Circolo Miani - News Correnti




Home | Notizie | Articoli | Notizie flash | Foto | Video | Collegamenti | Scarica | Sondaggi | Contattaci

'L'Eco della Serva'
Fatti e misfatti della settimana

Lazzaro è ri-risorto !
Oggi compare dopo anni di silenzi il “consulente del Comune e del podestà Dipiazza” tale prof. Barbieri, ricercatore universitario, dalle pluriconsulenze (Regione, Arpa, di cui è uno dei cinque direttori scientifici, e Comune, prima con Cosolini e poi..
(Leggi tutta la notizia)


Notizie Flash

La legge non è uguale per tutti. Proprio no !
Ed i politici sono i meno uguali di tutti, assieme ad (im)prenditori, finanzieri e "colletti bianchi". 1920 ore dietro alle sbarre per un panino. Febbraio 2011, un 70enne entra in un supermercato e infila un panino e..
(Leggi tutta la news)


Contenuti
*Circolo Miani
*Ferriera: le analisi della procura
*Questionario medico Ferriera

Dati Accesso
Accesso Richiesto

Nome:
Pass :

Memorizza Dati

RegistratiPassword Persa?




Circolo Miani » News Correnti » Page 106

NO FERRIERA!

» Inviato da valmaura il 7 November, 2016 alle 12:37 pm

“Il PD ha perso completamente ogni contatto con il territorio”: Francesco Russo, senatore PD a commento dell’ennesima sconfitta elettorale nell’Isontino.

Ma il giudizio si attaglia benissimo a tutte le forze politiche, anche attualmente le vincenti, nuove comprese.

Oramai partiti e movimenti sono ridotti ad una mera sommatoria di eletti, dove gli stessi hanno a cuore non più gli ideali, i valori da propagandare tra la gente con cui condividere programmi, proposte ed iniziative, ma esclusivamente la raccolta di consenso personale e voti di preferenza. Che si vincano o perdano le elezioni per loro conta poco, l’importante è essere eletti e conservare il posto.

Ieri all’assemblea promossa al Circolo Miani, si di una piovosa domenica mattina,  la gente c’era, politici ed istituzioni no.

Eppure il tema portante era il degrado delle nostre periferie dove vive la stragrande maggioranza dei triestini e che trova nella Settima Circoscrizione, che va da Aquilinia alle Torri d’Europa a Chiarbola, il primato in fatto di emergenze a Trieste. Circoscrizione dove vive quasi un quarto dei triestini e che dal 2001 ha sempre determinato l’esito di tutte le elezioni amministrative.

Orbene nessuno della Settima Circoscrizione ha ritenuto di presenziare oltre, naturalmente, ad Aurora Marconi, la consigliera eletta con la lista civica NO FERRIERA SI TRIESTE che ha raccolto poco meno del 5% dei voti.

Non c’erano i grillini, gli ansiosi portatori del “nuovo che avanza”, non c’era il Presidente leghista né tantomeno il Vice di Forza Italia, mancava il PD nel quale siede il responsabile “periferie” della nuova segreteria provinciale del partito.

Sindaco e Vice, non hanno ritenuto neppure di rispondere all’invito rivolto loro per iscritto una decina di giorni prima. Ma si sa l’educazione non è d’obbligo nelle “alte sfere”, salvo che durante la campagna elettorale. Così come non ha dato segno di vita, e risposta alcuna, il parlamentare Aris Prodani, pure invitato, il quarto, il senatore Russo, ha telefonato per dire che sarebbe arrivato in ritardo. Ovviamente mai pervenuto.

Ebbene le decisioni prese le sintetizziamo qui di seguito.

Sulla Ferriera si è preso atto della completa inefficacia della linea seguita dal Sindaco e dai suoi consiglieri, e non poteva che essere così vista l’assoluta non conoscenza dei problemi, così come dell’inutilità di una consulenza che si trova ad analizzare i dati forniti dall’Arpa, di cui pure a giorni alterni il Comune diffida. In una situazione che dopo i 100 + 50 giorni è esattamente quella di prima, e resterà così.

Sul degrado delle periferie e del territorio si è deciso di continuare a presentare le mozioni in Circoscrizione sulle emergenze triestine, sempre a cura di Aurora Marconi, come fatto finora.

Dalla copertura delle vasche del depuratore fognario, a cielo aperto che ammorbano con il lezzo della merda di 205.000 concittadini mezza Trieste (approvata all’unanimità il mese scorso ma mai pubblicizzata sulla stampa), alla bonifica ed al recupero dell’area del vecchio inceneritore alla diossina, lasciato dal 1999 completamente abbandonato a Monte San Pantaleone, a dieci metri dal Jolly pattinaggio.

A livello cittadino si è deciso, nell’assoluta latitanza ed ignoranza della politica, tutta, di assumere la guida di una nuova iniziativa sul territorio, capace di affrontare e risolvere le emergenze reali che i triestini si trovano ad affrontare (dalla Sanità, ospedaliera e territoriale, a pezzi; dalla povertà che unita al degrado in cui versano tutti i quartieri semiperiferici di Trieste, rende la nostra vita incivile; dall’emergenza casa a cui il vertice di una Ater infeudata dal PD ora, come dal centrodestra prima, non riesce minimamente a rispondere, e dove il recente caso del nuovo complesso di Coloncovez avrebbe dovuto portare alla immediata rimozione dell’attuale direttore e dei vertici tecnici dell’istituto con richiesta di risarcimento e rivalsa sui loro patrimoni personali. Da notare che nessun amministratore della Giunta Dipiazza ha ritenuto di farsi carico del problema anche solo visitando gli sfortunati inquilini di quel complesso).

Oltre che naturalmente alla immediata chiusura della produzione siderurgica in Ferriera.

A questa nuova politica, che avrà come prima tappa, è stato deciso ieri in assemblea, una prossima manifestazione in Consiglio comunale, possono partecipare, e sono stati invitati a farlo, a pieno titolo tutti i cittadini di qualunque orientamento politico.

PS: le mamme di Aquilinia cosi giustamente prodighe di preoccupazioni nei confronti di eventuali futuri rischi per la vicinanza di un gruppetto di immigrati hanno mai raccolto firme o sono intervenute nelle tante manifestazioni promosse, con volantinaggio anche ad Aquilinia, per la tutela della salute, SICURAMENTE a rischio per i fumi e gas provenienti dalla Ferriera? (vedi foto 1 su Facebook Circolo Miani)




La buona, utile politica, anche in Circoscrizione.

» Inviato da valmaura il 1 November, 2016 alle 1:17 pm

LISTA CIVICA

NO FERRIERA-SI TRIESTE

VII Circoscrizione del Comune di Trieste

Servola-Chiarbola-Valmaura-Borgo San Sergio

Trieste, 31 ottobre 2016

Oggetto: Messa in sicurezza, bonifica e recupero area vecchio inceneritore di Monte San Pantaleone (Via di Giarizzole)

  MOZIONE

-        Visto che il vecchio inceneritore di Trieste, sito in via di Giarizzole – Monte S. Pantaleone, è stato chiuso in tutta fretta nel dicembre del 1999 dalla Provincia, presieduta da Renzo Codarin, per inquinamento diffuso di diossine (negato per anni, arrivando a denunciare i residenti costituitisi nel primo comitato di quartiere sorto a Trieste e poi sostenuto dal Circolo Miani) e che da allora è stato abbandonato a se stesso ed ai ratti;

 

-        Visto che tutta l’area in muratura, il piazzale e le aree verdi circostanti sono in totale degrado con strati di inquinanti di ogni sorta di gravità depositati in superficie e nel suolo e sottosuolo;

 

-        Visto che l’area confina con quella del Jolly Pattinaggio, dove centinaia di bambini ed adolescenti si recano giornalmente per attività sportive e ricreative, peraltro a poca distanza dalla Ferriera;

 

Tutto ciò premesso, si chiede che il Comune di Trieste, nell’ambito  del più volte annunciato piano di recupero delle periferie, ai fini della tutela della salute dei residenti, dia inizio ad un’azione di risanamento in uno dei quartieri più degradati di Trieste, inserendo tale intervento tra le priorità da attuare sul territorio della VII Circoscrizione e pertanto

IMPEGNA

Il Presidente della VII Circoscrizione ad attivarsi  presso l’assessorato competente affinché intervenga prontamente a tal fine.

Per la

LISTA CIVICA

NO FERRIERA-SI TRIESTE

Aurora Marconi

E i consiglieri comunali e gli assessori così impegnati con i brindisi a colpi di ballerine brasiliane sovrappeso? Muti e silenti, o forse a bocca piena?

NO FERRIERA SI TRIESTE si riunisce domenica 6 novembre alle ore 11 nella sede del Circolo Miani in via Valmaura 77 a Trieste.

Ovviamente e come sempre l’assemblea è aperta a tutti.

Abbiamo invitato stampa e Tivù anche se dubitiamo che si stracceranno le vesti per essere presenti.

Abbiamo rivolto un invito a presenziare pure al Sindaco di Trieste, al suo Vice, ed ai parlamentari Russo e Prodani. Se poi anche qualcuno della Settima Circoscrizione vorrà partecipare, visto l’importante ruolo fin qui svolto dalla nostra consigliera Aurora Marconi, tanto meglio.




Dove eravamo rimasti?

» Inviato da valmaura il 26 October, 2016 alle 1:33 pm

E’ la frase con cui Enzo Tortora riaprì la trasmissione in Rai dopo il suo ritorno in televisione alla fine di quell’ignominiosa vicenda giudiziaria che lo portò prima ammanettato ad uso TG in carcere, poi nei tribunali, a dimettersi da parlamentare europeo per rigettare l’immunità, e poi a morire di tumore.

NO FERRIERA SI TRIESTE si riunisce domenica 6 novembre alle ore 11 nella sede del Circolo Miani in via Valmaura 77 a Trieste.

Ovviamente e come sempre l’assemblea è aperta a tutti.

Abbiamo invitato stampa e Tivù anche se dubitiamo che si stracceranno le vesti per essere presenti.

Abbiamo rivolto un invito a presenziare pure al Sindaco di Trieste, al suo Vice, ed ai parlamentari Russo e Prodani. Se poi anche qualcuno della Settima Circoscrizione vorrà partecipare, visto l’importante ruolo fin qui svolto dalla nostra consigliera Aurora Marconi, tanto meglio.

Se parleremo di Ferriera? Inevitabile anche perché a forza di “cento giorni” Arvedi può, lui, dormire sonni tranquillissimi.

Ma parleremo anche di tante altre cose (dal depuratore fognario a cielo aperto: anche il nuovo! Al vecchio inceneritore: una bomba alla diossina ed altre nefandezze lasciato da anni marcire a cielo aperto a Monte San Pantaleone. A tutte le aree verdi e non, pubbliche e private, inquinate e ignorate, tra le altre cosette) ma soprattutto parleremo delle “periferie degradate”: il leitmotiv della politica (da Renzi a scendere o salire tutti se ne riempiono la bocca sia che parlino di terrorismo che delle sberle elettorali incassate) dove appunto tutti ne parlano e nessuno muove dito, anche perché non saprebbero da dove iniziare visto che da decenni i partiti sul territorio si fanno vedere solo per mettere i santini elettorali nelle cassette ad ogni elezione. Anzi ci correggiamo: pagano agenzie di pubblicità perché lo facciano.

Curiosi, e magari delusi ed un po’ incazzati?

Una ragione in più per partecipare il 6 novembre al Circolo Miani.

Ah la foto, che trovate sulle pagine Facebook, aperte a tutti, è di ieri mattina, evidentemente nessuno ha ricordato all’Altoforno che sono passati già 136 giorni.




No Ater, così non va proprio.

» Inviato da valmaura il 22 October, 2016 alle 12:52 pm

A leggere la cronaca del Piccolo sul complesso Ater di nuova assegnazione, la prima e fondamentale domanda da porsi è dov’erano i vertici di questo istituto, ricordiamolo pubblico ed i cui lauti stipendi dal denaro dei cittadini vengono pagati, quando la ditta che aveva vinto l’appalto eseguiva i lavori.

Ovvero quali controlli, e da chi nell’Ater, venivano fatti prima, durante e dopo l’esecuzione dei lavori stessi.

Anche sull’impiego dei materiali usati per la ricostruzione degli alloggi i controlli, che il direttore ed unico dirigente dell’Ater triestina, il commercialista di Cordenons dirigente del PD, asserisce siano stati eseguiti, appaiono clamorosamente smentiti dai fatti.

Per il resto da parte sua solo stupore e sorpresa. Ecco le ultime cose che il massimo responsabile di un ente può permettersi di esternare perché confessano la sua totale inadeguatezza a dirigere l’ente stesso.

Ed essendo tale nomina frutto della politica regionale (di centrosinistra in questo caso come nel passato dalle maggioranze che governavano la Regione) il discredito cade automaticamente su chi lo ha nominato e lo paga con i soldi dei cittadini (l’assessore regionale Santoro e la Giunta Serracchiani).

Questa Ater deve essere chiamata a rispondere, ma non genericamente bensì nella persona dei suoi dirigenti, in solido con i loro beni personali, per i danni subiti, materiali e biologici, dagli inquilini, e nei confronti della Regione e dello Stato che così male hanno visto impiegare il denaro pubblico stanziato.

In qualunque altra realtà, anche il Burkina Faso fa testo, i, anzi il vertice dell’Ater, sarebbe stato sospeso dall’incarico in un bitz, e deferito alla Corte dei Conti FVG, ed alla Procura, per gli adempimenti del caso.

Siamo quasi certi che ciò non accadrà, nonostante le indifendibili quanto stupefacenti dichiarazioni rilasciate alla stampa dal direttore Ius, e come al solito finirà per pagare il solito Pantalone, ovvero noi.




NO, mister Obama, No mister President.

» Inviato da valmaura il 19 October, 2016 alle 12:53 pm

Per i due mandati è stato tutto sommato un buon presidente per gli Stati Uniti. Buono soprattutto per le battaglie interne, per le iniziative nel Welfare e nella sanità pubblica, per aver gestito senza infamia e senza particolari lodi una delle crisi finanziarie più devastanti che il mondo ricordi.

Meno buono, molto meno, per le incertezze nella politica estera, per i compromessi al ribasso che hanno permesso all’Isis di arrivare tragicamente dove è arrivata, pur di preservare comunque gli interessi finanziari dei colossi del petrolio quanto peggiori calpestatori dei diritti umani.

Ma questa chiusa con lo spottone per Matteo Renzi ed il suo referendum del Si poteva risparmiarsela come la figura non proprio rispettosa dell’autonoma scelta dei cittadini di un “importante alleato”. Tanto più che da alcune settimane ha alzato il livello di tensione con la Russia usando anche delle accuse da lui mosse a Putin di “intromettersi” nella campagna elettorale per le elezioni presidenziali negli Usa.

Due metri di misura dunque completamente diversi, e rischiosi per il prestigio degli States in Italia, soprattutto se vincerà, come i sondaggi finora confermano, il NO al Referendum.

Una leggerezza imperdonabile che probabilmente la presidenza Clinton non avrebbe mai commesso. Goodbye mister Obama.





« PrecedentePagina 1Pagina 2Pagina 3Pagina 4Pagina 5Pagina 6Pagina 7Pagina 8Pagina 9Pagina 10Pagina 11Pagina 12Pagina 13Pagina 14Pagina 15Pagina 16Pagina 17Pagina 18Pagina 19Pagina 20Pagina 21Pagina 22Pagina 23Pagina 24Pagina 25Pagina 26Pagina 27Pagina 28Pagina 29Pagina 30Pagina 31Pagina 32Pagina 33Pagina 34Pagina 35Pagina 36Pagina 37Pagina 38Pagina 39Pagina 40Pagina 41Pagina 42Pagina 43Pagina 44Pagina 45Pagina 46Pagina 47Pagina 48Pagina 49Pagina 50Pagina 51Pagina 52Pagina 53Pagina 54Pagina 55Pagina 56Pagina 57Pagina 58Pagina 59Pagina 60Pagina 61Pagina 62Pagina 63Pagina 64Pagina 65Pagina 66Pagina 67Pagina 68Pagina 69Pagina 70Pagina 71Pagina 72Pagina 73Pagina 74Pagina 75Pagina 76Pagina 77Pagina 78Pagina 79Pagina 80Pagina 81Pagina 82Pagina 83Pagina 84Pagina 85Pagina 86Pagina 87Pagina 88Pagina 89Pagina 90Pagina 91Pagina 92Pagina 93Pagina 94Pagina 95Pagina 96Pagina 97Pagina 98Pagina 99Pagina 100Pagina 101Pagina 102Pagina 103Pagina 104Pagina 105 • Pagina 106 • Pagina 107Pagina 108Pagina 109Pagina 110Pagina 111Pagina 112Pagina 113Pagina 114Pagina 115Pagina 116Pagina 117Pagina 118Pagina 119Pagina 120Pagina 121Pagina 122Pagina 123Pagina 124Pagina 125Pagina 126Pagina 127Pagina 128Pagina 129Pagina 130Pagina 131Pagina 132Pagina 133Pagina 134Pagina 135Pagina 136Pagina 137Pagina 138Pagina 139Pagina 140Pagina 141Pagina 142Pagina 143Pagina 144Pagina 145Pagina 146Pagina 147Pagina 148Pagina 149Pagina 150Pagina 151Pagina 152Pagina 153Pagina 154Pagina 155Pagina 156Pagina 157Pagina 158Pagina 159Pagina 160Pagina 161Pagina 162Pagina 163Pagina 164Pagina 165Pagina 166Pagina 167Pagina 168Pagina 169Pagina 170Pagina 171Pagina 172Pagina 173Pagina 174Pagina 175Pagina 176Pagina 177Pagina 178Pagina 179Pagina 180Pagina 181Pagina 182Pagina 183Pagina 184Pagina 185Pagina 186Pagina 187Pagina 188Pagina 189Pagina 190Pagina 191Pagina 192Pagina 193Pagina 194Pagina 195Pagina 196Pagina 197Pagina 198Pagina 199Prossima »


MeteoSat
Previsioni Oggi Previsioni Domani Previsioni DopoDomani
Copyright © 2005 by Circolo Miani.
Powered by: Kreativamente.3go.it - 16 October, 2019 - 4:35 pm - Visitatori Totali Nr.