Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Laminatoio a caldo e “giornalismo” a freddo.
Le sorprese della censura talvolta sono anche divertenti. ..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Trieste Verde. A cosa diciamo no!
Dicemmo no alla progettata Centrale a Carbone nel Vallone di Muggia, battaglia vinta..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 182

5G. Imparare no?

» Inviato da valmaura il 18 May, 2020 alle 11:33 am

Non saranno mica tutti complottisti manovrati dalla Spectre?
Il buonsenso non ha confini se non nei cervelli dei nostri amministratori.

“Pericolo legittimo”. E’ ufficiale: anche la Slovenia ha fermato il 5G!
Hanno vinto i manifestanti, gli attivisti Stop 5G. Almeno per ora. La notizia battuta dalle agenzie stampa di Lubiana sta facendo il giro del web, eccola su OASI SANA in esclusiva per l’Italia: dopo la moratoria triennale cantonale in Svizzera, anche la Repubblica di Slovenia ha ufficialmente bloccato l’Internet delle cose. La posizione slovena, membro dell’Unione Europea a differenza degli elvetici, è stata adottata per valutare con più attenzione le criticità del 5G nell’impatto su ambiente e salute pubblica. Al contrario di quanto ha fatto l’Italia nel 2018 con l’AgCom, vendute al buio le nuove frequenze del 5G all’asta di governo, cioè senza valutazione preliminare d’impatto ambientale e sanitario!
L’Agenzia per le reti e i servizi di comunicazione (AKOS) della Repubblica di Slovenia (ente normativo che regola i settori delle comunicazioni) è stata infatti incaricata di fermare l’assegnazione dello spettro di frequenze 5G. La moratoria slovena è sostenuta dal Ministro sloveno della pubblica amministrazione Rudy Medved, che nella divisione della comunità medico-scientifica sugli effetti biologici delle inesplorate radiofrequenze ha optato per l’adozione del principio di precauzione: “Sono consapevole che non troveremo una risposta definitiva, dato che non ce n’è stata una a livello globale. La tecnologia 5G non è stata stabilita nella pratica nella misura in cui gli studi potrebbero produrre risultati in base ai quali potremmo dire in modo conclusivo che il 5G è completamente innocuo “. La decisione è scaturita dopo che il Ministero della Pubblica Amministrazione aveva convocato una consultazione pubblica sulla sicurezza delle tecnologie 5G insieme a Gregor Kos, presidente del partito politico non ideologico Per una società in buona salute e Igor Šajn dell’organizzazione di consulenza ecologica Biologia e Costruzione. L’incontro, previsto di quattro ore, alla fine è durato sei ore. Sul sito del partito sloveno si legge: “Divieto dell’uso della tecnologia wifi negli asili, nelle scuole, negli ospedali, nelle case di cura e nella seconda fase di tutte le istituzioni pubbliche. Moratoria sull’introduzione del 5G basata sul principio di precauzione, grazie a ricerche scientifiche sufficienti per dimostrare gli effetti negativi delle radiazioni elettromagnetiche sulla salute umana, sulla natura e sull’ambiente“. Da qui lo stop in tutto il paese!
Classe 1959, laurea in giornalismo, eletto nel 2018, per Medved le preoccupazioni della popolazione slovena sulla nocività della tecnologia 5G sono quindi legittime. Il ministro ha duramente criticato l’operato dell’agenzia delle telecomunicazioni AKOS (cioè come se in Italia lo stesso venisse fatto ad esempio dal Ministro della Salute verso il rapporto negazionista dell’Istituto Superiore di Sanità) sostenendo che gli elaborati sulla strategia di lancio delle frequenze 5G sono inadeguati, al punto da chiederne la rimozione dall’agenda del governo: “All’ultimo momento c’erano così tante critiche al documento – ha riferito Medved alla stampa slovena – che l’abbiamo rimosso dall’agenda per consentire ulteriori riflessioni“.
Le critiche contro l’AKOS partono dal presupposto che il suo studio non include i rappresentanti dei ministeri della salute, dell’ambiente e della pubblica amministrazione e, di conseguenza, la strategia di lancio del 5G in Slovenia non tiene sufficientemente conto degli aspetti sanitari. Mica uno scherzo. “Riteniamo che la leadership dell’agenzia dovrebbe assumere un ruolo più proattivo per chiarire il più possibile gli aspetti sanitari“.
C”è pero un particolare che farebbe della Slovenia un caso simile al governo di Bruxelles-Capitale in Belgio, dove l’ex ministro regionale all’ambiente Celine Framault nel 2019 annunciò la moratoria sul 5G a ridosso delle elezioni, prima di perdere la poltrona e mandare in fumo l’adozione cautelativa.
Infatti alla fine di Gennaio 2020 Marjan Sarec, primo ministro sloveno, si è dimesso: a breve quindi ci saranno nuove elezioni politiche. E la questione 5G pare tutt’altro che definitivamente tamponata. Ma mentre si infuoca la campagna elettorale, martedì 10 Marzo 2020 è previsto un dibattito di esperti scientifici internazionali per un maxi-evento sugli effetti sulla salute e sull’ambiente del 5G. Proprio come organizzato in Italia dall’Alleanza Italiana Stop 5G alla Camera dei Deputati, di Montecitorio il convegno si svolgerà nel Consiglio Nazionale sloveno cioé la Camera Alta del parlamento nel Palazzo dell’Assemblea Nazionale di Lubiana. Prevista la trasmissione in diretta della televisione nazionale del paese.
L’attuale posizione slovena è comunque analoga a quella adottata in Spagna dall’organo governativo Difensore del Popolo, mentre la pericolosità del 5G è già stata affermata in Danimarca da una consulenza legale richiesta sempre dall’istituto nazionale di sanità pubblica. Infine in Olanda la fondazione Stop 5G ha annunciato di ricorrere alle vie legali contro la decisione del governo olandese di implementare il 5G senza valutazione ambientale e sanitaria: “non è stato adeguatamente studiato per i rischi per la salute. Il gruppo ha affermato che gli studi condotti su 2G, 3G e 4G hanno mostrato effetti dannosi per l’uomo, gli animali e le piante e che l’aumento dell’intensità di radiazione per il 5G avrà un impatto importante sulle persone e sull’ambiente.”




Gli sciacalli (politici) del Covid-19.

» Inviato da valmaura il 16 May, 2020 alle 2:19 pm

Di fronte ad una tragedia mondiale nella quale tutti, dal mondo della medicina e scienza a quello della politica e dell’opinione pubblica, erano impreparati il nostro Governo è riuscito, tra errori e incertezze quasi sempre inevitabili in questa situazione del tutto nuova, a fare meglio di tanti altri.
Ha per primo deciso una cosa responsabile, si è affidato agli “operatori di settore” ovvero a medici e ricercatori.
Ora tale avveduta scelta viene rinfacciata da taluni politici (regionali e nazionali) in cerca disperata di visibilità e consensi dopo le catastrofi accadute nelle Regioni che disamministrano.
La tecnica è sempre la stessa: passano con una disinvoltura incredibile, confidando nella storica mancanza di memoria degli italiani e nell’assenza di un giornalismo libero e professionale, dal “chiudere tutto all’aprire subito”. Imputano, vedi il duo Fedriga-Bini, al Governo di non aver predisposto di già i “protocolli”, insomma le istruzioni, per le categorie commerciali che loro vorrebbero riaperte da ieri e non dal 18 maggio come prudentemente Conte ha indicato, anche per valutare, con i tempi dell’incubazione pandemica, gli effetti sulla salute della “riapertura” avviata il 3 di questo mese. Ma si sa, solo gli imbecilli (da queste parti: i mone) non hanno incertezze.
Ovviamente ci aggiungono, per pararsi le terga, i vari Fedriga, Fontana, Cirio, Zaia, Toti e pure il Bonaccini, e lasciamo perdere il caso umano della Santelli, la formuletta di rito “ma in sicurezza”.
Poi sullo stesso piccolo giornale due passi più in là tocca leggere una paginata di proteste dei dipendenti pubblici del FVG (13.000 e passa: la più grande azienda, con la sanità, della Regione) contro i vertici Regionali (Fedriga, Bini, eccetera) per non aver ancora predisposto i “protocolli”, ovvero le misure, per i lavoratori degli enti pubblici. Ci entrerebbe per responsabilità anche il sindaco di Trieste, qualora la città ne avesse uno. Enti pubblici che dopo due settimane non sono stati capaci ancora di dare risposta alla richiesta di incontro sul tema avanzata dai sindacati. Insomma la classica parabola della pagliuzza e della trave.
Poi c’è il buon uomo di Riccardi che ora esplicita i suoi dubbi sulla genialata della nave Lazzaretto (l’ha detto all’entusiasta suo Presidente?) e scarica la croce sul suo braccio destro Poggiana (che è abituato oramai a sopportarne di peggiori) e sui “tecnici” dell’Azienda sanitaria triestina.
Ultima cosetta: fa un po’ tanto schifo vedere la follia adolescenziale delle “movide” riprendere imperturbabile, quando magari i “nonni” sono ancora in fila all’obitorio in attesa di essere cremati.
Ma lo schifo è tutto farina del nostro sacco: questi sono il “prodotto” della nostra società di cui forse ora dovremmo un tantino vergognarci.
Un’ultima curiosità. Il Questore ha fatto identificare gli “800 partecipanti” come riporta la stampa, dell’assembramento-comizio di ieri in piazza Unità per le sanzioni e le denunce di rito? Oppure perché erano strumentalizzati dalla destra erano giustificati a farlo, come hanno farneticato i pigmei microcefali nei confronti della settanta persone (“zecche sinistre e comuniste ai quali tutto è permesso”) presenti il Primo Maggio in Campo San Giacomo.
Così un tanto per equità, vero Patronzi e Valente?
Post scriptum. Noi, purchè nel rigoroso rispetto delle norme di distanziamento sociale e protezione, siamo favorevoli ad ogni assembramento di tipo sociale, culturale e politico. I “pigmei” non sappiamo.

 https://www.facebook.com/circolomiani/photos/a.1497907753813521/2774648832806067/?type=3&theater




Io sono fatto così.

» Inviato da valmaura il 15 May, 2020 alle 12:22 pm

Ed a 66 anni pare difficile che possa cambiare.

Talvolta sono rimproverato di eccessivo rigore ed intransigenza, tipo il fatto che io non accetti di condividere neppure il saluto con persone che disistimo, né sia disponibile ad accettare incontri con loro.
Eppure ritengo che i cittadini questo si aspettino da un politico, in senso pieno del termine: una delle cose che ha sempre infastidito, ed ha determinato il suo progressivo allontanamento da “questa” po
litica, la gente normale è vedere questi esponenti di maggioranza ed opposizione scannarsi in aula, arrivare quasi alle mani, e poi andarsene tranquillamente al bar a bere assieme, insomma a finire “a tarallucci e vino”.
Scriveva Giorgio Bocca quando fece l'ultima intervista al generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, a meno di sette giorni dal suo feroce assassinio da parte della mafia, che alla sua domanda di come mai il Prefetto di Palermo, cioè lui, facesse vita monacale e non partecipasse ad alcuna iniziativa pubblica, mondana o celebrativa che fosse, Dalla Chiesa gli rispondesse in questo modo. Non partecipava ad incontri pubblici, dalle prime a teatro ai tagli di nastri inaugurali perchè mai avrebbe voluto correre il rischio, per lui inaccettabile moralmente, di condividere uno spazio o peggio ancora salutare personaggi disonesti o collusi con la criminalità organizzata.
Ecco io, molto più modestamente, mi sono imposto questa regola che mi porta a dire che se mai fossi invitato da organi di stampa che mi hanno censurato ed escluso da venti anni, e non perchè sia giudicato esteticamente non di loro gradimento, a riapparire sulle loro pagine o sui loro schermi anche quotidianamente, non avrei dubbi nel declinare ogni invito che proviene da chi ha fatto dell'informazione non il “quarto potere” dei cittadini ma lo stuoino della servitù ai potenti di turno.
Questa politica è l'arte del compromesso, ed in parte lo posso capire, ma i principi non lo sono mai, oppure non sono principi ma opportunismi.
Maurizio Fogar

https://www.facebook.com/circolomiani/photos/a.1497907753813521/2773927799544837/?type=3&theater




Abbattuti entro oggi i 18 alberi a San Giusto.

» Inviato da valmaura il 14 May, 2020 alle 2:07 pm

Ma prima permetteteci di ricordare quanto scritto nelle “Informazioni” di questa Pagina Facebook Circolo Miani: “Questa pagina è severamente vietata ai lecchini e inciucioni dei politici. Ai piagnoni di professione, ai servi per vocazione ed ai dementi. Astenersi perditempo e provocatori.”
Così ci si risparmierà di dover cestinare i distratti, categoria che avevamo omesso di citare.
Torniamo alla mattanza. Ne siamo stati i primi a segnalare la notizia mesi e mesi orsono, siamo intervenuti sul posto, quando il Covid-19 non era comparso, tappezzando di volantini informativi la zona, il nostro legale, accompagnato da un consulente universitario, ha incontrato pure l’assessore Lodi (Verde pubblico), incontro al quale Maurizio Fogar non ha ritenuto di partecipare per non condividere neppure lo spazio fisico di una stanza con un amministratore che non dice la verità: tutto inutile.
E lo sapevamo in partenza: con amministrazioni comunali, anche quella Cosolini ne ha tagliato a centinaia, di alberi, desertificando Piazzale De Gasperi, che non mostrano altro interesse che disboscare il territorio e lasciare nel degrado più assoluto giardini e aree verdi non ci sono spazi di discussione né confronto.
Anzi, oltre a perdere tempo e farsi zimbellare si fornisce a questi politici l’alibi della disponibilità e responsabilità. Va evidenziato che su questa come su altre mattanze di alberi proseguite indisturbate anche negli ultimi mesi i limiti imposti dalle norme antiCoronavirus non sono mai esistiti. Se ci sono settori dove la crisi economica indotta dall’emergenza non ha prodotto effetto alcuno, anzi, questi sono proprio quelli delle ditte, o cooperative, dei “taglialegna” e dei montatori di ripetitori ed antenne per la telefonia.
Da rimarcare il totale silenzio ed assenza dei politici di ogni colore, a dimostrazione che opposizioni e maggioranza uguali sono e prima Trieste si libererà di questi incapaci, e siamo gentili, meglio sarà per tutti.
Ne prendiamo atto e proseguiamo sulla strada, per certi versi obbligata in questa fase, cioè nelle impossibilità imposte dalle misure di prevenzione, di intensificare le campagne di informazione dei cittadini, anche tenendo conto del silenzio dei “media” pubblici e privati locali, e le azioni legali.
Per questo abbiamo bisogno del supporto “attivo” dei nostri lettori: lo abbiamo scritto fino alla noia, per aumentare la diffusione delle notizie, la “tiratura” della Pagina su Facebook non c’è altra strada che implementare il numero dei “Mi Piace” a questa Pagina. E questo spetta a voi ed è un contributo importantissimo quanto utilissimo in questa fase: vale quanto e più di una firma in calce ad una petizione, e gli “osservatori politici” che sempre ci guardano con crescente preoccupazione la prima cosa che notano sono proprio i numeri.
A questa politica interessano solo due cose: i soldi, che certamente non abbiamo, ed i voti, ovvero i numeri.
Verrà, ci auguriamo a breve, il momento in cui potremo organizzare, come in passato, le assemblee e le manifestazioni pubbliche e lì sarà il momento della verità per la nostra comunità: ovvero il numero dei partecipanti.
“Pagheranno caro, pagheranno tutto” era un motto dei movimenti studenteschi post 1968, frase che ritorna quanto mai di attualità ora.



Orpo che Arpa ! Chi controlla il 5G.

» Inviato da valmaura il 13 May, 2020 alle 10:48 am

5G e Regione FVG

Breve storia dell’Ente regionale a cui è preposto, tra le altre cose, il rilevamento dell’inquinamento elettromagnetico (5G e predecessori) sul territorio della nostra Regione, a partire da Trieste.
Istituita con legge regionale nel 1998 ad applicazione di una legge dello Stato, all’inizio l’Arpa FVG si avvale prevalentemente del personale, transitato in essa, proveniente dal Dipartimento di Prevenzione e Medicina del Lavoro delle Aziende Sani
tarie.
L’Agenzia Regionale dipende in tutto e per tutto dall’Assessorato regionale all’Ambiente che propone in Giunta la nomina dei suoi vertici (centrali e dei dipartimenti provinciali). Non è un segreto per nessuno che essi cambino ad ogni mutare di maggioranza politica in Consiglio Regionale. Per pudore i suoi dirigenti vengono definiti di “area politica” a cui fanno riferimento.
Non c’è stata praticamente indagine e procedimento giudiziario aperto dalle magistrature della Regione per inquinamento che non abbiamo visti tra gli indagati alti dirigenti e funzionari dell’Arpa. E già questo non depone molto a favore di un ente di controllo “terzo” ovvero pagato, e non poco, dai cittadini per tutelare la loro salute e l’ambiente.
Interessante notare che facendo riferimento al controllo sul 5G l’Arpa scriva che in occasione di una verifica fatta su di un unico impianto in Regione essa ha rilevato dati sulle emissioni perfettamente sotto i limiti fissati dall’attuale legge, peccato poi che aggiunga che il ripetitore in questione sia praticamente inattivo vista la quasi assenza di utilizzo della nuova tecnologia.
Cominceremo a puntate a pubblicare le cronache di alcuni di questi non commendevoli casi apparsi negli anni scorsi sulle nostre pagine. Giusto per rinfrescare la memoria sulla credibilità, pari allo zero, che l’Agenzia regionale si è guadagnata nell’opinione pubblica, politici ovviamente a parte.

Muggia come Lourdes. Ho visto la Madonna ma non la provetta.

Iniziamo con un episodio che l’attuale direttore generale Arpa dovrebbe ben ricordare, visto che c'era..
Unico ed irripetibile. Il processo intentato alla allora proprietà della Lucchini-Ferriera, anni prima che Arvedi si affacciasse a Trieste, per inquinamento delle acque del Vallone di Muggia-Golfo di Trieste. Presiede il giudice monocratico Vascotto.

Il tutto si basa su di un (si badi bene: uno) prelevamento delle acque antistanti la Ferriera, le cui analisi davano per assente solo l’acqua di mare.
Ad un certo punto del dibattimento la difesa chiede che venga prodotta in aula la provetta con, chiamiamola, l’acqua; insomma la prova principe, il referto dell’accusa.
Il giudice invita il tecnico dell’Arpa che aveva appena testimoniato in aula a ripresentarsi dopo quindici giorni con il campione in oggetto e aggiorna la seduta di due settimane.
Alla ripresa del processo si fa avanti il tecnico dell’Arpa per comunicare, visibilmente imbarazzato, che non si riesce più a trovare la provetta con il campione prelevato.
La difesa ovviamente insiste, è un suo diritto dopotutto.
Il giudice rinvia ancora l’udienza di 15 giorni ed invita perentoriamente l’Arpa a cercare meglio ed a portare in aula la provetta campione.
Dopo due settimane al posto del tecnico si presenta il Direttore dell’Arpa Trieste per comunicare, a testa bassa ed espressione contrita, che la provetta era andata … rotta ed il campione si era pertanto perso.
La conclusione del processo? Ovvia e scontata, chiusura per archiviazione e tutti contenti.
Dagli atti processuali e testimonianze dei giornalisti presenti, non parto di fantasie e facili ironie.
Insomma l’acqua del Vallone di Muggia come quella di Lourdes: una sola volta nella vita e poi basta.





« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181 • Pagina 182 • Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Pagina 260Pagina 261Pagina 262Pagina 263Pagina 264Pagina 265Pagina 266Pagina 267Pagina 268Pagina 269Pagina 270Pagina 271Pagina 272Pagina 273Pagina 274Pagina 275Pagina 276Pagina 277Pagina 278Pagina 279Pagina 280Pagina 281Pagina 282Pagina 283Pagina 284Pagina 285Pagina 286Pagina 287Pagina 288Pagina 289Pagina 290Pagina 291Pagina 292Pagina 293Pagina 294Pagina 295Pagina 296Pagina 297Pagina 298Pagina 299Pagina 300Pagina 301Pagina 302Pagina 303Pagina 304Pagina 305Pagina 306Pagina 307Pagina 308Pagina 309Pagina 310Pagina 311Pagina 312Pagina 313Pagina 314Pagina 315Pagina 316Pagina 317Pagina 318Pagina 319Pagina 320Pagina 321Pagina 322Pagina 323Pagina 324Pagina 325Pagina 326Pagina 327Pagina 328Pagina 329Pagina 330Pagina 331Pagina 332Pagina 333Pagina 334Pagina 335Pagina 336Pagina 337Pagina 338Pagina 339Pagina 340Pagina 341Pagina 342Pagina 343Pagina 344Pagina 345Pagina 346Pagina 347Pagina 348Pagina 349Pagina 350Pagina 351Pagina 352Pagina 353Pagina 354Pagina 355Pagina 356Pagina 357Pagina 358Pagina 359Pagina 360Pagina 361Pagina 362Pagina 363Pagina 364Pagina 365Pagina 366Pagina 367Pagina 368Pagina 369Pagina 370Pagina 371Pagina 372Pagina 373Pagina 374Pagina 375Pagina 376Pagina 377Pagina 378Pagina 379Pagina 380Pagina 381Pagina 382Pagina 383Pagina 384Pagina 385Pagina 386Pagina 387Pagina 388Pagina 389Pagina 390Pagina 391Pagina 392Pagina 393Pagina 394Pagina 395Pagina 396Pagina 397Pagina 398Pagina 399Pagina 400Pagina 401Pagina 402Pagina 403Pagina 404Pagina 405Pagina 406Pagina 407Pagina 408Pagina 409Pagina 410Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 8 August, 2022 - 9:49 pm - Visitatori Totali Nr.