Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Laminatoio a caldo e “giornalismo” a freddo.
Le sorprese della censura talvolta sono anche divertenti. ..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Trieste Verde. A cosa diciamo no!
Dicemmo no alla progettata Centrale a Carbone nel Vallone di Muggia, battaglia vinta..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 181

Trieste e 5G. Almeno noi non dimentichiamo !

» Inviato da valmaura il 27 August, 2020 alle 3:18 pm

Parliamo, e non da oggi, noi, dalla nuova tecnologia telefonica, il 5G ponendo, almeno per Trieste dei punti fermi.
In una cornice europea in continuo mutamento (prima la UE raccomanda agli Stati membri la “massima precauzione” nell'adottare il 5G, poi fa parziale marcia indietro, ed infine “contrordine” di nuovo afferma che ci vogliono nuovi, plurimi ed approfonditi studi e ricerche scientifiche sull'eventuale impatto su salute ed ambiente. Spiazzando pure l'Italia che si era sbilanciata nel decreto governativo a rassicurare, e vietare ai sindaci (oltre 550) di continuare ad emettere ordinanze di moratoria.
Pertanto a livello istituzionale: palla di nuovo a centrocampo. E dunque riaperta la possibilità, proprio appellandosi alle ultime decisioni europee, ed altrimenti con un ricorso alla Corte Costituzionale sulla preminenza dell'articolo 32 (tutela della salute, bene primario) e sul ruolo di Ufficiale Sanitario di cui i Sindaci sono investiti fin dal lontano 1934, di emettere ulteriori provvedimenti da parte dei Primi Cittadini (dove esistano e non ci pare questo il caso di Trieste).
Scendiamo nel Friuli Venezia Giulia dove sono una dozzina i Comuni ad aver interdetto la sperimentazione 5G a partire da quelli di Udine e Sacile.
Ma il dato preoccupante è la posizione di preminenza ed unicità affidata all'ARPA fvg, che dipende dall'assessore regionale all'ambiente, ed abbiamo detto tutto, sui controlli delle emissioni e dei campi elettromagnetici prodotti dalle installazioni di telefonia mobile, a cominciare da quelle preesistenti (3/4G).
A parte il divertente comunicato ufficiale dove l'Arpa rassicura che le misurazioni fatte sul praticamente unico impianto 5G in Regione sono ampiamente sotto i limiti di legge, aggiungendo a suo involontario discredito, che però l'impianto in questione è pressochè inattivo, resta il fatto acclarato da anni ed anni che la credibilità di quest'organo di controllo, e degli assessori regionali che lo guidano, agli occhi dei cittadini del Friuli Venezia Giulia, è pari a zero,
Anche perchè non c'è praticamente inchiesta giudiziaria passata e presente per reati ambientali che non veda qualche funzionario, anche apicale, dell'Arpa fvg indagato o rinviato a giudizio.
Ma l'Arpa nella sua infelice nota dice anche un'altra cosa, e molto importante: ovvero l'escamotage, insomma il Cavallo di Troia, di nome e di fatto, offerto ai politici locali e alle imprese di telefonia.
Dove stabilisce che i Comuni prima di concedere nuove licenze edilizie di costruzione di ripetitori e antenne per il 5G, devono attendere il nullaosta tecnico dell'Arpa stessa, di cui la domanda di costruzione deve essere corredata.
Ma, aggiunge una riga sotto la stessa nota Arpa, nel periodo iniziale detto “sperimentale” gli operatori della telefonia installeranno i diffusori del segnale 5G sugli attuali esistenti impianti e ripetitori in uso per il 3/4G. Esimendo dunque imprenditori e politici dalla necessità di richiedere e concedere nuove licenze costruttive.
Ed è per questo che nella passata primavera-estate, almeno a Trieste c'è stata una vera e propria corsa degli operatori telefonici a costruire o potenziare tantissimi ripetitori ed antenne (formalmente 3/4G) addirittura saturando interi quartieri della città (vedi San Giacomo), e ben oltre ai limiti di legge per i campi elettromagnetici per lo scattare dell'effetto “cumulo”. Pare noto a tutti meno che all'Arpa fvg.
Rimane sempre in attesa di una risposta vera, non di quelle posticce mandate dal Comune, la richiesta di moratoria del 5G sul territorio comunale inoltrata da un avvocato per conto del Circolo Miani.
E resta stupefacente l'assoluto unanime silenzio che su questo argomento, così importante e sensibile per la salute dei cittadini e per l'ambiente, hanno mantenuto TUTTE le forze politiche presenti in Consiglio comunale ed in quello regionale. Ecco un'altra delle fondate regioni che ci porta a dare vita a Trieste Verde.
Va anche detto, così risparmiamo commenti inutili e dibattiti scientifici su questo articolo, che noi ci siamo presi la briga di chiedere la moratoria 5G, ed un piano regolatore per ripetitori ed antenne per le frequenze telefoniche, per eliminare l'attuale Far West di impianti stile Antenna Selvaggia, anche a tutela delle sempre più persone soggette ad “elettrosensibilità”, al Comune, non per pregiudiziale ostilità al “progresso”, ma semplicemente animati da quel buonsenso che dovrebbe ispirare l'operato di qualunque pubblico amministratore o di chi ricopre ruoli di responsabilità nei confronti della nostra comunità.
Partendo da un dato di fatto inoppugnabile allo stato delle cose: ovvero l'assenza della matematica certezza che questa nuova tecnologia sia assolutamente innocua a persone e cose, ed in attesa di un verdetto definitivo da parte del mondo scientifico, il saggio preferisce attendere prima che piangere poi.



Trieste. La mattanza degli alberi e della verità.

» Inviato da valmaura il 26 August, 2020 alle 2:57 pm

Mentono in due, e dei due quello che è più grave, ma diremmo a Trieste consueto, è che il piccolo giornale faccia propria senza alcuna verifica o riscontro la macroscopica bufala comunicata dal Comune. Si chiama “etica e professionalità” vero?
E devono essere proprio alla frutta, o se preferite alla disperazione, a Palazzo Cheba, se sentono il bisogno di ricorrere al giornalismo amico, prono e sempre disponibile, per ridare, m
a stavolta con una intera mezza pagina, esattamente la stessa notizia pubblicata cinque giorni orsono. Della serie “repetita iuvant”. Già questo fa sbellicarsi dalle risa e conferma quanto temano i risultati da noi ottenuti.
Leggete qua: “In media ogni anno si abbattono 90 alberi e altri 40 vengono eliminati perchè disseccati o resi instabili”. Scrivono i giuggioloni e riportano i giullari.
Ma forse intendevano dire 130 (il totale) al MESE e non all’anno. Basta leggere, quando si riesce, gli stessi elenchi, parzialissimi, forniti dal Comune. Infatti solo al boschetto dell’ex Opp, nonostante l’opposizione della Circoscrizione, a conferma dell’inutilità di questi enti così come sono, ne hanno fatto secchi 186 in una botta sola. E nell’elenco di febbraio i morituri erano 72, a luglio 55, ma solo sulla carta si intende. Per gli altri mesi non sappiamo ma vediamo quel che riusciamo.
“Disciplina ed onore” scrive la nostra Costituzione sull’obbligo comportamentale a cui sono tenuti gli amministratori pubblici, ovviamente Trieste esclusa.
Guardate un po’ qua la foto. Questo era un boschetto, in via Flavia all’Automarocchi (ex Ezit) ora non c’è più. Una spianata di cemento.
La seconda è la "pulizia" in Val Rosandra.
Ma in Comune erano distratti come il “giornalismo” domacio.
Trieste Verde: il giusto antidoto contro questa banda di sventurati.

https://www.facebook.com/circolomiani/photos/pcb.2867833930154223/2867833750154241/?type=3&theater




E scusate se è poco.

» Inviato da valmaura il 25 August, 2020 alle 3:10 pm

 

L'articolo su Facebook “Il disastro del verde a Trieste. La mattanza degli alberi.” ha per ora totalizzato i seguenti numeri: 73.200 lettori diretti con 11.500 interazioni, e 6000 visite ad altri articoli sulla Pagina.
I “Mi Piace” diretti sono allo stato attuale, in cui scriviamo, 444 ed altri 2350 sono apposti sulle Condivisioni. E questo senza calcolare i numeri sulle altre quattro nostre pagine e sulle condivisioni delle condivisioni, che a noi non arrivano.
Le condivisioni dirette sono per ora 626 e 812 i commenti nel totale parziale.
Fate conto che un numero almeno triplo di lettori avrà letto l'articolo sulle condivisioni, e siamo prudenti. Senza contare i 140 nuovi “Mi Piace” a questa nostra Pagina.
Dunque un risultato cosiddetto “virale” anche se in questi tempi il termine ci piace assai poco.
Un buon auspicio di sicuro per Trieste Verde, che se mai decidessimo di presentare alle prossime elezioni comunali del maggio 2021 garantirebbe la vittoria piena al primo turno e senza passare per il ballottaggio. Ma questi sono, e ce ne rendiamo conto, discorsi prematuri e tanticchia azzardati.
Ma di sicuro questi numeri, che fanno impallidire quelli di stampa e televisioni locali, sono molto promettenti e ci confortano a proseguire con maggior determinazione il nostro impegno.
D'altronde è quasi impossibile non farlo quando si parla di fatti concreti che riguardano la nostra vita, il nostro benessere e salute, ed il nostro futuro prossimo, molto prossimo.

https://www.facebook.com/circolomiani/photos/a.1497907753813521/2867073453563604/?type=3&theater




Alberi a Trieste. Esposto-Denuncia.

» Inviato da valmaura il 24 August, 2020 alle 2:32 pm

Procura della Repubblica Tribunale di Trieste.

Lo scrivente Maurizio Fogar a nome e per conto del Circolo Miani espone a questa Procura quanto segue.
In data 12-13 aprile 2020 sulla stampa locale, e con rilevante evidenza, l'assessore comunale al Verde pubblico, Elisa Lodi, dichiarava che non essendoci a Trieste lo spazio adeguato si era deciso di “applicare” le leggi statuali: Cossiga-Andreotti n.113 del 29 gennaio 1992, rafforzata dalla successiva n.10 del 14 gennaio 2013, che dispongono che ogni amministrazione comunale con più di 15.000 residenti (Trieste ne conta quasi 205.000) pianti un nuovo albero per ogni neonato, oppure adottato, iscritto all'anagrafe comunale, al seguente modo.
Premesso che nell'anno 2019 risultavano 1200 ed oltre neonati iscritti alla stesso Ufficio anagrafico.
Orbene l'assessore Lodi nella sua dichiarazione affermava che con delibera (n.132/2020) della Giunta comunale guidata dal sindaco Roberto Dipiazza, in data 10 aprile il Comune aveva stabilito di piantare due soli nuovi alberi, uno per genere (maschile e femminile) al posto dei dovuti per legge 1200 per il solo 2019, come apparso sul quotidiano locale, mentre su altri siti il numero saliva a 14, ovvero due per ogni Circoscrizione, che nel Comune sono sette. Comunque ben lontani dal numero di nuove piantumazioni stabilito per leggi.
Tutto ciò è avvenuto senza che il Prefetto di Trieste nella sua veste di Commissario del Governo per la Regione Friuli Venezia Giulia, che tra i suoi compiti ha anche quello di vigilare sugli enti locali per il rispetto e l'applicazione delle leggi dello Stato, avesse nulla da obiettare o rilevare.
Quanto sia discutibile la giustificazione della mancanza di spazi adeguati nel territorio comunale avanzata dalla Lodi e ribadita nella delibera giuntale, è del tutto pacifico.
Basti solo ricordare che annualmente l'ufficio diretto dalla Lodi, direttamente o indirettamente, dispone l'abbattimento di centinaia di alberature, decisioni sulle quali il Circolo attraverso uno studio legale ha chiesto inutilmente l'accesso agli atti, e che sulle 18 schede peritali (obbligatorie nel valutare le condizioni delle piante da tagliare) inerenti alberi di pregio di 60/70 anni di vita dei quali veniva disposto l'abbattimento sul Colle di San Giusto, in un terzo delle stesse era assente alcuna diagnosi e nelle rimanenti essa compariva nella sola parola “deperito”.
Va altresì rilevato che buona parte delle piante tagliate non trova sostituzione con nuove paritarie piantumazioni (è sufficiente un breve sopralluogo nel parco della Rimembranza a San Giusto o nel parco dell'ex Ospedale psichiatrico di San Giovanni per averne puntuale conferma attraverso la visione di decine e decine di ceppi di alberi tagliati e mai sostituiti).
Va pure osservato che anche quando nuovi alberelli vengono piantati quasi un terzo degli stessi rinsecchiscono e muoiono nel giro di due stagioni per carenza di manutenzione, con per altro un evidente danno erariale per le casse comunali sul quale sarebbe bene che questo Ufficio provvedesse a segnalare un tanto alla Magistratura contabile del Friuli Venezia Giulia.
Con richiesta di essere informato sull'evolversi di questo atto, anche in caso di richiesta di sua archiviazione.
Cordiali saluti
Maurizio Fogar.




Il silenzio dei colpevoli.

» Inviato da valmaura il 23 August, 2020 alle 1:53 pm

Che qui di “innocenti” non se ne vedono: a sinistra, tra i 5Stelle e tantomeno a destra.
Per non parlare degli “intellettuali” pronti a discettare su ogni cazzata che odori di premio o riconoscimenti impomatati.
Trieste 23 luglio 2020. Servizio Sociale Comune di Trieste.
“Non disponibilità di budget economico a copertura dell'intervento richiesto”.
L'importo “richiesto” era di una rata (551 euro) del mutuo Unicredit per non perdere l'appartamento e vederselo andare all'asta giudiziaria, ed il proprietario in strada.
Andiamo per ordine.
I Triestini sanno che in città un quarto delle famiglie vive (scusateci l'eufemismo) in povertà assoluta o relativa? Cioè con sussidi (da reddito di cittadinanza o surrogati) e pensioni che non superano i 500 euro al mese quando va bene?
I Triestini che si stracciano le vesti per i mesi di clausura passata hanno la capacità di immaginare cosa questa ha significato per nuclei familiari costretti a vivere chiusi in appartamenti di 50 metri quadri quando il grasso cola?
I Triestini sanno cosa significa la povertà? No, non quella dei migranti, ma quella di migliaia di concittadini che non si possono permettere nemmeno un caffè al bar, che di vacanze hanno perso la memoria, che della pizza non ricordano più il gusto, e che fanno la spesa, quando possono, contando i centesimi?
A voi lettori sembra facile recuperare il coraggio, superare quel senso di vergogna che questa società impone chissà perchè ai poveri onesti e non ai ricconi disonesti, e mettere in piazza, rendere di pubblico dominio la propria condizione rivolgendosi ai servizi sociali o a qualche fondazione privata per chiedere aiuto?
Senza per altro quasi mai riceverlo e con trafile burocratiche prive di qualunque rispetto per la dignità umana (vedere le centinaia di persone accalcate nello stanzone a piano terra dell'assessorato guidato da Grilli in via Mazzini dove anche chi passava per strada vedeva e sentiva le problematiche e le spesso strazianti storie personali dei convenuti). Con le/gli assistenti sociali, viene quasi repulsione a scriverne la qualifica, a fare da semplici passamoduli o travet da studio ragionieristico, con una rara arroganza espressa dai vertici dei Servizi, ingiustamente privati del Mocio Vileda.
Se mai avessimo scelto quella “mission” come attività lavorativa ci rifiuteremmo di firmare simili comunicazioni, scenderemmo in piazza davanti al Municipio e grideremmo che la nostra dignità professionale, oltre che la nostra umanità, non ci consentono di sottoscrivere certi atti, di assistere inermi ai drammi esistenziali che questi comportano.
E diremmo a questa politica di guano che amministra Trieste che la vita dei suoi concittadini vale molto ma molto di più delle luminarie natalizie (600.000 euro), di mostra e statua del Vate, che se fosse vivo probabilmente sarebbe d'accordo con noi (altri 600.000 eurini), o lo spostamento di cento metri della statua della bullizzata Sissi (per altri 500.000 euro).
Cari Dipiazza, Fedriga, Menis, Grilli, Cosolini-Russo, Rumiz, la prossima volta si fa a cambio: voi vi fate il “lockdown”, che scriverlo in inglese scorre meglio come con la vaselina, in un monolocale di via Grego, ai “Puffi”o al Serpentone di Valmaura, ed i poveri a casa vostra.
Ma non preoccupatevi nessuno li noterà: sono invisibili in questa città.
Ed è anche per questo che nasce Trieste Verde.




« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180 • Pagina 181 • Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Pagina 260Pagina 261Pagina 262Pagina 263Pagina 264Pagina 265Pagina 266Pagina 267Pagina 268Pagina 269Pagina 270Pagina 271Pagina 272Pagina 273Pagina 274Pagina 275Pagina 276Pagina 277Pagina 278Pagina 279Pagina 280Pagina 281Pagina 282Pagina 283Pagina 284Pagina 285Pagina 286Pagina 287Pagina 288Pagina 289Pagina 290Pagina 291Pagina 292Pagina 293Pagina 294Pagina 295Pagina 296Pagina 297Pagina 298Pagina 299Pagina 300Pagina 301Pagina 302Pagina 303Pagina 304Pagina 305Pagina 306Pagina 307Pagina 308Pagina 309Pagina 310Pagina 311Pagina 312Pagina 313Pagina 314Pagina 315Pagina 316Pagina 317Pagina 318Pagina 319Pagina 320Pagina 321Pagina 322Pagina 323Pagina 324Pagina 325Pagina 326Pagina 327Pagina 328Pagina 329Pagina 330Pagina 331Pagina 332Pagina 333Pagina 334Pagina 335Pagina 336Pagina 337Pagina 338Pagina 339Pagina 340Pagina 341Pagina 342Pagina 343Pagina 344Pagina 345Pagina 346Pagina 347Pagina 348Pagina 349Pagina 350Pagina 351Pagina 352Pagina 353Pagina 354Pagina 355Pagina 356Pagina 357Pagina 358Pagina 359Pagina 360Pagina 361Pagina 362Pagina 363Pagina 364Pagina 365Pagina 366Pagina 367Pagina 368Pagina 369Pagina 370Pagina 371Pagina 372Pagina 373Pagina 374Pagina 375Pagina 376Pagina 377Pagina 378Pagina 379Pagina 380Pagina 381Pagina 382Pagina 383Pagina 384Pagina 385Pagina 386Pagina 387Pagina 388Pagina 389Pagina 390Pagina 391Pagina 392Pagina 393Pagina 394Pagina 395Pagina 396Pagina 397Pagina 398Pagina 399Pagina 400Pagina 401Pagina 402Pagina 403Pagina 404Pagina 405Pagina 406Pagina 407Pagina 408Pagina 409Pagina 410Pagina 411Pagina 412Pagina 413Pagina 414Pagina 415Pagina 416Pagina 417Pagina 418Pagina 419Pagina 420Pagina 421Pagina 422Pagina 423Pagina 424Pagina 425Pagina 426Pagina 427Pagina 428Pagina 429Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 26 February, 2024 - 2:57 am - Visitatori Totali Nr.