Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Laminatoio a caldo e “giornalismo” a freddo.
Le sorprese della censura talvolta sono anche divertenti. ..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Trieste Verde. A cosa diciamo no!
Dicemmo no alla progettata Centrale a Carbone nel Vallone di Muggia, battaglia vinta..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

Registrati • Password Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 159

No, proprio dalla Croazia lezioni di democrazia NO!

» Inviato da valmaura il 15 September, 2019 alle 12:07 pm

Correvano i primissimi anni Novanta, la Croazia come la Slovenia erano appena divenute cruentemente indipendenti staccandosi dalla agonizzante Yugoslavia. Capo dello Stato era il generale Franjo Tudman.
In Italia c'era il Governo Craxi con Gianni De Michelis Ministro degli Esteri. Come gesto di amicizia il Governo italiano aveva regalato alla neonata Repubblica Croata 5 miliardi di lire per la ricostruzione delle scuole distrutte nella guerra civile.
Un mese dopo il Governo croato convoca una conferenza stampa internazionale nella quale il Vice Premier lancia un appello alle principali nazioni occidentali (nomina Stati Uniti, Gran Bretagna, Germania e Francia) affinchθ investano nella traballante economia della nascente repubblica.
Un giornalista presente chiede come mai si sia dimenticato di menzionare l'Italia che pure un mese prima aveva donato 5 miliardi di lire.
Il vice capo del Governo croato risponde che non si θ trattato di una dimenticanza, semplicemente per loro l'Italia non era gradita. Alla ulteriore domanda sul perchθ di questo non gradimento forse motivato dal fatto che nella Seconda Guerra Mondiale l'Italia, ma assieme alla Germania pur invitata, aveva invaso il Regno di Yugoslavia, Croazia compresa (nella spartizione nazifascista dei Balcani la Corona del costituendo Regno di Croazia spettς ad Aimone di Savoia. Il “bel gagΰ” com'era soprannominato nella nostra Real Casa, vanesio fin che si vuole ma non stupido si guardς bene dal mettere mai piede a Zagabria per assumere la Corona ed in sua veste fu nominato reggente, con la benedizione dei vertici della Chiesa, il feroce Capo degli Ustascia, i sanguinari fascisti croati, criminale di guerra Ante Pavelic).
Al che il rappresentante del Governo croato rispose serafico che no, che la nuova Repubblica Croata non voleva gli Italiani, che allora avevano il controllo diretto di Istria, Dalmazia, Montenegro ed Albania, perchθ il regio esercito si “era comportato male”. Ed il male per il Vicepremier consisteva nel non aver collaborato all'eliminazione degli ebrei, e delle minoranze etniche lμ presenti (Serbi e Bosniaci in particolare) ed anzi di averli fatti espatriare clandestinamente in Dalmazia e soprattutto nei Regni di Albania e Montenegro sottraendoli cosμ allo sterminio messo in atto dagli Ustascia (80.000 solo nel lager di morte di Jasenovac).
Avete letto bene ???
Ora dopo una simile posizione ufficiale un Governo che si rispetti, dunque non quello italiano, avrebbe immediatamente rotto i rapporti diplomatici con la neonata Croazia, richiamato il suo ambasciatore, chiusa l'Ambasciata Croata a Roma e caricato Ambasciatore, funzionari e personale croati su di uno scassatissimo vagone merci piombato, giusto per ricordare i “bei tempi” andati che il Governo Croato rimpiangeva, e li avrebbe rispediti di corsa a Zagabria. Oltre, si intende, a cancellare il dono di 5 miliardi, ed a porre il veto permanente all'ingresso della Repubblica Croata nell'Unione Europea.
Ovviamente nulla di tutto questo θ accaduto.
Ed oggi, dopo che l'attuale Croazia ha fatto proprio il saluto ustascia, nazista e fascista di "Za dom spremni” (Per la Patria pronti), che il Governo Croato venga a darci lezioni di democrazia ed antifascismo per una, per quanto poco opportuna soprattutto per l'infelice collocazione e per la scelta della data di scoprimento, statua di D'annunzio, NO proprio non ci siamo!



Viale Romolo “cessi”.

» Inviato da valmaura il 14 September, 2019 alle 1:11 pm

Si, proprio cessi e non Gessi. Pare incredibile ma da anni e annorum in due delle zone verdi piω praticate di Trieste, ovvero Viale Romolo Gessi e Piazzale Rosmini, a San Vito, i tantissimi frequentatori, a partire dai bambini che vi giocano, non hanno uno straccio di servizio igienico pubblico per i loro naturali bisogni fisiologici. Ed allora la scelta diviene obbligata: pipμ e popς, anche di adulti, dietro le siepi o tra gli alberi.
La parte centrale di viale Romolo, usiamo solo il nome per decenza, ne θ testimone quotidiana, in particolare dove c’θ la “baita” in legno, che passeggiare in certi giornate estive toglie il respiro.
Ma θ mai possibile che, ad esempio, il Comune di Udine abbia impiegate nella cura delle aree verdi 220 persone, tra pubblico e privato, qualificato, mentre a Trieste in Comune ci sono solo 6 funzionari e tutto il resto o quasi venga affidato alla sorte delle ditte e cooperative in appalto? Ora non diciamo che tutti gli operatori esterni non lavorino con diligenza, forse anche troppa visti i bassi salari che percepiscono, ma i risultati sono palesemente insufficienti.
In un quadro poi che vede l’amministrazione pubblica da anni considerare gli alberi non una ricchezza da preservare ed implementare ma un fastidio da eliminare. A costoro basterebbe ricordare che un albero per raggiungere la sua pienezza ci mette trenta anni mentre per un costruire un grattacielo in cemento ne bastano ed avanzano due.
Poi c’θ il vezzo dell’assessorato Lodi, la Polli non la menzioniamo perchι θ come non esistesse, di piazzare transenne dove ci siano piccoli lavori da fare sul manto stradale e poi di lasciarle dimenticate per anni, come i lavori.
Esemplare θ la foto di sotto in uno dei vialetti di Viale “Romolo”: messa lμ per un piccolo avvallamento del ciotolato oggi dopo due anni e passa θ nelle “pericolose”, per chi passeggia, condizioni odierne.
Negligenza, disinteresse, incapacitΰ o cos’altro?
Forse Trieste piω prosaicamente aveva urgente bisogno di monumenti a Vespasiano piω che al Vate.

Sulla pagina Facebook Circolo Miani le impressionanti foto.




Tutte le responsabilitΰ.

» Inviato da valmaura il 11 September, 2019 alle 11:52 am

Facile oggi dire Ferriera, un po' meno facile averla vissuta per oltre venti anni, ovvero da quando se la prese Lucchini.

Ricordiamo alcuni nomi che ne portano la responsabilitΰ.

Cominciamo dai Sindaci: Riccardo Illy, Roberto Dipiazza (tre volte, quattro se mettiamo Muggia), Roberto Cosolini.

Presidenti di Provincia: Renzo Codarin, Bassa Poropat, Fabio Scoccimarro.

Presidenti di Regione: Renzo Tondo (due volte), Riccardo Illy, Debora Serracchiani, Massimiliano Fedriga.

Tavoli per la dismissione e riconversione Ferriera (totale 28, messi su da Comune e Regione).

Proprietΰ Ferriera: Lucchini Italia, Severstal-Lucchini (ambedue fallite), Acciaierie Arvedi.

Enti pubblici di controllo: ASS (Dipartimento Igiene, sicurezza e prevenzione, compresa la Medicina del Lavoro), Arpa FVG (dal 2001), Procura della Repubblica.

Ritenete che tutti (proprietΰ a parte) abbiano fatto il loro dovere?




Io vi accuso !

» Inviato da valmaura il 9 September, 2019 alle 1:09 pm

Abbattuta una meravigliosa, sana, rigogliosa conifera, potrebbe essere un cedro del Libano, di quasi trenta metri di altezza che dava respiro, gioia e benessere da oltre sessanta anni in via Navali-viale Campi Elisi.

Era un piacere ed una bellezza vedere quest'albero cresciuto assieme a noi, ospitava i nidi di diversi uccelli ed θ stato tagliato con la apparente motivazione che pur distando dalla parete, praticamente nascosta alla pubblica vista, di un condominio diversi metri, avrebbe ostacolato le impalcature per il rifacimento delle facciate.

Una sciocchezza non corrispondente al vero perchθ su quelle facciate negli ultimi cinquanta anni sono state montate tranquillamente tutte le impalcature e fatto ogni sorta di lavoro di rifacimento.

E se proprio occorreva bastava potarne i rami interessati alla zona lavori.

NO, stamane una ditta di cui non si conosce il nome ha provveduto a tagliarlo, su mandato, a loro dire, dell'amministratore condominiale. Eppure il nostro regolamento comunale sul verde pubblico impedisce l'abbattimento di alberi, anche se collocati in proprietΰ privata, senza un preventivo e MOTIVATO permesso, dopo perizia sul posto, del Servizio Verde pubblico del Comune.

Ed ora vi descrivo minuto per minuto quanto questo servizio funzioni.

Quando mi sono accorto di quanto iniziava a succedere, alle ore 9 di stamane, ho tempestato di telefonate il centralino del Comune, che tralaltro non dispone neppure della ricaduta automatica delle chiamate senza risposta: ovvero devi richiamare il centralino iniziando ogni volta la trafila di nuovo. Neanche ai tempi di Meucci! Ma θ il “Comune del fare”.

Ho chiesto di parlare con tutti i funzionari del verde pubblico e tra le 9 e le 9.30 non uno ha risposto a cinque diversi interni. Ho cercato allora la segreteria del comando dei vigili urbani, dove sono stato reindirizzato al pronto intervento del Corpo. Ho provato e riprovato per quattro volte di seguito sempre dopo essermi ascoltato tutta la tiritera del dischetto automatico, ed a ogni volta che premevo il tasto 3 (interventi diversi dal traffico) o quello 4 (per parlare con i distretti territoriali) la linea cadeva oppure ritornava al menω principale, e repete. Mi sono recato allora di persona all'ufficio della polizia municipale di via Locchi per aprire la segnalazione, credo oramai ad albero morto.

Si fa fuori una pianta che θ patrimonio di tutti e che rende piω bella e godibile la vita, anche praticamente proteggendo le abitazioni dalla calura tropicale, per cosa?

Per soldi, per incapacitΰ, per pigrizia ed inettitudine. Questa θ la realtΰ, nella quale francamente ho ben poco interesse a continuare a vivere.

Nel mio condominio hanno tranciato tutto un filare di glicine che proteggeva la casa dal rumore e dal traffico, intensi ed inquinanti, di viale Campi Elisi per ragioni di apparente sicurezza: dei motocicli di proprietΰ di alcuni, pochi, condomini parcheggiati abusivamente, come una ordinanza dei Vigili del Fuoco ha stabilito, sotto il portico condominiale. Il tutto ovviamente con il placet, e ci mancherebbe, e le ragioni sono facilmente intuibili, del nostro amministratore .

Hanno chiesto pure di installare la videosorveglianza del portico, ma pagata con i quattrini dei due terzi dei condomini che non parcheggiano lμ, e l'hanno piazzata, incompleta, lasciando cioθ i buchi a vista e basta, dopo l'intervento dei Vigili del Fuoco.

Tutto per soldi, per pigrizia, per egoismo tipici da sepolcri imbiancati. Un po' come i nobili alla corte del Re Sole: facevano un bagno una volta all'anno ma si sprofumazzavano per nascondere il sudiciume e la rogna.

Si, Greta o non Greta, dobbiamo fare qualcosa che impedisca il ripetersi di questo sconcio, ma sul serio e non limitandoci a sfogarci a babbo morto sui social. Riflettete gente, riflettete.




NO, la Provincia di Trieste proprio NO !

» Inviato da valmaura il 6 September, 2019 alle 11:23 am

Se c' era un ente inutile, ma del tutto inutile, nel comune sentire dei triestini, e da decenni, questo era proprio la Provincia di Trieste. Territorialmente inesistente, e che assorbiva i nove decimi del suo bilancio per mantenersi in vita (stipendi, indennitΰ, affitti sedi e trasferimenti fondi obbligati).

Capiamo che la Giunta Fedriga sia animata dalla furia iconoclasta nei confronti delle scelte della precedente amministrazione regionale, ma la furia talvolta acceca e fa commettere sonore cazzate.

Ecco quella di ripristinare la Provincia di Trieste e le conseguenti elezioni per gli organi istituzionali (Presidente, Giunta e Consiglio provinciale) θ proprio una colossale impopolare sciocchezza.

Se ne astenga per favore, nostro e suo.





« Precedente • Pagina 1 • Pagina 2 • Pagina 3 • Pagina 4 • Pagina 5 • Pagina 6 • Pagina 7 • Pagina 8 • Pagina 9 • Pagina 10 • Pagina 11 • Pagina 12 • Pagina 13 • Pagina 14 • Pagina 15 • Pagina 16 • Pagina 17 • Pagina 18 • Pagina 19 • Pagina 20 • Pagina 21 • Pagina 22 • Pagina 23 • Pagina 24 • Pagina 25 • Pagina 26 • Pagina 27 • Pagina 28 • Pagina 29 • Pagina 30 • Pagina 31 • Pagina 32 • Pagina 33 • Pagina 34 • Pagina 35 • Pagina 36 • Pagina 37 • Pagina 38 • Pagina 39 • Pagina 40 • Pagina 41 • Pagina 42 • Pagina 43 • Pagina 44 • Pagina 45 • Pagina 46 • Pagina 47 • Pagina 48 • Pagina 49 • Pagina 50 • Pagina 51 • Pagina 52 • Pagina 53 • Pagina 54 • Pagina 55 • Pagina 56 • Pagina 57 • Pagina 58 • Pagina 59 • Pagina 60 • Pagina 61 • Pagina 62 • Pagina 63 • Pagina 64 • Pagina 65 • Pagina 66 • Pagina 67 • Pagina 68 • Pagina 69 • Pagina 70 • Pagina 71 • Pagina 72 • Pagina 73 • Pagina 74 • Pagina 75 • Pagina 76 • Pagina 77 • Pagina 78 • Pagina 79 • Pagina 80 • Pagina 81 • Pagina 82 • Pagina 83 • Pagina 84 • Pagina 85 • Pagina 86 • Pagina 87 • Pagina 88 • Pagina 89 • Pagina 90 • Pagina 91 • Pagina 92 • Pagina 93 • Pagina 94 • Pagina 95 • Pagina 96 • Pagina 97 • Pagina 98 • Pagina 99 • Pagina 100 • Pagina 101 • Pagina 102 • Pagina 103 • Pagina 104 • Pagina 105 • Pagina 106 • Pagina 107 • Pagina 108 • Pagina 109 • Pagina 110 • Pagina 111 • Pagina 112 • Pagina 113 • Pagina 114 • Pagina 115 • Pagina 116 • Pagina 117 • Pagina 118 • Pagina 119 • Pagina 120 • Pagina 121 • Pagina 122 • Pagina 123 • Pagina 124 • Pagina 125 • Pagina 126 • Pagina 127 • Pagina 128 • Pagina 129 • Pagina 130 • Pagina 131 • Pagina 132 • Pagina 133 • Pagina 134 • Pagina 135 • Pagina 136 • Pagina 137 • Pagina 138 • Pagina 139 • Pagina 140 • Pagina 141 • Pagina 142 • Pagina 143 • Pagina 144 • Pagina 145 • Pagina 146 • Pagina 147 • Pagina 148 • Pagina 149 • Pagina 150 • Pagina 151 • Pagina 152 • Pagina 153 • Pagina 154 • Pagina 155 • Pagina 156 • Pagina 157 • Pagina 158 • Pagina 159 • Pagina 160 • Pagina 161 • Pagina 162 • Pagina 163 • Pagina 164 • Pagina 165 • Pagina 166 • Pagina 167 • Pagina 168 • Pagina 169 • Pagina 170 • Pagina 171 • Pagina 172 • Pagina 173 • Pagina 174 • Pagina 175 • Pagina 176 • Pagina 177 • Pagina 178 • Pagina 179 • Pagina 180 • Pagina 181 • Pagina 182 • Pagina 183 • Pagina 184 • Pagina 185 • Pagina 186 • Pagina 187 • Pagina 188 • Pagina 189 • Pagina 190 • Pagina 191 • Pagina 192 • Pagina 193 • Pagina 194 • Pagina 195 • Pagina 196 • Pagina 197 • Pagina 198 • Pagina 199 • Pagina 200 • Pagina 201 • Pagina 202 • Pagina 203 • Pagina 204 • Pagina 205 • Pagina 206 • Pagina 207 • Pagina 208 • Pagina 209 • Pagina 210 • Pagina 211 • Pagina 212 • Pagina 213 • Pagina 214 • Pagina 215 • Pagina 216 • Pagina 217 • Pagina 218 • Pagina 219 • Pagina 220 • Pagina 221 • Pagina 222 • Pagina 223 • Pagina 224 • Pagina 225 • Pagina 226 • Pagina 227 • Pagina 228 • Pagina 229 • Pagina 230 • Pagina 231 • Pagina 232 • Pagina 233 • Pagina 234 • Pagina 235 • Pagina 236 • Pagina 237 • Pagina 238 • Pagina 239 • Pagina 240 • Pagina 241 • Pagina 242 • Pagina 243 • Pagina 244 • Pagina 245 • Pagina 246 • Pagina 247 • Pagina 248 • Pagina 249 • Pagina 250 • Pagina 251 • Pagina 252 • Pagina 253 • Pagina 254 • Pagina 255 • Pagina 256 • Pagina 257 • Pagina 258 • Pagina 259 • Pagina 260 • Pagina 261 • Pagina 262 • Pagina 263 • Pagina 264 • Pagina 265 • Pagina 266 • Pagina 267 • Pagina 268 • Pagina 269 • Pagina 270 • Pagina 271 • Pagina 272 • Pagina 273 • Pagina 274 • Pagina 275 • Pagina 276 • Pagina 277 • Pagina 278 • Pagina 279 • Pagina 280 • Pagina 281 • Pagina 282 • Pagina 283 • Pagina 284 • Pagina 285 • Pagina 286 • Pagina 287 • Pagina 288 • Pagina 289 • Pagina 290 • Pagina 291 • Pagina 292 • Pagina 293 • Pagina 294 • Pagina 295 • Pagina 296 • Pagina 297 • Pagina 298 • Pagina 299 • Pagina 300 • Pagina 301 • Pagina 302 • Pagina 303 • Pagina 304 • Pagina 305 • Pagina 306 • Pagina 307 • Pagina 308 • Pagina 309 • Pagina 310 • Pagina 311 • Pagina 312 • Pagina 313 • Pagina 314 • Pagina 315 • Pagina 316 • Pagina 317 • Pagina 318 • Pagina 319 • Pagina 320 • Pagina 321 • Pagina 322 • Pagina 323 • Pagina 324 • Pagina 325 • Pagina 326 • Pagina 327 • Pagina 328 • Pagina 329 • Pagina 330 • Pagina 331 • Pagina 332 • Pagina 333 • Pagina 334 • Pagina 335 • Pagina 336 • Pagina 337 • Pagina 338 • Pagina 339 • Pagina 340 • Pagina 341 • Pagina 342 • Pagina 343 • Pagina 344 • Pagina 345 • Pagina 346 • Pagina 347 • Pagina 348 • Pagina 349 • Pagina 350 • Pagina 351 • Pagina 352 • Pagina 353 • Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 18 October, 2021 - 3:27 pm - Visitatori Totali Nr.