Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Il neocomunismo. Attenti l'America, non la Cina, è vicina.
Il Bolscevismo ha nuovo volto e nuovi protagonisti. E' il Partito Democratico, che fu di Kennedy, Clinton ed Obama, il nuovo rappresentante dei Soviet. Alexandria Ocasio-Cortez è tra le personalità politiche “che combattono ricchezze e privilegi facendo cadere uno dei tradizionali..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

La morte: che noia.
Bruciarono il clochard per noia, il giudice non li condanna. Incredibile sentenza. Verona, all'epoca dei fatti, un anno fa, avevano 13 e 16 anni. La pena è stata sospesa. Si può uccidere per noia senza trascorrere un giorno in carcere. Si può tormentare..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 132

Siamo stufi.

» Inviato da valmaura il 28 August, 2012 alle 1:57 pm

Si siamo proprio stufi di essere presi in giro da questa politica, da questi partiti vecchi e nuovi che sperano di vivere di rendita sull’immagine, la simpatia e la notorietà dei loro leader nazionali, ci riferiamo in questo caso a Di Pietro e Grillo. Che affidano la loro esistenza in vita alla strategia delle “veline” giornalistiche, dei comunicati che hanno sempre e comunque spazio su questa stampa che ci troviamo a Trieste, cosa ben diversa e lontana anni luce da un simulacro di informazione. Oppure attraverso lo strumento di interviste dove lo “smemorato di Collegno” sembra una enciclopedia Treccani a confronto del “giornalista” di turno. Tutto rimosso; questi politici possono dire spudoratamente tutto ed il suo contrario a distanza di pochi mesi, e nessuno, ovviamente in nome della tanto decantata “etica e professionalità del giornalismo”, glielo ricorda, truffando i suoi lettori che pure pagano per essere raggirati. Una cancellazione collettiva della memoria che a Trieste ha prodotto guasti incalcolabili.

La vicenda Ferriera è solo la cartina di tornasole di questo sistema. Ma che investe ogni settore della nostra vita pubblica: per non parlare dello sfascio in cui versa la nostra sanità, a partire dagli ospedali.

Eppure in questo sta anche la grande responsabilità dei cittadini che a Trieste da decenni sono più “gente” che persone dotate di orgoglio e dignità. Incapaci di cercare la verità, di fare un minimo sforzo per informarsi autonomamente, per partecipare a questioni che poi riguardano la loro vita, il loro futuro e quello dei loro cari.

Ed in questa situazione che la politica truffaldina ha mano libera e per di più continua a ricevere il voto, sempre in misura minore per la verità, da parte di questa gente.

Prendiamo le ultime esternazioni di oggi, 28 agosto, sulla prima pagina di cronaca del piccolo giornale locale. Ovviamente è sempre la Ferriera a tenere banco, e thò, gli stessi che fino a ieri sostenevano che “la siderurgia è strategica per Trieste”, oggi, da Cosolini alla Savino, proclamano la fine dello stabilimento triestino ed usano, senza tatti e diplomazie, il verbo “demolire”.

Capite bene, noi abbiamo pagato, e lautamente, questi personaggi che per dodici anni, non mesi e giorni, hanno negato l’evidenza di una realtà che noi abbiamo descritto in tutte le lingue a partire dall’anno 2000 (andate a rileggervi gli articoli su questo sito che esiste a partire dal 2005, per esempio) ed oggi essi scoprono l’acqua calda, rubandoci pure gli esempi e le parole scritte dieci anni fa.

Ovviamente hanno buttato via quattordici anni, ventisette tavoli più o meno “istituzionali” che non hanno prodotto nulla ed oggi non hanno uno straccio di idea sul che fare. Loro come i sindacati che hanno messo i lavoratori nudi alla meta con una mano davanti e l’altra dietro.

Due parole infine sulla trasmissione di Telequattro di ieri sera.

Era stato invitato tra i primi Maurizio Fogar, a rappresentare la voce di quel movimento, il più vasto e duraturo (dal 1998 ad oggi) che la Trieste odierna ricordi, poi di colpo sono cambiate le condizioni e rispetto ai tre-quattro ospiti palesati inizialmente, ne sono comparsi quella sera dieci. Impossibile dunque, considerando anche lo spazio dedicato agli interventi telefonici del pubblico, svolgere un benché minimo ragionamento degno di questo nome. Eppoi le presenze erano contradditorie e perfino singolari: una per tutte quella di un presidente del WWF che per primo difese la Lucchini in un processo contro 25 famiglie di Valmaura e Servola.

E Fogar ha fatto una cosa assolutamente coerente con l’impegno di questi anni. Spiegando che la battaglia portata avanti, con serietà, sacrifici ed impegno, dai cittadini in questi anni, la tragedia che per molta parte della nostra comunità la Ferriera ha rappresentato e purtroppo rappresenta, era altra cosa ben distante dal dibattito che si stava per aprire e dai suoi protagonisti. Ha ricordato al direttore dell’emittente televisiva, ringraziandolo comunque per la sensibilità iniziale, che avendo scritto un articoletto dal titolo “venghino venghino, siore e siori che al circo c’è ancora posto …” a commento delle prevedibili paginate del piccolo giornale sulla Ferriera a traino dell’Ilva tarantina con protagonisti buona parte di quelli che sedevano in studio, e che il trapezista non era il suo mestiere visto poi che soffriva di vertigini.

Interessante poi rilevare che i due assessori comunali presenti in TiVù, tra cui quello “per lo sviluppo economico”, Omero, si sono dimenticati di dare al direttore di Telequattro un contributo al dibattito che aggiornasse la situazione dopo le nuove posizioni espresse in mattinata dal Sindaco.

Semplice svista? Certo uno sgarbo non da poco all’emittente che li vedeva ospiti.

 




Alice nel paese delle meraviglie: Roberto Cosolini sindaco di Trieste.

» Inviato da valmaura il 20 August, 2012 alle 1:48 pm

Magari una “Alice” un po’ tanto corpulenta in una città che proprio una meraviglia non è.

Questa è la funzione perversa del “giornalismo” che si pratica a Trieste e in gran parte del nostro Paese.

Far apparire uno dei principali responsabili politici di questa situazione come uno che si trova ad affrontare un problema capitatogli tra i piedi per la prima volta, quasi per caso, e scaricando a barile, sempre e comunque, le responsabilità su altri.

Dichiarandosi dispiaciuto ma impotente “Io, ripeto, ho a cuore la Ferriera e chi vive a Servola. Ma non ho né competenze, né risorse, né strumenti per fare politiche industriali e ambientali. Non ho, ad esempio, Friulia o Mediocredito per supportare la riconversione: questo lo ha la Regione”.

Certo lo può fare comodamente perché chi lo intervista si beve semplicemente tutte le banalità che racconta e non conosce nulla delle competenze che, ad esempio, il Sindaco ha nella sua veste di Ufficiale Sanitario del Comune, e non da oggi, che la legge risale al Decreto reale del 1938. E che lo dotano di tutti i poteri ordinativi che vuole, mettendo le Aziende sanitarie ai suoi ordini e senza che, contro i provvedimenti presi a tutela della salute pubblica, ci sia possibilità di ricorso giuridico alcuno. Vedere il caso dell’ordinanza del Sindaco di Piombino che ha chiuso la cokeria della Lucchini di laggiù per gli sforamenti proprio di BenzoApirene, inferiori tra l’altro a quelli registrati a Trieste, e che ha visto i ricorsi della proprietà respinti dal Tar e dal Consiglio di Stato in quanto “irricevibili”, proprio per le ragioni di cui sopra.

Meraviglioso poi quel passaggio di responsabilità alla Regione: “Il tavolo della Regione per la riconversione dello stabilimento è iniziato a gennaio 2012: è un piccolo passo avanti, cui Comune e Provincia hanno dato il massimo della collaborazione istituzionale, ma prima di ciò non è stato fatto nulla. Adesso si deve andare avanti in modo serrato.” Bellissimo, in qualunque altro paese un giornalista degno di questo nome avrebbe subito chiamato un medico e premuroso gli avrebbe chiesto se si sentisse bene, con questo caldo africano. O se fosse stato di scuola anglosassone lo avrebbe fatto nero con un linguaggio da far apparire lo slang di Bruce Springsteen un discorso da Camera dei Lord alla presenza della Regina.

Avrebbe preso queste sue dichiarazioni come l’ammissione piena del fallimento del suo lavoro da Assessore Regionale che per cinque anni, dal 2003 al 2008 ha guidato proprio il Tavolo istituzionale della Regione per la riconversione della Ferriera. Insomma una franca e totale autocritica per il pieno fallimento del suo operato, sottolineato impietosamente da quel “ma prima di ciò non è stato fatto nulla.

Per l’appunto nulla ha infatti prodotto il tavolo regionale guidato dallo stesso Cosolini per cinque anni. Anzi allo stesso tavolo egli aveva trionfalmente annunciato gli ingenti investimenti fatti dalla proprietà e i tre grandi risultati conseguiti: il piano di rilancio industriale presentato dall’azienda con le ricadute all’esterno sull’occupazione a Trieste (assolutamente inesistente, come poi si è rapidamente visto). L’accordo firmato con i sindacati interni per la sicurezza sul lavoro e, ultima perla, la sicura convinzione che la proprietà della Ferriera si vedrà certamente rilasciata dalla Regione quella tanto ambita quanto indispensabile Autorizzazione Integrata Ambientale. Alla faccia ovviamente della competente, quanto “indipendente” commissione tecnica che doveva prendere la decisione.

Ma su quale giornale lavora questo “giornalista” che non legge nemmeno i resoconti pubblicati cinque anni fa dallo stesso giornale e che fa titolare a sintesi dell’intervista questa frase:

Cosolini: negli anni né investimenti ambientali da parte dell’azienda né interventi

per l’occupazione, situazione peggiorata. Ma è la Regione l’attore principale” E dove era questo signore, questa “Alice” barbuta e paffutella negli anni in cui parla?  Ohibò proprio in Regione con il ruolo “di peso”, in tutti i sensi, di Assessore al Lavoro e Presidente del Tavolo regionale per la chiusura, riconversione della Ferriera e la ricollocazione dei lavoratori (2003-2008).

E guarda che caso nella “gazzetta del Paese delle meraviglie” non c’è nessuno che lo ricordi ai lettori ed all’intervistato. Sul resto delle banalità è meglio stendere un pietoso velo anche se ci sono affermazioni gravi che magari un magistrato potrebbe prendere in considerazione, in specie quando parla di un intervento suo, del non assessore all’ambiente che si è scelto, e del comune in presenza del proseguire, anche in caso di calo si badi bene, degli sforamenti di BenzoApirene sopra i termini di legge, anche statuale (il decreto Berlusconi che sospendeva per due anni il limite di 1 nanogrammo al metro cubo, fatto ad personam per Riva e Mordashov, Taranto e Trieste, è decaduto il 14 di questo mese) e non solo regionale.

La legge infatti non prevede sconti: non si può considerare omicida uno che ammazza con 24 coltellate e considerare una bighellone quello che ti accoppa con una sola.

Ma siccome siamo a Trieste e non a Taranto tutto sommato può dormire sonni tranquilli.




Intervista a Maurizio Fogar.

» Inviato da valmaura il 18 August, 2012 alle 4:00 pm

Ha letto il pezzo di oggi sul Fatto Quotidiano a firma di tale Ivana Gherbaz (una collaboratrice del Piccolo di Trieste.ndr) sulla Ferriera di Servola?

Purtroppo si.

Perché “purtroppo”?

Raramente ho visto un articolo così non corrispondente al vero e ciò, sul Fatto Quotidiano, mi ha stupito ed amareggiato.

Addirittura!

Guardi non ho mai visto tanti errori anche così grossolani contenuti in così poco spazio.

A partire dagli scarni numeri riportati: i dipendenti diretti ed indiretti lievitati a 800 unità. I sequestri agli altoforni mai avvenuti se non nella erronea memoria dell’estensore dell’articolo, per non parlare della collocazione geografica dello stabilimento “nella prima periferia” quando è invece nel cuore della città, circondato da alcuni dei quartieri più popolosi di Trieste (Campi Elisi, Chiarbola, Servola, Valmaura, dai cui condomini dista neppure cinquanta metri, San Sabba e poi Muggia) dove vivono oltre settantamila cittadini, insomma un terzo degli abitanti della provincia. Eppoi la totale inesattezza sul rilasci dell’AIA e sulle cosiddette ristrutturazioni degli impianti. Non ne ha azzeccata una che è una.

Ma ha intervistato il Procuratore Capo …

No guardi quella non è una intervista. E’ semplicemente un riporto di dichiarazioni senza alcuna verifica né approfondimento. E infatti nessuno a Trieste da credito all’operato della Procura per quello che ha fatto, o meglio non fatto, nei confronti del caso Ferriera. Non a caso le poche azioni di un qualche significato sullo stabilimento sono il risultato delle indagini di altri uffici giudiziari, come le Procure di Perugia e Grosseto e dei NOE dei carabinieri di Udine.

Ma poi ha fatto parlare un rappresentante di un comitato locale.

Mi auguro, per quello che è stato scritto, che le parole di questa persona siano state mal interpretate e peggio riportate. Che è esattamente l’opposto di quello che pensano, vedono, credono le decine di migliaia di persone che dal 1998 sono scese in piazza (l’ultima venerdì 10 agosto scorso) contro l’inquinamento prodotto dalla Ferriera ma non solo.

Ha chiuso con le parole di polemica di un consigliere regionale del PD contro il ministro Clini.

Si, del medico Lupieri, dove in questo caso la sua professione è una aggravante. Da dieci anni continua a ripetere le stesse cose ma non ha mosso concretamente un dito. Neppure quando il suo partito governava per cinque anni (2003-2008) la Regione ed il suo collega di partito, l’attuale sindaco di Trieste Cosolini, da Assessore Regionale presiedeva il tavolo per la riconversione dello stabilimento. Ricordo benissimo, ero uno dei componenti di quel tavolo regionale, il 25° messo su dal 2001, quando Roberto Cosolini dichiarò solennemente che la proprietà russobresciana (allora Lucchini/Severstal) aveva rispettato due delle tre condizioni imposte dalla Regione. Ovvero aveva varato un accordo interno sulla sicurezza sul lavoro ed aveva presentato un piano industriale aziendale legato allo sviluppo del territorio provinciale. Come poi sia andata lo si è visto: cassa integrazione, riduzione della produzione e mancato pagamento dei fornitori e chiusure preannunciate ad ogni sei mesi.

La terza condizione era il rilascio dell’Autorizzazione Integrata Ambientale da parte della Regione che il Cosolini preannunciava in positiva dirittura d’arrivo, ovviamente nel pieno rispetto dell’operato della commissione di tecnici competente all’esame.

Insomma complimenti alla Gherbaz.

Ecco si, è meglio che continui a collaborare al piccolo giornale di Trieste. Che il pezzo firmato sul Fatto è un’ottima credenziale per un giornale che in questi anni si è distinto per disinformazioni e censure sulla tragedia della Ferriera.




“Presunto” giornalismo.

» Inviato da valmaura il 11 August, 2012 alle 2:03 pm

Quando negli anni ottanta tra i tantissimi testimoni della società italiana il Circolo Miani ospitò a Trieste anche Leoluca Orlando, alla sua prima sindacatura di Palermo, il piccolo giornale, allora di proprietà di un editore di destra (gruppo Monti-Riffeser) riuscì a pubblicare, sotto forma di intervista, il resoconto della manifestazione, con oltre 500 presenti, senza mai menzionare il Circolo Miani. Insomma come se il “giornalista” lo avesse riconosciuto mentre aspettava l’autobus alla fermata sulle rive e già che c’era, per ingannare l’attesa della linea 10, lo aveva intervistato.

Stessa cosa il piccolo giornale, da una dozzina di anni proprietà del principale editore di sinistra (si fa per dire) con i sette milioni di azioni della fondazione CRT della famiglia Paniccia-Camber (Giulio), ha fatto oggi a riguardo della manifestazione promossa dal Circolo Miani contro l’insostenibile inquinamento della Ferriera-Sertubi, in procinto di ottenere il via libera a proseguire anche dopo il 2015.

E lasciate perdere per favore le chiacchiere a vuoto, di chi non conosce neppure lontanamente l’argomento su cui sproloquia. Ovvero “il rendere compatibile (dal punto di vista della tutela della salute e dell’ambiente) il prosieguo di una attività siderurgica in quel sito”. Dire ciò significa in concreto trovare un industriale talmente autolesionista che si piglia l’area della Ferriera, la bonifica (valutazione del Ministero Ambiente circa sessanta milioncini di euro), abbatte tutti ma proprio tutti gli impianti esistenti (a partire dagli altoforni e dalla cokeria) oramai morti e fuori corsa, eppoi infine ne costruisce da zero di nuovi. Decisamente un’operazione in perdita colossale, economicamente parlando, che solo un deficiente potrebbe realizzare visto che fare la stessa cosa in qualunque altro sito, specie nell’ex terzo mondo, costa infinitamente di meno.

Ma torniamo all’articolo di oggi a firma Silvio Maranzana, dopo averci messo sopra una foto della manifestazione appunto promossa dal Circolo Miani, riesce in mezza pagina di articolo a non parlarci mai, ed in mezza riga richiama “ i presunti danni alla salute causati dalla Ferriera”. Senza ovviamente mai citare nulla della manifestazione-corteo. Che tutto il resto è l’ennesimo repete delle vuote chiacchiere dei vari Cosolini-Poropat e famigli.

Ecco bravo, perché non va a trovare i bambini colpiti dalla “presunta” leucemia, oppure i malati di tumore, sempre rigorosamente “presunti”, oppure i parenti delle ottocento persone in più morte l’altr’anno a Trieste per normali malattie all’apparato respiratorio: una “Ecatombe”, l’ha definita proprio sulle pagine del giornale per cui lavora Maranzana, il prof. Marco Confalonieri, primario pneumologo di Cattinara. Tutto “presunto” Silvio?

Va torna a scioperare per “l’etica e la professionalità” dei giornalisti del piccolo giornale, violentate dall’editore che ha modificato il vostro piano ferie senza consultarvi, che è meglio. Che di “presunto” giornalismo ne abbiamo proprio le scatole piene.

PS: un sentito grazie alle quasi trecento persone che hanno partecipato, alle 18 di ieri sera, venerdì 10 agosto, alla manifestazione in piazza Unità, quella appunto promossa dal Circolo Miani. Ma si sa che la dignità non ha prezzo né ferie.




Venerdì 10 agosto, alle ore 18, piazza Unità partenza del Corteo. “Per non morire di Ferriera e Sertubi”.

» Inviato da valmaura il 1 August, 2012 alle 1:59 pm

Venerdì 10 agosto, alle ore 18, piazza Unità partenza del Corteo.

Questa la decisione presa ieri dalla gente che ha gremito dentro e fuori la pur ampia sede del Circolo Miani a partire dalle 20 del 31 luglio!

La prima notizia infatti è questa. Ovvero che praticamente a ridosso di ferragosto 160 persone si siano riunite al Circolo Miani per decidere assieme una risposta che poi è stata quella che tutti si aspettavano: “Per non morire di Ferriera-Serubi. Venerdì 10 agosto alle ore 18. Piazza Unità davanti al Municipio partenza CORTEO. 14 anni che i politici giocano con la nostra vita  e con il futuro di Trieste, fermiamoli ora prima che sia troppo tardi.” Questo il testo della locandina-volantino che in duemila copie ieri sera è andato a ruba tra i presenti. E da domani al Circolo Miani chiunque vorrà, magari prima dando un colpo di telefono allo 040.383323, potrà venire a ritirare altre copie fresche di stampa tra le 11 di mattina e le 16 di pomeriggio (orario continuato) in via Valmaura 77.

E fermiamoci su questa notizia per alcune ottime ragioni.

La prima è quasi banale: che sfidiamo qualunque forza politica o sindacale a fare riunioni con queste affluenze di persone e, vogliamo essere generosi, non solo in piena estate, e che estate climaticamente parlando.

La seconda che discende ovviamente da questa altissima partecipazione, è che questa è avvenuta nonostante la censura ed il muro di silenzio che attorno a questo fatto, questa notizia, tutta la stampa triestina, dal piccolo giornale all’omologo in lingua slovena, alle Tivù locali, con l’unica eccezione ancora una volta della Rai e di una lodevole testata online Triesteallnews, hanno steso.

Un maldestro tentativo, in corso per altro da anni nei confronti di tutte le iniziative del Circolo Miani, di censura e disinformazione. Pensate sono riusciti a “cancellare” perfino la presenza di Gherardo Colombo e Corrado Stajano nostri ospiti ad un dibattito al Savoia sulla legalità e tangentopoli.

La terza è che se qualcuno si cullava nelle sue illusioni o speculazioni, è da qui che deve passare se vuole fare un confronto serio con la gente ed il territorio. O può continuare a far finta di ignorare questa realtà, magari utilizzando sigle di comodo, di amici degli amici, che messe insieme a dozzine non rappresentano neppure se stesse.

La quarta è che nella stessa giornata si è tenuta l’assemblea dei dipendenti Ferriera, tra sindacalisti ed altri, le presenze non arrivavano alle 50 persone, ma ovviamente sulla stampa locale hanno avuto stamane l’usuale quarto di pagina con foto.

La quinta è che, nonostante avessimo comunicato a tutti i capigruppo comunali il contenuto della riunione, l’unico a presentarsi è stato Paolo Menis del Movimento 5 Stelle, dagli altri nemmeno un accenno di ricevuta. Ma oggi il Consiglio comunale, la “politica” ufficiale, di casta con tanto di bollino doc, discuterà del futuro della Ferriera-Sertubi in una situazione surreale. Al di fuori del comune sentire della nostra gente e del territorio.

Dunque la responsabilità ora passa a tutti noi, cittadini di Trieste e Muggia, a far crescere la pubblicità e la partecipazione a questa manifestazione, a questo Corteo di venerdì 10 agosto. Sappiamo di poter contare solo sulle nostre forze, sulle nostre energie, sulle nostre idee, in una parola sulla nostra dignità per fermare le scelte sciagurate di una politica che ha deciso ancora una volta di passare sopra la vita delle persone e di sacrificare il futuro di queste nostre terre all’altare dei poteri forti, degli interessi di pochi, per ignavia, complicità o incapacità poco importa.

Ma quella firma sulla dichiarazione di revoca della data del 2015 quale fine corsa per la Ferriera dobbiamo impedirlo che Regione, Comune e Provincia la appongano entro Ferragosto.

Se non basta a capirlo quello che è successo con la morte e le malattie seminate per anni dall’Ilva di Taranto, con una mortalità tra i bambini aumentata del 18%: una storia esattamente in fotocopia con Trieste, meno che per la presenza di una magistratura che a Taranto fa il proprio mestiere.

Dipende da tutti noi e se non siamo capaci di pensare alla nostra salute, alla vita nostra e dei nostri cari, se riusciremo a trovare l’ennesima scusa per non venire allora è giusto che questa città muoia e scompaia in un rapido quanto inesorabile declino senza futuro.





« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131 • Pagina 132 • Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 16 February, 2019 - 10:18 am - Visitatori Totali Nr.