Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

NON Scherzavano!
“Il Viminale è d’accordo: faremo un muro di 243 km” Massimiliano Fedriga - Il governatore del Friuli-Venezia Giulia spiega il suo progetto della barriera anti-migranti a Est. Intervista sul Fatto Quotidiano di oggi.Mentre un commentatore sulla nostra..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Noblesse oblige. Vero Dipiazza?
L' Alma Trieste costretta a scusarsi pubblicamente, anche a nome dello sport cittadino, per il gestaccio del podestà Dipiazza nei confronti di un giocatore di colore del Cremona al Palasport di basket, ieri. E non..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 126

Professione: bugiardo.

» Inviato da valmaura il 2 February, 2015 alle 2:34 pm

Ci hanno mentito in passato, mentono ora e mentiranno in futuro.

Fino a che certa gente resterà ai vertici degli enti pubblici, delle realtà economiche (assai poche) e sociali triestine non ci sarà alcun futuro per questa città.

Non parliamo poi di questa politica: che non si arriva a contare sulle dita di una mano, e non ci interessa la parte, quelli da salvare.

Ma oltre a mentire si sono dimostrati completamente incapaci a gestire alcunché.

Basti guardare lo stato comatoso degli ospedali, a partire dal Burlo e Cattinara, dei servizi socio assistenziali sul territorio qualificati da una ottusa burocrazia impiegatizia, dallo stentato tirare a campare per non tirare, loro, le cuoia (come ricordava il “cattivo maestro” Andreotti) nella ordinaria amministrazione.

E non è che la comunità non se ne sia accorta. Da tempo Trieste è saldamente in vetta alle classifiche del non voto a qualsiasi elezione. Per ora l’ultima punta negativa, dopo che meno del 50% aveva votato alle passate elezioni comunali del 2011, è stato il 59% del rifiuto dell’urna alle elezioni regionali, vinte, si fa per dire, dalla Serracchiani per 1900 suffragi scarsi su Tondo, in una “esaltante” corsa al ribasso.

Ma dobbiamo intenderci: a lor signori in realtà, dopo le parole di circostanza che durano lo spazio di un mattino, non frega nulla se va a votare anche solo il 10% degli elettori, basta conservare il posto, il potere, con tutto quello che comporta (la nomina ed il controllo delle istituzioni e degli enti pubblici: dalla sanità all’Ater, dall’ex Acegas alla Fondazione Crt, dalla Trieste Trasporti fino all’Itis). Ed i risultati sono appunto sotto gli occhi di tutti. Quanto non riescono a distruggere personalmente lo lasciano in balia del linciaggio mediatico, esercitato dalla stampa locale che opera in un regime di quasi monopolio.

Non abbiamo particolari condivisioni verso gli obbiettivi dei movimenti che si richiamano al passato Territorio libero di Trieste e delle Zona B ma la campagna di delegittimazione messa in campo dal quotidiano locale è un esempio quasi da manuale grazie anche alle scempiaggini ed alle ingenuità commesse a iosa da un gruppo dirigente a cui nessuno affiderebbe nemmeno l’amministrazione di un condominio.

Tutto quello che viene considerato “fuori” ed “inaffidabile” a questo modo di far politica deve essere cancellato, azzerato, ucciso civilmente mettendo in campo tutte le leve di cui questa classe dirigente (!) dispone. La controprova vivente è l’accanimento fondamentalista contro il Circolo Miani, per quello che ha rappresentato in questi trentaquattro anni per Trieste, e per essere il principale strumento che da voce ai problemi della gente sul nostro territorio.

Per raggiungere i loro obbiettivi questi signori non hanno esitato dinanzi a nulla.

Hanno mentito pubblicamente  per anni sapendo di poter contare sull’assenza pressoché totale di ogni parvenza di giornalismo, che si è quasi sempre ridotto a semplice megafono delle balle politiche e degli affaristi di turno, ben guardandosi dal ricordare loro le precedenti responsabilità.

E quando la Nadia Toffa della redazione delle Iene lo ha fatto, esercitando semplicemente quanto dignitosamente la sua professione, apriti cielo: dalli all’aggressione, alla violenza mediatica del femmineo Davide contro il Golia cittadino.

Ad aiutare questo clima da regime sudamericano molto ha aiutato, va detto, la mentalità tipica del triestino, la sua pigrizia e menefreghismo fino a quando i fatti non lo toccano pesantemente in casa sua. La sua rassegnata ricerca di altri a cui delegare in una società che ha sostanzialmente stravolto ogni scala di valori, cancellato gli ideali e azzoppato la formazione culturale (oggi i libri vengono visti come inutili soprammobili da chi chatta da mane a sera come un idiota anche camminando in strada a mò di ubriaco). Ed in questo che si misura il disastro del modello Berlusconi fatto proprio oggi anche dal leader piddino Renzi.

Ecco perché la raccolta di firme, a partire dall’emergenza Ferriera irrisolta dal 1998, che tante migliaia di adesioni sta ottenendo può e deve essere la scintilla che innesta il cambiamento civile salvando la nostra città.




I visionari.

» Inviato da valmaura il 30 January, 2015 alle 2:02 pm

Dal 1998 abbiamo fatto l’abitudine alle “balle spaziali” (copyright Mel Brooks) profuse a raffica dalle varie proprietà che si sono succedute in Ferriera e l’allora direttore ed attuale amministratore della Siderurgica Triestina (Arvedi) è attualmente sotto processo imputato anche di “falso”.

E pertanto non ce la prendiamo più che tanto con gli attuali vertici della Arvedi group quando dichiarano, immaginiamo facendo sforzi sovrumani per contenere il riso, che “che da novembre non vi sono più stati sforamenti nelle rilevazione di emissioni nocive da parte delle centraline” come pubblicato oggi sul piccolo giornale dall’impareggiabile maranza inviato da Cremona a Trieste.

Nemmeno quando dichiarano dunque che la Cokeria è tanto a posto che sentono l’impellente bisogno di spendere, entro un anno si badi bene, quattro milioncini di euro per captarne le emissioni ed i fumi. Ma se è a posto … possono fare beneficienza a favore del Circolo Miani, che spendono anche molto ma molto di meno.

No, ce la prendiamo invece con chi spaccia per giornalismo questo riporto integrale delle “visioni” aziendali senza ad esempio nemmeno ricordare quanto pubblicato dal quotidiano per cui lavora (rubrica “l’aria che respiriamo”) dove le centraline, già scoperte anni fa starate per difetto, e figurarsi, dai consulenti della Procura, con i dati che scompaiono o non pervengono quando prevedibilmente superano certi valori “critici”, comunque hanno rilevato sforamenti pari e superiori del doppio ai limiti di legge imposti, e per più giornate.

Oppure non si permette umilmente quanto sommessamente di far notare che se tutto va bene “madama la marchesa” allora perché annunciare una spesa di quattro milioni, tra un anno neh!, per “una captazione totale delle emissioni dalla cokeria.”. Eppoi le vogliono cacciare le fatture per i lavori così ben eseguiti sull’Altoforno o i costi diventeranno come il misterioso prezzo pagato da Arvedi per l’acquisto della Ferriera? Ad oggi ancora sconosciuto.

Però l’impavido inviato aggiunge “il che contrasterebbe con le nuove reiterate proteste che sono arrivate dagli abitanti della zona.” Ed anche con le migliaia e migliaia di firme in corso di raccolta, come domani, sabato 31 gennaio dalle ore 16 in poi sempre in via delle Torri (lato piazza San Giovanni) sulla petizione promossa dal Circolo Miani. Dunque non solo nella “zona”.

Ma ci rendiamo conto che la “professionalità” del giornalismo nostrano è tale che nessuno ne ha mai scritto sul giornale (?) per cui il maranza scrive.

Chi è il “visionario” dunque? Ai lettori l’ardua risposta.




Le notizie che non esistono (per il piccolo giornale).

» Inviato da valmaura il 27 January, 2015 alle 1:40 pm

http://youtu.be/lfWxgF1bEzE  basta cliccarci sopra per vedere il filmato, e ne trovate altri, di quanto accaduto nell’ acciaieria Arvedi in quel di Cremona in novembre dello scorso anno.

Unica cosa: pur se in un clima di tensione emotiva, forse la risata iniziale potevano risparmiarsela.

Comunque queste sono le notizie che sul piccolo giornale non troverete.

Riproduzione consentita solo citando la fonte www.circolomiani.it




Gramsci, Berlinguer, Serracchiani e il piccolo giornale.

» Inviato da valmaura il 26 January, 2015 alle 11:59 am

“Creare una nuova cultura non significa solo fare individualmente delle scoperte originali: significa anche e specialmente diffondere criticamente delle verità già scoperte, “socializzarle” per così dire e pertanto farle diventare base di azioni vitali, elemento di coordinamento e di ordine intellettuale e morale.” Antonio Gramsci.

Ma Tassinari (assessore comunale alla cultura) è altra cosa.

“I partiti di oggi sono soprattutto macchine di potere e di clientela: scarsa o mistificata conoscenza della vita e dei problemi della società e della gente, idee, ideali, programmi pochi o vaghi, sentimenti e passione civile, zero. Gestiscono interessi, i più disparati, i più contraddittori, talvolta anche loschi, comunque senza alcun rapporto con le esigenze e i bisogni umani emergenti, oppure distorcendoli, senza perseguire il bene comune”.

“I partiti hanno occupato lo Stato e tutte le sue istituzioni, a partire dal governo. Hanno occupato gli enti locali, gli enti di previdenza, le banche, le aziende pubbliche, gli istituti culturali, gli ospedali, le università, la Rai Tv, alcuni grandi giornali. [...] Insomma, tutto è già lottizzato e spartito”.

1981: intervista del direttore di Repubblica, Eugenio Scalfari, al segretario del PCI Enrico Berlinguer.

Ma Renzi, Serracchiani, Torrenti e Cosolini sono altra cosa.

Serracchiani: «Tsipras consolidi il lavoro di Matteo»  «Siamo convinti che Tsipras saprà sfruttare al meglio il risultato elettorale per il bene della Grecia e per consolidare in Europa il percorso per la crescita cui ha lavorato il governo Renzi in questi mesi». Lo afferma la vicesegretaria del Pd Debora Serracchiani commentando l’esito del voto in Grecia. Inviando a Tsipras le «congratulazioni per una vittoria netta», Serracchiani ricorda i risultati ottenuti durante il semestre italiano. (di Presidenza europea).

Quali? Ce li ricordi anche a noi, grazie. Ma, senso del ridicolo a parte, Serracchiani è decisamente cosa altra. Anche quando, a reti unificate, rimbrotta i parlamentari 5 Stelle di non fare il mestiere per i quali sono stati eletti, mentre lei, eletta Presidente della Regione FVG, invece …

“Incuranti del freddo”; così il piccolo giornale dedica ampio spazio alle poche decine di “studenti”, alcuni decisamente fuori corso e fuori età, presenti sabato pomeriggio in piazza della Borsa, in una manifestazione promossa da una pletora di sigle politico-partitiche.

Ovviamente dei 386 presenti e firmanti in via delle Torri, dove notoriamente il clima era mite e primaverile nelle stesse ore dello stesso giorno, non passa parola. A promuovere l’iniziativa era “solo” il Circolo Miani. E ti pareva.

E da anni che oramai rivolgiamo una semplice domanda pubblica a tutte le forze politiche ed intellettuali triestine, ed in particolare a chi ha promosso il secondo “Vaffa Day”, dedicandolo all’informazione in Italia, ovvero al Movimento Cinque Stelle.

Fino a quando accetteranno in silenzio, immaginiamo per interessi di bottega, questa macelleria messicana attuata dalla stampa locale (ma anche Telequattro non scherza) a Trieste verso la più significativa realtà socioculturale della città e le manifestazioni, per altro tra le più partecipate dai cittadini?

 




L’incredibile Ater: “ma non c’è fumus persecutionis” come dichiara il loro legale. Assolutamente no.

» Inviato da valmaura il 22 January, 2015 alle 4:04 pm

Oltre 480 firme raccolte in meno di due ore e mezzo (una media di 4 firme a minuto) sabato scorso in via delle Torri e questo sabato, 24 gennaio, ci ritorniamo, dalle ore 16 alle ore 19, lato piazza San Giovanni.

Crediamo che dai tempi delle firme (68.000) del Comitato dei Dieci che poi porterà alla nascita della Lista per Trieste, che però godeva del pieno appoggio del Piccolo di Chino Alessi, non si assisteva ad una tale corsa alla sottoscrizione, nonostante, e diciamo noi grazie, al totale oscuramento della stampa locale, Rai regionale e TeleAntenna escluse.

E questo avviene in ogni posto si vada con tavolo e gigantografie, come ieri nel quartiere di San Vito, in via Combi dove il 75% dei passanti ha firmato.

Forse la politica dovrebbe trovare un momento di riflessione se tanti cittadini firmano la petizione per la chiusura immediata della Cokeria ed il fermo dell’Altoforno della Ferriera e sottoscrivono l’appello di Magris, Colombo ed altri a favore del Circolo Miani

Invece i vertici dell’Ater, questa volta tocca al pordenonese di Cordenons, il commercialista Antonio Ius direttore dell’Ater di Trieste (?) forte della sua segreteria provinciale del PD in quel di Pordenone e dell’incarico di tesoriere regionale del Partito Democratico. Il Presidente-commissario Raffaele Leo è “solo” componente della segreteria provinciale del PD giuliano. Hanno deciso di non lasciare nulla di intentato pur di sfrattare il Circolo Miani dalla sede di via Valmaura: una cupola in cemento armato a grezzo, situata sul tetto del condominio di nove piani del ridente complesso residenziale detto il “serpentone” che tutti a Trieste ci invidiano e rivendicano.

In novembre l’Ater ha dichiarato che se necessario “userà l’esercito” visto che con la Polizia di Stato l’operazione non è riuscita. A quando la Marina e l’Aviazione, come ai bei tempi del generale Pinochet, vero Peinkhofer?

Il 14 gennaio, cosa mai vista prima, hanno notificato al Circolo Miani e a Maurizio Fogar un decreto ingiuntivo per il pagamento di 16.253 euro più altri 700 e passa di spese legali, ottenuto dal giudice civile del Tribunale dichiarando che mai alcuna proposta di piano per un rientro rateale della morosità pregressa era stata presentata. Infatti quella protocollata il 12 maggio 2014 alla Direzione Ater era un anticipo degli auguri di Natale. Che mai era stata pagata somma alcuna. Infatti i Bonifici bancari che a partire dal mese di maggio 2014 e fino al mese attuale di gennaio 2015, in ottemperanza a quanto proposto e deciso in Regione dall’Assessore regionale Santoro, alla presenza dei consiglieri triestini Ussai Dipiazza e Rotelli, Il Circolo ha regolarmente versato all’Ater addirittura in anticipo, “non risultano” come ci ha detto una legale dipendente Ater.

Ottima e decisamente affidabile la contabilità di questa Azienda, insomma modello Coop e per fortuna che di mestiere lo Ius fa il commercialista. L’Ater ha poi addebitato i canoni fino al “30 dicembre 2014” nonostante che un Ordine del Giorno fatto proprio dalla Giunta regionale in sede di votazione della Legge di Riforma dell’Ater nel novembre 2013 e poi ribadito da una norma di legge del luglio 2014 nel voto di assestamento del bilancio regionale, avessero escluso dal pagamento dei canoni di locazione i locali Ater affidati alle associazioni come il Circolo Miani. Dunque il controllato, e nominato (Ater), disattende palesemente le leggi della controllante (Regione FVG). Ultima perla sbagliano pure e di sei anni per giunta la data del contratto di locazione, posticipandolo al 1997.

Come ci ha detto un autorevolissimo magistrato italiano “negli atti giudiziari purtroppo ognuno può scrivere le cazzate che gli pare senza incorrere nel reato di falso” e così ci tocca fare due nuove opposizioni legali. Ma vi pare corretto questo sperpero del pubblico denaro?

Alla Regione ed al Comune targati PD va bene così? Giusto per rassicurarci dell’assenza di alcuna volontà persecutoria, a quando il plotone d’esecuzione?

Una marea di firme vi seppellirà!





« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125 • Pagina 126 • Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 17 July, 2019 - 4:32 pm - Visitatori Totali Nr.