Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Laminatoio a caldo e “giornalismo” a freddo.
Le sorprese della censura talvolta sono anche divertenti. ..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Trieste Verde. A cosa diciamo no!
Dicemmo no alla progettata Centrale a Carbone nel Vallone di Muggia, battaglia vinta..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

Registrati • Password Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 12

Movida, il futuro di Trieste?

» Inviato da valmaura il 1 September, 2022 alle 3:02 pm

Noi non lo crediamo, e quando leggiamo le dichiarazioni dei vertici FIPE, ovvero di Bruno Vesnaver amico di tutti i politici, ne troviamo ulteriore conferma: “ Io credo che l'obiettivo di tutti debba essere quello di rendere la cittΰ sempre piω bella, giovane e in voga.”
Che scemi che siamo, noi che ritenevamo che le prioritΰ per la cittΰ fossero quelle di sconfiggere la povertΰ di un quarto delle famiglie triestine, di riqualificare case e quartieri in degrado da decenni, di potenziare i servizi sanitari, soprattutto territoriali, e sociali, di incrementare il verde pubblico, di tirare fuori i giovani, e non solo, da una giungla di lavori precari e con paghe da fame.
Ci sbagliavamo, a sentire la FIPE che al suo interno ospita baristi e ristoratori che in qualunque altra realtΰ sarebbero stati espulsi su due piedi per i loro comportamenti scorretti, bisogna invece rilanciare la Movida, il pascolo ebbro di giovani in cerca di una ben triste socialitΰ annebbiata dai fumi dell'alcol. Bisogna rendere Trieste “giovane e in voga” e cosμ “piω bella” che pria.
Ma va a dar via il c...



Siot. Perchθ San Dorligo e Trieste la difendono?

» Inviato da valmaura il 31 August, 2022 alle 12:02 pm

I fatti parlano da soli. Dal 13 giugno i Sindaci ed i consigli comunali di Dolina-San Dorligo e Trieste tengono ferma nei cassetti la Risoluzione contro i miasmi Siot, proposta dal consigliere Maurizio Fogar e votata all'unanimitΰ dal Consiglio comunale di Muggia, indirizzata al Ministero per la Transizione Ecologica, chiamarlo “Ambiente” non faceva fino, e non alla Regione che non ci azzecca per nulla non avendo alcuna competenza in materia (spiegazione per Klun che dopo dieci anni non lo sa ancora) ed inviata alle due amministrazioni con l'invito a condividerla per dare maggior forza alla richiesta. Anche perchθ i miasmi da decenni impestano l'aria di Dolina, Muggia e Trieste.
Nessuno dei consiglieri comunali a Trieste nι a Dolina-San Dorligo l'ha ripresa, a conferma che gli “ambientalisti ed i verdi-verdini” esistono solo in campagna elettorale ed θ per questo che realizzano consensi pari al prefisso telefonico.
Ora ci giunge notizia che il Comune di San Dorligo intende organizzare una seconda riunione pubblica sullo strampalato progetto Siot di installare quattro Centrali a gas metano in Regione di cui una proprio a Dolina, giusto per aiutare la “decarbonizzazione” emettendo tonnellate di metri cubi di Anidride Carbonica (Co2).
La prima infatti, quella di luglio, si era svolta sotto la regia della proprietΰ Siot ed una figura umiliante per il Comune, rara a vedersi nelle sue proporzioni.
Ovviamente come allora l'emergenza miasmi non figura all'ordine del giorno, ma in cambio i verdi-verdini ne approfittano per farsi un santino elettorale.
Credo non abbiano la minima idea di quanto la pazienza dei residenti abbia superato il punto di non ritorno ed abbiamo piω di qualche motivo per credere che se ne accorgeranno alle prossime elezioni amministrative.
Ma potranno sempre riciclarsi alla Siot visto che il suo AD Lilli ha dichiarato, senza arrossire, che vanta 1000 dipendenti, dunque qualche decina in piω non faranno la differenza.



Democrazia a rischio. Tra astensione e partitocrazia.

» Inviato da valmaura il 31 August, 2022 alle 12:00 pm

“Θ stato detto che la democrazia θ la peggior forma di governo, eccezion fatta per tutte quelle forme che si sono sperimentate fino ad ora.”— Winston Churchill (conservatore liberale), discorso alla Camera dei Comuni del novembre 1947.
Ci sono due principali forme di democrazia: quella rappresentativa e quella diretta, oggi si direbbe partecipata.
I nostri Padri Costituenti hanno scelto quella rappresentativa anche per la ragione che allora, e fino ai primissimi anni Ottanta, la partecipazione era garantita dai partiti e dalla loro capillare presenza sul territorio, da un lato, e da un sistema elettorale proporzionale puro con le preferenze.
Ma che qualcosa fosse cambiato in peggio ce lo ricordava Enrico Berlinguer, allora Segretario del PCI, nella storica intervista rilasciata ad Eugenio Scalfari il 28 luglio 1981, sentendo il bisogno di affermare con forza la centralitΰ della questione morale e della diversitΰ.
Oggi la democrazia θ infatti assai poco rappresentativa, visto che abitualmente la metΰ ad essere ottimisti degli elettori sceglie di astenersi dal votare, e che i partiti hanno cessato di esistere, come il voto di preferenza. Da tempo infatti le scelte politiche non vengono discusse nelle vecchie sezioni che non esistono di fatto piω, ma annunciate nei talk show televisivi dai leader, o capi, di partito, in un sistema politico che scopiazzando male la prassi in vigore negli Stati Uniti ha da tempo imboccato la via della personalizzazione nei singoli e pochi capi.
Le ultime leggi elettorali, dall'Italicum, sconfessato dalla Corte Costituzionale, al Rosatellum, come nel tentato stravolgimento renziano della Costituzione, fortunatamente bocciato dagli Italiani con il referendum, hanno chiuso il cerchio. Ovvero hanno inserito un fittizio maggioritario, che presuppone un bipolarismo estraneo alla tradizione democratica italiana, consegnando ai pochi capibastone dei partiti la nomina dei parlamentari. Oggi infatti non esistendo il voto disgiunto e soprattutto quello di preferenza, la scelta θ stata totalmente sottratta ai cittadini-elettori. Ed anche le cosiddette “primarie all'italiana” sono fallite miseramente.
In questo quadro pertanto la crescente disaffezione per scelta dei cittadini dal voto si palesa sempre piω come un grave rischio per la sopravvivenza della democrazia in Italia.
Qualcuno potrebbe obiettare che da almeno due secoli abbondanti nelle tradizionali democrazie occidentali al voto si reca abitualmente il 40% degli aventi diritto senza per questo mettere in discussione la natura profondamente democratica di quei paesi, sciagura Trumpiana a parte. Vero, ma con una sostanziale differenza che proprio in quei paesi esistono, codificati, degli importanti contrappesi istituzionali e la partecipazione della societΰ civile si esprime attraverso la fortissima presenza di movimenti d'opinione capaci di influenzare e determinare le scelte dei politici.
L'anomalia dunque θ tutta italiana, e di conseguenza la nostra ben piω giovane democrazia, anche grazie all'assenza sostanziale di un “quarto potere”, ovvero di stampa e televisioni indipendenti, tende piω facilmente ad affidarsi all'Uomo della provvidenza di volta in volta individuato.
Altro segnale inquietante θ che l'astensionismo θ ancora maggiore, e crescente, nelle elezioni amministrative e locali: cioθ proprio in quegli enti, Comuni, che dovrebbero essere i piω vicini ai cittadini e da questi utilmente sentiti come tali.
Ma come denunciava Enrico Berlinguer in quella intervista, il cittadino ha oramai ben chiaro nella sua mente di come il sistema partitico italiano abbia da tempo infeudato le istituzioni del Paese a tutti i livelli, inserendo una forma di raccomandato clientelismo: dal portantino nell'azienda sanitaria, all'usciere in Regione via via salendo fino ai massimi livelli dirigenziali. Tutto viene spartito, spesso con la complicitΰ dei sindacati, con una manuale Cencelli della raccomandazione e del sottopotere.
Pertanto l'anomalia tutta e solo italiana θ che la sfiducia nella politica dei partiti coinvolge appieno le istituzioni pubbliche di ogni ordine e grado, proprio perchθ i cittadini hanno da tempo compreso che il sistema partitico ha infeudato tutto, financo la massima carica della Repubblica.
La stessa magistratura, civile, amministrativa e penale, che costituzionalmente θ potere indipendente, viene sempre piω vista come un giocatore in campo e non come arbitro autonomo. Giocatore a favore dei poteri forti e del sottopotere locale, si intende. Insomma indossa i guanti bianchi quando decide appunto sui “colletti bianchi” e su chi conta economicamente: questo pensiero θ infatti oramai assai diffuso nell'opinione pubblica.
Ecco perchθ appare indispensabile quanto improcrastinabile invertire questa diffusa tendenza, che poi appunto si esprime anche nell'astensionismo; come farlo e quali strade battere cercherς di tratteggiarlo nella seconda puntata di questo mio intervento.
Maurizio Fogar



Tutte le responsabilitΰ.

» Inviato da valmaura il 31 August, 2022 alle 11:59 am

Scritto da Maurizio Fogar l'11 settembre 2019.
 
Facile oggi dire Ferriera, un po' meno facile averla vissuta per oltre venti anni, ovvero da quando se la prese Lucchini.
Ricordiamo alcuni nomi che ne portano la responsabilitΰ.
Cominciamo dai Sindaci: Riccardo Illy, Roberto Dipiazza (tre volte, quattro se mettiamo Muggia), Roberto Cosolini.
Presidenti di Provincia: Renzo Codarin, Bassa Poropat, Fabio Scoccimarro.
Presidenti di Regione: Renzo Tondo (due volte), Riccardo Illy, Debora Serracchiani, Massimiliano Fedriga.
Tavoli per la dismissione e riconversione Ferriera (totale 28, messi su da Comune e Regione).
Proprietΰ Ferriera: Lucchini Italia, Severstal-Lucchini (ambedue fallite), Acciaierie Arvedi.
Enti pubblici di controllo: ASS (Dipartimento Igiene, sicurezza e prevenzione, compresa la Medicina del Lavoro), Arpa FVG (dal 2001), Procura della Repubblica.
Ritenete che tutti (proprietΰ a parte) abbiano fatto il loro dovere?



La nostra crisi. Trieste: solito sciocchezzaio politico.

» Inviato da valmaura il 30 August, 2022 alle 2:30 pm

Leggere oggi i commenti della politica, due per tutti: l'incompatibile assessore regionale Bini ed il sempiterno camerale Paoletti “l'attuale crisi θ peggiore del Covid”, vi fa capire in che mani stiamo.
Ora il paragonare una stretta economica all'ecatombe causata dal Covid, paragonare i soldi alla vita, dΰ pienamente la fotografia delle sensibilitΰ di questi personaggi.
Ma il loro corale starnazzare sulla crisi energetica e l'invocare, per industrie ed imprese ben s'intende, aiuti governativi emergenziali, quando per otto mesi sono stati silenti ed hanno deriso l'unico statista che aveva proposto allora un piano preventivo per fronteggiare la prevedibile crisi, dei prezzi e dell'inflazione: il suo nome θ quello del Presidente Giuseppe Conte, sa tanto di chiudere la stalla quando i buoi sono scappati.
Per mesi hanno invocato la fine del Reddito di Cittadinanza, si sono opposti al Salario Minimo, hanno “rivalutato” le pensioni del 2% quando l'inflazione giΰ superava il 10%, hanno lesinato pochi spiccioli alle famiglie messe in ginocchio dall'aumento dei prezzi, dal carovita, e dall'esplodere delle tariffe energetiche. Non hanno voluto imporre una seria tassazione, come fatto in Spagna: bastava copiare, sugli extraprofitti degli speculatori, Draghi ha respinto con scherno i nove punti dell'agenda sociale inviatagli dal suo predecessore Conte.
Ed ora speculano per raccattare voti alla disperata contando sul fatto che la gente non ha memoria, anche perchθ spalleggiati nelle loro balle da “giornaloni” e televisioni.
Il Comune di Trieste non fa nulla per spostare i “tesoretti” vari che scopre in bilancio per potenziare il Servizio sociale, incapace a fare fronte alla esponenziale richiesta di aiuto da parte dei Triestini.
Nθ riesce a metter in piedi un osservatorio dei prezzi per calmierare il mercato, ma un vero osservatorio con tanto di nomi e cognomi delle aziende soprattutto della grande distribuzione che sfruttando il clima hanno aumentato anche di un terzo i prezzi dei beni di prima necessitΰ.
Tutti impegnati nella propaganda elettorale fino almeno al 25 settembre se non oltre, indifferenti ai drammi ed ai problemi della comunitΰ reale, che ha un solo torto: non organizzarsi per tornare ai seggi a far pesare i propri sacrosanti interessi.
Teodor.
Nella foto: triestini in fila in via Mazzini




« Precedente • Pagina 1 • Pagina 2 • Pagina 3 • Pagina 4 • Pagina 5 • Pagina 6 • Pagina 7 • Pagina 8 • Pagina 9 • Pagina 10 • Pagina 11 • Pagina 12 • Pagina 13 • Pagina 14 • Pagina 15 • Pagina 16 • Pagina 17 • Pagina 18 • Pagina 19 • Pagina 20 • Pagina 21 • Pagina 22 • Pagina 23 • Pagina 24 • Pagina 25 • Pagina 26 • Pagina 27 • Pagina 28 • Pagina 29 • Pagina 30 • Pagina 31 • Pagina 32 • Pagina 33 • Pagina 34 • Pagina 35 • Pagina 36 • Pagina 37 • Pagina 38 • Pagina 39 • Pagina 40 • Pagina 41 • Pagina 42 • Pagina 43 • Pagina 44 • Pagina 45 • Pagina 46 • Pagina 47 • Pagina 48 • Pagina 49 • Pagina 50 • Pagina 51 • Pagina 52 • Pagina 53 • Pagina 54 • Pagina 55 • Pagina 56 • Pagina 57 • Pagina 58 • Pagina 59 • Pagina 60 • Pagina 61 • Pagina 62 • Pagina 63 • Pagina 64 • Pagina 65 • Pagina 66 • Pagina 67 • Pagina 68 • Pagina 69 • Pagina 70 • Pagina 71 • Pagina 72 • Pagina 73 • Pagina 74 • Pagina 75 • Pagina 76 • Pagina 77 • Pagina 78 • Pagina 79 • Pagina 80 • Pagina 81 • Pagina 82 • Pagina 83 • Pagina 84 • Pagina 85 • Pagina 86 • Pagina 87 • Pagina 88 • Pagina 89 • Pagina 90 • Pagina 91 • Pagina 92 • Pagina 93 • Pagina 94 • Pagina 95 • Pagina 96 • Pagina 97 • Pagina 98 • Pagina 99 • Pagina 100 • Pagina 101 • Pagina 102 • Pagina 103 • Pagina 104 • Pagina 105 • Pagina 106 • Pagina 107 • Pagina 108 • Pagina 109 • Pagina 110 • Pagina 111 • Pagina 112 • Pagina 113 • Pagina 114 • Pagina 115 • Pagina 116 • Pagina 117 • Pagina 118 • Pagina 119 • Pagina 120 • Pagina 121 • Pagina 122 • Pagina 123 • Pagina 124 • Pagina 125 • Pagina 126 • Pagina 127 • Pagina 128 • Pagina 129 • Pagina 130 • Pagina 131 • Pagina 132 • Pagina 133 • Pagina 134 • Pagina 135 • Pagina 136 • Pagina 137 • Pagina 138 • Pagina 139 • Pagina 140 • Pagina 141 • Pagina 142 • Pagina 143 • Pagina 144 • Pagina 145 • Pagina 146 • Pagina 147 • Pagina 148 • Pagina 149 • Pagina 150 • Pagina 151 • Pagina 152 • Pagina 153 • Pagina 154 • Pagina 155 • Pagina 156 • Pagina 157 • Pagina 158 • Pagina 159 • Pagina 160 • Pagina 161 • Pagina 162 • Pagina 163 • Pagina 164 • Pagina 165 • Pagina 166 • Pagina 167 • Pagina 168 • Pagina 169 • Pagina 170 • Pagina 171 • Pagina 172 • Pagina 173 • Pagina 174 • Pagina 175 • Pagina 176 • Pagina 177 • Pagina 178 • Pagina 179 • Pagina 180 • Pagina 181 • Pagina 182 • Pagina 183 • Pagina 184 • Pagina 185 • Pagina 186 • Pagina 187 • Pagina 188 • Pagina 189 • Pagina 190 • Pagina 191 • Pagina 192 • Pagina 193 • Pagina 194 • Pagina 195 • Pagina 196 • Pagina 197 • Pagina 198 • Pagina 199 • Pagina 200 • Pagina 201 • Pagina 202 • Pagina 203 • Pagina 204 • Pagina 205 • Pagina 206 • Pagina 207 • Pagina 208 • Pagina 209 • Pagina 210 • Pagina 211 • Pagina 212 • Pagina 213 • Pagina 214 • Pagina 215 • Pagina 216 • Pagina 217 • Pagina 218 • Pagina 219 • Pagina 220 • Pagina 221 • Pagina 222 • Pagina 223 • Pagina 224 • Pagina 225 • Pagina 226 • Pagina 227 • Pagina 228 • Pagina 229 • Pagina 230 • Pagina 231 • Pagina 232 • Pagina 233 • Pagina 234 • Pagina 235 • Pagina 236 • Pagina 237 • Pagina 238 • Pagina 239 • Pagina 240 • Pagina 241 • Pagina 242 • Pagina 243 • Pagina 244 • Pagina 245 • Pagina 246 • Pagina 247 • Pagina 248 • Pagina 249 • Pagina 250 • Pagina 251 • Pagina 252 • Pagina 253 • Pagina 254 • Pagina 255 • Pagina 256 • Pagina 257 • Pagina 258 • Pagina 259 • Pagina 260 • Pagina 261 • Pagina 262 • Pagina 263 • Pagina 264 • Pagina 265 • Pagina 266 • Pagina 267 • Pagina 268 • Pagina 269 • Pagina 270 • Pagina 271 • Pagina 272 • Pagina 273 • Pagina 274 • Pagina 275 • Pagina 276 • Pagina 277 • Pagina 278 • Pagina 279 • Pagina 280 • Pagina 281 • Pagina 282 • Pagina 283 • Pagina 284 • Pagina 285 • Pagina 286 • Pagina 287 • Pagina 288 • Pagina 289 • Pagina 290 • Pagina 291 • Pagina 292 • Pagina 293 • Pagina 294 • Pagina 295 • Pagina 296 • Pagina 297 • Pagina 298 • Pagina 299 • Pagina 300 • Pagina 301 • Pagina 302 • Pagina 303 • Pagina 304 • Pagina 305 • Pagina 306 • Pagina 307 • Pagina 308 • Pagina 309 • Pagina 310 • Pagina 311 • Pagina 312 • Pagina 313 • Pagina 314 • Pagina 315 • Pagina 316 • Pagina 317 • Pagina 318 • Pagina 319 • Pagina 320 • Pagina 321 • Pagina 322 • Pagina 323 • Pagina 324 • Pagina 325 • Pagina 326 • Pagina 327 • Pagina 328 • Pagina 329 • Pagina 330 • Pagina 331 • Pagina 332 • Pagina 333 • Pagina 334 • Pagina 335 • Pagina 336 • Pagina 337 • Pagina 338 • Pagina 339 • Pagina 340 • Pagina 341 • Pagina 342 • Pagina 343 • Pagina 344 • Pagina 345 • Pagina 346 • Pagina 347 • Pagina 348 • Pagina 349 • Pagina 350 • Pagina 351 • Pagina 352 • Pagina 353 • Pagina 354 • Pagina 355 • Pagina 356 • Pagina 357 • Pagina 358 • Pagina 359 • Pagina 360 • Pagina 361 • Pagina 362 • Pagina 363 • Pagina 364 • Pagina 365 • Pagina 366 • Pagina 367 • Pagina 368 • Pagina 369 • Pagina 370 • Pagina 371 • Pagina 372 • Pagina 373 • Pagina 374 • Pagina 375 • Pagina 376 • Pagina 377 • Pagina 378 • Pagina 379 • Pagina 380 • Pagina 381 • Pagina 382 • Pagina 383 • Pagina 384 • Pagina 385 • Pagina 386 • Pagina 387 • Pagina 388 • Pagina 389 • Pagina 390 • Pagina 391 • Pagina 392 • Pagina 393 • Pagina 394 • Pagina 395 • Pagina 396 • Pagina 397 • Pagina 398 • Pagina 399 • Pagina 400 • Pagina 401 • Pagina 402 • Pagina 403 • Pagina 404 • Pagina 405 • Pagina 406 • Pagina 407 • Pagina 408 • Pagina 409 • Pagina 410 • Pagina 411 • Pagina 412 • Pagina 413 • Pagina 414 • Pagina 415 • Pagina 416 • Pagina 417 • Pagina 418 • Pagina 419 • Pagina 420 • Pagina 421 • Pagina 422 • Pagina 423 • Pagina 424 • Pagina 425 • Pagina 426 • Pagina 427 • Pagina 428 • Pagina 429 • Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 22 February, 2024 - 9:41 pm - Visitatori Totali Nr.