Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Lazzaro è ri-risorto !
Oggi compare dopo anni di silenzi il “consulente del Comune e del podestà Dipiazza” tale prof. Barbieri, ricercatore universitario, dalle pluriconsulenze (Regione, Arpa, di cui è uno dei cinque direttori scientifici, e Comune, prima con Cosolini e poi..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

Trieste Mitteleuropea. Valmaura: le Ville Lumiere e il Jardin des Tuileries.
Ai nostri politici ed amministratori: un bel “liston” da queste parti, una volta tanto?Certo che di lavoro ne dovrà fare il neopresidente Ater Novacco.Qui ci vivono 1500 persone divisi in 435 appartamenti.E inciviltà a parte, come ricordava Primo..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 11

Fuori i NOMI ! Sempre e comunque.

» Inviato da valmaura il 25 August, 2019 alle 2:58 pm

Una informazione che si rispetti, almeno un po’, e gli organi di polizia che emettono provvedimenti contro pubblici esercizi e ristoranti, normali o “etnici”, per violazione delle norme igienico-sanitarie devono pubblicare i nomi dei locali sanzionati.
Per tutelare i cittadini-consumatori-clienti e per non gettare il discredito generalizzato su tutta la categoria, lasciando l’ombra del dubbio e del sospetto su chi invece lavora correttamente.
E stupisce anche che il sempre tanto loquace presidente della categoria, che certamente li conosce, stia zitto lasciando che il discredito colpisca così tutti i suoi associati. Dunque faccia lui sempre e tempestivamente i nomi dei locali coinvolti.
E non ci riferiamo alla ridicola sanzione per non aver esposto la placca adesiva con il divieto di fumare, che è una bazzecola, ma a coloro che non hanno rispettato le norme sulla corretta conservazione e tracciamento degli alimenti, specie se ittici, o sulle condizioni igieniche dei locali e dei magazzini.
Altrimenti questa non è informazione, non è utile ai cittadini, ma semmai serve a sparare nel mucchio per vendere qualche copia in più.



FERRIERA, peccato che non sia reale.

» Inviato da valmaura il 24 August, 2019 alle 2:21 pm

Oggi in una nota emessa dall’ufficio stampa di Siderurgica Triestina, che per altro non si occupa da tempo dell’area a caldo ceduta ad Acciaierie Arvedi ma solo della logistica portuale, curato da Rossana Bettini Illy si puntualizza i dati delle emissioni dell’anno 2018 rilevate da “ente terzo”.
Capiamo l’imbarazzo di nominarlo questo “ente terzo” che poi è l’Arpa FVG ai cui dati non crede da lungo tempo nessuno a Trieste.
Peccato che nella ricerca della verità puntualizzata dica cose non corrispondenti alla realtà.
Un esempio per tutti? Il nuovo filtro dell’impianto di Agglomerazione, costruito e messo in funzione, ancora in via sperimentale come recenti episodi di fuoriuscita di nubi rosse hanno dimostrato, a partire dal giugno 2019.
Come possa incidere sui dati rilevati un anno prima è un mistero: forse per telepatia?
Chiamiamo il Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri (NOE) di Udine a verificare la situazione, e poi ne riparliamo.

https://www.facebook.com/circolomiani/photos/a.1497907753813521/2532223607048592/?type=3&theater




Amianto allo Scalo Legnami. E l’Arpa?

» Inviato da valmaura il 23 August, 2019 alle 3:14 pm

Trieste con Monfalcone è tra le città d’Italia più colpite dal Mesotelioma pleurico, il terribile tumore causato dall’amianto.

Abbiamo già scritto più e più volte negli ultimi anni sulla presenza di amianto interrato allo Scalo Legnami.

Vuoi perché nel dopoguerra e fino agli anni Settanta lì venivano mandate a morire e smantellate vecchie navi, cariche di amianto a bordo, vuoi perché i tetti in Eternit delle tettoie dei capannoni quando venivano sostituiti erano semplicemente sepolti lì vicino.

Bene, anzi male, malissimo. Non molti anni fa l’intera area era stata sequestrata dalla magistratura perché trasformata in discarica di materiale edile, bitume ed amenità varie.

Risultato? I lavori per la costruzione della nuova e tanto decantata Piattaforma logistica portuale hanno subito un ritardo di un anno proprio per bonificare “l’amianto spuntato da sotto terra”. E non scherziamo.

La domanda dunque che sorge prepotentemente spontanea è: ma a cosa serve l’Arpa FVG e dov’era in tutti questi anni visto che in precedenza, e non vogliamo infierire, gli inquinamenti spaventosi dei terrapieni di Barcola, Porto San Rocco e Acquario (strada costiera Muggia), per non parlare delle grotte e cavità carsiche trasformate in discariche abusive, sono stati scoperti e denunciati da associazioni e privati cittadini, e mai dall’Arpa?  Che dipende dalla Regione FVG, assessorato all’ambiente.

Alla sanità regionale mancano soldi? Ecco, un’idea da dove recuperarli noi ce la avremmo.

Tutti a casa!





Arvedi e Trieste.

» Inviato da valmaura il 22 August, 2019 alle 1:16 pm

Rinfreschiamo la nostra memoria e soprattutto quella dei politici di ogni colore.
Per prendersi praticamente in omaggio la Ferriera il Cavalier Arvedi ha incassato, oltre che tutte le agevolazioni previste dall'inserimento dell'area Ferriera nel Decreto governativo (Renzi) Crisi Complesse, ed oltre all'apertura di un fido praticamente sulla parola di 100 milioni dalla BEI (Banca Europea Investimenti), più di una Cinquantina di milioni tra Regione e Stato. Un bel comperare, non c'è che dire.
Nei due accordi programmatici governativi (vi ricordate le foto con il cavaliere sorridente, e ne aveva ben donde, tra Renzi e Serracchiani, oltre a ministri e sottosegretari vari?) il primo senza il suo nome ma con un dito che lo indicava, il secondo ad personam, si imponeva una serie di obblighi per la nuova proprietà. Qui ci va di ricordare la spesa quantificata in dieci milioni di euro per la rimozione ed il conferimento in discarica per rifiuti “speciali”, alias tossici, delle centinaia di migliaia di tonnellate con le quali era stata interrata, abusivamente si intende, una parte del Vallone di Muggia in zona Scalo Legnami, formando quella che i lavoratori hanno battezzato “Punta Loppa” (scarto di lavorazione dell'Altoforno) e gli esterni “la collina della vergogna”, per un'area pari ad OTTO campi di calcio. Va precisato che il misfatto era avvenuto sotto le precedenti proprietà dello stabilimento e sotto gli occhi chiusi, che una talpa è un falco a confronto, di Capitaneria, Regione, Comune, Arpa e magistratura varia. Infatti l'azione legale ed il sequestro dell'area venne promossa dalle procure di Perugia e Grosseto che proprio non hanno la vista sul Golfo di Trieste, ed a eseguire il provvedimento, arresti compresi, furono i carabinieri del NOE di Udine.
Ma chi acquista, come chi eredita, si prende tutto: oneri ed onori.
Ora da tempo si parla di un interesse straniero (cinese?) ad acquistare anche la parte privata dell'area dove sorge la Ferriera, centenaria di nome e di fatto, visto che il 60% e passa è di proprietà demaniale (pubblica). Il vero mediatore in questa operazione che coinvolge il rilancio-raddoppio del Porto di Trieste è Zeno D'Agostino, il suo Presidente. Dunque i vari Fedriga-Scoccimarro e Dipiazza non c'entrano una mazza e non hanno merito o capacità alcuna nell'operazione.
Bene, se Arvedi intende vendere parte (Area a calco) o tutta (Laminatoio e Centrale) la Ferriera è affar suo.
AFFARE NOSTRO è invece che per il tempo (2-4 annetti) che ci vorrà prima che la eventuale compravendita vada in porto lo stabilimento smetta di inquinare, di danneggiare salute e qualità della vita di triestini e muggesani nel disinteresse di chi li governa, si fa per dire.
AFFARE NOSTRISSIMO è che i costi di bonifiche e smantellamenti della ferraglia NON siano a carico del denaro pubblico, sia esso dell'Autorità Portuale, dello Stato o di chi altro. Ma ad esclusivo onere del privato che compra e di quello che vende.
Se lo imprima bene nella testa il “mediatore” portuale.



FERRIERA. “E ho detto tutto!”

» Inviato da valmaura il 21 August, 2019 alle 2:33 pm

Peppino a Totò, i fratelli Capone.

Fermo restando che a breve pubblicheremo una scheda su quello che a nostro avviso non va nel ciclo produttivo e soprattutto sugli impianti dello stabilimento, fatto che da solo dovrebbe imporre un immediato intervento risolutore da parte di chi ha la responsabilità di controllo e rispetto delle norme a tutela della salute.
Oggi riprendiamo due frasi apparse sulla stampa e pronunciate dagli indefessi minatori, lavoratori “sottotraccia”, sempre sulla Ferriera. Rilette con attenzione lasciano a bocca aperta, non la loro che usano evidentemente per dare aria ai denti, ma la nostra per lo stupore infinito.
“Massimiliano Fedriga e l’assessore Fabio Scoccimarro neppure si spingono a tracciare il profilo di un percorso di riconversione su cui il responsabile dell’Ambiente chiarisce di non avere ancora certezze ma solo fondate speranze.”
E questi sarebbero il “Commissario straordinario per il sito inquinato della Ferriera” (Fedriga) e l’assessore regionale all’ambiente l’altro. Forse Toio Fior ha le idee più chiare.
Della serie “Chi vive sperando muore cagando”: Sergente Lorusso (Diego Abatantuomo), dal film “Mediterraneo”.
“Scoccimarro precisa che «se dovesse concretizzarsi la riconversione saranno necessari interventi di bonifica. Tali azioni dovranno essere eseguite dai privati oppure il sito dovrà essere acquisito da un ente pubblico, nello specifico l’Autorità (portuale), che potrebbe utilizzare fondi pubblici (cioè soldi dei cittadini, ovvero nostri) per la bonifica.
Ovviamente in questo caso la proprietà della Ferriera vorrà avere un riscontro economico dalla cessione. Chi fa impresa non fa beneficienza».”
Per altro beneficienza con i soldi nostri già copiosamente ricevuti.
No, la beneficienza la devono fare i triestini, mazziati e contenti. Incredibile!





« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10 • Pagina 11 • Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105Pagina 106Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Pagina 200Pagina 201Pagina 202Pagina 203Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 17 November, 2019 - 3:44 am - Visitatori Totali Nr.