Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Laminatoio a caldo e “giornalismo” a freddo.
Le sorprese della censura talvolta sono anche divertenti. ..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Trieste Verde. A cosa diciamo no!
Dicemmo no alla progettata Centrale a Carbone nel Vallone di Muggia, battaglia vinta..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 190

5G, Antenne, alberi e verde pubblico, degrado dei quartieri.

» Inviato da valmaura il 10 July, 2020 alle 2:57 pm

Dipende solo da noi.

Ora da tempo, e nel silenzio di tutti gli altri: associazioni più o meno ambientaliste, forze e partiti politici nessuno escluso, noi, inteso come Circolo Miani facciamo la nostra parte per difendere la nostra salute, la nostra qualità della vita e l’ambiente dove viviamo.
Perché lo facciamo?
Semplice, perché per forza o amore siamo costretti a vivere a Trieste, sopportiamo come tutti una violenta quanto rapidissima trasformazione del clima in questa città, cosa di cui i ragazzini di Friday eccetera sembrano accorgersi purtroppo solo quando Greta lancia mobilitazioni internazionali, e ne abbiamo vissute e provate troppe sulla nostra pelle in questi ultimi venti anni, a partire dalla questione Ferriera e oggi Siot.
Ora tutelare il verde esistente in provincia, non abbattere ma impiantare alberi è la prima concreta cosa che ogni amministratore che tiene alla sua e nostra salute dovrebbe fare: ma a Trieste e dintorni questo non avviene da diverso, troppo tempo. Così come giardini ed aree verdi sono mal sopportati e lasciati in un degrado desolante. Per non parlare dell'abbandono pluridecennale in cui versano i quartieri dove vive la stragrande maggioranza dei triestini e lo stato comatoso della sanità ospedaliera e territoriale, oltre alla tragedia dell'emergenza povertà che fa di un quarto delle famiglie un mondo di “invisibili”.
Sulla vicenda 5G poi dovrebbe essere il buonsenso ad ispirare l’azione di chi porta responsabilità di governo, in linguaggio istituzionale di chiama “esercizio del principio della massima precauzione” a cui persino la Comunità Europea ha invitato gli stati membri ad ispirarsi sulla questione.
Il buonsenso che ci dice che oggi, in assenza di un verdetto scientificamente certo, credibile ed indipendente sulle eventuali ripercussioni che un così forte implemento delle onde radio e dei campi elettromagnetici determinerebbe sulle persone e sull’ambiente, ed in presenza di leggi e normative ampiamente datate e superate, sia meglio e saggio attendere di conoscere e verificare se, in parole semplici, questa nuova tecnologia sia compatibilmente utile ma soprattutto innocua, ed allora senza esitazioni anche noi la useremo.
Questo principio basilare ci porta dunque a chiedere, come abbiamo fatto con uno studio legale, che anche il Comune di Trieste, dopo i recentissimi precedenti di Bolzano ed Udine tra i quasi 600 in Italia ed i migliaia in Europa, deliberi una moratoria per il 5G, insomma una sospensiva, per l’installo di ripetitori o antenne, posto che l’Arpa FVG ci informa che nella prima fase di sperimentazione la nuova tecnologia si appoggerà sugli impianti già esistenti del 3/4G, nel territorio comunale.
E visto che negli ultimi tempi si è assistito ad un fiorire primaverile di nuovi ripetitori in provincia, imporre al Comune l’adozione di un piano regolatore sul territorio dove sia permesso ed opportuno ospitare questi impianti, lontano da scuole ed ospedali, da zone densamente abitate, ecc.
Non ci pare di chiedere la Luna o di essere preconcettamente ostili al “progresso”, ma semplicemente riteniamo che è meglio essere prudenti prima che piangere poi.
Vero è che questa politica risponde esclusivamente a due logiche: quella delle lobbyes economiche: soldi ed affari, che noi non “teniamo”, o quella dei numeri che per loro significano voti.
Dunque spetta solo a noi decidere come finirà questa lotta, ed è anche per questo che invitiamo sempre i lettori a mettere i loro “mi piace” alle nostre pagine e non solo ai singoli articoli e non certamente per orgasmo da “like”, ed è soprattutto per questo che il numero delle persone che parteciperanno all’incontro sarà importante.
Pertanto Lunedì 13 luglio alle ore 19 al Circolo Miani, in via Valmaura 77 (praticamente di fronte al Brico) ci troviamo per fare il punto delle iniziative, anche legali, e per organizzare la manifestazione per salvare la Pineta di Cattinara. E per prendere importanti, molto serie, decisioni.
Più siamo e meglio stiamo.




Comune Trieste. E la chiamano “manutenzione verde”.

» Inviato da valmaura il 9 July, 2020 alle 12:45 pm

Stamane in piazzale Giarizzole, Monte San Pantaleone, è in corso l'abbattimento di 11 alberi, quasi tutte Acacie, con epicentro il “Giardino Ondina Peteani”. Il committente dovrebbe essere il Comune di Trieste, il condizionale è d'obbligo perchè sugli avvisi appiccicati sui divieti di sosta provvisori piazzati in strada non c'è stampato alcun nome.
Si va dunque per deduzione, ovvero solo il Comune può emettere avvisi di divi
eto di sosta, ergo ….
Delle rigogliose ultradecennali (dai 50 ai 60 anni d'età) alberature l'aspetto precedente al massacro e la visione dei ceppi postumi denotano la loro totale salubrità, senza curvatura alcuna nello sviluppo.
Di queste, per onor di verità, una era spezzata e rinsecchita, accanto al alcuni reimpianti di nuove alberature, collocate all'incirca un anno fa, in stato agonizzante, praticamente senza foglie e quelle poche presenti accartocciate per evidente mancanza di irrorazione (chiamasi acqua).
A parte la considerazione che noi tutti, o quasi, saremo defunti quando questi “nuovi alberi”, posto che riescano a sopravvivere e ne purtroppo dubitiamo assai, raggiungeranno dimensioni e benefici effetti di quelli abbattuti.
Due ultime notazioni a margine.
Il parco giochi per i bimbi risulta sempre inaccessibile: delittuoso.
E uno dei “lavoranti” non ha gradito che noi scattassimo delle foto: lo abbiamo calmato con l'avviso che altrimenti avremmo chiamato le forze dell'ordine.
Quando si dice la professionalità.
Capite ora perchè è importante essere in tanti all'incontro pubblico di Lunedì 13 luglio, alle ore 19, al Circolo Miani in via Valmaura 77 a Trieste. Sempre che si voglia fermare questa mattanza, tra le altre cose, altrimenti piangere ed imprecare sui Social serve picca o nulla.

Per le foto si rimanda a Facebook Circolo Miani.




Riflessioni triestine.

» Inviato da valmaura il 8 July, 2020 alle 2:53 pm

Nuove ricorrenze e convivenza civile.

A sentire i commenti di politici ed istituzioni, che di storia capiscono come noi l’Aramaico, saranno le nuove ricorrenze a sancire la svolta epocale della convivenza in queste terre.
Forse non se ne sono accorti ma i rapporti tra italiani di madrelingua appunto italiana e quelli di madrelingua slovena, compresi i cittadini residenti anche nella vicina Repubblica sono molto ma molto più avanzati e normali di quanto
loro possano anche lontanamente supporre, anzi diremmo nonostante l’azione di una politica che brilla, oltre che per le strumentalizzazioni, per assoluta ignoranza.
Così come guardiamo con crescente preoccupazione la spocchia, che pensavamo finita vista la realtà di Trieste, di una “posa” culturale elitaria che si ritiene interprete di un malinteso spirito della città, che esiste solo nella loro presunzione e negli ambienti salottieri che frequentano, o dove ambiscono entrare.
Se non hanno ancora capito che i problemi che attanagliano i triestini sono molto più semplicemente brutali delle passerelle intellettuali autocelebranti così come i “premi” letterari o “giornalistici” che si auto assegnano, allora sono perfettamente inutili.




Trieste. Ma neanche nel Belucistan.

» Inviato da valmaura il 7 July, 2020 alle 10:53 am

Francamente ritenevamo che dopo il Dipiazza2 ed il Cosolini1 ed ultimo avessimo visto il peggio, in quanto a mera e semplice capacità amministrativa, anche nell'ordinaria amministrazione.
Ci eravamo sbagliati e di molto: questa terza Giunta Dipiazza che volge per fortuna al termine del suo mandato ha espresso il peggio del peggio. E questo vale pure per i componenti, senza distinzione di parte, del Consiglio Comunale: forse cinque o sei su 51 (giunta e consiglio) raggiungono a malapena la sufficienza.
La presenza femminile in Giunta poi è stata particolarmente disastrosa, a partire dalle assessore Lodi e Polli, di una terza subentrata in corso d'opera nessuno se ne è accorto, che dopo gli svarioni e le uscite mendaci in qualunque altra parte del Mondo le avrebbero rispedite seduta stante a casa.
La prima (delega ai Lavori Pubblici e Verde) è crollata sul verde pubblico e sui lavori di normale manutenzione del territorio, ed invece di nascondersi, scusarsi e cercare di rimediare ha accusato a destra e manca di attaccarla con Fake news, usando come megafoni stampa e tivù che nascondono la realtà e danno voce solo a lei.
Noi da tempo abbiamo rifiutato con la signora ogni incontro per non condividere con lei nemmeno lo spazio fisico di una sala riunioni, e poi con chi nega l'evidenza non c'è spazio per alcun confronto ma solo perdita di tempo.
Nella prima foto riportiamo un caso da manuale del comportamento dell'assessora.
Prima fa tappezzare di avvisi del Comune che annunciano “abbattimento alberi e potature” mezza città e poi se la prende con chi si mobilita per evitare la mattanza degli alberi accusandoli di “creare allarmismo e diffondere notizie false”. Come se gli avvisi, con tanto di delibera giuntale al retro, li avesse stampati ed affissi il Circolo Miani e non il Comune di Trieste. Cose da matti, appunto ma non a Trieste e per questa sottospecie di giornalismo che qui si pratica.
La seconda assessora Polli non sa letteralmente nulla delle cose che dice pubblicamente. Prima va in Settima Circoscrizione a decantare trionfante la visita fatta nel nuovo Depuratore fognario cittadino e risponde ad una domanda di una consigliera, eletta con la Lista civica No Ferriera Si Trieste, che “no, le vasche di decantazione del guano di di 205.000 triestini non saranno coperte”, poi mesi dopo “scopre” esattamente il contrario.
Fa una comparsata lunghissima a “Cloroformizza Trieste” dell'emittente di famiglia per smentire il suo podestà sulla pitturazione della cancellata di Viale Miramare, per cui la Regione stanzierebbe 150.000 euro dai fondi dedicati ai lavori socialmente utili, dichiarando papale papale che si era trattato di “una furbata di Dipiazza” perchè “sapeva benissimo che la cancellata che delimita l'intero Viale dal terrapieno di Barcola al Porto vecchio non è nostra (Comune) ma dell'Autorità Portuale” e che non ci possono essere contributi regionali perchè “i fondi erogabili ai comuni sono scaduti sei mesi prima”.
Neppure il tempo di rincasare che arrivano le pronte smentite del Porto e della Regione che scrivono, trattenendo a fatica le risa, che il Porto Vecchio è stato interamente, cancellata compresa, consegnato al Comune sei mesi prima con fastosa cerimonia di passaggio proprietà tra D'Agostino e Dipiazza. E la Regione ci mette il carico da novanta, rimproverando all'assessora a Città, Territorio, Urbanistica ed Ambiente, di ignorare che il contributo regionale è scaduto sì, ma per i comuni sotto i trentamila abitanti, per quelli sopra (Trieste ne conta 204.000 di residenti) non c'è limite di termine alcuno e dunque sono erogabili. Se poi aggiungiamo che è di sua competenza la vendita incauta (prima andava fatta una apposita variante al Piano Regolatore del Comune) della Fiera, che ha regalato a Trieste l'ennesima figura di cacca agli occhi degli investitori austriaci oltre a ritardare di due anni l'avvio dei lavori a Montebello, abbiamo scritto tutto.
E voi vi scandalizzate perchè il Comune di Trieste non sa di cosa sia proprietario sul territorio? Sarebbe da stupirsi casomai del contrario.



Trieste Comune. Tutto da ridere, se non fosse da piangere.

» Inviato da valmaura il 6 July, 2020 alle 1:56 pm

Oggi in una paginona sul piccolo giornale l'assessore al patrimonio Lorenzo Giorgi confessa candidamente che ancora oggi il Comune di Trieste non ha una puntuale evidenza degli immobili in suo possesso.
Insomma in parole normali l'Amministrazione comunale non ha un censimento aggiornato dei beni di sua proprietà (uffici, palazzi, stabili, terreni, appartamenti e via elencando).

Ogni tanto scoppia un caso, dalla Villa Haggiconsta alla ex Sacra Osteria, che finisce sulla stampa, che però, come nell'intervista odierna, si limita a darne notizia in cronaca ben guardandosi di fare un'inchiesta giornalistica che metta a nudo, con nomi e cognomi, le responsabilità politiche, amministrative e financo personali di questo sfascio.
Un disastro di incapacità amministrativa, fonte perenne pure di danno erariale sempre che a Trieste ci fosse una normale vigilanza della magistratura di controllo, che risale ai tempi biblici quando in Comune era Sindaco il pur bravo Marcello Spaccini.
Dunque una continuità dello sfascio che attraversa cinquanta anni di amministrazioni comunali di tutti i colori politici.
Ne avemmo testimonianza diretta come Circolo Miani quando in cerca di una nuova sede in centro città l'allora nostro Vicepresidente, notaio Arturo Gargano, un galantuomo, che era stato proprio assessore all'Economato (l'attuale Patrimonio) nella Giunta Spaccini ci accompagnò in Comune, allora guidato da Franco Richetti, nei suoi ex uffici e si sentì rispondere dalla direttrice del servizio con un triste sorriso “Assessore (lo chiamava sempre così anche dopo anni) la sa che non gavemo una lista dei nostri beni” e poi pescò fuori un dignitoso appartamento libero in Corso Saba che il Sindaco offrì al Circolo ad equo canone ma che allora rifiutammo perchè al terzo o quarto piano senza ascensore.
Ecco da allora le cose sono rimaste pressochè invariate a sentire la confessione di Giorgi.
Ma questa non era una “Giunta del fare”? Forse nel far deteriorare lasciando inutilizzati beni che potrebbero invece essere utilmente valorizzati per iniziative sociali o a vantaggio, anche abitativo, della nostra comunità.
Dunque da questo “dolce far niente”, che vale anche per i predecessori e per gli inerti consiglieri comunali di maggioranza ed opposizioni, a Trieste ci troviamo nell'immobilismo e nello spreco.
Ma di soldi nostri, si intende.




« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189 • Pagina 190 • Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Pagina 260Pagina 261Pagina 262Pagina 263Pagina 264Pagina 265Pagina 266Pagina 267Pagina 268Pagina 269Pagina 270Pagina 271Pagina 272Pagina 273Pagina 274Pagina 275Pagina 276Pagina 277Pagina 278Pagina 279Pagina 280Pagina 281Pagina 282Pagina 283Pagina 284Pagina 285Pagina 286Pagina 287Pagina 288Pagina 289Pagina 290Pagina 291Pagina 292Pagina 293Pagina 294Pagina 295Pagina 296Pagina 297Pagina 298Pagina 299Pagina 300Pagina 301Pagina 302Pagina 303Pagina 304Pagina 305Pagina 306Pagina 307Pagina 308Pagina 309Pagina 310Pagina 311Pagina 312Pagina 313Pagina 314Pagina 315Pagina 316Pagina 317Pagina 318Pagina 319Pagina 320Pagina 321Pagina 322Pagina 323Pagina 324Pagina 325Pagina 326Pagina 327Pagina 328Pagina 329Pagina 330Pagina 331Pagina 332Pagina 333Pagina 334Pagina 335Pagina 336Pagina 337Pagina 338Pagina 339Pagina 340Pagina 341Pagina 342Pagina 343Pagina 344Pagina 345Pagina 346Pagina 347Pagina 348Pagina 349Pagina 350Pagina 351Pagina 352Pagina 353Pagina 354Pagina 355Pagina 356Pagina 357Pagina 358Pagina 359Pagina 360Pagina 361Pagina 362Pagina 363Pagina 364Pagina 365Pagina 366Pagina 367Pagina 368Pagina 369Pagina 370Pagina 371Pagina 372Pagina 373Pagina 374Pagina 375Pagina 376Pagina 377Pagina 378Pagina 379Pagina 380Pagina 381Pagina 382Pagina 383Pagina 384Pagina 385Pagina 386Pagina 387Pagina 388Pagina 389Pagina 390Pagina 391Pagina 392Pagina 393Pagina 394Pagina 395Pagina 396Pagina 397Pagina 398Pagina 399Pagina 400Pagina 401Pagina 402Pagina 403Pagina 404Pagina 405Pagina 406Pagina 407Pagina 408Pagina 409Pagina 410Pagina 411Pagina 412Pagina 413Pagina 414Pagina 415Pagina 416Pagina 417Pagina 418Pagina 419Pagina 420Pagina 421Pagina 422Pagina 423Pagina 424Pagina 425Pagina 426Pagina 427Pagina 428Pagina 429Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 22 February, 2024 - 11:18 pm - Visitatori Totali Nr.