Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Laminatoio a caldo e “giornalismo” a freddo.
Le sorprese della censura talvolta sono anche divertenti. ..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Trieste Verde. A cosa diciamo no!
Dicemmo no alla progettata Centrale a Carbone nel Vallone di Muggia, battaglia vinta..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 215

FERRIERA. Non ci resta che ridere.

» Inviato da valmaura il 19 September, 2019 alle 1:17 pm

La montagna del Mise non ha partorito nemmeno il classico topolino.

Dalla gita a Roma escono due conferme.
La prima. Che Arvedi ha il pallino in mano e ieri ne hanno semplicemente preso atto.
Sarà la proprietà, Acciaierie Arvedi con la controllata Siderurgica Triestina che da un anno e passa si occupa solo della logistica portuale (banchina interna stabilimento) ma che giornalisti e politici non hanno ancora afferrato, a decidere tempi, modalità e prezzo della dismissione, non “graduale” perchè gli impianti o si chiudono oppure no.
Non a caso la politica, con stampa al seguito, usa il verbo al condizionale “dovrebbe entro la fine del 2021”.
La seconda. Che quando noi scrivevamo due anni orsono che l' Area a caldo della Ferriera chiuderà su scelta di Arvedi non prima di tre-quattro anni avevamo azzeccato in pieno. Avessimo la stessa capacità nel vincere un Sei al SuperEnalotto …..
E che la chiusura passerà attraverso il Porto di Trieste.
Ed infatti anche ieri dalla “montagna” romana è uscita netta la notizia che il vero protagonista, oltre ad Arvedi si intende, è Zeno D'Agostino. Gli altri a partire dai politici, tutti nessuno escluso, sono solo delle comparse di quarta fila che nei fatti oggi, come negli altri precedenti venti e passa anni, non hanno fatto e prodotto nulla, ma proprio nulla di concreto.
E se il futuro degli attuali lavoratori coinvolti (350 come abbiamo sempre scritto e non i 600, 1000, 2000 e chi più ne ha più ne metta, come cianciavano politici, sindacalisti e acriticamente riportavano questi “giornalisti” un tanto al chilo) rimanesse affidato a questa politica allora saranno tempi assai bui per loro.
Dunque non occorreva spedire a Roma un “inviato” per sapere un tanto. Bastava dedicare una pagina di intervista al Presidente della nostra Autorità Portuale.
Poi c'è l'ilarità che non guasta mai, anzi di primo mattino mette pure di buon umore. Dal “raggiante” assessore Scoccimarro che si offre di correre a Cremona, che notoriamente non fa parte della Regione Friuli Venezia Giulia per mettere mano alla “revisione dell'AIA” rilasciata all'attuale proprietà. Forse ignora il “raggiante” che per procedere al rilascio, alla decadenza o come in questo caso alla revisione dell'attuale AIA, non a Cremona deve recarsi ma nel Palazzo di Piazza Unità per proporre alla Giunta regionale una delibera in merito. Prima può correre anche alla maratonina di New York. Dopo di che, e solo allora, scatteranno i termini di legge e le procedure per la presentazione delle memorie e perizie di tutti gli attori coinvolti (Regione, Comune, Arpa, Ass, proprietà e realtà esterne “portatrici di interesse”, anche singoli cittadini) e la convocazione di una Conferenza dei Servizi Regionali, del Friuli Venezia Giulia non della Regione Lombardia, e sempre negli uffici regionali a Trieste. Ma avendo sempre e solo avuto una comparsata nella vicenda e vivendo “sottotraccia” è comprensibile che non lo sappia. Meno comprensibile che i cittadini gli paghino una lauta indennità, e la cosa vale anche per Fedriga e per tutti gli altri “regionali” che parlano solo per arieggiare i denti.
Altra battuta degna del miglior Totò o Fantozzi la sforna il podestà di Trieste quando rivendica la “coerenza” ventennale del Comune nel voler chiudere la Ferriera. Come no! Da “quel cancro lo chiudo domani” del 2001, al “ho fatto Bingo con Arvedi a Trieste” nel 2007, per finire con il mitico “chiudo in 100 giorni” del 2016. Coerente l'uomo, nevvero? Quasi quanto sulla vicenda del Rigassificatore che lui fortemente voleva, così giusto per affossare definitivamente il Porto.
Poi arriviamo alla cosa grave e che magari nella lunga colonnina di fianco nelle due paginate del piccolo giornale che abbiamo la malasorte di avere a Trieste può passare inosservata. Ed invece no, perchè fa capire da chi e come siamo stati governati ed a chi, pur pagandoli bene, abbiamo affidato la nostra salute in questi due decenni.
Cominciamo: “La centrale è infatti alimentata dai gas prodotti dall’altoforno, grazie ai quali sprigiona una potenza di 164 megawatt”. Vero una mazza: la centrale usa principalmente i gas di risulta della Cokeria (dieci volte più “ricchi” di quello dell'Altoforno) e produce da tempo una trentina di megawatt, cioè l'energia elettrica per il solo uso e consumo della Ferriera.
Ma il peggio deve ancora arrivare. “Nel corso della riunione, i tecnici della Regione hanno evidenziato come la legge preveda la riduzione dell’utilizzo delle fiaccole di emergenza, che al momento vengono sfruttate anche per la manutenzione ordinaria e non solo per gli eventi accidentali, quando sono chiamate a bruciare i gas che la centrale non riesce a utilizzare in caso di blackout. Da qui la richiesta di contenere l’utilizzo dei dispositivi, innocui ma fortemente impattanti sul piano visivo.”
Avete letto bene? “Innocui ma fortemente impattanti sul piano visivo”. Ma questi li hanno assunti alla “Prova del Cuoco”? Come anche uno studente al primo anno di chimica sa, e pure il Barbieri sempre che le consulenze non prevalgano su “scienza e coscienza”, quello che le torce bruciano, dopo i primi minuti di fumate nere incombuste, sono i letali gas. “Innocui”? Li respirino loro a pieni polmoni e poi ne parliamo leggendo le loro disposizioni testamentarie. Eppoi ha capito, signora marchesa, sono purtroppo “fortemente impattanti sul piano visivo”, pofferbacco ci metteremo dei gerani davanti, o meglio dei crisantemi. Una sola domanda: perchè la legge avrebbe imposto la riduzione e l'uso delle Torce, se sono “innocue”, per un puro fatto estetico?
E chi riporta sul giornale tali sciocchezze lo hanno selezionato ovviamente al MasterChef.

https://www.facebook.com/circolomiani/photos/a.1497907753813521/2552712941666325/?type=3&theater






FERRIERA. Ennesima sceneggiata a Palazzo Cheba.

» Inviato da valmaura il 17 September, 2019 alle 2:58 pm

Una farsa con attori invecchiati e che si perdono battute e memoria. E sono sempre gli stessi da decenni.
Circolo Miani e Servola Respira da anni hanno deciso di non partecipare a queste “audizioni” in Consiglio Comunale buone solo a perdere tempo e produrre fumo più della Ferriera.
Quella di ieri non ha fatto eccezione alla regola. Anzi le ricostruzioni di Scoccimarro e Dipiazza erano infarcite di vuoti di memoria, spaventosi, e di parole che non significano nulla.
Prima di pubblicare parte dell’articolo da noi scritto il 20 maggio 2017, che ricostruisce alcune verità omesse ieri dagli attori in commedia, ribadiamo alcuni concetti.
Un amministratore pubblico non può, lo impongono leggi e Costituzione, lavorare “sottotraccia”, anche se le attuali inconsistenti opposizioni tacciono, noi ribadiamo con forza che un politico deve lavorare in maniera pubblica e trasparente, sempre!
La Regione, grazie all’Arpa lodata e blindata da questo assessore regionale, ha scritto più volte che la proprietà della Ferriera rispetta le prescrizioni AIA e che le emissioni sono nei limiti di legge.
Stante così le cose la scelta dunque sul che fare spetta esclusivamente alla proprietà, e su questo andatevi a leggere quello da noi scritto su queste pagine anche recentemente.
Il rilancio del Porto portato avanti dall’attuale Presidente, fortemente osteggiato dal Centrodestra che gli contrapponeva la “nuova” Marina Monassi, sarà il soggetto protagonista del futuro dell’area oggi occupata dallo stabilimento, ma non può né deve essere l’alibi per Comune, Regione e Stato per continuare a non fare nulla se non dare aria ai denti.
Ed ora rinfreschiamoci la memoria.

Dipiazza: “Arvedi a Trieste? Abbiamo fatto Bingo !!!”

"Intervista al Piccolo dell’11 luglio 2007 alla notizia dell’interessamento di Arvedi per l’acquisto della Ferriera dalla decotta Lucchini Italia-Severstal russa.
Il Sindaco Dipiazza: “Non ci penso nemmeno” (a richiedere all’amico Renzo Tondo Presidente della Regione la revisione dell’AIA rilasciata alla Ferriera dalla Regione a guida Illy-Cosolini). Risposta all’interrogazione presentata in Consiglio comunale da Maurizio Ferrara che chiedeva al Comune di intervenire presso l’amministrazione di centrodestra che guidava ora anche la Regione al fine di riconvocare la Conferenza dei Servizi, di cui il Comune fa parte, per aprire il procedimento di revisione e revoca dell’AIA.
“Le confermiamo per la dodicesima volta che con i dati forniti dall’Arpa sulle emissioni di BenzoApirene dalla Ferriera (media annua: 8.8 contro il limite di legge di 1 nanogrammo) c’è la sicura insorgenza di leucemie e neoplasie (tumori)”. Anni 2007-2009.
Con un dato inferiore (5.3 nanogrammi annui) il Sindaco di Piombino aveva emesso una ordinanza di fermo e sequestro della Cokeria della Lucchini, in veste di Ufficiale Sanitario.
Dodicesima lettera inviata a firma Franco Rotelli, allora direttore dell’ASS Triestina, al sindaco Dipiazza.
Dunque da “quel cancro lo chiudo domani”, del 2001, alla “chiusura dell’area a caldo in cento giorni” (2016).
“Al Sindaco Roberto Dipiazza non sembra quasi vero salvare posti di lavoro ed ambiente: “Sono estremamente soddisfatto degli incontri avuti con Arvedi –commenta il primo cittadino- ma forse si sta davvero prospettando qualcosa di diverso per gli abitanti di Servola (quelli di Valmaura, Monte San Pantaleone, San Sabba, Aquilinia e Muggia da un lato, e Chiarbola, Ponziana, Campi Elisi e San Vito dall’altro non contano) e per i lavoratori. Chissà forse ho fatto Bingo. Si sta prospettando una seria riconversione industriale in una attività non inquinante.” Il Piccolo, 11 luglio 2007, intervista al Sindaco Dipiazza.
Peccato che poi i numeri non siano usciti, non tutti almeno, ed Arvedi allora abbandonò la sua prima intenzione di prendersi la Ferriera.
La “boutade” del Sindaco. Telefonata serale della presidente di No Smog a Gabriele Paglino e Nadia Toffa a cena da Suban con Maurizio Fogar (gennaio 2017): “Ma la promessa della chiusura in cento giorni di Dipiazza a Telequattro era solo una boutade per prendere voti e vincere le elezioni” in risposta agli inviati delle Iene che avevano appena intervistato il Sindaco e le dicevano “che questo è peggio di Cosolini”.
La risposta delle Iene fu “MA TI RENDI CONTO DI CHE CAZZO STAI DICENDO !”, in maiuscolo perché Gabriele la pronunciò a voce altissima che tutti gli avventori del ristorante si girarono.
Ora si capisce perché a certe sigle “il passato non interessa” anche quello recente che sarebbe non poco imbarazzante rileggere le dichiarazioni di amorosi sensi apparse sul Piccolo verso il precedente Sindaco Cosolini, fino alla pubblica “dissociazione” di No Smog dall’iniziativa promossa dal Circolo Miani alla libreria Lovat che con 48 minuti ininterrotti di applausi del pubblico impedì a Cosolini e Barbieri di aprire bocca.
Questi i fatti. Ed abbiamo voluto farne solo una sintesi che ce ne sono a quintali sulla stampa.
Dunque buona manifestazione di piazza con e per Dipiazza, per chi ci crede, ancora."

https://www.facebook.com/circolomiani/photos/a.1497907753813521/2550996465171306/?type=3&theater




Essere od apparire?

» Inviato da valmaura il 16 September, 2019 alle 11:49 am

Della serie “Braccia rubate all'agricoltura”

Sconfortante, e non ci divertiamo a scriverlo perchè la nostra vita quotidiana è affidata a questi qui, e desolante appare il bilancio di questa amministrazione comunale. Pensavamo che dopo la precedente Giunta Cosolini e la seconda esperienza Dipiazza (2006-2011) a Trieste si fosse toccato il fondo. Ci eravamo sbagliati, e di grosso.
Questa amministrazione comunale, Giunta ma anche a pieno demerito il consiglio comunale opposizioni comprese, ha stupito pure noi per la sua inadeguatezza ed incapacità, anche nella ordinaria amministrazione. Questi non “sono”, non “fanno”, vogliono solo “apparire”, a parte un podestà da tempo desaparecido.
Emblematiche poi sono le reazioni, quando si degnano di dare cenni di esistenza in vita, su alcune tematiche di vasto interesse pubblico (dal disastro nella cura delle aree verdi e dei giardini, alla scarsa efficienza del servizio rimozione rifiuti, di cui per contrappasso il Comune ha invece aumentato la tassa, dal degrado crescente in cui versano i quartieri cittadini, dalle scandalose condizioni in cui si trovano le strutture sanitarie, ospedaliere e territoriali a partire dall'eufemismo perenne del “Pronto” Soccorso, dall'emergenza povertà, per non parlare poi della questione Ferriera ed affini), che su queste pagine noi descriviamo e puntualmente denunciamo indicando sempre anche le soluzioni rapidamente percorribili. E da anni! Si chiama “giornalismo”, ma quello vero e che riscontra un certo seguito se è vero come è vero, dati ufficiali di Facebook che la Pagina Circolo Miani ha una media di 40.000 persone raggiunte e 15.000 interazioni e quella di NO FERRIERA Si Trieste veleggia rispettivamente su 5.600 e 1.600.
Sembra che questi politici, ed il colore purtroppo non conta, non vivano a Trieste, non usino girare per la città. E quando ci leggono, poco e male, si “indignano, adontano”, e ci offendono due volte: da frequentatori dei social e soprattutto da persone che hanno voluto, e chiesto il voto, candidarsi ad amministrare la nostra comunità.
Invece di scusarsi per la loro disattenzione o negligenza sui fatti e sulla realtà che segnaliamo, hanno la sfrontatezza di rimproverarci per non averli supplicati personalmente o per non aver noi sistemato i danni (?). Per questi “politici” insomma la Rivoluzione Francese non è mai esistita: sono fermi all'Ancien Regime.
Il caso della Elisa Lodi, orfana della Luisa Polli, è emblematico: dal suo assessorato dipendono il Verde Pubblico, e si vede, ed i Lavori Pubblici, e si rivede. Quando una mattina di luglio Viale Romolo Gessi viene tappezzato da decine di avvisi posti su altrettanti divieti di sosta intestati Comune di Trieste ed annuncianti “Abbattimento alberi e potatura”, dopo la nostra mobilitazione con i residenti, ha la sfrontatezza di accusare noi, Circolo Miani e Maurizio Fogar, di diffondere false notizie “Fake news”, come se gli avvisi e le ordinanze sindacali non fossero del Comune di Trieste ma affisse dal Circolo Miani. E trova pure televisioni pubbliche e private, e pagine “informative”, (e de chè ?) su internet che le danno ampio spazio. Ovviamente senza contraddittorio alcuno secondo le migliori regole di un presunto giornalismo servo ed appecoronato ai potenti, si fa per dire, di turno.
E questa gente la paghiamo pure e dovrebbero essere i “nostri dipendenti”.
Soffochiamo i nostri conati di vomito e ricordiamo invece qui che il 15 settembre 2006 si spense Oriana Fallaci, una splendida giornalista inviata di guerra e saggista, si potranno non condividere alcune sue posizioni, ma che gigante del giornalismo era rispetto a questi pigmei microcefali.




No, proprio dalla Croazia lezioni di democrazia NO!

» Inviato da valmaura il 15 September, 2019 alle 12:07 pm

Correvano i primissimi anni Novanta, la Croazia come la Slovenia erano appena divenute cruentemente indipendenti staccandosi dalla agonizzante Yugoslavia. Capo dello Stato era il generale Franjo Tudman.
In Italia c'era il Governo Craxi con Gianni De Michelis Ministro degli Esteri. Come gesto di amicizia il Governo italiano aveva regalato alla neonata Repubblica Croata 5 miliardi di lire per la ricostruzione delle scuole distrutte nella guerra civile.
Un mese dopo il Governo croato convoca una conferenza stampa internazionale nella quale il Vice Premier lancia un appello alle principali nazioni occidentali (nomina Stati Uniti, Gran Bretagna, Germania e Francia) affinchè investano nella traballante economia della nascente repubblica.
Un giornalista presente chiede come mai si sia dimenticato di menzionare l'Italia che pure un mese prima aveva donato 5 miliardi di lire.
Il vice capo del Governo croato risponde che non si è trattato di una dimenticanza, semplicemente per loro l'Italia non era gradita. Alla ulteriore domanda sul perchè di questo non gradimento forse motivato dal fatto che nella Seconda Guerra Mondiale l'Italia, ma assieme alla Germania pur invitata, aveva invaso il Regno di Yugoslavia, Croazia compresa (nella spartizione nazifascista dei Balcani la Corona del costituendo Regno di Croazia spettò ad Aimone di Savoia. Il “bel gagà” com'era soprannominato nella nostra Real Casa, vanesio fin che si vuole ma non stupido si guardò bene dal mettere mai piede a Zagabria per assumere la Corona ed in sua veste fu nominato reggente, con la benedizione dei vertici della Chiesa, il feroce Capo degli Ustascia, i sanguinari fascisti croati, criminale di guerra Ante Pavelic).
Al che il rappresentante del Governo croato rispose serafico che no, che la nuova Repubblica Croata non voleva gli Italiani, che allora avevano il controllo diretto di Istria, Dalmazia, Montenegro ed Albania, perchè il regio esercito si “era comportato male”. Ed il male per il Vicepremier consisteva nel non aver collaborato all'eliminazione degli ebrei, e delle minoranze etniche lì presenti (Serbi e Bosniaci in particolare) ed anzi di averli fatti espatriare clandestinamente in Dalmazia e soprattutto nei Regni di Albania e Montenegro sottraendoli così allo sterminio messo in atto dagli Ustascia (80.000 solo nel lager di morte di Jasenovac).
Avete letto bene ???
Ora dopo una simile posizione ufficiale un Governo che si rispetti, dunque non quello italiano, avrebbe immediatamente rotto i rapporti diplomatici con la neonata Croazia, richiamato il suo ambasciatore, chiusa l'Ambasciata Croata a Roma e caricato Ambasciatore, funzionari e personale croati su di uno scassatissimo vagone merci piombato, giusto per ricordare i “bei tempi” andati che il Governo Croato rimpiangeva, e li avrebbe rispediti di corsa a Zagabria. Oltre, si intende, a cancellare il dono di 5 miliardi, ed a porre il veto permanente all'ingresso della Repubblica Croata nell'Unione Europea.
Ovviamente nulla di tutto questo è accaduto.
Ed oggi, dopo che l'attuale Croazia ha fatto proprio il saluto ustascia, nazista e fascista di "Za dom spremni” (Per la Patria pronti), che il Governo Croato venga a darci lezioni di democrazia ed antifascismo per una, per quanto poco opportuna soprattutto per l'infelice collocazione e per la scelta della data di scoprimento, statua di D'annunzio, NO proprio non ci siamo!



Viale Romolo “cessi”.

» Inviato da valmaura il 14 September, 2019 alle 1:11 pm

Si, proprio cessi e non Gessi. Pare incredibile ma da anni e annorum in due delle zone verdi più praticate di Trieste, ovvero Viale Romolo Gessi e Piazzale Rosmini, a San Vito, i tantissimi frequentatori, a partire dai bambini che vi giocano, non hanno uno straccio di servizio igienico pubblico per i loro naturali bisogni fisiologici. Ed allora la scelta diviene obbligata: pipì e popò, anche di adulti, dietro le siepi o tra gli alberi.
La parte centrale di viale Romolo, usiamo solo il nome per decenza, ne è testimone quotidiana, in particolare dove c’è la “baita” in legno, che passeggiare in certi giornate estive toglie il respiro.
Ma è mai possibile che, ad esempio, il Comune di Udine abbia impiegate nella cura delle aree verdi 220 persone, tra pubblico e privato, qualificato, mentre a Trieste in Comune ci sono solo 6 funzionari e tutto il resto o quasi venga affidato alla sorte delle ditte e cooperative in appalto? Ora non diciamo che tutti gli operatori esterni non lavorino con diligenza, forse anche troppa visti i bassi salari che percepiscono, ma i risultati sono palesemente insufficienti.
In un quadro poi che vede l’amministrazione pubblica da anni considerare gli alberi non una ricchezza da preservare ed implementare ma un fastidio da eliminare. A costoro basterebbe ricordare che un albero per raggiungere la sua pienezza ci mette trenta anni mentre per un costruire un grattacielo in cemento ne bastano ed avanzano due.
Poi c’è il vezzo dell’assessorato Lodi, la Polli non la menzioniamo perché è come non esistesse, di piazzare transenne dove ci siano piccoli lavori da fare sul manto stradale e poi di lasciarle dimenticate per anni, come i lavori.
Esemplare è la foto di sotto in uno dei vialetti di Viale “Romolo”: messa lì per un piccolo avvallamento del ciotolato oggi dopo due anni e passa è nelle “pericolose”, per chi passeggia, condizioni odierne.
Negligenza, disinteresse, incapacità o cos’altro?
Forse Trieste più prosaicamente aveva urgente bisogno di monumenti a Vespasiano più che al Vate.

Sulla pagina Facebook Circolo Miani le impressionanti foto.





« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214 • Pagina 215 • Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Pagina 260Pagina 261Pagina 262Pagina 263Pagina 264Pagina 265Pagina 266Pagina 267Pagina 268Pagina 269Pagina 270Pagina 271Pagina 272Pagina 273Pagina 274Pagina 275Pagina 276Pagina 277Pagina 278Pagina 279Pagina 280Pagina 281Pagina 282Pagina 283Pagina 284Pagina 285Pagina 286Pagina 287Pagina 288Pagina 289Pagina 290Pagina 291Pagina 292Pagina 293Pagina 294Pagina 295Pagina 296Pagina 297Pagina 298Pagina 299Pagina 300Pagina 301Pagina 302Pagina 303Pagina 304Pagina 305Pagina 306Pagina 307Pagina 308Pagina 309Pagina 310Pagina 311Pagina 312Pagina 313Pagina 314Pagina 315Pagina 316Pagina 317Pagina 318Pagina 319Pagina 320Pagina 321Pagina 322Pagina 323Pagina 324Pagina 325Pagina 326Pagina 327Pagina 328Pagina 329Pagina 330Pagina 331Pagina 332Pagina 333Pagina 334Pagina 335Pagina 336Pagina 337Pagina 338Pagina 339Pagina 340Pagina 341Pagina 342Pagina 343Pagina 344Pagina 345Pagina 346Pagina 347Pagina 348Pagina 349Pagina 350Pagina 351Pagina 352Pagina 353Pagina 354Pagina 355Pagina 356Pagina 357Pagina 358Pagina 359Pagina 360Pagina 361Pagina 362Pagina 363Pagina 364Pagina 365Pagina 366Pagina 367Pagina 368Pagina 369Pagina 370Pagina 371Pagina 372Pagina 373Pagina 374Pagina 375Pagina 376Pagina 377Pagina 378Pagina 379Pagina 380Pagina 381Pagina 382Pagina 383Pagina 384Pagina 385Pagina 386Pagina 387Pagina 388Pagina 389Pagina 390Pagina 391Pagina 392Pagina 393Pagina 394Pagina 395Pagina 396Pagina 397Pagina 398Pagina 399Pagina 400Pagina 401Pagina 402Pagina 403Pagina 404Pagina 405Pagina 406Pagina 407Pagina 408Pagina 409Pagina 410Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 8 August, 2022 - 9:40 am - Visitatori Totali Nr.