Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Laminatoio a caldo e “giornalismo” a freddo.
Le sorprese della censura talvolta sono anche divertenti. ..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Trieste Verde. A cosa diciamo no!
Dicemmo no alla progettata Centrale a Carbone nel Vallone di Muggia, battaglia vinta..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 24

Se questa è informazione ….

» Inviato da valmaura il 28 April, 2022 alle 12:33 pm

Circa duemila e passa muggesani, su 13000 e passa residenti, vivono, si fa per dire, in povertà assoluta o relativa, e sono dati che casomai peccano per difetto.
Ma la stampa che si monda l'anima pubblicando più o meno una volta ogni sei mesi notizia dell'ennesima statistica che da la povertà in forte crescita, assieme al lavoro “povero” e precario, non ritiene notizia interessante riferire che il Consiglio comunale ha bocciato una mozione che proponeva di intervenire concretamente sul tema. Forse, viene da ritenere, perchè presentata da Maurizio Fogar e non dall'inetta restante opposizione a guida Bussani per la cui ragione Polidori ed il centrodestra possono vivere tranquilli per alcuni lustri.
Struggente poi la mezza pagina di spottone a favore delle imprese private che gestiscono le iniziative balneari sul lungomare muggesano, ingentilita magistralmente con la suggestiva foto del sole al tramonto che i “poveri” concittadini bramano di poter ammirare mentre combattono con i morsi della fame.
Il 5 maggio si decide la sorte della più vasta area privata ad uso boschivo e pratile-agricolo esistente a Muggia, scade infatti l'asta per la vendita, ma guai parlarne sugli strumenti informativi, e tanto meno dare notizia della mozione urgente presentata in Comune sempre da quel Fogar che tenta di metterla in sicurezza a vantaggio della comunità.
Vi ripropongo uno scritto di una decina di giorni orsono, siamo fastidiosi lo sappiamo, ma esistiamo anche a cospetto della vostra disattenzione.
Le NON notizie!
ci sono alcune notizie, che indipendentemente da chi le propone e le solleva, sono notizie oserei dire importanti per la nostra comunità.
Il voto contrario che a maggioranza ha affossato un lavoro fatto con i servizi sociali di ambito rappresentato da una mia mozione che chiedeva al Comune di Muggia, ma forse pure San Dorligo-Dolina che condivide con Muggia i servizi sociali dovrebbe pensarci, di promuovere una due giorni dedicata agli Stati generali sull'emergenza povertà, è notizia di rilievo se non altro per i duemila e passa residenti che la sopportano quotidianamente?
Voto contrario giunto esattamente il giorno dopo che l'assessore regionale competente, Riccardi, sulla stampa aveva annunciato la necessità di varare un piano regionale straordinario contro la povertà.
Fa notizia l'audizione urgente, sui motivi illustrati nella mia mozione si intende, del Presidente Autorità Portuale e Coselag, Zeno D'Agostino, su questioni che non investono solo Muggia e San Dorligo-Dolina ma anche Trieste? Mozione accolta e fatta propria da Sindaco e Giunta.
E fa notizia informare, dati degli uffici comunali in risposta ad una mia interrogazione, che mai, e sottolineo mai, nei cinque anni di governo Marzi/Bussani il Comune di Muggia ha ritenuto di partecipare al Comitato di Gestione dell'Autorità Portuale, come fissato dalle norme, mentre si discuteva e decideva di AdriaPort (ex Raffineria Aquila), di logistica ferroviaria e viabilità di Aquilinia, di estesi dragaggi nel Vallone di Muggia sui 1200 ettari di fondali catalogati dal Ministero dell'Ambiente altamente inquinati, dell'utilizzo dei 45 milioni ed oltre per la messa in sicurezza della linea di costa (Aquilinia), dei lavori di bonifica e di logistica (ferroviaria e stradale) della Valle delle Noghere (altri 65 milioni del PNRR), e per finire con il Laminatoio, grazie a Putin naufragato sotto le bombe? Se vi sembra poco che il Comune di Muggia, contrariamente alla Cisint per Monfalcone, abbia scelto di non partecipare mai in cinque anni .....
Poi c'è il fatto che noi discuteremo e voteremo mercoledì 20 aprile il Bilancio triennale (2022-2024) di spesa del Comune di Muggia in cui non una parola è dedicata alla necessità, per altro mai discussa in Consiglio comunale, di raddoppiare la galleria cittadina, che poi significa decidere ex novo tutta la viabilità della città (dalla Rotatoria di ingresso, al Mandracchio, a via Roma e Lungomare). Però grazie ad una precisa domanda (guardatevi sul sito del Comune il video sulle Commissioni comunali in seduta congiunta, parte finale Assessore Steffè) sempre del consigliere Fogar è venuta fuori la clamorosa notizia che il Sindaco, all'insaputa dei consiglieri, ha presentato in Regione una richiesta di finanziamento, con documentazione progettuale di massima, per 13 milioni sui 16, ottimisticamente preventivati, e le ragioni sono sotto gli occhi di tutti (cospicuo aumento delle materie prime e dell'energia) per la realizzazione dell'opera. Per i rimanenti 3 il Sindaco, sempre e solo sulla stampa, pensa di ricavarli dalle "alienazioni" dei beni del Comune. Andate a leggervi le tre paginette in bilancio sulla consistenza di questi "gioielli di famiglia" e vedrete che nella quasi totalità si riducono a bigiotteria da fiera di San Nicolò.
Dunque un Consiglio comunale sistematicamente bypassato con il tacito consenso della cosiddetta opposizione del PD, che ha fatto naufragare la richiesta da me avanzata a fine gennaio di convocare un consiglio raccogliendo le quattro firme necessarie allo scopo (ci siamo fermati a tre) proprio sulla questione galleria di cui apprendevamo le notizie solo dalla stampa.
Infine c'è la notizia che la più vasta area verde, boschiva e pratile, in gran parte soggetta a vincolo paesaggistico, va all'asta giudiziaria (fallimento CoopSette) con scadenza alle 24 del 5 maggio.
In fretta e furia ho depositato una mozione urgente che vi ho inviato per far si che il Comune la acquisti per destinarla alla comunità ed aprire progettualità, con la Regione che i soldi per questo ne ha a iosa,.per istituire corsi di formazione, nella parte pratile-agricola, per agricoltura e pastorizia biologica rivalutando i vigneti ed oliveti presenti. Magari aprendo una collaborazione con i vicinori comuni di San Dorligo-Dolina e Trieste, e transfrontaliera con la Slovenia (fondi UE).
Dunque sono notizie queste?
Mozione Urgente.
Al Sindaco di Muggia.
Oggetto: vendita area boschiva-pratile-agricola Montedoro.
Premesso che la vasta area verde che dal lato superiore dell'ipermercato Montedoro Freetime sale fino a Montedoro, e che i 272.734 metri quadrati già di proprietà della fallita CoopSette sono in asta giudiziaria che terminerà alle ore 24 del 5 maggio p.v.
E che il Curatore ha pubblicato notizia che già una, e per ora unica, offerta è pervenuta per un importo pari ad 80mila euro al netto dell'Iva.
Considerato che l'intera area, di pertinenza integrale del Comune di Muggia, è classificata come boschiva-agricola e sottoposta a vincoli paesaggistici, salvo una modesta particella dove attualmente insistono due ruderi di edifici, e confina con il centro assegnato alla Protezione Civile.
Considerato inoltre che tale area è una, se non la più estesa, area verde-boschiva del Comune.
Tutto ciò considerato si impegna questa Amministrazione a valutare un tempestivo duplice intervento, vista pure la relativa modestia dell'importo in questione, al fine di acquisire in proprietà del Comune l'area interessata con una offerta all'asta in scadenza il 5 maggio.
A questo fine di destinare un fondo di 100mila euro nel Bilancio in discussione e votazione nella seduta del Consiglio di mercoledì 20 aprile da un lato.
E dall'altro di avviare un intervento urgente, visti i tempi di percorrenza, con la Regione FVG al fine di ottenere una copertura totale o parziale della spesa, e ragionare da subito su di un'idea progettuale di come esaltare la situazione esistente a tutto vantaggio della comunità.
Trieste, 13 aprile 2022
Maurizio Fogar, consigliere Lista civica Muggia.



Decarbonizzare? Non a Servola però. Rispunta la “nuova” Ferriera.

» Inviato da valmaura il 26 April, 2022 alle 11:14 am

Interessante leggere le due paginate del piccolo giornale di oggi: le imprecisioni non mancano anzi, ma spuntano pure le conferme di quel che temevamo, noi.
Allora, partiamo dall'inizio della storia: Arvedi fin dalle prime interviste rilasciate alla stampa, a meno che chi lavori al Piccolo non lo legga, e non lo escludiamo, ovvero nel 2014 aveva detto e neppure tanto velatamente, che la produzione a caldo pensava di chiuderla (“se la Cokeria disturba non è un problema, la chiudiamo”) a favore di altri business a partire dalla logistica portuale.
I lavori di messa in sicurezza della linea di costa antistante lo stabilimento, che poggia, è bene ribadirlo, su fanghi tossici, e che lentamente scivola in mare, assegnati ad Invitalia a partire già dal primo Accordo di Programma del 2014, con lo stanziamento di 41 milioni di euro, non sono finora stati eseguiti (otto anni di ritardo finora accumulati). E di ciò si lamentò spesso il prematuramente scomparso Francesco Rosato, l'uomo di Arvedi a Trieste.
Le conferme che arrivano sono queste: bisogna smettere, come invece fa la stampa, di definire il Laminatoio una “produzione a freddo” che in realtà è “a caldo”, ovvero come da noi sempre descritto, si basa sui forni di riscaldamento dell'acciaio che funzionano a Gas Metano (con ampia diffusione nell'aria di Anidride Carbonica, Co2), dunque altro che “decarbonizzazione".
Chi parla ora di utilizzare l'Idrogeno come combustibile al posto del Metano, o bleffa come un baro da Poker, o non sa nemmeno lontanamente di cosa parla. Ad oggi esistono solo forni promiscui, ovvero che utilizzano combustibile misto ma in queste proporzioni: Gas Metano al 90% ed Idrogeno al 10%, dunque l'impatto inquinante dell'Anidride Carbonica resta di fatto immutato.
Seconda conferma. Con grande gioia della passività dei Triestini essi si troveranno in casa proprio un impianto, ma peggiore perchè più vetusto, analogo al Laminatoio sempre a caldo contro cui Muggia è recentemente insorta. Tanto più dopo la conferma dell'installazione dei due impianti di Zincatura e soprattutto Verniciatura.
Andatevi a leggere, ma dubito che lo farete, troppa fatica, gli articoli pubblicati su queste nostre pagine sull'impatto delle emissioni inquinanti degli Ossidi di Zolfo (Acido Solforico a contatto con l'umidità dell'aria, insomma non proprio un aerosol all'eucalipto), o le schede ed i rilievi dell'Arpa sull'impianto gemello di San Giorgio di Nogaro.
Abbattimenti con la dinamite! Si continua nella disastrosa pratica degli abbattimenti che sollevano nuvoloni di polveri inquinate e cancerogene da dispensare a lavoratori e residenti, 'ndo cojo, cojo, e se i “controlli” saranno quelli fin qui messi in atto, sempre a babbo morto, dall'Arpa, nuovo o vecchio direttore, allora siamo fritti.
In conclusione: tanto di cappello ad Arvedi che i suoi interessi li ha fatti fino in fondo, d'altronde, dirà qualcuno, con questa politica e questa “informazione” ha vinto facile.



25 aprile in povertà.

» Inviato da valmaura il 26 April, 2022 alle 11:11 am

Mi vengono i brividi a pensare cosa diranno oggi i relatori vari, a partire da Dipiazza, alle “celebrazioni” del 25 aprile.
Rimane fisso in me l'ostruzionismo del centrosinistra a consegnare la medaglia del Comune, di Muggia, ai genitori di Giulio Regeni in occasione del 25 aprile, come “interpreti più coerenti dei valori che animarono la Resistenza” come ho scritto nella Deliberazione fatta propria dall'Amministrazione comunale.
L'unica nota positiva oggi viene dalla notizia del risveglio democratico e sociale, oltre che della significativa partecipazione al voto, dell'opinione pubblica Slovena che ha licenziato il Premier Jansa.
Maurizio Fogar
“Dove fonda questa gente, la pretesa di disporre così di me? Chi ha dato loro questo diritto? Forse il Cielo? No, questo è il loro mestiere, la loro piccola occupazione borghese. Li pagano per questo. Perciò conquistano titoli e rango. Non sono esposti a nessun pericolo; non hanno nessuna responsabilità”. Ernst Von Salomon, “I Proscritti”
I guai del Governo dei Migliori: la povertà aumenta più del PIL. Il rapporto.
(Stefano Marrone – true-news.it) – L’Istat ha pubblicato il rapporto Bes, Benessere equo e sostenibile. Istruzione e cultura, salute e conciliazione vita-lavoro, occupazione e aspettativa di vita: è una fotografia impietosa del malessere che regna nel paese del “Governo dei migliori”.
Malessere diffuso
Il documento, a detta dell’Istat che lo ha redatto, “è un ritratto in profondità dello stato del Paese, disegnato dalla statistica ufficiale attraverso la lente del benessere dei cittadini.
Il benessere è, o dovrebbe essere, l’obiettivo finale delle politiche. Un traguardo impegnativo, a volte arduo, soprattutto quando le circostanze sono avverse: per una pandemia devastante, per la crisi ambientale, per le minacce alla pace in Europa”.
“Il quadro è ancora adombrato dalla pandemia. Molti divari si sono mantenuti o addirittura allargati” ha commentato Gian Carlo Blangiardo, il presidente dell’Istat. “La pandemia ha comportato arretramenti nel benessere della popolazione femminile: ad esempio, nei livelli di benessere mentale e di occupazione, soprattutto per le madri con figli piccoli.
Ma sono stati anche i bambini, gli adolescenti e i giovanissimi a pagare un altissimo tributo alla pandemia e alle restrizioni imposte dalle misure di contrasto ai contagi”.
I giovani hanno pagato un tributo altissimo in questi due anni. Il Bes denuncia un peggioramento delle condizioni psicologiche degli adolescenti: 220 mila ragazzi tra i 14 e i 19 anni si dichiarano insoddisfatti della propria vita e hanno basso benessere psicologico.
In due anni sono raddoppiati, arrivando ad essere più del 6% degli adolescenti italiani.
Povertà assoluta, tra i giovani e al Sud
La crescita economica del 6,6% del Pil sull’anno precedente non basterà a ridurre la povertà assoluta, che in Italia colpisce oltre 5 milioni e mezzo di persone. Il dato sul Prodotto interno lordo – per quanto sbandierato da politici e media – non dovrebbe stupire: altro non è che un rimbalzo tecnico dopo il crollo a meno 8,9% del 2020.
La bilancia segna -2,3% rispetto all’indicatore pre-pandemico, un dato che ha notevolmente aumentato le disuguaglianze.
In situazione di indigenza vivono il 7,5% dei nuclei familiari. E’ un lieve calo rispetto al 2019-20, quando si era registrata la peggior crescita dal 2005, con oltre 1 milione di persone cadute in povertà assoluta a causa della pandemia. Ma anche quest’anno aumenta la povertà al Sud. Il Bes registra come “nel Mezzogiorno le persone povere sono in crescita di quasi 196mila unità e si confermano incidenze di povertà più elevate e in aumento, arrivando al 12,1% per gli individui”.
Lavoro povero e senza cultura
Il lavoro, rispetto al crollo del biennio pandemico, nel complesso aumenta, ma il merito è solo di quello precario. Nel 2021 sono stati creati 980 mila nuovi posti di lavoro, ma di questi solo 164mila sono a tempo indeterminato. Ultimi tra gli ultimi nel mondo dei lavoratori precari continuano a essere il 50% delle donne con figli piccoli e i Neet: lo scorso anno i giovani che non studiano e non lavorano nel nostro paese hanno raggiunto la quota record del 23,3%, due punti percentuali in più rispetto al 2020.
Chi è in fondo rimane impantanato, e rischia di venir raggiunto da chi teoricamente dovrebbe rappresentare un’eccellenza del nostro paese. I lavori culturali e creativi hanno perduto 55 mila occupati in due anni di pandemia. Un dato su cui incide come un macigno la migrazione dei giovani tra i 25 e i 39 anni con un titolo di studio: l’anno appena concluso il Mezzogiorno ha perso 21.782 giovani laureati.
Speranze ridotte
Insieme agli investimenti nel mondo culturale, rimane ridotta anche la speranza di vita. L’indicatore segna un rialzo rispetto al 2020 – da 82,1 a 82,4 anni – ma nel 2021 è rimasta inferiore agli 83,6 anni raggiunti prima della pandemia.
Il quadro di insieme è composito e ancora adombrato dalla pandemia, ma permette di dare risposte puntuali e di insieme alla domanda, semplice e al tempo stesso difficilissima: “Come va la vita in Italia, il paese del governo dei migliori?“.



Dipiazza e la “grande viabilità”, alias (super)strada.

» Inviato da valmaura il 26 April, 2022 alle 11:09 am

“Io temo che per molte città in Italia l'Europa dirà che non son state capaci di spendere i soldi. A Trieste non si corre il rischio, dice il sindaco, che cita la grande viabilità come esempio positivo di grande opera realizzata”.
Infatti i vincitori degli appalti per i primi tre lotti sono stati immersi fino al collo nelle indagini di Mani Pulite su Tangentopoli ed hanno passato diverso tempo in carcere, ed alla fine i costi a metro quadro sono stati tra i più cari al mondo.
Giusto per la capacità triestina e regionale di “saper spendere i soldi”.
Clamoroso il caso dei guardrail del tratto da Sant'Andrea a Valmaura, quelli installati risultarono fuori legge (troppo bassi: trattenevano le auto mentre per i camion ci pensavano le case sottostanti), che il giorno dopo il “taglio del nastro” inaugurale alla presenza del Presidente del Consiglio Amintore Fanfani, coevo in altezza, la (super)strada fu subito richiusa e la ditta come ulteriore premio si prese un miliardo e mezzo delle vecchie lire per sostituire il manufatto troppo basso.
Mercato Ortofrutticolo, ed Ittico.
«Dobbiamo trovare una destinazione quanto prima per gli operatori del mercato, mi sto confrontando anche con il presidente del Porto Zeno D'Agostino». Sempre DiPì.
Sono 20 anni esatti che cerca “una destinazione”! E sempre lui.
Dal libro dei sogni alla realtà.
«Superlavoro e assenze. La sanità è al collasso»
«I reparti di degenza spesso non hanno posti letto disponibili e il personale presente è sottoposto a carichi di lavoro insostenibili e, nonostante gli sforzi, insufficienti a garantire un'adeguata assistenza alle persone ricoverate. L'assenza di posti letto nei reparti ha una ricaduta sul Pronto soccorso che ha una media di 20 pazienti, a volte anche di più, in attesa di trovare un posto letto».
Così all'unisono i rappresentanti dei lavoratori della sanità.
Da notare che invece di questo enorme fiume di denaro nulla o quasi (alcune poche centinaia di migliaia di euro) viene destinato a sostegno delle persone (un quarto delle famiglie in provincia di Trieste sono considerate in povertà relativa ed assoluta) che sopravvivono a stento.
Ma questo ed altro, come le migliaia di giovani e donne vittime del lavoro “povero” e precario sponsorizzato proprio dagli enti pubblici, non entrano nel “momento magico” del Sindaco.



Vita facile per la Siot.

» Inviato da valmaura il 23 April, 2022 alle 11:28 am

Vi racconto una storia recente, i soliti semplici fatti, in modo che ognuno di voi, lettori, possa liberamente trarre le conclusioni.
Il Consiglio comunale di Muggia approva all'unanimità una Risoluzione di cui chiede sottoscrizione e condivisione ai Comuni di San Dorligo-Dolina e Trieste, per porre fine (Ministero Ambiente, ora Transizione Ecologica, Regione FVG e Autorità Portuale) urgentemente ai miasmi con cui la Siot da decenni inquina l'aria di Muggia, Dolina-San Dorligo soprattutto, e Trieste, presentata dal consigliere comunale (lista civica Muggia) Maurizio Fogar.
Orbene passati alcuni giorni, per una settimana il presentatore cerca del tutto inutilmente di contattare gli amministratori di San Dorligo-Dolina. Non rispondono.
Eppure solo a Pasquetta l'aria di Montedoro e Bagnoli era irrespirabile per il tanfo di “benzina marcia” in uscita dai tanker Siot, e allegata alla Risoluzione stava la relazione del Gruppo di lavoro tecnico promosso proprio dal Comune di San Dorligo-Dolina che nel settembre 2019 dimostrava chiaramente le responsabilità della Siot. Ma il Comune di San Dorligo-Dolina non si degna di rispondere.
Ed il brutto è che dopo la risposta indecente della Siot a quella relazione tecnica, si è limitato in questi ultimi tre anni a mettere a disposizione un Link dove i cittadini possono comunicare il loro voltastomaco quotidiano: della serie “bechi, bastonai e contenti”.
E poi frignano quando alle elezioni non va a votare più della metà dei cittadini, che “bechi e bastonai” va bene, ma anche “contenti” proprio no.




« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23 • Pagina 24 • Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Pagina 260Pagina 261Pagina 262Pagina 263Pagina 264Pagina 265Pagina 266Pagina 267Pagina 268Pagina 269Pagina 270Pagina 271Pagina 272Pagina 273Pagina 274Pagina 275Pagina 276Pagina 277Pagina 278Pagina 279Pagina 280Pagina 281Pagina 282Pagina 283Pagina 284Pagina 285Pagina 286Pagina 287Pagina 288Pagina 289Pagina 290Pagina 291Pagina 292Pagina 293Pagina 294Pagina 295Pagina 296Pagina 297Pagina 298Pagina 299Pagina 300Pagina 301Pagina 302Pagina 303Pagina 304Pagina 305Pagina 306Pagina 307Pagina 308Pagina 309Pagina 310Pagina 311Pagina 312Pagina 313Pagina 314Pagina 315Pagina 316Pagina 317Pagina 318Pagina 319Pagina 320Pagina 321Pagina 322Pagina 323Pagina 324Pagina 325Pagina 326Pagina 327Pagina 328Pagina 329Pagina 330Pagina 331Pagina 332Pagina 333Pagina 334Pagina 335Pagina 336Pagina 337Pagina 338Pagina 339Pagina 340Pagina 341Pagina 342Pagina 343Pagina 344Pagina 345Pagina 346Pagina 347Pagina 348Pagina 349Pagina 350Pagina 351Pagina 352Pagina 353Pagina 354Pagina 355Pagina 356Pagina 357Pagina 358Pagina 359Pagina 360Pagina 361Pagina 362Pagina 363Pagina 364Pagina 365Pagina 366Pagina 367Pagina 368Pagina 369Pagina 370Pagina 371Pagina 372Pagina 373Pagina 374Pagina 375Pagina 376Pagina 377Pagina 378Pagina 379Pagina 380Pagina 381Pagina 382Pagina 383Pagina 384Pagina 385Pagina 386Pagina 387Pagina 388Pagina 389Pagina 390Pagina 391Pagina 392Pagina 393Pagina 394Pagina 395Pagina 396Pagina 397Pagina 398Pagina 399Pagina 400Pagina 401Pagina 402Pagina 403Pagina 404Pagina 405Pagina 406Pagina 407Pagina 408Pagina 409Pagina 410Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 8 August, 2022 - 8:55 am - Visitatori Totali Nr.