Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Ben svegliato fiorellino. (dal film Sister Act)
Ci riferiscono che il consigliere comunale (da 9 anni) Paolo Menis avrebbe presentato una mozione-richiesta sulla Pineta di Cattinara, ovviamente respinta.Noi gli presentiamo invece solo una semplice domanda: durante i nove anni passati quasi tutti da Capogruppo in..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Ferriera. Tre tromboni e due pifferi.
Ci hanno messo 22 anni per varare una soluzione che dal 2000 il Circolo Miani e Servola Respira avevano indicato, utilizzando allora i Fondi Europei disponibili per la bisogna e senza spendere una lira (si allora quella era la..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 23

C'è perizia e perizia. Parte seconda.

» Inviato da valmaura il 5 March, 2020 alle 2:22 pm

Alberi da abbattere a San Giusto. (articolo del 16 gennaio)


“Ci siamo andati a leggere le schede “peritali” corredate di una foto che giustificherebbero la decisione di abbattere i 18 alberi.

Interessanti nevvero.

Cominciamo: tutte le piante sono dichiarate VIVE.

Dodici hanno una età stimata di 72 anni, tre di 62, e tre di 42 anni.

Quattordici sono Cedri: 3 dell'Atlante e 11 dell'Himalaya.

Quattro sono Cipressi: 2 dell'Arizona e 2 Comuni.

In sette schede non c'è l'analisi dello stato della pianta (Indice Salute) che motiva la decisione di abbatterla. Mentre nelle altre undici compare la sola parola “deperito”.

Non credo abbisognino di molti commenti. Ci si permetta solo una considerazione: non ci sarà agronomo o botanico al mondo, che non abbia comperato la laurea in qualche università ciofeca, che non sosterrà che il primo obbligo nei confronti di un albero giudicato sbrigativamente “deperito”, e senza specifica di presenza di eventuali malattie come in questi casi, è quello di intervenire non con l'abbattimento ma con una opportuna cura o manutenzione di sostegno.

Una sola battuta. Pensate un po' se lo stesso metro di giudizio fosse parimenti riservato alle persone giudicate dai medici “deperite”. Per una anemia si finisce a prendere il piombo di un plotone di esecuzione. Ottima cura !”

Perchè riproponiamo questo spezzone del precedente articolo?

Perchè alcuni commenti di “esperti” ci hanno rimbrottato che il parere di un docente universitario in “ecologia vegetale”, è per di più dato basandosi sulle foto dei ceppi di nove Cedri recentemente abbattuti, equivale di fatto ad aria fritta.

Non sappiamo quale olio, se di semi o d'oliva, hanno usato i “periti” del Comune per compilare la “accuratissime” schede che decretano ora il fine vita di ulteriori18 alberi a San Giusto. E su questo desidereremmo sentire gli autorevoli pareri dei suddetti commentatori.

Detto ciò vi informiamo che da oggi abbiamo deciso di cambiare il Logo della Pagina Circolo Miani, da No Ferriera a Trieste Verde. Le ragioni sono palesemente evidenti.

Alcune notiziole ancora. L'articolo “C'è perizia e perizia” ha avuto fino ad ora su questa pagina 28mila lettori e oltre 800 “mi piace” diretti o indiretti, con oltre 200 condivisioni e altre migliaia di lettori sulle pagine condivise, con più di 200 commenti.

Domani pubblicheremo il bilancio numerico di questa pagina nell'ultima settimana: sono i dati comunicati da Facebook, e che come abbiamo sperimentato in passato sono sempre per difetto.

https://www.facebook.com/circolomiani/photos/pcb.2716255161978768/2716260928644858/?type=3&theater





Trieste. Cambiare rotta !

» Inviato da valmaura il 3 March, 2020 alle 4:09 pm

Dagli alberi abbattuti al degrado del nostro territorio.

La mattanza degli alberi, che va detto non è patrimonio esclusivo di questa amministrazione comunale, assieme al mortificante degrado ed abbandono a cui sono lasciati i giardini, inquinati e non, e le aree verdi, abbinati alla sostanziale disapplicazione del Regolamento sul Verde (pubblico e privato) che il Comune pur si è dato, non sono che uno dei tanti aspetti del malgoverno locale.
Ed aiut
a a capire come di fatto il Circolo Miani sia rimasta una delle pochissime opposizioni oggi presenti a Trieste.
Infatti le forze politiche che sui banchi del Consiglio comunale e regionale siedono appunto all'opposizione hanno rinunciato da tempo a svolgere il ruolo che i cittadini-elettori hanno loro affidato. E siamo certi di interpretare pure il pensiero di molti tra coloro che hanno invece votato per queste maggioranze, ma che non approvano e condividono per “partito preso” l'attuale loro operare.
Il caso degli alberi abbattuti a decine al colpo ne è esempio lampante: non una voce si è levata dall'intero asfittico mondo della politica nostrana, da una informazione scritta e televisiva totalmente asservita a questo mondo.
Idem dicansi per il crescente degrado del nostro territorio di cui le onnipresenti transenne e tubi innocenti, per lavori manutentivi fermi da anni, sono sparsi per ogni dove in città.
Per non parlare poi degli spazi: interi edifici, come ad esempio Villa Haggiconsta a cui si è aggiunta dal 2017 l'ex caserma di Roiano, case, impianti industriali e commerciali dismessi e lasciati deperire nell'incuria più totale. Ma forse la vicenda più emblematica e recente è quella del crollo, seppur annunciato tre anni prima, della copertura della “nuova” piscina terapeutica.
Certo i nostri articoli e le nostre pagine su Facebook raccolgono decine di migliaia di lettori, migliaia di “mi piace” e condivisioni, commenti infuocati contro questo andazzo, ma non è sufficiente.
Se come Circolo Miani informare i cittadini è da sempre uno dei compiti che ci siamo dati, ciò non è purtroppo bastevole a risolvere i problemi, a partire da quello emergenziale di fermare gli abbattimenti dei nostri alberi o le potature selvagge.
Dobbiamo rimboccarci le maniche, e subito, che piangere sul ceppo morto serve poco o nulla.
Noi ci stiamo organizzando e qualcosa abbiamo già fatto, e voi?




Il cittadino (che paga) domanda.

» Inviato da valmaura il 29 February, 2020 alle 2:33 pm

Sempre che qualcuno risponda tra magistratura ordinaria e amministrativa.

Per quella superflua Rotatoria, nonchè fonte costante di pericoli per la circolazione stradale, di viale Miramare (era sufficiente aprire una corsia di ingresso al Porto Vecchio per chi arriva da Barcola ed utilizzare entrata ed uscita di Largo Santos per chi ci entra da Trieste), il cui costo, pagato dai cittadini al momento è di 450.000 Euro, pressappoco un miliardino delle vecchie Lire, immaginiamo che ci sia stata una gara d’appalto per l’assegnazione dei lavori ad una Ditta.
Immaginiamo pure, nei paesi civili si usa così: lo impone la legge, che chi si è aggiudicato i lavori ha fissato data di inizio Cantiere e data fine lavori e consegna manufatto.
Immaginiamo pure che tutto questo, ed altro ancora, sia scritto nel cartello obbligatorio, sempre per fastidiosa legge, esposto all’esterno del cantiere e VISIBILE a tutti.
Ed osiamo immaginare che il mancato rispetto della data di consegna del manufatto, in questo caso una Rotatoria, sia punito con una adeguata penale giornaliera alla ditta incaricata dei lavori.
Così come immaginiamo che sia il Comune assegnatario che la ditta sapessero benissimo in partenza che questi venivano eseguiti in autunno-inverno, stagione talvolta inclemente.
Ora il cittadino viene informato che il Comune ha deciso di concedere una proroga di trenta giorni alla ditta (dunque senza esigere eventuali penali) per ultimare i lavori perché, a leggere il piccolo giornale: “Ci vuole ancora un po’ di tempo per terminare … Nei mesi scorsi c’è stato un piccolo rallentamento del cantiere dovuto al maltempo, viste le tante giornate di pioggia registrate.” Come da Ordinanza pubblicata all’Albo Pretorio a firma direttore Giulio Bernetti che prolunga i tempi (di consegna?) al 21 marzo, dunque di un mese.
Abbiamo capito bene?
Nell’autunno-inverno più caldo e soleggiato da quando esistono le statistiche metereologiche, con temperature primaverili, ed un febbraio da tintarella, si tira fuori una scusante per “maltempo, viste le tante giornate di pioggia registrate”. Si, forse ai Tropici ed in Indonesia.
E non per erigere uno seconda Torre Eiffel ma una banale, piatta rotatoria.
Le opposizioni, in Comune e Regione? Mai pervenute!
La grande, e grave, anomalia tutta triestina è che purtroppo non esiste, o quasi, una magistratura di controllo in questa città. E così oltre a pagare un’opera non gradita e probabilmente non utile, ci dobbiamo anche far prendere per i fondelli.




Alberi abbattuti. C’è perizia e perizia.

» Inviato da valmaura il 28 February, 2020 alle 3:19 pm

L’avvocato Alessandra Devetag che collabora attivamente con il Circolo Miani in questa iniziativa ci ha inviato il parere tecnico richiesto (tramite esame fotografico) sui ceppi dei nove alberi tagliati, Cedri, recentemente dal Comune in via Biasoletto (il decimo superstite lo vedete nella foto sotto, dopo il nostro intervento) perché “a forte rischio schianto” o “deperiti”.
Lo riportiamo integralmente:
“ Le sezioni della foto non sono di alberi ammalati. La parte centrale più scura si chiama duramen e la periferia chiara alburno. Il duramen diviene scuro grazie a sostanze tanniche che si depositano (tille) nei vasi centrali più vecchi quando smettono di condurre la linfa. Queste sostanze hanno anche azione antibiotica e impediscono l'insorgere di patologie microbiche e fungine all'interno dei vasi vuoti. Il duramen più resistente è quello dell'ebano che noi conosciamo per il suo colore molto scuro. La presenza di un tessuto molto duro interno che non ospita microorganismi è una garanzia che impedisce il crollo di alberi molto vecchi.”
Il parere è del prof.M.C. del Dipartimento Scienze della Vita dell’Università di Trieste, ricercatore universitario in ecologia vegetale.
Domande o commenti?
Le risposte noi cerchiamo di darle ma ci riusciremmo meglio con una maggiore partecipazione dei cittadini.

https://www.facebook.com/circolomiani/photos/a.1497907753813521/2710848372519447/?type=3&theater





ComuneVirus.

» Inviato da valmaura il 26 February, 2020 alle 11:54 am

Ancora senza esito la ricerca del “paziente Zero”

Prosegue a singhiozzo la ricerca dell'untore portatore del ComuneVirus, una forma di sfiga non curabile, che da anni ha falcidiato inesorabilmente Trieste.

I più noti esperti: tra maghi, rabdomanti, esorcisti hanno un'unica certezza. Esso alberga, cresce, si diffonde nell'area circoscritta di Palazzo Cheba, ovvero tra i 41 consiglieri comunali (40 più il Podestà) ed i 10 assessori.

Dalle analisi fatte nel tentativo, per altro assai vano, di individuare un rimedio, un decotto, una purga che lo scacci, è risultato che esso è letale per gli alberi, i giardini, le piscine terapeutiche, le scovazze, le ex caserme ed i mercati. Inutile poi ricorrere agli ospedali che sono le prime vittime di questa pandemia.

Dunque peggio del tanto chiacchierato Coronavirus il ComuneVirus imperversa da anni nel capoluogo regionale senza che stampa e televisioni ne parlino e senza che misura alcuna sia presa per contenerlo e debellarlo. D'altronde ha terreno fertile perchè, secondo gli aruspici, pare sia una modificazione genetica del CabasisiVirus che da decenni alberga in forma endemica nella Gens Julia, e senza distinzione di parte.

Alcune immagini tremende delle vittime, vietatele ai minori.

Visibili, con le dovute cautele,sulla pagina Facebook Circolo Miani.





« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22 • Pagina 23 • Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 11 July, 2020 - 12:25 pm - Visitatori Totali Nr.