Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

NON Scherzavano!
“Il Viminale è d’accordo: faremo un muro di 243 km” Massimiliano Fedriga - Il governatore del Friuli-Venezia Giulia spiega il suo progetto della barriera anti-migranti a Est. Intervista sul Fatto Quotidiano di oggi.Mentre un commentatore sulla nostra..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Noblesse oblige. Vero Dipiazza?
L' Alma Trieste costretta a scusarsi pubblicamente, anche a nome dello sport cittadino, per il gestaccio del podestà Dipiazza nei confronti di un giocatore di colore del Cremona al Palasport di basket, ieri. E non..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 153

Patti chiari e amicizia lunga.

» Inviato da valmaura il 23 September, 2011 alle 3:28 pm

Una premessa, perché mi pare chiaro che dalle parole dell’assessore Umberto Laureni dette ieri nell’incontro con i Comitati di Quartiere tenutosi al Circolo Miani ciò non sia chiaro affatto.

Il Circolo Miani ed i Comitati, pure attraverso l’espressione elettorale della Lista civica LA TUA TRIESTE COMITATI DI QUARTIERE, non si occupa solo di Ferriera e non è una associazione ambientalista comunemente intesa.

Il Miani dalla sua fondazione, ed il 31 agosto 2011 fanno trenta anni, ha sempre messo al centro delle sua iniziative la crescita di una cultura diffusa, di una società dei diritti, della partecipazione cosciente dei cittadini alla vita della propria comunità, locale come regionale o statuale.

Per questo ha invitato a Trieste oltre 120 tra i testimoni più significativi della società italiana (dalla cultura alla magistratura, dalla politica al giornalismo) nei più affollati dibattiti che Trieste ricordi. Per questo ha promosso dal 1998 una campagna per il “rinascimento delle periferie” dove in realtà vive la stragrande maggioranza dei triestini. Per questo ha sollevato da tredici anni il problema dell’inquinamento prodotto da Ferriere, Sertubi, Inceneritori, Italcementi, Depuratori fognari a cielo aperto nel cuore della città, decine di migliaia di metri quadrati di Eternit che coprono tutti i capannoni del porto da Servola alla Torre del Lloyd, un traffico pesante continuo nelle zone che vanno da San Vito-Campi Elisi ad Aquilinia, la scelta scellerata, e non solo commercialmente parlando, di aprire l’ipermercato Torri nel cuore di Chiarbola. Per questo ha sollevato per primo l’attenzione dell’opinione pubblica locale sui rischi di Rigassificatori e TAV ed ha contrastato con forza un Piano regolatore che favoriva la cementificazione, voluto e votato nel 1997/8 dal centrosinistra che allora guidava il Comune con il sindaco Illy. Per questo ha discusso il drammatico crollo della sanità a Trieste, a partire dal Burlo per finire male, molto male all’attuale situazione di Cattinara.

Per questo ha sempre chiesto il rispetto, null’altro che il rispetto della legalità e della legge da parte delle istituzioni pubbliche di ogni ordine e grado che invece a Trieste è stata cosa assai rara in questi anni. Per questo ieri si è ritenuto di promuovere a breve una manifestazione cittadina in piazza Unità davanti a Regione, Comune e Prefettura.

Pertanto quando si interviene ad un incontro del Circolo Miani, come ieri dove partecipavano 46 cittadini in rappresentanza dei Comitati di Quartiere che dai Campi Elisi arrivano fino a Muggia, è opportuno conoscere e capire questa situazione.

Per questo ieri poi si è discusso semplicemente sull’opportunità di continuare a partecipare a quelle riunioni plenarie a scadenza mensile, la terza dovrebbe essere attorno al 10 ottobre in Municipio, che nelle prime due edizioni si sono rivelate una miscellanea di parole che, almeno sulla questione Ferriera, urgentissima emergenza, si sono ripetute paro paro nelle due sedute mensili.

Per questo è stato ribadito l’orientamento che se la nuova Amministrazione non sanerà quella situazione di illegalità che persiste dal giugno 2005 e che fa si che il Comune di Trieste, in dispregio delle leggi europee e nazionali non abbia ancora un Piano d’Azione Comunale (PAC) contro l’inquinamento da fonte industriale e che permetterebbe, anche giuridicamente parlando, al Sindaco di esercitare il suo compito di Ufficiale Sanitario di Trieste e conseguentemente adottare tutti quei provvedimenti che si rendessero necessari a tutela della salute di cittadini e lavoratori (vedi ad esempio le ordinanze sindacali di fermo del traffico cittadino quando vengono sorpassati i limiti di legge sulle polveri sottili PM10 come appunto il PAC sulla viabilità prescrive), il Circolo Miani ed i Comitati si asterranno dal partecipare a questi incontri fino ad ora abbastanza inconcludenti.

La redazione di questo PAC da parte della amministrazione comunale di Trieste è stata da noi formalmente chiesta nella prima riunione del 15 luglio, poi ribadita in quella del 5 settembre, e riconfermata pure ieri alla presenza dell’assessore Laureni, semplicemente avvertendo che se così non avverrà la riunione del 10 ottobre o giù di lì sarà l’ultima che vedrà, ferme restando così le cose, la nostra partecipazione. Faremo cioè un passo indietro in attesa che il Comune di Trieste faccia un passo avanti a tutela dei cittadini, a rispetto di una legge violata da sei anni, e pure di una sua delibera votata all’unanimità dal Consiglio comunale su proposta dell’allora presidente della Commissione Trasparenza del Comune, il consigliere Alfredo Racovelli, il primo febbraio del 2010, che impegnava la giunta comunale a presentare il PAC sull’inquinamento industriale entro sessanta giorni da quella data.

Si badi bene questa nostra richiesta non è affatto un puntiglio formale. E’ chiaro, crediamo a tutti, che oltre al rispetto della legge determina una situazione di assunzione di responsabilità ed operatività da parte del Sindaco e della Giunta. Richiamarsi come è stato ripetuto ieri da Laureni alle disposizioni date alla proprietà della Ferriera (la russa Severstal) dall’AIA regionale, che per altro scade ad inizio 2013, e la cui revisione è stata volutamente quanto illegalmente insabbiata dal 28 AGOSTO 2008 (!) con la piena complicità dei cinque componenti della Conferenza dei Servizi: la Regione di Tondo, Bucci e Camber, ma neppure la cosiddetta opposizione ha speso parola; la Provincia della Bassa Poropat e di quel tale Zollia; il Comune di Trieste del Dipiazza prima e da quattro mesi dal Cosolini ora; per finire ad ARPA (Regione) ed ASS triestina (sempre di nomina regionale). Richiamarsi a tutto ciò dunque non è la soluzione del problema ma è IL PROBLEMA.

Affermare, poi che “stiamo lavorando per voi”, e su Laureni non lo mettiamo in dubbio, è esattamente ribadire le stesse parole che tanta gente si è sentita ripetere in questi tredici anni con il risultato che è sotto gli occhi di tutti.

Riportiamo qui ad esempio i titoli di tre articoli del piccolo censore: 9 novembre 1999, Illy: “Nel 2000 una Ferriera pulita” di cui merita citare alcune frasi dello stesso Sindaco “Va dato atto alla Lucchini di aver puntualmente accolto le mie sollecitazioni per ridurre il problema delle polveri”. Ed ancora: “prima l’Azienda Sanitaria e ora l’Arpa hanno effettuato periodici rilevamenti senza mai riscontrare superamenti dei limiti previsti”. E poi: “Voglio quindi rassicurare gli abitanti di Servola (quelli di Valmaura, Chiarbola, Monte San Pantaleone, Muggia e Campi Elisi no?) su quanto di positivo l’amministrazione sta facendo …. La situazione sarà risolta entro la metà del prossimo anno (2000)”.

Continuiamo che c’è solo l’imbarazzo della scelta. Titolo della prima pagina di cronaca: 28 aprile 2001, il Ministro dell’Ambiente Willer Bordon ha visitato l’impianto di Servola dopo l’invio dei super-ispettori (Mandrake, Batman e Nembo Kid). “Se in Ferriera ci sono violazioni sarò asburgico”. Sottotitolo: “La gente gli porge polvere nera, è questo che respiriamo. Bordon: valuterò i dati e non ci saranno sconti”. Un solo commento: povera Austria e la stagione dei saldi era iniziata in anticipo, pare. Eppoi sempre il Ministro dell’Ambiente (non ridete per favore) Bordon sul piccolo giornale di venerdì 11 maggio 2001: “La Ferriera verrà risanata, è già disponibile una tranche di 23 miliardi solo per Trieste”. Buona questa!

Potremmo continuare a lungo: dai titoli sui “cancri da chiudere subito” di Dipiazza o su quel Tondo che prometteva “se sarò eletto presidente la settimana dopo verrò a Servola ( e dai!) a chiedere alla gente come chiuderla (la Ferriera)”.

Ecco solo un pallido esempio di perché la gente quando sente parlare di “avere pazienza” e del “lavoriamo per voi” sente salire, oramai ad altezza gola, qualcosa di fastidiosamente pesante e grosso che entra da dove, come scriveva il sommo poeta “del cul fece trombetta”.

Nessuno qui mette in dubbio la buona fede dell’ingegnere Laureni, ed è per questo che per la prima volta in tanti anni abbiamo ritenuto di concedergli la nostra fiducia responsabile ma specificando che era riservata alla sua persona e che non era illimitata temporalmente. Quando ribadisce pubblicamente che è lui il solo a rappresentare la posizione della nuova Amministrazione sulle questioni ambientali, forse forse farebbe meglio a ricordarlo anche a qualche suo collega di giunta: un nome a caso, Fabio Omero.

Ecco perché ribadiamo in anticipo quanto ci aspettiamo di concreto esca dalla riunione del 10 ottobre, assieme a quella delibera sull’istituzione, in rispetto della legge nazionale anche qui troppo spesso disattesa, nata su un’idea di Falcone e Borsellino, dell’albo comunale nel quale vanno inserite tutte quelle ditte ed imprese (costruttori, trasportatori, manutentori, ecc.) che avendo avuto situazioni di irregolarità o peggio di illegalità, vengano escluse dal partecipare e concorrere agli appalti pubblici dell’amministrazione comunale.

Anche questo è “tutela ambientale” nel senso più vero del termine.

Ps: per redarre un PAC basta utilizzare il facsimile pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale o copiarlo ad esempio da quello fatto dal Comune di Piombino. Insomma una decina di minuti o giù di lì.




Ferriera: basta con i rinvii e le mascalzonate.

» Inviato da valmaura il 20 September, 2011 alle 1:57 pm

Giovedì 22 settembre, alle ore 18, al Circolo Miani a Trieste in via Valmaura 77, Assemblea pubblica per decidere assieme come organizzare una manifestazione cittadina che dia un segnale forte a istituzioni e politica che la pazienza dei cittadini è finita.

Che le chiacchiere oramai stanno a zero e che la tutela della salute e della qualità della vita non può aspettare oltre i tempi eterni ed i rinvii di una classe politica incapace e mascalzona.

Questo invito va fatto girare in rete, su Internet, per telefono e personalmente; tanto sappiamo perfettamente che la stampa di regime locale non ne parlerà.




A Umberto Laureni, assessore comunale all’Ambiente.

» Inviato da valmaura il 11 August, 2011 alle 12:18 pm

Diciamo subito che per ora nessuno di noi mette in dubbio la sincerità e la buona volontà del nuovo Assessore all’Ambiente del Comune, l’ing. Umberto Laureni, nell’affrontare e possibilmente risolvere le tante emergenze che più che l’ambiente riguardano la tutela della salute e la qualità della vita di noi triestini (muggesani compresi).

Ma dalle intenzioni, che lo ripetiamo sono a nostro giudizio buone, bisogna poi passare e con necessaria rapidità, perché troppe e decennali sono le colpe ed i negligenti ritardi di politica ed istituzioni, se si vuole recuperare un minimo di fiducia da parte dei cittadini, alle soluzioni concrete.

E certamente, ad esempio sulla vicenda Ferriera, la vera cartina di tornasole del fallimento di una classe dirigente (industriali e sindacati compresi) da ben tredici anni, la credibilità di personaggi quali il confermato Zollia all’assessorato all’Ambiente provinciale e dello stesso sindaco Cosolini sono nulle agli occhi della gente. Per non parlare poi dei vari Tondo ed assessori regionali.

Ecco perché quando leggiamo – tralasciamo le dichiarazioni del solito Semino della Severstal che oramai con quella bocca può dire ciò che vuole e semmai stupisce, ma neppure tanto poi visto il ruolo fin qui esercitato, che il piccolo giornale riporti acriticamente per l’ennesima volta “le voci dal senn fuggite” del portavoce russobresciano – delle “diffide” sindacali alla proprietà (Mordashov ha la cacarella e non dorme più) che tanto da vicino ricordano le analoghe “diffide” ultimative di Capitan Trinchetto Dipiazza, firmate da un sindaco che da assessore regionale illyano ha “guidato”, si fa per dire, il tavolo regionale per la chiusura e riconversione della Ferriera nel quinquennio 2003/2008. Che ha preannunciato con un anno d’anticipo, ad istruttoria aperta, il sicuro rilascio dell’Autorizzazione Integrata Ambientale alla allora Lucchini-Severstal e che poi tra Natale e Capodanno del 2007 ha votato in Giunta il suo rilascio, in barba a tutte le irregolarità anche formali emerse palesemente e che alla fine ha definito strategico e pienamente soddisfacente il piano industriale per il rilancio della Ferriera presentato dalla proprietà (due righe e mezzo in un tomo dedicato allo stabilimento di Piombino). Ecco perché dunque nutriamo a ragione qualche forte dubbio tra le buone intenzioni fin qui espresse dall’ing. Laureni e la possibilità di trasformale in decisioni della nuova amministrazione comunale.

Ma come si usa dire abbiamo fatto trenta (in realtà tredici anni di lotte del Circolo Miani con i Comitati di Quartiere) ed allora facciamo trentuno. Ed ecco perché abbiamo offerto al neo assessore Laureni, ma solo a lui ci teniamo a sottolinearlo proprio perché in passato abbiamo apprezzato le sue prese di posizione, anche pubbliche come nel primo processo alla Lucchini (correvano gli anni 1999-2000), la nostra disponibilità e collaborazione.

A questo gesto responsabile abbiamo dato anche seguito con alcune proposte precise, tese innanzitutto a ripristinare quella “legalità” di cui alcune forze e movimenti politici fanno la loro bandiera ma in realtà su questo non hanno mosso dito né bocca.

La prima è stata quella di chiedere al Comune di approvare immediatamente quel Piano di Azione Comunale (PAC) sull’inquinamento da fonte industriale, di cui la nostra città è priva dal lontano 2005 anno in cui la legge ne imponeva l’adozione. Lo stesso tipo di PAC che, per intendersi, impone al Sindaco di emettere le ordinanze di blocco del traffico quando le emissioni delle PM10 (polveri sottili) sforano i limiti di legge, sempre che a causarle sia appunto il traffico veicolare.

Ebbene la cosa originale ed illegale è che il Comune di Trieste ha dato vita ai PAC sull’inquinamento da traffico ed a quello sugli impianti di riscaldamento, ma ha “dimenticato”, e da ben sei anni per giunta, quello a cui la legge per altro dava l’assoluta priorità: ovvero per l’inquinamento prodotto dalle industrie. Ed a nulla è valsa una delibera, votata all’unanimità e già di per se dunque sospetta di impraticabilità, del Consiglio comunale del primo febbraio 2010 in cui si impegnava la Giunta a presentare il PAC mancante entra sessanta giorni.

La seconda proposta, per dare pure un senso alle leggi nazionali che servono anche a combattere la corruzione e le infiltrazioni malavitose, è che da subito il Comune di Trieste stili una lista di tutte le imprese: di costruzione, manutenzione e trasporto, che negli ultimi dieci anni siano state coinvolte in indagini giudiziarie per la non correttezza dei lavori. E che le stesse imprese siano inserite in un pubblico albo di coloro che non possono più lavorare, partecipare a concorsi ed ottenere anche solo dei sub appalti dalle pubbliche amministrazioni.

Ecco questo mi sembra che sia un primo passo concreto ed immediatamente realizzabile, senza alcun costo per di più, per onorare la nostra responsabilità ma soprattutto per dare un segnale concreto che dalle chiacchiere decennali si passi ai fatti. Altrimenti il tutto si ridurrà solo all’ennesimo spot giornalistico che la gente farà prestissimo a capire.

E d’altronde se il 51% dei triestini non ha votato alle ultime elezioni amministrative una ragione ci sarà.




Informazione ai cittadini.

» Inviato da valmaura il 7 July, 2011 alle 1:21 pm

Abbiamo ricevuto oggi una lettera del nuovo Assessore all’Ambiente del Comune di Trieste che ci invita ad “uno scambio di opinioni” sui “temi ambientali”. Il testo completo delle cinque righe della lettera lo trovate qui di seguito.

oggetto: incontro su temi ambientali. E’ intenzione di questo Assessorato avviare un confronto ed una collaborazione con le Associazioni in indirizzo (ce ne sono per  ora nove). Per un primo scambio di opinioni e per consentire a questa Amministrazione di illustrare i suoi orientamenti in materia di tutela dell’ambiente, si invitano dette Associazioni ad un primo incontro presso questo Assessorato, segue luogo e data (venerdì 15 luglio alle ore 16)”

Più sotto potrete leggere il testo integrale della lettera che abbiamo inviato in pronta risposta.

Qui solo una breve considerazione.

Premessa: ci chiediamo come mai tutte, ma proprio tutte, le audizioni, gli incontri, le riunioni con le varie istituzioni (Regione, Provincia e Comune) sono nate sotto l’esclusiva pressione di manifestazioni promosse sempre e solo dal Circolo Miani e dai Comitati di Quartiere. Loro chiedevano di parlare con i responsabili istituzionali su temi e date precise e subito scattavano automatici gli inviti (ovviamente con tempi e modi assai dilatati) ad audizioni o confronti del tutto generici ed aperti ad universo mondo. Un tanto lo diciamo perché ci farebbe piacere per una volta, una sola volta in tredici anni, essere invitati motu proprio dalle istituzioni oppure su manifestazioni eventualmente promosse dalle tante altre sigle, ambientaliste e non, coinvolte invece a posteriori.

Nel merito il testo di questo invito è talmente generico che sembra, vista anche l’ora, le 16, un simpatico Tè con pasticcini e quattro simpatiche chiacchiere annesse.

Infatti la parola Ferriera-Sertubi, pur tanto abusata in queste settimane, non vi compare ed è come se alla richiesta precisa avanzata il 27 giugno in piazza Unità da una delegazione composta da una trentina di cittadini l’assessore rispondesse tutt’altro.

Preoccupa poi che per conoscere le “opinioni”, almeno del Circolo Miani e dei Comitati di Quartiere, un assessore debba invitali ad uno “scambio” di vedute quando basterebbe, anche se fosse arrivato fresco fresco da fuori città, leggersi le paginate di notizie ed articoli ospitati su questo sito.

Si spera per una volta che gli “orientamenti” che ascolteremo siano finalmente il linea con quanto stabilito, anche nei tempi e modi, invece dalle leggi (il chè dovrebbe rappresentare un obbligo e non un orientamento) e che fino ad ora è sempre stato totalmente disatteso dalle “amministrazioni” qualunque fosse il colore di chi le governava.

Siamo sinceramente delusi ed anche tanto stufi. In questi giorni, settimane e mesi dalla Ferriera e non solo, è uscito, esce un inquinamento devastante e totalmente fuori controllo. Una vera e propria emergenza per la salute di decine di migliaia di persone, lavoratori compresi, e qui ci si mettono tre settimane per convocare un primo “scambio di opinioni”.

Fa un po’ incazzare o no?

Circolo Centro Studi

“ERCOLE MIANI”

Telefoni: 040.383323 – fax: 040.383780

Email: info@circolo-miani.it

 

Ing. Umberto Laureni

Assessore Ambiente

Comune di Trieste

Fax 040.6758424

E per conoscenza:

Ai Capigruppo

Consiglio Comunale di Trieste

Al Presidente della Settima Circoscrizione

Comune di Trieste

LORO INDIRIZZI

 

 

Oggetto: Incontro inquinamento Ferriera

 

 

Il giorno 27 giugno, nel fugace contatto avuto con Lei in piazza Unità, in risposta ad una richiesta di incontro avanzata dalla delegazione di una trentina di cittadini che rappresentavano i Comitati di Quartiere di Campi Elisi, Chiarbola-Ponziana, Servola, Valmaura e Monte San Pantaleone-San Sabba, oltre al Circolo Miani ed i responsabili della Settima Circoscrizione, Lei disse più o meno testualmente che entro tre giorni sarebbe stata convocata una riunione dove Lei “avrebbe espresso la posizione della nuova Amministrazione sul problema Ferriera”.

Posizione per altro emersa ripetutamente in questo frattempo attraverso sistematiche dichiarazioni di altri Suoi colleghi di Giunta sulla stampa locale.

Da allora di tre sono passate settimane per arrivare ad una riunione da Lei promossa per venerdì 15 luglio con oggetto, riportiamo esattamente: “incontro su temi ambientali”, e “per un primo scambio di opinioni e per consentire a questa Amministrazione di illustrare i suoi orientamenti in materia di tutela dell’ambiente”.

Nell’annunciare che saremo comunque presenti per ascoltare i citati “orientamenti”, nel rimandarLa alla lettura del sito www.circolomiani.it, il più seguito giornale online della Regione con al momento 25.054 utenti unici registrati (per Sua informazione il piccolo giornale locale vende mediamente a Trieste sulle 18.000 copie), per conoscere le opinioni espresse da tredici anni dalle realtà qui sopra rappresentate sul merito e non solo, e nell’augurarci che questi “orientamenti” siano in grado di rispettare finalmente quanto stabilito dalle normative vigenti (italiane ed europee) in materia, si rimane in attesa ancora di ricevere quell’invito per il quale Lei si era impegnato pubblicamente il 27 giugno u.s.

Distinti saluti.

                                                Maurizio Fogar

 




Il manganello partecipato.

» Inviato da valmaura il 28 June, 2011 alle 3:15 pm

Ovvero la nuova versione della “democrazia partecipata” in salsa triestina.

Ieri sera, lunedì, in occasione della seconda seduta del Consiglio Comunale di Trieste, una delegazione di una trentina di cittadini, anzi più cittadine che cittadini, si è recata in piazza Unità davanti al Municipio chiedendo di incontrare i Capigruppo consiliari, il presidente (qui la minuscola è sacrosanta) del Consiglio Comunale ed eventualmente gli assessori competenti.

Stiamo parlando di territorio, ambiente, inquinamento e tutela della salute. Dunque Ferriera ma non solo.

La risposta della nuova amministrazione civica, si fa per dire, è stata questa: i cittadini che stazionavano nella piazza, godendosi finalmente una leggera frescura, hanno visto arrivare un pulmino di poliziotti municipali con i manganelli di dotazione bene in vista; hanno atteso quasi due ore per vedere comparire solo il Capogruppo dell’Italia dei Valori, Paolo Bassi, e più tardi l’onorevole Roberto Antonione candidato Sindaco sconfitto al ballottaggio.

In cambio hanno apprezzato la vista due piani più in alto di una decina e passa di consiglieri, tra cui alcuni capigruppo, che a turno uscivano sui balconi a fumarsi una sigaretta e distrattamente buttavano uno sguardo sulle persone che stazionavano di sotto, alle quali nel frattempo si era aggiunto il Presidente della Settima Circoscrizione accompagnato da alcuni consiglieri.

Ad un certo punto, e sempre grazie alla disponibilità di Paolo Bassi, è uscito un nervoso Assessore all’Ambiente, che si è limitato a dire che a giorni “le associazioni ambientaliste” saranno invitate da lui medesimo ad una riunione per “ascoltare” la posizione della nuova amministrazione in materia (ovviamente lui intendeva riferirsi esclusivamente alla Ferriera).

Se le è presa con il sigaro toscano di Fogar e lo ha invitato a “mangiarselo” lamentando che i Comitati di Quartiere non avessero partecipato ad un suo comizio elettorale, sempre sul tema Ferriera, organizzato in campagna elettorale dal suo partito (SEL). Forse dimenticando che si rivolgeva a chi aveva preso parte a quelle stesse elezioni con una Lista civica concorrente: quella appunto dei Comitati di Quartiere che aveva raccolto una media di duemila voti.

Per carità patria nessuno gli ha chiesto dove fosse mai stato lui in occasione di tredici anni di manifestazioni, assemblee, cortei con migliaia e migliaia di partecipanti.

All’unica domanda rivoltagli, ovvero se condivideva quanto dichiarato sul piccolo giornale di Trieste quella stessa mattina dal suo collega di Giunta, il PD Fabio Omero, di cui riportiamo uno stralcio dell’intervista qui sotto, non ha risposto, anzi meglio ha detto “se avevamo finito il comizio”.

Piccolo ulteriore dettaglio. In questi giorni, sono passate tre settimane dall’elezione del nuovo Sindaco, chiunque cerchi di rintracciare un Assessore in Comune si sente rispondere dal centralino uno sconsolato “non abbiamo ancora i numeri di telefono interni per rintracciarli”. Invece il nuovo presidente del consiglio comunale (sempre con la “p” rigorosamente minuscola) cercato più volte per fissare un incontro, non si è fatto mai trovare disponibile al telefono.

Complimenti vivissimi alla “democrazia partecipata”, quella vera, in strada con la gente non quella virtuale da onanisni via web.

Il Piccolo, lunedì 27 giugno 2011, pagina 13, Cronaca di Trieste.

Intervista all’Assessore comunale di Trieste, Fabio Omero, con deleghe allo Sviluppo Economico.

Domanda: “La Ferriera: che fare per non rimanere incagliati in tavoli e dibattiti?”

Risposta:Innanzitutto vorrei sapere tempi e costi (nostro commento: già quantificati tre anni fa dal Ministero dell’Ambiente in circa 60 milioni di euro) della dismissione e della bonifica dell’area: a qualsiasi imprenditore vanno date certezze. Poi va capito quanto il pubblico è disposto a investire sulla bonifica dell’area, che peraltro mi dicono (Chi scusi?) non essere così gravemente inquinata.

Il Comune potrebbe poi diventare una sorta di agenzia di marketing giocando un ruolo importante nella ricerca di imprenditori.”

Non male per uno che è stato capogruppo e consigliere per quindici anni e che ignora tutto, ma proprio tutto in materia. Dalle disposizioni sulle bonifiche, all’insediamento nell’area della mitica Piattaforma logistica. Per non tediare oltre gli “diciamo”, anzi offriamo noi solo tre, tra i tanti disponibili, punti di informazione sulla “non gravità” dell’inquinamento nell’area.

Il Comune di Trieste li ha ricevuti negli anni puntualmente ma forse i consiglieri, come gli assessori, non erano “rintracciabili”.

A proposito è lo stesso ex capogruppo che il 9 dicembre 2009 aveva preso solenne impegno con i Comitati di Quartiere di convocare una audizione sul tema nella Commissione comunale competente “entro lo stesso mese di dicembre”. Peccato non avesse specificato l’anno, visto che siamo all’estate 2011.

In sequenza:

1) Verbali delle Conferenze dei Servizi decisorie del Ministero dell’Ambiente, a firma del Direttore Generale Gianfranco Mascazzini, dove vengono elencati i devastanti sforamenti degli inquinanti più cancerogeni e pericolosi individuati nelle caratterizzazioni del suolo e delle falde acquifere dei terreni occupati dalla Ferriera, con allegati tabelle e dati rilevati. E dove viene dato mandato all’Avvocatura dello Stato di rivalersi sulla proprietà per la messa in sicurezza urgente dell’area da bonificare (costo totale previsto 50-60 milioni di euro).

A partire dagli anni 2002, 2003, 2005, 2006, 2007, 2008: caratterizzazioni sito inquinato della Ferriera. Ministero Ambiente.

2) Relazione territoriale sul Friuli Venezia Giulia approvata dalla Camera dei Deputati nella seduta dell’8 marzo 2005, contenente stralci dell’audizione del Procuratore Capo di Trieste, Nicola Maria Pace, Procuratore Distrettuale Antimafia Regione FVG, sulla situazione Ferriera di Trieste.

3) Conclusione indagini Procure di Perugia e Grosseto gennaio 2010, con sequestro discarica abusiva Ferriera lato Scalo Legnami per la presenza nei terreni di 370.000 tonnellate di rifiuti tossici, con cui per altro è stato interrato sempre abusivamente il mare del Vallone di Muggia per una estensione pari ad otto campi di calcio. L’inchiesta, che ha portato ad una quarantina di mandati di carcerazione in tutta Italia per lo smaltimento illecito di rifiuti tossici, tra gli altri reati contestati, ha costretto agli arresti i vertici dello stabilimento triestino e della Lucchini Italia per una quarantina di giorni.

Ma d’altronde è lo stesso neoassessore che una settimana prima aveva detto che la Ferriera è nodale per l’industria triestina, e fa bene in effetti copia con un sempre neoassessore all’Ambiente che la domenica scorsa si lamentava, sempre dalle colonne del piccolo giornale, che non ci fosse “un dato certo” sulle emissioni inquinanti. Ma va! Davvero? Gli abitanti di Servola, Chiarbola, Valmaura, Monte San Pantaleone, Campi Elisi e Muggia, che ieri mattina non si vedevano quasi perché immersi in una nube di gas tossici che ha devastato la salute di decine di migliaia di persone, lavoratori compresi, per ore e ore, dopo tredici anni hai voglia se aspettano i “dati” certi. Loro li vivono ogni giorno che Dio manda in terra sulla  propria pelle.





« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152 • Pagina 153 • Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 17 July, 2019 - 5:03 pm - Visitatori Totali Nr.