Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Laminatoio a caldo e “giornalismo” a freddo.
Le sorprese della censura talvolta sono anche divertenti. ..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Trieste Verde. A cosa diciamo no!
Dicemmo no alla progettata Centrale a Carbone nel Vallone di Muggia, battaglia vinta..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 122

Anvedi!

» Inviato da valmaura il 18 March, 2021 alle 1:38 pm

Riccardo Riccardi, vicepresidente Regione ed assessore regionale alla Salute. Sulla crisi degli ospedali in Fvg: “Speriamo che questa storia, dopo anni in cui non si era fatto nulla, porti a riconsiderare il tema del capitale umano”. Ma va !!!
Negli “anni in cui non si è fatto nulla” confidiamo comprenda i 13 in cui è in Regione (5 da assessore, 5 da capogruppo, e 3 da vicepresidente ed assessore), peccato che il piccolo giornale abbia omesso di ricordarlo nell'ospitare questa sua dichiarazione. Ma è quello che tocca in sorte ai lettori paganti del foglio locale.
Ed oggi sul piccolo giornale c'è solo l'imbarazzo della scelta nel sciocchezzaio politico-elettorale.
Tiene banco Porto Vecchio sul quale si pubblica un fiume di parole ma senza nemmeno una riga di proposta concreta e fattuale, a parte la genialata di Russo che nel suo opuscolo indica una Copacabana a Barcola ed una sfilza di nuovi pubblici esercizi (pub, pizzerie, ristoranti, ecc) nel retro di Porto Vecchio come volano e rilancio economico della città, che ha già una percentuale di ristori che neanche Las Vegas.
Per il resto solo fumisterie e genericità: è chiaro che su questo piano Dipiazza vince facile perchè è finora l'unico, a parte noi di Trieste Verde, che una idea concreta ed un progetto, magari confuso e scombiccherato, ce l'ha.
Esattamente l'opposto del nostro, ma almeno lo ha indicato ben conoscendo quale sia il target del suo elettorato, e le parole che vuole sentirsi dire.
La sinistra ed i 5Stelle? Non pervenuti.
Lo abbiamo detto: si possono rinviare le elezioni non i problemi.
Trieste Verde.



Allarme Ferriera.

» Inviato da valmaura il 17 March, 2021 alle 12:07 pm

La questione non è chiusa, tutt'altro.
Dopo aver collaborato, come Circolo Miani e Servola Respira, in un serrato ma dobbiamo riconoscere proficuo confronto con la proprietà Arvedi e la direzione dello stabilimento al fine, raggiunto eccome, di ridurre le emissioni, gli “spolveramenti” e l'inquinamento acustico negli ultimi due anni di produzione, proprio per questo oggi sentiamo il dovere di avvertire i Triestini, Muggesani compresi, che la questione non è conclusa, tutt'altro.
Lasciamo perdere, anzi stendiamo un velo non di pietoso ma di indignato silenzio sull'operato dei vertici regionali all'Ambiente, sul sindaco-Ufficiale Sanitario mai pervenuto in questa vece, e sulle forze politiche impreparate quanto arroganti e senza distinzione alcuna, e soprattutto sull'Arpa FVG ed anche sull'ASS, le cui credibilità stanno sotto zero al pari delle loro incapacità.
Ma ora il “regalo” che Trieste, intesa come provincia perchè quello che esce dall'area Ferriera per effetto dei venti e delle correnti marine tocca tutti, si trova in eredità è una vera e propria bomba tossica a tempo.
Lo abbiamo scritto e riscritto forti della conoscenza e lettura anche dei paurosi dati evidenziati dalle analisi e dai carotaggi effettuati sul terreno dai tecnici del Ministero dell'Ambiente, per fortuna nostra, e non dell'Arpa, e nell'area marina del Vallone di Muggia.
Non c'è centimetro della zona oggi in smantellamento e di quelle contigue che in superficie e per metri in profondità, falde acquifere comprese, non sia impestato da livelli di inquinanti cancerogeni, nessuno escluso, che sforano di 2/3mila, si avete letto bene, volte i livelli di legge consentiti, già generosi di per se. Idem dicasi per le opere in muratura e metalliche impregnate da anni, quelle che nonostante le solenni promesse, che non valgono nemmeno la carta su cui sono scritte, degli organi regionali di “vigilanza”, sono state abbattute senza tanti complimenti, e lo saranno ancora, sollevando, oltre a fragori e tremori, nuvoloni di polveri inquinate.
Dragare, come è stato annunciato con giuliva levità dai nuovi proprietari nel disinteresse totale dell'Autorità Portuale, il fondale marino antistante l'area, che è formato per decine di metri in profondità da uno strato di fanghi tossici scaricati in mare all'insaputa degli organi di controllo per anni dalle proprietà precedenti (hanno modificato abusivamente la linea di costa per un'area pari ad 8 (OTTO) campi di calcio ma nessuno, Capitaneria e Porto in testa, se ne è “accorto”, utilizzando “solo” 356.000 tonnellate di rifiuti “speciali”, come provato dalle indagini dei NOE dei Carabinieri di Udine per conto delle Procure di Perugia e Grosseto che notoriamente aprendo le finestre hanno la vista sullo Scalo Legnami e sul Vallone), è una follia.
Smuovere anche solo un metro di quei fanghi vuol dire impestare per effetto delle correnti flora e soprattutto fauna marina da Capodistria a Duino se non oltre, e contaminare la catena alimentare.
Su questa vera e propria emergenza abbiamo avuto lunghi incontri al Circolo Miani con i vertici (Petrucco) della società che ha rilevato l'area a caldo della Ferriera e che gestiva, fino al recente ingresso degli Amburghesi, la Piattaforma Logistica allo Scalo Legnami, e con Zeno D'Agostino.
La sensazione che ne abbiamo ricavato è stata quella di parlare, oltre che offrire loro la documentazione del Ministero dell'Ambiente totalmente ignorata, al vento.
Ed abbiamo pure preso atto della segretezza ed assoluta mancanza di trasparenza che circondano quella che negli anni a venire sarà la più importante operazione finanziaria su Trieste.
“Ci affidiamo all'Arpa” hanno affermato, che suona più o meno come il vecchio detto di chiedere all'oste se il suo vino è buono.
Ma attenzione perchè iniziare i lavori per la nuova grande piattaforma ferroviaria, costruire la rampa di accesso alla (Super)strada, porre le basi del Molo Ottavo senza aver prima disinnescato la bomba che sta sotto i loro, e purtroppo nostri, piedi, ci farà rimpiangere amaramente la Ferriera.
E ciò oggi non è assolutamente possibile, visti i lutti, le malattie, la distruzione della qualità della vita che questa nel ventennio precedente ha causato a chi lavorava dentro e viveva fuori.
Vi è chiaro dunque perchè diventa fondamentale l'impegno, l'esperienza e la capacità di Trieste Verde in Comune.
Maurizio Fogar



Trieste. Fatti non chiacchiere!

» Inviato da valmaura il 16 March, 2021 alle 12:20 pm

Giunti al terzo incontro espositivo degli impegni di Trieste Verde per il Comune di Trieste, ed in procinto di proseguire con gli altri sabati a “tema”, un fatto emerge chiarissimo anche ai più distratti.
La totale diversità e distinzione di Trieste Verde da tutti, nessuno escluso, gli altri raggruppamenti, e sigle più o meno nuove, partitici che fanno, è il caso di dirlo, semplice propaganda elettorale.
Noi proponiamo ed illustriamo, nei tempi e nei modi indicati, le soluzioni concrete, fattibili ai tanti problemi irrisolti ed aggravatisi negli anni di malagestione di questa politica, che affliggono la nostra comunità e rendono difficile la vita di chi ne fa parte, ovvero anche la nostra.
Gli altri, tutti gli altri, fanno generiche promesse, usano slogan abusati, i più gettonati sono ora “futuro sostenibile” e “sviluppo green” e come sempre da 30anni la “scoperta, anzi riscoperta della periferie” e “l'ascolto del territorio”.
Quando purtroppo è il presente a non essere più sostenibile!
“Solo chiacchiere e distintivo” come recita Al Capone-Robert De Niro ne Gli intoccabili.
Ecco Trieste Verde non promette nulla ma vi propone delle soluzioni alle difficoltà che noi tutti che viviamo a Trieste, intesa come provincia, siamo costretti a subire e patire, che altro, le soluzioni, non sono che il frutto di una esperienza trentennale fatta di assemblee, manifestazioni, inchieste ed incontri sul territorio con chi ci vive ogni santo giorno, e non con chi viene a portare le bandierine del suo partito per mezza giornata prima delle elezioni.
Ecco a voi valutare, anche nel seggio elettorale, chi sia dunque più credibile ed affidabile.
E non abbiamo bisogno di inventarci nulla, di fare promesse generiche quanto roboanti, perchè non siamo ad una televendita a cui oramai questa politica malata sempre più assomiglia, ma semplicemente patiamo sulla nostra pelle e viviamo quotidianamente il peso di questi problemi irrisolti che rovinano la nostra qualità della vita e ci negano la speranza di un futuro di benessere.
Ecco come si concretizza la “diversità”, l'essere “distinti e distanti” da questa politica indistinta e malata: Trieste Verde propone soluzioni e vie d'uscita concrete, verificabili ed attuabili in tempi certi, gli “altri” invece volano alto, usano paroloni generici e fanno promesse vuote.
Perchè se è vero che le elezioni si possono rinviare, i problemi e le emergenze invece no!
Maurizio Fogar.



Sanità. Assenza e silenzio del Comune di Trieste.

» Inviato da valmaura il 15 March, 2021 alle 1:21 pm

La salute deve tornare ad essere una priorità, di intervento e decisionale, del Sindaco di Trieste.
Lo impongono tre fatti: il Sindaco è, e dal 1934, per leggi l'Ufficiale Sanitario del Comune, ai cui “ordini”, recitano le norme, devono rispondere tutti gli operatori della sanità e perfino le forze di polizia.
Secondo, la sanità pubblica, ospedaliera e territoriale, è pagata con le tasse dai Triestini.
Terzo: come fa il Primo Cittadino a non occuparsi del bene, in questo caso primario: la salute, dei suoi concittadini?
La gestione regionale, da decenni, dai tempi della “riforma” dell'assessore leghista Fasola, incentrata sulle chiusure dei piccoli-medi ospedali regionali e strutture locali di Primo intervento, taglio drastico di posti letto e personale, ha dimostrato tutti i suoi limiti, accentuati ulteriormente dall'emergenza Covid.
Parimenti quella che doveva essere l'alternativa sul territorio, i Distretti sanitari, sono stati negli anni depauperati di risorse e personale e quasi mai sono stati in grado di “prendersi in carico” effettivamente e di garantire una efficace “continuità assistenziale” alle persone deospedalizzate, e questo nonostante l'impegno e l'abnegazione di gran parte dei suoi operatori territoriali. Oltre a non riuscire a fare concretamente rete con i servizi sociali del Comune, soprattutto per i limiti di questi ultimi, a vantaggio dei cittadini in difficoltà sociale, e sono tanti, francamente troppi.
Ora proprio l'inversione di tendenza sulla Sanità pubblica operata dal Governo Conte che ha messo a disposizione delle Regioni 9 miliardi per potenziare le strutture ed assumere il personale necessario, e che le Regioni in quasi un anno sono state incapaci di utilizzare (è stato speso meno di un terzo), importo poi raddoppiato nel Recovery Plan proposto sempre da Conte e Speranza, potrebbe permettere anche nel Friuli Venezia Giulia quella rinascita della Sanità pubblica.
In questa fase dunque il Comune, per le ragioni spiegate sopra, non può continuare ad essere spettatore passivo e disattento, e Trieste Verde intende cambiare da subito questa situazione.
Su due direttrici.
La prima dotando gli ospedali dei posti letto e delle infrastrutture tecniche necessarie a corrispondere ai bisogni di Trieste, annullando le lunghe liste d'attesa per esami e visite specialistiche, e dotando i due ospedali di una efficiente struttura di Pronto Soccorso e Medicina d'Urgenza, con l'assunzione in pianta stabile del personale medico e sanitario necessario.
La seconda deve puntare su di una radicale riforma degli attuali quattro Distretti Sanitari territoriali, raddoppiando il personale medico ed infermieristico impegnatovi, il caso della Diabetologia è emblematico (quattro medici ed otto infermieri) per un potenziale “portafoglio” di 30.000 pazienti solo a Trieste. Garantendo una capillare presenza di medici per ogni specializzazione, aprendo e potenziando gli ambulatori prelievi, ed i servizi di assistenza domiciliare, anche fisioterapica oggi in grave sofferenza. Dotando i Distretti di apparecchiature di primo grado (radiologiche ed ecografiche) con il personale necessario onde accorciare i tempi degli esami e liberare gli ospedali dal compito.
Ricostruire una efficace rete, con dei Servizi sociali del Comune ristrutturati, potenziati e ridistribuiti sul territorio, di aiuto alle persone in difficoltà.
Ultima considerazione: secondo Trieste Verde si è ancora in tempo a rivedere il progetto di trasferimento dell'ospedale pediatrico Burlo Garofalo a Cattinara, di due terzi più costoso ed illogico rispetto ai soldi necessari per implementare le sue dotazioni tecniche ed i nuovi servizi da offrire all'utenza, anche in considerazione delle ingenti somme spese nell'ultimo anno dallo stesso Burlo per ampliare e migliorare l'offerta nella sua attuale sede.
Per altro questa sarebbe anche l'unica possibilità reale per salvare dall'abbattimento l'unica area alberata presente in zona: la Pineta di Cattinara.
Maurizio Fogar per Trieste Verde.



Trieste cantieri.

» Inviato da valmaura il 14 March, 2021 alle 3:42 pm

Ci sarebbe da ridere se non fosse che dilettantismo, pressapochismo e negligenze degli uffici comunali, a partire dai politici che ne portano la responsabilità e che in questi casi si guardano bene dal metterci la faccia, come nelle foto ricordo sorridenti al taglio dei nastri.
Invece qui da ridere c'è assai poco che questi disastri li sopportano per anni i Triestini e soprattutto li pagano di tasca loro.
L'ultima dal Canale di Ponterosso è che tutto è fermo e tale rimarrà fino a dopo Pasqua, Pasquetta e magari 25 aprile e Primo maggio. Le foto impietose mostrano i cumuli di pancogole inutilizzabili ma coperte oramai di ruggine, le cataste di transenne idem e la solita stantia ed incredibile storiella del fondale “inaspettatamente ostile”.
Anche la Bora è colpevole di aver fatto volare in acqua i due box uffici messi lì accanto senza adeguata protezione.
Ora il “fondale” non è quello della Fossa delle Marianne ma un metro e mezzo-due di acqua ed è visibile ad occhio nudo, e questi prima di iniziare i lavori e di ordinare le palafitte, manco fosse la Diga di Assuan, non hanno pensato minimamente di accertarsi se l'imponente “opera” andava a poggiare su sabbia, fango o pietra. Hanno avuto sfiga e la risposta valida è la terza ma se ne sono accorti solo dopo: che mettere anche solo una picca in acqua e sentire se affondava nel morbido o suonava un sonoro “dong” era troppo difficile.
Ed il bello è che senza pudore danno ora la colpa al “fondale inaspettatamente ostile”, parole dell'assessora Lodi; sul Tram di Opicina non hanno ancora scelto a chi addebitare la colpa, forse di questo passo diranno che i cinque anni di ritardi, le gare d'appalto sbagliate, del Comune, sono responsabilità della pendenza improvvisamente cattiva.
E tutto questo avviene nell'abituale silenzio di chi dovrebbe essere all'opposizione in Consiglio comunale, troppo impegnati a declamare elettoralmente di “futuri sostenibili” e “sviluppi green” ma ovviamente senza offrire proposte concrete e tempi certi.
Ma mandiamoli a casa con Trieste Verde, se non a maggio al più tardi ad ottobre. E magari chiedendo loro il risarcimento dei tanti danni procuratici.




« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121 • Pagina 122 • Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Pagina 260Pagina 261Pagina 262Pagina 263Pagina 264Pagina 265Pagina 266Pagina 267Pagina 268Pagina 269Pagina 270Pagina 271Pagina 272Pagina 273Pagina 274Pagina 275Pagina 276Pagina 277Pagina 278Pagina 279Pagina 280Pagina 281Pagina 282Pagina 283Pagina 284Pagina 285Pagina 286Pagina 287Pagina 288Pagina 289Pagina 290Pagina 291Pagina 292Pagina 293Pagina 294Pagina 295Pagina 296Pagina 297Pagina 298Pagina 299Pagina 300Pagina 301Pagina 302Pagina 303Pagina 304Pagina 305Pagina 306Pagina 307Pagina 308Pagina 309Pagina 310Pagina 311Pagina 312Pagina 313Pagina 314Pagina 315Pagina 316Pagina 317Pagina 318Pagina 319Pagina 320Pagina 321Pagina 322Pagina 323Pagina 324Pagina 325Pagina 326Pagina 327Pagina 328Pagina 329Pagina 330Pagina 331Pagina 332Pagina 333Pagina 334Pagina 335Pagina 336Pagina 337Pagina 338Pagina 339Pagina 340Pagina 341Pagina 342Pagina 343Pagina 344Pagina 345Pagina 346Pagina 347Pagina 348Pagina 349Pagina 350Pagina 351Pagina 352Pagina 353Pagina 354Pagina 355Pagina 356Pagina 357Pagina 358Pagina 359Pagina 360Pagina 361Pagina 362Pagina 363Pagina 364Pagina 365Pagina 366Pagina 367Pagina 368Pagina 369Pagina 370Pagina 371Pagina 372Pagina 373Pagina 374Pagina 375Pagina 376Pagina 377Pagina 378Pagina 379Pagina 380Pagina 381Pagina 382Pagina 383Pagina 384Pagina 385Pagina 386Pagina 387Pagina 388Pagina 389Pagina 390Pagina 391Pagina 392Pagina 393Pagina 394Pagina 395Pagina 396Pagina 397Pagina 398Pagina 399Pagina 400Pagina 401Pagina 402Pagina 403Pagina 404Pagina 405Pagina 406Pagina 407Pagina 408Pagina 409Pagina 410Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 8 August, 2022 - 9:09 am - Visitatori Totali Nr.