Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Lazzaro è ri-risorto !
Oggi compare dopo anni di silenzi il “consulente del Comune e del podestà Dipiazza” tale prof. Barbieri, ricercatore universitario, dalle pluriconsulenze (Regione, Arpa, di cui è uno dei cinque direttori scientifici, e Comune, prima con Cosolini e poi..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

La legge non è uguale per tutti. Proprio no !
Ed i politici sono i meno uguali di tutti, assieme ad (im)prenditori, finanzieri e "colletti bianchi". 1920 ore dietro alle sbarre per un panino. Febbraio 2011, un 70enne entra in un supermercato e infila un panino e..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 131

Possa mai la Ferriera?

» Inviato da valmaura il 2 August, 2015 alle 10:17 am

Oggi una brutta domenica a completare il quadro arriva uno dei rari editoriali del direttore del piccolo giornale, nomen omen dicevano i latini che la sapevano lunga, sulla Ferriera. Ecco ci mancava solo lui ed il cerchio è chiuso.

Il bello è che critica, con linguaggio direttoriale si intende, usando parole acconce quanto forbite, la precedente gestione dello stabilimento, cioè chi fino ad un anno fa mandava avanti la baracca.

E lo fa ora, a babbo morto, perché in questi anni ci è parso, ma forse eravamo distrattini, che il suo giornale tifasse senza se e senza ma proprio per quella proprietà.

Ma ora c’è Arvedi e il direttore gli costruisce un monumento cartaceo nel suo editoriale scomodando perfino il cognome degli Einaudi, che se vivi inorridirebbero per come in nome del liberalismo democratico viene gestita l’informazione al piccolo giornale. Ma si sa i morti non possono replicare e se lo fanno non li si pubblica, semplice no?

A parte che dimostra poca informazione, non male per un direttore di quotidiano, quando cita l’amore dei cremonesi per il commenda.

Se, assieme alle cento e passa persone, la sede del Circolo non riusciva a contenerle, il 18 maggio scorso avesse mandato qualcuno dei suoi ben pagati collaboratori, che chiamarli giornalisti mi sembra parola grossa assai, ad assistere all’incontro con una delegazione degli abitanti che vivono nei dintorni dell’acciaieria di Cremona, forse certi osanna con figure annesse se li sarebbe risparmiati. Ma ovviamente essendo l’iniziativa organizzata dal Circolo Miani, neanche l’annuncio era comparso sulle pagine del piccolo giornale.

A proposito, direttore, questo comportamento come lo chiama, e come lo avrebbero definito Luigi e Giulio Einaudi, con struzzo annesso? Censura.

In quanto poi al “nuovo” laminatoio, tutto è relativo. A noi risulta sia un po’ stagionatino, del 1947 per la precisione, ma forse ci sbagliamo di qualche anno.

Certo invece non si può sbagliare quando si parla, come scrive “el diretur”, di “investimenti di Arvedi”. Finora più di investimenti si è trattato di “prendimenti”, ovvero di 47 milioni di pubblico denaro incassati od in via di incamerazione.

Facile vero “investire” così ed ancora più facile dirigere un giornale in siffatta maniera.

Direttore non ha nostalgia del Veneto?

Uno “strano” social forum.

Si parliamo di Facebook,

Questi i fatti.

Un anno fa cancellano la nostra Pagina, quella del Circolo Miani inserita, allora non esistevano altre possibilità, nel settore “impresa” e ci fanno perdere di colpo 257 “amici”.

Un mese fa ci oscurano e levano un post sulla situazione della Grecia perché secondo loro non corrispondeva alle regole, ma senza spiegare quelle eventualmente violate.

Sempre un mese fa non rispondono, è ancora in attesa di essere esaminata (sic), alla richiesta di mettere in evidenza a pagamento un post sulla Ferriera.

Due settimane orsono prima accettano di evidenziare a pagamento il post “Se questa è informazione” sulle censure del piccolo giornale di Trieste, e poi dieci ore dopo ci ripensano perché “sembrerebbe” che violi le loro regole. Sembrerebbe? Ma stiamo scherzando?

Ieri è da 24 ore, altro che “entro un’ora”, che non rispondono alla richiesta di mettere in evidenza sempre a pagamento il post NO FERRIERA!

E questo sarebbe un social forum? A noi sembra qualcosa d’altro e pertanto vi invitiamo a memorizzare il sito online www.circolomiani.it ed a seguirci da lì.

 




NO FERRIERA!

» Inviato da valmaura il 31 July, 2015 alle 10:39 am

La Ferriera, che piaccia o no, è dal 2000 il nodo centrale della politica cittadina.

La Ferriera non è solo una gravissima emergenza ambientale e un danno senza precedenti per la salute di lavoratori e cittadini. Ma è il tappo che frena ogni sviluppo della nostra città in particolare quello legato al rilancio del porto.

Dunque risolvere questo problema, liberando la più vasta area disponibile sul mare che Trieste ancora  abbia è nevralgico per il nostro futuro. Significa anche dare prospettive certe di un lavoro dignitoso e sicuro a migliaia di triestini.

I fondi per questa operazione ci sono, in particolare quelli della Comunità Europea, ed è gravissima la responsabilità di una classe dirigente, non solo politica, che è stata incapace da oltre quindici anni (risale al 2000 l’accordo firmato dalla allora proprietà, Lucchini, con il Governo in cui annunciava di volere chiudere lo stabilimento di Trieste) di risolvere la questione.

Quindici anni persi che sono costati sofferenze, malattie, decessi ed una qualità della vita pessima a decine di migliaia di persone (da Muggia a San Vito-Campi Elisi) ed hanno aggravato il declino della città.

Per conoscere i responsabili basta scorrere l’elenco dei nomi dei Sindaci, dei Presidenti di Provincia e di Regione che si sono succeduti alla guida delle istituzioni in questi anni. Aggiungerci i dirigenti politici di maggioranza ed opposizione, parlamentari compresi, i presidenti di Confindustria ed i vertici sindacali, ed il quadro è fatto.

Tutti sapevano, come per la tragedia dell’amianto, e tutti hanno fatto finta di niente, anzi, fidando sulla connivenza della stampa locale, hanno sistematicamente mentito.

Parlare di Arpa e di Ass è come parlare della politica, i loro dirigenti sono da questa nominati.

L’anomalia tutta triestina è stata invece la sostanziale inerzia della magistratura (leggetevi su www.circolomiani.it nella sezione articoli “Ferriera, non solo, e Procura”).

Dire No alla Ferriera significa dire si al futuro di Trieste.

Proviamo a dirlo ed a farlo?




Sfacciati dalla memoria corta.

» Inviato da valmaura il 28 July, 2015 alle 12:14 pm

Cosa è successo ieri alla libreria Lovat?

Nulla di diverso da quanto organizzato dal Circolo Miani, da Servola Respira, da La Tua Muggia e dai Comitati di Quartiere (quelli veri) dal 1998 ad oggi.

Anzi la stessa identica cosa che nel 2000 ha fatto fallire ed abortire i “Venerdì per l’ambiente” promossi dal Sindaco Riccardo Illy e dall’assessore Ondina Barduzzi in Comune. Anche lì gli incontri, presieduti, guarda caso, dal capocronista del piccolo giornale di allora, non sono andati oltre ai saluti di circostanza, poi tutto è stato sommerso dagli applausi.

Illy, che ci si consenta è più tosto di Cosolini, e l’allora presidente del Consiglio comunale Rosato, con il segretario Toncelli al seguito, incassarono una sonora sconfitta che la stampa locale, esattamente come oggi, contribuì ad amplificare accusando i cittadini.

Anche allora ci furono sigle ambientaliste, che hanno sempre amato più flirtare con la politica che tutelare salute ed ambiente, che si dissociarono “dal metodo” ed infatti non contavano nulla allora e contano ancor meno oggi anche se pompate da una stampa amica di Arvedi e del PD. E lo si è visto chiaramente ieri all’infausto incontro, quasi una provocazione alla città e non solo a Servola, quando i tre quarti dei presenti applaudivano (Cosolini e il piccolo giornale hanno seriamente bisogno di un oculista e Nerio Nesladek di un dietologo) civilmente, e non è volato un insulto che è uno salvo una invettiva di un corpulento fan di Cosolini contro Fogar.

Mentre i soliti quattro “ambientalisti” si affannavano a parlare con i politici in fuga per dissociarsi dalla gente. Ecco i cittadini da una parte e loro ed i politici, vecchi, nuovi, riciclati e precettati, dall’altra.

Anche allora Illy dichiarò le stesse cose di Cosolini oggi e perse le elezioni comunali sei mesi dopo.

Tutto molto semplice.

In quanto alla conferma della cancerosità delle polveri in uscita dalla Ferriera essa giunge ad ulteriore rafforzamento di quanto pubblicato e reso noto dal Circolo Miani con le analisi effettuate dal principale laboratorio del Triveneto a Padova nel 1998, di quanto pubblicato sul sito giornale www.circolomiani.it nel 2005 (lo trovate sulla Homepage sotto la voce “le analisi della Procura” curate proprio dal Cigra di Barbieri), e dal ponderoso studio fatto dall’Arsa (l’Arpa slovena) e da quella Azienda Sanitaria su richiesta del Sindaco di Capodistria nel 2008, che in più dimostravano l’estensione della diffusione delle emissioni della Ferriera (da Gretta alta a Capodistria), altro che Servola.

In particolare lo studio del Cigra accertava la modifica del DNA umano che il particolato in uscita dalla Ferriera causava. Più chiaro di così.

Certo se quelli che oggi scrivono sui social forum, facendosi magari belli dell’iniziativa altrui (facile vincere con il sudore degli altri), fossero venuti ieri ad applaudire insieme a noi, sarebbe stato meglio, molto meglio. Che a chiacchiere qui sono bravi tutti, magari anche saltare sul carro del vincitore come i penosi commenti di tutti i politici oggi confermano.

“Ho visto la madonna!” estasiava il Conte Mascetti-Ugo Tognazzi in “Amici Miei”.

Qui di antidemocratico c’è solo un Sindaco di Trieste, con la propaggine di quello di Muggia (che non era tra i relatori previsti ieri), che offende i cittadini, mortifica la dignità di una amministrazione comunale non ritirando prontamente il proprio rappresentante, quel Laureni anche lui folgorato più di San Paolo oggi, da una Conferenza dei Servizi che dovrebbe decidere dopo accurata istruttoria tecnica se rilasciare o meno l’AIA alla Ferriera, e che, come Fogar ha pubblicato mai smentito, la Regione per bocca dell’Assessore regionale all’Ambiente (quella del “stiamo monitorando”) ha già comunicato che sarà rilasciata “a prescindere” perché così vuole la politica (ing.Agapito, direttore Servizio regionale) prima ancora che la Conferenza si apra.

Qui di umiliante c’è solo il comportamento di amministrazioni che, come il Comune e la Regione, disattendono platealmente le mozioni e le leggi da loro stesse votate.

E che hanno come unico obbiettivo uccidere il Circolo Miani, sfrattandolo attraverso la loro controllata Ater. Insomma chiudere il Circolo per tenere aperta la Ferriera è lo slogan di PD e affini.

E parlano senza conoscenza e pudore degli “investimenti” fatti da Arvedi senza nemmeno leggere i bilanci del gruppo.

E questi signori vogliono dare lezioni di democrazia.

Ma per favore!




Se questa è informazione …

» Inviato da valmaura il 24 July, 2015 alle 1:26 pm

Sul piccolo giornale di oggi si riporta la sentenza del Tribunale di Gorizia che ha condannato, tra gli altri Corrado Antonini a nove anni di reclusione per la morte di 44 lavoratori del cantiere di Monfalcone, morte causata da mesotelioma da amianto.

Il cronista  di nera riporta che “il Tribunale ha sostanzialmente accolto le tesi dell’accusa sostenuta dalle pm Valentina Bossi e Laura Collini. Le pm avevano chiesto condanne per 80 anni e otto

mesi complessivi per i dirigenti dell’Italcantieri”.

Ora il Tribunale ha invece condannato per 111 anni, ergo 31 di più di quanto chiesto dall’accusa.

Il che porterebbe chiunque a scrivere non “sostanzialmente accolto” ma fortemente aggravato le pene richieste dai Pubblici ministeri. Ma questo passa il convento della stampa locale.

Ma c’è un altro aspetto che continua a non emergere da questa “splendida” informazione. Ovvero che per Corrado Antonini si tratta della terza pesante condanna.

Ricapitoliamo. La prima è quella del Tribunale di Venezia, tre anni condonati dall’indulto, a 2 anni e 9 mesi per la morte di 11 operai quando Corrado Antonini dirigeva la Breda.Fincantieri di Marghera. La condanna per omicidio colposo plurimo e omissioni è stata confermata dalla Corte di Cassazione con sentenza andata in giudicato il 25 maggio 2012.

La seconda è del Tribunale di Gorizia a 4 anni e 4 mesi, in primo grado, per la morte da amianto di 85 operai dei cantieri di Monfalcone e la terza è sempre del Tribunale di Gorizia, è appunto di ieri e sempre in primo grado, a 9 anni per la morte di 44 lavoratori sempre di Monfalcone.

Comune che per decisione del sindaco (PD) Altran ha deciso, il giorno prima della sentenza, di ritirare la propria costituzione di parte civile in rappresentanza della città, cosiddetta dei cantieri.

Altro “vuoto” informativo è non ricordare che dal 2005 al 2009 il suddetto Antonini è stato presidente degli industriali triestini, chiamato in chilometriche interviste dal piccolo giornale a pontificare sull’economia giuliana.

E piccolo particolare, e sarà forse proprio per il suo curriculum, che Corrado Antonini è stato recentemente nominato Vive Presidente dell’AIAD, il consorzio di Aerospazio-Difesa-Sicurezza, per il biennio 2015/16. Certi che in sicurezza è proprio un esperto.

Basta e avanza per dire che è proprio vero che la stampa locale non vive solo di Ferriera e Arvedi.




Ferriera, Grecia, Europa.

» Inviato da valmaura il 13 July, 2015 alle 11:14 am

Che ci azzeccano? Domanderete alla Di Pietro.

Eccome che ci azzeccano perché il filo conduttore è lo stesso.

In culo alle persone, all’essere umano, alla nostra vita per sacrificare tutto al business, agli affari chiaramente di pochi contro l’interesse di tutti gli altri.

In queste operazioni conta non solo la forza, l’arbitrio di chi le comanda, ma anche, soprattutto, la complicità, l’impotenza imbelle delle altre comparse che permettono che ciò avvenga.

“Fin che non si prosciugherà la Palude che aiuta, sostiene e nutre la mafia, è impensabile sconfiggerla”: Diceva il sociologo Pino Arlacchi, Vice Presidente della Commissione Antimafia, ospite a Trieste del Circolo Miani.

Quando è accaduto in Europa contro la volontà di un intero popolo, oggi quello greco, domani il nostro, dopodomani chissà, è la stessa cosa che accade qui, nel nostro piccolo, ma anche in Italia.

Poco importa che la stragrande maggioranza dei triestini, e muggesani, voglia l’immediata chiusura della Ferriera così com’è, che è peggio di come è stata, perché la politica, vista anche l’opposizione ad intermittenza ed incapace di collegarsi con la comunità, le istituzioni tutte, anche quelle che dovrebbero esercitare il controllo sul rispetto delle leggi, lasciano fare e tollerano, quando non favoriscono, gli interessi di pochissimi a danno di tutti gli altri. Facilitati in questo da una assenza sostanziale, forse solo la Rai e TeleAntenna fin che esisterà fanno eccezione, di ogni seria informazione sul territorio.

Le leggi qui diventano un optional quando esistono e se no le si cambia o interpretano a piacimento. Come la vicenda del rilascio dell’AIA da parte della Regione sta a dimostrare.

Ecco perché la battaglia, come da anni sostiene il Circolo Miani, è tutta politica.

Continuare a correre dietro a dati delle centraline, a numeri taroccati e manipolati da una vita, a norme che esistono solo sulla carta, serve solo a fare il gioco sostanziale di questi mistificatori.

Vanno delegittimati come il Circolo Miani fa da tempo rifiutando ogni coinvolgimento nelle inutili “consulte ambientali”, come poi se la vita si limitasse a questo, all’ambiente e basta.

Vanno isolati e smascherati per quello che sono. Degli incapaci, innanzitutto, che in diciassette, si 17, anni non sono riusciti a risolvere il problema, garantendo le poche centinaia di posti di lavoro ma soprattutto il futuro della nostra città, che la Ferriera blocca occupando il sito più ampio, importante, ed inquinato, della nostra provincia.

Fino a che la popolazione non capirà questo, e di conseguenza non comprenderà perché da anni, con tutti i mezzi e le strade, lecite e non, si è cercato di far tacere la nostra voce, arrivando a sette tentativi di sfratto nei confronti della sede del Circolo da parte di una Ater agli ordini oggi del PD, nulla cambierà. E le poche o tante energie finiranno sprecate senza portare al alcun risultato.

Oggi il nodo Ferriera, con quello che significa per la salute, la qualità della vita, il lavoro, è il nodo centrale del futuro di Trieste tutta. Continuare a non capirlo significa condannare la nostra città, la nostra gente ad un lento ma inesorabile declino. Certo ci si potrà continuare a baloccare con le fioriere e le zebrone di via Mazzini, ma guai andare oltre.

Ecco perché lunedì 20 luglio, portatevi l’ombrello per quel che valgono le previsioni meteo a distanza, alle ore 17 o si viene in piazza Unità davanti alla Prefettura e poi al Municipio, o meglio per tutti dedicarsi ad altro, fin che dura.

NO FERRIERA!

FINIS EUROPE

Durissimo, sul New York Times, il premio Nobel per l'economia Paul Krugman: "Le richieste avanzate dall'Eurogruppo alla Grecia sono una follia vendicativa: sono una completa distruzione della sovranità nazionale e non danno alcuna speranza. Sono un grottesco tradimento di tutto quello che significa il progetto Europeo". E ancora: "Quello che abbiamo imparato in queste ultime settimane è che essere membro dell'area euro significa che i creditori possono distruggere la tua economia se esci dai ranghi". Infine: "Il progetto europeo, che ho sempre elogiato e sostenuto, ha appena ricevuto un colpo terribile, forse fatale. E qualunque cosa voi pensiate di Syriza o della Grecia, non sono stati i greci a darlo".

 





« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130 • Pagina 131 • Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 21 October, 2019 - 10:06 pm - Visitatori Totali Nr.