Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Laminatoio a caldo e “giornalismo” a freddo.
Le sorprese della censura talvolta sono anche divertenti. ..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Trieste Verde. A cosa diciamo no!
Dicemmo no alla progettata Centrale a Carbone nel Vallone di Muggia, battaglia vinta..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

Registrati • Password Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 118

Ennesima prova d'amore della Siot per Trieste.

» Inviato da valmaura il 3 June, 2021 alle 12:26 pm

Ieri, primo pomeriggio e per alcune ore, i Triestini, sicuramente quelli che vivono a Monte San Pantaleone, Valmaura, Servola e Chiarbola, per gli altri non sappiamo, sono stati avvolti da una camera a gas di benzenidi (scusate il neologismo, ma se preferite: "Benzina Marcia") che faceva venire il voltastomaco, penetrava nelle case e nelle macchine, anche se con i vetri chiusi.
Lo abbiamo sollecitato piω e piω volte a Zeno D'Agostino, questa situazione intollerabile deve cessare. E' inconcepibile che questi si facciano i soldoni e a noi lasciano nubi pestilenziali ammorbanti che con un minimo di spesa sarebbero evitabili.
Su Arpa, Regione e Comune stendiamo una prece, che non fanno piω neppure ridere.
Non per niente questa θ da tempo una delle prioritΰ che Trieste Verde risolverΰ, sempre che i Triestini glielo consentano.



La Siot ama Trieste, meno i Triestini.

» Inviato da valmaura il 2 June, 2021 alle 2:51 pm

Sentite qua cosa si inventa su “Trieste cara ai portafogli dei Tedeschi” l'Alessio Lilli presidente della Siot, il terminal petrolifero del porto di Trieste: “L'oleodotto ha funzionato non solo in termini di logistica petrolifera a supporto delle raffinerie tedesche, ma rappresenta un importante network infrastrutturale fra la Baviera, il Baden-Wόrttemberg e il Nord Adriatico. Il governo tedesco ha molto a cuore lo stato di salute dell'oleodotto”.
Peccato che dello “stato di salute” dei Triestini freghi loro una mazza, visti i miasmi di “benzina marcia” con cui a giorni alterni omaggiano, a seconda dei venti, San Dorligo ed Aquilinia da un lato e tutta la fascia costiera di Trieste dall'altro.
Vorremmo proprio vedere se provassero a fare cosa simile nella cittΰ di Ingolstadt, terminale in Baviera, nel Baden, o in Austria, tappa intermedia. Li sbatterebbero a ramazzare le strade seduta stante e li andrebbe ancora bene.
Una Trieste da cartolina Mitteleuropea ma per loro degna piω o meno di un trattamento da colonia africana del secolo scorso.
In fin dei conti anche qui θ solo una questione di soldi, i loro profitti, contro salute e vita della nostra comunitΰ.
Noi invece omaggiamo il Lilli Alessio di una cartolina ricordo tra i benefici che ci ha portato la Siot.
Trieste Verde.



Valmaura. Aridi di cuore e di animo malvagio.

» Inviato da valmaura il 2 June, 2021 alle 2:49 pm

Ci dispiace assai non possedere la penna di Dante Alighieri per descrivere un girone infernale, assolato, privo di un filo d'erba, dove condannarli a vagare in eterno.
Ma non troviamo altre parole, veramente ne troviamo a bizzeffe ma tratteniamo l'impeto, per definire l'accanimento con cui dopo aver abbattuto l'anno scorso i tre soli decennali, sanissimi e frondosi alberi (acacie) presenti in quella landa assolata di cemento e bitume che θ lo sterminato piazzale-parcheggio che costeggia via Valmaura e lambisce la Risiera, oggi sono tornati a spianare i verdi rametti che erano cresciuti dai ceppi abbandonati e che formavano l'unica piacevole macchia di verde tra tanto grigiore. Che rappresentavano la vita contro la loro idea di cittΰ morta e grigia.
Ci racconteranno che le radici tracimavano sull'ampio marciapiede ingobbendo meno di un metro d'asfalto e che pertanto, per la “nostra sicurezza” li hanno segati, piω difficile invece prenderci per le natiche dopo che per un anno dall'abbattimento la “pericolositΰ” radicale θ sempre lμ, ovvero che non hanno provveduto a “risanare” il pregiato manufatto calpestabile,
Come ometteranno dal dirci che da anni e annorum esistono sistemi non cruenti per salvare gli alberi e mettere in sicurezza le radici, e sono per di piω ben piω economici che appaltarne gli abbattimenti.
Ma forse la questione θ proprio questa: far girare i “piccioli”, i soldi nostri, pubblici da dare ai privati in un girotondo dove tutti ne guadagnano, meno i cittadini e gli alberi, ovviamente, ed anche i lavoratori sottopagati ed incolpevoli mandati ad eseguire queste bestialitΰ.
Ma la va a poco: contino i giorni che mancano alle elezioni di ottobre dove Trieste Verde, con l'aiuto, la partecipazione, la candidatura dei cittadini, ed il loro voto, li spazzerΰ via.
Talvolta anche sulla Terra, perfino nella nostra Trieste, intesa come provincia, i conti tornano e non c'θ bisogno di attendere la giustizia Dantesca.
E' l'impegno solenne che riconfermiamo oggi davanti a questo ennesimo scempio!
Maurizio Fogar.



I Terrapieni inquinati.

» Inviato da valmaura il 1 June, 2021 alle 11:11 am

Fa piacere leggere di nuovi progetti, alcuni “green” che fa tendenza, e di nuovi lavori sui terrapieni da Trieste a Muggia, perς …..
Partiamo da quello maggiore, il terrapieno di Barcola, chiuso e sequestrato dalla magistratura, dopo la “scoperta”, da parte di comitati di cittadini, come per Muggia, e chissΰ perchθ mai da Arpa e Ass che a questo sono deputate e pagate, di un devastante inquinamento a terra senza alcun barrieramento a mare.
E non ci voleva poi molto, non occorreva ingaggiare Hercule Poirot per scoprirlo, bastava, per Barcola, andare in Comune e consultare l'apposito registro di scarico delle ceneri del vecchio Inceneritore, che sono parte fondante dell'interramento barcolano.
Bastava leggere e si scopriva che il materiale scaricato per interrare il mare era un trionfo di diossine e schifezze, per la salute, analoghe.
Alla notizia il nostro immarcescibile Podestΰ se ne uscμ pubblicamente alla Dipiazza: “vietare l'accesso all'area, non ci penso nemmeno che allora da tempo avrei dovuto far evacuare Servola”.
Poi per fortuna nostra ci pensς la magistratura, ma riflettete un secondo sulle rodomontate dipiazziane. Lette al contrario esse significano che la tutela della salute dei frequentatori a Barcola non era per lui una prioritΰ, nonostante per legge sia l'Ufficiale Sanitario del Comune e idem dicasi per i danni che la Ferriera produceva alla salute dei residenti nei quartieri limitrofi che non sono riconducibili solo a Servola. Lui li conosceva ma “evacuare Servola” non entrava nei suoi pensieri, e forse dimenticava che era molto piω semplice e rapido fermare con apposita ordinanza gli impianti inquinanti dello stabilimento siderurgico. Le prove per farlo le aveva in mano da anni, ovvero la decina di lettere ufficiali inviategli dal direttore dell'ASS, dove si scriveva nero su bianco che le “emissioni rilevate, in particolare di BenzoApirene, erano fonte certa di insorgenza di leucemie e neoplasie (tumori)”. Ma lui, come confidava agli amici, sperava che fosse la Procura a togliergli le castagne dal fuoco, e nel frattempo i Triestini si ammalavano e morivano, idem come gli 84 lavoratori deceduti di tumore causato dalle loro mansioni lavorative in Ferriera, come scrive la perizia sanitaria commissionata dalla Procura e presentata, due volte, in Conferenza Stampa.
Pertanto a Barcola prima dei progetti “green” va fatta una seria bonifica “green” a terra e mare, per cui il Comune tiene fermi da anni 5 milioni di euro, e poi ne riparliamo, vero?
Analoga θ la vicenda della collinetta “verde” sorta a fianco di Porto San Rocco a Muggia con i detriti dei lavori sul vecchio cantiere navale, richiusi in semplici sacchi di plastica nera e sotterrati in cumulo, ed ancora peggio θ andata per l'interramento del mare dove θ spuntato il terrapieno ironicamente chiamato Acquario a fianco il lungomare. Nuovo centro benessere balneare in procinto di essere aperto per questa stagione estiva.
Auguri.
Trieste Verde.



Sempre e comunque prima le persone. Muggia e Trieste.

» Inviato da valmaura il 31 May, 2021 alle 1:05 pm

C'θ un fatto nuovo e stimolante che esce dalla mobilitazione dei cittadini sulla questione delle Noghere e del Vallone di Muggia: la rivendicazione forte e determinata ad essere gli interlocutori primari, la controparte principale nei confronti delle societΰ private e pubbliche (i dragaggi ad esempio saranno opera di Invitalia e dello Stato, pagati ovviamente con i nostri tanti soldi) che annunciano interventi sul territorio di cosμ vasto impatto. Per la salute, la qualitΰ della vita, ed anche per i danni legati alla ovvia forte svalutazione delle loro proprietΰ immobiliari.
Questo θ la conferma dell'assoluta sfiducia nei confronti di questa politica, e la mancanza di credibilitΰ nelle istituzioni di ogni ordine e grado, dalla politica infeudate e lottizzate.
D'altronde se esaminiamo la recente vicenda della annunciata, che non esiste al momento nemmeno un progetto approfondito e discutibile, Acciaieria alle Noghere di Aquilinia, c'θ poco da scegliere.
Il centrodestra, Lega in testa, ne θ lo sponsor regionale, ed θ dunque improbabile assai che il suo candidato a Sindaco di Muggia se ne discosti.
Il centrosinistra, PD e suoi cespugli, θ palesemente favorevole, come conferma pure la delibera votata dall'attuale giunta di Muggia.
I 5Stelle, o quello che ne rimane, dalla Regione a Muggia, via Trieste, non aprono bocca sulla questione da mesi se non attraverso sua eccellenza il Ministro Patuanelli che θ favorevole all'intrapresa.
Le liste locali o quelle da prefisso telefonico tacciono o cercano di strumentalizzare alla cieca la questione nel vano tentativo di raccattare qualche voterello.
Basta poco dunque a spiegare il perchθ l'applauso piω scrosciante ricevuto da Maurizio Fogar all'assemblea di domenica, θ scattato quando ha affermato che questa politica deve starsene fuori dalla gestione che va riservata ai cittadini, agli interessati, pena il perdere la battaglia prima di averla iniziata.
Non si tratta di “populismo” e di “antipolitica”, o di facile demagogia, θ semplicemente il frutto dell'esperienza ventennale vissuta sulla questione Ferriera che ce lo insegna.
Ed oggi θ proprio questa politica ad aver tradito il significato del suo ruolo, la sua missione: come disse uno dei leader politici europei piω rispettati, il socialdemocratico tedesco Willy Brandt, in una intervista di Enzo Biagi, “quando la politica cessa di battersi per migliorare la vita delle persone, non θ piω politica ma altro, e allora va mandata a quel paese”.
Pertanto quanto uscito dall'assemblea alle Noghere assume, per Muggia ma anche per Trieste, un significato innovativo, oseremmo dire “rivoluzionario” perchθ quando i “buoni” si arrabbiano allora θ duro assai.
Ma se uno non si arrabbia e si impegna per difendere i propri legittimi interessi, la propria vita e la salute sua e dei suoi cari, viene da chiedersi per cosa mai dovrebbe alzare la voce e muoversi in prima persona.
Nel codice penale si chiama “legittima difesa”.
Nella foto: Circolo Miani, occupazione Consiglio Comunale Trieste.




« Precedente • Pagina 1 • Pagina 2 • Pagina 3 • Pagina 4 • Pagina 5 • Pagina 6 • Pagina 7 • Pagina 8 • Pagina 9 • Pagina 10 • Pagina 11 • Pagina 12 • Pagina 13 • Pagina 14 • Pagina 15 • Pagina 16 • Pagina 17 • Pagina 18 • Pagina 19 • Pagina 20 • Pagina 21 • Pagina 22 • Pagina 23 • Pagina 24 • Pagina 25 • Pagina 26 • Pagina 27 • Pagina 28 • Pagina 29 • Pagina 30 • Pagina 31 • Pagina 32 • Pagina 33 • Pagina 34 • Pagina 35 • Pagina 36 • Pagina 37 • Pagina 38 • Pagina 39 • Pagina 40 • Pagina 41 • Pagina 42 • Pagina 43 • Pagina 44 • Pagina 45 • Pagina 46 • Pagina 47 • Pagina 48 • Pagina 49 • Pagina 50 • Pagina 51 • Pagina 52 • Pagina 53 • Pagina 54 • Pagina 55 • Pagina 56 • Pagina 57 • Pagina 58 • Pagina 59 • Pagina 60 • Pagina 61 • Pagina 62 • Pagina 63 • Pagina 64 • Pagina 65 • Pagina 66 • Pagina 67 • Pagina 68 • Pagina 69 • Pagina 70 • Pagina 71 • Pagina 72 • Pagina 73 • Pagina 74 • Pagina 75 • Pagina 76 • Pagina 77 • Pagina 78 • Pagina 79 • Pagina 80 • Pagina 81 • Pagina 82 • Pagina 83 • Pagina 84 • Pagina 85 • Pagina 86 • Pagina 87 • Pagina 88 • Pagina 89 • Pagina 90 • Pagina 91 • Pagina 92 • Pagina 93 • Pagina 94 • Pagina 95 • Pagina 96 • Pagina 97 • Pagina 98 • Pagina 99 • Pagina 100 • Pagina 101 • Pagina 102 • Pagina 103 • Pagina 104 • Pagina 105 • Pagina 106 • Pagina 107 • Pagina 108 • Pagina 109 • Pagina 110 • Pagina 111 • Pagina 112 • Pagina 113 • Pagina 114 • Pagina 115 • Pagina 116 • Pagina 117 • Pagina 118 • Pagina 119 • Pagina 120 • Pagina 121 • Pagina 122 • Pagina 123 • Pagina 124 • Pagina 125 • Pagina 126 • Pagina 127 • Pagina 128 • Pagina 129 • Pagina 130 • Pagina 131 • Pagina 132 • Pagina 133 • Pagina 134 • Pagina 135 • Pagina 136 • Pagina 137 • Pagina 138 • Pagina 139 • Pagina 140 • Pagina 141 • Pagina 142 • Pagina 143 • Pagina 144 • Pagina 145 • Pagina 146 • Pagina 147 • Pagina 148 • Pagina 149 • Pagina 150 • Pagina 151 • Pagina 152 • Pagina 153 • Pagina 154 • Pagina 155 • Pagina 156 • Pagina 157 • Pagina 158 • Pagina 159 • Pagina 160 • Pagina 161 • Pagina 162 • Pagina 163 • Pagina 164 • Pagina 165 • Pagina 166 • Pagina 167 • Pagina 168 • Pagina 169 • Pagina 170 • Pagina 171 • Pagina 172 • Pagina 173 • Pagina 174 • Pagina 175 • Pagina 176 • Pagina 177 • Pagina 178 • Pagina 179 • Pagina 180 • Pagina 181 • Pagina 182 • Pagina 183 • Pagina 184 • Pagina 185 • Pagina 186 • Pagina 187 • Pagina 188 • Pagina 189 • Pagina 190 • Pagina 191 • Pagina 192 • Pagina 193 • Pagina 194 • Pagina 195 • Pagina 196 • Pagina 197 • Pagina 198 • Pagina 199 • Pagina 200 • Pagina 201 • Pagina 202 • Pagina 203 • Pagina 204 • Pagina 205 • Pagina 206 • Pagina 207 • Pagina 208 • Pagina 209 • Pagina 210 • Pagina 211 • Pagina 212 • Pagina 213 • Pagina 214 • Pagina 215 • Pagina 216 • Pagina 217 • Pagina 218 • Pagina 219 • Pagina 220 • Pagina 221 • Pagina 222 • Pagina 223 • Pagina 224 • Pagina 225 • Pagina 226 • Pagina 227 • Pagina 228 • Pagina 229 • Pagina 230 • Pagina 231 • Pagina 232 • Pagina 233 • Pagina 234 • Pagina 235 • Pagina 236 • Pagina 237 • Pagina 238 • Pagina 239 • Pagina 240 • Pagina 241 • Pagina 242 • Pagina 243 • Pagina 244 • Pagina 245 • Pagina 246 • Pagina 247 • Pagina 248 • Pagina 249 • Pagina 250 • Pagina 251 • Pagina 252 • Pagina 253 • Pagina 254 • Pagina 255 • Pagina 256 • Pagina 257 • Pagina 258 • Pagina 259 • Pagina 260 • Pagina 261 • Pagina 262 • Pagina 263 • Pagina 264 • Pagina 265 • Pagina 266 • Pagina 267 • Pagina 268 • Pagina 269 • Pagina 270 • Pagina 271 • Pagina 272 • Pagina 273 • Pagina 274 • Pagina 275 • Pagina 276 • Pagina 277 • Pagina 278 • Pagina 279 • Pagina 280 • Pagina 281 • Pagina 282 • Pagina 283 • Pagina 284 • Pagina 285 • Pagina 286 • Pagina 287 • Pagina 288 • Pagina 289 • Pagina 290 • Pagina 291 • Pagina 292 • Pagina 293 • Pagina 294 • Pagina 295 • Pagina 296 • Pagina 297 • Pagina 298 • Pagina 299 • Pagina 300 • Pagina 301 • Pagina 302 • Pagina 303 • Pagina 304 • Pagina 305 • Pagina 306 • Pagina 307 • Pagina 308 • Pagina 309 • Pagina 310 • Pagina 311 • Pagina 312 • Pagina 313 • Pagina 314 • Pagina 315 • Pagina 316 • Pagina 317 • Pagina 318 • Pagina 319 • Pagina 320 • Pagina 321 • Pagina 322 • Pagina 323 • Pagina 324 • Pagina 325 • Pagina 326 • Pagina 327 • Pagina 328 • Pagina 329 • Pagina 330 • Pagina 331 • Pagina 332 • Pagina 333 • Pagina 334 • Pagina 335 • Pagina 336 • Pagina 337 • Pagina 338 • Pagina 339 • Pagina 340 • Pagina 341 • Pagina 342 • Pagina 343 • Pagina 344 • Pagina 345 • Pagina 346 • Pagina 347 • Pagina 348 • Pagina 349 • Pagina 350 • Pagina 351 • Pagina 352 • Pagina 353 • Pagina 354 • Pagina 355 • Pagina 356 • Pagina 357 • Pagina 358 • Pagina 359 • Pagina 360 • Pagina 361 • Pagina 362 • Pagina 363 • Pagina 364 • Pagina 365 • Pagina 366 • Pagina 367 • Pagina 368 • Pagina 369 • Pagina 370 • Pagina 371 • Pagina 372 • Pagina 373 • Pagina 374 • Pagina 375 • Pagina 376 • Pagina 377 • Pagina 378 • Pagina 379 • Pagina 380 • Pagina 381 • Pagina 382 • Pagina 383 • Pagina 384 • Pagina 385 • Pagina 386 • Pagina 387 • Pagina 388 • Pagina 389 • Pagina 390 • Pagina 391 • Pagina 392 • Pagina 393 • Pagina 394 • Pagina 395 • Pagina 396 • Pagina 397 • Pagina 398 • Pagina 399 • Pagina 400 • Pagina 401 • Pagina 402 • Pagina 403 • Pagina 404 • Pagina 405 • Pagina 406 • Pagina 407 • Pagina 408 • Pagina 409 • Pagina 410 • Pagina 411 • Pagina 412 • Pagina 413 • Pagina 414 • Pagina 415 • Pagina 416 • Pagina 417 • Pagina 418 • Pagina 419 • Pagina 420 • Pagina 421 • Pagina 422 • Pagina 423 • Pagina 424 • Pagina 425 • Pagina 426 • Pagina 427 • Pagina 428 • Pagina 429 • Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 26 February, 2024 - 3:05 am - Visitatori Totali Nr.