Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Laminatoio a caldo e “giornalismo” a freddo.
Le sorprese della censura talvolta sono anche divertenti. ..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Trieste Verde. A cosa diciamo no!
Dicemmo no alla progettata Centrale a Carbone nel Vallone di Muggia, battaglia vinta..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 144

Morire da solo in Ospedale, come è possibile?

» Inviato da valmaura il 5 March, 2021 alle 1:57 pm

Lo hanno trattenuto in “osservazione” al Pronto Soccorso di Cattinara, parcheggiato su di una barella, l'uomo di 61 anni trovato poi dopo ore morto, in completa solitudine.
Non ci interessa se era in stato di alterazione, perchè pare fosse ubriaco, anzi questa semmai è una aggravante per chi lo aveva “preso in carico”.
Non importa se la persona avesse rifiutato di sottoporsi al prelievo del sangue, ma quando si sapeva, e si sapeva, che era stato raccolto da terra in strada qualche esame essenziale per accertare il suo stato fisico andava fatto, volente o nolente lui.
Questo non può essere archiviato come “tragica fatalità” come si legge in giro, altrimenti si cambi perlomeno il nome del reparto “osservazione temporanea” che appare come una tragica farsa.
Le responsabilità appaiono gravi, e non solo per gli eventuali operatori, ma per una dirigenza ASUGI che stabilisce questi protocolli, nemmeno negli ospedali da campo in zona di guerra accadono fatti simili.
E siamo nella “mitteleuropea” Trieste, nella politica dei manifestoni elettorali che promettono futuri “sostenibili” e sviluppi “green”.
Ma vergognatevi almeno!
E tra due sabati parleremo proprio di malasanità e delle proposte, concrete, di Trieste Verde per dare alla città una struttura sanitaria, ospedaliera e territoriale, degna di un paese civile.



Vi racconto una storia. Pronto Gretta? Con chi parlo io?

» Inviato da valmaura il 4 March, 2021 alle 11:58 am

Qualche annetto fa mi fermai a fare benzina in un distributore posto sulle Rive, quasi di fronte alla vecchia Pescheria, che chiamarla Salone degli Incanti fa ridere non poco, da piangere invece i tempi di ristrutturazione: il doppio, e non scherziamo, di quelli che gli Egizi avevano impiegato per costruire la Piramide di Cheope.
Spento ovviamente il motore, fatto il rifornimento, giravo la chiave di accensione inutilmente più volte e la vettura non ripartiva, tutto l’impianto elettrico del Mercedes fuoristrada era bloccato, con gli indicatori impazziti.
Mi soccorrevano i due benzinai nello spiegarmi che non era un guasto della mia auto ma il sistematico blocco messo in essere dalle emissioni della nuova potente antenna di telefonia mobile piazzata da poco sul palazzo accanto. E detto questo spinsero a mano le tre tonnellate di macchina per una ventina di metri sulle Rive finchè impianto elettrico e motore ripartirono.
Prima però mi raccontarono che oltre a spingere le autovetture dei clienti una volta avevano dovuto chiamare d’urgenza un’ambulanza perché le emissioni del ripetitore aveva mandato in tilt il pace-maker di un cliente con conseguente crisi cardiaca dello sventurato.
E stiamo parlando di impianti 3/4G, quelli “innocui”. Quelli “testati” da quella testina di Arpafvg.
A Gretta per esempio nell’arco di una cinquantina di metri attorno alla Farmacia e di fronte alla grande scuola primaria ci sono due belle antennone, costruite o potenziate da pochissimo, in mezzo ad un quartierone Ater, anzi sui tetti.
Pronto Gretta? Con chi parlo io?
Per questo ci vediamo , sabato prossimo 6 marzo, alle ore 11, presso la sede (g.c.) del Circolo Miani a Trieste in via Valmaura 77, in un incontro pubblico di Trieste Verde, che si terrà all'aperto nel rispetto delle misure antiCovid-19.



Allarme alberi.

» Inviato da valmaura il 4 March, 2021 alle 11:56 am

Sta riprendendo con inusitata foga la campagna di tagli, abbattimenti e potature extrastrong da parte delle ditte e cooperative incaricate dal Comune.
Anche i privati non scherzano e molti amministratori condominiali ignorando, o approfittando della non conoscenza del pronunciamento della Corte di Cassazione che ha sentenziato come basti la contrarietà anche di un solo condomino a non permettere l’abbattimento di alberi e piantumazioni nell’area di comproprietà perché queste rappresentano un bene di tutti e nessuno ne può venire menomato o privato anche da decisioni assembleari condominiali, segano a più non posso.
Come sempre da anni ci pervengono foto e segnalazioni sulla mattanza in corso ed anzi cogliamo l’occasione di invitare i nostri lettori a non farci mancare notizie che purtroppo in queste ultime settimane si sono intensificate.
Sembra quasi il canto del cigno, nero, di una amministrazione comunale, che, del pari della precedente va detto, ha provocato danni e degradi inenarrabili nel verde pubblico e chiuso gli occhi su quanto avveniva nel privato.
Fermiamoli con Trieste Verde!
 
 



Trieste Verde. Antenne e Ripetitori, mettiamoci le mani.

» Inviato da valmaura il 3 March, 2021 alle 2:04 pm

Premesso che noi non soffriamo di dietrologie e retropensieri, che usiamo il cellulare anche se solo per la sua funzione primaria: ricevere e fare telefonate. Che non siamo assolutamente ostili a progresso ed innovazione scientifica, pretendiamo però una cosa sola e di buon senso: che qualunque nuova tecnologia venga immessa sul mercato, perchè è soprattutto di questo che si tratta, in qualunque campo sia, garantisca per il presente ed il futuro (molte volte gli effetti nocivi emergono a distanza di anni) la più assoluta ed inconfutabile, scientificamente parlando, innocuità e sicurezza per le persone e per l'ambiente.
Dunque semplice e chiaro e mi auguro condivisibile da tutti, meno i pochissimi che hanno la vocazione da cavia. Il mondo in fin dei conti è bello perchè vario, anche se nessuno può permettersi, neppure dietro lauto compenso, di mettere a repentaglio salute e vita della comunità, della sua è appunto affar suo.
Pertanto abbiamo da subito aderito all'invito che da molte parti si è levato, parte del mondo scientifico e quasi sempre la più autorevole, la stessa Comunità Europea e via via fino ad arrivare ad oltre 600 enti locali italiani, ad adottare nei confronti della nuova tecnologia 5G il criterio della “massima precauzione” proprio in assenza di risposte scientifiche e mediche certe ed imparziali, come raccomandato dalla stessa UE.
E di conseguenza abbiamo, attraverso un autorevole studio legale, NOI e solo noi, inoltrato al sindaco di Trieste, e per ben due volte, la documentata richiesta di emettere una ordinanza o delibera di moratoria all'installo di tecnologie atte a diffondere il segnale 5G nel territorio comunale, sul modello di quanto fatto in Regione da diversi sindaci a partire da quelli di Udine e Sacile.
More solito, e come ha sempre fatto su altre questioni: vedi Ferriera, il sindaco ha buttato la palla in tribuna, ben guardandosi da prendersi quelle responsabilità che le leggi, e dal 1934 a seguire, gli assegnano in qualità di Ufficiale Sanitario di Trieste.
Abbiamo altresì suggerito e richiesto, anche qui del tutto inutilmente, che l'amministrazione comunale varasse in tempi rapidi, coinvolgendo pure le aziende che operano nel settore della telefonia, un Piano Regolatore per antenne e ripetitori, come avvenuto in passato, dopo lungaggini estenuanti va detto: come ben sanno ed hanno patito i residenti di Conconello qui e di Chiampore a Muggia, per Radio e Televisioni.
Al fine di evitare il posizionamento di antenne e ripetitori di telefonia mobile di vecchio conio (3-4G) in prossimità di strutture sanitarie ed assistenziali, scolastiche di ogni ordine e grado, ricreative ed associative, ed infine in mezzo a zone densamente abitate. E di chiedere, anche alla luce delle prime due sentenze del Tribunale di Torino, non di Samarcanda, confermate recentemente in appello, per l'installo di nuovi impianti la sottoscrizione liberatoria da parte delle aziende richiedenti per la quale si assumevano in solido, per il presente ed il futuro, la responsabilità civile e penale per gli eventuali danni arrecati alla salute di persone ed ambiente. Insomma un banale attestato di garanzia come oggi si accompagna all'acquisto di qualunque prodotto o all'esecuzione di ogni lavoro.
Anche perchè la incredibile ARPA FVG ha scritto nero su bianco che in questa prima fase per la diffusione del segnale 5G le aziende, che sono sempre le stesse, si avvarranno degli impianti già in essere ed installati per il 3-4G.
Ovviamente è stato come fare pipì contro vento. Dal Comune di Trieste solo silenzi.
E ciò è assai preoccupante anche per l'aumentare in città dei casi di persone, giovanissime ed adulte, ammalate di elettrosensibilità (una patologia fortemente invalidante che distrugge la qualità della vita), e non parliamo poi dei portatori di pace-maker cardiaci e consimili.
A tutto ciò è corrisposto pure un silenzio assordante, qui ci azzecca in pieno, di tutte le forze politiche vecchie, seminuove e nuovissime presenti o candidate in Comune e della solita pletora di sigle più o meno ambientaliste locali da sempre al traino di questa politica.
Per questo ne discutiamo e presentiamo all'opinione pubblica il piano operativo di Trieste Verde per il Comune in questo campo, sabato prossimo 6 marzo, alle ore 11, presso la sede (g.c.) del Circolo Miani a Trieste in via Valmaura 77, in un incontro pubblico aperto a tutti coloro che vogliono appunto “metterci le mani” e non continuare solo a lamentarsi ed imprecare per i prossimi anni. L'incontro si terrà all'aperto nel rispetto delle misure antiCovid-19.
Trieste Verde



Lavori pubblici a Trieste.

» Inviato da valmaura il 2 March, 2021 alle 12:05 pm

Al di là delle boutade propagandistiche su iniziative ferme da anni e annorum e ripescate ad ogni campagna elettorale: casi esemplari ma non unici sono il trasferimento dei mercati ittico ed ortofrutticolo, che se avessero le ruote avrebbero già fatto nel frattempo il giro del mondo, la ex caserma della Polstrada a Roiano, il nuovo ed incompiuto Meccanografico, e la lista potrebbe non finire mai anche su cessioni ai privati rimaste ferme per anni (l’area della Maddalena e quella della Fiera tanto per fare due esempi) fino al sempiterno rifacimento della Galleria di Montebello ed ora all’Ovovia.
Sono i “tempi” dei lavori, e le procedure, studi compresi, che fanno della nostra città un unicum.
Dal Tram di Opicina, dove il Comune ha sbagliato tutto quello che si poteva sbagliare, al recentissimo, ridicolo, caso dei lavori in Canale Ponterosso, alla riapertura del sottopasso, appena rifatto, di piazza Libertà, ora pure alla ciofeca principe del Parco del Mare, ai restauri delle Piscine, ai cantierini aperti in mezza città sulle strade e poi abbandonati, ai giardini sempre inquinati e disastrati.
Tempi biblici, inutilmente lunghissimi anche per interventi di pochissimo conto, e scarso controllo, anche nella formulazione delle gare (il fine lavori di cantiere è spesso inosservato o trascurato).
Poi ci sono gli interventi inutili per cui però si è spesa una barcata di soldi pubblici. Dunque utili per chi i soldi li incassa.
Il più clamoroso è il rifacimento della viabilità di piazza Libertà (5 milioni), con il preventivato spostamento di un’ottantina di metri della statua di “Sissi”, costo previsto quasi 600.000 euro. Per non parlare poi del “Vate”: statua e mostra fallimentare compresi.
Ma ci permettiamo di aggiungere anche il “Ponte Curto” o il progettato trasferimento del Burlo Garofalo.
Poi ci sono i traslochi anche qui costosissimi, come il Museo del Mare ed altri istituzioni culturali e museali in Porto Vecchio. Di cui molto spesso non si sentiva bisogno alcuno e che porteranno all’abbandono di edifici storici ora in perfetto stato.
Tutti questi interventi, alcuni senza utilità pratica, sono costati e costeranno decine di milioni di euro a fronte magari di altre emergenze più contingenti, e qui non occorre lavorare troppo di fantasia (dalla Sanità alla povertà).
Qui a Trieste si segue da anni una linea preoccupante e non poco: quella di spogliare le amministrazioni pubbliche della cura e responsabilità diretta di molti servizi e mansioni, oltre che di beni, per cederli, appaltarli a privati: cooperative, ditte e società, con una esplosione del lavoro precario e sottopagato, oltre che spesso dequalificato.
Poi questo sistema permette di far girare i “piccioli”, ovvero trasformare il denaro pubblico in privato, e più soldi girano più qualcosa ritorna, magari sotto forme diverse da quelle che abbiamo conosciuto ai tempi di “Mani Pulite”. Soprattutto benefit, regalie e finanziamenti per le campagne elettorali.
Il quadro che ne esce è complessivamente disastroso per la nostra città.
Pertanto la risposta credibile è una sola, scusate la presunzione: Trieste Verde.




« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143 • Pagina 144 • Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Pagina 260Pagina 261Pagina 262Pagina 263Pagina 264Pagina 265Pagina 266Pagina 267Pagina 268Pagina 269Pagina 270Pagina 271Pagina 272Pagina 273Pagina 274Pagina 275Pagina 276Pagina 277Pagina 278Pagina 279Pagina 280Pagina 281Pagina 282Pagina 283Pagina 284Pagina 285Pagina 286Pagina 287Pagina 288Pagina 289Pagina 290Pagina 291Pagina 292Pagina 293Pagina 294Pagina 295Pagina 296Pagina 297Pagina 298Pagina 299Pagina 300Pagina 301Pagina 302Pagina 303Pagina 304Pagina 305Pagina 306Pagina 307Pagina 308Pagina 309Pagina 310Pagina 311Pagina 312Pagina 313Pagina 314Pagina 315Pagina 316Pagina 317Pagina 318Pagina 319Pagina 320Pagina 321Pagina 322Pagina 323Pagina 324Pagina 325Pagina 326Pagina 327Pagina 328Pagina 329Pagina 330Pagina 331Pagina 332Pagina 333Pagina 334Pagina 335Pagina 336Pagina 337Pagina 338Pagina 339Pagina 340Pagina 341Pagina 342Pagina 343Pagina 344Pagina 345Pagina 346Pagina 347Pagina 348Pagina 349Pagina 350Pagina 351Pagina 352Pagina 353Pagina 354Pagina 355Pagina 356Pagina 357Pagina 358Pagina 359Pagina 360Pagina 361Pagina 362Pagina 363Pagina 364Pagina 365Pagina 366Pagina 367Pagina 368Pagina 369Pagina 370Pagina 371Pagina 372Pagina 373Pagina 374Pagina 375Pagina 376Pagina 377Pagina 378Pagina 379Pagina 380Pagina 381Pagina 382Pagina 383Pagina 384Pagina 385Pagina 386Pagina 387Pagina 388Pagina 389Pagina 390Pagina 391Pagina 392Pagina 393Pagina 394Pagina 395Pagina 396Pagina 397Pagina 398Pagina 399Pagina 400Pagina 401Pagina 402Pagina 403Pagina 404Pagina 405Pagina 406Pagina 407Pagina 408Pagina 409Pagina 410Pagina 411Pagina 412Pagina 413Pagina 414Pagina 415Pagina 416Pagina 417Pagina 418Pagina 419Pagina 420Pagina 421Pagina 422Pagina 423Pagina 424Pagina 425Pagina 426Pagina 427Pagina 428Pagina 429Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 22 February, 2024 - 10:12 pm - Visitatori Totali Nr.