Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Laminatoio a caldo e “giornalismo” a freddo.
Le sorprese della censura talvolta sono anche divertenti. ..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Trieste Verde. A cosa diciamo no!
Dicemmo no alla progettata Centrale a Carbone nel Vallone di Muggia, battaglia vinta..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 154

Allarme VERDE. Viale Romolo Gessi: ci risiamo.

» Inviato da valmaura il 27 October, 2019 alle 11:51 am

Ricomparsi i divieti di sosta volanti in viale Romolo Gessi nel tratto di fronte l’ingresso parcheggio Allianz.
Con un avviso recante in fotocopia sul retro, dunque illeggibile agli utenti, una ordinanza perenne della “Direzione Area Città, Territorio, Ambiente” che dovrebbe, il condizionale è quanto mai d’obbligo, dipendere dall’ineffabile assessora Polli.
Sul davanti l’avviso su carta intestata del Comune di Trieste reca una data di affissione illeggibile che interpretando i geroglifici scarabocchiati a pennarello, stavolta nero, se ne deduce “apposto alle ore 14.30 del 28/10/19” che sarebbe tra due giorni (!!!) per “lavori di potature ed abbattimenti dalle ore 8 alle 17 dal 28/10/19 al termine lavori”. In teoria dunque “avvisano” alle 14.30 dello stesso giorno in cui alle 8 iniziano i “lavori”.
Questi stanno proprio stancandoci. Non ne possiamo più di essere informati a babbo morto, ovviamente con in mezzo solo un sabato e domenica dunque ad uffici comunali chiusi. Ed oltretutto passi per le “potature” ma per gli “abbattimenti” di alberi ci vorrebbe una perizia motivata o no?
E magari passasse loro per la capa di sostituire gli alberi già abbattuti con nuove piante. Ma quando mai !
Questi vanno “potati” loro e mandati a casa di corsa, ne va della nostra qualità della vita e del nostro benessere. E l’incapacità non ha colore politico.
Altrimenti inutile e pleonastico fare i cortei alla “Greta” se non riusciamo a fermare almeno questo.



F E R R I E R A.

» Inviato da valmaura il 24 October, 2019 alle 1:05 pm

Nuovo incontro tra Circolo Miani, e Servola Respira, con i vertici dello stabilimento.

Ieri si è tenuto un nuovo confronto con la Direzione della Ferriera all’interno di quel percorso che da aprile dello scorso anno ha portato ad una costante verifica sulla situazione dell’impatto dell’attività produttiva dell’Area a caldo a Trieste e Muggia.
Tale iniziativa ha permesso da allora di ottenere alcuni significativi risultati: dalla sensibile riduzione dell’inquinamento acustico, riportando i dati sotto i limiti di legge, alla prevenzione degli episodi di “spolveramento”, al contenimento dei blocchi degli impianti causati dai blackout derivanti dai cali di tensione sulla linea elettrica gestita da Terna in occasione di forti perturbazioni, all’installo di un nuovo potente filtro, con nuovo camino per le emissioni, all’impianto di Agglomerazione.
Ciò ha portato ad una sensibile riduzione delle emissioni pur rimanendo aperte alcune criticità come quelle derivanti dal perdurare della fuoriuscita di polveri imbrattanti dalla fabbrica.
E proprio da un episodio da noi segnalato alla Direzione Ferriera, grazie alla pronta collaborazione di alcuni cittadini con il Circolo Miani, e verificatosi proprio ieri mattina alle 8.41 (vedi foto) in occasione del fermo manutentivo dell’Agglomerato, è partita la discussione con il Report dei responsabili impianti sulle verifiche fatte immediatamente.
Fa dunque sorridere la frase pubblicata dal compiacente piccolo giornale, che per altro ha sempre accuratamente evitato di dare notizia del confronto in atto da quasi diciotto mesi tra le principali realtà che da oltre venti anni si sono occupate del problema ed i vertici Ferriera, ove l’assessore all’ambiente della regione (di rigore le iniziali in minuscolo), dichiara che “premesso che quella ambientale e della salute pubblica sembrano ormai avviate verso la risoluzione”.
Forse, ma non certo per meriti suoi o dell’Arpa.




Meglio tardi, molto tardi, che mai. Pet a Cattinara

» Inviato da valmaura il 23 October, 2019 alle 2:22 pm

Nove anni ci hanno messo, e speriamo che la strumentazione non sia quella di nove anni orsono, dal momento il cui l'allora consigliere regionale Bruno Marini, onore al merito, ha posto il problema urgente di dotare, dopo gli ospedali di Udine e Aviano, anche quello di Trieste di questa “macchina” che permette una diagnosi precisa per i malati di tumore e di cuore (ci scuserete la sintesi grossolana).
Ieri finalmente tra tira
molla e rinvii è avvenuto il “battesimo” all'ospedale di Cattinara. E contrariamente a quanto capita, qui i “padri” sono stati molti: mancavano Trump, Putin e la Merkel che gli altri sovrabbondavano e la foto pubblicata non è riuscita a contenerli.
A partire dal neo Rettore che ha appunto ricordato i “nove anni” di incubazione e parto regionale (Tondo, Serracchiani, Fedriga), per seguire con l’attuale commissario AsuiTs Antonio Poggiana, il governatore Massimiliano Fedriga con il vice delegato alla Salute Riccardo Riccardi, la direttrice di Medicina nucleare Franca Dore e l’assessore comunale alle Politiche sociali Carlo Grilli. Dipiazza per scaramanzia ha saltato un giro.
E il Riccardi, senza sprezzo del ridicolo, l’ha definita “una storia d’esempio” e poi se ne è uscito con una supercazzola da far impallidire il Conte Mascetti: “La politica è assediata da una serie di suggerimenti che non sempre è in grado di valutare, è importante che la politica selezioni i suggeritori con lealtà e sulla base delle esigenze vere e non sulla base delle richieste del territorio che possono anche essere campanilistiche, sul tema sanitario bisogna evitare strumentalizzazioni”.
Insomma roba forte da Fortezza Bastiani nel Deserto dei Tartari.
Ovviamente l'unica parola appropriata che doveva dire a capo chino e arrossendo in volto per la vergogna non l'ha pronunciata: “Scusateci”.



Gang of Trieste.

» Inviato da valmaura il 21 October, 2019 alle 12:41 pm

C'è sicurezza e sicurezza. Ultimamente la politica si distingue in quella parolaia per raggranellare voti a destra e manca. Di quella sociale non frega praticamente nulla ad alcuno.
Da un po' di tempo anche in città la stampa locale descrive situazioni che portano i più attempati a rimembrare la Banda di Johnny in Cavana o il Viale nero.
Resta un fatto inoppugnabile che da alcuni anni certe zone della città, prima periferiche ora centrali, sono divenute riserve stanziali di gruppi di giovani, sempre più giovani, dediti al taglieggio ed allo spaccio minuto, pronti ad ogni forma di violenza da “branco”. Si stanno creando di nuovo delle zone offlimits al calar del tramonto ma anche prima.
La prima domanda è perchè chi della sicurezza ha fatto il suo mestiere non è intervenuto fino dagli albori, insomma prima a sedare, sopire, stroncare questi stati di fatto di cui oggi si è costretti a prendere atto, soprattutto i cittadini che vi abitano vicini.
Per anni si è lasciato che la stazione delle autocorriere ed aree limitrofe fosse governata a coltellate da una banda di albanesi, oggi piazza Libertà è un ring a cielo aperto tra pakistani ed afgani, ora la Scala dei Giganti e piazza Goldoni. E l'elenco potrebbe allungarsi a dismisura. Poco importa nazionalità e colore dei protagonisti, conta purtroppo il risultato che ottengono ed il clima che scatenano in città. Certo per chi non ha la cittadinanza italiana bisogna avere il rigore morale di riconoscere, proprio a tutela dei tanti onesti, che va cacciato su due piedi dal nostro Paese, che bastano ed avanzano i delinquenti nostrani.
Regione e Governo dovrebbero prendere atto da un lato del fallimento di un modello sociale, a partire da scuola e famiglia, improntato tutto sull'apparire e non sull'essere, dove la vita di un coetaneo o di una persona vale meno dello smartphone di ultima generazione.
Dovrebbero ripensare seriamente ad attuare un progetto di Rinascimento delle periferie inteso come crescita sociale, culturale, di qualità e dignità della vita e della partecipazione.
Tutte cose per cui la nostra politica che tanto parla, ma rigorosamente solo in campagna elettorale, di “ascolto del territorio” si dimostra totalmente incapace ed inadeguata, nessuno escluso.



Cos’è l’illegalità?

» Inviato da valmaura il 20 October, 2019 alle 3:25 pm

E’ più illegale lasciar deperire e marcire migliaia di spazi, palazzi, case, appartamenti e aree verdi per anni ed anni nella più completa incuria ed abbandono?
E qui a Trieste e provincia ci riferiamo a quelli di proprietà pubblica perché tanti se non più sono di privati.
Oppure è più illegale “aprire” questi spazi, pulirli, riattarli alla meno peggio e renderli fruibili alla cittadinanza e, per gli appartamenti, a chi ne ha più bisogno?
Su questo la Cos
tituzione, legge fondante della nostra Repubblica, scrive chiaro ed in modo inequivocabile.
Le istituzioni, a partire dal Comune, dal Municipio: la casa di tutti i cittadini, sono proprietà ed espressione della nostra comunità.
La legge impone loro di tutelare i beni pubblici, di garantirne la fruizione pubblica, di curarne e mantenerne la loro esistenza e destinazione d’uso.
Pena, si la legge serve a questo, commettere dei reati a partire da quello di omissione e/o abuso di atti d’ufficio, interesse privato, ecc, e delle infrazioni amministrative: principalmente il danno erariale.
Ed allora perché non abbiamo memoria di indagini, fascicoli aperti da Procure del Tribunale e Corte dei Conti nei confronti di amministratori pubblici responsabili di tali situazioni?
Strana giustizia quella in voga qui a Trieste dove si perseguono le persone che si impegnano per ridare un bene che è anche di loro proprietà alla pubblica fruizione e si lasciano indisturbati i responsabili di questo sfascio.




« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153 • Pagina 154 • Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Pagina 260Pagina 261Pagina 262Pagina 263Pagina 264Pagina 265Pagina 266Pagina 267Pagina 268Pagina 269Pagina 270Pagina 271Pagina 272Pagina 273Pagina 274Pagina 275Pagina 276Pagina 277Pagina 278Pagina 279Pagina 280Pagina 281Pagina 282Pagina 283Pagina 284Pagina 285Pagina 286Pagina 287Pagina 288Pagina 289Pagina 290Pagina 291Pagina 292Pagina 293Pagina 294Pagina 295Pagina 296Pagina 297Pagina 298Pagina 299Pagina 300Pagina 301Pagina 302Pagina 303Pagina 304Pagina 305Pagina 306Pagina 307Pagina 308Pagina 309Pagina 310Pagina 311Pagina 312Pagina 313Pagina 314Pagina 315Pagina 316Pagina 317Pagina 318Pagina 319Pagina 320Pagina 321Pagina 322Pagina 323Pagina 324Pagina 325Pagina 326Pagina 327Pagina 328Pagina 329Pagina 330Pagina 331Pagina 332Pagina 333Pagina 334Pagina 335Pagina 336Pagina 337Pagina 338Pagina 339Pagina 340Pagina 341Pagina 342Pagina 343Pagina 344Pagina 345Pagina 346Pagina 347Pagina 348Pagina 349Pagina 350Pagina 351Pagina 352Pagina 353Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 18 October, 2021 - 3:56 pm - Visitatori Totali Nr.