Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Laminatoio a caldo e “giornalismo” a freddo.
Le sorprese della censura talvolta sono anche divertenti. ..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Trieste Verde. A cosa diciamo no!
Dicemmo no alla progettata Centrale a Carbone nel Vallone di Muggia, battaglia vinta..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 229

Piccoli Salvini crescono.

» Inviato da valmaura il 29 October, 2019 alle 2:46 pm

Perchè gli italiani, come diceva Totò, “si buttano a destra” oppure gettano più semplicemente la scheda elettorale nella spazzatura.
Un piccolo episodio che ben rende l'idea.
Scena: ufficio postale di via Caio Giulio Cesare, insomma vecchia stazione dei treni.
Protagonisti: tre sportelliste delle Poste e, si presume, la responsabile dell'ufficio.
Pubblico: cinque persone più una, dunque per gli standard postali di Trieste poca gente.
Atto primo. Il protagonista entra e pigia il distributore unico di biglietti, ritira il numero 24 che in lavoro è il 20. Su cinque sportelli ne sono in funzione solo tre ma l'attesa si prolunga perchè i tre hanno clienti che non devono fare normali operazioni ma, appunto, aprire o chiudere conti.
Dunque non si capisce perchè le poste non smistino queste persone ad apposito ufficio, vedi quello della “consulenza” liberando in questo modo gli sportelli.
Dietro il nostro “mister X” entrano nel frattempo, sono passati già una ventina di minuti, altri due clienti: i numeri 25 e 26.
Atto secondo: dopo ulteriori cinque minuti fa il suo ingresso una impegnata intellettuale di sinistra, sempre presente alle riunioni del PD e della scomparsa “Altra città”. Lei non prende il biglietto come gli altri comuni mortali, no, estrae la sua carta bancoposta e la passa sul distributore prenota file. E si ritira il numero 02.
Dopo ulteriori cinque minuti finalmente il 23 ha finito ed il nostro possessore del seguente 24 si avvicina allo sportello libero, che invece chiama lo 02 appena arrivato.
Atto terzo: il nostro in attesa da quasi mezzora domanda perchè la signora, appena entrata deve passare davanti a tutti. Responsabile e sportellista si affrettano a spiegare che lei è una cliente bancoposta, ergo delle Poste, ergo lei non fa la fila come i comuni cittadini. Lo dice il regolamento Poste Italiane, ente pubblico pagato da tutti i cittadini appunto italiani.
I due, il numero 24 e lo 02 si guardano, ma la “democratica” tace forte del suo privilegio. Alla fine da un cenno di esistenza in vita ed apre generosamente bocca per dire con tono concessorio “se proprio ci tieni passa tu”.
Il nostro protagonista, per inciso cliente Bancoposta e dunque “privilegiato” potenziale, a quel punto straccia il numerino e se ne va. Ha sempre odiato, e combattuto, privilegi di sorta o di casta.
Ecco due considerazioni vanno fatte. Una riguarda queste Poste italiane, che aboliscono lo sportello postale vero e proprio nelle loro agenzie e condannano chiunque vada in posta per spedire o ritirare lettere, raccomandate, pacchi, insomma tutto quella che legittima storia ed esistenza di un ufficio postale e di un ente Poste, a perdersi mezza mattinata in una fila unica. In cambio però costringono i loro “datori di lavoro”, ovvero i cittadini a cedere il passo ad una classe privilegiata non crediamo prescritta nella Carta Costituzionale.
La seconda riguarda la protagonista politica, l'intellettuale di “Altra città”, PD, “psichiatria democratica”, della serie “bisogna ascoltare il territorio, favorire la partecipazione democratica, la cittadinanza attiva” ed altri slogan da avanspettacolo di periferia.
Se questi sono gli effetti pratici comportamentali dei “sinistri” dopo l'Umbria Salvini e Meloni hanno solo l'imbarazzo della scelta: “Vincere facile o vincere facile”.
Sono talmente ottusi che non riescono a capire come siano episodi apparentemente così piccoli ma di significativa arroganza a spingere appunto la gente normale a “buttarsi a destra” e mandarli, Grillo ce lo consentirà, affanculo.



BAAAASTA !!!

» Inviato da valmaura il 28 October, 2019 alle 2:25 pm

Non ne possiamo più delle Polli, delle Lodi and company.
Tre estati non sono loro bastate per disinquinare giardini ed aree verdi, piazzale Carlo Alberto fa schifo, si contano a decine e decine gli alberi tagliati ed abbattuti in tutta la città: da piazza Libertà alla ex caserma di Roiano che hanno trasformato in una landa desertificata.
Transenne per lavori non fatti da anni tappezzano strade e giardini, abbandonate a se stesse o distrutte dal maltempo.
La città è sporca, sempre più trascurata e con i bottini straripanti ma tutto quello che sanno fare è aumentare la tassa comunale sui rifiuti.
Questi devono andarsene a casa, loro ed i dirigenti dei loro assessorati, e non perché sono di centrodestra o altro, ma perché in un paese serio non troverebbero posto nemmeno in uno scassatissimo quanto inutile Consiglio circoscrizionale. Loro come i responsabili dei servizi sociali di Comune e Regione, a partire dai rispettivi assessori che hanno trasformato la povertà in umiliazione burocratica. E stanno smantellando la sanità pubblica.
Siamo arcistufi di strapagare gente che lavora ed opera contro la nostra comunità e se partiti e forze politiche, tutte, stanno zitti e non muovono muscolo è perché non contano nulla e sono degli incapaci o rappresentano gli affari di pochi contro gli interessi dei cittadini. Supportati da stampa e televisioni screditate come mai prima a Trieste.
Nelle foto sulla pagina Facebook Circolo Miani il nuovo "stemma" del Comune di Trieste, a scelta.



Allarme VERDE. Viale Romolo Gessi: ci risiamo.

» Inviato da valmaura il 27 October, 2019 alle 11:51 am

Ricomparsi i divieti di sosta volanti in viale Romolo Gessi nel tratto di fronte l’ingresso parcheggio Allianz.
Con un avviso recante in fotocopia sul retro, dunque illeggibile agli utenti, una ordinanza perenne della “Direzione Area Città, Territorio, Ambiente” che dovrebbe, il condizionale è quanto mai d’obbligo, dipendere dall’ineffabile assessora Polli.
Sul davanti l’avviso su carta intestata del Comune di Trieste reca una data di affissione illeggibile che interpretando i geroglifici scarabocchiati a pennarello, stavolta nero, se ne deduce “apposto alle ore 14.30 del 28/10/19” che sarebbe tra due giorni (!!!) per “lavori di potature ed abbattimenti dalle ore 8 alle 17 dal 28/10/19 al termine lavori”. In teoria dunque “avvisano” alle 14.30 dello stesso giorno in cui alle 8 iniziano i “lavori”.
Questi stanno proprio stancandoci. Non ne possiamo più di essere informati a babbo morto, ovviamente con in mezzo solo un sabato e domenica dunque ad uffici comunali chiusi. Ed oltretutto passi per le “potature” ma per gli “abbattimenti” di alberi ci vorrebbe una perizia motivata o no?
E magari passasse loro per la capa di sostituire gli alberi già abbattuti con nuove piante. Ma quando mai !
Questi vanno “potati” loro e mandati a casa di corsa, ne va della nostra qualità della vita e del nostro benessere. E l’incapacità non ha colore politico.
Altrimenti inutile e pleonastico fare i cortei alla “Greta” se non riusciamo a fermare almeno questo.



F E R R I E R A.

» Inviato da valmaura il 24 October, 2019 alle 1:05 pm

Nuovo incontro tra Circolo Miani, e Servola Respira, con i vertici dello stabilimento.

Ieri si è tenuto un nuovo confronto con la Direzione della Ferriera all’interno di quel percorso che da aprile dello scorso anno ha portato ad una costante verifica sulla situazione dell’impatto dell’attività produttiva dell’Area a caldo a Trieste e Muggia.
Tale iniziativa ha permesso da allora di ottenere alcuni significativi risultati: dalla sensibile riduzione dell’inquinamento acustico, riportando i dati sotto i limiti di legge, alla prevenzione degli episodi di “spolveramento”, al contenimento dei blocchi degli impianti causati dai blackout derivanti dai cali di tensione sulla linea elettrica gestita da Terna in occasione di forti perturbazioni, all’installo di un nuovo potente filtro, con nuovo camino per le emissioni, all’impianto di Agglomerazione.
Ciò ha portato ad una sensibile riduzione delle emissioni pur rimanendo aperte alcune criticità come quelle derivanti dal perdurare della fuoriuscita di polveri imbrattanti dalla fabbrica.
E proprio da un episodio da noi segnalato alla Direzione Ferriera, grazie alla pronta collaborazione di alcuni cittadini con il Circolo Miani, e verificatosi proprio ieri mattina alle 8.41 (vedi foto) in occasione del fermo manutentivo dell’Agglomerato, è partita la discussione con il Report dei responsabili impianti sulle verifiche fatte immediatamente.
Fa dunque sorridere la frase pubblicata dal compiacente piccolo giornale, che per altro ha sempre accuratamente evitato di dare notizia del confronto in atto da quasi diciotto mesi tra le principali realtà che da oltre venti anni si sono occupate del problema ed i vertici Ferriera, ove l’assessore all’ambiente della regione (di rigore le iniziali in minuscolo), dichiara che “premesso che quella ambientale e della salute pubblica sembrano ormai avviate verso la risoluzione”.
Forse, ma non certo per meriti suoi o dell’Arpa.




Meglio tardi, molto tardi, che mai. Pet a Cattinara

» Inviato da valmaura il 23 October, 2019 alle 2:22 pm

Nove anni ci hanno messo, e speriamo che la strumentazione non sia quella di nove anni orsono, dal momento il cui l'allora consigliere regionale Bruno Marini, onore al merito, ha posto il problema urgente di dotare, dopo gli ospedali di Udine e Aviano, anche quello di Trieste di questa “macchina” che permette una diagnosi precisa per i malati di tumore e di cuore (ci scuserete la sintesi grossolana).
Ieri finalmente tra tira
molla e rinvii è avvenuto il “battesimo” all'ospedale di Cattinara. E contrariamente a quanto capita, qui i “padri” sono stati molti: mancavano Trump, Putin e la Merkel che gli altri sovrabbondavano e la foto pubblicata non è riuscita a contenerli.
A partire dal neo Rettore che ha appunto ricordato i “nove anni” di incubazione e parto regionale (Tondo, Serracchiani, Fedriga), per seguire con l’attuale commissario AsuiTs Antonio Poggiana, il governatore Massimiliano Fedriga con il vice delegato alla Salute Riccardo Riccardi, la direttrice di Medicina nucleare Franca Dore e l’assessore comunale alle Politiche sociali Carlo Grilli. Dipiazza per scaramanzia ha saltato un giro.
E il Riccardi, senza sprezzo del ridicolo, l’ha definita “una storia d’esempio” e poi se ne è uscito con una supercazzola da far impallidire il Conte Mascetti: “La politica è assediata da una serie di suggerimenti che non sempre è in grado di valutare, è importante che la politica selezioni i suggeritori con lealtà e sulla base delle esigenze vere e non sulla base delle richieste del territorio che possono anche essere campanilistiche, sul tema sanitario bisogna evitare strumentalizzazioni”.
Insomma roba forte da Fortezza Bastiani nel Deserto dei Tartari.
Ovviamente l'unica parola appropriata che doveva dire a capo chino e arrossendo in volto per la vergogna non l'ha pronunciata: “Scusateci”.




« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228 • Pagina 229 • Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Pagina 260Pagina 261Pagina 262Pagina 263Pagina 264Pagina 265Pagina 266Pagina 267Pagina 268Pagina 269Pagina 270Pagina 271Pagina 272Pagina 273Pagina 274Pagina 275Pagina 276Pagina 277Pagina 278Pagina 279Pagina 280Pagina 281Pagina 282Pagina 283Pagina 284Pagina 285Pagina 286Pagina 287Pagina 288Pagina 289Pagina 290Pagina 291Pagina 292Pagina 293Pagina 294Pagina 295Pagina 296Pagina 297Pagina 298Pagina 299Pagina 300Pagina 301Pagina 302Pagina 303Pagina 304Pagina 305Pagina 306Pagina 307Pagina 308Pagina 309Pagina 310Pagina 311Pagina 312Pagina 313Pagina 314Pagina 315Pagina 316Pagina 317Pagina 318Pagina 319Pagina 320Pagina 321Pagina 322Pagina 323Pagina 324Pagina 325Pagina 326Pagina 327Pagina 328Pagina 329Pagina 330Pagina 331Pagina 332Pagina 333Pagina 334Pagina 335Pagina 336Pagina 337Pagina 338Pagina 339Pagina 340Pagina 341Pagina 342Pagina 343Pagina 344Pagina 345Pagina 346Pagina 347Pagina 348Pagina 349Pagina 350Pagina 351Pagina 352Pagina 353Pagina 354Pagina 355Pagina 356Pagina 357Pagina 358Pagina 359Pagina 360Pagina 361Pagina 362Pagina 363Pagina 364Pagina 365Pagina 366Pagina 367Pagina 368Pagina 369Pagina 370Pagina 371Pagina 372Pagina 373Pagina 374Pagina 375Pagina 376Pagina 377Pagina 378Pagina 379Pagina 380Pagina 381Pagina 382Pagina 383Pagina 384Pagina 385Pagina 386Pagina 387Pagina 388Pagina 389Pagina 390Pagina 391Pagina 392Pagina 393Pagina 394Pagina 395Pagina 396Pagina 397Pagina 398Pagina 399Pagina 400Pagina 401Pagina 402Pagina 403Pagina 404Pagina 405Pagina 406Pagina 407Pagina 408Pagina 409Pagina 410Pagina 411Pagina 412Pagina 413Pagina 414Pagina 415Pagina 416Pagina 417Pagina 418Pagina 419Pagina 420Pagina 421Pagina 422Pagina 423Pagina 424Pagina 425Pagina 426Pagina 427Pagina 428Pagina 429Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 26 February, 2024 - 2:21 am - Visitatori Totali Nr.