Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Il neocomunismo. Attenti l'America, non la Cina, è vicina.
Il Bolscevismo ha nuovo volto e nuovi protagonisti. E' il Partito Democratico, che fu di Kennedy, Clinton ed Obama, il nuovo rappresentante dei Soviet. Alexandria Ocasio-Cortez è tra le personalità politiche “che combattono ricchezze e privilegi facendo cadere uno dei tradizionali..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

La morte: che noia.
Bruciarono il clochard per noia, il giudice non li condanna. Incredibile sentenza. Verona, all'epoca dei fatti, un anno fa, avevano 13 e 16 anni. La pena è stata sospesa. Si può uccidere per noia senza trascorrere un giorno in carcere. Si può tormentare..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 19

FERRIERA. Come rivolevasi dimostrare.

» Inviato da valmaura il 9 September, 2018 alle 9:48 am

Dalla stampa e TiVù locali solo censura e disinformazione. Dalla politica ed ascari di complemento solo chiacchiere vecchie e stantie. Dunque nulla di nuovo sotto ancora il caldo sole. Ma è bene che i cittadini della nostra Trieste, provincia e Regione si imprimano bene in testa che questi sono i veri responsabili, molto più di quelli che negli anni hanno guidato la Ferriera, di una vicenda che si trascina oramai da un ventennio esatto. I ruoli ed i nomi sono anche loro quasi sempre gli stessi. Cominciamo dall’asfittico e professionalmente assai mediocre panorama giornalistico (si, lo sappiamo: grida vendetta al cielo definirlo così) locale e regionale. Il piccolo giornale, TeleCamberquattro e la Rai regionale, hanno iniziato ridando per l’ennesima volta notizia della petizione anti area a caldo sottoscritta da milleduecento e passa cittadini che il comitato Nosmog ha ripresentato in Regione nelle accoglienti mani di Camber il Minore per distinguerlo dal pregiudicato Maggiore. Madrina Andrea Ussai dei 5Stelle. Facciamo un rapido confronto. Nel 2015 il Circolo Miani aveva raccolto 10.300 (diecimila e trecento) firme per la immediata chiusura della Ferriera e per il vincolo dei cospicui finanziamenti pubblici alla salvaguardia dei 400 posti di lavoro. Tutte le firme erano state raccolte in meno di tre mesi, d’inverno, in centinaia di manifestazioni settimanali in ogni angolo, piazza e via di Trieste, grazie alla collaborazione di decine di volontari del Circolo e presentando una galleria di gigantografie che ben riassumevano la situazione. La più partecipata, con la gente che faceva la fila per sottoscrivere ai tavoli, raccolta di firme “reali” (non virtuali via internet) dai tempi delle 68.000 della nascente Lista per Trieste. Con una unica concreta e non da poco differenza. Che né il piccolo giornale né TeleCamberquattro ne diedero mai notizia. Il Comune di Trieste (Cosolini sindaco), con il voto determinante del capogruppo di Sinistra, Sossi, ne impedì la discussione in Consiglio comunale. Uscimmo sulla stampa solo al momento della consegna della petizione all’allora Presidente del Consiglio regionale, Iacop, grazie al fatto che la nota stampa fu emanata dalla “potente” Regione. Poi solita procedura burocratica: auditi dalla Commissione competente allora guidata dal Consigliere regionale piddino Vittorino Boem, oggi dal minore dei Camber almeno fino a sentenza processuale (spese pazze) contraria, che si concluse con la frase di rito: “La commissione impegna la Giunta regionale ad intervenire nel senso richiesto dai 10.300 firmatari”; e decisione presa all’unanimità. Le stesse identiche parole usate oggi sulla stampa dalla Regione con l’unica differenza che oggi la decisione è stata presa “a maggioranza”. Forse perche poco più di 1200 firme odierne non hanno l’impatto delle 10.300 raccolte dal Circolo Miani. Ovviamente stampa e televisioni, stavolta anche Rai regionale, delle 10.300 sottoscrizioni non ne parlarono più. Si chiama “disinformatja” come la Pravda insegna. Ma almeno la Pravda non impone un canone d’abbonamento obbligatorio. L’altro eri abbiamo diffuso un Comunicato Stampa, come facciamo sempre, ad ANSA regionale, TG regionale, Redazione di Telequattro (i fratelli Camber sono appunto quattro), Redazioni Primorski e Piccolo, oltre alla Redazione delle Iene, che informiamo pressoché giornalmente. Si annunciava un fatto di rilevanza unica, anche a livello nazionale, che ripubblichiamo qui di seguito, e dove ogni parola ha una sua precisa importanza. In un quadro che se procederà, e lo verificheremo a partire dalla prossima settimana, rappresenterà una svolta fondamentale per la nostra comunità e l’avvio di soluzioni concrete sulla Ferriera. Con buona pace di enti di controllo, consulenti ed Arpe varie. Per non parlare dei politici comunali e regionali. Ovviamente nessuno dei "giornalisti" lo ha pubblicato. A proposito. A Stefano Patuanelli , per la terza volta chiediamo pubblicamente al capogruppo pentastellato al Senato perché non contatti il Ministro all’Ambiente Costa, indicato nel Governo dai 5Stelle, affinchè pianifichi, senza preavviso ovviamente, dei ripetuti controlli alle strumentazioni delle centraline Arpa di Trieste, tutte, per verificarne taratura e corretto funzionamento. Non ci pare cosa gravosa ma invece assai opportuna e concretamente utile. Vero è che lo chiedono i reietti del Circolo Miani e Servola Respira e non i pupilli di Ussai e Dipiazza, ma il suo indifferente silenzio inquieta non poco. Ed ora: FERRIERA. Certezze e percorso obbligato. Da leggere con attenzione. Martedì 4 settembre abbiamo avuto un incontro in Ferriera con i vertici aziendali. Per Romano Pezzetta di Servola Respira si trattava del quarto ingresso negli ultimi mesi. Si è concordato di dare il via a partire dalla prossima settimana ad una serie di sopraluoghi con la finalità di individuare una lista di suggerimenti operativi per ridurre l'impatto ambientale della produzione e contribuire in tal senso a migliorare la percezione da parte dei residenti nei quartieri circostanti l'insediamento industriale. Un percorso obbligato questo per risolvere concretamente e rapidamente quello che per decine di migliaia di cittadini, da Muggia a San Vito, a stare stretti, rappresenta la preoccupazione principale a tutela della qualità della vita e della salute. Obbligato anche perché è apparso oramai chiaro che dalla politica nulla ci si può attendere e che anche Massimiliano Fedriga, dopo Dipiazza, ha scelto molto semplicemente di non scegliere, ovvero ha deciso di non decidere. Al di fuori delle piroette del suo Assessore all’ambiente, Scoccimarro, ora anche affiancato dal “tutore” Stelio Vatta, persona per altro rispettabile, alla vicedirezione del suo assessorato con delega appunto “alla Ferriera”. E’ di tutta evidenza che sarà la proprietà a decidere quando e come cesserà la produzione dell’area a caldo. Percorso dunque tanto più obbligato e necessario per rendere tollerabile, con la forte riduzione dell’inquinamento acustico, e delle emissioni di vario tipo, al di là del rispetto formale dei limiti di legge, la presenza dello stabilimento con il territorio triestino e muggesano. Circolo Miani e Servola Respira, che nella persona di Romano Pezzetta, esprimono un patrimonio di conoscenze professionali e tecniche raro in Italia, dopo aver preso atto in oltre venti anni della non volontà di politica (tutta), istituzioni ed enti di controllo di affrontare e risolvere questa situazione. E dopo aver preso atto che la nuova proprietà è stata l’unica a raccogliere le indicazioni solo da noi espresse sulla necessità urgente di intervenire sull’Altoforno (sostituzione della Bocca e consolidamento del Crogiuolo), hanno ritenuto di avviare questo percorso che porti non a chiacchiere ma alla soluzione concreta dei problemi esistenti. https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521/2287255381545417/?type=3&theater Un vostro "Mi Piace" alla Pagina Facebook Circolo Miani ci sarà utile.


FERRIERA. Certezze e percorso obbligato

» Inviato da valmaura il 7 September, 2018 alle 10:14 am

Da leggere con attenzione. Martedì 4 settembre abbiamo avuto un incontro in Ferriera con i vertici aziendali. Per Romano Pezzetta di Servola Respira si trattava del quarto ingresso negli ultimi mesi. Si è concordato di dare il via a partire dalla prossima settimana ad una serie di sopraluoghi con la finalità di individuare una lista di suggerimenti operativi per ridurre l'impatto ambientale della produzione e contribuire in tal senso a migliorare la percezione da parte dei residenti nei quartieri circostanti l'insediamento industriale. Un percorso obbligato questo per risolvere concretamente e rapidamente quello che per decine di migliaia di cittadini, da Muggia a San Vito, a stare stretti, rappresenta la preoccupazione principale a tutela della qualità della vita e della salute. Obbligato anche perché è apparso oramai chiaro che dalla politica nulla ci si può attendere e che anche Massimiliano Fedriga, dopo Dipiazza, ha scelto molto semplicemente di non scegliere, ovvero ha deciso di non decidere. Al di fuori delle piroette del suo Assessore all’ambiente, Scoccimarro, ora anche affiancato dal “tutore” Stelio Vatta, persona per altro rispettabile, alla vicedirezione del suo assessorato con delega appunto “alla Ferriera”. E’ di tutta evidenza che sarà la proprietà a decidere quando e come cesserà la produzione dell’area a caldo. Percorso dunque tanto più obbligato e necessario per rendere tollerabile, con la forte riduzione dell’inquinamento acustico, e delle emissioni di vario tipo, al di là del rispetto formale dei limiti di legge, la presenza dello stabilimento con il territorio triestino e muggesano. Circolo Miani e Servola Respira, che nella persona di Romano Pezzetta, esprimono un patrimonio di conoscenze professionali e tecniche raro in Italia, dopo aver preso atto in oltre venti anni della non volontà di politica (tutta), istituzioni ed enti di controllo di affrontare e risolvere questa situazione. E dopo aver preso atto che la nuova proprietà è stata l’unica a raccogliere le indicazioni solo da noi espresse sulla necessità urgente di intervenire sull’Altoforno (sostituzione della Bocca e consolidamento del Crogiuolo), hanno ritenuto di avviare questo percorso che porti non a chiacchiere ma alla soluzione concreta dei problemi esistenti. https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521/2285907441680211/?type=3&theater


FERRIERA. La Regione prima diffida e poi ritira.

» Inviato da valmaura il 5 September, 2018 alle 8:13 pm

Ennesima figuraccia al TAR FVG: questa volta dopo i tonfi del Comune tocca alla Regione. Oggi il Tribunale Amministrativo Regionale, avrebbe dovuto discutere nel merito l’opposizione di Acciaierie Arvedi alla diffida regionale sui tempi di presentazione del progetto esecutivo dei lavori per la copertura, del tutto inutile ai fini dell’abbattimento delle emissioni inquinanti, dei parchi minerali della Ferriera. Ora in sintesi la legge prevede 60 giorni di tempo dall’approvazione del Progetto Definitivo , nel frattempo passata dopo la riunione al Ministero dell’Ambiente il 17 luglio scorso per competenza a Roma, per la presentazione del Progetto Esecutivo. Poiché il Progetto Definitivo non è stato approvato per l’applicazione di alcune modifiche richieste dagli Enti pubblici, non poteva avere alcun valore il decreto regionale di diffida verso Arvedi per il mancato rispetto dei sessanta giorni per la presentazione del Progetto Esecutivo. Morale della favola per evitare una sonora bocciatura, l’ennesima, da parte del TAR, la Regione FVG con decreto del 23 agosto ha cassato la precedente diffida e ritirato il suo decreto. Insomma giuridicamente hanno scherzato. Ma con i soldi nostri per le inutili spese legali, anche se pare che Acciaierie Arvedi siano intenzionate a rinunciare al pagamento delle spese fin qui sostenute. Nella foto. I due perdenti ma ridens. https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521/2285005115103777/?type=3&theater


Migranti, l’arma di distrazione di massa perfetta.

» Inviato da valmaura il 3 September, 2018 alle 3:24 pm

Tralasciamo per un attimo le vicende nazionali e concentriamoci sulla nostra Regione e sul Comune di Trieste. Una premessa indispensabile: da tempo tutti gli addetti ai lavori hanno capito che il tema della “sicurezza e dell’immigrazione” sono i cavalli di battaglia che fanno vincere, o perdere, le elezioni. Ed in un Paese dove si vota ogni anno (nel 2019 elezioni Europee e tornate amministrative anche nel FVG) su questo, in particolare per la Lega, si è in campagna elettorale permanente. Torniamo a noi dunque. Basta leggere i giornali che abbiamo la sfortuna di trovarci e idem dicasi per le televisioni, per avere conferma che la nuova Amministrazione regionale a guida Fedriga-Roberti, ed il relativamente “nuovo” vicesindaco triestino, Polidori, che di Dipiazza da tempo oramai si sono perse le tracce, per quattro mesi solo di questo hanno parlato e su questo agito. A partire dal continuo acquisto di telecamere, da fondi regionali dirottati sulla “sicurezza”, alle ronde comunali, vicesindaco in testa, contro” bivaccatori e panchinari”, ma solo se nel “salotto buono” triestino. Di altro e su altro niente, se si esclude qualche generica promessa che non si nega mai a nessuno, od inutili dichiarazioni a mass media appecoronati. Da Ferriere ai Pronti, si fa per dire, Soccorsi, dall’emergenza dell’italianissima povertà al degrado infinito dei quartieri, dalla crisi ospedaliera alla decadenza dei servizi sociosanitari territoriali, e via discorrendo, ed a parte la rottamazione delle UTI a cui nessuno importa, nulla si è fatto e quasi nulla parlato. E’ il “nero” che fa tendenza e, si spera, voti. In tutti i sensi: dal colore della pelle a quello politico, con tutte le varianti cromatiche del caso. Se poi trovi oppositori che sembrano creati apposta per farti vincere, e non solo in politica, voilà il gioco è fatto. Si proprio un’arma di distrazione di massa pressoché perfetta, fin che dura. Nella foto: un ancor giovane ed imberbe Matteo che accompagna personalmente una pregiudicata, tale Lubamba, direttamente dalla discoteca al confino. https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521/2283675915236697/?type=3&theater


FERRIERA. Il nulla fatto Scoccimarro.

» Inviato da valmaura il 1 September, 2018 alle 1:22 pm

Si potrebbe pure titolare “Salvate il soldato Scocci” ma sarebbe improprio perché si “salva” chi vuole esserlo, e qui invece siamo all’accanimento terapeutico. L’ultima uscita dell’Assessore regionale all’Ambiente (SignoreIddio!!!) di oggi su stampa e TeleCamberquattro, è un guazzabuglio di cui non si capisce nulla, salvo che questi (Scoccimarro, Fedriga e la loro claque di sigle monocellulari che di “anti” nulla hanno a che vedere), giocano a favore del “Re di Prussia”. Ripresentano quell’indagine sanitaria, abortita in partenza per l’esiguissimo numero di campionature tra Trieste e Monfalcome: 153, ma costata la bellezza di 250.000 euro (500 milioni delle vecchie lirette) per 1634 euro a persona! I cui risultati erano da tempo stranoti e pubblicati, ma al piccolo giornale hanno la memoria atrofizzata per non parlare poi della Rai regionale e della televisione di casa Camber. Senza per altro ricordarne gli esiti (a Servola e Monfalcone l’aria è più pulita che ad Opicina. Come la reputazione del CRO di Aviano su questo è inversamente proporzionale ad un ambulatorio di iniezioni). E facciamo ancora fatica a capire come il responsabile di questo centro oncologico sia stato chiamato a far da relatore da Ussai ad un infelicissimo convegno dei 5Stelle in Regione sulla Ferriera, per di più in pessima compagnia. Poi, attorniato dagli “ambientalisti” a far da tappezzeria, l’assessore Scoccimarro si imbroda quanto loda da solo, rivendicando che “l’ultima prescrizione alla Ferriera l’hanno fatta in un dozzina di giorni, ferragosto compreso” e che sudavano da pazzi sfiancati dal torrido caldo africano che l’aria condizionata era rotta. Prescrizione contro gli spolveramenti che arriva “solo” dopo 17 anni e dodici giorni: dunque a tempo di record, e per di più parziale quanto inutile. Ecco noi vorremmo che su questi non pochi quattrini come sugli 85.000 e passa euro pagati dal Comune per i legali ed il consulente del Sindaco Dipiazza, vista la morta gora delle inesistenti opposizioni, la Corte dei Conti FVG trovasse il tempo per buttare gli occhi, visto che sono soldi, e non pochi, dei cittadini. Cosa non si fa per finire su stampa e televisioni compiacenti quanto smemorate per far vedere che non si fa nulla. Se noi fossimo in Siderurgica Triestina in Arvedi li ringrazieremmo offrendo loro un caffè e basta, che di più non valgono. https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521/2282219655382323/?type=3&theater



« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18 • Pagina 19 • Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 16 February, 2019 - 10:48 am - Visitatori Totali Nr.