Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Laminatoio a caldo e “giornalismo” a freddo.
Le sorprese della censura talvolta sono anche divertenti. ..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Trieste Verde. A cosa diciamo no!
Dicemmo no alla progettata Centrale a Carbone nel Vallone di Muggia, battaglia vinta..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 183

Navi Bianche a Trieste.

» Inviato da valmaura il 16 August, 2020 alle 4:00 pm

Bene, anzi benissimo che le principali compagnie crocieristiche abbiano scelto a partire da settembre, insomma tra tre settimane, il Porto di Trieste come scalo e tappa.
Ma questo impone, vista la centralità dell’attracco (Stazione Marittima) e la frequenza settimanale anche di due navi di accelerare il percorso di elettrificazione dei servizi di bordo, ovvero di far spegnere i motori delle navi dal momento dell’approdo a quello della ripartenza necess
ari per garantirne il funzionamento, e collegare il sistema di bordo ad un terminale di energia elettrica posizionato in banchina, onde evitare il prodursi dei due inquinamenti più rilevanti proprio in centro città.
Ovvero quello provocato dalle emissioni a base soprattutto di zolfo in uscita dai fumaioli e quello acustico causato dal rombo delle macchine motrici in particolare durante la notte. Oltre ovviamente ad una adeguata preparazione al fine di evitare l’intasamento del traffico stradale su tutte le Rive.
Certo andrebbe anche meglio pensato, alla luce di un trasferimento definitivo a Trieste del polo crocieristico fino a ieri con base a Venezia, la strutturazione e l’adeguamento del Porto Vecchio a Terminal oppure altra destinazione da individuare in Porto Nuovo.
Ma intanto vanno poste in essere subito quelle misure che permettano a Trieste di godere pienamente di questa nuova situazione senza costringere la nostra comunità a pagare alti prezzi in termini di salute e qualità della vita.
Pretendere che le nostre forze politiche si occupino di questo è chiedere la Luna, anche perché sono troppo impegnate nelle polemiche da asilo su “chi ce l’ha più lungo” ovvero sul rinfacciarsi il merito di questa nuova situazione. Di cui in realtà non ne hanno alcuno che il trasferimento, si confida non temporaneo, è stato motivato dalla forte mobilitazione dei Veneziani contro i “mostri” sul Canal Grande ed in parte minore dalle conseguenze create dalla pandemia.
Ma vallo a spiegare a questi pigmei microcefali.
La parola, e soprattutto l’iniziativa, passa ora all’Autorità Portuale che, come approfondito nel recente confronto con Zeno D’Agostino, non potrà che vederci collaborare pienamente.



Ospedali e Pronto Soccorso. Azienda Sanitaria datti una mossa!

» Inviato da valmaura il 15 August, 2020 alle 1:38 pm

Servono poco o nulla le paternali su di un uso eccessivo dei pronti soccorsi da parte dei triestini, esso denota solo una cosa: il sostanziale fallimento da anni delle misure alternative predisposte dai vari vertici della sanità triestina e regionale.
Per cui ci risparmino almeno la “morale” e si rimbocchino le maniche.

Razionalizzino al meglio questa situazione e prendano tutti i provvedimenti necessari per rendere la risposta sanitaria efficace ed efficiente, visto che ora grazie alle misure post Covid possono assumere personale ed implementare le strutture. Come ripensare la stessa collocazione di un’ adeguata struttura “prime cure” in centro città e non sui monti, ed aperta 24h su 24.
E comincino innanzi tutto a sbloccare la lunga lista d’attesa nei distretti territoriali e nei reparti specialistici per analisi e controlli sospesi da mesi. Che oltre al Coronavirus ci sono le “solite” patologie da curare e seguire, e di tempo se ne è già perso troppo.
L’ assistenza sul territorio si fa in tempi accettabili solo se si ha il personale, e le strutture, necessari alla bisogna e questo, e non da oggi, non accade. E le responsabilità non sono dei “pazienti” ci pare.
Altrimenti datevi all’ippica che la salute evidentemente è cosa troppo seria per voi.



Trieste. Come buttare i soldi.

» Inviato da valmaura il 14 August, 2020 alle 1:10 pm

Pare che ultimamente le amministrazioni triestine si siano specializzate nel gettare letteralmente i soldi, pubblici, in opere e soprattutto progetti, che costano e non poco pure loro, assolutamente superflui ed inutili. L'apripista il quasi milione sprecato per i bidoni, di nome e di fatto, a scomparsa in Corso Italia.
Vediamone alcuni. Ponte Curto in Canale Ponterosso, opera fondamentale per collegare due zone desertificate (da un lato uffici
della Regione, dall'altro il vuoto di retro Palazzo Carciotti): 800.000 e passa euro.
Rifacimento piazza Libertà, rinnovata non molti anni fa e che andava benissimo com'era: quasi 5 milioni di euro.
Abbattimento Sala Tripcovich: per cosa? Spostamento di neanche cento metri della statua della tormentata “Sissi” al modico costo di 500.000 euro.
Stauta del Vate con vista su dieci bottini di immondizie in Piazza della Borsa (si chiama “turismo culturale”: declami “settembre andiamo è tempo di migrare” mentre butti le scovazze) con annessa deserta mostra al Salone dei “fantasmi”: altri 500.000 eurini lira più, lira meno.
Parco del Mare defunto: non nascerà mai ma intanto i dieci milioni immobilizzati alla Camera di Commercio accompagnano a sicura morte molti suoi associati.
Ovovia che Dio solo sa quanto verrebbe a costare se mai si facesse e che si inserirà armoniosamente nel panorama urbanistico sette/ottocentesco del Borgo Teresiano, Bora permettendo.
Per non parlare del business che ruota attorno alla disgraziata Piscina Terapeutica, come nei progetti la nuova “plaja de Sol” di Porto Vecchio. Per il carnevale di Rio stanno meditando di ripescare la Copacabana della rifatta Riviera barcolana.
Spostamento vorticoso di uffici pubblici nel progetto “trasloco continuo”: dalla Regione al Comune muovono tutto nella logica di un “risparmio” che solo loro vedono aumentando a dismisura le volumetrie in Porto Vecchio che è si capiente ma tra poco bisognerà interrare mezzo Golfo.
Poi ti spiegano che tanto non sono soldi di Comune e Regione, una pietosa balla, e che sono quattrini dello Stato con l'aggiunta di qualche spicciolo europeo. Come se il bilancio dello Stato, e dell'Europa, non lo pagassero i cittadini ma fosse un omaggio di Bill Gates in vena di generosità.
Che poi per ospedali, servizi sociali, ed altre futili sciocchezze non ci sia un euro di avanzo (quel che resta se ne va a partire da novembre nelle prossime luminarie al modico costo di altri 500.000 euro) poco importa.
L'importante è che nella “loro” Trieste turistica questo mondo rimanga invisibile.
A proposito: meglio un'Ovovia domani o il Tram di Opicina oggi?



Mendaci !

» Inviato da valmaura il 13 August, 2020 alle 2:24 pm

O se preferite bugiardi, truffaldini o quanto altro.
Da un anno a questa parte, conscio delle proteste, talvolta preventivamente utili come quella da noi organizzata in viale Romolo Gessi e non solo, il Comune ha cambiato tattica comunicativa.
Ovvero sugli avvisi posti sui divieti di sosta temporanei è passato dal terroristico “Abbattimento alberi e potature” al più rassicurante, e financo poetico, “manutenzione alberature ed aree verdi e posa a dimora nuove essenze arboree”. Infatti l'ordinanza, perpetua a questo punto, del sindaco porta la data del 14 novembre 2019.
Ma ovviamente il risultato non cambia: brutali quanto nove volte su dieci ingiustificati abbattimenti di alberi pluridecennali di ogni tipo.
Fermiamoci un attimo. Prima che le “nuove essenze arboree” raggiungano l'altezza degli alberi tagliati ci metteranno almeno tre decine di anni, ed altrettanto per offrire i benefici all'ambiente nella lotta all'inquinamento.
Altra cosa da imparare, noi che per il Comune è un particolare inesistente, come insegnano gli agronomi, quelli seri non i raffazzonati, tre volte su quattro gli alberi cosiddetti “malati” o “a rischio caduta” si possono efficacemente curare e rimettere in piena salute e sicurezza ad un costo che è mille volte più basso di quello sostenuto per abbatterlo e sradicarlo, oltre naturalmente a tutto il resto.
Punto interessante per i saccenti da computer che sparano perizie dalle foto di tronchi mozzati: il cerchio scuro che il più delle volte si vede sul ceppo o sui tronchi non è “malattia” della pianta ma al contrario è la pigmentazione determinata dal rilascio da parte dell'alberatura, sanissima, di una sostanza che serve a rendere più duro e sicuro il tronco quando cresce nei confronti di eventi atmosferici particolarmente violenti.
E veniamo alle “nuove essenze arboree”. Intanto ne vengono reimpiantate in misura irrisoria rispetto agli abbattimenti: ne volete una conferma? Andate a passeggiare sul Colle di San Giusto, il Parco della Rimembranza conta oramai più ceppi di piante abbattute e mai sostituite che pietre del ricordo dei caduti triestini. Oppure se preferite all'interno dell'ex ospedale di San Giovanni.
Poi un terzo, e probabilmente è un calcolo per difetto, delle “nuove essenze” durano l'espace d'un matin: come ama dire Hercule Poirot, ovvero meno che una stagione perchè rinsecchiscono e muoiono per mancanza di irrigazione e manutenzione. Vedi prime due foto.
Dunque a conti fatti questa mattanza continua viene a costare, tralasciando i danni alla salute ed alla qualità della vita di noi triestini, al Comune, ma tanto paghiamo noi, molto più di quanto una attenta conservazione e manutenzione del patrimonio verde.
Ed allora perchè questi incapaci amministratori (Cosolini e Dipiazza pari sono stati e sono) lo fanno?
Per favorire le congiure degli artefici del 5G? Scordatevelo, i padroni pagano chi se lo merita ed a questi al massimo possono offrire un caffè ma al banco. Ed allora perchè?
Molto semplicemente per due banalissime ragioni.
La prima per incapacità, ignoranza e pigrizia. La seconda si collega ai soldi: più appalti e gare, anche se piccoli, si fanno e più girano appunto i soldi, e più questi da pubblici diventano privati, in tutti i sensi.
E dunque spetta a tutti noi fermarli e Trieste Verde può essere lo strumento giusto ma dipende solo da voi.

Le foto sulla pagina facebook Circolo Miani.




Un caso esemplare dello sfascio comunale.

» Inviato da valmaura il 12 August, 2020 alle 11:33 am

Ennesima cementificazione in Campo Marzio.

Il Tar condanna il Comune di Trieste a pagare 17.500 euro per le spese di giudizio e la parcella legale della controparte, rigettando il ricorso del Comune sulla vendita della prima grande aiuola, con alberi e sempreverdi che costeggia l’inizio di viale Romolo Gessi, da parte del Demanio ad un privato cittadino che la vuole trasformare in un parcheggio per autovetture.
Potrebbe sembrare l’enn
esimo caso di cementificazione e distruzione di alberi e verde in centro città invece è la cartina di tornasole per misurare la cosiddetta “efficienza” di questa, e le precedenti, amministrazione comunale.
Il Comune di Trieste infatti ricorre al Tar asserendo che il Demanio non poteva vendere a chicchessia un bene che dal 1945 non è più di sua proprietà avendolo appunto ceduto al Comune di Trieste.
Peccato che gli Uffici comunali non siano stati in grado di dimostrarlo producendo in Tribunale un semplice atto che ne certifichi la sua proprietà. Perché gli uffici non sono ancora riusciti a trovarlo, anche se giurano che c’è. E la cosa si trascina da anni ed anni (Cosolini sindaco).
Poi l’amministrazione Dipiazza ha deciso di non presentare ricorso, e dunque di pagare: tanto i soldi sono i nostri mica i loro, e di preparare una eventuale azione civile escludendo altre ipotesi come l’esproprio per pubblica utilità od, ipotizziamo, una variantina al volo del Piano regolatore. Sempre che l’azione non arrivi a babbo morto, ovvero a parcheggio già costruito.
Ora quale sia l’impreparazione giuridica di chi predispone un atto senza avere in mano la “prova regina” è di tutta evidenza, come lo è lo stato di caos che regna nella burocrazia comunale. Ameno che, talvolta a pensar male si fa peccato ma ci si azzecca, il tutto non sia stato una sceneggiata, per giunta costata a noi oltre 17.000 euro, per dimostrare ad una opinione pubblica giustamente indignata ed allarmata per la continua mattanza di alberi e verde in Trieste, che il Comune aveva tentato ma il fato cinico e baro aveva voluto diversamente.
Un quadro sconfortante che conferma appieno quanto da noi scritto nell’illuminante articolo precedente, e rafforza la necessità di fare rapida pulizia nel Comune di Trieste e conferma appieno le ragioni che hanno spinto molti cittadini a far nascere Trieste Verde.





« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182 • Pagina 183 • Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Pagina 260Pagina 261Pagina 262Pagina 263Pagina 264Pagina 265Pagina 266Pagina 267Pagina 268Pagina 269Pagina 270Pagina 271Pagina 272Pagina 273Pagina 274Pagina 275Pagina 276Pagina 277Pagina 278Pagina 279Pagina 280Pagina 281Pagina 282Pagina 283Pagina 284Pagina 285Pagina 286Pagina 287Pagina 288Pagina 289Pagina 290Pagina 291Pagina 292Pagina 293Pagina 294Pagina 295Pagina 296Pagina 297Pagina 298Pagina 299Pagina 300Pagina 301Pagina 302Pagina 303Pagina 304Pagina 305Pagina 306Pagina 307Pagina 308Pagina 309Pagina 310Pagina 311Pagina 312Pagina 313Pagina 314Pagina 315Pagina 316Pagina 317Pagina 318Pagina 319Pagina 320Pagina 321Pagina 322Pagina 323Pagina 324Pagina 325Pagina 326Pagina 327Pagina 328Pagina 329Pagina 330Pagina 331Pagina 332Pagina 333Pagina 334Pagina 335Pagina 336Pagina 337Pagina 338Pagina 339Pagina 340Pagina 341Pagina 342Pagina 343Pagina 344Pagina 345Pagina 346Pagina 347Pagina 348Pagina 349Pagina 350Pagina 351Pagina 352Pagina 353Pagina 354Pagina 355Pagina 356Pagina 357Pagina 358Pagina 359Pagina 360Pagina 361Pagina 362Pagina 363Pagina 364Pagina 365Pagina 366Pagina 367Pagina 368Pagina 369Pagina 370Pagina 371Pagina 372Pagina 373Pagina 374Pagina 375Pagina 376Pagina 377Pagina 378Pagina 379Pagina 380Pagina 381Pagina 382Pagina 383Pagina 384Pagina 385Pagina 386Pagina 387Pagina 388Pagina 389Pagina 390Pagina 391Pagina 392Pagina 393Pagina 394Pagina 395Pagina 396Pagina 397Pagina 398Pagina 399Pagina 400Pagina 401Pagina 402Pagina 403Pagina 404Pagina 405Pagina 406Pagina 407Pagina 408Pagina 409Pagina 410Pagina 411Pagina 412Pagina 413Pagina 414Pagina 415Pagina 416Pagina 417Pagina 418Pagina 419Pagina 420Pagina 421Pagina 422Pagina 423Pagina 424Pagina 425Pagina 426Pagina 427Pagina 428Pagina 429Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 22 February, 2024 - 9:48 pm - Visitatori Totali Nr.