ciglio, ad onta imperitura dei Savoia, firmò e promulgò in un Amen. Leggi razziali che colpirono la comunità degli ebrei italiani e triestini, ma non solo. Ora che il Sindaco giudichi, da esteta e critico professionale quindi, “esagerata” la locandina che riproduce una prima pagina del Piccolo di allora, dunque né più né meno la semplice normalità quotidiana per quella testata giornalistica, una delle più asservite al Fascismo, farebbe francamente sorridere se non ci avesse aggiunto due altre affermazioni. “Lascio lo stesso che venga usato”, come fosse un monarca assoluto in vena di concessioni. E l’esortazione ad “ammorbidire i toni”. Ovvero? Qui veramente c’è qualcosa che non va. I “toni” di cosa? Ce lo può spiegare, farci una Lectio magistralis? Come ci è piaciuto assai poco la “prudenza” giustificazionista del Rabbino di Trieste nel suo commento “Dipiazza è molto disponibile, il suo sentimento è quello della partecipazione. Diciamo che spesso sono i meccanismi amministrativi e le divisioni decisionali che subentrano e creano i problemi.” https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/pcb.2291088284495460/2291088027828819/?type=3&theater https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/pcb.2291088284495460/2291088221162133/?type=3&theater



« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23 • Pagina 24 • Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 20 April, 2019 - 4:22 pm - Visitatori Totali Nr.