Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Laminatoio a caldo e “giornalismo” a freddo.
Le sorprese della censura talvolta sono anche divertenti. ..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Trieste Verde. A cosa diciamo no!
Dicemmo no alla progettata Centrale a Carbone nel Vallone di Muggia, battaglia vinta..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 113

Povera Trieste.

» Inviato da valmaura il 18 April, 2021 alle 3:16 pm

Se il buongiorno si vede dal mattino, questa politica offre notte fonda.
Una pessima campagna elettorale, improntata su slogan generici e senza alcuna proposta fattibile e concreta di cui la nostra comunità avrebbe oggi più che mai bisogno.
Ma due sono gli elementi che più infastidiscono, almeno noi: lo sciupio scandaloso di denari per una ridda di poster e megamanifesti di propaganda elettorale, nonostante l'invito di Maurizio Fogar per Trieste Verde a non buttare soldi in questi tempi di crisi.
L'altro è l'accanirsi in quella farsa, se non peggio, dei tour rionali, nel tentativo di recuperare o almeno far dimenticare assenza, negligenza e responsabilità verso lo stato di profondo degrado e non solo urbanistico in cui versano i nostri quartieri da almeno tre decenni, con una comparsata di due orette.
Ci viene un dubbio: ma chi ha “governato” questa nostra Trieste in questi decenni?
Russo, Bandelli e le sigle più o meno conosciute al traino, o noi?
Chi ha lottizzato in questi anni i vari Ater, Ass, enti pubblici vari: loro o noi?
No ecco, ce lo spieghino, e lo dicano ai cittadini invece di pigliarli per i fondelli.
Trieste Verde.



Allarme Reddito e pensione di cittadinanza.

» Inviato da valmaura il 17 April, 2021 alle 2:50 pm

Gli immotivati tagli Inps.
In questo momento di particolare crisi che aggiunge ed aggrava quella “ordinaria” della povertà, l'Inps sta tagliando e cosa incredibile “chiedendo rimborsi” ai più indigenti, e lo fa rifiutandosi di dare spiegazioni a chi le chiede. Il tutto nonostante una sentenza della Corte di Cassazione che ha stabilito in questi casi, ovvero per eventuali errori degli enti erogatori, l'impossibilità di scaricare sugli utenti il ristoro. E dopo una storica sentenza della Corte Costituzionale del giugno 2020 che ha fissato in 780 euro il minimo di sopravvivenza che lo Stato deve erogare a partire dagli assegni di invalidità civile.
Non solo, l'Inps si rifiuta di applicare quanto stabilito ma mai eseguito nel Regolamento attuativo della legge istitutiva il Reddito/Pensione di Cittadinanza e soprattutto confermato nella Legge finanziaria dello Stato. Secondo quanto disciplinato dalla Legge di Bilancio 2021, la nuova norma sulla Pensione di Cittadinanza erogata dall’INPS, ed entrata in vigore con decorrenza dal 1° gennaio 2021 “nei confronti dei titolari della Pensione di Cittadinanza non valgono i limiti di utilizzo di cui al comma 6.”.
Ovvero vengono a decadere i limiti di prelievo in contanti e quelli per gli eventuali bonifici.
Anche a Trieste sono molte le persone colpite dai tagli Inps che rendono viepiù drammatica la loro sopravvivenza, perchè di questo si tratta.
E venerdì 23 aprile, per le ore 10, è stata indetta una manifestazione di protesta fuori dalla sede Inps di via Udine angolo via Sant'Anastasio a Trieste.
Noi di Trieste Verde ci saremo, e non potrebbe essere diversamente per l'impegno che abbiamo profuso da anni nella lotta contro la povertà che è uno dei dieci punti qualificanti del nostro Manifesto per Trieste.
Il Manifesto contro la povertà.
Le proposte di Trieste Verde.
780 euro netti al mese, è quanto ha fissato con sentenza la Corte Costituzionale l'altro anno, la soglia minima di sopravvivenza che lo Stato deve erogare agli aventi diritto.
Questo è quello che Trieste Verde innanzitutto propone attui il Comune di Trieste nei confronti delle singole persone incapienti residenti, senza alcun vincolo di spesa e prelievo, come avviene tutt'oggi per le pensioni, dove le sociali e le minime devono essere innalzate a questo livello base.
Ciò deve avvenire in collaborazione con la Regione e con l'Inps, che conosce perfettamente la situazione e non ha bisogno di richiedere ulteriori trafile burocratiche, che per altro violerebbero ben quattro leggi dello Stato (i Decreti Bassanini). E deve divenire operativo nel più breve tempo possibile, con richiesta formale a Banche e Poste di aprire una corsia preferenziale per il pagamento “sociale” ai loro sportelli.
Resta inteso che tale importo, che è quello indicato dall'Istat per la mera “sopravvivenza” e sfidiamo chiunque a scialarci, va aggiornato annualmente al rialzo, e per i nuclei familiari non monocellulari va parametrato ai componenti della famiglia a carico.
La riforma totale dei Servizi sociali comunali, oggi accentrati e ridotti al ruolo di passacarte e burocrazia della povertà.
Gli Assistenti Sociali, oggi carenti di numero e diretti con criteri operativi che ne annullano la professionalità, devono poter tornare sul territorio affinchè la parola “presa in carico” degli assistiti non resti lettera morta. Va ricreata la rete collaborativa con il personale dei Distretti sanitari (per altro da tempo in sofferenza e da riformare come proposto da Trieste Verde) per assistere tempestivamente le persone in difficoltà, dove queste “vivono”.
E' evidente che quando una persona, giunta all'estremo delle sue possibilità, decide di rivolgersi ai Servizi sociali, compie una scelta difficile e combattuta: non è affatto facile mettere in piazza la propria povertà e disperazione.
Ma da quel momento il ruolo di un Servizio sociale degno di questo nome sta nel sostenere, e non solo economicamente, la persona, rispettarne la dignità (non con le umilianti file in pubblico a cui abbiamo assistito nel camerone stipato di gente di via Mazzini), e sostituirsi a lui per tutte le pratiche di cui abbisogni. Insomma privilegiare il rapporto umano e non limitarsi a passare e compilare moduli.
Per fare ciò bisogna assumere nuovo personale idoneo, non da oggi carente, aprire nuovi centri di aiuto ed ascolto sul territorio, non limitarsi ad un numero telefonico, quando non è perennemente occupato, attivo solo da lunedì a venerdì tra le ore 9 e le 11.
La carenza dei vertici del Servizio sociale comunale è apparsa chiara fin dall'inizio, la loro incapacità a confrontarsi con l'analogo Servizio regionale è stata totale, per non parlare poi nell'interfacciarsi con l'Inps (locale e nazionale), che in particolare a Trieste non brilla per capacità.
Ma quale Sindaco è, conoscendo la drammatica situazione in cui sono costretti a “tirare avanti” decine di migliaia di concittadini, quello che non senta il bisogno di dedicare tutto il suo sforzo, le energie, anche economiche di cui l'amministrazione dispone, a risolvere questa priorità sopra ogni altra.
Per le statue, le ovovie ed i grandi eventi, ci sarà un domani tempo e modo, altrimenti basta citare un titolo famoso di Primo Levi: “Se questo è un uomo”.



FERRIERA. Tra Scoccimarro e DDA che ne scrive non sappiamo chi sia peggio.

» Inviato da valmaura il 16 April, 2021 alle 1:29 pm

Scrive di Area a Caldo DDA è non ha ancora imparato che gli altoforni, al plurale non al singolare, erano DUE. Parla di trasferimento di Vincenzo Dimastromatteo dalla “direzione ferriera”, incarico che ha lasciato da un anno per andare a ricoprire quello di direttore Acciaierie Arvedi a Cremona e di AD societario, alla futura direzione dell'Ilva a Taranto, insomma non ne azzecca una che sia una, e questo dovrebbe “informare” i Triestini.
Ma poi arriva lui, sempre tramite DDA, il patriota assessore regionale “per la difesa dell'Ambiente”, Fabio Scoccimarro, e tra le perle che da tempo ci offre ne dobbiamo inserire quest'ultima:
“Siamo venuti a verificare dopo un anno dall'attuazione dell'Adp e siamo soddisfatti del rispetto del cronoprogramma che ci porterà a un'industria pulita, tanto che qui a Servola si potrà fare il bagno.”
Ecco, apprezziamo che appena “dopo un anno” sia “venuto a verificare”, ma quanto al “bagno” cominci lui a tuffarsi.
“Oggi i livelli di polveri sottili sono migliori di quelli del centro città. Lo smantellamento crea certamente qualche disagio a livello di polveri e odori, ma l'Arpa vigila ed è sempre intervenuta celermente», sia dopo il grande spolveramento seguito alla demolizione del nastro trasportatore dell'altoforno, che dopo l'abbattimento del gasometro, con odori molto forti prodotti dalle morchie all'interno del silo”.
Ora qui siamo al sogno. In questi giorni si susseguono boati e polveroni perchè fanno precipitare tonnellate di ferraglia a terra senza imbragarle e calarle con le gru, e poi tocca vette di sublimità quando dichiara che la “vigilante” Arpa è intervenuta “celermente” ma sempre ….”dopo”, cioè a babbo morto ed a danno arrecato.
E tanti auguri per la passiata con Petrucco, che più che il casco della foto c'è da sperare per lui che la mascherina antiCovid fosse perfetta anche per trattenere la pestilenziale polvere su cui camminavano.
Trieste Verde.



Il degrado non è solo una buca sul marciapiedi.

» Inviato da valmaura il 16 April, 2021 alle 1:28 pm

I nostri quartieri, dove si vive abbastanza male.
Parlare della qualità della vita di quella maggioranza dei Triestini che vive nei rioni tradizionali, perchè diciamocelo chiaro le “periferie” qui hanno poco senso, da anni anzi decenni è scemata progressivamente.
E non è solo e tanto al livello di manutenzioni spicciole che ci riferiamo, cose per altro abbastanza carenti in una città che sempre da decenni ha privilegiato abbellimenti nelle aree centralissime dove per altro, vedi il “salotto buono”, non ci vive quasi nessuno.
Parlare di degrado significa sì evidenziare la pessima qualità di edilizia popolare che ha trasformato né più né meno molte zone della città in un agglomerato di quartieri “dormitorio”.
Poi ha voglia il presidente Ater, che su questo ha assai scarsa conoscenza, lamentarsi per gli episodi di violenza, di vandalismo e microcriminalità che in queste zone si verificano. Episodi che, come già da noi scritto, vanno puniti severamente senza attenuanti alcune.
Ma quando mandi a vivere migliaia di persone in complessi come il “Serpentone” di Valmaura, o i “Puffi” di via Grego e prima ancora a Rozzol Melara, per citare gli esempi più recenti, pianti i semi, crei l'humus di queste situazioni di disperazione, emarginazione e solitudine.
Ma parlare di degrado significa parlare delle condizioni anche di povertà, viepiù aggravata nell'ultimo anno dalla crisi Covid, in cui a Trieste sono condannate decine di migliaia di concittadini: la Trieste degli “invisibili” che finisce in cronaca solo per episodi di “nera”.
Significa affrontare l'inadeguatezza, quando non l'assenza, dei servizi sociali e sanitari sul territorio.
Significa ammettere che in tutti questi anni nulla si è fatto per favorire la socialità, creare spazi di incontro, di confronto culturale, di ricreazione.
Poi scelte urbanistiche sbagliate, in centro quanto nei sobborghi hanno fatto il resto: rifacimenti sbagliati di piazze, abbandoni di giardini ed aree verdi chiudono il cerchio.
Noi crediamo, come Circolo Miani che su questo lavora sul territorio dagli anni Novanta ed ora come Trieste Verde, che la soluzione deve trovare risposte a tutti i problemi, e magari ad altri ancora che per brevità qui non riprendiamo, sopra elencati, e camminare di pari passo.
Prendiamo ad esempio l'idea, che sentiti più volte in questi anni i tecnici dell'Ater, è maturata.
A Trieste ci sono quasi ventimila edifici, case ed appartamenti, tra pubblici (solo l'Ater ne ha in gestione oltre 2000) e privati sfitti, di cui una parte è bisognosa di lavori di manutenzione, oggi per altro agevolati dai Bonus governativi, bastevoli ad ospitare una popolazione pari a due volte quella del Comune di Muggia.
Dunque bisogna decidere una volta per tutte la dismissione graduale di alcuni alienanti complessi di edilizia popolare, trasferendo le famiglie in altre e più civili abitazioni a partire da quelle oggi sfitte ed in breve tempo recuperabili. Insistere a mantenere tante famiglie in questi complessi che da soli assorbono, anche per la bassa qualità del materiale costruttivo, gran parte del bilancio assegnato annualmente all'Ater per le manutenzioni, non risolve ma aggrava il problema.
Si deve avere il coraggio politico di questa scelta, programmarla da subito e lavorarci per realizzarla.
Ma di questo ed altro parleremo sabato 17 aprile, alle ore 11, nella sede (g.c.) del Circolo Miani a Trieste in via Valmaura 77, dove Trieste Verde illustrerà le sue proposte per fermare il degrado trentennale dei nostri quartieri.



Derubati e contenti

» Inviato da valmaura il 15 April, 2021 alle 10:42 am

di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano
Avevamo scritto che alla Restaurazione in corso mancano solo le parrucche e i codini del Congresso di Vienna. Ma non avevamo previsto la restituzione dei vitalizi ai ladri di Stato. Invece è arrivata anche quella.
Dopo Formigoni, che su 5 anni e 10 mesi di condanna ha scontato 5 mesi e ora riavrà 7mila euro al mese direttamente dalle nostre tasche, anche Del Turco (3 anni e 11 mesi) sarà oggi riabilitato con 5.500 euro mensili: in fondo lui di mazzette ne ha incassate solo 850mila euro e non ha ancora versato i 700mila di risarcimento allo Stato (anziché pagare, incassa). Seguiranno B., Previti, De Lorenzo, Di Donato e altra brava gente. Ma concentriamoci sugli sgovernatori.
Date un’occhiata allo stato comatoso della sanità (e delle vaccinazioni) in Lombardia e in Abruzzo: se cercate un perché, lo trovate nelle rispettive sentenze della Cassazione. L’uno e l’altro dirottavano i soldi delle nostre tasse destinati alla sanità pubblica nelle tasche dei ras delle cliniche private (Maugeri e San Raffaele il primo, Angelini il secondo), i quali poi ricambiavano con congrue percentuali, sempre a carico nostro. Intanto le due Regioni tagliavano i posti letto pubblici e l’Abruzzo s’imbarcava pure in una folle cartolarizzazione dei crediti sanitari farlocchi, ceduti a banche estere e ripagati con mutui capestro.
Sui giornali del Partito degli Impuniti si legge che Del Turco è innocente perché Angelini ha una condanna per truffa alla Regione (per ogni ricoverato stilava fino a 10 cartelle cliniche, con rimborsi regionali a piè di lista) e s’è visto confiscare il bottino delle sue truffe: 32 milioni. Peccato che il Telepass della sua auto segnalasse 19 visite tangentizie in due anni a villa Del Turco: prendere mazzette è già grave, ma prenderle da chi sai che sta truffando la tua Regione è una doppia vergogna. Idem per Formigoni, che – sentenza definitiva alla mano – elargì oltre 200 milioni di fondi regionali al San Raffaele e alla Maugeri per 6 milioni di tangenti.
Fate voi il calcolo su quei 32 milioni in Abruzzo più 200 in Lombardia: quanti posti letto e respiratori avrebbero potuto acquistare le due Regioni prima della pandemia se fossero state governate da gente onesta?
Nel 2015 una norma voluta da Piero Grasso ci aveva risparmiato, se non il danno, almeno la beffa di vedere questa gente mantenuta a vita dallo Stato. L’avevano votata tutti: Pd, Sel, FdI e Lega; il M5S no perché la riteneva troppo blanda. Ora il Senato la aggira senza neppure cambiarla, per mano dei leghisti Pillon e Riccardi e del forzista Caliendo, nel silenzio di tutti fuorché dei 5Stelle. Che poi qualcuno si domanda perché, con tutte le cazzate che fanno, non muoiono mai: perché gli altri sono così.




« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112 • Pagina 113 • Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Pagina 260Pagina 261Pagina 262Pagina 263Pagina 264Pagina 265Pagina 266Pagina 267Pagina 268Pagina 269Pagina 270Pagina 271Pagina 272Pagina 273Pagina 274Pagina 275Pagina 276Pagina 277Pagina 278Pagina 279Pagina 280Pagina 281Pagina 282Pagina 283Pagina 284Pagina 285Pagina 286Pagina 287Pagina 288Pagina 289Pagina 290Pagina 291Pagina 292Pagina 293Pagina 294Pagina 295Pagina 296Pagina 297Pagina 298Pagina 299Pagina 300Pagina 301Pagina 302Pagina 303Pagina 304Pagina 305Pagina 306Pagina 307Pagina 308Pagina 309Pagina 310Pagina 311Pagina 312Pagina 313Pagina 314Pagina 315Pagina 316Pagina 317Pagina 318Pagina 319Pagina 320Pagina 321Pagina 322Pagina 323Pagina 324Pagina 325Pagina 326Pagina 327Pagina 328Pagina 329Pagina 330Pagina 331Pagina 332Pagina 333Pagina 334Pagina 335Pagina 336Pagina 337Pagina 338Pagina 339Pagina 340Pagina 341Pagina 342Pagina 343Pagina 344Pagina 345Pagina 346Pagina 347Pagina 348Pagina 349Pagina 350Pagina 351Pagina 352Pagina 353Pagina 354Pagina 355Pagina 356Pagina 357Pagina 358Pagina 359Pagina 360Pagina 361Pagina 362Pagina 363Pagina 364Pagina 365Pagina 366Pagina 367Pagina 368Pagina 369Pagina 370Pagina 371Pagina 372Pagina 373Pagina 374Pagina 375Pagina 376Pagina 377Pagina 378Pagina 379Pagina 380Pagina 381Pagina 382Pagina 383Pagina 384Pagina 385Pagina 386Pagina 387Pagina 388Pagina 389Pagina 390Pagina 391Pagina 392Pagina 393Pagina 394Pagina 395Pagina 396Pagina 397Pagina 398Pagina 399Pagina 400Pagina 401Pagina 402Pagina 403Pagina 404Pagina 405Pagina 406Pagina 407Pagina 408Pagina 409Pagina 410Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 8 August, 2022 - 8:48 am - Visitatori Totali Nr.