Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Parco del Mare? Ma BASTA!
Sono 14, quattordici, anni che il presidente a vita della Camera di Commercio ed altre cose, ci frantuma i santissimi con questa telenovela di un Parco, quello del Mare, che ha già cambiato cinque destinazioni, insomma un progetto..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Per esempio.
Giorni orsono alcune migliaia di persone sono sfilate in corteo per Trieste sul tema “Aprite i porti e siamo tutti umani”. Lodevolissima iniziativa. In questi mesi, ma potremmo dire anni, nessuna forza politica è mai..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 16

Ferriera e Regione. Basta vendere fumo!

» Inviato da valmaura il 30 November, 2018 alle 9:13 am

Farsi belli con il c… degli altri non è appunto mai bello e tantomeno elegante. Ma tant’è, si sa che queste non sono peculiarità di questa amministrazione regionale e per la verità anche le precedenti non scherzavano. Lo abbiamo scritto ennesime volte e ripubblichiamo sotto l’ultimo nostro articolo. 1) La copertura dei cosiddetti “Parchi minerali”, in realtà cumuli a parco, ma vabbè da certuni più di tanto non si può sperare, non ci azzecca per niente con i passati episodi di “spolveramento”. Fatto imbrattante ma non inquinante, salvo che per il cumulo del Coke. 2) Gli episodi di spolveramento che non si stanno più verificando, neppure con la Bora a 120 degli ultimi giorni, erano causati dalla mancata pulizia dei nastri trasportatori, di strade e piazzali interni alla Ferriera. E non, ripetiamo NON, dalla mancata copertura dei “parchi”. 3) L’inquinamento acustico determinato dallo stabilimento è stato ridotto ben al di sotto dei limiti di legge e quando saranno ultimati i prossimi interventi sarà abbattuto quasi del tutto. 4) Che la Ferriera, a partire dall’Area a caldo, possa probabilmente cessare l’attuale attività e divenire un’area della logistica portuale è cosa che noi (Circolo Miani e Servola Respira) dal 2005 abbiamo illustrato in tutte le sedi. Ovviamente sempre oscurati dai “media” che negavano all’opinione pubblica queste informazioni sgradite ai loro editori di riferimento (i partiti di centrosinistra e destra, che i Grillini allora erano di là da venire. Ma anche dopo non è cambiato nulla). 5) Avevamo più volte titolato “Il Porto chiuderà la Ferriera” ed è l’ipotesi più probabile nell’arco dei prossimi tre anni. Questo percorso da noi annunciato se si avvererà lo si dovrà alla concorde iniziativa del Presidente dell’Autorità Portuale Zeno D’Agostino e di Giovanni Arvedi. 6) La Regione, in particolare il duo Scoccimarro/Fedriga, in questo non ha merito alcuno. 7) Da aprile Circolo Miani e Servola Respira da un lato e la Direzione della Ferriera dall’altro hanno avviato un confronto ed una collaborazione che ha portato, dopo anni di inerzia di ARPA, Regione, Consulenti e Comune, alla soluzione dei punti 1, 2, e 3. E ci saranno a breve ulteriori sviluppi positivi nell’ambito di un progetto che intende nel frattempo (eventuale dismissione programmata dello stabilimento) ridurre al minimo i disagi causati dalla Ferriera sulla nostra popolazione. 8) Qui le chiacchiere della Regione e della politica, tutta, stanno a zero. Come la continua censura attuata con pervicacia da stampa e televisioni a danno dei triestini, lavoratori compresi. Pubblicato da Maurizio Fogar • 10 novembre alle ore 15:23 • FALSO !!! Parco minerali a Servola. Competenze ambientali da Roma alla Regione. «Questa novità rappresenta dunque un “alleggerimento” burocratico – conclude Scoccimarro -. Quindi, nell’interesse di tutti, si ridurranno le tempistiche deputate a portare all’attuazione dell’accordo di programma in merito alla realizzazione delle coperture dei parchi minerali e fossili che risolveranno una volta per tutte gli episodi degli spolveramenti e contribuiranno al sistema di trattamento delle acque». Non è vero per nulla che la copertura dei cumuli di minerali e fossili dei parchi elimini gli spolveramenti. Come abbiamo sempre sostenuto l’unico cumulo che va coperto è quello del Coke, perché inquinante e la Ferriera ha già appositi sili dove stivarlo. Per quanto riguarda poi il barrieramento a mare, finora sono lo Stato e la Regione ad essere inadempienti perché gli accordi di programma riservavano questi interventi agli enti pubblici e nulla finora è stato fatto. Sfidiamo dunque la Regione, l’Assessore Scoccimarro, i suoi consulenti e l’Arpa a smentirci. Possiamo pacificamente affermare che le loro dichiarazioni dimostrano una volta di più l’assoluta non conoscenza dei problemi della Ferriera da parte delle Istituzioni e rappresentano l’ennesima presa in giro dell’opinione pubblica, grazie alla generosa collaborazione di stampa e TiVù regionali. In merito all’inquinamento acustico, esso, grazie alla intensa collaborazione di Servola Respira e Circolo Miani con la Direzione dello stabilimento, è stato negli ultimi tempi ampiamente riportato sotto i limiti di legge ed a breve ulteriori interventi sull’impianto di agglomerazione ne ridurranno viepiù il rumore. Dunque iniziative di raccolta firme a “babbo morto” sul tema, oltre a non produrre alcun effetto pratico se non solo propaganda politica dimostrano che i promotori, i Cinque Stelle, ignorano del pari le vere problematiche del ciclo produttivo della Ferriera. Ma non deve più di tanto stupire visto che si servono degli stessi “esperti” di cui si avvalgono Scoccimarro, Fedriga e Dipiazza. https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521/2341826769421611/?type=3&theater


Emergenza povertà. Avete capito? P o v e r t à !

» Inviato da valmaura il 29 November, 2018 alle 10:11 am

Mentre la politica parla di presidenze e prebende, a Trieste ci sono migliaia di famiglie nella disperazione per il venir meno di ogni intervento (INPS, Regione e Comune) di sostegno al reddito. Domani, Venerdì 30 alle ore 11, ci troviamo per parlare e decidere cosa fare al Circolo Miani in via Valmaura 77. E sarebbe bene che a partecipare fossero non solo le famiglie che stanno vivendo da mesi e mesi questo dramma ma anche tutti i cittadini, degni di questo nome, della nostra comunità. Se non conoscete il significato delle parole “indignazione” e “dignità” allora statevene ben lontani. Eccovi il testo del comunicato pubblicato da noi ed ignorato dagli “organi di informazione” locali. Trieste. I Miserabili. Siamo noi, i poveri di Trieste, i “Miserabili”, gli invisibili. Orbene stavolta diventiamo visibili, eccome se lo diventiamo, per pretendere il rispetto della Costituzione che impegna la nostra Repubblica a tutelare e sostenere i cittadini più deboli e bisognosi. Per imporre alle istituzioni (Comune, Regione) ed agli enti preposti (INPS) il rispetto delle leggi che loro stessi si sono dati. Per rivendicare la nostra dignità ed i nostri diritti. Primo incontro per organizzare la manifestazione all’INPS ed in Comune e Regione. VENERDI 30 novembre alle ORE 11, nella sede del Circolo Miani, a Trieste in via Valmaura 77 (ascensore di destra nel portone e nono piano per la Cupola sul tetto con una vista da mozzare il fiato). Il numero 77 è alla fine di via Valmaura, penultima casa verso la Ferriera di quell’orrido complesso in cemento di case Ater, sotto la rampa Superstrada e di fronte al Brico center. Se venite con l’autobus 10, ultima fermata di via Valmaura prima di ritornare verso il capolinea. E se vi perdete chiamate il 334.2169438 e verremo a recuperarvi. Vediamo se possiamo riuscire a risolvere la situazione. Gli assenti poi non si lamentino.


Cattinara. Il “Lento Soccorso”? Colpa di un Algoritmo.

» Inviato da valmaura il 28 November, 2018 alle 12:09 pm

Un maledetto Algoritmo, si proprio un calcolo numerico, è la causa principale delle infinite code al “Pronto” Soccorso dell’Ospedale di Cattinara che si allungano esponenzialmente da almeno venti anni a questa parte. Parola di direttore pronto soccorso (le minuscole sono di rigore) ospedale di Cattinara, Roberto Copetti. Lo scrive oggi in una incomprensibile e confusa lettera alle Segnalazioni del piccolo giornale, e per fortuna sua che non ha letto il nostro articolo visto da migliaia e migliaia di lettori con 100 e passa condivisioni e oltre 360 “Mi Piace”. E noi sciocchi, non laureati in Medicina ma in Lettere Moderne, che pensavamo la causa fosse la carenza di medici (uno per i teorici cinque ambulatori), personale e spazi. La non presenza costante di almeno un ortopedico e cardiologo, ed anche il sistema così configurato (assegnare un “Codice” prima di aver realmente accertato la problematica del paziente). No, la colpa delle attese oscillanti tra le dieci e venti ore (il caso da noi descritto si è fermato a 16) è tutto frutto di un “Algoritmo”. Il che, se fosse vero, renderebbe ancora più grave, insomma una confessione, la responsabilità di politici e dirigenti sanitari. Un ringraziamento vada anche alle tantissime persone che in modo comunque costruttivo, e su Facebook purtroppo è cosa assai rara, hanno commentato ed arricchito il nostro articolo. Una precisazione la dobbiamo. Una cosa è la teoria, tecnicamente corretta, e che dovrebbe passare attraverso una lunga e capillare educazione civica sanitaria ed un’altra cosa è la realtà. Chi amministra e gestisce la nostra sanità, e dunque la nostra salute, è con quest’ultima che deve misurarsi; sempre si intende in attesa dei tempi migliori. E la realtà, giusta o sbagliata che sia, dimostra tutta l’inadeguatezza dell’attuale sistema, e non da oggi. Un sistema ancora poco e male coordinato tra ospedali, distretti sanitari, medici di base e guardia medica. Questo senza nulla togliere all’impegno dei singoli, a partire dal personale operante ai “Pronti” Soccorsi di Cattinara e del Maggiore. Altrimenti troverebbe ennesima conferma il detto “l’operazione è perfettamente riuscita ma il paziente è morto”. Fatti informare! Metti il tuo “Mi Piace” a questa Pagina. (Facebook Circolo Miani) Riceverai puntualmente notizia dei nuovi articoli. https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521/2340522902885331/?type=3&theater


ARPA e Regione. Ma in che mani siamo?

» Inviato da valmaura il 25 November, 2018 alle 2:06 pm

Dalla importante indagine avviata dalla Procura di Gorizia emergono alcuni dati, che sarà poi il Tribunale a confermare, qui ne trattiamo solo due. Da anni si assiste, a detta degli inquirenti, ad un prelievo della ghiaia dal greto dei nostri fiumi mettendone a rischio il sistema idrogeologico, ben superiore al limite concesso. Da anni si assiste ad uno smaltimento illecito di rifiuti speciali interrati nelle nuove opere in costruzione. Se questo troverà conferma la domanda da porsi al di là e prima delle sentenze è molto semplice quanto urgente. Dove stavano i controllori? Ovvero l’ARPA? La stessa Procura di Gorizia alcuni mesi orsono ha indagato (uno? O più) tecnici dell’ARPA per non aver eseguito i controlli sui dragaggi dei fanghi nel Porto di Monfalcone. Dunque se ne deve dedurre che la sorveglianza ambientale nella nostra Regione, come la storia della Ferriera insegna, lascia molto, ma molto a desiderare. Lo stesso dicasi per i controlli sugli appalti. Eccovene un esempio tratto dal Fatto Quotidiano , ma che non compare nell'intervista fattagli dal piccolo giornale. “Appaltopoli, il “re del bitume” vince anche quando perde Tra i protagonisti dell’inchiesta di Gorizia c’è Roberto Grigolin: partecipa (senza successo) alla gara per la terza corsia della Venezia-Trieste, eppure ottiene lavori. Il re del bitume concorre con la società Brussi Costruzioni, ma perde. A vincere sono la Pizzarotti e la De Eccher, due colossi delle costruzioni consorziati con Saicam. Chi è sconfitto in una gara d’appalto – dice la legge – uscito dalla porta, non può rientrare dalla finestra tramite i subappalti. Invece nel dicembre 2017 il re del bitume partecipa ai lavori (valore oltre 106 milioni di euro) come subappaltatore, con altre società della galassia Grigolin, la Ghiaie Ponte Rosso e la Superbeton spa.” Ergo anche qui la domanda sorge spontanea. Dove stavano i controllori della Regione, di Autovie Venete e via discorrendo?. Fischiettavano beati guardando altrove? Ultima domanda per logica conseguenza. Possibile che in due decine di anni tutte le indagini sui danni all’ambiente ed alla salute dei cittadini, lavoratori compresi, siano partite dalle Procure di Gorizia ed Udine? Non vi sembra manchi qualcosa o qualcuno? Ovviamente le vicende in questione riguardano tutte le amministrazioni di ogni colore, e le loro opposizioni, che si sono alternate da almeno quindici anni al governo, anche delle Concessionarie. https://www.facebook.com/circolo.miani/photos/a.1497907753813521/2338458043091817/?type=3&theater


Questa politica non serve a nulla. Salvo ad autoriprodursi e finanziarsi.

» Inviato da valmaura il 24 November, 2018 alle 2:12 pm

Tre casi per tutti. Ferriera, Sanità, emergenza Povertà. Ma potremmo aggiungerci tranquillamente l’emergenza Casa, l’abbandono al degrado di tutti i quartieri semi e periferici di Trieste, il dissesto dei servizi sociosanitari territoriali e via elencando. Di fronte a tali gravi urgenze le forze politiche si trastullano sul niente. A sinistra e centrosinistra nella lunga agonia e nella spartizione correntizia dei loro partiti: insomma tutti fermi a guardarsi l’ombelico. I Cinque Stelle praticamente mai pervenuti. Il Centrodestra impegnato nella gara tra Lega e tutti gli altri nella spartizione dei posti di sottopotere, con un Sindaco oramai fuori dalla realtà. Questa è, piaccia o no, la situazione attuale e senza sintomi di mutamento e rinsavimento a breve termine. Tocca allora ai cittadini, alle “vittime” di questo nulla, assumersi, e nel loro stesso interesse a difesa personale, l’onere dell’iniziativa. Se non lo faranno si consegneranno mani e piedi quali ostaggi di questa incapace politica e ne continueranno a soffrire sulla propria pelle. Negli ultimi articoli su questa pagina abbiamo ben descritto i fatti ed abbiamo concluso che rimanere inerti spettatori non conviene per nulla. D’altronde come sempre fatto da anni abbiamo sempre indicato le soluzioni e le vie e i metodi idonei per raggiungerle. Ad esempio è dal 2004 che scriviamo in sintesi che “Il Porto chiuderà la Ferriera”, e ben prima dell’affacciarsi di Arvedi a Trieste. Una strada segnata che sta per realizzarsi a medio termine grazie pure alla serietà della nuova proprietà, anche nell’abile tutela dei suoi interessi. Ed è per questo che da quasi otto mesi Servola Respira e Circolo Miani hanno intrapreso la strada del confronto con la direzione della Ferriera per la riduzione e l’eliminazione dei danni ambientali ben al di sotto dei limiti fissati dalla legge. E’ il caso della forte riduzione dell’inquinamento acustico che ulteriori lavori in corso d’opera dovrebbero abbattere ai minimi termini. Così come dicasi del riordino, cura e manutenzione dei cumuli a parco al fine di evitare ogni episodio di spolveramento, causato, è bene ribadirlo, dalla mancata pulizia di strade, piazzali e nastri trasportatori dello stabilimento. Fa decisamente sorridere che solo a “babbo morto” e senza alcuna informazione, da loro sempre rifiutata, della realtà, oggi i Cinque Stelle si agitino a raccogliere firme (ben “ottanta”) contro le oltre diecimila raccolte in strada dal Circolo Miani in meno di tre mesi nel 2015. Ma si sa ognuno si sveglia quando vuole e quando soprattutto pensa di giovarsene elettoralmente, anche se a Trieste a loro non è mai servito. Ma ordunque torniamo a ricordarvi l’incontro pubblico di Venerdì 30 novembre, alle ore 11 e nella sede del Circolo Miani, a Trieste in via Valmaura 77, aperto a tutti e non solo agli interessati (diverse migliaia solo a Trieste e quasi 25.000 famiglie in Regione). Trieste. I Miserabili. Siamo noi, i poveri di Trieste, i “Miserabili”, gli invisibili. Orbene stavolta diventiamo visibili, eccome se lo diventiamo, per pretendere il rispetto della Costituzione che impegna la nostra Repubblica a tutelare e sostenere i cittadini più deboli e bisognosi. Per imporre alle istituzioni (Comune, Regione) ed agli enti preposti (INPS) il rispetto delle leggi che loro stessi si sono dati. Per rivendicare la nostra dignità ed i nostri diritti. Primo incontro per organizzare la manifestazione all’INPS ed in Comune e Regione. VENERDI 30 novembre alle ORE 11, nella sede del Circolo Miani, a Trieste in via Valmaura 77 (ascensore di destra nel portone e nono piano per la Cupola sul tetto con una vista da mozzare il fiato). Il numero 77 è alla fine di via Valmaura, penultima casa verso la Ferriera di quell’orrido complesso in cemento di case Ater, sotto la rampa Superstrada e di fronte al Brico center. Se venite con l’autobus 10, ultima fermata di via Valmaura prima di ritornare verso il capolinea. E se vi perdete chiamate il 334.2169438 e verremo a recuperarvi. Vediamo se possiamo riuscire a risolvere la situazione. Gli assenti poi non si lamentino.



« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15 • Pagina 16 • Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 20 April, 2019 - 5:12 pm - Visitatori Totali Nr.