Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Trieste. Elezioni semestrali !
Si voti ogni sei mesi in città! Visto che questo pare essere l’unico modo per spingere l’amministrazione comunale a..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Il Comune rifà i giardini in modalità elettorale.
Lo abbiamo già scritto e ripetuto che il susseguirsi di annunci da parte..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 11

Scandalo ospedali.

» Inviato da valmaura il 6 September, 2020 alle 12:29 pm

Poggiana te ne devi andare, magari assieme al Riccardi !

Lo studio richiesto dall’Azienda sanitaria all’Università di Trieste, la cui relazione conclusiva porta la data del 31 dicembre 2018, sulla qualità dei pasti distribuiti nei tre ospedali triestini (Cattinara, Maggiore, Burlo) ai pazienti ed ai dipendenti dà questo esito.
"Le analisi sui campioni di cibo parlano chiaro. Che si tratti di verdure, carne o pesce, si registrano valori antiossidanti crollati, vitamine drasticamente ridotte, processi ossidativi e cattivo odore.
La cuoca “Serenissima” produce i pasti a Rovigo anche venti giorni prima del consumo, li raffredda, li conserva in atmosfera controllata e li consegna due volte a settimana alle varie sedi, dove vengono riscaldati e distribuiti. I risultati sono di bassissimo livello. Rispetto al prodotto cucinato espresso, i dati dell'ateneo dicono che la bieta passata ha una capacità antiossidante (Teac) più bassa del 74% e valori di vitamina A ridotti dell'89%. La vitamina A contenuta negli spinaci "cook and chill" è più bassa del 95% rispetto al prodotto di riferimento e la Teac segna il -42%. Si riducono sensibilmente anche i valori vitaminici della carne, ma in questo caso colpiscono i processi ossidativi dei grassi: i perossidi balzano in su del 227% nel caso del manzo e del 166% in quello del pollo. I problemi maggiori li dà il pesce: «I campioni (di verdesca, ndr) erano tutti caratterizzati da intenso odore sgradevole riconducibile alla degradazione dei composti azotati». I perossidi sono più di sei volte i livelli di riferimento e i valori di istamina superano i 400 mg per chilo.
La relazione evidenzia più dati problematici con una situazione preoccupante, tra perdita dei valori nutrizionali e sviluppo di composti ossidanti”.
Riceve la relazione e la legge, si spera, il neo commissario prima e poi direttore generale Antonio Poggiana, nominato dalla Regione su proposta dell’assessore alla Sanità Riccardo Riccardi ed entrato in carica il 1 gennaio 2019 (il giorno dopo la consegna dell’indagine all’Asugi).
Ambedue i suddetti nulla fanno per quasi due anni, salvo continuare a rinnovare in proroga un contratto di fornitura alla stessa ditta “Serenissima” al costo, per i contribuenti triestini, di 5 milioni di euro all’anno.
E cosa fa ieri il nominato di Riccardi ai vertici dell’Asugi triestina?
Si scusa, si dimette e se ne va da Trieste? Assolutamente no, anzi.
Prima dichiara che quei dati sono “vecchi”, poi che male ha fatto la stampa a renderli noti, per iniziativa del consigliere regionale Ussai perché altrimenti Azienda Sanitaria, Regione ed anche Università avrebbero continuato a tenerli nei cassetti a stagionare come in questo biennio, ed infine attacca i criteri e la credibilità dell’indagine stessa e dell’Università di Trieste. Conclude che oggi le cose sono “cambiate” omettendo però di dire che il “cambiamento” è avvenuto appena da quattro giorni, si avete letto bene, a partire dal 1 settembre 2020 e su iniziativa della stessa “cuoca” Serenissima, che per altro, smentendo clamorosamente quanto appena dichiarato dal protegè di Riccardi ammette che l’indagine universitaria ha scritto il vero. Si becca infine una pepata smentita pure dall’Università giuliana.
E rimane tranquillamente al suo posto senza che l’assessore regionale lo rimuova all’istante, dopo questo ennesimo “incidente” ascrivibile a Poggiana.
E a nessuno viene in mente la cosa drammaticamente più importante: ovvero che per anni i pazienti (dagli anziani ai bambini), di cui la dieta è parte integrante delle terapie, a Cattinara, al Maggiore e cosa maggiormente disgustosa all’ospedale pediatrico Burlo, sono stati “nutriti” in simil modo. Operatori sanitari compresi.
Ma esiste una Procura della Repubblica in questa città?
E’ una domanda che sempre più spesso i cittadini a Trieste si pongono.




Esof. Chiacchiere portuali.

» Inviato da valmaura il 5 September, 2020 alle 1:56 pm

Tutta la nostra comprensione umana al Presidente dell'Autorità portuale Zeno D'Agostino vincolato per dovere d'ospitalità a passare 20 ore su 24 tra i convegni Esof in Porto vecchio. Ma da quel poco che riporta la stampa locale il dibattito sulle innovazioni (ben cinque studi) da realizzare nel funzionamento del Porto di Trieste non ha partorito neppure un topolino-ino-ino concretamente utile.
Anzi no, uno dei patron delle manifestazioni, l'ex parlamentare DC pordenonese Michelangelo Agrusti, la cui già lunga carriera politica fu bruscamente interrotta con le manette di un arresto nelle inchieste di Tangentopoli nel 1994 e con una condanna in primo grado a due anni e mezzo di reclusione, poi finita in prescrizione per decadenza dei termini, e riconvertitosi poi in incarichi confindustriali ha efficacemente sintetizzato la realtà che sta uscendo da Esof.
Dal suo attuale incarico di presidente di Confindustria Alto Adriatico ne ha “invece evidenziato le difficoltà in quanto l'innovazione richiede una nuova competenza che non può essere compresa da tutti”.
Ergo accade quello che alcuni temevano: un esercizio culturale e scientifico tra addetti ai lavori da cui rimane estranea quando non esclusa, anche per incapacità a comprendere (Agrusti dixit), la comunità triestina e regionale.
Ma questa, spiace dirlo, è l'antitesi del vero progresso che si misura invece sulla semplificazione dei percorsi e delle funzioni, sull'ampia comprensione e condivisione nell'opinione pubblica.
Ed è per questo che rilanciamo con forza la necessità invece di far partire quel progetto concreto di Porto Green, tale da additare l'esperienza di rilancio di Trieste come un modello italiano, europeo ed internazionale, e senza ulteriori ritardi visto il riaprirsi della stagione crocieristica e la ripresa del traffico mercantile.
Ripubblichiamo dunque uno dei nostri ultimi articoli.
Trieste. Porto Green.
Autorità Portuale e Circolo Miani.
Due ore d'incontro tra Zeno D'Agostino e Maurizio Fogar.
Abbiamo parlato delle criticità da affrontare e risolvere segnalate in più articoli su queste pagine.
Ne facciamo schematicamente un riassunto.
Intervento immediato per sostituire alla forza motore (inquinantissima) la forza elettrica con l'installo su tutte le banchine, da Porto Vecchio a Muggia, degli appositi terminali a cui le navi all'ormeggio, siano esse da crociera, petroliere o commerciali, si colleghino per alimentare i servizi di bordo. Abbattendo così anche l'inquinamento acustico molto forte soprattutto nelle ore notturne.
Presenza degli appositi filtri sui fumaioli delle navi.
SIOT. Risolvere la criticità causata dall'olezzo in uscita dai depositi, un nauseabondo tanfo di benzina marcia, che investe le zone di San Dorligo e la fascia costiera triestina. In tempi rapidi perchè la situazione si protrae insopportabilmente da anni.
Progettata nuova grande stazione e zona di manovra ferroviaria, da Valmaura-Servola-Scalo Legnami.
Studiare tutte le misure da assumere per prevenire l'inquinamento acustico e le copiose emissioni di Polveri Sottili (PM10 e 2,5).
Riapertura linea ferroviaria “transalpina” al traffico di treni container.
Intervenire il prima possibile per barrierare e ridurre il fortissimo inquinamento acustico in città (da San Giacomo ai Campi Elisi) prodotto dalle fermate, in particolare quella in corrispondenza del viadotto metallico fianco PAM, dei convogli in discesa.
Di questo ed altro, in particolare della Siot, si è parlato nel corso delle due ore di incontro che hanno dimostrato una sostanziale condivisione dei temi affrontati e messo altresì in primo piano anche l'attesa di risposte da parte del Ministero per lo Sviluppo Economico (MISE).
Si è deciso di rinnovare l'incontro ai primi di settembre per fare il punto della situazione e valutare i tempi necessari, che non sono una variabile indipendente, per concretizzare le soluzioni.
Ecco, se ci si permette una considerazione, è così che si affrontano per risolverli i problemi, nell'ottica di raccogliere una sfida importante per la città ed il suo sviluppo: fare di Trieste il primo Porto Green in Italia ed un modello per l'Europa.



Trieste. Scoppia lo scandalo, ritardato, dei pasti ospedalieri.

» Inviato da valmaura il 4 September, 2020 alle 1:27 pm

Ospedali (Cattinara, Maggiore e Burlo) un menù da dieta Fantozzi.

Invece qui è tristemente vero, almeno a leggere i risultati resi noti con due sospetti annetti di ritardo dall’indagine dell’Università triestina, grazie anche alla meritoria iniziativa del consigliere regionale Ussai.
Prima di entrare nel merito è proprio il ritardo che colpisce: ora la stessa Azienda Sanitaria triestina commissiona ad un labora
torio universitario questa indagine sulla “qualità” del cibo fornito a ricoverati, ma anche a dipendenti: i risultati sono disastrosi. E cosa fanno i vertici dell’ASS? E chi li ha nominati, li controlla e ne porta la responsabilità?
Li tengono sepolti nei cassetti dei loro uffici e continuano a prorogare l’appalto al “cuoco”, che costicchia alla Regione svariati milioncini (5 solo per Trieste) all’anno, come se niente fudesse.
Le date sono importanti: la relazione conclusiva dell’indagine risale al 31 dicembre 2018. Chi era il responsabile regionale, insomma l’assessore, alla Sanità? Riccardo Riccardi, lo stesso che non si capisce con quale logica e fidando che il piccolo giornale non glielo contesti, dichiara oggi alla stampa che “Sono cose avvenute prima della mia nomina (avvenuta nel maggio 2018 dunque sei mesi prima) e di quella del direttore Antonio Poggiana (in sella da 19 mesi), ma resto esterrefatto che nessuno abbia proceduto dopo simili dati”.
Anche noi, e per la verità esterrefatti lo siamo pure per il suo goffo scaricabarile.
Poi con involontaria comicità prosegue in stile littorio “Andrò a verificare se c'è stata una contestazione all'impresa Serenissima (la cuoca): se così non fosse, ci sarebbero responsabilità pesanti da individuare all'interno di Asugi (Poggiana). Se i dati corrispondessero al vero, sarebbe un fatto molto grave e ci sarebbero elementi per la risoluzione del contratto”.
La cacciata dei vertici Asugi e le sue dimissioni sono cose che non gli passano minimamente per la capa, e che invece sarebbero il minimo sindacale richiesto in ogni paese normale e civile.
“Quo usque tandem abutere (=abuteris), Riccardi (Poggiana), patientia nostra?”
Ed anche dei nostri soldini che amministrate con questi risultati.




A Trieste si lavora così.

» Inviato da valmaura il 2 September, 2020 alle 2:46 pm

Inaugurato a fine giugno, in ritardo, il nuovo sottopassaggio pedonale che porta alla Stazione ferroviaria, è già chiuso per “allagamento”.
Ora a parte che in città non c’è stata alcuna alluvione e le piogge la hanno quasi risparmiata, ma in un cantiere costato oltre 5 milioni di euro per rifare la viabilità di una piazza Libertà che andava benissimo com’era, che alla prima pioggia degna di questo nome si allaghi il nuovo manufatto per “guasto alle p
ompe” a quanto è dato di conoscere, mentre non si conosce il nome della ditta esecutrice dei lavori, né il suo costo, né il nome del tecnico che li avrebbe controllati, è sconsolante.
Sconsolante si, ma assolutamente in linea con la tradizione dei soldi pubblici, cioè nostri, buttati quanto invece negati ad altre e più cogenti priorità: l’emergenza povertà è la prima di una sterminata lista che ci viene in mente.
La casistica è lunga assai e pertanto ci terremo stretti nell’elenco: si va dai bidoni, di nome e di fatto, a scomparsa di piazza della Borsa (un milioncino di euri), al Tram elettrico di via Mazzini, al rifacimento del Teatro Rossetti (lì si veleggia sui 5 e passa milioni), al Ponte Curto, da cui il nome, al Tram di Opicina (abbiamo perso il conto dei milioni), alla fu Piscina Terapeutica, nata e crollata nel giro di dieci anni, alla ex Caserma di Roiano, abbattuta, meravigliosi alberi per primi, due anni orsono e trasformata in discarica di laterizi, per finire con un tocco di comicità, con il Vate corto, ovvero con il piastrellone posto in fretta e furia sotto la sfortunata statua.
Ma lasciamo ai lettori arricchire l’elenco.
Che a pagare, tanto non sono lorsignori ma i triestini. Che nella foto ieri l’altro “tagliavano il nastro” in Porto Vecchio, che Iddio ce la mandi buona.



Io voto Si.

» Inviato da valmaura il 1 September, 2020 alle 11:15 am

L'opinione di Maurizio Fogar.

E lo faccio proprio perché è stata questa politica, anche quella deludente dei “nuovi”, a spingermi il più delle volte a rinunciare, e con dolore, al mio diritto di voto.
E per le insopportabili menzogne che oggi i fautori del no, sponsorizzati dalla stragrande maggioranza di stampa e tivù, nazionali e locali, raccontano, a partire da quella che assegnerebbe all’Italia il peggior rapporto numerico tra eletti ed elettori, quando anche con il “taglio” resteremo il P
aese tra le democrazie esistenti con il più alto numero di parlamentari in rapporto alla popolazione.
Per l’amnesia collettiva che coglie la gran parte degli esponenti di quella che con assai fantasia oggi definiremmo “sinistra” quando rinnegano una battaglia che da decenni è stata proprio la Sinistra a proporre.
E se avevamo qualche residuale dubbio questo è stato spazzato via dall’editoriale di oggi pubblicato dal piccolo censore a firma di un personaggio dalla “caratura” di Franco Belci che cripticamente nella firma aggiunge ad una sconclusionata e falsa nei numeri pappardella l’elzeviro “Per questo (e per molto altro) voterò”. Certo chiedere proprio a lui di sviscerare quel “e per molto altro” è pretendere troppo e ce ne faremo una ragione ridendoci su di gusto. Ma che proprio lui titoli “Perché non bisogna cedere all’antipolitica” dopo che ha efficacemente concorso ad affossare la credibilità della politica, ci pare un ossimoro degno del sommo Umberto Eco.
Un bel SI liberatorio dunque.
Post Scriptum. Anche perchè questo è l'unico modo per costringere questo Parlamento a votare una nuova legge elettorale, che dia rappresentanza a tutti e che spazzi via questo sistema di "nominati" dalle segreterie e non scelti dagli elettori che l'attuale legge codifica.





« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10 • Pagina 11 • Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Pagina 204Pagina 205Pagina 206Pagina 207Pagina 208Pagina 209Pagina 210Pagina 211Pagina 212Pagina 213Pagina 214Pagina 215Pagina 216Pagina 217Pagina 218Pagina 219Pagina 220Pagina 221Pagina 222Pagina 223Pagina 224Pagina 225Pagina 226Pagina 227Pagina 228Pagina 229Pagina 230Pagina 231Pagina 232Pagina 233Pagina 234Pagina 235Pagina 236Pagina 237Pagina 238Pagina 239Pagina 240Pagina 241Pagina 242Pagina 243Pagina 244Pagina 245Pagina 246Pagina 247Pagina 248Pagina 249Pagina 250Pagina 251Pagina 252Pagina 253Pagina 254Pagina 255Pagina 256Pagina 257Pagina 258Pagina 259Pagina 260Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 29 October, 2020 - 11:34 pm - Visitatori Totali Nr.