Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Laminatoio a caldo e “giornalismo” a freddo.
Le sorprese della censura talvolta sono anche divertenti. ..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Trieste Verde. A cosa diciamo no!
Dicemmo no alla progettata Centrale a Carbone nel Vallone di Muggia, battaglia vinta..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 165

Un caso esemplare dello sfascio comunale.

» Inviato da valmaura il 12 August, 2020 alle 11:33 am

Ennesima cementificazione in Campo Marzio.

Il Tar condanna il Comune di Trieste a pagare 17.500 euro per le spese di giudizio e la parcella legale della controparte, rigettando il ricorso del Comune sulla vendita della prima grande aiuola, con alberi e sempreverdi che costeggia l’inizio di viale Romolo Gessi, da parte del Demanio ad un privato cittadino che la vuole trasformare in un parcheggio per autovetture.
Potrebbe sembrare l’enn
esimo caso di cementificazione e distruzione di alberi e verde in centro città invece è la cartina di tornasole per misurare la cosiddetta “efficienza” di questa, e le precedenti, amministrazione comunale.
Il Comune di Trieste infatti ricorre al Tar asserendo che il Demanio non poteva vendere a chicchessia un bene che dal 1945 non è più di sua proprietà avendolo appunto ceduto al Comune di Trieste.
Peccato che gli Uffici comunali non siano stati in grado di dimostrarlo producendo in Tribunale un semplice atto che ne certifichi la sua proprietà. Perché gli uffici non sono ancora riusciti a trovarlo, anche se giurano che c’è. E la cosa si trascina da anni ed anni (Cosolini sindaco).
Poi l’amministrazione Dipiazza ha deciso di non presentare ricorso, e dunque di pagare: tanto i soldi sono i nostri mica i loro, e di preparare una eventuale azione civile escludendo altre ipotesi come l’esproprio per pubblica utilità od, ipotizziamo, una variantina al volo del Piano regolatore. Sempre che l’azione non arrivi a babbo morto, ovvero a parcheggio già costruito.
Ora quale sia l’impreparazione giuridica di chi predispone un atto senza avere in mano la “prova regina” è di tutta evidenza, come lo è lo stato di caos che regna nella burocrazia comunale. Ameno che, talvolta a pensar male si fa peccato ma ci si azzecca, il tutto non sia stato una sceneggiata, per giunta costata a noi oltre 17.000 euro, per dimostrare ad una opinione pubblica giustamente indignata ed allarmata per la continua mattanza di alberi e verde in Trieste, che il Comune aveva tentato ma il fato cinico e baro aveva voluto diversamente.
Un quadro sconfortante che conferma appieno quanto da noi scritto nell’illuminante articolo precedente, e rafforza la necessità di fare rapida pulizia nel Comune di Trieste e conferma appieno le ragioni che hanno spinto molti cittadini a far nascere Trieste Verde.




Comune Trieste: in che mani siamo?

» Inviato da valmaura il 11 August, 2020 alle 3:17 pm

Un quadro da far spavento.

Ora se è vero che la stragrande maggioranza di assessori e consiglieri nel Burkina Faso, un Paese a caso ed a cui avanziamo subito le nostre scuse onde evitare una sacrosanta protesta diplomatica, non sarebbe chiamato a fare neppure l'amministratore di un Tucul, il quesito investe qui l'operato dei “manager”, dei “superdirigenti”, dei “bonzi” dell'amministrazione comunale.
Ed è un problema non da poco perchè, se è vero che i politici vanno e vengono anche se nessuno per la verità nota differenza alcuna nei risultati, i funzionari comunali restano e, per quelli apicali, con fior di stipendi.
Sono loro, deludendo Dipiazza che si crede Napoleone ma che visto che è maggiorenne da un bel po' sarebbe ora che qualcuno gli raccontasse come stanno le cose veramente, che decidono ed amministrano nei fatti il nostro Comune, idem dicasi per la Regione (su Fedriga non pianga).
E raramente come in questo ultimo decennio abbiamo rilevato tanti svarioni, leggerezze, dimenticanze, incompetenze, superficialità ed assenza di controlli. I fatti stanno lì a dimostrarlo e per non tediare i lettori con un romanzo da far concorrenza ai Promessi Sposi citeremo qui solo i più recenti e macroscopici casi.
Questo, sia chiaro, non è un'attenuante per i politici da cui questi funzionari dipendono perchè si usa sperare che prima di farsi eleggere in Comune, o Regione, abbiano superato l'obbligatoria prova di alfabetizzazione.
Andiamo in disordine temporale.
Tram di Opicina. I lavori slittano di un anno non per colpa degli ingiuriati, politicamente si intende, funzionari ministeriali da parte del Podestà ma perchè i funzionari domaci non avevano verificato un particolare previsto dalla legge: ovvero il casellario giudiziario del vincitore dell'appalto. Tutto da rifare ed un anno buttato. Resta solo un dubbio chi ha sbagliato ha pagato?
Piscina Terapeutica, crollo. Nella perizia richiesta proprio dal Comune sulla stabilità del tetto, gli uffici comunali hanno sforato di due anni il limite temporale fissato nella perizia stessa per eseguire le manutenzioni del tetto nel frattempo venuto giù. Se dobbiamo affidarci ai Santi per i miracoli tanto vale assumere San Giusto come direttore generale del Comune.
Fiera di Montebello. Prima la vendono ad un austriaco, giusto per fare un figurino anche oltre le Dolomiti, e appena poi si accorgono che va cambiato il Piano Regolatore del Comune sulla destinazione d'uso dell'area. Alè due anni più Covid buttati.
Ricorsi al Tar da parte del Comune. Mai si era letto in una sentenza del Tribunale Amministrativo un giudizio così devastante verso l'incultura giuridica degli uffici comunali che hanno redatto e controllato l'atto. Risultato: rigetto e condanna a pagare tutte le spese di giudizio comprese le parcelle della parte vincente.
Porto vecchio e ringhiera di Viale Miramare. Dopo sette mesi che il Comune ne è divenuto proprietario, il responsabile della Direzione competente ne ignora il possesso e non conosce le leggi regionali in materia. Figuraccia da camminare solo rasente i muri uscendo dopo mezzanotte subito rinfacciata dalla Regione e dall'Autorità Portuale.
Ex Caserma Polstrada Roiano. Con il classico e mussoliniano colpo di piccone e fanfara di bersaglieri in pensione e sovrappeso, abbattono tutto (podestà e mezza giunta) a partire dai bellissimi alberi. Poi il tutto, una landa desolata di laterizi, polvere e rovine, fermo da oltre due anni: hanno scoperto qualche problemino. Ma sempre dopo mai prima.
Copertura vasche nuovo Depuratore Fognario cittadino. Prima si, poi no, ed infine ni.
Lavori di ordinaria manutenzione stradale e murale. Il Comune non sa e non ricorda dove ha seminato a iosa transenne, divenute negli anni ruderi pericolosi per i passanti, sacchi arancione sparsi per terra a mò di trappole Vietcong, e tubature innocenti pericolanti e ruggini come i muri che dovevano essere riparati.
Censimento dei beni di proprietà del Comune, non esiste a tutt'oggi un'evidenza aggiornata.
Vendita area ex Maddalena, rifacimento Ospedale di Cattinara, e case di via Negri. Qui il Comune ha una concorrenza spietata da parte di Regione/Ass e Ater nello scegliere le ditte sull'orlo del fallimento nelle gare d'appalto dei lavori o quali compratori. Ma chi fa i controlli: tipo visure camerali, stato di solidità finanziaria e patrimoniale dei soggetti prescelti? Bho!
Del verde pubblico e privato ne scriviamo altrove.
Ciofeca del Parco del Mare. La trimurti Paoletti, Dipiazza e Fedriga si ritrova per posare metaforicamente il primo mattone nell'area Lanterna, senza che i rispettivi uffici si accorgano che l'intera area è sottoposta a vincolo ambientale dal Ministero. E senza ovviamente avvertirli per risparmiare loro un'epocale figuraccia.
Mercati ittico ed ortofrutticolo, come la galleria di Montebello: rapidi ma soprattutto invisibili.
Basta per carità!
Post scriptum. Il Comune perde l'ennesima causa al TAR per l'aiuola di inizio viale Romolo Gessi, di cui un privato rivendica l'acquisto dal Demanio per sostituire verde e Alberi con un bel parcheggio per auto, perchè gli uffici comunali non riecono a trovare l'atto di sua proprietà. Tanto paga Pantalone.
In maggio del prossimo anno una bella e salutare pulizia primaverile.
Ma mandiamoli a casa.

https://www.facebook.com/circolomiani/photos/pcb.2850416545229295/2850416468562636/?type=3&theater





Sta nascendo.

» Inviato da valmaura il 10 August, 2020 alle 12:50 pm

Si, un nuovo soggetto, uno strumento per dare risposte concrete ai triestini, e non solo, sui tanti, concreti, problemi irrisolti, che si trascinano da anni e danneggiano qualità della vita, salute e benessere dei nostri concittadini privando Trieste di ogni prospettiva di sviluppo, lavoro e futuro.
Si chiama, almeno per ora, Trieste Verde e nel suo programma fatto non di promesse, che queste le lasciamo a questi politici tutti, ma di impegni e lavoro di anni su
l territorio a favore della nostra comunità risiede la novità dirompente.
La molla, l'esigenza che ha spinto un gruppo di cittadini a fare questa scelta è la presa d'atto che sui temi da noi evidenziati, frutto di un gran numero di segnalazioni e contributi inviatici negli anni dai residenti, l'attuale politica e le istituzioni da essa governate, che sia dai banchi di maggioranza od opposizione poco importa, non hanno quasi mai aperto bocca, raccolto suggerimenti e tanto meno anche solo iniziato a cercare delle soluzioni.
Perchè questo soggetto o strumento diventi cosa utile e reale per Trieste molto dipende dalla partecipazione, dalle idee e dai suggerimenti che tutti noi vorremo offrire e dalla voglia di riprendere nelle nostre mani il diritto di decidere su quelle scelte che riguardano, quotidianamente e da molto vicino, la nostra vita ed il nostro futuro.
Buon lavoro a tutti.
Questa è la prima provvisoria bozza del logo ed a brevissimo apriremo un Gruppo pubblico al quale tutti potranno aderire.

https://www.facebook.com/circolomiani/photos/pcb.2850416545229295/2850416468562636/?type=3&theater




Cretini si diventa, ma attenzione quando la monaggine si allarga.

» Inviato da valmaura il 9 August, 2020 alle 11:29 am

Ora il ripetersi sempre più frequente di improvvide uscite, battute e turpiloqui da parte di chi ha ricevuto voti, e soldi, per rappresentare la nostra comunità non può non destare preoccupazione, ma solo perché è il segnale, non di stupro della democrazia e delle sue sedi, che se una democrazia esiste solo nei simboli di mattone è già bella e spacciata, di un imbarbarimento crescente della nostra società.
Di u
n pessimo comune sentire che annienta l’umanità innata in tutte le persone al momento della loro venuta al mondo, salvo ovviamente eccezionali rarità.
Non ci scandalizza l’entrata non autorizzata di persone nei “santuari” istituzionali, ci preoccupa piuttosto il senso di distacco, che è oramai prevalente nel comune sentire dell’opinione pubblica, tra questi e la nostra società. E ciò al di là dei colori politici.
Questo ad esempio è uno dei grandi nodi irrisolti e falliti fin’ora nell’esperienza dei 5Stelle. A conferma che la loro presenza sulla scheda elettorale non ha portato ad una riduzione della sempre più vasta area del non voto: dei cittadini che non si avvicinano ai seggi.
L’emergere di una cattiveria gratuita accompagnata da una irresponsabilità personale che sfrutta ogni argomento di cronaca che invece dovrebbe far meditare su fallimento ed incapacità della politica a risolvere i problemi, e della nostra società ad educare i cittadini, è tanto più paradossale quando avviene ad opera di chi queste responsabilità le condivide.
Ma alla Regione “stuprata” domandiamo: è più pericoloso per la democrazia l’ingresso non autorizzato di alcune persone nel “Palazzo” oppure il degrado perenne e crescente in cui vengono lasciati decine di migliaia di concittadini, in situazioni di estrema povertà irrisolta e in quartieri totalmente abbandonati a loro stessi?
Altrimenti ha ragione Napalm51 dell’inimitabile Crozza.



Ma non preoccupatevi, tanto è una “finta”.

» Inviato da valmaura il 8 August, 2020 alle 1:10 pm

Come sostengono i teorici del complotto.

“In tre mesi 160mila morti in più in Europa”. Ecco i dati Eurostat (Gran Bretagna esclusa) sugli effetti del Covid-19. Spagna, Italia e Belgio i Paesi più colpiti.
Il primo Paese a raggiungere il picco è stato l’Italia a fine marzo. Poi è toccato alla Spagna, al Belgio, ai Paesi Bassi. E a ruota a tutti gli altri. Nel giro di tre mesi, il Coronavirus si è abbattuto sull’Europa causando 160mila morti in più rispetto allo stesso periodo degli scorsi anni (media 2016-2019). Lo rivelano i dati Eurostat (preliminari) sul tasso di mortalità in 24 Paesi europei, considerato fondamentale per valutare gli effetti diretti e indiretti della pandemia sulla popolazione.
L’istituto di statistica conclude che, dal 2 marzo al 10 maggio 2020, le città di Bergamo, Cremona, Lodi e Brescia hanno avuto morti più di tre volte superiori a quelle registrate nello stesso periodo nei quattro anni precedenti.
Il New York Times elogia l’Italia: “Da epicentro dell’incubo Coronavirus a modello che dà una lezione anche gli Usa”
In un lungo articolo scritto dal corrispondente da Roma, il prestigioso quotidiano americano torna ad analizzare la gestione della pandemia da parte del nostro Paese, spiegando come sia riuscito a lasciarsi alle spalle la fase più critica dell’emergenza e lo status di posto da "evitare a tutti i costi"
“L’Italia è passata dall’essere l’epicentro dell’incubo a un modello per il contenimento del coronavirus che dà lezione agli Stati Uniti e al resto del mondo”. Così scrive il New York Times in un lungo articolo scritto dal corrispondente da Roma in cui torna ad analizzare la gestione della pandemia da parte del nostro Paese, spiegando come sia riuscito a lasciarsi alle spalle la fase più critica dell’emergenza e lo status di posto da “evitare a tutti i costi”. Un vero e proprio elogio a sorpresa, quello del prestigioso quotidiano americano, che assurge l’Italia a modello per tutto il mondo.
“Dopo un inizio incerto, l’Italia ha consolidato, o almeno mantenuto, i vantaggi di un rigido lockdown a livello nazionale attraverso un mix di allerta e competenza medica dolorosamente acquisita”, scrive il Nyt, sottolineando che oggi gli ospedali italiani “sono praticamente vuoti di pazienti Covid-19” e “le morti quotidiane attribuite al virus in Lombardia, la regione settentrionale che ha sopportato il peso maggiore della pandemia, si aggirano intorno allo zero”. Eppure il nostro Paese nei mesi scorsi era considerato un esempio al contrario. “Guardate cosa sta succedendo con l’Italia”, diceva ai giornalisti il presidente Trump il 17 marzo, ricorda il giornale, evidenziando come anche il candidato democratico alla Casa Bianca, Joe Biden, a proposito della sanità pubblica per tutti disse che “non sta funzionando in Italia in questo momento”.
Ciò consente al governo di mantenere le restrizioni in atto e di “rispondere rapidamente, anche con blocchi, a tutti i nuovi focolai – spiega il Nyt – Il governo ha già imposto restrizioni sui viaggi da oltre una decina di Paesi poiché l’importazione del virus è ora la sua più grande paura”. “La strategia di chiudere tutto ha attirato le critiche di chi accusava il governo di eccessiva cautela e di paralizzare l’economia. Ma potrebbe dimostrarsi più vantaggiosa che cercare di riaprire l’economia mentre il virus infuria ancora, come sta accadendo in paesi come Stati Uniti, Brasile e Messico”, insiste il giornale, secondo il quale in Italia c’è anche una parte della popolazione che non rispetta le misure anti-Covid.
“Spesso le mascherine non vengono indossate o si tengono abbassate su treni o autobus, dove sono obbligatorie. I giovani escono e fanno le cose che fanno i giovani – e rischiano in questo modo di diffondere il virus nelle parti più sensibili della popolazione. Gli adulti hanno iniziato a riunirsi in spiaggia e per grigliate di compleanno. Non esiste ancora un piano chiaro per un ritorno a scuola a settembre”, scrive ancora il Nyt.
Dopo alcuni mesi, prosegue il Nyt, gli Stati Uniti contano decine di migliaia di morti in più rispetto a qualsiasi altro Paese al mondo e quei Paesi europei “che una volta guardavano compiaciuti l’Italia stanno affrontando nuovi focolai. Alcuni stanno imponendo nuove restrizioni e valutando se introdurre il lockdown”.
Venerdì il primo ministro britannico, Boris Johnson, ha annunciato un rinvio del previsto allentamento delle misure in Inghilterra a causa dell’aumento del tasso di infezione. Perfino la Germania, elogiata per la sua risposta efficiente e la tracciabilità dei contatti rigorosa, ha avvertito che il comportamento lassista sta provocando un’impennata dei casi.
Il governo italiano, rimarca il Nyt, si è fatto guidare da comitati scientifici e tecnici. Medici locali, ospedali e funzionari sanitari raccolgono quotidianamente più di 20 indicatori sul virus e li inviano alle autorità regionali, che poi li inoltrano al ministero della Salute. “Il risultato è una radiografia settimanale della salute del Paese su cui si basano le decisioni politiche”, prosegue il giornale americano, elogiando il voto del Parlamento che ha prorogato al 15 ottobre lo stato di emergenza.





« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164 • Pagina 165 • Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Pagina 260Pagina 261Pagina 262Pagina 263Pagina 264Pagina 265Pagina 266Pagina 267Pagina 268Pagina 269Pagina 270Pagina 271Pagina 272Pagina 273Pagina 274Pagina 275Pagina 276Pagina 277Pagina 278Pagina 279Pagina 280Pagina 281Pagina 282Pagina 283Pagina 284Pagina 285Pagina 286Pagina 287Pagina 288Pagina 289Pagina 290Pagina 291Pagina 292Pagina 293Pagina 294Pagina 295Pagina 296Pagina 297Pagina 298Pagina 299Pagina 300Pagina 301Pagina 302Pagina 303Pagina 304Pagina 305Pagina 306Pagina 307Pagina 308Pagina 309Pagina 310Pagina 311Pagina 312Pagina 313Pagina 314Pagina 315Pagina 316Pagina 317Pagina 318Pagina 319Pagina 320Pagina 321Pagina 322Pagina 323Pagina 324Pagina 325Pagina 326Pagina 327Pagina 328Pagina 329Pagina 330Pagina 331Pagina 332Pagina 333Pagina 334Pagina 335Pagina 336Pagina 337Pagina 338Pagina 339Pagina 340Pagina 341Pagina 342Pagina 343Pagina 344Pagina 345Pagina 346Pagina 347Pagina 348Pagina 349Pagina 350Pagina 351Pagina 352Pagina 353Pagina 354Pagina 355Pagina 356Pagina 357Pagina 358Pagina 359Pagina 360Pagina 361Pagina 362Pagina 363Pagina 364Pagina 365Pagina 366Pagina 367Pagina 368Pagina 369Pagina 370Pagina 371Pagina 372Pagina 373Pagina 374Pagina 375Pagina 376Pagina 377Pagina 378Pagina 379Pagina 380Pagina 381Pagina 382Pagina 383Pagina 384Pagina 385Pagina 386Pagina 387Pagina 388Pagina 389Pagina 390Pagina 391Pagina 392Pagina 393Pagina 394Pagina 395Pagina 396Pagina 397Pagina 398Pagina 399Pagina 400Pagina 401Pagina 402Pagina 403Pagina 404Pagina 405Pagina 406Pagina 407Pagina 408Pagina 409Pagina 410Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 8 August, 2022 - 8:49 am - Visitatori Totali Nr.