Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Trieste. Elezioni semestrali !
Si voti ogni sei mesi in città! Visto che questo pare essere l’unico modo per spingere l’amministrazione comunale a..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Il Comune rifà i giardini in modalità elettorale.
Lo abbiamo già scritto e ripetuto che il susseguirsi di annunci da parte..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 24

Questure pret a porter?

» Inviato da valmaura il 27 June, 2020 alle 2:28 pm

C'è qualcosa che oggi mette in discussione la tradizionale funzione svolta dalle Questure, o almeno di alcune in Friuli Venezia Giulia. Ovvero c'è la netta sensazione, e forse qualcosa in più, che fa ritenere che il loro ruolo di soggetto terzo a difesa del mantenimento dell'ordine e della sicurezza per tutti i cittadini, si stia trasfigurando in quello di arbitro giocatore di parte, insomma di dodicesimo uomo in campo.
A Trieste ne abbiamo avuto una prima concreta avvisaglia con gli interventi, che giudichiamo immotivati e controproducenti se la giustificazione era quella di garantire le norme di prevenzione Covid-19, nei confronti delle poche decine di cittadini che, nel pieno rispetto di quelle norme, si erano ritrovati in Campo San Giacomo (una sessantina scarsa) ed in piazza della Borsa (sette), dunque in zone pedonali, il primo di maggio.
Fu anzi l'intervento delle forze di quello che virgolettiamo ordine, a creare assembramenti e a far venir meno la distanza sociale.
Ma anche prima lo zelo, mai va detto riscontrato in passato (bisogna risalire nei decenni ai tempi del dirigente Zappone), eccessivo nel dare corso a sgomberi con inusitato spiegamento di forze (come nei casi della ex Sacra Osteria o dell'area abbandonata a se stessa da anni e trasformata da immondezzaio a giardino in zona Urban), senza provare e trovare soluzioni “bonarie”.
E questo senza ricordare i tentativi di incontro andati a vuoto perfino nell'assenza di risposta che il Circolo Miani aveva sollecitato con la Questura, e Prefettura idem, dopo il susseguirsi di ripetuti episodi di vandalismo ed effrazione messi a segno contro la sede dell'Associazione.
Ma arriviamo al fatto del giorno.
Lunedì 8 giugno abbiamo comunicato formalmente all'Ufficio Ordine Pubblico del Gabinetto del Questore, di Trieste, che il Circolo Miani avrebbe promosso per la mattina di sabato 27 giugno in Piazza Unità una Assemblea cittadina, dunque con largo anticipo rispetto ai TRE giorni previsti per legge. Nella stessa comunicazione e nel successivo colloquio telefonico con i funzionari dell'Ufficio, ricordavamo che non ci sarebbe stata alcuna occupazione statica di suolo pubblico, ma solo l'ingresso e la presenza della vettura di proprietà del Circolo Miani che conteneva e supportava un modesto impianto di amplificazione (insomma un banale microfono e due trombe altoparlanti poste sul tetto, il tutto alimentato dalla batteria dei veicolo) per la stretta durata della manifestazione statica.
In questi anni lo avevamo fatto decine di volte (nelle foto alcuni precedenti a caso) senza inoltrare alcuna richiesta al Comune, in questo caso non necessaria. Lo sapevano in Questura e lo sapeva in particolare la Digos che in un recente passato era intervenuta con il dirigente ed i funzionari in servizio per far allontanare alcuni vigili urbani che con il loro comportamento, questo sì, rischiavano di creare tensioni e turbative all'ordine pubblico in manifestazioni che il Circolo Miani promuove a decine sul territorio da 40 anni senza mai incidenti o tensioni alcune.
Ma stavolta, ad undici giorni e passa, alle 18 e 19.30 di venerdì scorso riceviamo due telefonate dalla Questura che scopre la necessità di comunicare che dobbiamo avanzare richiesta al Comune per l'occupazione di suolo pubblico dell'auto in questione.
Sarà una coincidenza, un banalissimo caso, ma la telefonata dell'arbitro arriva esattamente 24 ore dopo che il podestà di Trieste ha espresso la sua disapprovazione verso una iniziativa che parla di Moratoria 5G, di più alberi e meno antenne, di bonifica ed ampliamento dei giardini ed aree verdi, di impedire l'abbattimento della Pineta di Cattinara: insomma di tutela della salute e qualità della vita dei triestini.
Un fatto eversivo e fonte di violenze e turbative all'ordine pubblico?
Certamente no, anzi l'esercizio elementare di un civile diritto costituzionale.
E siccome non possono inibire lo svolgimento dell'Assemblea il tentativo in atto di renderla muta è lapalissiano. Senza un microfono è difficile parlare e soprattutto ascoltare. E costringe i partecipanti, che vogliamo immaginare in numero considerevole a mandare a gambe all'aria ogni rispetto delle norme di distanziamento sociale, esattamente come avvenuto nelle due iniziative analoghe svoltesi nella giornata di ieri proprio in piazza Unità.
Comunicare come ha fatto la Questura, in contrasto con tutti i nostri precedenti, ad una settimana dallo svolgimento e dopo undici giorni dalla comunicazione, ben sapendo, si spera, che il Regolamento comunale prevede l'inoltro della domanda di “occupazione suolo pubblico”, anche se per un massimo di due ore e con una struttura mobile (un'auto), “trenta giorni prima” e che per l'area cittadina compresa tra la fontana di Piazza della Borsa e l'intera Piazza Unità, tale richiesta deve passare necessariamente per una delibera della Giunta comunale, con i conseguenti tempi, è un modo nemmeno troppo elegante per minare lo svolgimento dell'iniziativa.
In particolare una Assemblea dove si parla, ascolta e discute, sempre che ci si riesca.
I fatti si commentano da soli e non ci sarebbe altro da aggiungere se non una domanda.
Anche per la manifestazione sul Porto di due sabati fa, che ha visto la costruzione e l'occupazione di un palco per concerti con tempi molto ma molto più lunghi tra montaggio e smontaggio, e che è stata decisa 4 (QUATTRO) giorni prima, la Questura, con la Digos, e la Prefettura che ce l'aveva sotto casa, hanno seguito lo stesso iter?
O forse la presenza del podestà la rendeva “supra legem”? Basta che ce lo dicano così organizziamo una rapina per finanziare le esauste casse del Circolo e ci portiamo dietro l'inconsapevole sindaco come garanzia liberatoria.
O forse forse si stanno usando pesi e misure diverse?
Insomma più che a garantire il sereno e tranquillo svolgimento dell'iniziativa, nel rispetto delle norme antiCovid, l'arbitro sta indossando maglietta e calzoncini per fare il dodicesimo uomo in campo?
Basta a saperlo, con buona pace della credibilità della Questura.
La verità è che questa politica che si diletta sugli “house organ” di Totòsindaci ha una fifa matta dei cittadini quando affrontano la realtà dei problemi di Trieste e mettono a nudo le loro impudiche, ed esteticamente sgradevoli, nudità quanto nullità.
E sabato 27 giugno alle ore 10.30 in Piazza Unità lato Municipio (Moratoria 5G Comune Trieste e provincia; più Alberi e meno Antenne; bonifica e crescita Giardini ed aree verdi; salviamo la Pineta di Cattinara) più siamo e meglio stiamo, alla faccia di chi non ama Trieste e di chi tifa per loro.



La vergogna del silenzio !

» Inviato da valmaura il 26 June, 2020 alle 11:29 am

Assemblea cittadina.
Piazza Unità domani, sabato 27 giugno alle 10.30
Moratoria 5G Comune di Trieste e provincia

Attendere ora per non piangere poi !
Più alberi e meno antenne
Salviamo la Pineta di Cattinara !
Piano regolatore comunale per ripetitori ed antenne
Lontano da scuole, ospedali, zone densamente abitate !
Bonificare e rigenerare giardini ed aree verdi
Per il benessere della comunità e contro l’emergenza climatica !
Tuteliamo la nostra salute ed il nostro futuro.
Si invita a condividere e diffondere l’invito.

Ora è chiaro a tutti quale sporca partita stiano giocando “giornalismo”e politica, con il suo codazzo di pseudointellettuali e clienti: nessuna notizia sull’evento di domani, sabato in Piazza Unità.
A questi figuri dei problemi veri, della nostra qualità della vita e salute, della tutela del nostro futuro non interessa nulla.
Sono pronti a farne “carne di porco”, ci scuserà l’amico suino, pur di difendere affari ed interessi di bottega sulla pelle dei triestini.
E quando il “padrone” chiama i servi obbediscono. Servi sciocchi ed autolesionisti perché anche loro rischiano salute e vita, ma doppiamente responsabili perché scaricano su tutta la comunità il prezzo della loro ignavia.
Ora non ci sono alibi neppure per i più scettici o prudenti.
Ora tocca ai cittadini far sentire alta e forte la loro volontà.
La dignità come la salute non ha prezzo. E lo vedremo domani.



Trieste. I Totosindaci sul nulla

» Inviato da valmaura il 25 June, 2020 alle 11:28 am

Come sempre il piccolo giornale e le televisioni locali danno il via alla campagna detta del Toto sindaco, a cui meglio si attaglierebbe la “ò” accentata dell’immenso Antonio De Curtis in arte Totò.
Come sempre si parla dei soliti più o meno noti a questo mondo servile dell’informazione a cui questa si genuflette abitualmente. E come sempre il perimetro è riservato ai partiti e ad una “società civile” considerata solo per ricchezza e servilis
mo intellettuale.
Dunque nulla di nuovo, e se i nomi anticipati da anni sono questi, la gara si presenta sotto il motto “vinca il peggiore”, e sempre meno triestini, che già detengono da un ventennio il record del non voto, saranno invogliati a recarsi ai seggi nel maggio 2021 (si voterà per i Comuni di Trieste e Muggia).
Il “nulla” di cui parliamo nel titolo è ancora poco rispetto ai silenzi, le incapacità, il distacco totale dai veri problemi del nostro territorio palesati da tutta la politica (maggioranza ed opposizioni) in questi ultimi anni.
Raramente abbiamo visto un personale politico così dequalificato e squalificante.
Ovviamente sui temi di maggior interesse e coinvolgimento dei triestini questi signori non hanno aperto bocca in questi mesi: ultimo lampante esempio né è la questione del 5G, della mattanza degli alberi, di “antenna selvaggia” e del completo degrado in cui versano giardini ed aree verdi di Trieste, di cui la incredibile questione della permanente chiusura dei campi giochi per i bambini è solo un effetto collaterale. Aprono tutto, la movida è un carnaio umano ma i bambini, che sono i meno esposti al contagio, non possono tornare a giocare. Quale sia la ratio di certe scelte è cosa che solo i medici psichiatri possono capire e curare.
Per non parlare poi dello stato comatoso delle strutture ospedaliere e territoriali della Sanità giuliana, e dello scandalo del contagio nelle Residenze “protette”, che tragica ironia in quel nome, e nelle RSA proprio comunali e paraprivate, di cui la farsa della nave Lazzaretto ne rimane emblema.
I decessi ed i contagi a Trieste hanno avuto l’epicentro proprio in queste che invece dovevano essere luoghi di sicurezza e cura, e nonostante l’impegno ed il sacrificio professionale di chi ci lavora e che ne ha pagato un alto prezzo.
Ma dalla Piscina Terapeutica alla Caserma di Roiano, dal Tram di Opicina a quel Circo Barnum del Porto Vecchio, l’elenco degli scandali è lunghissimo e siccome ne abbiamo puntualmente scritto in passato non vogliamo qui annoiarvi oltre. Anche perché a noi interessa risolvere i problemi e non farne bandiera di desolanti campagne elettorali.



Assemblea cittadina: piazza Unità 27 giugno alle 10.30

» Inviato da valmaura il 24 June, 2020 alle 1:01 pm

Moratoria 5G Comune di Trieste e provincia
Attendere ora per non piangere poi !
Più alberi e meno antenne

Salviamo la Pineta di Cattinara !
Piano regolatore comunale per ripetitori ed antenne
Lontano da scuole, ospedali, zone densamente abitate !
Bonificare e rigenerare giardini ed aree verdi
Per il benessere della comunità e contro l’emergenza climatica !
Tuteliamo la nostra salute ed il nostro futuro.
Si invita a condividere e diffondere l’invito.




Trieste e i triestini. “Siamo uomini o caporali?”

» Inviato da valmaura il 23 June, 2020 alle 2:14 pm

Il piccolo giornale dà involontaria testimonianza del perché la città sia ridotta in queste condizioni e di quanta responsabilità porti in questo degrado chi detiene il monopolio della disinformazione.
Partiamo dall’articoletto dedicato al taglio della Pineta di Cattinara, che tra l’altro utilizza una foto da noi pubblicata una settimana fa: si parla della protesta dei residenti contro il previsto scempio, che, secca ripeterci, abbiamo sollevato per primi grazie alla collaborazione di alcuni lettori, e delle loro telefonate al podestà per evitare la scomparsa del bosco di conifere.
Esemplare di come si disamministra Trieste è la non risposta di Dipiazza, insomma come buttare la palla in tribuna, che assicura che “si informerà”.
Avete capito bene?
Il primo cittadino deve appena informarsi su quello che è il principale cantiere, ed il più importante visto che riguarda la salute dei cittadini, di Trieste: il rifacimento dell’ospedale di Cattinara e lo sventurato trasferimento di quello pediatrico. Ma bisogna capirlo, era troppo assorbito dal progetto della Ovovia.
Poi ai residenti diciamo francamente: volete essere cittadini o questuanti?
Se volete essere padroni delle scelte che riguardano la terra dove vivete allora andare “con il piattino in mano” a supplicare non è proprio la strada giusta. Abbiamo anche su questo (fermare le mattanze degli alberi e piantarne di nuovi, bonificare e tutelare giardini ed aree verdi) promosso proprio un’Assemblea cittadina sabato 27 giugno a partire dalle ore 10.30 in Piazza Unità e proprio davanti al Municipio.
Poi certo ognuno è libero di fare le sue scelte.
E veniamo al Parco del Mare, la Ciofeca di Trieste, nell’articolo dove il Presidente della Camera di Commercio ed altre cose conferma che gli otto e passa milioni versati dagli associati, che oggi non sanno se arriveranno a domani, “non si toccano” e che il Parco si farà costi quel che costi, sfugge la cosa più importante. Ovvero che quest’uomo al quale nessuno sano di mente affiderebbe la gestione anche solo di un condominio sia da un ventennio presidente appunto della Camera di Commercio, ecc. ecc.
Questo “sughero” galleggiante tra le sponde della politica locale che elogiava l’apertura degli ipermercati in centro città salvo poi dieci anni dopo frignare che erano causa della crisi del commercio locale, ma vedi un po’, è la perfetta fotografia del declino della città.
Un po’ come il piccolo giornale che attribuisce ad una pletora di sigle para ambientaliste e para partitiche, che assieme non rappresentano nemmeno i loro parenti stretti, il merito di aver lanciato la proposta di utilizzare questi milioni per aiutare commercianti ed esercenti in crisi Covid-19, subito spalleggiati da PD e cespugli, di cui sono tradizionalmente i fiancheggiatori.
Il “merito” di aver copiato e plagiato quanto da noi scritto più volte su queste pagine un mesetto prima, si doveva correttamente riportare.
Ma siglette e partiti sanno benissimo che noi siamo censurati ed oscurati da 20 anni da questo simulacro di informazione che sventuratamente Trieste deve subire, e pertanto possono tranquillamente approfittarne facendosi belli con il “culo” degli altri.
Sono i “democratici” in salsa fancazzista, gli intellettuali un tanto al chilo, ma a noi va bene così: ci ostiniamo a preferire intelligenza e dignità.




« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23 • Pagina 24 • Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Pagina 260Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 27 October, 2020 - 12:26 pm - Visitatori Totali Nr.