Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Trieste. “Già fatto?”
Roberto Dipiazza: “In tutti i miei anni da sindaco non ho mai avuto una condanna, questo significa che le cose le so fare”. Detta così può sembrare un atto di eroica competenza, ma …. se è per questo..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Par Condicio, postuma.
Utilizziamo la prima pagina di un quotidiano da sempre vicino al centrodestra (Il Tempo, di Roma) e che ha come direttore un eccellente giornalista: Franco Bechis. La vedete nella foto qui sotto.Poi due titoletti di altri giornali che..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 19

Che fare?

» Inviato da valmaura il 8 October, 2019 alle 12:34 pm

Sono 4655 i lettori che su Facebook hanno messo il loro “Mi Piace” alle nostre Pagine, a partire da quella principale Circolo Miani”, ed una cinquantina di più le “seguono”. Tra queste migliaia i “politici” di professione si contano su tre dita di una sola mano. E questo, se permettete, per noi è motivo di grande soddisfazione: noi ci rivolgiamo ai cittadini, alle persone normali che come noi vivono nella nostra comunità, Trieste e Regione FVG.

Siamo soddisfatti, ma non troppo, e vi spieghiamo il perchè.

Il nostro obbiettivo, da quando abbiamo aperto le nostre pagine su Facebook, oltre che un sito web qualche anno prima, era di offrire una informazione “diversa”, ovvero vera, da quella stantia, ufficiale e sottomessa ai voleri dei potentati politici ed economici che spacciano stampa, televisioni, anche quella che siamo obbligati a finanziare e che incredibilmente si definisce “servizio pubblico”, e agenzie dai nomi meno fantasiosi che operano sul web.

Ma una informazione sui temi di maggiore attualità ed interesse che non si limitasse solo a “denunciare” quello che gli altri nascondono ma anche a suggerire concrete e praticabili soluzioni ai problemi descritti. Ne è esempio concreto l'ultimo articolo sui tragici fatti accaduti nella Questura di Trieste, e che, ci fa piacere rilevare, ha ottenuto non pochi commenti di consenso ed adesione.

Altro particolare. A noi non interessa fare i “tifosi” di una parte piuttosto di un'altra.

Il nostro editore di riferimento siamo solo noi e la comunità dove viviamo. Gli unici interessi pertanto che rappresentiamo solo quelli dei cittadini, a partire da quelli che non trovano spazio e rappresentanza alcuna nell'opinione pubblica locale e regionale.

La nostra “diffusione” è per ora ancora di nicchia, ma una nicchia non proprio piccola visto che i dati settimanali e mensili forniti da Facebook ci accreditano dalle venticinquemila alle quarantamila persone “raggiunte”, ovvero lettori. Lo confermano indirettamente le migliaia di “mi piace” in calce ai singoli Post e le condivisioni degli stessi.

E tutto ciò nonostante la sistematica censura operata da stampa e televisioni che quotidianamente ricevono i nostri servizi. Ci consolano alcuni dati: uno per tutti le bassissime vendite del piccolo giornale (una media di settemila copie in città) nonostante si sia trasformato in un inserto pubblicitario dove i servizi a pagamento occupano più pagine della cronaca. Dovrebbero insomma pagare loro per farvelo prendere. Ed il calo costante dell'auditel di televisioni che sono oramai pura espressione dei capataz locali e regionali dei partiti.

Pertanto non ci stancheremo mai di invitarvi a mettere i vostri “Mi Piace” non solo agli articoli, che vi suggeriamo di “condividere” per allargarne la visione, ma soprattutto alle Pagine, a partire da quella Circolo Miani.

So che moltissimi di quelli che leggeranno queste righe lo hanno già fatto, ma se condividete, e non siete certamente obbligati a farlo sempre e comunque, e ci mancherebbe, lo spirito e gli ideali che ci animano vi invitiamo a “faticare per la causa”, come si diceva una volta. Ovvero ad invitare, con un messaggio, un'e-mail od altro, i vostri amici e conoscenti a mettere il loro “Mi Piace” ed a “seguire” le nostre Pagine. Solo così potremmo allargare la nostra “nicchia”, ed aumentare la nostra “tiratura”: le persone a cui Facebook, con criteri che ci sono ancora misteriosi, invia l'avviso dell'uscita di ogni nostro articolo quotidiano.

Se poi volete allargarvi, ricordate che dal 2007, per una nostra scelta: a tutela della nostra, e vostra, autonomia da qualunque pressione politica-istituzionale abbiamo rinunciato ad usufruire di ogni pubblico finanziamento (ben prima dunque del Fatto Quotidiano o dei 5Stelle), e pertanto oltre che sull'autofinanziamento spicciolo di volonterosi, ci è assai utile il contributo statale del 5 X 1000 attraverso le scelte che i cittadini fanno sulla dichiarazione, qualunque essa sia, annuale dei redditi. Al costo per loro di una sola firma.

Dateci dentro!

Maurizio Fogar

https://www.facebook.com/circolomiani/photos/a.1497907753813521/2569352466669039/?type=3&theater




Ragionando a mente fredda.

» Inviato da valmaura il 6 October, 2019 alle 2:13 pm

Profondo cordoglio ed umana solidarietà con i familiari a parte, su quello che è ri-accaduto in Questura va fatto un ragionamento serio, sempre che ciò sia possibile, e scevro da emozioni, che pure ci sono.
Nel 2014 era successo un caso analogo, proprio nell'atrio principale della Questura, dove un ventenne afghano sottratta la pistola ad un agente alla fine dopo pochi metri di fuga si era suicidato sparandosi alla tempia.
Ora due riflessioni andrebbero fatte subito, anche se ciò può essere scambiato per fredda logica, sulla preparazione professionale di coloro che portano per servizio un'arma e su come questa possa venir loro sottratta: con violenza, sorpresa ed altro, da terzi. E soprattutto in un ambiente protetto e che dovrebbe garantire precise norme di sicurezza: quale appunto una Questura od un Commissariato dovrebbero essere.
Servono a poco i “summit” serali delle autorità, o le dichiarazioni stentoree dei politici.
Sarebbe preferibile piuttosto l'emanazione tempestiva di alcune norme regolamentari da parte del Capo della Polizia. Oltre all'immediata fornitura agli agenti di fondine “antifurto”, che pure esistono e sono in commercio da anni.
La Questura, ma ciò dovrebbe valere per ogni stazione di Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza, dovrebbe essere un posto “sicuro” dove, al pari delle carceri (basta guardarsi un film americano o una puntata del Commissario Montalbano), gli operatori non girano armati. Ovvero le uniche armi sono in uso agli agenti che presidiano gli ingressi e sono addetti alla vigilanza esterna. Tutti gli altri operatori al momento del loro ingresso depongono l'arma in dotazione sotto chiave in una cassetta di sicurezza personale, o nell’armeria.
Poi in ogni Questura, a Trieste senza dubbio, esistono quelle che una volta si chiamavano “camere o cameroni di sicurezza” dove far attendere sospetti o indagati. Stanze chiuse dotate ovviamente dei servizi igienici e di sistemi di videosorveglianza, e più simili ad una sala d’aspetto che ad una cella visto che non sono destinati ad ospitare persone, ancora, colpite da un provvedimento restrittivo della magistratura.
Non spetta ovviamente agli agenti fare poi analisi psichiatriche o fisiche sullo stato di salute dei fermati, per questo urge la chiamata di un medico del Servizio Sanitario pubblico.
Se questo poco fosse stato operativo, a Trieste ed in Italia, oggi non saremmo qui a piangere le ennesime vittime ed ad ascoltare lacrime di coccodrillo da chi è stato Ministro degli Interni o Capo della Polizia.
E se questo è purtroppo successo a degli operatori di Polizia e Carabinieri, che hanno o dovrebbero avere una professionalità specifica ed accurata su uso e gestione delle armi di servizio, vengono i brividi a pensare cosa potrà accadere con le “pistole ai Vigili Urbani”.
Ma qui siamo purtroppo nella stantia propaganda elettorale, o nella diffamazione pura quando alcuni politici ed ex ministri dichiarano che questo è il risultato delle “continue campagne di diffamazione delle forze dell’ordine” (il riferimento al processo in corso contro i responsabili della morte di Stefano Cucchi, e dunque l’attacco alla magistratura, è palese).
Roba da TSO o da dittatura sudamericana.



Domande che non amiamo porci.

» Inviato da valmaura il 4 October, 2019 alle 12:35 pm

Da giorni tiene banco sulla cronaca di Trieste la notizia, triste, dell'esplosione in quel condominio mezzo abbandonato a se stesso a San Sabba. Un cinquantenne lotta tra la vita e la morte. Di lui sappiamo solo che è un “abusivo”, ovvero occupava un appartamento lasciato vuoto da tempo come quasi tutti gli altri in una casa di proprietà Ater, non avendo un tetto sotto cui dormire, e che aveva espresso, scrivendolo sui Social Forum, la “volontà di farla finita”. Così raccontano a stampa e TiVù gli abitanti del rione.
Quasi nessuno, “giornalismo” compreso, si pone la domanda più ovvia.
Perchè i Servizi Sociali del Comune, e quelli sanitari territoriali, non lo hanno saputo e comunque non sono intervenuti per tempo per accompagnare questa persona in un percorso di vita e non di morte?
La risposta è altrettanto ovvia, perchè a Trieste da tempo non esiste più un servizio sociale da “strada”, e perchè la professione di assistente sociale si è ridotta ad una funzione essenzialmente burocratica, insomma di passacarte. Carenza di personale e di mezzi? Anche, ma non solo, carenza pure di responsabilità professionale, o se preferite di “missione”, a partire dai dirigenti.
Chi ha scelto questa strada impegnativa dovrebbe sapere che deve confrontarsi quotidianamente con persone che vivono spesso in una solitudine disperata, aggravata da una povertà e conseguente emarginazione crescenti. A Trieste, questi “invisibili”, sono tanti, molti di più di quanto non dica l'elevatissima richiesta di redditi o pensioni di cittadinanza.
Non è facile mettere in strada la propria miseria e disperazione, non lo è per nessuno.
Questo fatto ricorda un episodio accaduto nel 2005 o giù di lì. Allora ne scrivemmo così.
“Il rivoltante degrado delle case Ater di San Giovanni alta, da via Capofonte in giù, grande spazio e scandalo su giornali e TiVù per l'incredibile morte di freddo e stenti di un residente in casa. Nonostante tutte le richieste di aiuto da lui fatte, ed anche di suoi vicini, nei mesi precedenti. Pensate morire così nell'anno di grazia 2005, non nella Mosca dei primi dell'ottocento ma a Trieste la candidata trombata all'Expò, la capitale morale di AlpeAdria, la città della Scienza e belinate simili.
Risultato: ne parlano, anzi ne gridano per alcuni giorni e poi signori si cala il sipario, la notizia è finita e dieci mesi dopo il Presidente Ater è sempre al suo posto, il direttore ASS idem e le case di via Capofonte e San Pelagio pure, nel loro ineguagliabile degrado, in attesa della prossima tragedia con locandina e apertura in prima di cronaca con le interviste dei soliti noti, che poi sono i responsabili di questa situazione, o no.”
Ora cosa possiamo imparare da questa tragedia?
Come istituzioni che a Trieste va immediatamente potenziato da parte di Regione e Comune il servizio sociale sul territorio, fuori e non dentro gli uffici. Fatto di ascolto, comprensione ed intervento. Che i mezzi non devono mancare.
Che i Distretti Sanitari territoriali devono essere potenziati e ramificati e non, come oggi, impegnati a lottare per la loro sopravvivenza.
Che l'Ater, ci rifletta il neopresidente Novacco, deve farsi parte diligente nel recupero di quella ingente parte del suo patrimonio immobiliare oggi lasciata sfitta ed abbandonata. E nel frattempo fatti quattro lavori di messa in sicurezza deve gestire gli spazi attuali, in attesa dei quattrini per ristrutturarli, per ospitare appunto le tante persone oggi senza casa.
Il problema non si risolve con le denunce in Procura, che per altro il Tribunale in passato ha quasi sempre sentenziato a favore degli “occupanti”. Il diritto alla casa sta scritto in Costituzione, non è dunque un “abuso” ma appunto un diritto. Casomai è chi non lo garantisce che commette un “sopruso” e si mette fuori legge.
Ma, come dicevamo nel titolo, tra qualche giorno si apre la Barcolana, ed allora la polvere, anche se composta da esseri umani, è meglio nasconderla sotto il classico tappeto di silenzi e sfoggiare il vestito della festa.
Appunto è meglio, anche purtroppo per molti di noi, non porci certe domande e far finta di non vedere, e soprattutto pensare.



Piove, governo ladro!

» Inviato da valmaura il 3 October, 2019 alle 11:03 am

Sembra impossibile ma invece è vero. Il “governo”, in questo caso comunale ed il colore c'entra poco, importa la responsabilità e la capacità, pare non si sia reso conto che a Trieste il clima è cambiato, e profondamente.

La città, il suo territorio, da anni oramai sono soggetti ad episodi meteorologici di tipo “monsonico”, ovvero a violenti e ripetuti acquazzoni spesso accompagnati da vento, non la classica Bora, che ogni volta inondano mezza città.

Per dirla, in via Valmaura dove ha sede il Circolo Miani, si forma un vero e proprio torrente d'acqua profondo una ventina-trentina di centimetri e largo alcuni metri, e dalla corrente violenta.

Ebbene neppure di fronte al ripetersi, a scadenza ravvicinata, praticamente ad ogni temporale, di tali “eventi” l'amministrazione riesce a metter mano (vedi la vicina Risiera).

E' vero che non c'è peggior cieco di chi non vuole vedere, ma allora andate al Rittmeyer e non al Comune.




Immaginate che ….

» Inviato da valmaura il 1 October, 2019 alle 11:52 am

Immaginate se i ripetuti atti di vandalismo, di tentata effrazione e devastazione che la sede del Circolo Miani è costretta a patire avessero avuto invece come bersaglio sedi di partiti e forze politiche-sindacali.
Sai le urla, le grida pubbliche, gli articoli ed i servizi televisivi, i commenti e le dichiarazioni di condanna e solidarietà che avrebbero tempestato l'opinione pubblica, e le misure preventive attuate da magistratura e forze dell'ordine.
Siccome capita ai “paria” del Circolo Miani solo silenzi, magari compiaciuti, e censure.
Non una novità almeno per noi, e se pensano di intimidirci con questi atti sbagliano di grosso.
Ci piace pensare che una parte di cittadini, ed almeno per i 4555 che hanno messo il “Mi Piace” alle nostre pagine su Facebook, la pensi come noi.
Resta il fatto che sono dei vili, gli autori di tali atti ed i loro mandanti morali, ovvero tutti quelli che stanno zitti.
Maurizio Fogar




« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18 • Pagina 19 • Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 17 February, 2020 - 2:05 pm - Visitatori Totali Nr.