Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

L’irresponsabilità.
Chi ha scelto e voluto aprire una incomprensibile crisi di governo, privilegiando, come..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Qui ci vuole Trieste Verde!
Villa Cosulich e scuola De Amicis. ..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 16

Pub Trieste.

» Inviato da valmaura il 27 October, 2020 alle 11:12 am

Prima di lasciare la parola a Marco Travaglio con il quale concordiamo in toto sulla ingiusta quanto inappropriata chiusura di teatri e cinema, ed al limite per bar e ristoranti di chiudere alle 18, e leggendo l'articolo capirete chi se ne è fatto promotore, lasciateci spendere una parola sulla “rivolta” dei pubblici esercenti triestini (Bar, Pub e ristoratori, pizzerie et similia).
Se a Trieste, non possiamo parlare per gli altri, si sta arrivando a numeri di positivi al Covid-19 che sono enormemente più alti che nella prima emergenza, dove va detto i tamponi ed i controlli erano di gran lunga inferiori, ciò dipende dalla irresponsabilità di molti. All'estate del “liberi tutti”, al “chi se ne fotte di mascherine e distanziamenti” nella quale i gestori appunto di Pub, bar e via dicendo portano non poca responsabilità, e di cui oggi tutta la nostra comunità ne patisce le conseguenze dirette e indirette.
Allora le associazioni di categoria invece di fare ora i “masanielli” fuori tempo massimo avrebbero dovuto assumere misure drastiche contro i loro associati che ciurlavano nel manico sputtanando tutti loro. Ed il Prefetto, il Questore, la Regione ed il Comune avrebbero dovuto prendere provvedimenti tempestivi quanto energici (“colpirne uno per educarne cento” è un tristo quanto abusato slogan). Che volete che siano ammende di poche centinaia di euro o la chiusura per uno o due giorni rispetto al lucro che questi “gestori” ne hanno ricavato.
Andava, una volta comprovate le loro scorrettezze, emesso un provvedimento di chiusura del locale per tutta la durata dell'emergenza Covid, con pagamento dei dipendenti a loro carico e nessun ristoro da parte dello Stato.
Ed ora godetevi Marco Travaglio.
- Virus da prima serata -
Noi non siamo d’accordo con lui sull'ultimo Dpcm. Ma dobbiamo ammettere che ieri il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha usato le parole e i toni giusti, come quasi sempre dall'inizio della pandemia, per lanciare l’allarme senza diffondere allarmismo. Non sappiamo se, dopo il cedimento dell’altra notte all'ala più isterica e meno riflessiva del governo e della maggioranza, ne abbia ripreso il pieno controllo politico. Ma almeno ne ha dato l’impressione con un discorso asciutto, fermo, equilibrato, abile nel mascherare la babele cacofonica delle mille istituzioni che hanno messo le mani nel Dpcm numero 22, il meno coerente e razionale della collezione: ministri, viceministri, sottosegretari, consulenti, Quirinale, leader di partito, Comitato tecnico-scientifico, sindaci metropolitani, presidenti di Regione, sindacati, associazioni di categoria. Ovviamente nessuno d’accordo con gli altri.
Le leggende metropolitane della cosiddetta informazione ci descrivono sempre un uomo solo al comando che decide tutto da sé con pieni poteri e poi si diverte ad arrivare in ritardo alle conferenze stampa per creare la suspence. Ma ogni Dpcm è un parto sfibrante: ore e ore passate a sentire e risentire “autorità” che chiedono tutto e il suo contrario, con l’unica preoccupazione di passare il cerino acceso al vicino senza bruciarsi le dita. E il risultato, almeno ieri, s’è visto: un patchwork di norme e “raccomandazioni” che mescola misure utili e sacrosante ad altre inutili e deprimenti. Queste ultime, fra l’altro, stonano con le dichiarazioni rese ancora ieri al Corriere dalla più alta autorità scientifica del Cts, il presidente del Consiglio superiore di Sanità Franco Locatelli: “non siamo vicini alla perdita di controllo” dei contagi; l’Italia è “molto più preparata “ (di prima e di altri paesi Ue) per “disponibilità di mascherine, tamponi, posti letto attivati o attivabili nelle terapie intensive e subintensive”; “solo un terzo dei soggetti infetti ha sintomatologia, in larga parte di limitata severità”; dunque bisogna “limitare al massimo gli spostamenti” e tenere “comportamenti responsabili”, ma anche “mantenere i nervi saldi ed evitare il panico”. Ecco: se le cose stanno così, si comprendono le raccomandazioni a spostarsi solo per lo stretto necessario, a evitare di ricevere in casa non-congiunti, ad aumentare lo smart working e la didattica a distanza per le scuole superiori visto che – Locatelli dixit - “il contesto di trasmissione principale rimane quello familiare/domiciliare, poi quelli sanitario-assistenziale e lavorativo”, per “alleggerire i trasporti”, mentre “le scuole non sono tra i principali responsabili”.
Ma non si comprende perchè non siano neppure all’ordine del giorno nuove zone rosse nei capoluoghi e nelle altre aree più compromesse di Lombardia, Piemonte e Campania, che insieme hanno la metà dei contagi di tutta Italia, e qua e là superano abbondantemente i parametri fissati dal ministero della Sanità per i lockdown locali. Ma si comprende ancor meno è la chiusura 24 ore su 24 di cinema e teatri, cioè i luoghi più sicuri dopo il deserto del Sahara, dove non risultano focolai per il rigoroso distanziamento dei posti assegnati: perchè non tenerli aperti almeno fino alle 18, consentendo proiezioni e rappresentazioni mattutine e pomeridiane? Altrettanto incomprensibile è la chiusura alle 18 di bar e ristoranti, che - come palestre e piscine - avevano investito molte risorse per mettersi in regola coi protocolli di sicurezza.
Il virus circola soprattutto di giorno e i nuovi divieti si concentrano dopo il tramonto (contro il famoso Covid da prima e seconda serata): ma che senso ha? Se fossimo in lockdown, si capirebbe almeno la logica: ciascuno, non potendo uscire né muoversi, se ne starebbe a casa propria “h 24”. Ma senza lockdown né coprifuoco, almeno su scala nazionale (alcune Regioni hanno provveduto per conto proprio, ma fra le 23 e le 24), il governo cosa pensa che faranno gli italiani dopo le 18? Che spariranno nel nulla? No: se ne andranno tutti a casa dopo una giornata passata a scuola o al lavoro a contatto con potenziali positivi e moltiplicheranno le possibilità di contagiare gli altri familiari, soprattutto gli anziani. E molti organizzeranno aperitivi, cene, serate e festicciole fra amici, infischiandosene delle “raccomandazioni” del Dpcm, e proprio nel luogo meno controllabile di tutti: le quattro mura domestiche. Non era meglio lasciare qualche valvola di sfogo serale in locali aperti al pubblico (e ai controlli) che già rispettavano le regole di distanziamento e anti-assembramento, come bar, ristoranti, teatri e cinema, diradando o ritardando così i contatti familiari che (ancora Locatelli) sono “il contesto di trasmissione principale del virus”? E chi sono gli scienziati o i politici fenomeni che hanno suggerito misure tanto irrazionali e forse controproducenti, che fino a tre giorni fa Conte non voleva neppure sentir evocare? A queste domande il premier non ha risposto, anche perchè - non trattandosi di Mes e simili baggianate - nessuno gliele ha poste. Così, forse, ha ripreso il controllo del governo e della maggioranza e ha messo a cuccia per un po’ la canea degli sgovernatori falliti sempre a caccia di un capro espiatorio. Ma è improbabile che abbia ottenuto il risultato più importante per vincere la guerra: convincere i cittadini italiani.



Non imparano mai.

» Inviato da valmaura il 26 October, 2020 alle 1:59 pm

Arriva la “seconda ondata” e coglie di sorpresa la sanità regionale, e non solo per la verità.
Ma che bisogni rivivere, in attesa di contare i decessi, alcuni già avvenuti, l’espandersi dei focolai e dei contagi nelle case di cura e RSA pubbliche e private è veramente inaccettabile.
Non è dunque servita a nulla la tragica esperienza della “prima ondata”?
Oppure solo perché la cosa riguarda le persone anziane, i “disertori del cimitero” li appellavano anni fa, la vicenda interessa poco ed anzi viene vista quasi con cinica benevolenza?
Il nuovo di questo prepotente ritorno della diffusione del Covid-19 è che per ora non fa differenze d’età, infatti molti dei colpiti e soprattutto dei ricoverati anche in condizioni gravi o gravissime sono persone giovani o relativamente tali. Un po’ come la poesia, secondo noi forse la migliore del ‘900 italiano, scritta da Antonio De Curtis, in arte Totò: “la Livella”, dove la morte appiana tutte le differenze sociali.
Che poi, con tutto il tempo avuto a disposizione, Regione FVG e Asugi proclamino l’emergenza vaccini (antinfluenzali) perché non ne hanno acquistati a sufficienza nemmeno per coprire le categorie a rischio, per non parlare poi di rifornire le farmacie. E che scoprano ORA di non essere in grado di garantire un tempestivo tracciamento dei contatti delle persone risultate positive per rallentare la diffusione della pandemia fa letteralmente cadere le braccia, o se preferite più prosaicamente qualcosa d’altro.
Ma non preoccupatevi basta ballare e tutto passa, e forse non hanno tutti i torti vista la maestria dei danzatori: è molto probabile che il Coronavirus se ne scappi impietosito.
"TRIESTE Distanziati e con la mascherina, ma a passo di danza.
Si sono presentati così, oggi, vemerdì 23 ottonbre, in piazza Unità d'Italia a Trieste gli appassionati di ballo a due, insegnando un flash-mob per chiedere "diritto di ballo" nel rispetto delle misure anti-Covid. Video di Andrea Lasorte"



Come i funghi dopo la pioggia.

» Inviato da valmaura il 25 October, 2020 alle 12:28 pm

Sul piccolo giornale una paginata sui “verdi” in vista delle elezioni.
Spunta, ma su stampa e televisioni amiche si intende, una carellata di sigle vecchie e nuove che si autorichiamano ai “Verdi” in salsa elettorale. Anche per noi è una piacevole semisorpresa, che non ci eravamo mai accorti della loro “esistenza”, al di fuori di qualche sporadico spazio concesso su stampa e televisioni di partiti per contrastare le nostre iniziative sul territorio, ed a foto opportunity scattate con assessori e politici responsabili primi dello sfascio.
Non c'erano mai negli anni in cui ci battevamo (22 per l’esattezza) contro gli inquinamenti industriali, non solo la Ferriera, contro l’emergenza climatica a Trieste oramai simile a quella di una città tropicale, contro le mattanze degli alberi e la devastazione-cementificazione del nostro territorio, contro il degrado totale di giardini, sempre inquinati dopo 4 anni e passa, e delle aree verdi.
Mai visti neppure nelle battaglie contro il Far West di antenna selvaggia e ripetitori a gogò, né sulla nostra richiesta di moratoria 5G o tantomeno sul progetto di Porto Green.
E questo a stare stretti stretti al campo squisitamente ecologista.
Poi uno legge l’articolessa di stamane e comprende pienamente perché i movimenti o le associazioni richiamantesi al partito dei “Verdi” in Italia sono messi tanto male. Un’anomalia europea e mondiale, dove i partiti Verdi si stanno affermando come la seconda o terza forza politico-elettorale mentre in Italia veleggiano a cifre da prefisso telefonico.
Basta leggere le sgangherate dichiarazioni di oggi sulle prossime elezioni comunali rilasciate dai verticini locali ambientalisti (SignoreIddio) per capire perfettamente il guano in cui si trovano. Ma che risulta ben funzionale a questa politica marcia ed alla stampa a suo servizio permanente effettivo.
Se a Trieste nascerà un’onda verde che spazzi via questo sistema affaristico che prospera sulla pelle dei triestini, a prezzo della loro qualità della vita e salute, un andazzo di cui questi verdi di complemento sono gli utili idioti di turno, questo avverrà, come da gran parte d’Italia ci scrivono ed incoraggiano, solo grazie a Trieste Verde, con loro o senza di loro.
Teodor.



Natale Triestino.

» Inviato da valmaura il 24 October, 2020 alle 2:46 pm

Ma si, diciamocelo con franchezza, ha ragione Dipiazza a spendere 600.000 euro in effimere luminarie natalizie. E poco importa se a breve si rischia che, causa Covid-19, nemmeno i concittadini possano vederle e passeggiare ascoltando Cingol bay dagli altoparlanti.
Ha ragione da vendere ad infischiarsene di buttare i soldi nostri del Comune in spese decisamente superflue di questi tempi.
Mancano i quattrini per arginare la povertà dilagante in città, raddoppiata ed in crescita esponenziale secondo gli aggiornati numeri della Caritas, e sono numeri ampiamente per difetto perché nessuno mette in piazza facilmente la propria miseria; interi settori rischiano pesanti contraccolpi occupazionali?
Ma il podestà insiste con alberetti, festoni e comete.
Lo ripetiamo una volta di più, non sbaglia Dipiazza nella sua logica ed anche per il suo carattere.
I “poveri” non contano nulla, non pesano elettoralmente, tanto non vanno quasi mai a votare, non hanno lobbies né sindacati, non intrallazzano con stampa e televisioni, anche se oggi probabilmente sarebbero la prima forza politica a Trieste, se votassero ma non lo fanno.
Ed i primi a non battersi sono proprio i “poveri”: aspettano aiuti pubblici che sarebbero dovuti per diritto e Costituzione come una carità, il gesto compassionevole dei potenti in tutte le gradazioni di scala del termine, a partire dagli assistenti sociali in su. Ed in parte è comprensibile: la miseria è una brutta bestia che si accompagna a rassegnazione, disperazione, apatia, e se ci aggiungiamo poi il DNA tipico della “triestinità” il quadro è completo.
E Dipiazza che ha tanti difetti e pochissimi meriti, competenze quasi nulle, da uomo fortunato questo lo sa benissimo. E pertanto in questa campagna elettorale perenne lui guarda al suo elettorato di riferimento che i “poveri” li ignora come e più di lui.
E l’altra politica? Buona questa, passiamo alla domanda di riserva, grazie.



Un “Murales” ti risana la vita.

» Inviato da valmaura il 23 October, 2020 alle 2:16 pm

“Street art: la giunta Dipiazza tiene molto alle periferie e, con questo progetto, vogliamo mettere al centro luoghi che sono spesso dimenticati”. Parola dell’assessore ai Giovani ed all'Innovazione Francesca De Santis.
Premesso che nessuno più di noi è favorevole all’arte diffusa sul territorio e non sacralizzata in musei assai poco frequentati, il ritenere che dare una colorazione alla “merda” ne muti la sostanza e la fragranza quotidiana ci pare proprio una corbelleria.
Abbiamo usato volutamente quel francesismo perché è di questo olezzo che da giorni, settimane e mesi insopportabilmente sono colpiti i residenti di Chiarbola-Servola-Valmaura, l’emittente? Il “nuovo” e costosissimo per noi Depuratore Fognario cittadino su cui la politica, tutta non solo questa amministrazione, hanno omesso di controllare ed intervenire. Sarebbe quello che “parla con il mare” (di merda). Riscusateci ma la parola questa è in lingua italiana e pure francese.
Per la verità come Circolo Miani non ci siamo limitati a scriverne ma abbiamo anche organizzato manifestazioni ed assemblee pubbliche (vedi foto), perché noi non solo “teniamo molto alle periferie” ma ci viviamo ed operiamo.
Illudersi di nascondere con un murales il degrado dei quartieri dove si costringono a vivere decine di migliaia di residenti è cialtroneria pura.




« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15 • Pagina 16 • Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Pagina 260Pagina 261Pagina 262Pagina 263Pagina 264Pagina 265Pagina 266Pagina 267Pagina 268Pagina 269Pagina 270Pagina 271Pagina 272Pagina 273Pagina 274Pagina 275Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 22 January, 2021 - 2:39 pm - Visitatori Totali Nr.