Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Lazzaro è ri-risorto !
Oggi compare dopo anni di silenzi il “consulente del Comune e del podestà Dipiazza” tale prof. Barbieri, ricercatore universitario, dalle pluriconsulenze (Regione, Arpa, di cui è uno dei cinque direttori scientifici, e Comune, prima con Cosolini e poi..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

La legge non è uguale per tutti. Proprio no !
Ed i politici sono i meno uguali di tutti, assieme ad (im)prenditori, finanzieri e "colletti bianchi". 1920 ore dietro alle sbarre per un panino. Febbraio 2011, un 70enne entra in un supermercato e infila un panino e..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 23

Come va?

» Inviato da valmaura il 21 March, 2019 alle 12:46 pm

Noi il nostro, ovvero cercare di offrire praticamente ogni giorno un'informazione che non trovate da altre parti e ricordare il passato recente, lo facciamo, o meglio cerchiamo di farlo, quotidianamente.

E se pensate che sia cosa facile e leggera, a partire dalla ricerca del materiale, di foto, vignette e video, oltre a scrivere l'articolo, provate a vedere quanti ne trovate, sui “social” a partire da questo, che lo facciano agratis.

Vi basti solo pensare che un “giornalista” regolarmente assunto lavora di meno e soprattutto ci guadagna, e non poco!

Vi abbiamo detto e ridetto fino alla noia, vostra che leggete e nostra che lo scriviamo, che riteniamo fondamentale, specialmente in una città come Trieste dove il resto della “informazione” scritta e televisiva canta nel coro, riuscire ad allargare “l'offerta” informativa nell'unica finestra di cui disponiamo, e nonostante i dispetti di Facebook.

Non prendetelo ovviamente come un rimprovero ma pensate se invece di 4200 persone a seguire le nostre pagine ci fossero dieci volte di più. Soprattutto se considerate che il piccolo giornale ha toccato il fondo nella vendita di copie, la Rai in Regione è un servizio pubblico (cioè pagato da noi) dei partiti, e a TeleCamberquattro basta il nome.

Insomma abbiamo la presunzione di ritenere che come noi perdiamo mezza giornata (sabato, domeniche e festività comprese) a pubblicare le notizie che a torto o ragione riteniamo importanti, così vogliamo sperare che voi possiate perdere mezzoretta al mese nell'invitare i vostri amici, conoscenti e parenti, a mettere il loro “Mi Piace” a queste nostre Pagine a partire da quella del Circolo Miani.

Non sapete la rabbia e lo scoramento che ci assale quando scorrendo la lista delle centinaia e centinaia di persone che mettono il loro “mi piace” ai singoli articoli vediamo che la metà di questi non ha mai accettato il nostro invito a mettere il loro “Mi Piace” alla nostra Pagina e magari a cliccare pure sul tasto “segui”.

Non aspettatevi di trovare sempre e comunque opinioni politiche vicine alle vostre preferenze. Aspettatevi invece di trovare equanimamente critiche, osservazioni e suggerimenti a tutti: noi non abbiamo altra “parte” che il bene della nostra comunità. Per fare i “coristi” ci sono già tanti che a Trieste non avete che l'imbarazzo della scelta.

Collaborare a questo sforzo di aumentare la “tiratura” e la diffusione delle nostre notizie è già un piccolo, modesto, ma importante (i numeri contano, eccome) contributo alla battaglia per fornire alla città una informazione migliore e soprattutto utile.

E, se ci consentite, a gratificare moralmente il nostro impegno.

Si avvicina la data delle dichiarazioni dei redditi, di qualunque forma e tipo siano (anche le precompilate) esse contengono una parte per la destinazione del 5 X 1000 alle associazioni di volontariato come il Circolo Miani. Basta scrivere nell'apposito spazio il Codice Fiscale del Circolo 90012740321 e firmare. A voi non costa nulla e per noi significa tanto.

Aiutateci ad Aiutarvi!




Tassa scovaze e Porto. Sindaco non ci siamo!

» Inviato da valmaura il 20 March, 2019 alle 11:27 am

Partiamo dal secondo, ovvero il Porto. Dopo essersi fatto fotografare in formato “maxi” sul piccolo giornale mentre dinanzi una mappa illustrava a braccio faraonici progetti ai suoi ospiti “cinesi”, ora bassissimo profilo, praticamente muto come un pesce, lasciando il Presidente dell’Autorità Portuale a sbrigarsela da solo contro chi fa di tutto, strumentalizzando la sindrome cinese, per tarpare le ali al futuro di Trieste.
Non ci serve proprio un sindaco così, che tra l’altro ha di fatto perso l’ennesima causa al Tar contro Arvedi, e quella Ferriera che lui giurava con l’inchiostro avrebbe avviato a chiusura nei suoi “primi”, vabbè erano primi per la terza volta, “100 giorni”.
E magari poi a “memorandum” italo cinese firmato si pavoneggerà come il novello Mao domacio.
Ed eccoci al classico aumento della tassa sulle scovaze (sotto riportiamo il nostro articolo dell’altro giorno: profeticamente facile conoscendo lui e la sua Giunta).
Almeno avesse la dignità di dire ai triestini poche parole, tipo: guardate ci sono tanti, troppi concittadini in povertà, gli ospedali ed i servizi sanitari sono in piena emergenza ed allora occorre che tutti facciano un piccolo sacrificio in più. Mi impegno a destinare ogni quattrino del Comune a queste emergenze e chiedo il vostro aiuto. Ecco basterebbe questo e siamo convinti la città capirebbe.
Ma lui non ne è capace. Tutto qua.
Una volta tra Cosolini e Dipiazza la differenza era nel peso corporeo, ora neppure più in quello.

Rifiuti. Più “differenzi” e più paghi?
C’è qualcosa che non va e non convince.

Agli albori della prima raccolta differenziata dei rifiuti, a Trieste “scovaze”, il Comune pubblicizzava che separare carta, vetro, plastica, lattine avrebbe portato un guadagno (i contenuti di campane e bottini vari vengono venduti alle aziende di riciclaggio) e ad una conseguente riduzione dei costi sostenuti dal Comune stesso e dalla sua municipalizzata (Acegas). Il rimanente veniva “bruciato” nell’inceneritore, costruito e pagato sempre con i soldi di noi cittadini. Oggi quest’ultimo è una attiva fonte di guadagno proprio per la ex municipalizzata che brucia con le linee 2 e 3 (che inizialmente dovevano servire solo per il fermo manutenzione della prima) rifiuti provenienti dalla Regione, dall’Italia ed anche da fuori. Con conseguenti lauti guadagni per i “conferimenti” e conseguenti lauti disagi per l’arrivo ed il passaggio dei Tir che le trasportano da fuori.
Oggi che hanno perfezionato quasi al massimo la raccolta differenziata, il Comune di Trieste si appresta a fissare nuove e più care tariffe (tasse) per i triestini.
No, c’è qualcosa che non va. Con l’aumento della differenziata, ed il conseguente lavoro che i cittadini fanno nel dividere e trasportare ai contenitori le domace scovaze, con il seguente aumento dei ricavi della loro vendita, e con gli utili derivanti dall’inceneritore, avrebbe dovuto corrispondere una forte riduzione della tassa sui rifiuti. Che invece viene aumentata.
Decisamente non capiamo. O siamo amministrati (indipendentemente dal colore politico) da degli incapaci a cui non andrebbe affidata nemmeno la custodia di un salvadanaio di un bimbo, o cosa.
Ce lo spieghino, e velocemente. Perché “bechi e bastonai” passi ma “contenti” proprio no.”




Il Porto cinese.

» Inviato da valmaura il 18 March, 2019 alle 2:52 pm

E già che ci siamo: Il Castello di Miramare la nuova “città proibita” dell'ultimo Imperatore.

Veramente stucchevole la sceneggiata scatenatasi in un bicchier d'acqua sulla Cina “comunistaccia” che si compra l'Italia a partire dal Porto di Trieste. Ma dà la misura della statura dei politici italiani, e spesso anche dei nostri confindustriali d'accatto: i più “comunisti” al mondo, che Stalin al confronto era una mammoletta, specializzati nel campare a spese dello Stato, a prendere soldi pubblici e, senza pagare dazio alcuno, filarsene a fare affari e metter su casa e bottega nel Terzo Mondo.
Ora che l'esausto Zeno D'Agostino, che non è una vergine vestale politicamente parlando, si sia sgolato da tempo a dire e ribadire che chiunque venga ad investire nel Porto di Trieste-Monfalcone che lui guida, dovrà rispettare due semplici quanto ovvi vincoli universalmente riconosciuti: ovvero operare secondo le leggi della Repubblica Italiana, dunque anche quelle di una Europa distratta quanto astratta, ed avvalersi di manodopera locale alle condizioni contrattuali vigenti a Trieste e non a Pechino, Budapest, Seul, Istanbul ed avanti con la geografia, serve a poco o nulla.
E possiamo dirla francamente tutta?
Ci avete rotto i cabasisi, Montalbanamente parlando, e state giocando con l'unico futuro certo di Trieste, con la vita prossima ventura dei triestini, per difendere le vostre rendite di posizione, i vostri orticelli elettorali, vecchi e nuovi.
Non sarà mica che ai colossi economici che si stanno affacciando in città non riuscite a chiedere tangentine un tanto al metro quadro? Che vi distruggerebbero con un ruttino da brioche.
Continuate a giocherellarvi con gli “spezzatini” in Porto Vecchio che di questo passo sembra più una Gardaland di Riccione, al pari del fantasmagorico Parco del mare, che forse avrete maggior fortuna nel raccattare qualche “cadeau”.

https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521/2417258805211740/?type=3&theater




Trieste ed i “gretini”.

» Inviato da valmaura il 17 March, 2019 alle 12:14 pm

Successo della manifestazione di venerdì 15 in piazza Unità.
Circa duemila i presenti, per oltre tre quarti giovani e studenti.

Ho aderito, ed invitato a partecipare gli amici del Circolo Miani e le non poche persone che ci seguono, perchè mi sembrava che la manifestazione rappresentasse una ventata nuova che partendo dall'emergenza ambiente fosse capace di dare una scossa a questa società (italiana, europea, mondiale) imperniata sull'intreccio perverso tra affari e politica.
Questa iniziativa, mi auguro, a questo miri: ovvero a suscitare un movimento capace di lottare e cambiare TUTTO, mandando rudemente quanto rapidamente a casa chi ha la responsabilità di averci portato quasi alla fine del Mondo.
Ho avuto modo di vedere, con facce interdette ed espressioni confuse, più idonee ad un funerale di terza classe, girovagare alcuni esponenti del PD ed un consigliere dei 5 Stelle, come se i manifestanti parlassero in aramaico e loro si chiedessero che cosa erano venuti a fare lì.
Tra di loro anche qualche residuato dell'inane “ambientalismo” nostrano, di sigle monocellulari che non rappresentano nemmeno i parenti, e che da sempre sono legate a doppia mandata al mondo di questa politica, a questi partiti (non importa se di destra o sinistra o “nuovi”) che ci hanno portato al punto di non ritorno.
Questi signori hanno le idee chiarissime, tipo il Zingaretti che dedica la sua vittoria alle primarie Piddine alla svedese Greta Thunberg e poi come primo gesto della sua segreteria corre da Chiamparino in Piemonte ad appoggiare il si TAV. Come secondo atto “innovatore” nomina tesoriere del PD l'ultrasettantenne Zanda, in politica da sempre, con l'obbiettivo di riottenere il finanziamento pubblico dei partiti.
Ecco. Condoglianze vivissime: questi sono morti prima di (ri)nascere.
Arridatece il Commissario Montalbano!

https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521/2416577468613207/?type=3&theater




Rifiuti. Più “differenzi” e più paghi? C’è qualcosa che non va e non convince.

» Inviato da valmaura il 16 March, 2019 alle 12:17 pm

Agli albori della prima raccolta differenziata dei rifiuti, a Trieste “scovaze”, il Comune pubblicizzava che separare carta, vetro, plastica, lattine avrebbe portato un guadagno (i contenuti di campane e bottini vari vengono venduti alle aziende di riciclaggio) e ad una conseguente riduzione dei costi sostenuti dal Comune stesso e dalla sua municipalizzata (Acegas). Il rimanente veniva “bruciato” nell’inceneritore, costruito e pagato sempre con i soldi di noi cittadini. Oggi quest’ultimo è una attiva fonte di guadagno proprio per la ex municipalizzata che brucia con le linee 2 e 3 (che inizialmente dovevano servire solo per il fermo manutenzione della prima) rifiuti provenienti dalla Regione, dall’Italia ed anche da fuori. Con conseguenti lauti guadagni per i “conferimenti” e conseguenti lauti disagi per l’arrivo ed il passaggio dei Tir che le trasportano da fuori.
Oggi che hanno perfezionato quasi al massimo la raccolta differenziata, il Comune di Trieste si appresta a fissare nuove e più care tariffe (tasse) per i triestini.
No, c’è qualcosa che non va. Con l’aumento della differenziata, ed il conseguente lavoro che i cittadini fanno nel dividere e trasportare ai contenitori le domace scovaze, con il seguente aumento dei ricavi della loro vendita, e con gli utili derivanti dall’inceneritore, avrebbe dovuto corrispondere una forte riduzione della tassa sui rifiuti. Che invece viene aumentata.
Decisamente non capiamo. O siamo amministrati (indipendentemente dal colore politico) da degli incapaci a cui non andrebbe affidata nemmeno la custodia di un salvadanaio di un bimbo, o cosa.
Ce lo spieghino, e velocemente. Perché “bechi e bastonai” passi ma “contenti” proprio no.

https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521/2415887505348870/?type=3&theater





« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22 • Pagina 23 • Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 16 October, 2019 - 4:14 pm - Visitatori Totali Nr.