Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Il senso di DiPi per le statue.
Il Vate con vista sui cassonetti delle scovazze.Alice al Depuratore fognario cittadino.E quella di Ressel prossima ventura all'Inceneritore di via Errera?..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Società politica e Società civile. Dedicato a Trieste.
Se incontri uno convinto di sapere tutto e sicuro di sapere fare tutto, non ti puoi sbagliare: è un imbecille. (politica e dintorni)Si chiama pregiudizio di conferma, ovvero ciò a cui si vuole ardentemente credere e non importa..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 161

Analisi politica elettorale 2013.

» Inviato da valmaura il 26 April, 2013 alle 1:10 pm

In Regione.

Tondo ha perso. Grazie alla presenza di Bandelli. E se lo è ampiamente meritato, Tondo, come dimostrano anche i suoi disastri raccolti in Carnia, dove lo conoscono meglio, quasi come a Trieste.

Serracchiani ha vinto. Grazie all’assenza di Andolina. E nonostante la presenza di Galluccio.

A Trieste.

SL (senza E grazie a Laureni) aumenta i voti esattamente nella misura di Rifondazione e Comunisti assenti forzosi (idem dicasi per Muggia e Gorizia). Basta un pallottoliere, Vallon.

Dipiazza si prepara a battere Cosolini nel 2016 senza fatica alcuna. Tra due incapaci l’elettore premia sempre quello almeno più simpatico, soprattutto se è triestino (l’elettore si intende).

A Trieste Comune hanno votato ancora in meno che sul resto della provincia, poco oltre il 40%. Tutti dichiarano che la politica deve interpretare e prestare attenzione a questo dato per recuperare il distacco tra cittadini, politica e istituzioni.

Certo per lo spazio di un mattino e di un titolo di giornale.




Qui TeleLucchini del Friuli Venezia Giulia.

» Inviato da valmaura il 25 April, 2013 alle 1:26 pm

Peccato però che il canone lo paghino i cittadini e non la Lucchini-Severstal che sta in procedura fallimentare perché non riesce da anni a pagare i propri debiti.

Ma ieri il servizio della RAI (?) Regionale nel TG della sera dedicato (una manciata di secondi) al botto della Ferriera ha superato anche la nube di sciocchezze sparate nelle dichiarazioni della proprietà alle varie Agenzie giornalistiche nel tentativo ulteriore di fare fumo sulle conseguenze del fatto.

Ci auguriamo che tra i nostri lettori non perda questa sana abitudine Gherardo Colombo, che da alcuni mesi ricopre il non invidiabile incarico di Consigliere di Amministrazione della RAI.

La summa del servizio Rai è stata, non stiamo scherzando e le parole che riportiamo sono quelle dette al TG, che “quello che è successo è, né più né meno, il normale funzionamento di una pentola a pressione” e dunque tutto nella norma. A parte il fatto che i vecchi triestini, non so gli italiani, usavano chiamare la pentola a pressione, quella con la valvolina fischiante, “l’atomica”, è interessante notare il clima pranziale del resoconto Rai.

Lo scoppio, una vera e propria esplosione secca, pari ad una bomba aerea di media potenza, è avvenuto pochi attimi dopo le 13 e 30, le squadre dei vigili del fuoco, ben sette in sequenza, sono dunque accorse per portare gli spaghetti, visto che l’acqua bolliva. Per il sale invece ci ha pensato l’ARPA giunta subito dopo ed infine si è rifatto vivo, materializzandosi con una telefonata, il fantasma del Comune per chiedere se la pasta era pronta. Ecco in poche parole il succo del servizio RAI, che ha favorito ruttino e digestione.

In realtà le cose sono state molte diverse, anche dalle balle spaziali diffuse alle agenzie di informazione.

Quando c’è stata l’esplosione, accompagnata da un forte tremito e da un rilevante spostamento d’aria, avvertita in diverse zone di Trieste, una fortuna straordinaria ha voluto che, un sindacalista l’ha definita la protezione dell’angelo custode, a riprova che il sindacato si affida più alla provvidenza che alle leggi della Repubblica, in quel momento nelle vicinanze non passasse anima viva, che altrimenti morta sarebbe divenuta in un amen.

L’immediato accorrere dei pompieri ha permesso di domare un incendio altrimenti pericolosissimo, ma non ha evitato che per almeno quattro ore abbondanti e intense quantità, decine di migliaia di metri cubi, del gas più nocivo e cancerogeno (BenzoApirene, Benzene ed altri idrocarburi propri della distillazione del carbone coke)  per la salute delle persone uscisse dalla cokeria e investisse mezza città. Altro che “il nessun danno all’ambiente” rivendicato dalle veline proprietarie. Si certo gli alberi di Trieste forse non ne hanno risentito più di tanto, ma la gente che ha il brutto vizio di respirare?

In realtà quanto successo, un incidente lo ripetiamo grave, molto grave, altro che “fischio della pentola a pressione” che la RAI aveva in testa, poteva avere conseguenze molto tragiche ed ha comunque procurato un grave danno alla salute dei triestini. Questo è successo esclusivamente per cause tecniche, non per fatalità, e per precise responsabilità che vivaddio andrebbero accertate e punite da chi ha il compito di farlo. Fa specie che l’ARPA e l’ASS non abbiano prontamente replicato alle menzogne diffuse su imput proprietario, soprattutto sull’inesistente “danno ambientale”, ma questo è quello che passa da oltre quattordici anni il convento triestino.

Altra cosa invece seria è che un sindacato che si affida agli angeli, magari la prossima volta distratti da altre incombenze celesti, ha comunque da mesi dichiarato in decine di conferenze stampa e comunicati che la curatela fallimentare aveva tagliato dal 31 dicembre 2012 tutti i contratti esterni con le ditte appaltatrici, che si occupavano proprio della manutenzione degli impianti. E dunque le condizioni di lavorazione e produzione della Ferriera, secondo il sindacato, erano a rischio. Bene in questi mesi nessuno, e ribadiamo nessuna autorità a partire dalla Procura, l’ARPA, l’ASS, il Comune e la Regione, si è mosso per bloccare questa aperta violazione delle leggi che regolano la sicurezza sul lavoro e sulla produzione.

Insomma è come se uno di noi annunciasse che dall’indomani uscirà con la propria macchina senza assicurazione, senza patente e con la revisione del mezzo scaduta, bontà sua se sobrio. E che i vigili urbani facessero finta di niente confidando che non beva e non faccia incidenti.

Ecco la realtà dei fatti accaduti e accadendi, semplicemente prevedibili viste le condizioni della fabbrica con un inquinamento da mesi e mesi fuori ogni controllo a partire dalle barzellette delle ordinanze comunali che oramai non fanno ridere nemmeno i polli, che per altro continuano a respirare quotidianamente i 30.000 metri cubi di gas che l’Altoforno perde.




Tutto il resto è silenzio …

» Inviato da valmaura il 23 April, 2013 alle 11:06 am

Regione. Votanti 554.947 pari al 50,48%; Schede nulle e bianche 17.903 pari al 3,22%.

Votanti effettivi il 47,26%

Trieste. Votanti 97.331 pari al 45,84%: Schede nulle e bianche 1818 pari al 2,41%.

Votanti effettivi il 43,43%

Chi ha vinto le elezioni governa con il consenso del 18% scarso degli elettori.

Tutto il resto è, per l’appunto, silenzio.




Abbiamo vinto!

» Inviato da valmaura il 22 April, 2013 alle 2:27 pm

Quando scriviamo queste righe mancano meno di due ore alla chiusura dei seggi per il rinnovo del Consiglio Regionale ed all’inizio dello spoglio delle schede elettorali. Poche, assai poche questa volta, come probabilmente mai in passato, anche se a Trieste per le ultime lezioni comunali, quelle del 2011, già allora il 51% degli elettori non aveva votato. Ed anche allora, come sicuramente faranno oggi, magari stavolta con quattro paroline di circostanza buone per due titoli in cronaca, i partiti, ma anche i tanti “autorevoli” giornalisti (eravamo in dubbio se virgolettare la parola autorevoli oppure quella giornalisti) faranno finta di niente.

Ma resta il fatto che il nostro invito a non andare a votare è stato raccolto da, azzardiamo le previsioni con in mano i dati di ieri sera, un cinquantacinque per cento di elettori, percentuale che crescerà senz’altro con il computo delle schede nulle o bianche, per lo meno un altro 3-4 %.

E tanto per non essere smentiti l’avevamo detto, anzi scritto, sulle pagine di questo nostro sito-giornale a partire dal 2008 “Regione: perchè 35 elettori su 100 NON hanno votato”, fino al più recente “Controcanto elettorale.” dove scrivevamo il 3 marzo scorso “… Dunque c’è da aspettarsi per le prossime elezioni regionali del 21 aprile un ulteriore marcato calo di votanti.”

Per questa politica e per questa disinformazione come acqua sul vetro.

Insomma se la logica, cosa assai rara nei risultati elettorali, esistesse, ora si potrebbero già fare i complimenti al nuovo presidente in pectore della Regione, il candidato dei 5 Stelle Galluccio, e la Serracchiani potrebbe già prenotare il primo volo per Strasburgo di domani, martedì, che Tondo di questi problemi non ha, con il ristorante da badare a Tolmezzo.

Ma senza sfidare i miracoli e l’irrazionale, pensiamo un attimo cosa succederebbe se vincesse invece un candidato dei due schieramenti tradizionali: Centrodestra e sinistra. Tolta la percentuale dei non votanti, dei voti non validi (nulle e bianche di cui sopra) ed il prevedibile 25% conseguito almeno dal Movimento 5 Stelle, chi vincerà si spartirà un rimanente consenso pari al dieci per cento effettivo degli elettori complessivi della Regione.

Una delegittimazione totale che però alla casta dei partiti non smuoverà un baffo, per loro il consenso conta solo in quanto veicolo di mantenimento del potere, e poco importa che sia basso, bassissimo.

Dobbiamo dire ad onore del vero che stavolta la tentazione di recarsi a votare per i 5 Stelle è stata anche da noi molto forte. Più forte quasi dell’inconsistenza e dell’impreparazione finora dimostrate dagli esponenti del Movimento fin qui presenti nelle istituzioni, o dell’ignoranza (nel senso letterale) da loro dimostrata sui temi di questa campagna regionale. Più forte quasi dell’incubo “curricula” per la scelta degli eventuali futuri assessori, nell’assenza di una qualsivoglia idea progettuale seria, non un capoversetto di programmi elettorali che nessuno legge, nemmeno chi li scrive, sulle principali emergenze regionali. Ed anche in questi mesi ne abbiamo avuto copiose dimostrazioni: nella assoluta indisponibilità dei gruppi locali dei 5 Stelle a cercare confronti ed aperture con chi sul territorio opera, e ci si permetta con un certo successo di consensi e partecipazioni e soprattutto conoscenza di problemi e soluzioni, da oltre tredici anni, e con una presenza assolutamente minoritaria e numericamente insignificante di cittadini alle loro iniziative.

Consola sapere che Cosolini, tanto per fare un esempio, da oggi è un omone morto, politicamente si intende, che cammina, per parafrasare il titolo di un famoso film adeguato alla stazza del sindaco di Trieste, e che ancora una volta il “bacio della morte” della stampa amica è stato appunto la spinta finale verso il baratro. Spiacerebbe invece constatare che la bufera dovesse coinvolgere anche il sindaco uscente di Udine, Honsell, che invece ha ben meritato.

Compagni di scuola, compagni di niente …

Seguendo casualmente alcune trasmissioni televisive, nello zapping frenetico di un buon film, quelli di una volta, siamo incappati in alcune trasmissioni su la 7, dal nome stolto “in Onda” o “Zeta”.

Lo confessiamo non abbiamo resistito più di cinque minuti e dovendo optare tra tirare il ferro da stiro sul televisore o spegnerlo, abbiamo fatto in un barlume di ragione questa seconda scelta. Sentire Gad Lerner, dal ghigno mefistofelico sempre stampato in faccia, Luca Telese ed altri similari “opinion maker” discettare dei “grillini” o di giovani supposti tali come quelli che hanno tutto sommato civilmente e pacificamente contestato il dirigente piddino Franceschini beccato ad un ristorante, epitetandoli da “delinquenti, teppaglia, teppisti”, le parole più gentili che ci sovvengono ora alla memoria, o invocare gli arresti di Travaglio per lesa maestà del Presidente della Repubblica, vecchio e nuovo, o stigmatizzare come un attacco alla sacralità della libertà di stampa le civili e perfino cortesi indisponibilità di tante persone, soprattutto donne presenti in piazza, a farsi intervistare dalla giovane giornalista dell’emittente televisiva, o lo sferzare il solito frasario di Beppe Grillo in particolare sul “golpe” istituzionale come inaccettabile violenza.

Orbene partendo dal fatto che non c’è violenza più violenta e dunque inaccettabile che quella esercitata da chi detiene il potere istituzionale e controlla televisioni e giornali, giudichiamo il linguaggio usato da questi pseudointellettuali del giornalismo molto più dannoso e violento dei presunti fatti a cui si riferivano nei loro giudizi trancianti.

Controproducenti inoltre perché, al pari di quella classe politica a loro affine per età e costumi, che finge di non capire la realtà, o di stupirsene virginalmente come il “non immaginavo” della Boldrini ai funerali dei coniugi marchigiani suicidatisi recentemente, ottengono esattamente l’effetto contrario tra i pochi che comunque stoicamente si ostinano a televisivamente seguirli. Ne fa prova il nostro desiderio compulsivo di correre in quel momento a votare Beppe Grillo.

Scandalizzarsi per la parola Golpe senza ricordare le cinquanta e più volte in questi anni che ad esempio Silvio Berlusconi, ma anche il collega di P2 Cicchitto, per non dire di Gasparri, Brunetta, La Russa et similia, la avevano pubblicamente e televisivamente usata. Oppure gli inviti gutturali di Bossi a cacciare a pedate oppure buttare in laguna i giornalisti ed i cameramen, definiti comizialmente “cialtroni da prendere a calci in culo”. Ecco tutto questo da sempre più senso alle canzoni d’epoca di de Andrè, di Gaber e soprattutto ad Antonello Venditti: compagno di scuola, compagno di niente.




La Ferriera di Trieste deve invece chiudere subito.

» Inviato da valmaura il 16 April, 2013 alle 2:12 pm

“La Ferriera deve continuare la produzione a massimo regime almeno per i prossimi tre-quattro anni”. Parola di sindacalista, in particolare della CGIL, ma non fa differenza tanto sono tutti uguali.

Verrebbe da domandarsi dove li pescano, e se la Fiom CGIL nazionale controlli le sue realtà locali.

La Ferriera deve invece chiudere subito.

Non è possibile, né umanamente sopportabile, permettere oltre il perdurare di un inquinamento industriale che ammala e uccide le persone, lavoratori compresi. Ogni giorno che passa l’elenco tragico non fa che allungarsi grazie alle irresponsabilità di tutti coloro che si erano impegnati, a parole e cazzate, a risolvere il problema già nel 2001, ribadendolo ad ogni elezione (memorabili le affermazioni di Dipiazza Sindaco “quel cancro lo chiudo domani”, di Tondo Presidente Regione “se eletto la settimana dopo torno a Servola a chiedere alla gente come chiudere subito la Ferriera, una priorità della mia amministrazione”, infatti dopo cinque anni chi lo aspettava credulone si è mummificato nell’attesa. Ma poiché Trieste la madre dei “mona” è perennemente incinta, probabile anche che qualcuno lo rivoti. Fino a Cosolini “sulla Ferriera tra salute e lavoro, scelgo il lavoro”), sindacalisti compresi.

In questi ultimi giorni mezza città è stata avvolta per intere giornate consecutive da una estesa nube di gas tossici (di cokeria, di agglomerato e d’altoforno), da San Vito quasi non si distingueva il Vallone di Muggia coperto da una coltre fosca e nociva. Mentre ovviamente le centraline di rilevamento della Lucchini-ARPA davano numeri da Val Gardena, una penosa barzelletta che non fa ridere più nessuno, ma di cui nessuno di coloro che hanno la responsabilità di salvaguardare la salute e la legge sembra più preoccuparsi. Perché “tanto chiudono comunque tra poco, e poveri operai…”. E così questo diventa l’ennesimo alibi, l’ultimo di una serie durata tredici anni, per non fare niente. Anzi per continuare a fare quello che gli interessi proprietari hanno sempre voluto che la politica, il sindacato, le istituzioni, i controllori di ogni ordine e grado, stampa compresa, facessero: tacere e girarsi dall’altra parte.

Ora basta, a costo di scendere di nuovo in piazza. Certo chiudere è un problema occupazionale, ma anche questa prolungata agonia non ha alcun senso, ma almeno tuteliamo seriamente salute e vita di tutti.

In quanto a chi ha così ben rappresentato gli interessi dei lavoratori, facendo si di osteggiare in oltre un decennio anche le poche voci e le poche idee di chi proponeva subito percorsi alternativi e fondi per realizzarli, e ben prima che la crisi comparisse all’orizzonte, oggi non resta che prendere atto del problema e di assumersi tutte le loro responsabilità di un fallimento largamente condiviso, da chi per anni ha appunto solo che condiviso le scelte della proprietà russo-bresciana.

Politica vecchia e nuova: anche su questo ad esempio il Movimento 5 Stelle, che siede da due anni in Consiglio comunale, è stato una sconcertante delusione. Sinistra vecchia e nuova con SL (abbiamo tolto la E di Ecologia per un pudore che ad altri sembra mancare) ed il suo assessore fantasma all’ambiente a fare da retroguardia. Le Ass triestine, infarcite per anni da medici “progressisti” ma evidentemente ciechi come talpe davanti ad una realtà scomoda ai loro partiti di riferimento, l’ARPA desaparecida. Una Procura che s’adonta per il servizio di Adriano Sofri su Repubblica, per altro totalmente oscurato dal gregario locale, quel piccolo giornale che oramai è in caduta libera di copie invendute e che sul caso pubblica smentite e rettifiche ma non la notizia (a conferma che sul giornalismo italiano Grillo ha ragioni da vendere), dove emerge chiarissima la diversità di comportamenti tra i magistrati tarantini e quelli triestini. Ovviamente a totale discapito di questi ultimi. Quando invece il giudizio della gente sul loro operato è drasticamente molto più duro di quanto contenuto nell’articolo di Repubblica, e la loro credibilità assolutamente inesistente. Forse di questo il CSM dovrebbe occuparsi e non di inquisire i PM palermitani che fanno il loro pericolosissimo mestiere, come il caso Di Matteo dimostra.





« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160 • Pagina 161 • Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 15 December, 2019 - 8:19 am - Visitatori Totali Nr.